LA “COSA” PARLA 8

LE PAROLE DI UNA LAMENTELA

I pregiudizi sugli omosessuali esistono

e nessuno può negarlo:

tu sei un gay e io una fotomodella.

Ci resto sempre di merda

perché sono ingenua e anche troppo.

Tu non fai “avances”,

resti tranquillo e orgoglioso.

Non giudicarmi,

ti prego,

se non ho nulla da spartire con la eletta casta degli omosessuali.

Quale persona sei, tu che parli da effeminato?

Quale lingua è la tua?

Io non le conosco.

Tu scandisci le parole

affettandole come un salame di “casada”

e ti atteggi in maniera ambigua

per farmi capire quanto sono stupida

a non volermi accorgere

che sei soltanto un volgare frocio camuffato da artista,

quell´artista che fai continuamente vedere a quelli come te,

gli imbecilli dal buco quadrato e bucherellato.

Hai forse una diversa visione del mondo?

Parliamone!

Io, purtroppo, ho costruito un castello di pregiudizi

e lo tengo in piedi con gli sputi sprezzanti dei moralisti.

Due uomini in un letto, credimi, non ci stanno proprio bene.

Non é questione di pregiudizi.

Mentre una ragazza ti parla

e t’insolentisce in un traumatico approccio,

tu ritieni di averla presa sui denti e fai finta di niente.

Hai rovinato tutto ancora una volta.

Ti ricordi che ieri sera siamo andati a giocare a tennis alla luce dei riflettori?

Non lasciarti andare,

è meglio.

Soprattutto non gasarti perché hai vinto.

In un paio d’ore ti squagli al punto giusto,

quello adatto per sbagliare ancora una volta.

Sono cose che succedono.

E’ vero,

ma in una prossima vacanza ben venga l’approfondimento su noi due,

sulla nostra lotta senza quartiere e senza premure,

su un investimento condotto con il minimo danno e il massimo rischio.

Io non ho fretta,

ti telefonerò`

e sono sicura che venerdì mi porterai a ballare,

piuttosto che intripparmi in questa guerra tra poveri.

Io difendo i miei genitori,

le pure immagini reali di come io non sono e non vorrei essere.

A momenti, sai, mi capita di innamorarmi di te.

E’ una lotta serrata con quella parte di me

che si lascerebbe montare da te.

Tu m’interessi,

ma sei un interesse morboso per me

e allora io non ho bisogno di te.

Cosa importa se sono sempre la stessa donna

che si è appena lasciata con l´ultimo uomo.

Eviteremo d’impegnarci

e con i denti difenderemo la nostra sfera personale di cristallo:

il giovedì è mio, il venerdì è` tuo.

Io parlo in lingua madre e senza spocchia,

mi batto per i diritti dei diversi

perché penso che la posizione giuridica degli altri

non porti niente di nuovo e di buono a noi due.

Hai il problema della personalità giuridica?

Rivolgiti alla tua ambasciata

e poi mi saprai dire

se quattro giorni in montagna passati

con lo spettro del cosa fare e del cosa dire

corrispondono alle solite paure di una donna fallita.

Ogni tanto penso

che sono a una svolta nella mia vita.

Non vorrei deprimermi,

vorrei funzionare meglio

e abbandonare finalmente i soliti inutili stratagemmi,

pensieri fissi

che mi saltano in mente nei momenti meno opportuni.

Tu sei un ragazzo passionale

e io confido nella calma, nell’età e nell’esperienza.

Un pensiero va e torna,

un’emozione diversa e uno stimolo piccolissimo,

un fatto sentimentale organizzato con il cuore.

Cosa posso fare?

Tu sei semplicemente bello,

tu sei da ammirare dentro

per provare una forte emozione fuori.

Io mi abbandono a te

e mi pento sempre di averlo fatto,

ho paura e ho voglia,

m’illudo e mi disilludo.

Ho deciso di non guardarti più

e di essere tutta presa soltanto da me stessa.

Fai finta che non sia successo niente

e vai in pace come nelle quotidiane rappresentazioni religiose.

Io non ero presente

perché è avvenuto tutto il contrario

di quello che avevo pensato e previsto.

Io vorrei, ma non posso,

avrei voluto, ma non ho potuto,

non ho ancora abbastanza fiducia in me stessa

e non ho le idee chiare.

Mi va bene essere scontata

e trovarmi in una fase nuova della mia evoluzione psicofisica

senza necessariamente essere costretta

a buttarmi a capofitto in un fienile

semplicemente perché non è questo l’amore della vita.

Noi due stiamo solo bene insieme.

Le mie attese e le tue paure mi disorientano.

Se ci sei, batti un colpo per favore.

Io faccio ciò che sento?

Dipende.

Non faccio previsioni

al di là di quelle che sono le tue idee.

Il mio motto è “fai quello che senti,non mascherarti!”

Io ci tento e ci ritento.

Tu apprezzi l’iniziativa

e io faccio orecchio da mercante,

ma se ti accarezzo,

tu parti e travolgi tutto,

perché ti lasci andare senza inibizioni.

Tu sei un ragazzo caldo,

non sei freddo e calcolatore.

