UN ALTRO MARE

TRAMA DEL SOGNO

“Ero in viaggio.

Prendo una camera. Nel posto ce ne sono tante con porte una dietro l’altra, porticine tipo cabine e, infatti, il posto dà sul mare.

Poso le mie cose. Nella stanza ci sono molte cose. Dà un’idea di vissuta, non quella di anonimato solita degli alberghi.

Faccio una passeggiata verso il mare in una striscia di terra. Ci sono onde molto lunghe anche se il tempo è bello.

Mi avvicino e mi faccio bagnare dagli spruzzi e penso, mentre lecco il sale: “bello farsi bagnare da un altro mare”.

Dopo essermi cosparso ben bene, penso: “ora faccio una foto e lo racconto”. Ma non ho il cell che ho lasciato in camera.

Penso: “vabbè, poi, quando torno, faccio la foto.”

Penso, però, che in realtà ho lasciato il cellulare, i documenti (strano perché ho la sindrome del “Fu Mattia Pascal” e non giro mai senza), i soldi.

Mi avvio verso la camera non preoccupato, ma faccio una bella corsetta: (sto in piedi, eh!).

Non trovo la camera. Allora dopo aver bussato a varie porticine, vado verso la reception per chiedere il numero di stanza.

Ci sono due signore e una mi dice: “Oui, oui, monsieur Margaritò (quindi sono in Francia), il numero è questo e mi avvio verso la stanza.”

Margarito

INTERPRETAZIONE DEL SOGNO

Ero in viaggio.”

Margarito sta vivendo. E’ un uomo che cerca e che spera di trovare, ma dentro di lui è in movimento e non si vuole acquietare. La vita è un “viaggio”. La metafora della vita è il “viaggio”. Il “viaggio” è l’allegoria del vivere. Mettila come vuoi, ma Margarito ha tanto viaggiato e ha tanto vissuto al di là della sua età anagrafica. Adesso sogna di essere nuovamente in corsa e in giro per il mondo, sempre dentro di lui s’intende. Margarito ha una buona confidenza con se stesso e può permettersi di viaggiare nella sua interiorità, nei meandri della sua psiche, nei recessi del suo “psicosoma”, negli anfratti della sua “persona”, maschera s’intende. E il sogno ne manifesta alcuni, i più tosti e delicati. Procedere urge e giova.

Prendo una camera. Nel posto ce ne sono tante con porte una dietro l’altra, porticine tipo cabine e, infatti, il posto dà sul mare.”

E, infatti, Margarito va alla ricerca delle “parti psichiche di sé” che vuole disbrigare in questo sogno. Intanto prende “una camera”, intanto si addentra in un luogo tutto suo che ancora non si palesa nella sua identità e nella sua qualità. La “camera”, ormai, si sa che nel linguaggio dei simboli rappresenta ed è una “parte psichica di sé”, una “parte” a cui accostarsi in maniera delicata e senza forzature, senza grimaldelli da ladro di periferia. Non si sa mai quale porta si apre e dove ci si imbatte, specialmente quando si va in hotel, in un luogo di tutti e necessariamente anonimo nella popolare visione, in un luogo così vario e così variamente vissuto da tanta gente e da tante dialettiche psico-esistenziali. Margarito ha tante camere dentro di lui, nel suo sito psichico, nella sua “organizzazione psichica reattiva”, nella sua “struttura evolutiva”, insomma, Margarito non è un uomo da poco e poco considerato “in primis” ai suoi stessi occhi, è un uomo complesso e complicato e specialmente dentro: “Nel posto ce ne sono tante con porte una dietro l’altra, porticine tipo cabine”. Si è capito che il sogno non appartiene a un pincopallo qualsiasi o a un Giobatta da Cefalù. Questo prodotto psichico è di un uomo che inizialmente si sta giustamente difendendo dietro l’anonimato e la genericità. Si sa che il sogno tratta di lui, ma questo lui non si appalesa nella sua evidenza sostanziale come un ente toccato dallo spirito santo, questo lui è in pieno qualunquistico anonimato. Di solito questa è la manovra difensiva degli introversi, coloro che hanno tanto vissuto dentro prima che fuori. Tutti abbiamo elaborato un patrimonio notevole di vissuti, ma le persone che propendono all’uso del meccanismo di difesa della “introversione” hanno accumulato tanti tesori presso i castelli medioevali sulla Loira, in Francia guardacaso. Le “porte”, le “porticine”, le “tipo cabine” sono il patrimonio psichico che Margarito sta investendo in questo sogno e trattasi di materiale, “fantasmi” e “vissuti” sotto forma di esperienze o di “erlebnis” alla tedesca, molto coperto perché intensamente pensato ed elaborato. Viene fuori una ricchezza interiore assoggettata a una gamma di difese che la rendono fascinosa per il portatore e gestore, Margarito per l’appunto, e per gli altri, quelle persone che aspirano a intrufolarsi in queste “stanze” e in questi abbozzi di “stanze”, di “parti psichiche” di Margarito.

Perché queste “porte”, “porticine” e queste “tipo cabine” sono fascinose?

Semplice, lo dice lo stesso interessato: “il posto dà sul mare”. Margarito sogna di affacciarsi sul “mare” con i piedi ben saldi sulla terra, sulle sue “stanze” e sui segreti pensieri che vengono dalla profondità psichica ed esulano verso la stessa profondità psichica in cui risiedono. Il “mare” rappresenta simbolicamente il “principio femminile”, la dimensione psichica inconscia, l’esistere e il vivere. Margarito si prospetta alla grande Madre, alla “rimozione” per fomentare un consistente Inconscio, all’essere gettato nel mondo con la sua individualità e la sua libertà, a operare i suoi investimenti di “libido”, a fare le sue scelte, a deliberare e a decidere.

Questo è “il posto sul mare” che Margarito ha tanto bramato, un altro “mare”, il suo “mare”.

Poso le mie cose. Nella stanza ci sono molte cose. Dà un’idea di vissuta, non quella di anonimato solita degli alberghi.”

“Poso le mie cose”: pondero bene i miei vissuti e li razionalizzo al meglio in questa situazione quasi magica in cui mi trovo, uno “status” psichico che soltanto il sogno può dare naturalmente. Margarito sa prendere e sa soprattutto lasciare. Dentro ha una ricchezza consistente e un patrimonio psichico fatto di “molte cose”. Ancora non si capisce bene di quale “stanza” si tratta, ma si è detto in precedenza che Margarito è un uomo coperto e difeso, strutturato e coriaceo che sa dispensarsi al momento giusto come un buon vino d’annata. Del resto, è assolutamente naturale mantenere nell’età matura, quando si ha “l’idea di vissuta”, le “stanze” in ordine, è importante per l’equilibrio psicofisico mettere ogni cosa al posto giusto e dare il posto giusto a ogni cosa. Margarito lo sa e lo ha fatto regolarmente perché non ha potuto concedersi il disordine mentale e l’agitazione nervosa. Ha dovuto organizzare e organizzarsi nel corso del cammin di sua vita e in tal modo ha potuto assaporare nel bene e nel male i frutti delle sue esperienze e i vissuti delle sue modalità cognitive ed emotive, i suoi pensieri e le sue azioni, le sue emozioni e i suoi affetti, i suoi investimenti di “libido” per dirla in gergo psicoanalitico. Ha vissuto e si è contraddistinto secondo le note caratteristiche che ha maturato seguendo il ritmo del coinvolgimento psicofisico che di volta in volta ha dettato in prima persona e secondo le sue valenze. Non si può di certo dire che Margarito è un uomo anonimo e convenzionale, un uomo per tutte le stagioni: tutt’altro! Margarito non ha niente di anonimo e di obsoleto nelle sue “stanze”. Anche il suo albergo ha una tonalità individuale che va dal distacco alla condivisione, dal silenzio al rumore, dall’isolamento al coinvolgimento. Il sogno dice che Margarito si sta ben difendendo con l’uso dei “processi primari” e che si sta aprendo progressivamente alla verità psichica concreta che vuole emergere: “adelante cum iudicio”. Nonostante queste benefiche cautele, Margarito non si esime dal descriversi nei tratti caratteristici della sua formazione evolutiva e dei suoi modi di essere e di esistere.

Faccio una passeggiata verso il mare in una striscia di terra. Ci sono onde molto lunghe anche se il tempo è bello.”

