SIGNORINELLA

ATTO QUINTO

 

Negli occhi tuoi passavano

una speranza, un sogno e una carezza,

avevi un nome che non si dimentica,

un nome lungo e breve: Giovinezza.”

 

Occhi,

specchio del Nulla contingente ed eterno,

Giacono e Friedrich,

Arturo e Jean Paul,

gemme da vetrinetta in radica nel salotto di mia madre,

uomo senza speme,

maschio senza sogno,

corpo senza pelle,

oblio del nirvana,

atarassia dello stoico coglione,

nome senza parola,

Iuventus club,

foot ball della dimanche et semper,

amen e amin.

 

Salvatore Vallone

 

Il Giardino degli Aranci, Harah Lagin, 31, 01, 2024

SIGNORINELLA

ATTO QUARTO



Bei tempi di baldoria,

dolce felicità fatta di niente,

brindisi coi bicchieri colmi d’acqua

al nostro amore povero e innocente.”



Eravamo poco baldi

per far la giusta baldoria,

eravamo sciocchi e incontinenti.

I padri ci avevano castrato,

le madri ci avevan troppo amato,

le nonne lavavano i piatti dopo il parco pranzo:

ditalini rigati con la salsa e patate fritte una per una.

Felicità è assenza di affanno,

è presenza di un demone

che non turba le note vitali del nostro concerto.

Amami

per quello che è consentito dal codice Rocco:

un tutto che si ricongiunge con il suo nulla,

un maschio che cerca la sua morbida mela in Svizzera,

una femmina che cerca il suo melograno sulle pendici dell’Etna,

un androgino occultato nell’occulto dei giardinetti pubblici.

Brindiam,

su brindiamo, brindiamo, brindiamo!

Oggi è tempo di pace e di solidarietà.

Quanta acqua è passata fortunatamente sotto i ponti dell’eroico Piave!





Il Giardino degli aranci, 28, gennaio, 2024



Salvatore Vallone



SIGNORINELLA

ATTO TERZO



Amore mio, non ti ricordi

che nel dirmi addio

mi mettesti all’occhiello una pansè,

poi mi dicesti con la voce tremula:

non ti scordar di me.”



Addio, addio, addio.

A dio, a dio, a dio.

Addio alle armi,

addio al mondo crudele,

mio dio,

devo partire,

all’uopo ho pulito il mio viso di pagliaccio

e ho reso il mio cuore di ghiaccio

per scordarmi di chi mi ha tradito

mettendomi in culo la pansè del pensiero,

tenendosi l’occhiello per sé

e per chi verrà a visitare i vivi e i morti,

quella cattolicità di katà oikeo,

tutti quelli che abitano in basso,

negli scantinati di Melzo

e nelle maleodoranti cantine di Ponte di Piave,

tanto meno a Tovena,

(TV),

dove i soliti furbetti dei canali del defunto

ti danno una vecia par una dovena,

una olgettina processata

per una girl baby navigata sulla costa

e stagionata al caciocavallo.

Cosa vuoi,

questo è il prezzo della gloria,

la Gloria di Valdobbiadene.

E io dovrei ricordare

colei che solo a me par donna

insieme a centomila nello stadio di san Siro

tra la nebbia al coltello e le zeppole col vin santo.

Mai più, mai più.



Salvatore Vallone



Harah Lagin, 10, 11, 2023

SIGNORINELLA

ATTO PRIMO

Signorinella pallida,

dolce dirimpettaia del quinto piano,

non v’è una notte ch’io non sogni Napoli

e son vent’anni che ne sto lontano.”

Perché sei sempre pallida,

o signorinella

che ti specchi nelle lastre di vetro della tua finestra

in via delle Maestranze al numero settantasette,

sognando di essere una gran dama del Settecento

con tanto di parrucca e altrettanto di cipria,

con il menestrello sotto il tuo balcone di pietra di Noto

segnata dal metodo barocco?

Forse il sangue mestruale è in eccesso

e ti lascia smunta e anemica?

Forse è la pena d’amore

che affatica il tuo viso bianco perla

e le tue membra bianche esauste?

La tubercolosi impera

in questa Sicilia onesta degli anni cinquanta.

Forse ti consuma la tisi

e i tuoi polmoni sono già sfibrati?

Napoli è lontana da vent’anni

e io non posso portarti dal dottore più bravo di Forcella.

per darti lustro ed energia,

per metterti a nuovo

come un gioiello antico nelle mani di un bravo orefice.

Salvatore Vallone pose in Karancino, il dì 12 del mese di Marzo e dell’anno 2023