Ma cosa ti aspetti da me, o sangue caliente?

Io provo a starti dietro ancora una volta.

Calma, ti prego!

Lasciami scaldare ancora un po’ prima di partire.

Sai che le donne devono essere comprensive e materne

prima di allagarsi nel bassoventre.

Pensieri che vanno e che vengono

trovano il mio corpo alle prese con un altro amante

e la tanto sospirata magia finisce in un battibaleno.

Mi dico che sarà quel che sarà,

che succeda tutto quel che deve succedere,

per il resto…“je m’en fous”.

Calore e passionalità,

amore e sesso,

sentimento e senso,

emozioni e istinto

si mescolano in questo ambiguo calderone,

si fondono in questa enorme “caliera”:

poenta e osei”,

poenta e tocio”

e apparentemente tutto viene lasciato al caso.

Je m’en fous”,

mio caro,

anche se mi preparo a un nuovo fallimento

come un buon trappista che si prepara alla morte degli altri.

Ci vediamo in discoteca o in pizzeria?

Telefonami le due alternative

e fissa bene il mio prefisso.

Io, intanto , insieme a un altro scelgo una “capricciosa”

senza acciughe e con tanta vitamina “c”.

Tu, perentorio, chiedi: la pizza era buona?

E dopo?

Dopo,

dopo i discorsi si sono sdoppiati

come le immagini di un film muto

e hanno preso il volo i bacini e le coccole,

gli scherzi e le schermaglie,

le complicità e le carezze audaci.

Mi ami?

Quanto mi ami?

Tanto?

Tanto quanto?

Sciorina pure l’arsenale delle corbellerie, per favore.

Tira fuori con parsimonia le cose giuste

per due persone maggiorenni soltanto per l’anagrafe.

Accomodati pure.

Entra se vuoi.

Sai che al momento opportuno

succede sempre l’inizio di un nuovo niente.

Tutto deve ancora venire.

E’ stato soltanto un attimo bello.

Resta di stucco, è un barbatrucco!

Cosa vuoi aver rovinato tu?

Magari fossi capace di qualcosa.

Posso capire che è troppo presto,

ma in ogni modo il tempo è soltanto il tempo

e se io mi avvicino

e tu ti irrigidisci,

beh,

allora, sai, vai pure a cagare!

Io capisco e ho sempre capito,

non mi allarmo più,

sono abituata a intrallazzare con gli impotenti.

Ti sto un po’ dietro,

solo un po’,

perché non ho premura

ma ho soltanto premure per te.

Io non sogno più.

Ricordo solo un commercialista

pieno di soldi in tasca

e senza potere tra le cosce.

Io,

così contraria ad accumulare sesso in banca,

io non ammucchio denaro per gli strozzini legalizzati,

io investo i miei miseri soldi,

pochi e maledetti,

soltanto su me stessa.

Non sono una formichina,

né una cicala puttana

o una gatta in calore.

I significati sono diversi.

Chi capitalizza il sesso,

non si sente sicuro sul suo conto corrente.

In famiglia?

Tutto bene.

Grazie.

Tu sai già delle lune paterne

e delle paturnie chiuse in isolamento coatto nel cervello di mia madre.

Lui?

E’ un grosso maleducato!

Non farci caso,

non sa comportarsi in maniera civile.

E mentre tutto passa,

io ancora m’interrogo

sul perché non ti ho dato il benservito ieri sera.

Avevo altri pensieri in giro per la testa

e tanta voglia di paranoia.

Tutto bene sul lavoro?

Si vivacchia e i debiti avanzano,

ma domenica farò fronte dignitosamente

all’impegno a suo tempo contratto con le banche e con i miei genitori.

Io, invece, metto via e metto via,

sai,

non voglio trovarmi con il culo per terra.

Vedremo, caro signore, vedremo.

Io, intanto, vado.

Lei resti pure qui da solo

sotto l’insegna luminosa “da Gennaro”,

perché le fa solo bene.

Le fa solo bene restare da solo, mi creda.

LA “COSA” PARLA 7

LAMENTO IN PAROLE

L’invidia,

che lucida traspare dai tuoi occhi,

mi costringe ad abortire tutta l’aggressività maturata nel granaio,

quando m’ingravidavi di odio.

Adesso non riesco più a lasciarti.

Non vedo il come e non capisco il perché.

E allora io fingo di andar via,

correndo incontro a un genitore geloso,

un uomo che oggi si pensa cornuto

e che dentro lo è stato sempre,

specialmente da quando ha visto sua madre

appartarsi con suo padre nel granaio e con fare sospetto.

Io minaccio

e inutilmente agito le mani contro la tabuica violenza

consumata sui bambini e sulle donne,

giustificata dall’arteriosclerosi culturale

che irrigidisce i flussi e i riflussi sanguigni,

più che storici,

i corsi e i ricorsi storici,

più che sanguigni.

Gradisce la merda marrone o il sangue rosso?

Nessuno consola ormai la mia angoscia di morte,

eccezion fatta per qualche generoso farmaco,

il Prozac,

un ammorbidente come il Vernel,

che si concede alla mia sfrenata voglia di uccidere la coscienza.