L’attrazione verso l’imponderabile e l’evanescente è irresistibile. Margarito è intenzionato con la sua coscienza “verso il mare” curando di tenere i piedi ben saldi sulla terra. All’uopo è buona anche “una striscia di terra”, un aggancio alla coscienza dell’Io, in una incursione verso il crepuscolo e l’obnubilato, il materiale psichico “rimosso” che non vede la luce della consapevolezza e che fa da sostegno al sistema psichico, alla “organizzazione psichica reattiva” di Margarito. Le sue introspezioni sono incursioni ben ponderate verso il “non vissuto” e il “non detto”, verso tutto quello che poteva nascere e che non ha visto la luce. Il senso della potenza è ben visibile in questo “fallo” di terra, questa “striscia” che s’insinua e s’incunea nell’elemento femminile rappresentato simbolicamente dal “mare”. In linea e in sintonia con il quadro sornione e attendista sono le “onde molto lunghe”, quasi un mare di scirocco, che contrastano con “il tempo bello” a conferma che i simboli parlano un loro linguaggio e non si riducono alla Logica consequenziale di Aristotele. Il mare di scirocco, con il suo moto ondoso di culla, favorisce il rilassamento e la distensione, l’abbandono dei sensi, la “reverie”. Il quadro psicofisico è in sintonia e in sincronia con lo stato d’animo di Margarito, un uomo che cerca e ricerca se stesso nel crepuscolo della sua coscienza e di fronte a “un altro mare”, in una nuova e diversa circostanza esistenziale ovviamente congrua con il momento psicofisico che il Tempo segna scorrendo inesorabile verso il bisogno d’ignoto e la speranza di quiete. “Il tempo è bello” quando è riservato all’abbandono psicosensoriale e alla ricerca di quel “se stesso” diverso e nuovo che non è mai andato al di là del “mare” in cui è nato e cresciuto. La “passeggiata”, il “mare”, la “striscia di terra”, le “onde lunghe”, il “tempo bello” sono gemme che incastonano il gioiello allegorico di un uomo che cerca la sua “atarassia”, la tranquillità del suo animo alla greca. Vediamo dove va a parare la tanta bellezza degli elementi in ballo.

Mi avvicino e mi faccio bagnare dagli spruzzi e penso, mentre lecco il sale: “bello farsi bagnare da un altro mare”.

Leccare il sale di un altro mare, di cui mi lascio “bagnare dagli spruzzi” e intanto “penso”: variando l’ordine delle parole il senso e il significato non cambiano. Margarito è un uomo che cerca una sua nuova dimensione psicofisica, una migliore e rinnovata “coscienza di sé”, proprio in questa allegoria sessuale della ricerca di “un altro mare” salato da leccare e in cui immergersi.

E’ proprio vero che Eros e Thanatos sono fratelli gemelli e marrani!

Il gusto del sale ricorda una canzone d’amore “anni sessanta” dell’ombroso Gino Paoli, un testo e una musica di una semplicità estrema e di un coinvolgimento pop che scende dai sensi per arrivare al cervello soltanto se è necessario. Per il resto è tutta un’emozione gustosa di calore sulla pelle e di sale sul palato. Margarito si smarrisce consapevolmente in questo “altro mare” e si abbandona al gusto di una sapienza che aspira a sublimarsi in saggezza, come in una fase di passaggio da un’età a un’altra, come in una “età” storica di Giambattista Vico, come in un’evoluzione psicofisica del collaudato duo Darwin-Freud. Il “sale” è un simbolo sacro, possiede un carisma e un valore. Quest’ultimo è culturale e ampiamente mercenario. Il “sale” sala e accresce la durata delle sensazioni, delle emozioni e delle certezze consapevolmente razionali, oltre che conservare il pesce e la carne sin dai tempi dei Romani, oltre che fare la fortuna dei primi veneziani della laguna. Il “sale” è come il “mare” un simbolo complesso e atavico, talmente antico che affonda le sue braccia negli albori del “pitecantropo” per la sua naturale gratuità e innata generosità. Il “sale” lo trovi bello e servito sugli anfratti delle scogliere in riva al mare, esige le giuste dosi per essere prezioso al corpo e alla mente, alle ghiandole endocrine e all’eccitazione logica e consequenziale delle libere associazioni e del discorso dialettico. Il “sale” di un “altro mare” è simbolicamente sempre lo stesso, anche se in natura è più o meno saturo e più meno salato. Margarito è eroticamente preso dalla ricerca di una nuova dimensione della sua consapevolezza e non sa fare a meno della parte gustosa ed eccitante della sua unità psicosomatica, del suo bisogno del Femminile, della sua propensione al crepuscolo della coscienza e dei frutti creativi della Fantasia. Ribadisco la coalizione cospiratoria di Eros e Thanatos in questo capoverso fortemente allegorico nell’interazione delle sue dinamiche simboliche. Aggiungo che il richiamo alla modalità cenestetica di scrivere del grande Giuseppe Tomasi, duca di Palma e principe di Lampedusa, nel suo “Gattopardo”: sensualità e sensorialità nelle parole e nelle loro combinazioni tramite l’uso di figure retoriche altamente cariche di sensi e di significati. Leggete il libro per confermare, più che per credere, anche perché ancora l’effetto contaminazione dei sensi e delle parole non è finito.

Dopo essermi cosparso ben bene, penso: “ora faccio una foto e lo racconto”. Ma non ho il cell che ho lasciato in camera.”

Margarito si è “cosparso” di acqua salata, del “sale di un altro mare”, si è cosparso “ben bene” e in questa operazione auto-erotica di qualità sensoriale sente il bisogno di tradurre in parole e in immagini il film che sta vivendo già in sogno. Al normale processo onirico Margarito aggiunge il processo grafico e fotografico. Entrambe le modalità descrittive sono funzionali all’appagamento narcisistico ed esibizionistico, compiacciono la “posizione psichica narcisistica” del protagonista, quella tutta incentrata sull’auto-compiacimento e sull’auto-gratificazione, sulla propria persona e sul gusto della stessa con l’aggiunta del dovuto retrogusto, come nelle migliori degustazione di whisky scozzese in quel di Castelfranco veneto durante le notti nebbiose. Margarito è in debito di offerte di sé ed è in credito di mancate offerte di sé. Si profila un tumulto psicofisico in questa dialettica narcisistica di Margarito con se stesso e con gli altri nel dire e far vedere quel se stesso con il gusto del sale addosso, quel se stesso brillante e saporito come un salmone affumicato norvegese. E’ questo il problema di Margarito, l’offerta di sé al migliore offerente e nelle condizioni prospere di parola e immagine. La rappresentazione “di sé” si associa alla narrazione “di sé” ed entrambe si squadernano verso un prossimo che attende l’epifania del sacro oggetto e del carismatico evangelo. Margarito aspira a raccontarsi e a farsi vedere nelle condizioni migliori del suo essere e del suo esistere lontano dal suo “mare” e in un altro “mare”. E’ presente una vena di fuga e di ritrovamento, fuga dal suo ambiente e da se stesso, ritrovamento di nuovi modi e di nuove forme, sempre di sé, della sua persona che aspira a manifestazioni congrue e congeniali, quasi desiderate con devozione e auspicate a mani giunte. Ma tutto questo processo evangelico ed epifanico è vanificato dalla negligenza, “non ho il cellulare che ho lasciato in camera”. Margarito ha dimenticato dentro se stesso, per la precisione in una “camera” della sua casa psichica, il prezioso strumento di comunicazione che avrebbe permesso l’appagamento di un desiderio e di un bisogno, quello che consentiva il passaggio dal “narcisismo” alla “genitalità”, dall’autocompiacimento gratificante alla condivisione di “parti psichiche di sé” che non trovano la strada giusta per esprimersi in mezzo alla gente. Si precisa sempre meglio la psico-dialettica di Margarito: passare da se stesso agli altri con tutto il carico di “sale” e di sapori “di sé” che si porta addosso e dietro. Per questo progetto è opportuno “un altro mare”, una diversa dimensione della “coscienza di sé” e opportunamente legata a una diversa esibizione di sé: epifania psicofisica. Lo strumento fallico del “cellulare”, che consentiva tale manifestazione, è stato “rimosso”, è stato lasciato dentro di sé, si è inceppato in prigione, si è rotto nei suoi ingranaggi, per cui a Margarito non resta altro che l’appagamento narcisistico e viene a mancare la condivisione, la “genitalità” del dare e del comunicare semplicemente perché ciò che sente “dentro” non riesce a tradurre “fuori”. Questo è lo psicodramma di Margarito: la distonia tra l’interiorità e l’esteriorità, la mancata collusione tra quel che c’è “dentro” e quel che si tira “fuori”.

Penso: “vabbè, poi, quando torno, faccio la foto.”

La “compensazione” val bene una Messa!

Come re Enrico di Borbone in piena guerra di religione nella Francia del sedicesimo secolo.

