WOW

Diceva wow,

ma wow non era una parola,

era un verso d’animale.

Non credo lo immaginasse,

lo stridore era solo dentro di me,

un gesso sulla lavagna,

la nausea che si fa strada nel lindore dell’infanzia.

Nel frattempo, ho perduto l’innocenza,

non quella racchiusa nella stretta delle cosce,

no.

Ho solo avuto un paio d’occhi estranei in prestito

e questa è la vita.

Occhi in prestito.

Ed è ancora Natale, pensa.

Pensa con gli occhi veri, i tuoi.



Sabina



Trento 24, 12, 2023

DALL’INNOCENZA AL TRAUMA

TRAMA DEL SOGNO – CONTENUTO MANIFESTO

“Al di là di quello che pareva l’orto della casa dei miei genitori, si apre una grande distesa di acqua cristallina dalle sfumature acquamarina.

L’acqua sale e io sono in cima a un sasso che guardo l’acqua limpida arrivare ai mie piedi.

Al di là, giusto al confine di quello che era l’orto dei miei genitori e questa distesa d’acqua, sento un miagolio.

Un animale ha azzannato un gatto. Si tratta forse di un cane… e io mi sveglio urlando con un senso di tenerezza dispiacere e anche un po’ di disperazione per quel mio micio che forse ha perso la vita…”

Ecco il mio sogno!

Agata

DECODIFICAZIONE E CONTENUTO LATENTE

Al di là di quello che pareva l’orto della casa dei miei genitori, si apre una grande distesa di acqua cristallina dalle sfumature acquamarina.”

Agata esordisce con i suoi forti bisogni di autonomia psichica e di emancipazione dalle dipendenze affettive. Rievoca la vita all’interno della sua famiglia, in particolare l’ambito relazionale e la socializzazione, e offre le figure di genitori aperti che non l’hanno bloccata e rinchiusa in carcere. Non solo, ma questi genitori hanno favorito lo sguardo “al di là” della loro convivenza proprio perché Agata “apre davanti a sé una grande distesa di acqua cristallina con sfumature acquamarina”.

Cosa significherà questo insieme di parole in versione apparentemente estetica e retorica?

Agata in sogno si sta dicendo che fuori dalla famiglia le sembrava, “pareva”, di aver trovato la sua identità di donna e il suo universo femminile, una crescita ben gradita e vissuta senza alcun senso di colpa. Agata non aveva maturato conflitti e contrasti nel suo essere donna e nel suo evolversi al femminile. Tutto questo era stato consentito dall’autonomia che le era stata insegnata e che aveva acquisito in ambito familiare. In sogno Agata rielabora la scoperta della sua femminilità, il tempo in cui si viveva bene ed era contenta della sua prosperità.

La simbologia vuole che “l’orto” rappresenti l’affettività familiare e che “l’acqua” si traduca nell’universo psicofisico femminile, che “al di là” è una tensione a crescere con le gioie e le paure connesse, che “pareva” ha il sapore della nostalgia e dell’illusione, un “phainomen”, un fenomeno, qualcosa che appare e che suppone dietro di sé un’essenza o una sostanza da cui proviene, almeno secondo il pensiero filosofico. Secondo la Psicoanalisi fenomenologica “pareva” è la verità del vissuto e a quella ci si attiene senza la necessità di ricercare e di approfondire almeno per quel momento in cui emerge. Ricordo che questo “pareva” è un punto cardine nell’interpretazione del sogno di Agata perché allude a una illusione, richiama il dolore di un vissuto che da bello traligna in brutto, da buono in cattivo, da positivo in negativo. In effetti si tratta di un vissuto e basta, formativo e da ascrivere all’evoluzione della “organizzazione psichica reattiva” di Agata.

Procedendo si chiarisce il quadro psicodinamico.

L’acqua sale e io sono in cima a un sasso che guardo l’acqua limpida arrivare ai mie piedi.”

In questa formazione psicofisica del suo essere femminile Agata rimette l’accento sull’autonomia dalla famiglia e sulla personale formazione attraverso i vari vissuti evolutivi: “l’acqua sale”, “divento donna”, “il mio corpo matura in grazie all’ormonella”. Agata inizia mettendo in atto, da brava adolescente che ha tutto da vivere e da imparare, la giusta difesa della “sublimazione della libido” e lo dice simbolicamente con “io sono in cima a un sasso”. Questo processo difensivo dall’erotismo e dalla sessualità non è spropositato o eccessivo. Si tratta di una normale difesa di fronte alle novità psicofisiche dell’adolescenza e delle variazioni ormonali e soprattutto corporee, seno e glutei Agata prende sempre più consapevolezza di essere stata una bambina e di essersi evoluta in una ragazza e il tutto per arrivare alla coscienza di essere una donna: “guardo” la mia femmina e la mia femminilità con il giusto senso del potere e senza sensi di colpa. Agata matura il potere che le viene dall’ambito sociale per la sua dimensione femminile e si piace e si compiace senza cadere nell’isolamento narcisistico. I “piedi” sono simboli fallici a riprova del senso del potere che Agata elabora e assorbe durante la crescita senza incamerare traumi e angosce inutili. Ritorno a dire che in tutto questo prospero processo Agata è stata aiutata e favorita dall’ambiente familiare, ma non dimentichiamo il “pareva” e “l’al di là”. Ripeto: Agata è cresciuta e ha una buona consapevolezza del suo corpo e della sua psicologia femminile, nonché del potere culturalmente donato dall’universo maschile in maniera ambigua e interessata alle donne, uno scettro a metà tra sesso ed estetica. Agata è una bella ragazza che si piace e che piace e questo lei lo sa.