Io non posso picchiarti perché sei mio padre.

E allora?

E allora io me ne vado.

Come saresti cambiato ai miei occhi,

se nel fienile,

invece di consumarti in lacrime di sangue

e nel disprezzo di una moglie puttana,

mi avessi insegnato a non fuggire di fronte a quel povero niente

che, quando arriva, ti opprime e ti riempie di calma,

quella dolce sensazione di ristagnare in un putrido letamaio

tra pantegane e sordi rancori,

anch’essi abbandonati a marcire al sole e alla pioggia.

Perché mi metti tra te e lei?

E io?

Io chi sono?

Leggera e insostenibile è la leggerezza del mio “non essere”.

Io sono Nessuno

e non ho niente da spartire con Ulisse e Polifemo.

Di certo potrei essere Qualcuno,

sconosciuto a me stesso

e alle mie brame sessuali represse,

sublimate in una dolce astinenza,

contorte e bombate

come le sbarre di ferro di una ringhiera araba

esposta nel balcone di una strada di Siviglia

al sole e alla pioggia,

allo scirocco e al maestrale,

un orgoglioso prodotto di mani esperte

buono anche per la ruggine.

I pretesi fatti e misfatti sono una mistica utopia,

simile alla mia sbandierata aggressività

che non trovo al momento opportuno

dentro i calzoni per l’assalto alla donna,

un’aggressività che sa di ascesi e di castrazione,

di complesso edipico e d’identificazione mancata.

Ah, se potessi tornare indietro,

piccolo e docile,

senza prepotenza, senza risoluzione e senza calcolo!

E invece mi ritrovo solo e isolato,

eccentrico e illuso artefice di me stesso,

decorato alla memoria

nel “carpe diem” di tanto disagio.

Io mi ritrovo in uno stato depressivo di cose.

Scaricherei aggressività alla fine,

alla fine di un ciclo dove primeggia il padre

e le assurde idee di un dominio ineluttabile,

di una cultura ineludibile,

che vola a bassa quota e scarica merda sui figli.

La crisi preme e s’insinua in ogni piega

per possedere tutti.

Io non l’ho riconosciuta e non l’ho superata.

Chi colpirà adesso?

Non trovo capitali da investire in banca e in borsa.

La libido del mercato è osteggiata dalla polizia

secondo le norme acritiche di una legge nefasta

che mi vuole amico e nemico,

alleato e avversario di mio padre

e di una parte di me stesso.

In base alla distruttive coordinate di uno spirito oppositivo

io avanzo e indietreggio,

progredisco e regredisco,

aumento e diminuisco,

affermo e nego il mio stesso essere in un gratificante dilemma.

Ah se riuscissi ad aggredire!

Forse starei bene nel distruggere Qualcuno.

Io non so chi tu sia, o anonimo Qualcuno,

ma stasera vorrei vedere i tuoi occhi riflessi nei miei,

occhi sicuri della caduta degli dei

e allora qualcosa di nuovo potrebbe finalmente accadere.

Io non ti cercherò nelle pagine gialle

o nelle grigie profezie di Nostradamus,

l’impostore e il visionario,

il compiaciuto evocatore di tormenti per gli uomini,

il brutto e vecchio sadomaso privo di voglie.

Io voglio andare al “dunque” della mia conoscenza,

alla fonte della mia aggressività,

una forza inespressa in un uccello che non canta

e in altre piccole cose

che ributtano a pollone da una oscura sorgente.

Sento che la mia sana aggressività si è occultata

in un periodo della mia vita,

in un tempo gravido di eternità,

quando mio padre mi parlava dei suoi cinquanta logori anni

e li metteva in fila di fronte a me insieme alle sue corna

come tanti sassolini sulla sabbia

alla ricerca di un Pitagora orgoglioso di sé e della sua geometria

o di un Archimede che grida per l’ultima volta il suo “eureka”

mentre un vile soldato trafigge il suo corpo in un impari faccia a faccia,

l’uno armato di fisica e l’altro di gladio.

Ma cosa poteva fare un bambino?

Come poteva aiutarti tuo figlio?

Adesso, per sopravvivere, mi tocca infilzare il mio nemico

sulle tracce consumate di atavici sentieri,

tracce non annientate dal tempo

e proiettate nello spazio infinito di un cielo stellato in una notte d’agosto.

Finalmente potrò riposare dentro una città o dentro un palazzo,

libero di me stesso,

libero e felice nella mia casa psichica.

Io esco fuori e sono felice di poterti distruggere.

Io mi chiamo David

e vivo in umiltà con me stesso e con il mondo.

Io sono una sola cosa con me stesso,

un’unità con l’esterno e con l’interno.

Felicità è la conoscenza di Dio

esperita tra le candele di una splendida chiesa barocca.

Io non sono felice,

il mio Io è diviso dalla creazione del mondo

ed elabora sempre ambigue strategie psico-politiche.

Io devo combattere per inerzia,

altrimenti non so cosa fare di un’aggressività banale

che oltretutto non possiedo nella radice.

