IL TENERO CALAMARO

TRAMA DEL SOGNO

“Mia madre mi ha preparato un fritto misto di pesce.

C’era un calamaro e provo a staccare i tentacoli.

Era ancora vivo.

E’ scappato e si è nascosto sotto la tovaglia e si vedevano gli occhietti.

Guardo per terra e c’erano tanti gattini piccoli.”

Angelina ha composto questa sua trama psichica in sogno.

INTERPRETAZIONE DEL SOGNO

Mia madre mi ha preparato un fritto misto di pesce.”

Il legame affettivo di Angiolina con la madre e di immediata rilevanza. La figlia lo esibisce subito a conferma della sua dipendenza e della sua devozione. Il possessivo “mia” rientra nel gergo linguistico e nella modalità affettiva. La “Madre” è una figura universalmente suggestiva ed enigmatica. Si tratta di un “archetipo”, un simbolo universale atavico e di scuola junghiana, a conferma che la nascita è un fenomeno ontogenetico e filogenetico che trova nel vissuto di ogni donna la sua versione personale. Tutti i vissuti sulla “mamma” sono identici nella base e diversissimi nei tratti. Anche tra fratelli vige la dinamica dell’identità e della diversità nel vissuto introno alla “madre” e questa difformità si spiega con l’elaborazione nei primi mesi di vita del “fantasma di morte” da parte di ogni figlio, per cui le variabili affettive variano con le sensazioni e i sentimenti vissuti. Angiolina parte alla riscossa nel suo sogno con la dipendenza affettiva dalla madre. Niente di pericoloso, tutto nella norma perché senza danno. La simbologia del “fritto misto di pesce” si attesta nella sfera affettiva più che sessuale. E’ un cibo consono alla tradizione familiare e ai gusti della figlia, almeno in questo esordio del sogno, perché nel prosieguo questo prelibato “fritto misto di pesce” si può colorare di una valenza simbolica importante. Provo ad andare avanti e a calibrare bene la semplicità apparente delle parole e la complessità dei simboli.

C’era un calamaro e provo a staccare i tentacoli.”

Angiolina viene colpita da un “calamaro” e si concentra su questo mollusco cefalopode bello e fritto per un suo personale “fantasma”, a conferma di quanto dicevo in precedenza: il simbolo universale si riempie di connotati psichici personali. Da un “calamaro”, morto da frittura in olio extravergine d’oliva bollente, Angiolina procede verso il suo simbolico “calamaro” a cui prova “a staccare i tentacoli”.

Ricapitolo.

Angiolina è in pieno feeling affettivo con la madre e nello specifico sta rispolverando la sua dimensione materna, l’identificazione psichica al femminile che ha operato a suo tempo nella madre e che l’ha portata a scegliere la possibilità di gustare i frutti della maternità. La maniera in cui procede è particolarmente traumatica perché “stacca i tentacoli al calamaro”, opera una mutilazione vitale a un organismo che tanto echeggia il feto e la sua conformazione fisiologica. Inoltre, la scelta di un mollusco che vive nel mare conferma la dimensione materna e nello specifico la gravidanza. Qualcosa non è andato a buon fine, per cui questa gravidanza va incontro a un aborto indesiderato che lascia il segno nelle dimensioni profonde della psiche di Angiolina. Tra il gusto di una frittura mista di pesce e la rievocazione di un aborto il passo è simbolicamente consequenziale, grazie ai meccanismi della “condensazione”, dello “spostamento” e della “figurabilità”.

Portento numinoso dell’umano sognare!

Era ancora vivo.”

Il feto “era ancora vivo”. Miracolo dell’istinto materno, del “fantasma della maternità” che ogni bambina coltiva nel suo corpo e nella sua psiche, del desiderio di Angiolina di portare al culmine la sua femminilità con l’avere un figlio, di completare la sua personale evoluzione psicofisica con l’esercizio completo della “posizione genitale”. Perché di questo si tratta, di vivere appieno e secondo natura la psicobiologia della maternità, la “genitalità”, senza ricorrere a “processi e meccanismi di difesa” per risolvere la frustrazione della maternità e l’angoscia dell’incompiuta e dell’indeterminato. Se poi la donna ha subito una perdita indesiderata del feto, un aborto spontaneo e naturale, allora lo psicodramma si complica e acquista spessore. In questo caso bisogna operare la “razionalizzazione della perdita, come se si trattasse di un “lutto”, in quanto si è rievocato e messo in circolazione il “nucleo psichico depressivo” elaborato nella prima infanzia. La delicatezza di questa impietosa situazione è oltremodo evidente negli strascichi emotivi e nelle psicosomatizzazioni che innesca in rievocazione del trauma subito. Il processo psichico di difesa della “sublimazione” della maternità è il più usato e naturale, almeno nel mondo contemporaneo e nella cultura occidentale. Proseguendo in questo excursus legato al sogno di Angiolina e destato dalla psicodinamica della maternità, un cenno sull’interruzione volontaria della gravidanza è opportuno, dal momento che si tratta di un fenomeno complesso che va letto su registri diversi. Mi limito a sensibilizzare sul danno psicofisico subito dalla donna quando si trova a scegliere se proseguire o interrompere la gravidanza. L’importanza dell’educazione sessuale e dell’uso degli anticoncezionali è la prognosi giusta e la tutela massima per evitare congestioni oltremodo traumatiche e complicate, a causa della delicatezza di un nucleo così sensibile come quello della maternità.

Procedo con l’interpretazione del sogno di Angiolina.

E’ scappato e si è nascosto sotto la tovaglia e si vedevano gli occhietti.”

Da truce il linguaggio diventa tenero e il “calamaro” da cefalopode si trasforma in un tenero bambino che si nasconde impaurito sotto la coperta del lettone della madre in cerca d’aiuto e in attesa che il pericolo sia passato. L’allucinazione onirica di Angiolina rievoca il suo trauma di donna che tenta l’avventura gioiosa della maternità con esito negativo, nonostante “gli occhietti” espressivi del calamaro sotto la tovaglia della tavola. Dalla morte alla vita e alla sopravvivenza, questo è il viaggio del povero “calamaro bambino”, questo era il desiderio infranto di Angiolina. Le capacità figurative del sogno trovano la rappresentazione giusta per alternare la realtà del trauma alla realtà del desiderio nel povero “calamaro” che acquista le sembianze di un “bambino” impaurito. “E’ scappato” attesta anche della fuga dalla dolorosa realtà da parte di Angiolina, che è chiamata ad archiviare e a razionalizzare una mancata maternità anche se il cuore si ribella e ridà la vita a un “calamaro” fritto nella sua vera forma di un “bambino”. In questo caso il sogno ha anche la funzione di lenire il dolore attraverso la manifestazione del desiderio: un prendersi avanti con la “razionalizzazione del lutto”.

Guardo per terra e c’erano tanti gattini piccoli.”

Il sogno di Angiolina sembra saltare di palo in frasca, ma il simbolismo poetico consente con la sua Logica di rafforzare la psicodinamica in maniera lineare e consequenziale. Angiolina prende coscienza che ha ancora altre possibilità di diventare mamma, “per terra ci sono tanti gattini piccoli”, nella materialità del suo corpo. Angiolina ha ancora altre uova da fecondare. Il “gattino” è simbolo della femminilità e condensa nello specifico la fecondazione, il feto. Dopo il “calamaro” subentra il “gattino” in questo sogno di Angiolina che usa la sua sensibilità verso il mondo animale per attestare anche i suoi drammi personali. La consolazione resta sempre il nuovo tentativo di una gravidanza che compensa, ma non risolve, il senso depressivo della perdita vissuta. Angiolina viaggia in un sentiero lastricato di calamari e gattini sulla scia di un istinto materno che non molla e si ripresenta a ogni piè sospinto con tutte le credenziali delle esperienze vissute.

Il sogno di Angiolina tocca con la sua stravaganza figurativa una problematica dei tutte le donne che s’imbattono nella possibilità di evolvere la propria “libido” nella “genitalità” massima che soltanto una donna può vivere proprio dando la vita a un altro essere vivente, il figlio. Quest’esperienza è negata all’universo maschile e la sua “libido genitale” si dirige verso altre forme sublimate di creatività.

Così si dice in giro, ma io non ne sono del tutto convinto. L’esperienza vissuta di una fecondazione, di una gravidanza e di un parto sono e restano il maestoso capolavoro che soltanto una donna concepisce, compone e può vivere.

LA MATERNITA’ EDIPICA

TRAMA DEL SOGNO

“Camminavo da sola a passo svelto per le strade di una periferia cittadina, costeggiando una massicciata ferroviaria e arterie a scorrimento veloce, fino ad arrivare in un bellissimo acquitrino con un’erba verde brillante.

C’era una luce fredda, invernale. Era giorno.

In questa lunga camminata incontravo molte persone della mia vita, da quelle importanti a quelle marginali, ma restavano ai bordi del mio passaggio.

Infine giungevo in una bellissima città, che aveva come punto di accesso un largo su cui si affacciavano le case. Due di queste, affiancate, mi colpivano per la loro bellezza: una, la più grande, era color blu pavone e l’altra era giallo zafferano. Due meravigliosi colori resi più intensi da una luce che dal mare, che era alle mie spalle, si stampava sulla loro facciata.

Era l’ora che precede di qualche minuto il tramonto, fine estate. Sapevo di trovarmi a Siracusa (ma niente della città del sogno assomigliava alla vera Siracusa) e ad un tratto vedevo un uomo camminare a passo sicuro lungo la leggera salita che portava dal largo alle viuzze della cittadina. Non lo conoscevo, però io lo notavo.

Salendo a mia volta vedevo davanti a me, su una curva a tornante, due ragazzini, un maschio e una femmina di circa 8 e 10 anni e dicevo a quest’uomo, che era ricomparso, che erano i miei figli, avuti da due uomini diversi, dei quali non ricordavo né sembianze, né nome.

Poi lo guardavo ed ero così innamorata di lui che mi sentivo felice. Gli dicevo che ero incinta di lui e che, anche se non eravamo più giovani, io questo bambino l’avrei tenuto e non avrei fatto come con gli altri padri dei miei figli, non me ne sarei andata.

Era titubante, ma nel sogno anche lui mi amava e non diceva di no.”

Così e questo ha sognato Baba.

INTERPRETAZIONE DEL SOGNO

Camminavo da sola a passo svelto per le strade di una periferia cittadina, costeggiando una massicciata ferroviaria e arterie a scorrimento veloce, fino ad arrivare in un bellissimo acquitrino con un’erba verde brillante.”

Baba è in introspezione, sta viaggiando dentro se stessa per trovare i suoi tesori nascosti, ha una buona confidenza con se stessa e con il suo mondo interiore: “camminavo da sola a passo svelto”. “Le strade di una periferia cittadina” disegnano il progetto onirico di Baba: partire dal presente psichico per addentrarsi possibilmente in qualche arteria che velocemente porta all’immagine dello stato psichico in atto: “un bellissimo acquitrino con un’erba verde brillante”. La meta non è poi male anche se Baba ha “costeggiato una massicciata ferroviaria”, ha intravisto i suoi “fantasmi di morte” e le sue perdite depressive, tutte esperienze vissute che portano a un presente psicofisico in cui a un ristagno delle energie vitali si oppone una vivida carica di “libido”, di vitalità del corpo che vuole e della mente che desidera: “un’erba verde brillante”. E tutto questo andare avviene secondo le direttive di “arterie a scorrimento veloce”, di una consolidata “coscienza di sé” che spazia e si muove con disinvoltura e speditezza. L’introspezione iniziale viene confermata insieme alla “brillante” confidenza che Baba ha con se stessa.

C’era una luce fredda, invernale. Era giorno.”

Baba rievoca con la giusta freddezza l’evento psichico che sta preparando in sogno con tutte le precauzioni per non fare scattare il risveglio tramite la coincidenza del “contenuto latente” con il “contenuto manifesto”, il cosiddetto incubo. La “luce fredda” è dovuta simbolicamente a una “razionalizzazione” ormai stagionata dei vissuti in questione: la ragione senza emozione, una forma metallica di rivivere le esperienze significative occorse nella vita. “Invernale” ha una chiarezza depressiva, come un voler dire “nella caduta della vitalità, nella senilità, nella stagione del tramonto”. Baba è fortemente consapevole, “era giorno”, che le emozioni sul fatto in questione sono state stemperate e addirittura liquidate, per cui può andare avanti e oltre con la massima tranquillità. Tutto è sotto il controllo dell’Io vigilante e cosciente.

Che tristezza, ragazzi!

In questa lunga camminata incontravo molte persone della mia vita, da quelle importanti a quelle marginali, ma restavano ai bordi del mio passaggio.”

Baba cammina tra l’imperioso e il solenne e al centro della sua vita in atto, delle esperienze in ballo e dei vissuti coinvolti, logicamente i suoi e soltanto i suoi. Tutto il resto e tutti gli altri sono “ai bordi del mio passaggio”. Importante e degna d’interesse è soltanto la madama che, tra il riflessivo e lo ieratico, avanza al centro della sua strada, delle esperienze in atto nella sua vita. Baba è tutta presa da sé senza narcisismo, ma con tanta buddistica consapevolezza, una “coscienza di sé” che oscilla tra la nostalgia e l’attesa, tra il dolore del ritorno e il desiderio dell’avvenire. In questo riattraversare le persone importanti e marginali della sua vita e in questo renderle presenti nella panoramica mentale del ricordo emerge la protagonista del sogno con tutta la tristezza della rievocazione e la percezione gioiosa della propria consistenza psicofisica. La santa passa e la processione avanza con la statua in prima fila. Tutto resta ai bordi del suo passaggio. Non è narcisismo, è tristezza, è l’allegoria della nostalgia. Non resta che attendere dove Baba va a parare in pompa magna.

Infine giungevo in una bellissima città, che aveva come punto di accesso un largo su cui si affacciavano le case. Due di queste, affiancate, mi colpivano per la loro bellezza: una, la più grande, era color blu pavone e l’altra era giallo zafferano. Due meravigliosi colori resi più intensi da una luce che dal mare, che era alle mie spalle, si stampava sulla loro facciata.”

La tristezza è propedeutica alla Bellezza. Non si può gustare il Bello ridendo e tanto meno sorridendo. La dimensione estetica abbisogna di quella riflessione matura che, a sua volta, ha bisogno del tempo adeguatamente vissuto nell’attesa di arrivare “in una bellissima città” e di “un largo su cui si affacciano le case”. E la Bellezza immancabilmente arriva giustamente sollecitata dal paesaggio e soprattutto dal colore, anzi dai colori “blu pavone” e “giallo zafferano”. Baba è più che mai in una “reverie” nel “reve”, in una immaginazione nel sogno, in una serie di immagini che si snoda nel teatro onirico dietro la sollecitazione dell’introspezione, di questo guardarsi dentro con confidenza e con altrettanta confidenza lasciare sfilare i ricordi in questa passerella della nostalgia, di quelle persone e di quelle storie che sono state vissute e ben sistemate nel registro adeguato.