Margarito usa questo processo di difesa dall’angoscia, la “compensazione” per la precisione, con disinvoltura e perizia. Oltretutto alla fine del sogno si scoprirà che si trova in Francia. Non si perde d’animo semplicemente perché nella sua vita ha imparato a “far di necessità virtù”, seguendo la sapienza antica e assecondando le emergenze moderne. Margarito sa molto bene che non serve opporsi alle forze del destino e tanto meno alla forza dei fatti, per cui la “compensazione” cade a fagiolo nel suo piatto quotidiano di lenticchie. “Nondum matura est”, disse la volpe a se stessa guardando l’appetito e l’inarrivabile grappolo d’uva ancora appeso al suo tralcio. Volgarmente si tratta del meccanismo principe di difesa della “razionalizzazione”, quello che non traligna nel delirio paranoico e che si ferma alla constatazione intelligente dei fatti e della realtà in atto. Così, in un batter d’occhio, l’angoscia che bussava alla porta si risolve in un accorato appello a non lasciarsi prendere dal panico e a ragionare su qualsiasi evento per ricondurlo alle sue coordinate logiche e concettuali. Questo è quanto si può tirare fuori da un semplice e sintetico “vabbè”, nonché fatalistico e di siculo-araba estrazione culturale. Margarito esterna un “amor fati” più nietzschiano di quello di Nietzsche, anzi e meglio, più greco di quello di Zenone. La teoria filosofica dello “eterno ritorno” degli Stoici si riverbera nel suo piccolo nel “quando torno” del semplice Margarito, un uomo che ripete, senza averne coscienza, tragitti psichici già effettuati e già vissuti, il “dejà vu” e il “dejà vecu”, percorsi universali che corrispondono alle modalità dell’Uomo di porsi di fronte alle proprie evenienze contingenti senza avere la consapevolezza che si tratta di posizioni universali di affrontare l’angoscia del vuoto e della perdita. “Quando torno” si traduce in “quando riattraverso”, così come “faccio la foto” si traduce papale papale in “prendo coscienza” in maniera diretta e traslata, razionalizzo secondo immagini, decodifico i simboli. Margarito si dispone alla presa di coscienza che ha posposto in precedenza dimenticando il cellulare in camera. La disposizione psichica di Margarito è buona e tende a disoccultare il materiale psichico rimosso nel mare profondo, a far emergere le sue angosce in riguardo ad eventi drammatici e traumatici. La “razionalizzazione” è da rimandare nel suo quotidiano esercizio. Meglio: Margarito ricorre quotidianamente alla “razionalizzazione”, a farsi una ragione del suo “mare” e del suo nuotare in un “altro mare”, ma il “sale” carismatico della verità non è mai abbastanza da spalmare sul suo corpo.

Penso, però, che in realtà ho lasciato il cellulare, i documenti (strano perché ho la sindrome del “Fu Mattia Pascal” e non giro mai senza), i soldi.”

Il “vabbè” non va più tanto bene al nostro eroe protagonista. Il processo psichico di difesa dall’angoscia della “compensazione” non funziona come nei tempi migliori, quelli che furono come fu il nostro, immancabilmente siculo, Mattia Pascal e nonostante il nome decisamente francese o francesizzante e la sua residenza ligure. Anche la “razionalizzazione” lascia sul terreno qualche morto da sindrome strana. Il povero meccanismo di difesa e di salute, detto tra noi povera gente del popolo, è stato consumato da un male incurabile: il dubbio francese, la “scepsi” greca. Ma non si tratta del dubbio metodico di Renato delle Carte o della drastica “scepsi” di Pirrone di Elide. Margarito mette in serio e complesso dubbio la sua identità psichica, maturata oltretutto in tanti anni di esercizio del vivere e in tante vicissitudini esistenziali, nonché diffida del suo potere di uomo, maschilità compresa. E’ uscito senza cellulare, senza soldi e senza documenti ed è grande amico e ammiratore di Mattia Pascal e di Adriano Meis. Margarito si trova in “un altro mare”, possibilmente in Francia, per rievocare e mettere in discussione la sua identità psicofisica, la sua parte antica e la sua parte moderna, il suo Mattia e il suo Adriano. L’identità auspicata lo vuole libero dal potere fallico della rete di relazioni, il “cellulare”, lo vuole libero dai suoi connotati psicofisici, “i documenti”, lo vuole libero dal potere maschile d’investimento della “libido”, “i soldi”. Questo è il nuovo Margarito, l’Adriano Meis della situazione, un uomo che ha seppellito i suoi vecchi modi di essere e di esistere e che ha scelto “un altro mare” di cui intingere le membra con il nuovo “sale” dell’autocoscienza, la conoscenza di sé e del suo mondo diametralmente opposta alla vecchia e obsoleta identità alla Mattia Pascal. Margarito in sogno sta istruendo un conflitto sulla sua identità psicofisica e sta cercando una nuova dimensione del suo essere e del suo esistere. Pirandello insegna non a caso. Freud suggerisce il conflitto tra l’ideale dell’Io e l’Io ideale, una dialettica tormentata e ispirata da una forte insoddisfazione e dalla ricerca di una fuga dalla realtà in atto, una contingenza troppo avara e severa nei vissuti di Margarito.

Mi avvio verso la camera non preoccupato, ma faccio una bella corsetta: (sto in piedi, eh!).”

L’affanno non è alleato di Margarito anche nelle questioni importanti. Abituato ai tormenti dell’anima e dell’animo in riguardo alla sua “organizzazione psichica reattiva”, alla sua struttura psichica evolutiva e alla sua identità reale e ideale, Margarito entra in se stesso con la stessa facilità con cui i Greci antichi facevano dire a Socrate “rientra in te stesso” o “conosci te stesso”. L’introspezione non ha fatto difetto nello svolgimento della sua vita, così come la riflessione ha messo a posto i dilemmi più acuti e le disavventure più intrigate, per cui Margarito può avviarsi “verso la camera” “sine cura”, quella camera che lo riguarda in prima persona e tanto da vicino, la camera della sua identità psichica, la camera degli “uno, nessuno e centomila”, la camera di Pirandello e di Kafka.

Chi sono Io?

Quanti Io albergano in me?

Quante immagini di me stesso mi trascino da un mare all’altro?

Quante carte d’identità mi porto in tasca ed esibisco al pubblico ufficioso e ufficiale?

Margarito è abituato alle tante immagini di sé e ha confidenza con le sfaccettature del suo poliedrico e intraprendente “Io”: “faccio una bella corsetta”. E’ questo il senso del muoversi con la Mente, più che con il Corpo, nel mare delle pulsioni, dei desideri, delle aspettative, delle riflessioni, dei ragionamenti. Margarito introduce due piani di realtà, quella onirica che si sta considerando e quella reale che viene commentata da sveglio: “sto in piedi, eh!” Margarito in sogno può correre, nella veglia non può farlo.

Perché e cosa significa questo apparente contrasto?

Nella vita Margarito è andato avanti con le sue abilità psicofisiche che non coincidono con le sue gambe fisiche e a esse non si riducono. “Camminare” in sogno si traduce nel procedere passo dopo passo nelle strade della vita e nella possibilità di riflettere: “mi avvio verso la camera”. La “bella corsetta” equivale al fascino dei processi psichici creativi e nello specifico alla fertilità delle fantasie e dei pensieri, nonché al saltar di palo in frasca o nel procedere per via associativa nella gestione dei tanti vissuti che si affacciano e affollano la sua psiche, di questa sua capacità di movimento nelle stanze dell’Io e nelle camere della Mente. Margarito si mostra compiaciuto e orgoglioso di questa sua abilità nel procedere e nel sostare, di questa sua capacità di movimento tra i meandri della sua vitalità psichica. Ha tanto camminato e corso dentro di lui rispetto allo spazio esterno. Il dilemma dell’identità psichica resta aperto e affidato al miglior offerente. Vediamo chi arriva primo e cosa profetizza.

Non trovo la camera. Allora dopo aver bussato a varie porticine, vado verso la reception per chiedere il numero di stanza.”

Margarito si difende con le sue “resistenze” a riesumare traumi rimossi in riguardo alla sua evoluzione psicofisica e al fine di migliorare la “coscienza di sé”: “non trovo la camera”. Eppure la “camera” c’è, eppure esiste il materiale psichico inquisito e con cautela ricercato, ma la sopravvivenza induce alla prudenza. Quest’ultima in Psicoanalisi si definisce “difesa” e serve a impedire all’angoscia di affiorare e di scaricare la sua connaturata carica nervosa. Quest’ultima è destabilizzante e pericolosa, per cui anche la funzione onirica fa in modo che il “contenuto latente” non coincida con il “contenuto manifesto” per non fare scattare l’incubo e il risveglio immediato. Margarito “non trova la camera”, la sua camera, da sé e abbisogna di progressione e di tutela con l’atto vario di bussare “a varie porticine” che aprono varie stanzette. Margarito non vuole “sapere di sé” nella sua autenticità e si crogiola cazzeggiando su false immagini di sé o su parziali rendiconti della consapevolezza del suo Io. Le “porticine” chiudono accessori psichici e non essenze e sostanze di buona qualità, le “porticine” appartengono a quelle stanzette in cui si occulta in maniera disordinata il materiale che apparentemente non serve nella vita corrente anche se ha una buona importanza formativa. Margarito ricorre alla “reception” per “sapere di sé”, ricorre al riconoscimento che riceve dall’esterno, dalle sue capacità relazionali e dall’offerta sociale di “parti psichiche di sé”. Margarito si commisura agli altri per avere il suo “numero di stanza”. Mi spiego meglio: se chiedete a Margarito “chi sei?”, vi risponderà “io sono quello che gli altri rimandano dal mio dare loro”, ribatterà che la sua identità prevalente è collocata nei dati e nei riscontri che la sua persona riceve dai suoi investimenti sociali. E’ come se il “narcisismo” si sposasse con la “genitalità”, l’Io si rinforzasse continuamente dal riconoscimento degli altri, l’uomo si nutrisse del bene che opera e del come opera bene nei riguardi della gente che lo circonda e che riconosce e apprezza il suo operato. Importante è per Margarito quello che viene a lui dall’ambiente sociale, dagli altri a cui non fa mancare i suoi investimenti. Narciso si sposa con il buon uomo e coltiva di sé questo bisogno di riconoscimento. Margarito è socialmente un buon padre, appartiene alla comunità e predilige i centri sociali. Da questa azione trova forza il suo Io. Questa è la “reception” dell’hotel di Margarito, nonché il suo numero di stanza che si andrà a precisare nel prosieguo. La dialettica tra Margarito e la gente è intensa e determina in gran parte l’identità psichica. Margarito è decisamente un “animale sociale”, uno “zoon polithicon”, secondo i dettami filosofici del buon Aristotele.