Attendendo il nemico,

farò una passeggiata lungo il Piave,

accontentandomi del cadavere di un qualsiasi imbecille,

curando di non assorbire nelle mie vene

l’urina ancora fresca di una pantegana

che spappola il pancreas e il fegato degli incauti pescatori

di povere trote e non di uomini.

E io guardo,

io intanto guardo le coppiette vezzose di sesso dietro i salici

senza trovare la forza d’inventare un progetto tutto mio.

Da buon guardone,

di questa scena farò un quadro a olio.

Ci metterò un bambino e una fontana,

quel drago e quella strega

che non ho mai provato a combattere

per sentirmi vivo.

In una surreale fantasmagoria di simboli

illuminata di presente e di passato,

di presente e di futuro,

io,

io resto ancora tenacemente prigioniero di un indefinibile “non saprei”.

LA “COSA” PARLA 6

LE PAROLE DI UN SOLILOQUIO

Io sono un superficiale.

Finalmente ho una nuova visione di me:

un uomo presente dappertutto e a macchia d’olio,

privo di una minima fonte di dubbio anche negli esecrabili disguidi

che quotidianamente si presentano tra me e te.

La gente soffre le relazioni: questa è la verità!

Entusiasmo e superficie,

pacatezza e profondità

portano sicuramente a situazioni limite,

quegli stati borderlines da lune stravolte

a causa della collocazione infausta dei miei cieli e dei miei pianeti.

Mi inviti ad avere fiducia in me stesso.

Io non sono un formaggino!

Io sono un uomo,

un povero uomo pieno di problemi.

E questo tu lo sai.

Il telefono in America serve solo per attraversare l’Atlantico

e gli scatti si pagano in dollari,

per cui ti manderò a dire delle mie storie

e ti farò sapere dei miei sbalzi d´umore

in questi quindici giorni transoceanici

consumati a rivendicare al tuo cospetto la mia normalità.

Cosa mi manca?

Pago il vitto e pago l’alloggio,

ma sono eternamente in fuga da te e dai miei problemi.

Se mi fermo, sicuramente miglioro.

Se corro, immancabilmente mi frastorno.

Sono immerso in una confusa dialettica del tipo “aut-aut”.

O te o me, o lei o lui.

Si tratta di gelosie antiche

che ritornano dipinte anche sul cielo brullo di New York,

un cielo brullo e senza torri ormai.

Io sono un cretino,

un tipo che parla bene soltanto per telefono;

per il resto sono sempre ostile a me stesso e agli altri.

Pronto, chi parla?”

Io, nessuno e centomila dall’altra parte del filo!

Troppa gente e tante confuse immagini.

Tu con “non chalance” lasciati andare verso “A” o verso “B”

con un pensiero rivolto al nostro passato

e con una finestra aperta sul cortile della mia vita.

Abbiamo vissuto soltanto una breve relazione a Milano,

un rapporto meneghino

che mi ha trovato ancora una volta secondo,

un gregario che conosco bene ed ho già visto.

Altro che essere o non essere!

Non é questo il problema.

La verita` é che io vengo sempre dopo un anonimo qualcun altro.

Quante storie d’amore sono finite

per lo spettro dell’uomo che c’era

e per il desiderio dell’uomo che verrà.

La nostra è una relazione fastidiosa,

consumata tra gelosia e trasgressione,

condiscendenza e complicità,

comprensione e indifferenza.

Dentro di me avrei spaccato tutto il mondo,

ma non sono riuscito neanche a muovere un dito

per chiedere il permesso di parlare.

Io sono un testardo consolatore

di donne deluse e offese da altri uomini.

In maniera ottusa peroro una visione immatura di me stesso,

nonostante quella trentina di anni che mi trascino dentro

e che stendo ogni notte sul cuscino

prima di afferrare al volo il sonno che passa

per dimenticare i tuoi inquietanti seni,

i miei pensieri oscuri,

i fatti già vissuti e le scene già viste.

Da persona precaria viaggio da solo e mi dico:

io sono la partenza e l’arrivo,

la provenienza e la destinazione.

Si tratta di una sindrome cristologica?

Non credo proprio.

Io sono una stazione polivalente al servizio di un treno

che prima o poi imbarcherà ancora una volta una donna fragile

e in fuga da se stessa: un’ennesima femmina da consolare.

Lei immancabilmente mi troverà,

mi riconoscerà

e mi prenderà al volo,

come fanno i passeri nella stagione dell’amore.

Noi due?

Noi due non abbiamo niente in comune,

siamo due perfetti emeriti sconosciuti

e io sono un maschio che non condivide la virilità con il padre

a causa del suo difficile carattere.

Se casualmente io arrivo per primo,

con eufemismo tu mi dici che va tutto bene,

nonostante l’inflazione psichica galoppante

nella mia famiglia e nel mio seme.

Ricordo,

del resto come potrei dimenticare,

che un profondo sospetto mi fu insinuato da mia madre

mentre ero accovacciato sul camion di mio padre,

un bambino ancora incredulo di fatti e ingenuo di malattie.

Impaurito mi accingevo a inseguire le fantasie,

normali e contorte,

di un´omosessualità latente da anni.

Altro che liquidazione del complesso edipico!