E quale registro poteva essere più giusto di quello della Bellezza?

Baba “sublima” con la leggerezza del suo passo e dei suoi sensi il materiale psichico che tocca e condensa in “due case” e soprattutto nei “colori” di questi ricordi e di queste esperienze, “due meravigliosi colori resi più intensi da una consapevolezza che affonda le sue radici nel Profondo psichico, “dal mare che alle mie spalle”. La Bellezza è la trasfigurazione di persone e di personaggi, di “fantasmi” e di esperienze vissute, che a contatto con la Ragione trovano l’armonia dei sensi in una pacata compostezza che si stampa nella facciata delle case originalmente colorate di esotici “blu pavone” e “giallo zafferano”. Questi due colori e la luce del mare fanno il capolavoro. La curiosità nasce nel prosieguo dell’interpretazione del sogno e nell’attesa di individuare precise sagome e personaggi all’interno di queste due case. Prima è opportuno parafrasare quanto detto in maniera più chiara e pop. Baba ha recuperato dal suo passato esperienze vissute e le filtra con i canoni estetici per viverne la Bellezza, al di là delle connotazioni umane ed esistenziali

Era l’ora che precede di qualche minuto il tramonto, fine estate. Sapevo di trovarmi a Siracusa (ma niente della città del sogno assomigliava alla vera Siracusa) e ad un tratto vedevo un uomo camminare a passo sicuro lungo la leggera salita che portava dal largo alle viuzze della cittadina. Non lo conoscevo, però io lo notavo.”

Era l’ora che volge al desio e ai naviganti intenerisce il core, il tempo della caduta dei sensi in sul tramontare della vita, prima della morte, prima di godere della vita vissuta e del ricordo dei minuti fermati negli attimi. Baba ha passato i cinquant’anni e ha una piena consapevolezza del suo corpo e dei diritti del suo essere femminile in piena ottemperanza alle leggi di Natura che esigono “un tramonto in una fine estate”. Anche la coscienza del luogo, “Siracusa”, è vivida come il gusto dei vissuti sensoriali che sono associati a “un uomo”, una figura maschile che permette all’amore di Baba di riscattarsi dalle pastoie del tempo andato e delle occasioni mancate tra un dejà vu e un dejà vecu, tra un desiderio che ritorna e una nostalgia che si allontana. Baba riesuma un uomo che ha fatto entrare dentro di lei con la consapevolezza del godimento estetico dei sensi che non vogliono in alcun modo “sublimarsi” nella stagione dei saldi e degli sconti presso il centro commerciale più vicino al luogo del peccato e al suolo francese, meglio mediterraneo, meglio siracusano che non è mediterraneo e neanche francese. Questo è il luogo di Baba, il “topos” in cui ha consumato il più grande peccato della sua vita, notare un “uomo che in leggera salita cammina verso il largo delle viuzze”, un uomo che aveva già conosciuto tra i meandri della sua miscellanea di sensi brillanti e di sensazioni eclatanti, di desideri eccitati e di pulsioni cruente. Il luogo è quello che sbocca nello spazio aperto di un orgasmo vissuto con un uomo sconosciuto ma ben preciso nell’immaginazione creatrice di una bambina arzilla che tanto fantastica e altrettanto allucina. Baba finge di non essere lei la donna inquisita sull’altare dei preti politicanti, ma sa benissimo che quell’uomo è suo padre camuffato dal saio di un frate cappuccino che sale la strada che porta al convento dopo la questua, dopo aver frequentato donne di mercato e uomini peccatori. Baba è in piena rievocazione della sua “posizione edipica” e sta riesumando il padre dalle fondamenta di una città che è il suo corpo, il padre incarnato nei suoi desideri di bambina e ancora irretito nelle maglie della donna di oggi, un tempo che volge al desio e a Baba intenerisce il core. Ma Baba finge di non riconoscere le fattezze del padre, ma non può fare a meno di conoscere i segnali della sua eccitazione, del suo pentolone che bolle e ribolle tra ricordi antichi e lontani e tra desideri presenti e urgenti.

Salendo a mia volta vedevo davanti a me, su una curva a tornante, due ragazzini, un maschio e una femmina di circa 8 e 10 anni e dicevo a quest’uomo, che era ricomparso, che erano i miei figli, avuti da due uomini diversi, dei quali non ricordavo né sembianze, né nome.”

Ecco che Baba sale a sua volta e ha la piena consapevolezza che negli amplessi pericolosi, “la curva a tornante”, si corre il rischio di avere dei figli, “due ragazzini, un maschio e una femmina”, si rischia l’incesto e di avere un figlio dal padre, anzi due figli da “fantasmi” diversi ma sempre riconducibili alla figura paterna. E proprio perché si tratta del padre, la funzione onirica provvede a rappresentarlo senza rappresentarlo, senza “sembianze” e senza “nome”. I padri “ricompaiono” sempre sul luogo del delitto consumato dalle figlie birichine e vogliose, così come i figli inanellati con uomini diversi, a che non si riconosca il vento di tramontana che ha lasciato immancabilmente il posto allo scirocco dopo un periodo di bonaccia. Legge universale onirica impone che le persone senza volto e senza nome siano i genitori. Tutto merito del buon funzionamento della censura onirica e dei meccanismi di formazione e confezionamento del sogno. Nello specifico, a che non si fosse ancora capito, Baba sta sognando le pulsioni e i desideri edipici, la pulsione sessuale e il desiderio di donare un figlio, anzi due, al padre in riconoscimento del suo valore di donna matura.

Il prosieguo lo dirà nei termini chiari come l’acqua di fonte che scende dalla montagne del Trentino e che con la fantasia arrivano alle pendici di Buccheri, la dove nasce l’Anapo e dove inizia il lungo travaglio di ricerca della sua Ciane, prima della fusione acqua con acqua, prima di inabissarsi e scomparire nelle falde calcaree del vallone di Carancino.

Poi lo guardavo ed ero così innamorata di lui che mi sentivo felice. Gli dicevo che ero incinta di lui e che, anche se non eravamo più giovani, io questo bambino l’avrei tenuto e non avrei fatto come con gli altri padri dei miei figli, non me ne sarei andata.”

La felicità è la presenza di un demone dentro, l’innamoramento e l’amore sono i tormenti consapevoli di questo spirito vitale che Freud volle chiamare “libido” sulla scia di Dioniso, di Epicuro, di Nietzsche. Il demone non si lascia suggestionare dai doni della Ragione di Apollo, il demone è birichino e gode alla visione del tormento procurato per grazia ricevuta. Baba è felice perché ha una prospera vitalità che l’assiste nel cammino del tramonto e che non disdegna di abbandonarsi alle dolci trame del ricordo. Baba è incinta di lui e vuole dare parola, “gli dicevo”, a questa nuova consapevolezza di avere ancora un figlio a strascico di quelli paterni, di essersi fatta ingravidare da un uomo in proseguimento della processione del Santo paterno. Dopo due figli edipici Baba è riuscita a concedersi un figlio tutto suo che sa e odora del dopobarba di suo padre: la consapevolezza di questo mondo incubato e tenuto a lungo nel sicuro delle grate e delle griglie oniriche è la novità del tempo maturo, della terza età, quella che viene sempre prima della quarta età e dopo la seconda. Mi spiego e mi rispiego: Baba sa del suo forte e contrastato legame con il padre e del perché non si è mai legata abbastanza agli altri uomini della sua vita al punto di avere gravidanze, travagli, parti e figli da svezzare e accudire sin dal primo mese, doni dell’amore “genitale”, quello che viene dopo quello “edipico”.

Una domanda sorge spontanea come nelle migliori dizioni del giornalista nel suo antico “mi manda Lubrano”: ci sono le uova per fare la frittata adesso che non si è più giovani?

Dopo tante fughe in avanti e in retro la donna si accorge del suo amore variegato nei confronti del padre e della sua realtà di un nostalgico desiderio di potenza e di onnipotenza. Per fortuna oggi la gravidanza può essere “assistita” in onore al padre e senza quell’uomo che non è necessario in un universo in cui i figli sono delle madri e in attesa di essere di se stessi.

Era titubante, ma nel sogno anche lui mi amava e non diceva di no.”

Con i conforti religiosi si è spento il desiderio di una donna edipica e si è ricomposta la salma del padre come nelle migliori tradizioni popolari e nei più brillanti riti profani. La titubanza è la sorpresa che si mangia a piccoli bocconi prima del piatto forte e risolutivo, “anche lui mi amava”, ma soprattutto prima del “silenzio assenso” tanto caro ai prefetti della Repubblica quando non sanno che pesci pigliare, quando ignorano di saper leggere e scrivere. Baba finalmente ha sciolto il nodo e ha tagliato la testa al toro: l’immagine paterna mi ha affascinata nel corso della mia vita e adesso ho la piena consapevolezza dei condizionamenti esistenziali che mi sono data da sola ristagnando creativamente in questa “posizione psichica edipica”. E’ oltremodo ovvio che “non diceva di no” è la classica “proiezione” che si può usare come esempio illustrativo nella didattica dei novelli psicoanalisti, quelli che non ci sono più e che sicuramente non sono mai esistiti dopo di Lui. Il “controtransfert” del padre non lo sapremo mai, ma piace immaginare che il vecchio marpione sapeva ben calibrare il suo intervento in maniera compiaciuta verso la figlia procace, al fine di renderla fascinosa quel che basta per diventare una maliarda.

Buon viaggio e buon appetito, Baba!

GLI INSETTI IN TESTA

TRAMA DEL SOGNO

“Ieri notte ho sognato o perlomeno mi sono insolitamente ricordata di aver sognato.

Le scrivo anche per il disagio che mi ha lasciato in questa giornata e che ancora non mi è completamente passato.

Ero a casa con il mio compagno in una situazione di assoluta normalità.

Sento un forte prurito in testa, quasi insopportabile.

Vado in bagno e mi spazzolo i capelli, assurdamente vedo il mio cuoio capelluto, pur avendo una folta capigliatura, è completamente coperto da uno strato argilloso solidificato.

Provo a pulirmi con le mani, questa copertura la vedo creparsi e cadere a pezzetti della stessa dimensione e qui mi accorgo che dividendosi alcuni diventano insetti, li vedo muovere e non provo nessun stupore, mi lavo i capelli e non vedo più il cuoio capelluto, tutto quanto si è sgretolato, scomparso, forse sciolto dall’acqua.

Mi sento bene, pulita, racconto al mio compagno quanto accaduto e, come me, non se ne sorprende.

Passano pochi minuti e risento lo stesso prurito, ritorno in bagno, tutto si ripete ….e fortunatamente mi sveglio o comunque non ricordo altro.”

Annamaria

INTERPRETAZIONE

Procedo passo dopo passo con la massima chiarezza consentita dalla psicodinamica del sogno di Annamaria.

Ieri notte ho sognato o perlomeno mi sono insolitamente ricordata di aver sognato.”

Il Vivente umano e animale possiede una attività psicofisiologica onirica in cui riversa i propri contenuti psichici seguendo le modalità dei “processi primari”, nello specifico la “condensazione” e lo “spostamento”, in generale la Fantasia che si esercita anche nella veglia.

L’amnesia del contenuto o di parte dei contenuti del sogno è assolutamente normale e dipende dal grado di intensità del sonno e dalla parziale presenza di memoria. In ogni caso ricordiamo sempre parti o spezzoni dei nostri sogni e al risveglio li componiamo secondo la Logica consequenziale commettendo un errore, perché la funzione onirica non procede secondo i principi della Logica aristotelica. La presenza di memoria nel sonno dipende anche dalle fasi REM e nonREM. Annamaria era in fase REM e ha ricordato la trama del sogno perché era turbata dal contenuto e si è in parte svegliata continuando a dormire e a elaborare il suo prodotto psichico, quei vissuti e quei temi che l’avevano colpita nei giorni precedenti e che occupavano lo spazio subcosciente della sua psiche.

Le scrivo anche per il disagio che mi ha lasciato in questa giornata e che ancora non mi è completamente passato.”

Quando il sogno tocca note conflittuali e dolenti, lascia uno strascico di tensione e di amarezza fino a quando non interviene la “razionalizzazione” del contenuto o il meccanismo di difesa della “rimozione”. La prima opera una comprensione più o meno precisa del significato psichico profondo, il secondo fa dimenticare la trama del sogno e attenua la tensione. Quest’ultima può durare anche due o tre giorni prima di lasciare il posto ad altre evenienze psicofisiche.

Ero a casa con il mio compagno in una situazione di assoluta normalità.”

Tutto nella regolarità esistenziale e nella normalità psichica, tutto nella continuità storica delle persone della coppia, tutto procede secondo copione e secondo monotonia. Annamaria ha un uomo su cui investe la sua “libido”, la sua energia vitale affettiva, erotica e sessuale. In questa maniera vive il suo compagno di vita e di cammino. La problematica psichica che si profila è personale, ma verte anche sulla vita di coppia.

Sento un forte prurito in testa, quasi insopportabile.”

La “testa” è un simbolo fallico e condensa il potere della mente e della razionalità. Il “prurito” rappresenta la degenerazione della “libido” nella sua accezione conflittuale, una lotta tra idee opposte e progetti contrastanti. Annamaria vive una psiconevrosi che è partita dalla vera natura sessuale della “libido” e che si è “sublimata” nella sfera mentale. La ripetitività della pulsione e dell’istanza psichica procura affanno. Il “prurito” può essere equiparato a un travaglio in attesa del parto, a un’evoluzione psicofisica che avrà la sua epifania o manifestazione.

Vado in bagno e mi spazzolo i capelli, assurdamente vedo il mio cuoio capelluto, pur avendo una folta capigliatura, è completamente coperto da uno strato argilloso solidificato.”

Il bagno è il luogo simbolico dell’intimità e della “catarsi” e, infatti, Annamaria si chiarisce le idee spazzolandosi i capelli, prende atto dei suoi pensieri e progetti in riguardo alla sua persona e al suo essere in coppia. Nonostante i tanti capelli della sua realtà tricologica, Annamaria si rende conto che il suo cuoio capelluto è ricoperto di uno strato argilloso, oltretutto solidificato, prende consapevolezza che le sue idee e i suoi progetti si sono talmente irrigiditi perché sono stati oltremodo difesi dalla presa di coscienza per continuare a vivere e per non turbare l’armonia monotona della quotidianità esistenziale e dello scambio di coppia. I progetti psichici di Annamaria sono stati rilanciati nel tempo, sono stati rimandati al punto di essere rigidamente difesi, ma hanno incontrato un punto di rottura proprio per questo disguido temporale. Annamaria chiede a se stessa cosa è successo alle sue idee e ai suoi progetti, perché il suo quadro mentale si è irrigidito.