Ci sono due signore e una mi dice: “Oui, oui, monsieur Margaritò, (quindi sono in Francia), il numero è questo e mi avvio verso la stanza.”

Le donne, le “signore” sono maieutiche nel sogno di Margarito, sono “due” e sono francesi. Queste due figure femminili detengono il potere, sempre secondo il vangelo psichico e onirico, di avere in deposito l’identità psichica di Margarito, meglio di Margaritò. Dire che sono due donne della sua vita è troppo semplice e quasi banale, dire che sono due “parti psichiche” del nostro eroe protagonista è prossimo alla verità, dire che sono introiezioni di figure psichiche che hanno contribuito alla formazione psichica di Margarito è giusto e al di là del loro sesso fisiologico. Queste “due signore” detengono “il numero” di accesso alla “stanza”, sono figure che hanno consentito a Margarito l’ingravidamento e il parto progressivo di se stesso: socraticamente “maieutiche”. Nella realtà possono essere due donne, così come possono essere due figure maschili nelle quali Margarito ha investito gran parte della sua “libido” nel processo psicofisico evolutivo. In “un altro mare” Margarito alla fine ha fatto sempre i conti con la sua identità psichica, “il numero della stanza”, un dato e un vissuto che trovano riscontro in figure protettive e affidabili, carismatiche e “genitali” che hanno rinforzato e sostenuto l’evoluzione dell’Io con la giusta dose di narcisismo. Il “mare francese” è “l’altro mare” di Margarito e in questa scelta si coglie la predilezione verso culture mediterranee neolatine, nonché verso una tipologia di femminilità sofisticata e fascinosa, “charmant”. Non dimentichiamo che le due donne sono salvifiche, soteriologiche alla greca e non alla francese, perché l’identità psicofisica di Margarito passa attraverso queste due figure formative.

Altro non so aggiungere a questa lunga disamina del sogno di Margarito, per cui l’analisi si può chiudere qui.

Anzi, ricordo che la lingua francese è la più sensuale dell’universo.

Adesso il sogno di Margarito ha trovato il suo fine e la sua fine.

LA “FAVOLA” DI MIKAELA E DEI MODA’

TRAMA DEL SOGNO – CONTENUTO MANIFESTO

“Vado da un tatuatore. Io entro e lui esce da una porta e non mi vede.
C’erano due collaboratori, una donna e un uomo.
La donna mi fa sedere e comincia a muovere, senza toccarla, una plastica sul tavolo, avanti e indietro. C’erano dipinte le figure di un papà, di un figlio e di una mamma che si tenevano la mano.
Io rimango sbalordita e la donna mi dice: ci riesci anche tu col pensiero, se lo vuoi, a muovere ciò che vuoi, ma ci devi credere.
Poi lei va a capotavola e il suo posto lo prende l’uomo e mi dice “ora ti racconto la tua vita”.
Io gli dico che sono venuta per il tatuaggio e non per queste robe. E poi non ho soldi.
Lui dice che non fa niente e che ho una persona negativa nella mia vita che devo eliminare, forse una donna.
Io dico che è stata eliminata e che è un uomo. Intendevo il mio ex e gli chiedo se vuol vedere una foto per capire.
Lui mi dice di sì.
Cerco il telefono e tiro fuori quello vecchio. Cerco la foto, ma non ne avevo.
Mi accorgo che non era il mio telefono attuale.
Cerco e lo trovo nella borsa mezza vuota.
Guardo e ho due foto dentro lo schermo appannato e non capivo perché le foto non c’erano.
Il telefono si bloccava al tocco.
Tre foto, una mia, una vecchia di tre ragazze sconosciute in riva al mare e l’immagine su yu tube di una canzone, “ Favola” dei Modà”.
Mi sono svegliata molto turbata.”

Favola

Ora vi racconto una storia che farete fatica a credere
perché parla di una principessa e di un cavaliere
che, in sella al suo cavallo bianco, entrò nel bosco
alla ricerca di un sentimento che tutti chiamavano amore.
Prese un sentiero che portava a una cascata
dove l’aria era pura come il cuore di quella fanciulla
che cantava e se ne stava coi conigli, i pappagalli verdi e gialli,
come i petali di quei fiori che portava tra i capelli.
Na na na na na na na na na…

Il cavaliere scese dal suo cavallo bianco e piano piano le si avvicinò,
la guardò per un secondo, poi le sorrise
e poi pian piano iniziò a dirle queste dolci parole:
vorrei essere il raggio di sole che ogni giorno ti viene a svegliare
per farti respirare e farti vivere di me.
Vorrei essere la prima stella che ogni sera vedi brillare
perché così i tuoi occhi sanno che ti guardo
e che sono sempre con te.
Vorrei essere lo specchio che ti parla e che a ogni tua domanda
ti risponda che al mondo tu sei sempre la più bella.
Na na na na na na na na na…

La principessa lo guardò senza dire parole
e si lasciò cadere tra le sue braccia.
Il cavaliere la portò con sé sul suo cavallo bianco
e, seguendo il vento, le cantava intanto questa dolce canzone:
vorrei essere il raggio di sole che ogni giorno ti viene a svegliare
per farti respirare e farti vivere di me.
Vorrei essere la prima stella che ogni sera vedi brillare
perché così i tuoi occhi sanno che ti guardo
e che sono sempre con te.
Vorrei essere lo specchio che ti parla
e che a ogni tua domanda ti risponda
che al mondo tu sei sempre la più bella.
Na na na na na na na na na…

Questo è il “semplice” sogno di Mikaela.

DECODIFICAZIONE – CONTENUTO LATENTE

CONSIDERAZIONI

Parto dal titolo. Il sogno di Mikaela è uno e include la canzone dei Modà “Favola”. Quest’ultima si può definire il “sogno a occhi aperti” dei Modà assimilato da Mikaela e usato per esprimere in sogno una sua psicodinamica. Identificarsi nella trama di una canzone è un’operazione psicologica naturale e frequente che consiste nell’assimilazione della trama e nell’immissione da parte del fruitore dei suoi contenuti psichici nel contenuto del testo. Tecnicamente i “significanti” di chi ascolta sono immessi nei “significati” del testo, così come, a sua o a loro volta, l’autore o gli autori del testo hanno immesso nei “significati” i loro “significanti”.
Spiego ancora e meglio.
Se io ascolto una canzone d’amore infelice con partecipazione e trasporto, lascerò che spontaneamente e per associazione emergano le mie storie d’amore vissute con dolore. Del resto, una canzone è poetica se è compresa dalla gente e diffusa tramite la condivisione e l’assimilazione, non certo per la sua aristocrazia espressiva e sociale. Si parla d’amore e ognuno ha la possibilità d’immettere la sua esperienza d’amore: “universalità” e “individualità” dell’arte nella concezione filosofica classica dell’Ottocento e del Novecento, Immanuel Kant e Benedetto Croce. L’Arte è di tutti e delle singole persone. L’Arte coglie l’universalità della Bellezza attraverso il vario vissuto individuale.
Mi chiedo a questo punto come procedere in tanta complicazione.
Interpreterò il sogno intero e poi individuerò come la “Favola” dei Modà si incastra e si inquadra nella psicodinamica di Mikaela. Sarà opportuno essere chiaro e sintetico vista la lunghezza della procedura e del testo.
Che il buon Freud me la mandi buona!

SIMBOLI – ARCHETIPI – FANTASMI – INTERAZIONE ANALITICA

“Vado da un tatuatore. Io entro e lui esce da una porta e non mi vede.”