Ero rimasto sotto le rovine del triangolo e della Sfinge

senza conoscere del primo la base, l’altezza, i cateti e l´ipotenusa,

senza aver risposto del secondo a uno straccio di enigma,

senza averne palpato almeno le tette di pietra.

Cosa hai fatto dei tuoi genitori?

Non ho amato il padre e la madre,

non ho odiato il padre e la madre,

non ho onorato il padre e la madre,

non ho riconosciuto il padre e la madre.

E tutto quello che ho fatto o è niente o non è abbastanza.

Sono rimasto a pensare,

fermo sul guado e con lo sguardo fisso all’orizzonte

come il degno prodotto dei tanti misfatti dei miei genitori.

Per non vivere il senso di colpa della trasgressione,

mi sono detto soltanto due piccole verità:

io non somiglio a lui,

io non somiglio a lei.

A chi mi rivolgo allora?

Ho deciso.

Io non voglio somigliare a mio padre!

In tal modo ho riseminato un trauma antico.

Un bambino avvisato è mezzo salvato

e mezzo distrutto dall’indifferenza paterna e dall´interesse materno.

Non resta altro che un ultimo tango a Parigi,

un ballo disegnato da un’incerta identità sessuale.

Chi sono io?

Dove vado?

A chi mi rivolgo?

A destra e a sinistra, in alto e in basso

io ritrovo sempre i confini incerti del maschile e del femminile,

i simboli di due vite diverse e con esigenze opposte,

una bigotta e l’altra platonica.

Ma tu, mia cara amica, ti ritrovi sempre lo stesso amante

che sessualmente non funziona e non ti soddisfa,

nonostante il suo benemerito giro del mondo in ottanta giorni.

Mi sposerai a scatola chiusa,

senza addurre sospetti e reati,

ma con tutte le prove di un feeling mancato

tra un uomo e una donna,

tra me e te.

E cosi sia!

Un uomo ha dei bisogni, una donna no!

Una donna può essere soltanto un’ottima amante

e in questo si esaurisce la sua essenza.

Del resto, i rapporti sessuali non servono soltanto per avere figli

e lo sperma non migliora, come il vino nelle botti,

invecchiando nei testicoli.

Mio padre ha formato una famiglia senza senso,

ma con tre paghe in più

per tre figli in eccesso.

Io, ormai, vivo solo per me stesso

e senza priorità generiche.

Ho idee vaghe sulla famiglia

e sono disabituato a dire “bravo” a un bambino furbetto.

Io,

con ritmo marziale da caserma,

vedo di fronte a me “o sole mio”

e un orso bruno al posto di mio padre.

Di volta in volta mi viene a mancare tutto

nella speranza di non avere niente di lui.

Niente mi va bene e niente mi piace,

non mi apro e non ricevo.

Non accetto alcunché.

Sono diventato impassibile.

Creatività e bontà,

dubbio e stupidità,

drasticità e menzogna:

tante volte mi ci vedo

e tante volte mi ci specchio in questo mare di premeditazione.

Ma di chi sono le idee?

Tra i tanti difetti evitati e i tanti comprati

l’errore non esiste:

faccio sempre e solo qualcosa per punirmi.

Le donne alla fine sono in gran parte positive

e non sono tutte troie.

Queste basse considerazioni mi ricacciano nella convenienza

di avere un padre amico:

e` meglio avere un padre amico,

piuttosto che un padre nemico.

E’ solo una questione di rispetto,

anche se si esige una vittima nel gioco subdolo dei ruoli.

Io non ho un’idea.

Non so distinguere tra invidia e vanità

e non conosco l’amicizia tra un uomo e una donna.

Un rapporto senza rispetto in una casa piena di figli

non e` preferibile alle pulsioni di una relazione d’amore

che oscilla tra debito e possesso.

Cosa sarà domani di me insieme a lei?

Io,

sintesi di desiderate fonti migliori,

resto ancora a me stesso un fascinoso e miserabile punto interrogativo.

LA “COSA” PARLA 4

SALVATORE VALLONE

LA COSA PARLA”

IL LINGUAGGIO DELL’INCONSCIO

dimensionesogno.com

Le ca parle.”

L’Inconscio è strutturato come un Linguaggio.”

Jacques Lacan

LE PAROLE DEL COMPLESSO DI EDIPO

“Vanitas vanitatum”!

Un’amante, una moglie, un marito?

Il tempo lo dirà.

Bisogna attendere che le nespole maturino

e poi tutto, come al solito, finirà sul più`bello.

Tutto finisce”: il classico ritornello delle vicende umane.

Era anche scritto sul frontone di una cappella nel cimitero di Siracusa:

tutto finisce”.

Nella ciclicità culturale del 2 novembre

mia madre istillava al gregge dei suoi figli una sana paura dei defunti,

enigmatiche figure

che di giorno portavano i doni e i frutti,

ma di notte grattavano i piedi ai bambini cattivi.

E se i bambini fossero stati tutti buoni?

Ah, i bambini!

I bambini muoiono sempre di crepacuore

e ogni giorno un po’ di più.

Io non volevo più giocare con gli altri bambini

e la notte dormivo tranquilla da sola nel mio letto rosa.

Ma tu come vivevi quella persona che veniva a letto con te?