Degno di rilievo è il meccanismo onirico della “figurabilità”: rappresentare la psicodinamica con l’immagine adeguata e creativa.

Provo a pulirmi con le mani, questa copertura la vedo creparsi e cadere a pezzetti della stessa dimensione”

Annamaria è pronta e matura per prendere coscienza di cosa si nasconda sotto la copertura cerebrale e di cosa si tratta. La pulizia con le mani del cuoio capelluto è una prima “catarsi” attraverso l’azione e il fare. Annamaria è una persona concreta e socievole che aiuta le sue consapevolezze attraverso le azioni e le relazioni. In questo contesto di praticità e di pragmatismo Annamaria può procedere alla pulizia delle sovrastrutture ideologiche che hanno limitato la sua vita e l’esercizio della sua “libido”. Si tratta proprio di un sistema sovrastrutturale di ideologie, di insegnamenti familiari, di dettami sociali, di idee rigide e fisse, di schemi culturali che hanno impregnato Annamaria sin dalla sua infanzia e ne hanno condizionato le scelte. E’ giunto il tempo di liberarsi di questo materiale psichico difensivo e non autentico, è arrivato il tempo di cambiare e di avviarsi verso la scoperta dell’autenticità o di quello che veramente Annamaria pensa e vuol progettare perché lo desidera. L’essere della stessa dimensione denota che i pezzetti di argilla o le idee sono della stessa qualità e vertono sullo stesso tema. Andiamo a vedere la qualità dei contenuti, dopo aver ribadito la bontà dell’uso del meccanismo della “figurabilità”.

e qui mi accorgo che dividendosi alcuni diventano insetti, li vedo muovere e non provo nessun stupore,”

Cosa aveva rimosso o apparentemente dimenticato Annamaria?

Cosa aveva avvolto e confuso con le sovrastrutture ideologiche e con gli schemi socioculturali Annamaria?

E’ presto detto: la fecondazione e la gravidanza, il desiderio di avere un figlio e il bisogno di diventare madre. Gli “insetti” rappresentano simbolicamente gli spermatozoi, il seme che provvede alla fecondazione e all’ingravidamento. Il progetto si è disoccultato e non produce alcun turbamento psicofisico. “Mi accorgo” si traduce “ho preso consapevolezza” di un’idea e di un progetto che ho tenuto dentro per una vita, dall’infanzia alla maturità in pieno rispetto del mio essere femminile. Essere fecondata rientra da sempre nei miei piani e nelle mie attese esistenziali, ma la cultura e la razionalità hanno destituito di realtà e hanno ostacolato la realizzazione del mio progetto di diventare madre.

mi lavo i capelli e non vedo più il cuoio capelluto, tutto quanto si è sgretolato, scomparso, forse sciolto dall’acqua.”

La “catarsi” è completa insieme alla presa di coscienza, le idee sono liberate dai sensi di colpa, il progetto è stato ripulito dalle paure per ritornare a essere un insieme di idee naturali e normali. Annamaria si è liberata dalle sovrastrutture difensive, meccanismo di difesa della “razionalizzazione” che può degenerare nella “intellettualizzazione”, e dalle resistenze psichiche che le impedivano di prendere coscienza dei suoi desideri e dei suoi bisogni di donna. “L’acqua” è simbolo femminile e denota l’emergere dell’istinto materno all’interno di un progetto molto mentale di maternità. Annamaria ha smarrito nel processo di “razionalizzazione” la pulsione e il desiderio di diventare madre. Il desiderio è la rappresentazione mentale dell’istinto. “Sgretolato”, “scomparso”, “sciolto” sono i verbi che attestano di un processo drastico di liberazione e di ritrovata armonia psicofisica. Annamaria è una donna molto decisa e con la sua ascia razionale taglia la testa al toro senza incertezze e titubanze.

Mi sento bene, pulita, racconto al mio compagno quanto accaduto e, come me, non se ne sorprende.”

Come volevasi dimostrare ritorna il compagno in un teatro di assoluta normalità e di ritrovata armonia psicofisica. I due hanno tanto parlato della possibilità di una gravidanza al punto che si sono fatti una ragione dell’impossibilità di avere un figlio. Si presenta una coppia che nel tanto ragionare omette il tanto desiderare. Il desiderio è la molla dell’azione e la coscienza consegue con la deliberazione e la decisione. Nella coppia è stato risolto con un nulla di fatto la possibilità di avere figli. Annamaria si sente bene e non avverte alcun senso di colpa proprio perché ha tanto ragionato sulla possibilità di un lieto evento. Purtuttavia, il sogno non si esime di farle presente il travaglio intellettivo che ha vissuto per giustificare questa scelta.

Passano pochi minuti e risento lo stesso prurito, ritorno in bagno, tutto si ripete ….e fortunatamente mi sveglio o comunque non ricordo altro.”

Ma non è finita, la psicodinamica si ripete. Dopo la quiete arriva nuovamente la tempesta. Perché questo ritorno di fiamma? Il motivo si attesta nell’intensità del vissuto emotivo e nella rigidità della convinzione razionale. Annamaria ha fatto una scelta di testa che non è stata assorbita dal corpo, ha giustificato razionalmente una possibilità che il corpo voleva vivere. L’universo desiderante è entrato in conflitto con l’universo deliberante. Il ritorno della trama del sogno dice di una psiconevrosi, un conflitto da ripensamento e favorito dalla pulsione alla maternità e dal desiderio di avere un figlio.

Nel ricordare che il “prurito” condensa simbolicamente la degenerazione di un bisogno erotico e di un desiderio sessuale proprio perché coinvolge la “libido epiteliale”, si può chiudere il sogno di Annamaria con l’invito alla revisione delle scelte apparentemente ratificate o con la ulteriore “razionalizzazione” della frustrazione dell’istinto materno.

Concludo dicendo che questo è un sogno molto diffuso tra le donne in menopausa proprio per l’impossibilità organica di avere figli e ribadendo l’uso costante e acuto del meccanismo della “figurabilità” da parte di Annamaria.

IL SOGNO A MATRIOSCA 3

RIASSUNTO DEL SOGNO PRECEDENTE

Saba conclude il secondo sogno a matriosca con la piena consapevolezza delle sue psicodinamiche e precisa anche il metodo psicoterapeutico che segue, quello più antico e vicino al Buddismo, la metodologica socratica. Nella prima parte del sogno Saba elabora il suo distacco sublimato dalle psicodinamiche sessuali della maternità e manifesta una soglia di tolleranza della frustrazione molto alta in grazie alla buona ed esibita auto-consapevolezza.

TRAMA DEL TERZO SOGNO A MATRIOSCA

“Esco di casa e sono nel mio terzo sogno, in giro con mia madre rediviva, tornata dal regno dei morti in splendida forma, vestita di rosso, ma sportiva, pantaloni anziché gonna.

È molto attiva, si muove con sveltezza. Ovviamente ha l’ultima età che le è stata consentita, io non posso sapere come sarebbe diventata, quindi la sogno in un tempo immobile, che ora coincide col mio tempo in corsa: ho la sua età di allora o lei la mia di adesso.

Vuole andare in banca a depositare un assegno e mi chiede se di pomeriggio le banche sono aperte.

“Certo, mamma”, le dico. Mi piace chiamarla mamma, al risveglio è una delle sensazioni più appaganti che mi porto dietro.

Le dico che ci rivediamo la sera stessa e me ne vado.”

Saba

INTERPRETAZIONE DEL TERZO SOGNO A MATRIOSCA

Esco di casa e sono nel mio terzo sogno, in giro con mia madre rediviva, tornata dal regno dei morti in splendida forma, vestita di rosso, ma sportiva, pantaloni anziché gonna.”

“Simile simili cognoscitur” sentenziavano gli antichi Romani, i nostri saggi e valorosi progenitori: “il simile si assimila al simile e riconosce il simile”. I Veneti dicono ancora oggi che “la ghianda caduta non va al di là della chioma della quercia”, resta nel raggio della pianta madre. E così nel terzo sogno Saba esordisce con la figura materna e ci presenta una donna in forma e dalle mille variegate sfumature di rosso, il colore della reattività e della vitalità estrema, nonché della rabbia. Saba esce dalla psicodinamica del sogno precedente, la maternità sublimata e la coscienza di sé, per immettersi nelle acque tempestose della figura materna “rediviva”, morta fuori ma viva dentro di lei, e si porta a spasso una madre riesumata dal dimenticatoio, la difesa della “rimozione”, oltre che dal regno dei morti. Saba in sogno elabora la maternità spostandola e condensandola nella madre.

Quale migliore operazione difensiva poteva fare, se non questa per continuare a dormire e a sognare?

In questo terzo sogno la macchina motrice è sempre la stessa dei primi due, la maternità, sia pur con le sfaccettature necessarie all’evoluzione del conflitto vissuto da Saba, che di getto si proietta nella madre e descrive se stessa nell’essere “sportiva” e giovanile e affermativa, “pantaloni anziché gonna”. Saba descrive una “virago”, una donna di potere che ha risolto i suoi conflitti psichici e relazionali con quell’affermatività e quella petulanza che non guastano nel grembo e nella mente di una donna arzilla. Saba si descrive, si piace e si compiace del suo essere femminile nel corpo e maschile nella psiche. Saba descrive una figura androgina molto brillante e mitica, una donna a cui non si raccontano frottole e che non costruisce castelli in aria. La “splendida forma” si attesta proprio in questa vitalità aggressiva e in questo valido pragmatismo; fatti e non chiacchiere.

È molto attiva, si muove con sveltezza. Ovviamente ha l’ultima età che le è stata consentita, io non posso sapere come sarebbe diventata, quindi la sogno in un tempo immobile, che ora coincide col mio tempo in corsa: ho la sua età di allora o lei la mia di adesso.”

Il quadro psicofisico era stato annunciato ed è stato ampiamente descritto in precedenza: “molto attiva e si muove con sveltezza”. La madre, meglio la stessa Saba si vive in sogno “molto attiva” nel fare e pragmatica più degli Inglesi positivisti in “si muove con sveltezza”. Aggiungo che la “sveltezza” è simbolicamente l’abilità mentale nei processi di intuizione e di sintesi. Corpo e mente sono in buona sintonia. Si tratta di attributi che Saba ha prelevato dalla madre durante il processo di “identificazione” per acquisire la sua “identità” psichica di donna abile e capace, non certo di donnetta lessa nel doppio brodo Star. Di poi, Saba passa a precisare le questioni temporali e in ciò denota che il suo sonno è leggero e agitato, la terza fase REM, dal momento che ragiona con la lucidità di una donna in sul primo mattino o dopo aver sorbito una buon beverone di caffè Lavazza. La madre ha l’età che aveva quando è morta, ma non ha l’età degli ultimi istanti vissuti perché Saba la ringiovanisce e la porta alla sua età e completa l’opera di giocare con il Tempo, possibile solo in sogno o nelle fantasie, invecchiandosi all’età in cui la mamma è morta. E’ la stessa tematica che Edmondo De Amicis tratta nella sua poesia dedicata alla madre, che comincia “Non sempre il tempo la beltà cancella o la sfioran le lacrime e gli affanni” per concludere “Vorrei veder me vecchio e lei dal sacrificio mio ringiovanita”. Mi spiego meglio. La madre è nel “Tempo immobile”, mentre Saba è nel “Tempo in corsa”, condividono due modalità del Tempo, lo scorrere evolutivo e lo stare fermo o il “breve eterno”, il Tempo psichico che riporta in vita le nostre presenze interiori. Quello che sta facendo Saba, dopo essersi identificata nella madre, è proprio questo, la madre “viva” dentro di lei e la madre “morta” fuori di lei. La madre “viva” è nel suo “breve eterno” o “Tempo immobile”, la madre “morta” è nello scorrere temporale o “Tempo in corsa”. Si spiega in tal modo “ho la sua età di allora e lei la mia di adesso”. L’identificazione nella figura materna è particolarmente brillante nel sogno di Saba. La presenza è stata importante e l’assenza altrettanto.

Vuole andare in banca a depositare un assegno e mi chiede se di pomeriggio le banche sono aperte.”

Decodificare “l’assegno” nel suo simbolo è determinante per il prosieguo del sogno e per la sua comprensione. “L’assegno” è la traslazione del denaro, il denaro si traduce in potere sessuale, in capacità d’investimento di “libido”, in affermazione sociale e valore femminile in questo caso. Saba rievoca della madre la sua capacità di essere affermativa e di essere una figura reale e concreta più che astratta e carismatica, un donnone con il libretto degli assegni in tasca e sempre pronta a metterci del suo nella rete delle relazioni che intercorrono nella quotidiana pratica esistenziale. La madre vuole andare in banca a depositare un assegno e non sa se le banche sono aperte di pomeriggio: Saba ha potere, ma dubita sui tempi e sulle modalità d’investimento. Saba si è proiettata nella madre e come lei ritiene di essere una donna di gran valore, un donnone, ma, ancora una volta come lei, non sa trovare le occasioni e le condizioni per esternare e rendere oggettivo quel “ben di dio” che si porta addosso in riguardo al corpo e alla mente, nonché alle sue arti seduttive, erotiche e sessuali. Saba sente di avere dentro una banca, un potenziale esplosivo di capitali e di talenti umani, ma, come il vissuto che lei ha della mamma, si vive come una donna sacrificata che non ha realizzato quel che vale e che si è costretta a non investire i suoi valori mobili.

Viva le banche aperte, viva le donne che spendono tutti i loro quattrini non soltanto in balocchi e profumi, ma anche nella piena convinzione del “sapere di sé”, quell’auto-coscienza salvifica che aiuta a investire quintali di “libido” senza alcuna paura e titubanza.

“Certo, mamma”, le dico. Mi piace chiamarla mamma, al risveglio è una delle sensazioni più appaganti che mi porto dietro.”

Anche qui ci sta bene il solito “come volevasi dimostrare” perché Saba rassicura se stessa tramite la mamma sulla possibilità di versare in banca un assegno anche nelle ore pomeridiane. La banca delle virtù e del potere è aperta anche nell’età matura. Saba si consola con la consapevolezza del valore e della dignità di donna matura. La predilezione di “chiamarla mamma” annuncia il bisogno e desiderio della maternità che Saba si sta portando dietro e dentro i suoi sogni a matriosca. Una donna è completa come la mia mamma quando diventa madre. Questa consapevolezza aiuta a vivere e riempie in questo risveglio psichico quello che è mancato a Saba.