La funzione onirica si ammoderna e conosce i “tatuatori”.
Chi sono costoro?
Costoro sono coloro che simbolicamente inscrivono tracce indelebili nel corpo e specificatamente nella pelle. Sono coloro che hanno scritto materiale significativo nella storia personale di ogni persona e nel nostro caso di Mikaela. Sono coloro che geneticamente hanno marchiato i loro figli come le mucche argentine o il “grana padano”. Sono coloro che hanno dato ai figli la possibilità di marchiarsi con i vissuti nei loro riguardi e anche di altro.
I “tautatori” sono i genitori e tutti coloro che inducono “imprinting”, gli “imprittatori”. I “tatuatori” sono gli “imprittatori”: mi piace. Quindi le tracce indelebili si riconducono ai genitori e alle persone significative, le figure che hanno dato un corpo vivente ai figli e un patrimonio psichico da organizzare. L’identità del corpo risiede nei cromosomi e include l’origine biologica, così come l’identità psichica risiede nei vissuti e nei “fantasmi”. Mikaela è in cerca della sua radice psichica e la vuole assimilare e far propria, vuole finalmente razionalizzarla, vuole “riconoscere” il padre e la madre, non nella funzione che hanno svolto nei suoi riguardi, ma nei vissuti che ha elaborato nei loro confronti. Mikaela non riesce a compiere inizialmente quest’operazione perché il “tatuatore” si eclissa, “Io entro e lui esce da una porta e non mi vede”, per lasciare il posto a un uomo che Mikaela vive in maniera ambigua perché vuole e non vuole avere rapporti con lui. Il “tatuatore” in sogno evoca il padre, mentre l’ex uomo di Mikaela evoca la “posizione edipica”.
Si vedrà e, se son rose, fioriranno.

“C’erano due collaboratori, una donna e un uomo.”

Subito arriva la conferma. Il “tatuatore” è il padre di Mikaela che insieme alla madre si presentano sotto la forma di “due collaboratori”, due persone con cui ha condiviso travaglio e affanno, gioie e desideri. L’ex uomo di Mikaela si era inscritto nelle figure dei suoi genitori e soprattutto nel padre e lo ha evocato nelle doti e nei difetti a suo profitto o a suo danno. Mikaela ha vissuto una conflittualità con i genitori, “posizione edipica”, e si è identificata nella madre come donna e ha riconosciuto il padre come uomo. Vediamo dove Mikaela va a parare con il suo sogno.

“La donna mi fa sedere e comincia a muovere, senza toccarla, una plastica sul tavolo, avanti e indietro. C’erano dipinte le figure di un papà, di un figlio e di una mamma che si tenevano la mano.”

Mikaela evoca le caratteristiche psichiche della madre, quelle che l’hanno colpita e che si è portata dentro e dietro sin dall’infanzia. La madre è stata vissuta prevalentemente come una maga, una donna di grande abilità psicocinetica, una donna ammirevole per le sue capacità di tenere unite le tre entità familiari, “le figure di un papà, di un figlio e di una mamma che si tenevano la mano.” Mikaela riconosce alla madre la capacità di muovere le pedine dello scacchiere al nobile fine della coesione familiare secondo un quadro idilliaco e tradizionale. Muovere la “plastica sul tavolo, avanti e indietro” con il pensiero, attesta dell’opera occulta e abile di una donna intelligente e paziente. Questa è la madre vissuta da Mikaela in questa emergenza psichica della sua esistenza: un’eroina greca. La madre è la dea del focolare, è colei che ha facilitato la risoluzione dei conflitti edipici inscritti, meglio tatuati, nella psicodinamica di Mikaela. Degno di nota è il rilievo dell’unità familiare in “si tenevano per mano”, come nei migliori film degli anni cinquanta sul tema.

“Io rimango sbalordita e la donna mi dice: “ci riesci anche tu col pensiero, se lo vuoi, a muovere ciò che vuoi, ma ci devi credere.”

“Mater docet”, la madre insegna. Mikaela è costretta dalle evenienze e dalle emergenze della sua vita a recuperare l’abilità della madre di tenere unita la famiglia, un compito e un’impresa che la riguardano in questo momento della sua esistenza. Riscopre, visitando la figura materna da “sbalordita”, una donna che è riuscita con intelligenza e sensibilità, “col pensiero”, ad avere il potere di realizzare le imprese più difficili al prezzo di affidarsi a se stessa, di avere grande fiducia e stima nelle sue capacità occulte e visibili.
“Credere” traduce il latino “affidarsi”. Mikaela si fa dire in sogno da sua madre di avere fiducia in se stessa fino in fondo e che la donna è artefice delle dinamiche familiari più sottili e impensabili.
“Muovere” traduce “commuovere”, scatenare sensazioni e sentimenti. Questo sa fare la donna e la madre. Mikaela si fa regalare dalla madre questo insegnamento.

“Poi lei va a capotavola e il suo posto lo prende l’uomo e mi dice “ora ti racconto la tua vita”.

E’ il turno del padre. Dopo la maga arriva il mago. Ognuno ha la sua specializzazione, la prima muove le dinamiche familiari, il secondo è un indovino che protegge, colui che legge il passato e predice il futuro, colui che dà i consigli giusti e buoni dopo aver individuato i pericoli.
Del resto, cosa chiede una figlia al padre sin dalla più tenera età?
Essere protetta.
E la figlia come vive il padre?
Colui che è grande e forte e mi può aiutare a crescere: il gigante buono e il mago.
La madre prende il posto del padre, “va a capotavola”. Si riconferma l’importanza della funzione materna nel dirigere la politica familiare. Il padre, che conosce la vita della figlia e la sua evoluzione, è la persona più indicata ad aiutarla: “ora ti racconto la tua vita”. Questo pensa ed elabora giustamente in sogno la nostra Mikaela.

“Io gli dico che sono venuta per il tatuaggio e non per queste robe. E poi non ho soldi.”

Io ti riconosco soltanto come padre carnale, “tatuaggio”, e non come consigliere, “per queste robe”, quisquiglie e sciocchezze e “punzillacchere” come avrebbe detto il grande Totò in arte, principe Antonio De Curtis nella vita. Mikaela evidenzia un conflitto edipico irrisolto con il padre e sedato in parte dal tempo trascorso. L’autonomia acquisita si attesta a livello logistico, più che psichico. Come se Mikaela dicesse al padre: “ma se non ti sei interessato a suo tempo di me, cosa mi vai a dire adesso quello che devo fare e cerchi di proteggermi?” Aggiunge un suo grosso problema in atto: oggi non ho “libido genitale” da investire e tanto meno potere sessuale.” Mikaela denuncia al padre da un lato la sua assenza affettiva e dall’altro lato la sua attuale crisi di donna: “non ho soldi”.
Un brutto momento depressivo!

“Lui dice che non fa niente e che ho una persona negativa nella mia vita che devo eliminare, forse una donna.”

Il padre assolve se stesso e procede nella tutela della figlia secondo i desideri e i bisogni di Mikaela, l’autrice del sogno. “Anche se in passato non c’ero, adesso ti aiuto lo stesso”: “non fa niente”. Le urgenze emotive e affettive di Mikaela cercano la soluzione nel ritorno dal padre e dalla madre. Mikaela fa dire al padre che è “forse una donna” la persona da cui deve guardarsi. Traduco: “risolvi il conflitto con tua madre, visto che hai perso il potere seduttivo femminile e dal momento che in lei a suo tempo ti sei identificata come donna e da lei avresti dovuto prenderlo e riceverlo questo benedetto potere”. Mikaela si sta chiedendo: “in questo momento difficile della mia vita mi manca la madre con le sue arti femminili o il padre con la sicurezza e la protezione che mi induce?” La “persona negativa” è la parte psichica in crisi della femminilità di Mikaela. Lo psicodramma procede alla ricerca del colpevole e della soluzione del caso, come nei migliori film gialli.

“Io dico che è stata eliminata e che è un uomo. Intendevo il mio ex e gli chiedo se vuol vedere una foto per capire.”

Mikaela sostiene che la relazione conflittuale con la madre l’ha risolta, “è stata eliminata”, mentre la relazione conflittuale con il padre è ancora in atto e si riverbera nella sua vita affettiva, erotica e sessuale: “è un uomo”. Mikaela precisa che si tratta del suo “ex”, un uomo che ha scelto perché evocava la figura paterna, elaborata e vissuta durante il trambusto edipico. Mikaela si dimostra disponibile a questo gioco magico del padre e a questo ruolo riflesso, “ex” e padre, tant’è vero che vuole offrire al padre e a se stessa un’immagine esteriore per poter approfondire la questione e per capire che il suo “ex” era stato scelto a immagine e somiglianza del padre: “se vuol vedere una foto per capire.”

“Lui mi dice di sì.”