In tre nello stesso letto?

Era una sacra perversione.

Questa era una relazione sottobanco

che oggi sottolinea la bontà

e conferma la necessità di vivere da soli

anche se tu vivi con me

e fai sempre quello che vuoi.

Io non t’intrigo,

io non t’intralcio.

Cosa dirà il papà?

E’ stato sempre disponibile

e aveva scelto di stare con te senza di me.

Perché adesso mi tiri dentro la tua sozzura

e mi rendi complice di una separazione?

Ma il papà non pensa

e, se pensa, pensa male ciò che è bene.

Se guardi bene,

tuo padre ha solo la forza di lavorare come un mulo.

E poi,

queste pazzie verbali,

questi ammassi di parole cosa significano?

Tuo padre è tuo padre,

così come io sono io.

Inutili i rimpianti

anche se io insisto e persisto nel nulla.

E penso e ripenso

oh, se tu non mi avessi avuto da bambina!”

Oh, se tu non mi avessi avuto da donna!”

Oggi non avrei da ricordare

e, anche se è più triste non aver nulla da ricordare,

oggi non mi sentirei legata così stretta a te

fino a sentirmi soffocata da una cintura di cuoio.

Come non somigli in nulla a mio padre con i tuoi valori di scansafatiche.

Ben venga, allora, l’ozio,

lo sbafo, l’imbroglio e la truffa.

La malizia non è un gioco,

né una marca di deodoranti.

La malizia è un valore,

il tuo unico valore.

Tutto questo s’intravede nel tuo molare i cristalli con perizia

e nel tuo fatale “vissero tutti felici e contenti”,

per cui con tenerezza lanci sguardi dal tuo piedistallo

e stai bene solo se ti senti tanto amato da te stesso.

Io avrei mille premure e altre mille

e, se vuoi, lavo i piatti,

cucino e ti porto in ospedale per la quotidiana dose di metadone.

Ma sappi che io non sono così.

Ricordati sempre che i miei sono modi di essere

che tu mi hai appioppato

e che s’incastrano bene con i tuoi bisogni di coccole e di zoccole,

di coccole da zoccole,

coccole non da persona onesta e ligia al dovere in ogni caso.

Io non sopporto che tu approfitti di me

per non sprofondare nell’abisso delle tue pastiglie e della tua eroina.

Io non sono la tua ancora di salvezza,

un qualcuno che ti aiuta a ucciderti

e raccoglie il tuo vomito dopo l’ennesimo buco.

Questa vita non è poesia,

ma un cumulo di deliri che assolve te

e condanna soltanto me.

La cosa non è da poco.

Chissà,

chissà chi lo sa.

Ma io ci penso,

ci ripenso,

mi ci butto dentro,

cerco gli altri e dimentico me stessa.

La cosa non è male

se riesci a isolare lo stress

e a non inquinare tante situazioni della tua vita

con piena coscienza di causa.

Ma vai a piangere da un’altra parte, brutto tossico!

Prima però` aiutami a ritrovare mio padre.

Non vedi che sono pudica

e abbasso gli occhi come Lucia Mondella

ogni volta che mi guardi con fare ammiccante.

Oppure procurami l’eroina,

ma solo per amore e non per vizio.

Quale amore?

Tu conosci soltanto l’amore sbagliato,

quello di te stesso.

Il tuo vizio è di scavarti la fossa in qualsiasi momento della tua vita.

Tu sai solo farti del male,

tanto male,

per poi essere amato dalle deficienti come me,

quelle che hanno lasciato in giro per la stanza

la foto di un giovane papà in divisa da bersagliere.

Può darsi,

può darsi,

okay!

Almeno ti pensavo più fedele,

almeno fedele a tua figlia

che ha un anno di vita e il succhiotto ancora in bocca.

Vai,

vai pure ad ammazzarti.

La tua vita non ha senso?

E la tua morte ha senso?

La tua morte non interessa nessuno,

neanche le suore che sono abituate a piangere i defunti.

La società ha tolto il significato anche alla tua fine.

Chi resta deve difendersi dai sensi di colpa

seminati da un imbecille come te.

Non sei mai stato felice.

Quando hai cominciato a vivere,

il tuo era già un vivere male.

Prendi pure venti barbiturici al giorno,

ma ricordati che io lavoro in fabbrica con le presse

e devo essere sempre vigile

se voglio bene alle mie mani.

Ricordati anche che i genitori hanno sempre le loro colpe,

così come hanno avuto sperma nei testicoli e uova nelle ovaie.

Ma se tu in qualche modo ci fossi,

io non ti chiederei di aiutarmi,

ti lascerei da solo

perché a me tu in effetti non hai mai chiesto niente.

Tu non sai chiedere,

te ne sbatti delle buone maniere

e non sei motivato a vivere con gli altri

perché sei tutto preso da te stesso.

Adesso non parlarmi della Germania!

Cosa c’entra la Germania?

Sei diventato crucco?