Le dico che ci rivediamo la sera stessa e me ne vado.”

Le dico che le voglio tanto bene e vado avanti nella mia vita. Saba congeda la madre temporaneamente e dice a se stessa che la partita si gioca nella sua interiorità dove la figura materna non mancherà, il suo “breve eterno”, e soprattutto non mancherà la piena coscienza di quanto Saba abbia desiderato la maternità e di come abbia sistemato l’assenza di un figlio che l’avrebbe chiamata mamma o maman alla francese. Degno d’interesse il buon dialogo che Saba ha con se stessa: “le dico che ci rivediamo”.

Il sogno a matriosca numero 3 è dedicato alla madre e si conclude con l’incontro e la testimonianza che restiamo sempre nella psicodinamica della maternità e dell’identificazione al femminile. Persiste pacato il rammarico insieme alla consapevolezza della mancata esperienza e del persistente desiderio.

Il filo conduttore dei tre sogni a matriosca di Saba è la contrastata dimensione materna. Non resta che analizzare il quarto e trarre gli auspici di questa libera e originale associazione onirica.

IL SOGNO A MATRIOSCA 2

RIASSUNTO DEL SOGNO PRECEDENTE

Saba sogna a matriosca, un sogno dentro l’altro, ma sicuramente un sogno dopo l’altro e ricorda questo suo meccanismo e questa sua modalità di sognare proprio perché l’intensità del sonno REM è media. Saba è mezza sveglia verso la fine del sogno e consapevolmente lo riprende e riparte per una nuova avventura onirica attinente. Saba è una donna che possiede una ricca vitalità onirica a conferma di una altrettanto ricca vita psichica e di una notevole disinibizione nel trattare i suoi prodotti psichici. Nel sogno precedente Saba aveva elaborato il suo bisogno di maternità e la sua difficoltà a diventare madre per un problema legato al compagno e per qualche trauma che la riguardava direttamente. Non erano presenti sensi di colpa, ma era rappresentata chiaramente la dinamica della fecondazione e l’esito infausto per l’insufficienza di seme, oligospermia e necrospermia. Vediamo dove va a parare il sogno della matriosca successiva.

LA TRAMA DEL SECONDO SOGNO DELLA MATRIOSCA

“A questo punto mi affaccio ad un poggiolo e guardo dall’alto la prima scena del mio secondo sogno; vedo la figlia del mio compagno che sta festeggiando il suo compleanno all’aperto, con tantissimi invitati.

Adesso ho ricordi confusi, ma so che c’erano un sacco di letti matrimoniali. Io non scendo, resto a casa con il mio compagno e intanto si fa sera.

Riappare mia sorella e ci mettiamo a parlare del senso della vita.

Entra la figlia del mio compagno e mia sorella la convince ad ascoltare una canzone di Tiziano Ferro (inventata all’uopo dalla mia mente arzigogolata) che nel titolo ha la parola “Iromia”, con la emme al posto della enne.

Mia sorella spiega con fervore che Ferro ha dimostrato una grande sensibilità ad inserire l’uso dell’aggettivo possessivo nel termine ironia.

Ascolto anch’io la canzone, ha delle belle parole, le conosco e canto, anche se al risveglio non le ricordo.”

L’INTERPRETAZIONE DEL SECONDO SOGNO DELLA MATRIOSCA

A questo punto mi affaccio ad un poggiolo e guardo dall’alto la prima scena del mio secondo sogno; vedo la figlia del mio compagno che sta festeggiando il suo compleanno all’aperto con tantissimi invitati.”

Saba si stacca dal coinvolgimento con la problematica dialettica della maternità contrastata e impedita e si mette in un punto di osservazione sublimato dove può portare avanti, al meglio e senza sofferenza, i temi dominanti in questa notte a sogni multipli. “Guardo” si traduce in “prendo coscienza” e “dall’alto” si traduce “sublimo”. Saba non cade nell’angoscia depressiva legata alla perdita della capacità di procreare e usa la “razionalizzazione” per giustificare a se stessa questo momento critico e questo rospo non facile da ingurgitare. All’uopo mette le sue energie al servizio di se stessa e degli altri e travalica l’aspetto materiale della maternità come esperienza vissuta, magari legandosi affettivamente alla figlia del compagno. Tanta gente sotto il poggiolo e all’aperto festeggia lo scorrere del tempo di una giovane donna su cui Saba investe le sue energie amorose e solidali. Saba si è staccata da gran signora dalla gente e si è posta in un poggiolo, in una sua nicchia in alto da dove osserva una figlia adottiva e la gente che le fa festa. La soluzione è buona e verte tra consapevolezza e sublimazione. Saba contempla.

Adesso ho ricordi confusi, ma so che c’erano un sacco di letti matrimoniali. Io non scendo, resto a casa con il mio compagno e intanto si fa sera.”

La confusione è giustificata dall’angoscia che il tema onirico suscita. Vuol dire che la “rimozione” della delicata e traumatica psicodinamica funziona a metà e il materiale psichico che emerge e sfugge al carcere della “rimozione” combina la trama del sogno camuffandola in maniera adeguata tramite il meccanismo psichico di difesa della “figurabilità”, dare la giusta immagine simbolica al materiale emerso per non farlo riconoscere. Infatti i tanti “letti matrimoniali” attestano la psicodinamica della coppia nell’intimità sessuale, quando il maschile e il femminile s’incontrano per fondersi nelle prerogative naturali inscritte negli organi. Ma Saba sa tutto questo e non è una novità che la sconvolge, è una situazione da cui si astiene senza fuggire ma con lo scoramento depressivo di chi non può partecipare alla pari al convegno dei maritati in procinto di combinare guai procreativi e trasgressioni erotiche. Saba non scende e resta in alto e in casa insieme al suo compagno di viaggio in questa impresa teatrale che mette in scena una psicodinamica di coppia tra le tante che incorrono nei sentieri della vita e del vivere. Saba vive la sua coppia in maniera appartata e anomala per pudore e per rabbia. Lei non scende nella materia e nella materialità della sessualità e della fecondazione per adire a una gravidanza, simbolo del letto matrimoniale, Saba sublima la sua “libido” e la mette al servizio della sua sensibilità di donna che assorbe quello che impara e lo fa suo. “Intanto si fa sera” rievoca il verso del poeta Salvatore Quasimodo della brevissima poesia “Ed è subito sera”, un poeta immeritatamente riconosciuto come Nobel. Intanto Saba abbassa la vigilanza della coscienza, si obnubila in uno stato “spleen”, la milza greca funziona producendo bile nera che porta inquietudine e malinconia. Stasera non esco e “resto a casa con il mio compagno”: l’associazione fa la forza e la condivisione porta coraggio.

Ma cosa condividono i due?

Riappare mia sorella e ci mettiamo a parlare del senso della vita.”

I due sublimano con le discussioni filosofiche il trauma occorso alle singole persone e alla coppia. Possono scrivere un nuovo trattato sul “De consolatione philosophiae”” come se non bastasse già quello di Severino Boezio. Oppure si mettono in sintonia con le drastiche teorie dell’Esistenzialismo francese, quelle di Sartre e di Camus, dal momento che prediligono la lingua francese per quel sapore erotico che si porta dentro e dietro. La “sorella” “riappare”, riappare l’alleata onirica, quella persona su cui Saba può proiettare le sue angosce e portarle avanti in sogno e che magari stima come una valida interlocutrice di temi astratti e altamente inutili come quelli “del senso della vita”. Saba sta dicendo che arriva sua sorella e si mettono a parlare tanto per parlare, a parlare per niente. Certo bisogna considerare quanto la parola e il parlare aiutano a scaricare e a comunicare, a capire e a sedare.

Potere terapeutico del Verbo e potere taumaturgico del Verbalizzare!

Bisogna riformulare le ragioni del vivere attraverso il parlare per cicatrizzare le ferite e ripartire verso le avventure che incorrono facilmente a chi si muove e va in giro per il mondo anche se crudele. Vediamo, a questo punto, dove va a parare la matriosca onirica 2 di Saba.

Entra la figlia del mio compagno e mia sorella la convince ad ascoltare una canzone di Tiziano Ferro (inventata all’uopo dalla mia mente arzigogolata) che nel titolo ha la parola “Iromia”, con la emme al posto della enne.”

La situazione sociale si complica per motivi di ordine psichico e Saba introduce la figlia del compagno, quella che all’inizio del sogno festeggiava il compleanno con tantissimi invitati e con tanti letti matrimoniali, quella giovane donna ricca di tante promesse e di tante virtù che Saba vive con un’ambivalenza affettiva di un certo spessore e che guardava dal poggiolo in alto della sua casa. Anche la sorella continua a fungere per Saba, alleata che, oltretutto, arzigogola una canzone inesistente del cantante Tiziano Ferro, un testo che nel titolo contiene la soluzione del quadro psicodinamico: “iromia”. Saba dice a se stessa tramite la sorella e la figlia del compagno di usare il metodo socratico della “ironia” e della “maieutica” per conoscere se stessa, di effettuare una buona “razionalizzazione” della propria condizione psichica attraverso la perdita delle false certezze e l’acquisizione delle nuove verità, quest’ultimo punto attraverso un parto di “parti di sé”, valori culturali e virtù sociali.

Ma perché Tiziano Ferro e non Tony Santagata o Albano e Romina, immarcescibili come il fiore che non marcisce alla porta della chiesa prima del funerale?

Tiziano Ferro è vissuto come il cantante dell’intimità e dell’interiorità attraverso un’espressione linguistica semplice e non banale e che non manca di una vena futuristica. Saba è tutta presa da se stessa e dai suoi “fantasmi” in riguardo alle sue maternalità e maternità, nonché dalla sua tendenza a isolarsi nella ricerca della risoluzione, solipsismo. In ogni caso Saba sa bene quali sono le cose giuste, quelle che deve fare: la tensione alla “coscienza di sé”.

Mia sorella spiega con fervore che Ferro ha dimostrato una grande sensibilità ad inserire l’uso dell’aggettivo possessivo nel termine ironia.”

Saba si proietta nello schermo gigante della sorella alleata e rende ragione della grande sensibilità necessaria alla pratica socratica del “conosci te stesso”, basata come si diceva prima sulla “ironia” o destrutturazione psichica e sulla “maieutica” o parto delle prime verità sempre sul tema universale del “chi sono io”. L’aggettivo possessivo “mia” associato a “ironia” equivale a “destrutturo me stessa”. L’assonanza o fenomeno fonetico della “crasi” o “sincrasi” consiste nel mettere insieme due parole combinando la fine della prima con l’inizio della seconda. E’ questa l’operazione fonetica che mette in atto Saba per dire a se stessa che conosce la metodologia socratica e la metodologia personale psicoterapeutica della destrutturazione o perdita delle “resistenze” che impediscono l’afflusso del materiale profondo rimosso e del parto delle prime note psichiche della vera identità. Brava Saba che con la sua sensibilità onirica ha tirato in ballo Tiziano Ferro, un cantante sicuramente a lei gradito, per parlare di sé e delle sue pratiche psicologiche. I meccanismi di difesa dello “spostamento” e della “traslazione” sono abbondantemente usati come lo zenzero in cucina.

Ascolto anch’io la canzone, ha delle belle parole, le conosco e canto, anche se al risveglio non le ricordo.”

Come volevasi dimostrare, Saba ascolta la canzone che ha inventato creativamente sulla falsa riga del suo stato esistenziale di donna sensibile ai valori psico-culturali della coppia e della maternità, elogia l’estetica delle parole e innalza un inno alla bellezza, dimostra di conoscere il testo come da copione e di saperlo cantare nelle giuste modalità di voce e di postura della sua ugola d’oro. Ha composto in sogno la poesia che al risveglio regolarmente non ricorda perché era troppo bella.

Peccato che le cose belle e i sogni debbano sempre finire!

Saba conclude il secondo sogno a matriosca con la piena consapevolezza delle sue psicodinamiche e precisa anche il metodo psicoterapeutico che segue, quello più antico e vicino al Buddismo, la metodologica socratica.

Al sogno di Saba si può apporre una composta italica “fine” o un freddo americano “the end”.

GRAZIE ZIA !

TRAMA DEL SOGNO

“Ho sognato la zia che è mancata a gennaio che, con un aspetto più giovane e in forma, mi dava una piccola scatola dicendo: “Ne ho uno caldo per tutti i parenti”; si trattava di un piccolo panettone.”

Questo e così ha sognato Frisona.

INTERPRETAZIONE DEL SOGNO

La “zia” occupa da sempre e massicciamente l’Immaginario collettivo e viene rappresentata come una figura ambivalente, un familiare che non è poi tanto familiare e su cui si possono “spostare”, “traslare” e “proiettare” le pulsioni più disparate e i bisogni di ogni qualità, i propri “fantasmi”, le rappresentazioni primarie dell’infanzia ripescate e rafforzate durante l’adolescenza.

La “zia” appare come un palcoscenico di periferia su cui si può recitare a soggetto in ogni emergenza della vita psichica. Come tutti i “fantasmi” ha una “parte positiva” e una “parte negativa” e si giostra secondo gusto e a volontà nelle varie e variopinte vesti che può assumere un oggetto di per se stesso ibrido e multicolore.

La “zia” è il prolungamento della figura materna e come tale viene investita di virtù e di vizi, di valori e di disvalori, di sacro e di profano, di lecito e di illecito, di principi e di tabù.

La “zia” è un oggetto psichico polivalente e buono per tutte le stagioni della vita, una figura che soccorre il coraggio e la vigliaccheria, l’avventura e la trasgressione, l’amore e l’odio, l’imprevedibile e lo scontato. Spesso manifesta nel teatro delle passioni la veste psichica di una donna sorniona che è abbastanza parente e rasenta la legge del Sangue senza tingere di rosso le pareti della stanza come faceva Riccardo con Margherita.

La “zia” è, quindi, oggetto polivalente d’investimento di “libido”, riduce le angosce e aizza desideri, crea fantasie e desta pulsioni, compensa tutto il precario che si accompagna al senso della vita quando la riflessione traligna nella crisi.

“La “zia” accorre e soccorre di volta in volta e sempre in base ai bisogni psicofisici di chi la invoca prima del naufragio e della necessità di nuotare con le braccia e con le gambe nel gran mare della “storia” personale.

Ed è così che Frisona, una donna importante chiamata mucca pregiata, sogna la “zia” e a lei ricorre per “spostare” e “traslare” il suo piccolo e “caldo panettone” rigorosamente racchiuso in una “scatola” come quelli della rinomata pasticceria “Girlando” in quel di Avola di quel di Siracusa, la città più sporca del mondo dopo i sobborghi di Bogotà e Caracas, la città patrimonio dell’umanità dove le erbe e gli sterpi crescono spontanei e prosperano sui monumenti di qualsiasi età e cultura in grazie ai cittadini e agli amministratori e specialmente sul Barocco.