E’ proprio vero che il primo amore non si scorda mai. Mikaela ha ripescato l’intesa seduttiva con il padre.
Quante volte da piccola ha desiderato questa tresca e magari è rimasta delusa dall’indifferenza di lui!
Il sogno compensa e ripara, mostra e risolve, ma non dimentichiamo che il sogno siamo noi. La simbologia del “dire di sì” è intrisa di una carica seduttiva ed erotica, l’assenso al trasporto delle emozioni e dei sensi. Il tempo di Mikaela in riguardo al padre si è proprio fermato a questo indimenticabile ed ineffabile momento.

“Cerco il telefono e tiro fuori quello vecchio. Cerco la foto, ma non ne avevo.”

L’amore verso il padre perseguita Mikaela che cerca la relazione d’amore giusta e la ritrova nel passato, nel vecchio modo di relazionarsi al padre, in quel trambusto di sensi e di sentimenti che l’hanno avvinta durante la sua infanzia e che l’hanno trovata innamorata persa dell’augusto genitore. Tutto la riporta al passato, il tipo di relazione e l’immagine maschile: “quello vecchio” e per quanto riguarda l’immagine del suo “ex”, “la foto”, non ritrova alcunché.

“Mi accorgo che non era il mio telefono attuale.”

Come si diceva prima e come volevasi dimostrare. La relazione e l’intesa non erano quelle del presente ma quelle del passato, quelle già vissute e mai estinte, quelle che hanno provveduto a formare Mikaela e a legarla a un tipo d’uomo e a una forma d’investimento di “libido”, meglio a una modalità psichica e a un tipo di sentimento d’amore.

“Cerco e lo trovo nella borsa mezza vuota.”

La femminilità di Mikaela è “mezza vuota”, non è appagata a livello erotico e sessuale, nonché a livello affettivo. Il presente psichico e relazionale è in “deficit” e in perdita. Brutte nuvole si addensano nel cielo psichico della nostra protagonista che è appena venuta fuori da una storia precaria. Il suo “ex” non le ha riempito la “borsa”, non l’ha amata come i suoi bisogni antichi aspiravano.

“Guardo e ho due foto dentro lo schermo appannato e non capivo perché le foto non c’erano.”

Per l’appunto si trattava di due uomini e di due immagini maschili, il padre e il suo “ex”. Ma il tentativo di Mikaela di prendere consapevolezza del suo trambusto emotivo ed affettivo, “guardo”, non sortisce un buon risultato. “Lo schermo appannato” non dispone per niente bene. La coscienza è obnubilata e Mikaela incontra resistenze a capire questa collusione di due maschi nella sua vita di bambina e di donna adulta. Mikaela non sa districarsi nella sua “posizione edipica”, non sa ben guardare quel sole che non tramonta mai nell’orizzonte del passato e del presente: “le foto non c’erano”. Il meccanismo psichico di difesa della “rimozione” ha indotto questa dimenticanza, questa omissione, questa assenza delle foto.

“Il telefono si bloccava al tocco.”

La relazione era disturbata nella ricezione e nella trasmissione: “bloccava”. La “libido” da investire era impedita nella sua genuina funzione di rivolgersi all’altro, di avvolgere l’oggetto del desiderio, di appagare il bisogno. E se l’energia si blocca, prima o poi si somatizza e la ritrovi sotto forma di sintomo e di disturbo delle funzioni più umane come l’erotismo: “al tocco”.

“Tre foto, una mia, una vecchia di tre ragazze sconosciute in riva al mare e l’immagine su yu tube di una canzone, “ Favola” dei Modà”.

Il sogno si sta avviando alla conclusione. L’intensità emotiva è stata gestita bene perché il simbolismo ha occultato i veri significati e le vere psicodinamiche, nonostante il turbamento dopo il risveglio. Mikaela conferma la psicodinamica edipica e adduce le prove del significato del suo sogno: “tre foto”. La prima riguarda l’immagine e la storia della protagonista, l’attrice consumata di questo trambusto relazionale e di questo sconquasso emotivo. La seconda rievoca “tre ragazze sconosciute” che condensano le varie fasi della maturazione psicologica di Mikaela e alcune delle sue manifestazioni umane e sociali, i modi di porsi e di offrirsi nel corso della sua vita. “In riva al mare” si decifra tra realtà e immaginazione, tra bisogno e desiderio, tra concretezza e astrazione, tra superficie e profondità. E per concludere in bellezza e senza equivoci, come se tutto quello che ha sognato prima non bastasse, Mikaela lascia la prova delle prove, la “prova del nove” del significato e della psicodinamica del suo sogno, la “canzone, “Favola” dei Modà”.
Mikaela ha lanciato il guanto della sfida e a questo punto non resta che raccoglierlo e interpretare il corpo del reato. Pezzo dopo pezzo non si farà fatica a trovare una “posizione edipica” sotto la forma classica di un amore da “favola”, proprio quello raccontato dalle mamme e sognato dalle bambine.

Testo

“Ora vi racconto una storia che farete fatica a credere
perché parla di una principessa e di un cavaliere
che, in sella al suo cavallo bianco, entrò nel bosco
alla ricerca di un sentimento che tutti chiamavano amore.
Prese un sentiero che portava a una cascata
dove l’aria era pura come il cuore di quella fanciulla
che cantava e se ne stava coi conigli, i pappagalli verdi e gialli,
come i petali di quei fiori che portava tra i capelli.
Na na na na na na na na na…”

Interpretazione

La solita storia del bel cavaliere e della bella principessa, del cavallo bianco e del bosco, della cascata e dell’aria pura, del cuore di fanciulla e dei petali tra i capelli. Quello che stona in tanto idilliaco quadro sono i conigli e i pappagalli verdi e gialli, ma per il resto è tutto secondo norma e secondo cultura. Si tratta dell’innamoramento da parte di una bambina dell’immagine idealizzata del suo papà, quell’uomo che la chiama principessina e che è tanto bello.
Qualche simbolo per gradire?
“Il cavaliere in sella al suo cavallo bianco” è pregno di sessualità, il “bosco” rappresenta la parte oscura del desiderio, la “cascata” esprime la “libido”, “l’aria pura” è l’affettività, “il cuore” condensa la passione vitale, i vari animaletti del tipo “conigli e pappagalli verdi e gialli” sono le pulsioni erotiche, “i petali di quei fiori” si traducono nell’ingenuità di un sano desiderio erotico, “tra i capelli” equivale a nei suoi pensieri.
Questa è la rappresentazione di una bambina innamorata del suo papà. Fatevelo dire da chi ne capisce.
Ma non basta ancora, bisogna andare avanti.

Testo

“Il cavaliere scese dal suo cavallo bianco e piano piano le si avvicinò,
la guardò per un secondo, poi le sorrise
e poi pian piano iniziò a dirle queste dolci parole:
vorrei essere il raggio di sole che ogni giorno ti viene a svegliare
per farti respirare e farti vivere di me.
Vorrei essere la prima stella che ogni sera vedi brillare
perché così i tuoi occhi sanno che ti guardo
e che sono sempre con te.
Vorrei essere lo specchio che ti parla e che a ogni tua domanda
ti risponda che al mondo tu sei sempre la più bella.
Na na na na na na na na na…”

Interpretazione

La psicodinamica dell’amore eterno e impossibile si precisa e si approfondisce secondo le linee transculturali e archetipali della coppia “padre-figlia”. Questo è un quadretto universale che risale alla notte dei tempi e si deposita nei miti, nelle fiabe e nelle favole di ogni gruppo umano. E’ uno spaccato culturale di grande dolcezza e tenerezza, tant’è vero che non è stato “sublimato” nelle pitture sacre come, invece, la relazione “madre-figlio” che ha avuto sempre risvolti cruenti: vedi la trilogia tragica di Edipo a firma del greco Sofocle, il mito di Edipo riletto dall’ebreo Freud e la pittura medioevale sul tema della madonna e del figlio ucciso. La bambina e il suo papà hanno i connotati di un riconoscimento erotico reciproco che amplia i sensi senza colpevolizzarli, per cui non hanno bisogno di “sublimazione”. Consegue il senso e il sentimento del pudore.
Vediamo i simboli e poi gradirete.
L’arte della seduzione si trova in “scese”, “le si avvicinò”, “la guardò”, le sorrise” e in “iniziò a dirle”. Il sentimento d’amore è condensato nel dono finale delle parole, così come il desiderio si manifesta nell’avvicinamento e nel sorriso. Le parole sono dolci perché “il raggio di sole” sveglia il desiderio, fa “respirare” gli stessi affetti e crea una fusione erotica, “vivere di me”. La dominanza del principe mostra la figura del padre nel suo potere maschile. “La prima stella” che sorge brillante è Venere, più che una stella è un pianeta, e indica la presenza del sentimento nell’assenza fisica del bene amato. La consapevolezza della presenza protettiva si attesta negli “occhi che sanno che ti guardo”, una meravigliosa combinazione di simboli, così come “sono sempre con te” rappresenta l’assimilazione e la fusione, chiare trasposizioni di pulsioni erotiche e sessuali. Ritorna la favola di Biancaneve nello “specchio che ti parla”, quello “specchio bello, specchio rotondo” che sa “chi è la più bella del mondo”. La simbologia dice di una “posizione fallico-narcisistica” che ogni bambina vive tra i quattro e gli otto anni di vita e che induce a maturare quel potere femminile che nel tempo breve si risolve benignamente nell’amor proprio e nell’arte della seduzione. Tutto nella norma e come da copione universale, ma vediamo se il salmo edipico finisce in gloria.