I gelati e le gelaterie,

Berlino e il suo ex muro,

Amburgo e le sue puttane in vetrina,

Monaco e gli alcolizzati che pisciano per strada,

le troie per bene e le mogli degli alcolizzati,

le donne che gradiscono la flebo di libido per vagina,

una pratica sana

ma non adatta a chi ha le palle divorate dall’eroina

e il cervello attratto solo dal suo buco.

Cosa ricordi ancora di un viaggio in Germania

consumato nella ricerca di mezzo chilo di eroina a buon mercato

e da moltiplicare, come un buon Gesu`, in un chilo e mezzo di morte?

Della Germania ricordi le donne che non hai mai avuto.

Il tuo ago ha punto solo le tue vene,

non ha mai punto un’onesta crucca

in cerca di compensazioni sessuali

e pienamente assolta dal senso di colpa.

E non parlare ancora della Germania proprio tu,

tu che pensi che il nazista sia un particolare tipo di tossico.

E non c’entra niente

il fatto che tua madre non ha potuto mandarti a scuola,

perché saresti stato sempre e comunque un povero ignorante.

Tu sei così come sei

per i geni che ti hanno dipinto dentro.

Sei stato sfortunato sin dall’inizio della vita

e non perché tua madre era una vacca da quattro soldi

e tuo padre un ignoto per convenzione sociale.

Noblesse obligèe!

Vedi com`é puttana la vita!

Eri a un passo dalla nobiltà,

dal blasone,

ma sei nato da una zoccola e non da una madama.

Tua madre era bella e popolana,

ma si é fatta fottere nella stalla dal barone-padrone

tra i cavalli che cagavano balle di merda

con tonfo spesso e senza cantilena.

Il barone non aspirava di certo a diventare tuo padre,

lui voleva solo perdersi tra le cosce di tua madre,

tra gli olezzi della stalla, tra gli umori della vagina

e sopra due tette da premio “oscar”.

Più sfortunato di così?

Eri a un passo dalla nobiltà

e ti sei trovato pieno di eroina fino al cervello.

Pur tuttavia sei stato bravo,

perché potevi fare una fine peggiore.

La tua Germania serviva soltanto a comprare certezze con quattro soldi

e non a visitare le colonne dei diritti dell’uomo a Norimberga.

L´ammirazione nei tuoi confronti era quotata al novanta per cento

nei meandri della mia coscienza

e senza calcolare l´imposta sul valore aggiunto.

Mi ero innamorata di un eroe negativo,

di un fiore del male,

di un figlio di puttana.

Cosa vuoi farci.

Io, adesso, ho delle certezze

e posso mettere senza rispetto le mie dita

nelle piaghe della tua sofferenza.

Io posso permettermi un legame privo di scelta,

un legame per inerzia,

mentre tu non sai neanche lasciarti andare sopra di me.

A questo punto tireremo in ballo anche Freud,

ma, ti prego, lasciami finire questo discorso senza filo e senza rete,

consentimi di parlare in questo battibecco aggressivo e profetico,

fatto di auguri e di condanne,

di minacce e di vendette.

Può darsi.

Chi vivrà vedrà e forse lo vedremo entrambi.

Se esiste il cielo, la giustizia e il padre eterno,

vedrò, vedrai, vedremo, vedranno.

La ragione è sempre dei coglioni,

di quelli che non hanno fatto niente nella loro vita.

Chi agisce sbaglia sempre,

caro il mio dongiovanni da sagra paesana.

Ricordalo!

Chi agisce ha sempre fatto qualcosa

anche se porta a casa un figlio indesiderato.

Cosa tiri fuori adesso per queste quattro beghe da puttane,

beghe per un lampione illuminato,

beghe per un lampione fulminato.

E’ tutta colpa dell’ENEL!

Da qui a vent’anni,

da qui all’eternità,

Greta Garbo e Clark Gable,

noi non siamo divi di Hollywood

e la celluloide non ci appartiene.

Noi facciamo soltanto puzza di disgraziati!

Da qui a vent’anni, chissà!

Intanto mi offendi con i tuoi trenta all’ora

a cavallo della mia macchina lucida e oleata.

Impara a non dirmi frigida

proprio tu che sei impotente da eroina,

tu che legittimi il mio filo edipico senza alcuna obiettività.

Ognuno ha il diritto di difendere la sua mamma e il suo papà,

cattivi quanto e come sappiamo solo noi due,

ma pur sempre la nostra origine,

la nostra radice,

il nostro primo significato,

il nostro inizio del discorso,

il nostro prima di te,

il nostro prima di me,

il nostro prima di noi,

i nostri genitori,

la nostra mammina e il nostro papino.

Non arrabbiarti tanto.

Pensa,

se non ci fossero stati spettatori nel nostro film,

tu oggi non avresti il tifo dell’assistente sociale,

dell’infermiera prosperosa,

di un’esperienza mancata,

di una maternità delusa,

di un’ostetrica renitente alla leva.

Con tutte le cose che vanno e che vengono,

tu mi vuoi insegnare con autorità e sicurezza

i problemi che non sono problemi

camuffandoli con gli hamburger di pollo e maiale,

oltretutto farciti di puzzolenti crauti.

Salutiamoci per favore.

Buonanotte!

Non abbiamo risolto un bel niente anche stasera.

Abbiamo solo parlato, parlato a vanvera.

