LA RINASCITA

La scienza si affanna,

la medicina si sfianca,

l’economia arranca

e il respiro dei malati rantola.

Tutto cambia.

Solo la natura nel suo ciclico divenire non muta

in ogni istante mutando.

Lei guarda,

aspetta,

attende i lunghi passaggi delle ere e delle pandemie.

Lei sa.

Maestra e consigliera inascoltata

ci indica una strada nuova di nuove risorse ed energie,

ci svela vecchi e atavici valori

iscritti nell’ultimo residuo neanderthaliano

del nostro criptico codice genetico:

la sopravvivenza!

Reimpareremo a parlarci con i segni,

ad amarci con gli occhi,

ad abbracciarci con un sorriso,

a toccarci senza toccarci,

a sentire le vibrazioni delle nostre anime.

Una ragazzina svedese con le trecce

ci ha allarmato,

ma non fermato.

Ora un virus con la corona,

sfacciatamente mortale,

volgarmente irregale,

ci costringe a prendere le distanze dal mondo e dagli altri.

Ritroveremo noi stessi,

ci ascolteremo,

riassaporeremo la solitudine creativa degli artisti,

loderemo gli eroi dei nostri tempi,

e poi,

quando avremo finito di piangere i nostri morti,

sarà tutto diverso,

sapremo chi siamo,

cosa vogliamo in questa vita,

dove andiamo.

Saremo più veri,

meno soli,

più uniti

e sentiremo l’armonia dell’universo

nell’onda perpetua di una vibrazione perenne di vita e rinascita.

Cogliamo quest’attimo!

Fiorellino

Bamberg, giorno 22 del mese di marzo dell’anno 2020

PREGHIERA ALLA MADONNA

Ieri pregavo in chiesa la Madonna…e ho capito…mi ha aiutato a capire. La situazione contingente d’isolamento totale dai miei cari ha per me una funzione potentissima: mi serve a capire la mia vera essenza, il mio valore, il mio fine intrinseco. Cioè non nelle relazioni, non Giulia mamma di Marco, figlia di Anna, compagna di Michele…Io non valgo per ciò che valgo nelle relazioni, ma per ciò che sono. Non è l’importanza che rivesto per loro che mi dà valore. Non valgo di più o di meno di qualcuno, ho semplicemente un mio valore intrinseco, svincolato dagli altri. E ciò che sono posso capirlo solo nel momento in cui mi stacco da tutti e invece di guardare loro con il binocolo, guardo me con il microscopio. Via tutti da torno e m’immergo.

Sono stata in uno stagno, dove da fuori mi veniva buttato il mangime…io lo chiedevo con le preghiere alla Madonna e lei me lo dava con pazienza, aspettando che io avessi il coraggio di immergermi nel mare grande.

Nel mare ci si arriva attraverso il cuore, come il velo di Maya, è attraverso il cuore che si può squarciare e unirsi al tutto. Ma prima di unirmi al tutto, io devo capire esattamente chi sono, sentire la mia come singolarità e non solitudine…altrimenti nel mare mi spavento e mi perdo. Devo sentire fortissimo chi sono.

La Madonna, che io amo, mi ha detto sostanzialmente…ti ho dato gli strumenti, o meglio, ti ho aiutato a vederli e tenerli vivi, ora usali e va…

Ho capito…questo momento contingente si declina su di me con questa connotazione positiva…ha la sua funzione o semplicemente mi ha aiutato a riconoscere la mia strada…

Non so cosa troverò, ma so che la mia vita ha senso solo attraverso questo passaggio stretto dentro al mio cuore per poi, forse, se sarò brava, rinascere al di là nel mare grande…

Una rinascita… come tutte le nascite, attraverso un condotto stretto verso la luce…

Giulia

Conegliano, martedì 17 del mese di Marzo dell’anno 2020