MERCI

Merci!

Merci!

Quel plaisir, madame de Bovary!

Le belle parole fanno sempre bene al corpo,

plus que a l’evanescente ame,

a questo corpo che cerca ancora guai

in questa giornata austera e senza ozio,

in questo dì tutto dedicato al negozio che non c’è,

in questa notte da certificare al bobby di quartiere

dentro un innaturale coprifuoco di pace e benevolenza.

Viva il Duce,

viva il Duce,

che ci dà l’acqua e la luce!

Cara Catherine,

ti scrivo la presente

con il grado sociale e civile di nullafacente e di nullatenente.

Non sono, di certo, un politico da telecinco

e tanto meno un giornalista da tivvusettete,

per cui non essere gelosa del tuo Pasquale,

Totonno per gli amici,

perché tuti i me vol e nisuni me cioe.

Sol che ti,

vecchia madame,

solo tu mi vuoi e mi vuoi bene,

tu che ogni mattina lasci sul lattice del materasso

le impronte di quel corpo che solo a me par di donna.

Solo tu ti mostri così gentile a me che ti miro

e mi dai per gli occhi una dolcezza al core

che intender non la può chi non la prova.

Quanti ne hai provati e regalati bonbons,

e non soltanto al core,

tu,

mia adorable Catherine,

sensibile come la gatta Nerina da Caltabellotta,

tu che leggi di notte i Fasci immarcescibili di Bruno la Vespola

per pulire la tua povera pelliccia di cincillà al covid

a che nessun ti veda,

a che nessun ti spii,

a che nessun ti giudichi

come la solita donna di provincia in cerca di fregole

anche quando il giorno è di caucciù

e fatica ad affidarsi alle tenebre

per grazia ricevuta e mai restituita.

Tu,

mia charmant Catherine,

sensibile come la donna dell’inquieto Gustave,

guardi ogni sera la Lily nello specchio lucido e colorato

per amarti di più e sognare i ritrovati amori

anche quando le stelle non riescono a venir fuori

per formare un firmamento di necessità d’argento,

come prescritto dai codici fascisti di Alfredo,

non quello che su tuo invito ti bacia,

ma quello che ancora oggi ti uccide.

E allora,

rinasci bel fiore a la baia del sol,

quando caliente stringi in mano il biglietto di solo andata

andando con dignità in culo alla vita e al mondo crudele

che ti ha voluta femmina,

una femena granda come la micidiale guerra targata 1914.

E il tuo Pasquale?

Il tuo Pasquale canta sempre a Capri con Peppino

o mondo crudele,

è l’ora dell’addio,

ma non vuole morire

per fare dispetto ai seguaci di Charles,

ai crumiri di brutte speranze

che predicano ogni sera la selezione naturale,

la morte fredda per asfissia

di coloro che hanno già abbastanza vissuto.

Il tuo Pasquale non vuole morire

perché deve ancora annerire di merda quei loschi figuri

che lasciano il talamo coniugale al cuculo di turno.

Ah,

quanti cornuti affollano questa lurida piazza

seduti sulle panchine inquiete

di questa sporca città semigreca e semiaraba!

Ah,

quanti vecchi fanno del cul trombetta

a questa torma di tossici

che non vedrà mai lo cielo della vecchiezza!

All’uopo e alla bisogna

sappi che pulisco sempre il mio corpo con il gel,

in specie i testicoli ormai grigi e smunti dall’uso,

che riduco al minimo i bisogni innaturali con la tv,

che mi sparo una riga di whisky di Portopalo

per ammazzare il colesterolo e i satanassi in circolo.

Epicuro e Buddha mi stanno sempre a fianco

in questo bel ballo di san Vito che ancora mi agita,

così come il tuo ricordo ambito di doni mai ricevuti

e le tue perfide malefatte di bella donna di provincia

che vuole di giorno andare da Saint-Denis a Paris

nella disperata ricerca del braccetto di Tizio,

del soldo di Caio,

del parafulmine di Sempronio,

del sale e pepe di Bortolo,

del savoir faire di Giobatta,

detto Giobattino e da sempre definito culu vasciu

per le sue gambe oltremodo corte.

Se la memoria non m’inganna,

mia cara Catherine,

cordialmente mi firmo e mi attesto come il sempre e solo

tuo Salvatore Vallone

Post scriptum: sarà poi vero che dalla Morte nasce la Vita più forte?

Carancino di Belvedere, 06, 01, 2021

Prière

Seigneur,

mon bonjour commence avec une prière

et aujourd’hui elle est particulière.

Mon Dieu,

je te prie de ne pas nous laisser seuls,

tends ta main vers nous,

aides nos malades

et surveilles notre chemin….

Je te prie,

Dieu,

de nous donner un peu de sérenité.

Je ne pleure pas sur le temps qui est passé,

mais je vis le présent

et j’éspère qu’il sera mieux.

Il est arrivé le temps

que le monde confie en Toi

et commence à prier.

Le matin est le moment juste

pour dire Merci à Toi,

Merci à la vie,

Merci à celui qui est à coté de nous,

Merci à celui qui nous aime toujours,

Merci à tous les amis réels et virtuels

qui sont toujours présents.

Aujourd’hui je lève le regard vers le ciel

parce que je sais

que seulement de Toi arrive la bénédiction.

Je confie à Toi cette Italie

et toutes les autres nations dans ce moment difficile.

Nous avons toujours une grande force

et meme si la peur cherche à prédominer,

il faut choisir l’espoir.

Je te souhaite une bonne journée.

Beatrice

Siracusa, giovedì 19 del mese di Marzo dell’anno 2020