Abbiamo soltanto e solamente parlato a “tinchitè”,

come disse il maresciallo di Lampedusa ai poveri clandestini.

Così va bene!

Scusami, chi ha detto che il parlare risolve tutti i conflitti?

Non lo so.

Il tuo psicoanalista?

Non importa,

domani avremo ancora di che parlare fortunatamente.

Purché parola sia, il resto non conta.

Amen.

E dammi un po’ di coperta.

Buonanotte.

Spegni presto la luce dell’abatjour

e non consumare inutilmente la corrente

perché costa cara,

cara quasi quanto un etto di polvere bianca.

Non avere paura del nulla dei tuoi sogni,

pensa alle tue disgrazie

e sulle tue palpebre si riverserà, prima o poi, anche il sonno dei giusti.

Ricordati che per noi non è facile neanche morire.

Siamo stati fatti per le tragedie senza pubblico,

per quelle farse che non interessano nessuno

e che non fanno più ridere neanche i pazzi nei nuovi manicomi.

AKHTER MABIA 6

Savar, mag mash, 200…

A mia figlia Mabia giungono tanti saluti e tanti baci dal suo baba.

Il nostro Allah è Misericordioso e Provvidente, da Lui tutto ha inizio e in Lui tutto trova la sua giusta fine.

La Sua grazia è infinita e la Sua mente è onnisciente, Lui conosce il corso dei nostri eventi e segue i suoi figli devoti uno per uno e senza dimenticarli mai.

Cara Mabia abbi fede nel Giusto e nell’Onnipotente e affidati a Lui come quando eri piccola e pregavi nella nostra piccola moschea con devozione e con modestia.

Ho ricevuto la tua lettera e sono rimasto sorpreso soltanto in parte per quello che ti sta succedendo con tuo marito Joshim perché io avevo già capito che non era l’uomo giusto per te e che aveva un carattere prepotente come tutti i militari.

Penso che è tutta colpa mia e che sono stato stupido quando mi sono lasciato convincere dalla mia famiglia a dare in sposa la mia preziosa figlia a una persona che non mi convinceva.

Io non avevo una figlia in più da dare a un uomo falso che non è timorato di Allah e che usa le mani al posto del cervello e del cuore.

Questa settimana andrò a trovare la sua famiglia a Dakka e farò presente la situazione in cui ti trovi e le malvagità del loro stupido figlio.

Io sono sicuro che tu non hai mai sbagliato nei confronti di tuo marito e che gli sei stata sempre fedele con il cuore e premurosa con la mente, che ti sei sempre sottoposta al suo desiderio e che non gli hai fatto mai mancare niente, ma se tu hai sbagliato in qualche modo vorrei che me lo dicessi per poter capire meglio come stanno le cose tra te e tuo marito.

Ricordati sempre quali sono i tuoi doveri di moglie e i tuoi compiti di donna musulmana e non lasciarti abbagliare dalle luci del mondo in cui vivi e ricordati che la vera luce è quella del nostro Allah e i veri valori sono quelli del nostro Misericordioso.

Io sin da piccola ti ho insegnato come comportarti e sono sicuro che tu hai rispettato il patto del matrimonio, per cui devi resistere ed essere fedele e devota a tuo marito anche se lui non si comporta bene con te e ricordati che all’ingiustizia non si deve mai rispondere con un’altra ingiustizia.

E ricordati ancora che bisogna sempre fare la volontà di Allah anche quando la strada è in salita e i piedi soffrono tanto nel camminare.

Vedrò subito cosa si può fare per risolvere la questione nel migliore dei modi, ma intanto scriverò anche una lettera a Joshim per metterlo di fronte alle sue responsabilità e per ricordargli di portare fede al patto che ha contratto di fronte ad Allah quando ti ha scelta, ti ha voluta e ti ha sposata.

Tu, intanto, stai calma e non prendere nessuna decisione e sappi che, se ti trovi in questa situazione, è soltanto e solamente per colpa mia perché non sono stato al momento opportuno un padre previdente e un uomo esigente, ma ti prometto che adesso io cercherò di rimediare alla mia stupidità e sistemerò le cose nel migliore dei modi per te e per Pervez.

Mi raccomando di non fare colpi di testa e ti raccomando di pregare tanto in questo brutto momento della tua vita e vedrai che con l’aiuto di Allah tutto si ripara e ogni problema ritorna a prendere la sua giusta dimensione.

Scrivimi e dimmi sempre come vanno le cose perché io sono preoccupato e non mi rassegno a sapere che tu sei in terra straniera senza l’aiuto e il conforto del tuo baba e della tua famiglia.

La tua ma sta tanto male e dopo aver letto la tua lettera è peggiorata e allora io penso che la prossima volta non gliela farò leggere se la tua situazione è ancora brutta, ma se le cose tra te e Joshim si sistemeranno, come io spero, la metterò al corrente della buona notizia.

Perdonami sempre se involontariamente ho mancato in qualcosa nei tuoi confronti e tienimi stretto al tuo cuore con tutto l’affetto di una figlia generosa.

Il tuo arrabbiato e infelice ba.

Credimi !

E credimi sempre !