Testo

“La principessa lo guardò senza dire parole
e si lasciò cadere tra le sue braccia.
Il cavaliere la portò con sé sul suo cavallo bianco
e, seguendo il vento, le cantava intanto questa dolce canzone:”

Interpretazione

La seduzione ha avuto il buon effetto di ridurre le resistenze della fanciulla a lasciarsi andare e ad affidarsi al suo “cavaliere”, quel maschio che sa cavalcare e sa proteggere: “si lasciò cadere”. Le “braccia” sono l’organo nobile dell’amplesso globale. Guardare “senza dire parole” equivale al trionfo dei sensi nella versione della consapevolezza e della dipendenza di chi tutto si aspetta dall’altro e nulla sa dare perché ignora. La posizione psicofisica della bambina è evidente, come la figura dominante del padre è evidente nei bisogni della figlia di essere educata anche nella formulazione dei sentimenti e nelle movenze dei sensi e del corpo. Si consuma lo psicodramma dell’amore edipico tra padre e figlia, quello senza sangue e senza morti, quello delicato che si appaga del desiderio e senza feroce struggimento. “Seguendo il vento” è simbolo del moto dei sensi e della danza erotica e non manca il dono delle parole: “le cantava intanto questa dolce canzone”.
La “Favola di Mikaela e dei Modà” finisce qua, ma fortunatamente si ripresenta “nei secoli dei secoli e così sia” sotto le sembianze di un padre e di una bambina che passeggiano a manina lungo i viali del parco delle rimembranze nel paese dei desideri.
Amen!

PSICODINAMICA

Il sogno di Mikaela sviluppa nella sua complessa articolazione e combinazione la semplice psicodinamica della “posizione edipica”, la relazione conflittuale vissuta dalla bambina con il padre e l’identificazione nelle virtù della madre. Mikaela sistema la madre nel ruolo magico di arbitro della politica familiare e il padre nel ruolo protettivo di confidente e di educatore. La “regressione” all’infanzia è agita nell’associazione alla canzone “Favola” dei Modà. Il sogno di Mikaela tiene in sottofondo la relazione affettiva e sessuale con il suo “ex”.

ISTANZE E POSIZIONI PSICHICHE

Il sogno di Mikaela presenta in funzione le seguenti istanze psichiche.
L’Io vigilante e consapevole e basato sul “principio di realtà” si manifesta in “vado” e in “io entro” e in “io rimango” e in “io gli dico” e in “io dico” e in “cerco” e in “mi accorgo” e in “guardo” e in “non capivo”.
L’Es pulsionale e basato sul “principio del piacere” è presente in “comincia a muovere, senza toccarla, una plastica sul tavolo, avanti e indietro.” e in “sbalordita” e in ““ora ti racconto la tua vita” e in “e poi non ho soldi” e in “ho una persona negativa nella mia vita che devo eliminare,” e in “nella borsa mezza vuota.” e in “schermo appannato” e in “Tre foto, una mia, una vecchia di tre ragazze sconosciute in riva al mare e l’immagine su yu tube di una canzone, “ Favola” dei Modà”.
Il “Super-Io” limitante e censorio e basato sul “principio del dovere” non è in funzione.
La “posizione psichica edipica”, conflittualità con i genitori, domina il sogno di Mikaela. Circola un riferimento privilegiato alla “posizione psichica genitale”, disposizione affettiva e sessuale e in evoluzione della relazione finita: vedi la madre e l’ex.

MECCANISMI E PROCESSI PSICHICI DI DIFESA

Il sogno di Mikaela usa i seguenti “meccanismi e processi psichici di difesa” dall’angoscia.
La “condensazione” è presente in “tatuatore” e in “credere” e in “tatuaggio” e in “soldi” e in “foto” e in “borsa” e in altro, lo “spostamento” in “collaboratori” e in “muovere senza toccarla” e in “tenevano la mano” e in “muovere col pensiero” e in “schermo appannato” e in altro. Il meccanismo della “rimozione” si suppone o si lascia intravedere in “C’erano dipinte le figure di un papà, di un figlio e di una mamma che si tenevano la mano.” e in ““ora ti racconto la tua vita” e in “Guardo e ho due foto dentro lo schermo appannato e non capivo perché le foto non c’erano.”
Il processo psichico di difesa della “sublimazione della libido” non viene usato, mentre il processo della “regressione” si esprime in un moto verso il passato nella seconda parte del sogno nell’affannosa ricerca delle foto e delle tracce del suo passato. Inoltre, la “regressione” è presente nella forma onirica tramite l’azione al posto del pensiero e l’allucinazione al posto del normale esercizio dei sensi.

ORGANIZZAZIONE PSICHICA REATTIVA

Il sogno di Mikaela manifesta un tratto “edipico” marcato all’interno di una cornice decisamente “genitale”: conflittualità con i genitori in via di risoluzione e disposizione all’investimento di “libido” o bisogno di innamorarsi.

FIGURE RETORICHE

Le figure retoriche elaborate da Mikaela nel sogno sono la “metafora” o relazione di somiglianza in “tatuatore” e in “tenevano la mano” e in “capotavola” e in “soldi” e in “foto” e in “telefono” e in “borsa mezza vuota” e in altro, la “metonimia” o nesso logico in “muovere senza toccarla” e in “muovere col pensiero” e in “credere” e in “schermo appannato” e in altro.

DIAGNOSI

La “diagnosi” dice del ritorno della conflittualità con i genitori, “posizione edipica”, a seguito della rottura affettiva e sessuale di Mikaela con il suo uomo. Ripresenta la disposizione a vivere il sentimento d’amore, “posizione genitale” e conferma l’attrazione dell’infanzia verso la figura paterna nell’associazione con la canzone “Favola”. Quest’ultima ha una forte valenza regressiva per la facile evocazione, operata dalla musica e dal testo, del marasma sensoriale e sentimentale del passato.

PROGNOSI

La “prognosi” impone a Mikaela di risolvere beneficamente, dal momento che non è possibile definitivamente, la relazione con i suoi genitori e soprattutto con il padre, al fine di potersi innamorare in maniera autonoma e senza strascichi pendenti. E’ opportuno non avere fretta, per ben ponderare i propri vissuti e sentimenti e per rinforzare la “razionalizzazione” del passato edipico, che se da un lato è stato struggente, dall’altro lato ha apportato attributi di fascino e pulsioni di desiderio nel corredo psichico della protagonista.

RISCHIO PSICOPATOLOGICO

Il “rischio psicopatologico” si attesta nella degenerazione della “posizione edipica” e nelle conseguenti “psiconevrosi” isterica, fobica, ossessiva, depressiva. Ricordo che la conflittualità irrisolta verso i genitori sfocia nel campo delle “nevrosi” e al massimo nello “stato limite”, qualora non è associata ad altri conflitti e non ricorre all’uso di meccanismi di difesa particolarmente delicati come la “negazione” e la “scissione dell’Io”.

GRADO DI PUREZZA ONIRICA
In base a quanto affermato nella decodificazione e in base al contenuto dei simboli e dei “fantasmi”, il grado di “purezza onirica” del sogno di Mikaela è “4” secondo la scala che vuole “1” il massimo dell’ibridismo, “processo secondario>processo primario”, e “5” il massimo della purezza, “processo primario>processo secondario”.
La psicodinamica si avvale di un simbolismo che prevale di gran lunga sulla trama narrata.

RESTO DIURNO

La causa scatenante del sogno di Mikaela si attesta in una semplice riflessione sullo stato affettivo o su un incontro con le persone individuate nel sogno, genitori o “ex”. Il sogno si può definire “resto notturno” a causa dello scarso materiale che resta nel ricordo, cosi come il “resto diurno” è quel particolare che colpisce da svegli e che di notte scatena il sogno.

QUALITA’ ONIRICA

La qualità del sogno di Mikaela è “narrativa” in quanto snoda la trama come un racconto e “metaforica” perché nel finale associa una canzone come rafforzamento della tesi dominante, la relazione psichica con il padre.