Al di là, giusto al confine di quello che era l’orto dei miei genitori e questa distesa d’acqua, sento un miagolio.”

La scena onirica ripiega su se stessa e ritorna alla scena iniziale precisando che tra l’ambito familiare e l’autonomia psicofisica conquistata si colloca la sua femminilità: “sento un miagolio”. Agata rievoca in sogno il momento in cui ha avuto la prima avvisaglia del suo essere femmina. Il “miagolio” tratta simbolicamente dell’universo femminile. Dopo un’introduzione lineare e proficua dell’evoluzione psicofisica di Agata, il sogno introduce un particolare vissuto che è insito nel “miagolio”. Appena Agata si è staccata senza traumi e senza colpe dall’economia psichica della famiglia, succede un qualcosa che turba l’equilibrio e l’armonia psicofisica; il tutto sempre in riguardo alla sua evoluzione femminile.

Un animale ha azzannato un gatto. Si tratta forse di un cane… e io mi sveglio urlando con un senso di tenerezza dispiacere e anche un po’ di disperazione per quel mio micio che forse ha perso la vita…”

C’è stato un trauma e non di poco conto: “un animale ha azzannato un gatto”. Agata è stata vittima di una violenza sessuale da parte di un individuo che ha scaricato sulla giovane donna la sua perversione arrecandole un danno significativo. L’azzannare simbolicamente equivale a una perdita violenta della verginità, a una deflorazione abusata e a una rottura traumatica dell’imene. Agata ha descritto nella prima parte del sogno la sua evoluzione psicofisica al femminile con il senso del potere annesso, per poi tornare indietro e rievocare il suo trauma di perdita della verginità in maniera violenta. “Quel mio micio che forse ha perso la vita” offre la dimensione dell’evento traumatico e significa “sono stata segnata da questa esperienza per tutta la vita e gli effetti negativi me li porterò dietro nel tempo”.

La dialettica psichica tra i sentimenti della “tenerezza dispiacere” e della “disperazione”, anche se “un po’, esprimono il travaglio che Agata ha dovuto vivere e il dolore che ha dovuto subire, tutto materiale psichico che ha dovuto sistemare nel tempo per continuare a vivere con quel rammarico, quel cruccio e quella rabbia che la “razionalizzazione” del trauma non assolverà in tutto e per tutto. Resta quel fondo naturale d’insoddisfazione che esige la sua ricompensa per tanto torto ingiustamente subito.

Quante donne hanno vissuto la morte del proprio gatto dopo averlo sentito inutilmente miagolare e quante donne volevano risolvere la loro verginità in una maniera degna e senza avere il senso della violenza e della svendita di un bene prezioso non soltanto a livello culturale, ma soprattutto a livello psichico. Tantissime e tutte adducono in primis una mancata educazione sessuale e una maggiore confidenza con i genitori, un affidamento anche didattico alle istituzioni preposte, una cultura misogina e pedofiliaca negli ambiti religiosi.

Nonostante i genitori siano “maieutici” nel far crescere i figli al meglio, poi subentra quel “mostro” che è dentro di noi e che circola in mezzo a noi a rovinare la festa con grave danno per l’avvenire psichico ed esistenziale. Attenti genitori che favorite giustamente l’emancipazione dei vostri figli a non destare un vissuto di freddezza affettiva e di assenza. Calibrate bene il vostro progetto educativo dispensando equamente il dovere e il piacere, il senso e il sentimento, la ragione e la riflessione.

Forse Agata aveva bisogno di un supporto psichico e affettivo che gli è stato tolto troppo presto. Forse Agata si è trovata nel posto sbagliato al momento giusto. Forse e forse, ma il succo del sogno dice che Agata non è una donna femminilmente felice.

Il sogno di Agata merita di essere ben ponderato da ognuno di noi trattando un tema attualissimo e antico come la violenza sulle donne, per cui si può chiudere degnamente con questo invito.

Grazie.