Bontà universale!

Dimenticavo: anche qualche fico è cresciuto sulla barocca pietra della chiesa della Spirito santo in Ortigia.

Ho sognato la zia che è mancata a gennaio che, con un aspetto più giovane e in forma, mi dava una piccola scatola dicendo:”

Della famigerata “zia” ho detto l’essenziale psichico e simbolico. Ricordo ancora che è un prolungamento della figura materna e che questa “traslazione” consente lo scarico delle pulsioni aggressive, di stampo sadomasochistiche e qualitativamente variabili come il tempo nel mese di aprile, che si sono accumulate nel corso dell’evoluzione e della formazione nei riguardi di una figura così massiccia e presente come la madre. Frisona si rivolge alla “zia” per non disturbare la madre, meglio per non disturbare il suo equilibrio rievocando e appellandosi direttamente alla madre, quella figura deputata alla sua identità femminile e quella persona a cui avrebbe voluto fare quelle mille domande e le altre mille che non sono mai uscite dalla sua bocca.

La “zia” è una nostalgia della “madre” nel caso di Frisona e di maternità si parla in questo breve sogno dal sapore tenero e confidenziale. Il fatto che la zia “è mancata a gennaio” è una perdita depressiva e un lutto che inducono i soliti sensi di colpa del sopravvissuto alla “malattia mortale” e quelli legati alle mancanze e alle omissioni in parole e opere, i peccati mortali della religione cristiana di cui recita ancora oggi l’atto di dolore. La morte della zia rende il sogno carismatico e affidabile, quasi degno di fede, pregno e foriero di una verità che viene da lontano, meglio, dall’Aldilà. Quest’ultimo può essere inteso come la regione psichica profonda di Frisona o come la regione variamente paradisiaca del dopo la morte. Per ingraziarsela la fa rivivere “con un aspetto più giovane” e la rimette “in forma” come nelle migliori tradizioni delle favole e dei racconti popolari.

A questo punto Frisona, la mucca più bella e dolce del mondo, rievoca il suo desiderio di maternità, più che il Natale in famiglia allargata, e lo condensa come una buona crema pasticciera dentro “una piccola scatola”, un dono della “zia” con cui condivide la dimensione psicofisica femminile e un bisogno ancora vivo e pulsante, dal momento che si presenta sulla scena onirica.

“Ne ho uno caldo per tutti i parenti”; si trattava di un piccolo panettone.”

“Un piccolo panettone”, oltretutto “caldo”, non è soltanto un simbolo dell’affettività, dal momento che si tratta di un oggetto che scatena la “libido orale” e il gusto di un dolce appetitoso, ma racchiude un feto da amare con tutta la forza del destino favorevole e avverso, contiene un figlio tanto ricercato e capriccioso. Il “piccolo panettone caldo dentro la scatola” è il vitellino della mucca Frisona, l’oggetto del desiderio materno proiettato nella Provvidenza di una “zia” pronuba come la greca Era o la latina Giunone e prospera come la greca Demetra e la latina Venere. Nell’esperienza vissuta in riguardo alla “zia” da parte di Frisona domina la valenza materna e la prospera possibilità di realizzare il desiderio di diventare madre. La “zia” è buona con “tutti i parenti” e in tal senso acquista i connotati della sacralità legata alla sua persona e alla sua morte: una buona madre e una giusta donna. Ricordo che la simbologia del calore, “un piccolo panettone caldo”, avvalora la vita e la vitalità e consente al dolce impasto di traslarsi in un embrione ben attaccato all’utero di una mucca desiderosa di mostrarsi una donna e una madre degna del regalo familiare e universale di una Madonna laica o di una Dea popolana.

Il sogno di Frisona contiene una nota lieve di ironia nella scelta del nome, una nota e prosperosa mucca della Frisia, e nella formulazione pacata e nostalgica di un passato vissuto in pieno con tutti i colori dell’arcobaleno e senza nulla ferire e con tutto da vivere: una donna che “sa di sé” e anche delle sue aspirazioni non sempre realizzate.

Il breve sogno di Frisona è la sana e composta allegoria del desiderio di maternità.

L’ANIMA CHE VOLA DI ELISA

E’ una canzone importante e premiata per il valore letterario del testo, fascinosa nella musicalità e suadente nel messaggio. Elisa l’ha dedicata al suo uomo e al padre dei suoi figli: una canzone d’amore composta dopo la seconda maternità. “L’anima vola” segna il primo lavoro discografico in lingua italiana della cantante friulana.

Ma cosa contiene di “Psichico profondo” questo testo di scuola ermetica?

La metodologia psicoanalitica trova pane per i suoi denti.

L’anima vola”

Il simbolo “anima” è antichissimo, risale ai primordi dell’umanità. L’antropologia culturale lo attribuisce alla magia, alla religione, alla mitologia, alla filosofia, alla psicologia, alla psicoanalisi, per cui al simbolo si associa anche il concetto. L’anima è il più diffuso ed efficace esorcismo all’angoscia di morte con il suo attributo dell’immortalità. Jung volle che “l’anima” fosse la componente inconscia femminile del maschio, così come “l’animus” era l’equivalente maschile nella femmina. Ci piace pensare che “l’anima” di Elisa sia il suo tratto psichico femminile, la “parte femminile” della sua psiche che si integra con la “parte maschile” per comporre la sua “androginia psichica”. Quest’ultima si attesta nel coniugare attributi psichici maschili e femminili simbolicamente e culturalmente ascritti all’universo maschile e femminile, al di là del loro essere biologico maschile o femminile. Questo per quanto riguarda l’anima. In riferimento alla sua immaterialità è possibile che che l’anima “vola”. Il “volo” richiama il meccanismo di difesa dall’angoscia della “sublimazione della libido” e si attesta simbolicamente nell’evoluzione della materia verso la spiritualità con il conseguente benessere psicofisico. L’emancipazione dalle dipendenze materiali riguarda “l’anima” e il “volare”. La liberazione dalla pesantezza del corpo e dalla dimensione materiale porta alla sfera eterea del mistero e del mistico. Nel prosieguo dell’analisi del testo si definirà “femminilità” l’anima e nello specifico la “femmina biologica” e la “femmina psichica”.

le basta solo un po’ d’aria nuova”

L’”aria” è simbolo della vita e della vitalità. Rievoca il soffio di Dio nel “Genesi” per animare il pupazzo “AdamEva” composto dal fango e chiamato uomo nel senso di maschile e femminile. L’”aria” è il principio cosmogonico, “arké”, secondo Anassimandro e secondo le teorie filosofiche dei Sumeri e dei popoli dell’area mesopotamica. Se l’”aria” rappresenta simbolicamente la vita, l’aria “nuova” condensa il dare la vita, la verità biologica della procreazione e dell’amore della Specie. La femminilità è vita e dà la vita.

se mi guardi negli occhi”

Gli “occhi” contengono la luce della ragione e della realtà, la verità di sé e la coscienza di sé, la relazione vigile con se stessi e con gli altri. Negli “occhi” si attesta una vena di consapevole “simpatia” nella partecipazione emotiva e nella condivisione emotiva. Il “guardare” condensa un’ispezione interiore dell’altro e può degenerare in un’istanza paranoica. Il “se mi guardi negli occhi” si traduce in “se indaghi nella mia vigilanza razionale”, “se mi vuoi conoscere nella realtà”, “se aspiri a una conoscenza formale e visibile”. E’ richiamata la funzione razionale dell’”Io” con l’esercizio del “principio di realtà”.

cercami il cuore”

Il “cuore” è simbolo della “vita neurovegetativa”, delle emozioni, dei sentimenti, degli affetti, delle pulsioni, dell’empatia e della simpatia. “Cercami” è un invito seduttivo alla fusione sentimentale, una “traslazione sublimata” di un amplesso erotico e sessuale, la ricerca d’intimità e d’interiorità mista alla ricerca dei corpi.

non perderti nei suoi riflessi”

Perderti” equivale all’abbandono psicofisico, all’affidamento acritico e fiducioso. Niente di depressivo, tutt’altro! Condensa la grande capacità di lasciarsi andare e la disposizione all’orgasmo insieme a una benefica caduta nell’indifferenziato senza squilibrio. I “riflessi” del cuore sono tutte le dimensioni sopra citate che vanno da Eros a Pathos, dal corpo che vive al sentimento che si vive.

non mi comprare niente”

La femminilità è aliena dalla materialità, si esalta nel senso mistico e si appaga delle atmosfere rarefatte. La femminilità si volge alla spiritualità. Il “comprare” equivale a un’acquisizione possessiva, a un potere di investire la “libido” per avere. La femminilità non chiede niente, è aliena dalla materia e dal potere.

sorriderò se ti accorgi di me fra la gente”

La femminilità esige attenzione e premura, la consapevolezza dell’importanza della complicità, del sorriso, dell’apertura, del piacere, della gioia che traspare nel riconoscimento e nella bellezza. Il “sorriderò” accattivante e ruffiano segna la seduzione e l’intesa. La “gente” sono gli altri, i senza nome, i senza individualità che fanno contorno e cornice a una relazione speciale, quella della femminilità con il suo interlocutore. Il “ti accorgi” attesta dell’afflusso del “rimosso” e della conseguente presa di coscienza.

sì che è importante”

Le cose che contano, quelle che hanno valore per la femminilità, sono la complicità seduttiva e il sorriso consenziente. “Importante” equivale all’amor proprio e all’autocoscienza, allo spirito affermativo e alla valorizzazione di sé, all’autostima dell’Io e del suo vissuto.

che io sia per te in ogni posto”

Onnipotenza e ubiquità dell’amore materno! Per il bambino la mamma è una dea. La femminilità esaltata nella maternità induce l’augurio che il pensiero possa annullare lo spazio. Il ruolo psichico assimilato è imprittato di sacro e lo schema culturale parla della femminilità come di un soggetto di maggior diritto.

in ogni caso quella di sempre.”

La sostanza della femminilità è “sempre” la stessa, quella” che non varia al variare delle apparenze. Dopo il superamento dei limiti della dimensione spaziale, l’essere femminile presenta l’immutabilità del tempo e sceglie per sé il tempo che non scorre perché è fermo, perché è un presente continuo, un “breve eterno”. L’essere della femminilità resta identico secondo le tracce di una onnipotenza psichica e secondo i bisogni affettivi.

Un bacio è come il vento”

La fusione orale, un bacio”, l’affettività trasporta, inebria, emoziona, è una pulsione incontrollabile, “come il vento”, è il simbolo della passione e la metafora della volitività, della vitalità, della “libido”, delle energie da investire, dell’umore. Tutto questo è contenuto in un ingenuo e tenero “bacio”.

quando arriva piano però muove tutto quanto”

La dolcezza si sposa con la passione che muove la femminilità e commuove la maternità. “Eros” e “pathos” si coniugano ed esaltano in trasporto sensuale e sentimento. La donna perde la testa in progressione con il cuore.

è un anima forte che sa stare sola”

L’essere femminile è autonomo e si appaga di sé. La forza significa che sa di sé e non ha bisogno di altro fuori di sé. La madre è autosufficiente e consapevole. Il sapere della propria solitudine è affermazione di potere, difesa dal coinvolgimento e rasenta l’onnipotenza narcisistica

quando ti cerca è soltanto perché lì ti vuole ancora”

La seduzione femminile è finalizzata al desiderio che cerca il maschio per appagare se stessa e il Genio della Specie. Istinto è pulsione a cercare, è aver bisogno di sé e dell’altro affermando un potere. Volere è desiderio passionale e coscienza di godimento.

e se ti cerca è soltanto perché l’anima osa”

“Memento audere semper” recita un motto latino invitando a vivere intensamente la vita e la vitalità. La femminilità ci prova sempre e si basa sui fatti e non sulle astrazioni. La femminilità osa nel senso di fare e con coraggio e nel senso di realizzarsi come una pulsione e di dare concretezza all’idea, ai pensieri, ai desideri, ai bisogni. L’osare simbolico è un investire con ardimento. La donna è ardita e va all’assalto della vita senza il coltello tra i denti.

è lei che si perde e poi si ritrova”

Passare dall’emozione alla ragione, dall’orgasmo alla vigilanza, dal crepuscolo della coscienza alla limpidezza della mente, è questo il passaggio della femminilità dall’Inconscio al Conscio, dal buio alla luce per ricomporsi e ricompattarsi dopo essersi smontata psico-analiticamente. Viva il principio femminile!

E come balla quando si accorge che sei tu a guardarla”

La femminilità si esalta con la consapevolezza di essere per te e di essere piaciuta a te. Tu la esalti con interesse affettivo e sessuale. “Guardare” equivale ad apprezzare la bellezza e la ragione, a metà tra il movimento sensuale di appagamento e il sentimento d’amore verso la femminilità.

non mi portare niente”

Non voglio materia, la femminilità e la maternità esigono movenze psicologiche, danze affettive, presenze amorose, perché la donna e la madre si appagano di sé e nulla chiedono.

mi basta fermare insieme a te un istante”

“Fermati, sei bello” dice all’attimo Schiller. Vivere fuori dal tempo insieme a te comporta una creatività che fa a meno della Storia, un’eternità che va contro la miseria del Tempo. La Bellezza della femminilità e della maternità si coglie nell’attimo e non nello scorrere dei secondi, dei minuti, delle ore.

e se mi riesce”

Se sono capace di fermare la mia femminilità, se è nei miei mezzi fermare il tempo e vivere l’attimo insieme a te con tutta la bellezza della dimensione eterna della maternità, io sarò pienamente appagata di questo traguardo.

poi ti saprò riconoscere anche nelle tempeste”.

L’imprinting è avvenuto, adesso puoi andare, se vuoi, perché io ormai so di te, ho il tuo sapore e saprò di te quando il mio corpo navigherà nel trambusto dei sensi, nei tempi meteorologici che cambiano in tempeste.

l’anima vola, mica si perde”

La femminilità e la maternità non condividono i processi d perdita, tutt’altro! Il bilancio è sempre attivo e prospero. La partita doppia vede sempre il rialzo nella voce “attivo”. La donna e la madre non conoscono la depressione e la caduta delle energie da investire, semplicemente perché sono fatte di “libido genitale”, quella che si dona e appaga nella cornice magica del sentimento d’amore.

l’anima vola, non si nasconde”

La femminilità e la maternità non si rimuovono, non si dimenticano, non si lasciano archiviare facilmente come una pratica burocratica o un vizio assurdo. La femminilità e la maternità vivono nel presente e nel breve eterno. Esigono la costante memoria e l’imperitura manifestazione dettate dalla consapevolezza di essere i veicoli della vita e della vitalità: filogenesi.

l’anima vola, cosa le serve”

La femminilità e la maternità bastano a se stesse, non hanno bisogno di alcunché, vivono di se stesse e si appagano della loro autonomia. Hanno solo bisogno di amare perché sono anima, essenza vitale che aleggia e nutre.

l’anima vola, mica si spegne.”