REM – NONREM

Il sogno di Mikaela si è svolto nella terza fase del sonno REM alla luce del simbolismo e delle implicite emozioni. La protagonista rievoca con una buona copertura difensiva il suo viaggio nella “posizione edipica” o conflittualità con i genitori, usando bene i meccanismi psichici del “processo primario”. Inoltre conferma il significato profondo del suo sogno raddoppiandolo con la canzone dei Modà, a riprova dell’urgenza emotiva e affettiva che le ha procurato la rottura con il suo uomo, “ex”, a cui accenna. L’agitazione da sbalordimento non deve essere stata da poco.
Ricordo che nelle fasi REM il sonno è turbolento, mentre nelle fasi NONREM il sonno è profondo e catatonico ossia presenta una caduta del tono muscolare, senza movimenti e spasmi, senza agitazione psicomotoria. La memoria è presente nelle fasi agitate rispetto alle fasi di caduta muscolare e di sonno profondo dove è quasi assente.

FATTORE ALLUCINATORIO

Il sogno di Mikaela è ricco di sensazioni di “movimento”: “vado”, “entro”,”esce”, “comincia a muovere”, “va a capotavola”, “sono venuta”.
Il senso dello “udito” è dominante e si allucina in tre “mi dice”, “io gli dico”, “dice”, “io dico”.
Il senso del “tatto” è presente in “il telefono si bloccava al tocco”.
Il senso della “vista” è allucinato in “se vuol vedere una foto”, “mi accorgo”, “guardo”.
Il sogno di Mikaela è cenesteticamente dinamico e incalzante nel suo “batti e ribatti” e nel richiamo dell’esercizio dei sensi.

GRADO DI ATTENDIBILITA’ E DI FALLACIA

Per sondare la soggettività di chi interpreta e l’oggettività di chi sogna, l’approssimazione o la verosimiglianza della decodificazione del sogno di Mikaela, per valutare se l’interpretazione risente di forzature, stabilisco la prossimità all’oggettività scientifica o alla soggettività mistificatoria in una scala che va da “uno” a “cinque” e in cui 1 equivale all’oggettività auspicata e 5 denuncia una forzatura interpretativa verosimile. Tale valutazione è resa possibile dalla presenza di simboli chiari e forti e di psicodinamiche affermate ed esaurienti.
La decodificazione del sogno di Mikaela, alla luce di quanto suddetto, ha un grado di attendibilità e di fallacia “2” a causa della chiara simbologia e della psicodinamica reiterata nella “Favola” dei Modà.

DOMANDE & RISPOSTE

La lettrice anonima ha posto le seguenti domande dopo aver letto la decodificazione del sogno di Mikaela.

Domanda
Mi spiega meglio la differenza tra il conflitto edipico delle bambine e dei bambini?
Risposta
Brevemente, perché il discorso è più complesso. Il conflitto edipico delle bambine è più delicato e dolce, poetico, perché si elabora e si risolve ben presto, dai quattro ai nove anni. La bambina capisce la differenza dei sessi, si convince di essere femmina e passa all’identificazione nella madre pur mantenendo verso il padre un’attrazione particolare. Il quadro emotivo evapora e si sublima senza strascichi di sentimenti accesi. Il maschietto, invece, prolunga la sua competizione con il padre e il suo desiderio della madre per tempi più lunghi, si sofferma sulla “posizione fallico-narcisistica” con la forte gratificazione del suo corpo maschile. La bambina commuta il suo potere “fallico-narcisistico” nella seduzione erotica e nell’amor proprio, il bambino si crogiola in un brodo di individualismo e di esibizionismo pavoneggiandosi agli occhi della madre. Il tempo, impiegato per maturare la sua autonomia, porta il bambino a uno struggimento che coniuga sentimenti opposti e soprattutto a incamerare il famigerato sentimento della “gelosia”. Quest’ultimo, se non è stato adeguatamente risolto o ridimensionato, si può ridestare in futuro di fronte alla donna amata con gravi e tragiche complicazioni.
Domanda
I maschi sono più edipici e pericolosi delle femmine?
Risposta
La relazione con il padre e la madre non si risolve mai del tutto, ma i maschi spesso la trascinano a vita natural durante, mentre le femmine sono più concrete e realiste. E’ vero che i maschi sono più lenti e nostalgici in questo delicato settore. Spesso la madre per i suoi bisogni edipici non li libera, ma li trattiene da adulti con ulteriori seduzioni. E’ un argomento complesso e lungo.
Domanda
Incide anche la cultura?
Risposta
Perbacco! Il matriarcato è micidiale con la sua “legge del sangue”, mentre il patriarcato è severo con la sua “legge del dovere”: “Es” e “Super-Io”. E’ più violento il primo che il secondo. Il matriarcato prolunga la dipendenza edipica dei maschi. Il patriarcato impone alle femmine la legge monogamica del matrimonio e vieta la poligamia e l’incesto.
Comunque ho cercato di dire qualcosa sul tema. Mi fai delle domande che meriterebbero un saggio.
Domanda
Cosa pensa del tatuaggio?
Risposta
Ricordo che da bambino guardavo i detenuti, dietro le sbarre del carcere barocco di Siracusa, che cantavano chiedendo il perdono della madre per le loro malefatte. Quasi tutti avevano tatuato sul braccio la dichiarazione sentimentale “amo mamma”. Negli anni cinquanta i tatuaggi erano la prova di un soggiorno in carcere e di una pratica d’incisione della pelle atta a trascorrere il tempo e magari prendendo coscienza del forte legame con la madre. Non scrivevano sul braccio “amo il padre”, perché la legge del padre li aveva condannati. Questo è il mio impatto con il tatuaggio. Oggi la pratica è diffusissima e non comporta trascorsi legalmente burrascosi. Posso dire che il tatuaggio è un simbolo di appartenenza inscritto nel corpo e in modificazione dello stesso. Richiama l’identità psichica e il gruppo, ma richiede una buona dose di “libido sadomasochistica”, oltre che un vissuto conflittuale con il corpo dal momento che lo si vuole ritinteggiare. Questo discorso vale per gli eccessi, quando è visibile un rifiuto del corpo così com’è e una pulsione trasformativa e non di certo migliorativa. Poi ci sono i tatuaggi che fungono da memoria e da iscrizione solenne e vita natural durante: il corpo come promemoria delle esperienze ritenute fondamentali o importanti. Quando è una moda non è in eccesso, altrimenti comporta un uso dei “processi primari” tutto da scoprire.
Domanda
Può essere una psicopatologia?
Risposta
Non ci si copre tutto il corpo di vari simboli e messaggi per caso. Ci sono pulsioni profonde da razionalizzare e di solito si trova un “fantasma del corpo” che verte sul negativo più che sul positivo, per cui incidere la pelle è anche catartico.
Anche su questa domanda complessa mi sono dovuto fermare a qualche spiegazione.
Domanda
Cambio argomento. Cosa pensa della canzone dei Modà e dell’uso che ne fa Mikaela in sogno?
Risposta
La meravigliosa abilità dei “processi primari” associa al tema edipico, vissuto per tanto tempo sulla pelle, lo stesso tema della favola cantato dai Modà. Mikaela ha ascoltato questa canzone e si è identificata nella trama e nella bellezza semplice della poesia. Tramite le canzoni si possono far passare passioni comuni ed educazione sentimentale e civica. Il coinvolgimento psichico è favorito dalla simbiosi musica e parole. Il messaggio arriva e si deposita facilmente e senza resistenze nella dimensione profonda e per associazione evoca e ripesca pari pari quel materiale psichico vissuto.
Domanda
Le canzoni fungono da educazione delle masse con i messaggi belli e buoni?
Risposta
“Volete un popolo migliore? Dategli una migliore alimentazione” suggeriva il borghese Feuerbach nel diciannovesimo secolo a seguito del suo assunto di base “l’uomo è ciò che mangia”. Volete un popolo migliore? Dategli strumenti di identificazione sociale e civile chiari e distinti, semplici e comprensibili. Questo prescrivono psicologi e sociologi. Ebbene, le canzoni di musica leggera non sono soltanto semplici canzoni, ma prodotti psichici e culturali di grande e spedita diffusione. Musica e parole hanno un grande vantaggio perché la combinazione risulti poetica, creativa e ed emotiva come nelle tragedie greche.
Domanda
Può bastare.
Risposta
Credo proprio di sì. Il sogno di Mikaela è un “trip” micidiale di teorie e di pratiche, di scienza e di vita vissuta. Tutto quello che è stato scritto può bastare.

RIFLESSIONI METODOLOGICHE

Sull’interpretazione psicoanalitica delle favole consiglio la lettura di un classico, il testo di Bruno Bettelheim opportunamente intitolato “Il mondo incantato”. La decodificazione dei simboli indica l’uso collettivo dei messaggi contenuti nelle fiabe e nelle favole, quelle produzioni trasmesse nei secoli e che hanno educato e traumatizzato generazioni di bambini. Nonostante la crudeltà del racconto, intere generazioni si sono formate sulle classiche favole dell’infanzia e hanno sentito il fascino di tanto materiale psichico proprio perché trattava del loro mondo interiore, popolato da “fantasmi” che si agitavano dentro e che partivano dalla bocca della mamma e del papà e dei nonni e della maestra per risuonare come le campane pasquali in un giorno di aprile nella verde campagna.