PIPPO & PEPPA & PEPPE & PIPPA & I PIPPI

Siediti,

voglio raccontarti una storia,

una storia fatta di tante simpatiche parole,

la storia di Pippo, Peppa, Peppe, Pippa e dei Pippi.

 

Lo sai

che Pippo non è puppo

e pappa le puppe a pera di Pippa

sulla poppa della nave Poppea,

mentre Peppa fa una pippa a Peppe

e Pippa fa un pippotto a Pippo e a Peppe

perché le puppe di Peppa servono per le pappe dei Pippi?

 

Cinque personaggi in cerca d’autore,

tu stai dicendo,

tu dirai,

ti conosco ormai,

mia bella mascherina,

tu l’hai detto

perché tu sai dire.

Hai detto,

dici

e dirai

che è tutto normale in questo nostro mondo adulto

che ha le sue radici nell’infanzia,

così puritano,

così impudico,

così sfarfallato,

così fasullone,

così svarionato come dice la grande Sofia,

un mondo da festival della canzone infiorata

e infiocchettata come un cesto di radicchi trevisani.

Hai detto,

dici

e dirai anche

che la follia non esiste,

che Dioniso è un dio vivo e vegeto,

molto vegeto,

quasi vegetativo come il nostro disumano sistema neuro,

un vero dio semiologico con le palle e con le tette,

con tanti segni chirurgici sul corpo imberbe di giovinetto efebo,

quasi come il marinaio Sebastiano

prima di essere eletto santo.

Hai detto,

dici

e dirai ancora

che la follia è stata inventata dai sacri inquisitori in illo tempore

e dalla Monarchia fascista e dall’aristocrazia nazista,

semper in illo tempore,

sed etiam cotidie dai filosofi imbroglioni del regime zarista,

dal signor Vladimiro faccia stagnata dai piedi di piombo,

dal nazisocialismo euroasiatico di Aleksandr Dugin,

scusate,

del Rasputin del Cremlino,

quello che trita e ritrita concetti altrui

al dolce sapore di prugna come il confetto Falqui

per far cagare il grande capo

fino a ridurlo a tutta cacca e a niente capo.

Hai detto,

dici

e dirai persistente

che la follia è servita ai grandi sacerdoti e ai grandi magnaccioni,

agli scienziati della chimica in odore di panfilo,

agli psichiatri in odore di viaggio premio su una Costa

senza il capitan codardo,

quello che uccidendo affondò nella merda

e con poco carcere nelle gonfie bisacce.

 

Cinque personaggi in cerca d’autore.

Cosa c’entra Luigi da Girgenti,

il professor Pirandello,

quello delle ceneri sparigliate e sparpagliate?

Cosa lo invochi a fare,

se io ti chiedo

se tu sai

che Pippo non è puppo

e pappa le puppe a pera di Pippa

sulla poppa della nave Poppea,

mentre Peppa fa una pippa a Peppe

e Pippa fa un pippotto a Pippo e a Peppe

perché le puppe di Peppa servono per le pappe dei Pippi?

 

Sono d’accordo.

Tu mi rispondi sfacciato

che sei d’accordo,

senza renderti conto

che è rischioso il fatto,

anzi il fattaccio di questa banda di Pippardi,

così come io te lo do,

senza prima aver contratto una polizza con la santa Alleanza,

la multinazionale all’incontrario di Robin Hood,

quella che toglie ai poveri per dare ai ricchi,

la benamata e pur cara sposa di Alessandro il russo

in quel 1815 foriero di merda reazionaria,

di Federico Guglielmo il crucco,

di Francesco il secondo crucco,

la Compagnia che sposa soltanto chi non vuole legami,

che tutto toglie e nulla dà.

Vade retro Satanasso e Belzebù!

Io amo Lucifero perché porta la Luce,

come santa Lucia,

la Luce del Sapere e degli occhi,

le uniche armi che sparano Bellezza,

che sprizzano Gioia,

che regalano Armonia,

io amo le donne in mini e maxi gonna,

nonché in pantaloni alla zuava,

e tutto il resto lo lascio ai posteri,

ai poveretti che vedranno il fiume giallo diventare marrone,

il fiume sacro già marrone,

il fiume Ciane essiccato dalle rane industriali,

una sorgiva mitologica e mitica

senza papere e senza papiri.

Ho fede nella Fede che verrà

senza la morte negli occhi della donna e dell’uomo

con mille e mille virtù,

con mille e mille qualità,

con mille uova e mille semi

senza intrallazzi e contaminazioni nel buon pane,

per chi è assuefatto ai pesticidi e ai disserbanti.

Sia verde il grande prato

che riceverà le spoglie dei credenti e dei miscredenti,

i loro pensieri e i loro atti.

Grazie Maria Elena per il tuo mancato brevetto,

per il dono d’amore verso gli ultimi degli ultimi

che sono e saranno i primi

dopo la morte degli apostati e dei dissennatori.

E noi,

io e te insieme a cento altri mentecatti,

continuiamo a dire in tanto bordello televisivo e stampato

che Pippo non è puppo

e pappa le puppe a pera di Pippa

sulla poppa della nave Poppea,

mentre Peppa fa una pippa a Peppe

e Pippa fa un pippotto a Pippo e a Peppe

perché le puppe di Peppa servono per le pappe dei Pippi.

 

Di questi tempi è immorale e illegale

che Pippo & Peppa & Pippa & Peppe & i Pippi,

anche se sulla poppa della nave Poppea

e con tutti i pippotti e le pappe di questo mondo,

si atteggino a protagonisti da cinque stelle

e a seguaci di Pantalone il supermaritato,

non è previsto nel progetto di legge Zan e Antizan

che la famigerata truppa dei Pippardi si esibisca

in questo circo pedestre di gente pentita

che chiede scusa

dopo avere ucciso l’angelo custode,

la Maria Maddalena e la santa di turno.

Di questo passo dove andremo a finire?

Non c’è più mondo

e non c’è più morale

da quando si è saputo in giro

che Madre Natura si è ribellata alle cicche sulla spiaggia,

alle uova della caretta caretta depositate sulla sabbia,

agli squali mutilati per l’orgoglio maschile,

alle sardine finite in scatola loromalgrado,

nonché alla retata degli sgombri sotto l’olio di un girasole.

Sono tutte situazioni di contrabbando,

meglio mangiare un pezzo di pizza

in un pozzo che puzza,

come faceva un pazzo

dopo aver chiesto il pizzo

a Pippo, a Peppa, a Peppe, a Pippa e ai Pippi.

 

Salvatore Vallone

 

Carancino di Belvedere 09, 02, 2022

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.