La femminilità e la maternità sono eterne, almeno quanto l’eternità della vita che ha coscienza di sé, che sa di sé e aspira a perpetuarsi grazie all’anima che vola e non si imbatte nella fine e tanto meno nella morte. C’è sempre un’anima che sorge come il sole giocondo e libero in sul primo albeggiare.

Questo è quanto e scusate se è una canzone di musica leggera.

Salvatore Vallone

Pieve di Soligo (TV), giovedì 14 del mese di maggio dell’anno 2020

L’INCENDIO NEL PRATO

Fuoco, Marca, Incendio Nella Foresta

TRAMA DEL SOGNO – CONTENUTO MANIFESTO

“Ho sognato di trovarmi nel mio ufficio; le scrivanie avevano le ruote e una mia amica (che nella realtà non lavora con me) aveva spostato la sua scrivania nel posto solitamente occupato da me.

Protesto e la sposto in malo modo riprendendo così la mia postazione.

Arriva la mia Capo Ufficio che mi chiede se ho qualcosa per profumare l’ambiente; le do un sacchetto di origano che prendo da uno scaffale con molte spezie (in ufficio?!).

Ci troviamo improvvisamente all’aperto e questa mia amica, dovendo accendere dei bastoncini di incenso che tenevo io in mano, usa un accendino che però spruzza del materiale infiammabile ovunque, nei miei capelli, in un albero e nell’erba.

Questo liquido provoca un vasto incendio nel prato.

Guardo questa situazione da lontano con disapprovazione, ma intervengo con dei recipienti d’acqua per spegnere l’incendio.”

Liliana

DECODIFICAZIONE – CONTENUTO LATENTE

CONSIDERAZIONI

La competizione al femminile si recita universalmente nella “posizione fallico-narcisistica” quando la bambina si ammira e recita: “specchio bello, specchio rotondo, chi è la più bella del mondo?” E l’infingardo e ruffiano oggetto di apparente vanità risponde immancabilmente che la più bella del mondo è un’altra bambina e, guarda caso, la rivale, l’amica che è stata investita di un sentimento d’invidia, la femminuccia che ha le caratteristiche fisiche che la bambina vorrebbe per sé, la “scapricciatella” in cui lei vede tutto quello che avrebbe desiderato sempre per sé, la Lazzarella con i libri sottobraccio e la camicetta a fiori blu che va a scuola con i capelli pettinati a coda di cavallo come la mitica Alessandra Panaro. Nella formazione “fallico-narcisistica” la bambina tende al massimo e non si accontenta di essere Cenerentola, la gregaria o la sorellastra. La bambina esige il ruolo della principessa in piena imitazione e tolleranza della regina. Questa psicodinamica avviene prima di accorgersi di essere innamorata del re e di struggersi per il tosto ostacolo materno: “posizione psichica edipica”. Intanto la rabbia si consuma tra la rivalità per i fratelli e le sorelle e la competizione con le amichette e le compagne di scuola. E se questa bambina è figlia unica, il prodotto non cambia, anzi si aggrava per il fatto che è priva del rodaggio nel gestire i delicati sentimenti della rivalità e dell’invidia. E questo trambusto non ha mai fine. E’ vero che crescendo questa bambina si acquieta, ma non dimentica lo struggimento del sentirsi inferiore in qualcosa e rispetto a qualcuna. Occupazione di spazio intimo e privato: questo è un atavico reato contemplato dal Codice psichico profondo. A tutti gli effetti la Legge contempla la giusta pena per le colpevoli nel paragrafo del “sentimento della rivalità” e nel comma delle relazioni con le amiche. Inutile sottolineare che si tratta dell’evoluzione, della “traslazione” e dello “spostamento” del “sentimento della rivalità fraterna” in difesa dall’angoscia depressiva della perdita del primato affettivo in famiglia. E poi, guai a cadere nel dimenticatoio psichico dei genitori! Tutto parte sempre dalla primissima infanzia e al di là della presenza di fratelli e sorelle, di cugini e affini, di cani e gatti.

Ma tutto questo non basta e si pone da sé la domanda: “e dopo, nella “posizione psichica genitale”, come si evolve questo benefico e malefico sentimento della rivalità fraterna?

La domanda non è peregrina e tanto meno impura. La competizione si evolve nella realizzazione personale del sapersi disporre all’altro e nell’esperienza traumatica della gravidanza e del parto. Sublimando, si può dire che il conflitto relazionale si evolve nel dare la vita o nell’avere un figlio. Anche se la radice dell’evoluzione biologica possiede una sua crudezza psicofisica, come è recitato da tanti copioni sacri e profani sin dai primordi umani, dal pitecantropo all’homo sapiens, la futura madre estende la rivalità e la competizione anche alla sfera delicata dell’esperienza della fecondazione e della maternità. Il narcisismo deve essere superato insieme alla convinzione inutile che non esiste una persona superiore, una persona che “super stat” e che è più in là, più avanti, come si suol dire nel gergo giovanile. E allora basta che una donna diventi madre e gli allettamenti dell’evoluzione diventano struggenti e la competizione al femminile aumenta. La litania si trasforma in “specchio bello, specchio rotondo, dimmi, chi è la mamma più brava del mondo?” O, se preferite, in “specchio bello, specchio delle mie brame, chi è la più fertile del reame? Il sentimento della “rivalità fraterna” si è evoluto nel sentimento della “rivalità genitale”. Nonostante il ricorso ai tanti meccanismi psichici di difesa dall’angoscia, ogni donna arriva a fare i conti con la sua “natura” femminile, quello che vuole nascere in lei e che ancora non è un figlio, ma semplicemente una “sensazione”, una “percezione” e un “fantasma” che attendono di comporsi in una “rappresentazione” compatibile e razionalmente composta. Tutto questo consegue all’esame improbo della deliberazione e della decisione di adire alla maternità. La “sensazione”, latino “sentio” e italiano “sento”, si attesta negli esiti e nei risultati dell’esercizio dei sensi. La “percezione” si lega al latino “per capio”, afferro attraverso e per mezzo, prendo dai dati sensoriali, vendemmio le sensazioni e maturo una rudimentale auto-consapevolezza, una primaria “coscienza di sé”. La “percezione genitale” viene elaborata durante l’evoluzione che porta la bambina a identificarsi al femminile e ad acquisire un’identità psicofisica congrua. Il quadro è sostenuto dalle sensazioni in riguardo alla biologia e dintorni. Il “fantasma della maternità” si snoda nella “parte positiva” della “genitalità” ossia nel donare la vita a un figlio e nella “parte negativa” ossia nell’angoscia di morte nel donare la vita a un figlio. La risoluzione del “fantasma” inquisito porta naturalmente alla “rappresentazione” della maternità, alla consapevolezza razionale della realtà potenziale di donare la vita a un figlio. Ho usato il verbo “donare” per significare la caratteristica di fondo della “libido genitale” e della “posizione psichica” omonima. In maniera ottimale ogni donna attraversa queste tappe formative che traggono alimento dal corpo e vengono elaborate dalla mente al fine di proporre a se stessa la possibilità della fecondazione, della gravidanza, del travaglio, del parto, della maternità. La Filogenesi, Amore della Specie”, contiene e definisce la Psicologia femminile in riguardo alla Legge di Natura, Giusnaturalismo, del diritto alla Vita e alla Conservazione della Vita, in grazie alla procreazione.

Tornando al sogno di Liliana, in tutto questo teorico peregrinare il “sentimento della rivalità” ha un suo posto preciso e specifico che si attesta nel vedere nell’altra, la donna che è diventata madre, un passo avanti, un primato, una superiorità, una completezza, la realizzazione di una pulsione e di un desiderio.

Procedere nell’interpretazione del sogno sarà di pubblico interesse.

Ah, dimenticavo!

Il titolo “Incendio nel prato” attesta, qualora ce ne fosse bisogno, della sensazione e del sentimento della rabbia, quella che trovate nelle faccine del vostro cellulare e che occupa il palcoscenico della realtà psichica in atto.

DECODIFICAZIONE – CONTENUTO LATENTE

SIMBOLI – ARCHETIPI – FANTASMI – INTERAZIONE ANALITICA

Ho sognato di trovarmi nel mio ufficio; le scrivanie avevano le ruote e una mia amica aveva spostato la sua scrivania nel posto solitamente occupato da me.”

Liliana è una donna ligia al dovere e soprattutto fattiva e operosa. Ama se stessa e le cose che fa, soprattutto il suo lavoro e la sua rete di relazioni. Abita nel foro e nella città e si interessa di quello che succede nella società. Coniuga tranquillamente “otium et negotium”, la vita culturale e la vita professionale, è una persona dotata di tanto amor proprio, una brava ragazzina evoluta in una degna donna. Non rasenta il narcisismo, ma attenzione a non romperle le palle perché s’incazza e allora può diventare una iena. Attenzione a questa donna che ha fatto di sé e del suo vivere oggetti sacri di investimento che le danno senso e significato. Liliana è Liliana e sa di esserlo. La malcapitata di turno è una “amica” che si è azzardata di invadere i suoi spazi psichici, più che professionali, e si è permessa di entrare nel suo intimo e nel suo privato interferendo in malo modo e con il tatto di un gorilla. Una “rivalità professionale” ha ridestato il marasma psicofisico antico della “rivalità fraterna” con i sentimenti di rabbia e di ostilità che avevano contraddistinto l’infanzia e l’adolescenza. La partita antica si giocava sul tappeto verde dell’affettività e la partita attuale si gioca sul tappeto sempre verde dell’affettività. Liliana fonde il vecchio con il nuovo e si lascia prendere dalle mine vaganti della vita sociale per sconvolgersi un po’, ma quel che basta per agitarsi inutilmente e per il fatto che ha confuso le capre con i cavoli.

Vediamo i simboli cosa consigliamo, come le stelle degli astrologi e le previsioni del tempo dei meteorologi. “Trovarmi nel mio ufficio” si traduce in mi attesto nella mia vita sociale e relazionale, “le “scrivanie avevano le ruote” attesta la duttilità psichica di Liliana anche in ambito lavorativo, “una mia amica” è la “traslazione” di una parte psichica di me o del “fantasma” in riguardo al sentimento della rivalità fraterna nella “parte negativa”, “aveva spostato la sua scrivania” ossia io elaboravo le mie suddette cose al riguardo, “nel posto solitamente occupato da me” conferma che si tratta di una questione personale e di una diatriba maturata con se stessa nel corso della sua formazione psichica.

Protesto e la sposto in malo modo riprendendo così la mia postazione.”

Liliana è proprio ai ferri corti con se stessa, decisamente non si piace, non le piace una sua modalità di viversi e di relazionarsi, coglie fotogrammi e fissa una sequenza che la vede come protagonista e come oggetto del contendere. Liliana vuole migliorarsi e si mette in discussione partendo dal lavoro e dagli annessi e connessi relazionali. Il sogno ancora non dice di cosa si tratta e non è puntuale nell’affrontare la bega personale. Si sa che il sogno non te le manda a dire le cose e che non le dice subito e chiaramente. Il sogno è come una prima donna del teatro, si fa attendere prima di entrare in palcoscenico. Liliana non si piace e vuole cambiare, ma resiste a questa modificazione difendendosi in maniera decisa e per niente duttile. L’ostinazione è la virtù dei deboli, ma Liliana sta cercando qualcosa di sé.

Vediamo i simboli cosa consigliamo, come le stelle degli astrologi e le previsioni del tempo dei meteorologi. “Protesto” equivale a reagisco in mia difesa e in mio favore, “la sposto in malo modo” traduce non mi piaccio e mi detesto quando faccio così o quando mi succede questo, “riprendendo così la mia postazione” ossia riconfermando la mia resistenza al cambiamento e alla presa di coscienza del materiale che è affiorato dal profondo grazie alla mia povera collega che, come si può notare, c’entra come i cavoli a merenda.

Arriva la mia Capo Ufficio che mi chiede se ho qualcosa per profumare l’ambiente; le do un sacchetto di origano che prendo da uno scaffale con molte spezie (in ufficio?!).”

Allora, ricapitolare è urgente perché il sogno si sta meravigliosamente complicando con i suoi simboli e con la progressione combinatoria di istanze psichiche e di fantasmi. Dunque, dall’istanza profonda e pulsionale “Es” è affiorata la “parte negativa” del “fantasma della rivalità fraterna” quel sentimento di cattiveria difensiva che non si vuole mai riconoscere. E, per l’appunto, l’istanza psichica vigilante e razionale “Io” si difende non riconoscendo la pulsione e attribuendola a un’amica, “spostamento e traslazione”. Il conflitto tra “Es” e “Io” è oltremodo vivace quanto inutile. Liliana non sa portare a consapevolezza il conflitto con se stessa e tra se stessa. Ma non basta, perché in nome della legge psichica della “entropia”, in base alla quale a confusione subentra ulteriore confusione, Liliana introduce nel suo teatrino l’istanza censoria e limitante “Super-Io” e, a questo punto, non so se mi sono spiegato abbastanza e bene. Il senso del dovere chiede a Liliana di fare buon viso a cattivo gioco e di parare il colpo attraverso il camuffamento nel viso e nelle azioni delle cose che non vanno nelle modalità e nelle dinamiche relazionali, nel suo sistema psico-sociale e nello specifico nelle scelte elettive relazionali della sua vita sentimentale, tra le persone e con le persone sulle quali Liliana ha investito la sua “libido genitale”. L’ufficio si è trasformato nella cucina di casa e nell’armadietto firmato che contiene decorosamente ed elegantemente le gemme dell’oriente che Marco Polo a suo tempo ci aveva regalato, le spezie, le “molte spezie”. Liliana non mostra grande entusiasmo nel parare il colpo ubbidendo come Garibaldi al senso del dovere, “Super-Io”, ma bisogna fare di necessità virtù e allora si dispone in maniera compatibile al ridestarsi del sentimento della rivalità fraterna e del conflitto relazionale con persone significative e a lei vicine. Altro che l’anonima collega d’ufficio, Liliana sta esercitando tutta la sua pazienza nel comporre un dissidio personale e relazionale. Mi spiego meglio: qualcosa non gira bene in famiglia e lei non è contenta di se stessa e del suo comportamento. Intanto persiste nella dote dei forti, ma la pazienza non è il suo forte e Liliana non è per niente una suora.

Ho già detto che questo sogno non si presta a una interpretazione semplice e spedita, vista anche l’apparente e assurda linearità del tipo “le spezie in ufficio?!”. Si sono profilati due simboli classicamente femminili e intimi: il “sacchetto” d’origano e lo “scaffale con molte spezie”. La simbologia dell’utero e dell’apparato genitale sono ben serviti sotto forma di metafore e metonimie.

Ricapitolare è più che mai necessario specialmente a questo punto: Liliana è in conflitto con se stessa e in riguardo alla sua potenzialità materna e ha spostato la sua psicodinamica nella rivalità verso la collega che possibilmente è in gravidanza o ha realizzato la sua maternità. Necessita un conforto a questa interpretazione profonda e disperare non è mai consigliabile a chi naviga in alto mare.

Vediamo i simboli cosa consigliamo, come le stelle degli astrologi e le previsioni del tempo dei meteorologi. “Arriva la mia Capo ufficio” si traduce arriva il mio “Super-Io” con la sua morale i suoi limiti, “se ho qualcosa per profumare l’ambiente” ossia se ho qualche meccanismo di difesa per lenire questo conflitto e questo disagio, “le do un sacchetto d’origano” simboleggia un utero fecondato, “da uno scaffale con molte spezie” riconferma l’apparato genitale e il ventre disposti all’ingravidamento.

Ci troviamo improvvisamente all’aperto e questa mia amica, dovendo accendere dei bastoncini di incenso che tenevo io in mano, usa un accendino che però spruzza del materiale infiammabile ovunque, nei miei capelli, in un albero e nell’erba.”

Liliana ritorna lucida nel suo presente psichico e ritrova quella “parte di sé” sotto le sembianze della “mia amica”, quella parte competitiva che vede nell’altra la capacità di accendere la passione nelle idee e nel modo di pensare, nella personalità e nella volitività affermativa della “organizzazione psichica reattiva”, nella realtà esistenziale in atto e nel presente psichico. Liliana riserva a se stessa la capacità di tenere in mano un potere relativo e voluttuario, oltretutto destituito della forza della “libido” e della volitività decisionale. Liliana vive la sua “amica” decisamente più capace e affermativa, ricca di energie e di investimenti, capace di gestire progetti e di prendere decisioni. Liliana offre a se tessa la sua immagine ideale, l’Io ideale. L’ha proiettata e intravista nell’amica e nella realtà quotidiana e su questi temi ha imbastito il suo sogno.

Vediamo i simboli cosa consigliamo, come le stelle degli astrologi e le previsioni del tempo dei meteorologi. “All’aperto” attesta di una realtà chiara ed evidente, “questa mia amica” è la traslazione della parte affermativa e desiderabile di se stessa, “accendere” si traduce induzione di vitale energia e di libido, “bastoncini di incenso” rappresentano la “sublimazione” di un incerto potere sessuale, “un accendino” è l’innesco del potere e lo strumento della potenziale carica vitale, “spruzza” equivale all’eiaculazione, “materiale infiammabile” condensa la forza vitale e l’energia degli investimenti, “ovunque” o genericità difensiva, “nei miei capelli” ossia nelle mie idee, “in un albero” o nella struttura dell’Io cosciente, “nell’erba” ossia nella realtà psichica ed esistenziale in atto.

Questo liquido provoca un vasto incendio nel prato.”

Il materiale infiammabile di prima è il “liquido” di adesso. Si delinea meglio l’eiaculato dell’eiaculazione, si precisa il contesto del desiderio di fecondazione e di gravidanza, si mostra l’irrefrenabile desiderio di avere un figlio. La vita di tutti i giorni si attizza all’idea e al progetto di fare famiglia e di realizzare l’essere femminile con la “libido genitale”. L’entusiasmo è tanto e altrettanta è la passione. Liliana si attizza nel corpo e nella mente.

Vediamo i simboli cosa consigliamo, come le stelle degli astrologi e le previsioni del tempo dei meteorologi. Il “liquido” rappresenta lo sperma, “provoca” rappresenta l’eccitazione reattiva, “vasto incendio” rappresenta una buona scarica di libido genitale, “nel prato” rappresenta la realtà psichica ed esistenziale in atto, come dicevo in precedenza.

Guardo questa situazione da lontano con disapprovazione, ma intervengo con dei recipienti d’acqua per spegnere l’incendio.”

Allontanarsi dalla scena del crimine è un meccanismo di difesa che serve a stemperare il crescendo dell’angoscia e la comprensione del significato del sogno, il sentore emotivo del conflitto in atto nel sogno. Liliana razionalizza con il giusto distacco e il suo “Super-Io” censura e condanna l’accaduto. Liliana non si condivide e non si assolve, tutt’altro, si colpisce e si danneggia, non è contenta di sé e del suo comportamento in riguardo al sentimento di rivalità e alla maternità. Liliana non si piace in questa versione aggressiva e sofferente e provvede a ricomporre la sua emotività scossa e il suo conflitto con l’acqua che è un simbolo femminile. Ha compensato la sua maternità mancata con il suo essere femminile senza addurre il senso della mutilazione della maternità. Liliana ha ben razionalizzato, anche attraverso il sentimento d’invidia e la rivalità verso le altre donne, la sua realtà psichica in atto di donna senza figli.

Vediamo i simboli cosa consigliamo, come le stelle degli astrologi e le previsioni del tempo dei meteorologi. “Guardo” è la funzione razionale dell’Io ossia prendo consapevolezza, “questa situazione da lontano” ossia mi raffreddo emotivamente grazie alla razionalizzazione, “con disapprovazione” ossia condanno me stessa tramite il mio “Super-Io” o non mi sono piaciuta e mi censuro, “intervengo” è funzione vigilante dell’Io e principio di realtà, “recipienti d’acqua” o “sublimazione” e “traslazione” della maternità, “spegnere l’incendio” o per sedare il conflitto in riguardo alla maternità.

Questo è quanto dovuto al sogno di Liliana.

PSICODINAMICA

Il sogno di Liliana sviluppa la psicodinamica del “sentimento della rivalità” al femminile e lo lega alla maternità mancata. Liliana è in competizione con quella “parte psichica” di se stessa che ha sacrificato e ha operato censura della “libido genitale” e della possibilità di dare la vita a un figlio. Nelle pieghe oniriche si intravede un sentimento di rabbia verso se stessa per la non adeguata affermazione dei suoi diritti di donna e sentimenti di madre. Il sogno parte dall’infanzia e arriva alla giovinezza cavalcando la tigre della formazione psichica ricevuta e la tirannia assolutoria del “Super-Io”. Questo processo è sostenuto dall’assenso di un “Io” non certo accomodante e liberale. Il sogno si evolve dalla “rivalità professionale” alla “rivalità fraterna” e sfocia nella “rivalità genitale”.

PUNTI CARDINE

Il sogno di Liliana si lascia chiaramente cogliere nel suo “significato latente” in “questa mia amica, dovendo accendere dei bastoncini di incenso che tenevo io in mano, usa un accendino che però spruzza del materiale infiammabile ovunque, nei miei capelli, in un albero e nell’erba.”

ULTERIORI RILIEVI METODOLOGICI

Dei “simboli” si è ampiamente detto e con la giusta ironia sulla possibile fallacia delle interpretazioni e delle previsioni.

Il sogno di Liliana rievoca l’archetipo della Madre e della maternità nello specifico.

Il “fantasma” conclamato riguarda la maternità nella versione conflittuale, nonché il “sentimento della rivalità”.

L’istanza psichica della vigilanza razionale “Io” è viva e vegeta in “protesto” e in “sposto” e in “guardo” e in “intervengo”.

L’istanza psichica della rappresentazione dell’istinto “Es” si manifesta in “accendino” e in “liquido” e in “incendio” e in altro.

L’istanza psichica della censura morale e del limite si manifesta in “Capo ufficio” e in “con disapprovazione”.

Il sogno di Liliana svolge la “posizione psichica genitale”: “sacchetto origano” e in “scaffale spezie”.

Liliana usa in sogno i seguenti meccanismi e processi psichici di difesa: la “condensazione” in “ufficio” e in “sacchetto” e in “scaffale e in “capelli” e in “prato”, lo “spostamento” in “amica”, la “figurabilità” in “vasto incendio”.

Qualcosa sul processo psichico di difesa della “sublimazione” appare in “accendere dei bastoncini d’incenso”. La “regressione” è presente nei termini consentiti dalla funzione onirica.

Il sogno di Liliana evidenzia un tratto “competitivo” all’interno di una “organizzazione psichica reattiva genitale”.

Per quanto riguarda le “figure retoriche” c’è da rilevare la “metafora” in “prato” e in “incendio”, la “metonimia” in materiale infiammabile”.

“Questo liquido provoca un vasto incendio nel prato.” è allegoria della rabbia legata alla rivalità e alla frustrazione del desiderio di maternità.

La “diagnosi” dice del sentimento della rivalità tra donne in merito alla realizzazione della maternità.

La “prognosi” impone la “razionalizzazione” dei “fantasmi” in circolazione e lo stemperamento delle angosce collegate alla mancata maternità.

Il “rischio psicopatologico” si attesta in una “psiconevrosi depressiva” prodotta dall’incrudelirsi del senso di perdita.

Il “grado di purezza onirica” è “buono” alla luce dell’equa combinazione della narrazione con i simboli.

La “causa scatenante” del sogno di Liliana si attesta in una riflessione sulla maternità mancata.

La “qualità onirica” è “dinamica” alla luce delle azioni e reazioni presenti, nonché dei forti contrasti emotivi.

Il sogno di Liliana si è svolto nella seconda fase del sonno REM e tale affermazione si giustifica con la forte reattività ed emotività presenti.

Il “fattore allucinatorio” si attesta nell’esaltazione del senso del tatto in “prendo” e della vista in “guardo questa situazione”. La dinamica del movimento è ben giostrata nelle varie sequenze delle scene oniriche.

Il “grado di attendibilità” dell’interpretazione del sogno di Liliana è “buono” alla luce della giusto combinazione interattiva dei simboli, per cui il “grado di fallacia” è “minimo”.

DOMANDE & RISPOSTE

L’interpretazione del sogno di Liliana è stata sottoposta all’attenzione di Stefano, uno studente di Filosofia presso l’Università di Catania, nonché un mio stimatissimo consanguineo. Questa è la nostra conversazione.

Stefano

Io sono alle prime armi e non posso controbattere nulla per quanto riguarda la simbologia, ma sulla Psicologia della sensazione e sulla Filosofia della percezione penso di avere studiato abbastanza. Me la puoi spiegare meglio?

Salvatore

Aristotele operò la rivoluzione culturale di ricondurre all’Io consapevole la regia del Tutto e fu il responsabile dell’uccisione della Natura vivente, “Ilozoismo”, al fine di formulare un Sapere scientifico che attingesse le cause della Realtà. Platone aveva diseredato l’uomo greco dal possesso di quella Verità che aveva relegato nel mondo oltre il cielo, iperuranio. Aristotele restituisce all’uomo greco mutilato la consapevolezza di essere artefice delle proprie conoscenze e soprattutto di essere capace di formulare una conoscenza oggettiva. Nel processo conoscitivo mise la “sensazione” alla base e la definì una forma indifferenziata di soggetto e oggetto. In questo proficuo impatto dell’Io con il non Io l’uomo è inebriato dionisiacamente dall’estasi del sapere e del gustare: “sapio” latino. La “percezione” si attestava nell’emergere della “coscienza di sé” e nel distacco dall’oggetto: Io sono Io e l’oggetto è l’altro da me, ma Io sono capace di ordinare le mie sensazioni secondo le categorie logiche. L’uomo con le sue varie e continue percezioni afferma se stesso come attore delle sue sensazioni e come diverso dagli oggetti da cui sono state scatenate. Il “fantasma” è presente in Aristotele proprio come una forma di conoscenza primaria in cui l’Io e l’oggetto sono ancora fusi e in attesa della vendemmia razionale o scientifica. Anzi si può tranquillamente affermare che la Fantasia è la consapevolezza umana di ordinare le sensazioni secondo conoscenze individuali e condivisibili. La “sensazione” è l’azione neurovegetativa, mentre la “percezione” è la prima “coscienza di sé” come attore di sensazioni collegate a un mondo di oggetti e di altri.

Stefano

Platone aliena l’uomo greco deprivandolo della sua autonomia e della sua verità, mentre Aristotele lo mette in piedi e lo pianta sulla Realtà. Giusto professore?

Salvatore

Grazie per l’epiteto e aggiungo che anche Marx metaforicamente rimise l’uomo in piedi dopo che Hegel l’aveva capovolto poggiandolo sulla testa: Idealismo contro Materialismo antropologico e storico. Mi piacciono le allegorie perché chiamano in causa la “figurabilità”, un meccanismo importante del “processo primario” che spiega un alto concetto del sistema di Logica filosofica messo in piedi dal gran sacerdote di Stoccarda. Al di là delle metafore e delle allegorie bisogna dire che nell’antichità greca dominava nella cultura di base lo schema “ilozoistico”: teoria del Tutto vivente, Uomo compreso. La Natura era ritenuta vivente e l’uomo era una parte del Tutto. Anassagora e le sue “omeomerie”, Democrito e i suoi atomi, particelle qualitative minime le prime e particelle quantitative minime le seconde, dettero l’assalto all’armonia ecologica “uomo-natura” per portare in alto l’uomo riducendo la Natura a oggetto della Logica e della Scienza. Il Tutto vivente fu scisso e la Natura fu uccisa e ridotta a una macchina complessa e immutabile da smontare e da conoscere sempre da parte di quel Soggetto emergente e distruttore chiamato “Uomo”. Cominciarono i Sofisti e Socrate, sofista anomalo ma pur sempre divulgatore della consapevolezza, a portare l’Uomo greco nell’agorà del primato scientifico con l’esaltazione della funzione razionale e dei “processi secondari” a tutto discapito dei “processi primari” e della portentosa umana Fantasia. Uccidere la Natura era la condizione per l’avvento della Scienza e Aristotele fu l’artefice di tanto scempio dell’Uomo greco e degli uomini che vivevano dove il sole cade, l’Occidente per l’appunto e quell’Occidente di cui siamo beneficamente impastati ancora oggi.

Stefano

E Socrate quale ruolo giocò in questo grande Olocausto?

Salvatore

Mi piace il termine che hai usato, Olocausto, perché dà il senso del Tutto vivente che brucia a conferma che il Grande scoppio è ciclico e diversificato, viaggia dagli atomi alle cellule, dalla Astrofisica alla Biologia, dalla Chimica alla Endocrinologia, dallo Elettromagnetismo all’Evoluzionismo.

Stefano

E dei buchi neri cosa mi dici? Quale metafora trovi?

Salvatore

La centrifuga di Socrate si attesta nel proporre la “coscienza di sé” come base di tutte le ulteriori conoscenze: ecologia della Ragione e della Mente. Un uomo che non sa di sé, “conosci te stesso”, non può privarsi delle superstizioni e non può partorire un bel niente: ironia e maieutica. Rientra in te stesso per fissare la base del Sapere dell’Altro e per collocare le conoscenze su un plateau umano universale e necessario. La Scienza è Logica, Etica e Politica e si esercita nella polis, la città stato e la democrazia diretta.

Stefano

Ah, la democrazia diretta via internet, quella scoperta da Grillo e da Casaleggio oppure la democrazia plutocratica di Berlusconi?

Salvatore

Ma vaffanculo! Sei un buffone e un impostore. “Per me tutto finisce qui”, come scrisse la tua sorellina congedando l’amore edipico verso il padre e appena innamorata di un bel tipetto della sua portata.

Stefano

Non m’inviti più?

Salvatore

Vade retro Satana! Tu mischi il sacro al profano come un moderno truffatore “compro oro”. A mai più!

Stefano

Ti ho fatto proprio incazzare e sono contento. Di nani, di buffoni, di giornalisti e di politici con te non si può proprio parlare, almeno fino a Craxi. Lì la Storia d’Italia si è fermata. Caro zio, sei proprio vecchio.

Salvatore

Ho conosciuto tempi peggiori, ma che un siciliano votasse per la Lega, ah, questo dovevo ancora viverlo. Sono molto contento di annoverarti tra i miei nobili nipoti per l’opportunità di crescita che mi hai dato.

MATERNITA’ E COLPA

away-1365891__180

“Martina si trova in una strada di sassi in piena notte: la strada che porta da casa sua a quella dei genitori.

E’ buio, ma Martina è colpita dalla luna bellissima che le fa chiaro lungo il percorso.

Le viene intorno un cane piccolo color crema, che poi sparisce in quel buio. Martina arriva a casa dei suoi e pensa a quel cane che è solo.

Allora torna lì dove lo aveva perso di vista. E’ buio e la luna non c’è a farle  chiaro.

Martina non ha paura e continua a chiamare quel cane.

Decide di chiudere gli occhi e di tornare a casa dei suoi, dal momento che la strada la conosce a memoria perché la faceva sempre da piccola.

Alla fine della strada di sassi Martina sente con le mani che davanti c’è una tenda e la sposta sempre con le mani.

Non ha paura e si dice “sei arrivata” e si chiede cosa fosse quella tenda in mezzo a quella strada di sassi.”

 

Il sogno di Martina è intenso e denso di sensi e di significati, di emozioni e di simboli, di ricordi e di traumi, di soluzioni e d’integrazioni.

Procederò con la decodificazione progressiva dei “segni” onirici portanti.

“Martina si trova in una strada di sassi in piena notte”.

L’esordio del sogno attesta di uno stato crepuscolare della coscienza e di una situazione psichica “d’interiorità intima”: si profilano vissuti personali di un certo spessore e di una certa delicatezza. La strada con i sassi indica una situazione esistenziale difficile in cui Martina è chiamata a deliberare e a decidere.

“La strada che porta da casa sua a quella dei genitori”, dall’attualità e dal presente al passato e a ciò che è stato vissuto, condensa una “regressione”.

Uso il termine “regressione” non in senso di “processo di difesa dall’angoscia”, ma in senso esclusivamente temporale. Martina torna indietro nel tempo, magari stimolata dal “resto diurno”, da un ricordo occasionale o da un incontro fortuito o da un fatto insignificante che sfugge alla sua coscienza e alla sua riflessione.

“E’ buio, ma Martina è colpita dalla luna bellissima che le fa chiaro lungo il percorso.” La strada è di sassi, ma la “luna bellissima” accompagna Martina in questo suo conflitto o meglio in questo suo “ritorno del rimosso”. La luna è un classico simbolo femminile, una femminilità nella sua globalità e interezza, dal versante buono al versante cattivo: la luna nuova e la luna nera. Oltretutto la luna è bellissima per attestare che nel sogno è coinvolta la femmina Martina e la femminilità di Martina: il buio della piena notte e il chiaro della luna, una sintesi simbolica globale e meravigliosa dell’universo psicofisico femminile. C’è tutto in questa sintesi: la maternità, la seduzione,  il ciclo mestruale, la sensualità, la sessualità, il sistema neurovegetativo non dissociato dal crepuscolo della ragione.

“Le viene intorno un cane piccolo color crema”: alla femminilità si associa l’esser femmina e la maternità. Il “cane piccolo” rappresenta l’oggetto vivente dell’amore materno, la “traslazione” o lo “spostamento” del figlio. Il “color crema” evoca la pelle e il calore affettivo, le carezze e le premure materne.

Ma la maternità e l’amore materno subiscono una pesante frustrazione: il cane piccolo “poi sparisce in quel buio”. Sparire è un brutto “fantasma di morte”, condensa l’impossibilità affettiva e la drasticità della fine, l’angoscia depressiva della perdita e dell’abbandono materno. Così leggo nel mio personale dizionario dei simboli onirici. Il “fantasma di morte” è aggravato dal “buio”: dimensione psichica profonda e meccanismo di difesa dall’angoscia della “rimozione”, colpa e male, assenza di coscienza e di razionalità.

“Martina arriva a casa dei suoi e pensa a quel cane che è solo”: “ritorno del rimosso” e “riedizione del trauma”. La “rimozione” è il meccanismo principe di difesa dall’angoscia e funziona relegando nel “dimenticatoio” il materiale psichico ingestibile dall’”Io”. Il “ritorno del rimosso” è dovuto al mancato funzionamento della “rimozione” e al conseguente riemergere alla coscienza  del materiale, per l’appunto rimosso, insieme alle emozioni collegate. Martina aveva rimosso il trauma del piccolo “cane che è solo”, ma quest’ultimo riemerge con tutto il suo carico emotivo e si presenta in forma adeguatamente camuffata in sogno. Si deve ulteriormente rilevare la benefica funzione catartica del sogno.

Martina “allora torna lì dove lo aveva perso di vista.” E’ chiarissimo il “contenuto manifesto” e il “contenuto latente”: il trauma è tornato alla memoria e alla coscienza.

“E’ buio e la luna non c’è a farle chiaro.” Martina si trova in piena crisi perché non riesce a razionalizzare il trauma che le è piombato addosso senza avere avuto la possibilità di prepararsi per rielaborarlo. Il “buio” simboleggia l’assenza di coscienza razionale e la dimensione psichica cosiddetta inconscia. Il “buio” è piombato nella sua dimensione femminile:”la luna non c’è a farle chiaro”. Martina ha litigato con la sua “luna”, la sua femminilità, la sua femmina, la sua maternità. Si profila questo trauma nel passato di Martina e precisamente quando era figlia in famiglia.

“Martina non ha paura e continua a chiamare quel cane.” Martina persiste nel tentativo di assolvere il senso di colpa di aver abbandonato al suo destino di solitudine il “cane piccolo color crema”: riparazione del trauma in grazie all’istinto materno. L’assenza di paura attesta della rassegnazione legata a un’esperienza  vissuta, per cui Martina sa che non troverà il “cane piccolo color crema”, ma esprime il bisogno legato al suo universo desiderante e sempre nel tentativo di assolvere quella che vive come una colpa.

“Decide di chiudere gli occhi e di tornare a casa dei suoi, dal momento che la strada la conosce a memoria perché la faceva sempre da piccola.”

“Chiudere gli occhi” equivale a un disimpegno della coscienza, a un non voler vedere in faccia la realtà dei fatti, a una “rimozione” del trauma. “Tornare a casa dei suoi” equivale a rivisitare il luogo e il tempo del trauma, rafforzato dal fatto che la sua vita in famiglia la ricorda bene perché è stata vissuta intensamente nel bene e nel male.

Mi ripeto soltanto per confermare la funzione dei meccanismi psichici di difesa: il trauma è riemerso perché la “rimozione” non ha funzionato in riguardo a quel trauma. Quest’ultimo è stato scatenato da un evento fortuito o da un’associazione mentale e allora si è verificato il “ritorno del rimosso” con la rappresentazione o l’immagine del trauma e l’emozione collegata.

“Alla fine della strada di sassi Martina sente con le mani che davanti c’è una tenda e la sposta sempre con le mani.”

Alla fine del travaglio c’è il trauma nel simbolo della “tenda”: la madre e la maternità nella sua componente sacrale. Sentire e spostare con le mani la tenda attesta dell’istinto materno e della “rimozione”, entrambi esenti da riflessione razionale. Martina non ragiona, ma si emoziona sul tema della maternità e la rimanda, la dimentica pur sentendo la spinta pulsionale di natura organica e psichica.

“Non ha paura e si dice “sei arrivata” e si chiede cosa fosse quella tenda in mezzo a quella stradina di sassi.”

E’ tutto passato, l’esperienza è stata rivissuta in sogno e si può nuovamente comporre. Adesso Martina sa il significato profondo della” tenda”, la madre e la maternità, in rievocazione di quel travagliato momento della sua vita di adolescente.

 

Basta la frustrazione di una gravidanza o una mancata maternità per scatenare questo sogno. Basta che uomo e donna discutano sul tema della paternità e della maternità, perché si presenti il “fantasma” in riguardo all’essere stato figlio, il come uomo e donna si sono vissuti da bambini in seno alla famiglia. Esistono altri fattori più traumatici legati a esperienze drastiche che aspirano a essere considerati clinicamente. Il sogno di Martina attesta della delicatezza dell’argomento maternità nella psiche di una donna o meglio nella “borsa di una donna” come recita una canzone di musica leggera, non tanto leggera in questo caso.

 

La prognosi impone a Martina di considerare il “ritorno del rimosso” e di approfittare per un’adeguata e decisa presa di coscienza: razionalizzazione del trauma o della frustrazione. Il sogno è sempre un buon alleato perché non mente anche se racconta le storie in maniera camuffata per non angosciarci e farci dormire.

 

Il rischio psicopatologico si attesta nella variazione d’umore collegata al persistere del “ritorno del rimosso” e soprattutto nelle tensioni collegate e congelate a livello profondo, in quei settori della psiche che contengono tutti i vissuti che non si possono tenere nella dimensione cosciente. Queste tensioni in eccesso ritrovano il loro equilibrio turbato nella “conversione isterica” e nella “formazione di sintomi”. In ogni caso viene sensibilizzato anche il tratto depressivo della “formazione reattiva”, il carattere per la precisione. Martina non deve essere vittima della tirannia del “rimosso”.

 

Riflessioni metodologiche: un riepilogo sul meccanismo di difesa della “rimozione” è opportuno. Di poi, sintetizzerò il cosiddetto “istinto materno” e il significato psico-antropologico della “tenda”.

La “rimozione”è il meccanismo di difesa principe e nobile riscontrato da Freud nella sua pratica clinica come causa delle psiconevrosi isteriche e di poi elaborato per giustificare la cosiddetta scoperta dell’”Inconscio”. In realtà di “Inconscio” avevano parlato i filosofi sin dal tempo del greco Anassimandro a partire dal quinto secolo “ante Cristum natum”, del tedesco Leibniz e dell’ancora tedesco Shelling e di altri filosofi di varia nazionalità. Si distinguono tre livelli operativi.

La “rimozione primaria” è il residuo arcaico, individuale e collettivo, di rappresentazioni disturbanti non coscienti, come la “scena primitiva”, la “colpa” e la “seduzione”, che costituiscono di poi punti di fissazione per le rimozioni successive.

La vera “rimozione” consiste in un processo attivo dell’”Io” che mantiene fuori dalla coscienza le rappresentazioni inaccettabili per semplificare la vita corrente. La “rimozione” da parte dell’”Io” si attesta nel relegare a livello profondo rappresentazioni angoscianti. In quest’operazione di difesa  le istanze del “Super-Io” e dell’”Io” sono alleate nel disattivare la memoria da questi vissuti angoscianti inconciliabili e incompatibili con l’equilibrio psicofisico .

Il “ritorno del rimosso”, la fuga dalla “rimozione” delle rappresentazioni sottili e delicate, può essere utile e funzionale come nel sogno e nei fantasmi o imbarazzante come nei “lapsus” e nelle “paraprassie”, le false azioni, oppure può essere patologica come nei sintomi nevrotici che testimoniano del fallimento reale della “rimozione”. Al suo mancato funzionamento e al “ritorno del rimosso” si attribuiscono i fenomeni isterici, le inibizioni, le ossessioni e l’impoverimento psichico in generale. Il processo consiste nel disinvestimento delle rappresentazioni angoscianti e nel successivo controinvestimento dell’energia pulsionale disponibile in rappresentazioni autorizzate. Freud riteneva inizialmente che la “rimozione” fosse la causa dell’angoscia, di poi dimostrò che è l’angoscia a creare la “rimozione”.

Passiamo all’istinto materno. Può essere definito come la rappresentazione fantasmica della psicofisiologia genitale femminile, il modo di vivere la “libido genitale” e di sentire il corpo nel suo essere materno. Istinto materno è il complesso delle fantasie in riguardo al corpo, nello specifico l’apparato sessuale femminile, che di poi viene inquadrato e organizzato dalla mente. Tali vissuti si incamerano durante la “posizione edipica” e la “fase genitale” degli investimenti della “libido”, si fissano nell’identificazione nella madre e nell’acquisizione dell’identità femminile e si evolvono nell’adolescenza con la pubertà e la maturazione genitale.

Passiamo alla “tenda”. Il significato antropologico della “tenda” presso la cultura degli indiani americani, i cosiddetti “Pellerossa”, si attestava in una simbologia materna e in una forma di extraterritorialità. Chi, maschio ovviamente,  commetteva un reato e si rifugiava nella tenda della donna anziana della tribù non poteva essere catturato, perché il luogo godeva dell’impunità. Questa è memoria, perché la cultura dei Pellerossa è stata mirabilmente distrutta o relegata a coreografia turistica. In compenso ricordo che nella simbologia archetipale, universale e primaria, la “Madre” assolve le colpe dei figli in base al suo codice fusionale, al di là della “Legge del Padre” che invece condanna ed esige l’espiazione della colpa in base al suo codice dirimente.

Maestro nella decodificazione dei simboli universali e culturali è stato Karl Gustav Jung, collega di Freud e della prima psicoanalisi e di poi dissidente e fondatore della “Psicologia analitica”, semplicemente un grande per la sua vasta formazione e per la sua capacità di sintetizzare le varie conoscenze in una valida teoria. Senza il suo contributo oggi sapremmo poco sul fenomeno psicofisico del sogno. Invito a leggere il suo testo “L’uomo e i suoi simboli” per una prima introduzione alla “Psicologia analitica” e al tema del significato profondo dei sogni.