LA COLONIA ESTIVA

TRAMA DEL SOGNO – CONTENUTO MANIFESTO

“Un sogno ricorrente che facevo da bambina era vedere la mia casa che andava a fuoco.

L’angoscia che ne derivava era tanta perché immaginavo che assieme alla casa fossero bruciati anche i miei genitori.

Il sogno si presentava d’estate quando ero in colonia, posto dove non mi piaceva stare e che mi provocava disagio e forte nostalgia di casa.

Anche quando tornavo a casa, alla fine delle tre settimane, il disagio si ripresentava con crisi di pianto che non riuscivo a trattenere all’ora di pranzo o cena, quando ci si trovava insieme a tavola e che mi provocava ansia perché non capivo cosa mi stava succedendo.”

Pulcino

DECODIFICAZIONE E CONTENUTO LATENTE

CONSIDERAZIONI PERSONALI

La “colonia estiva” era il toccasana per le famiglie numerose e per i genitori improvvidi che popolavano l’Italia fascista e post fascista, più che democratica e repubblicana. Eravamo tanto poveri in tutti i sensi, c’era poco da mangiare, eravamo tutti magri, la dieta era naturale e non prescritta da alcun medico, i morsi della fame ti braccavano di notte e nel mezzo del sonno ti svegliavi con la dolorosa contrazione dei muscoli dello stomaco. Il Regime aveva messo a dura prova l’italica Intelligenza e la crudele Guerra aveva distrutto il bel Paese. L’oro era stato regalato alla Patria in cambio del vile metallo. Conservo ancora le “fedi” di ferro che erano state date ai miei genitori in cambio degli anelli nuziali d’oro. Che brutto imbroglio!

E i bambini?

I bambini non stavano a guardare, erano sempre impegnati perché l’Italia fascista aveva un culto per l’infanzia e per l’educazione della nuova generazione agli inossidabili valori della Famiglia, della Patria, del Dovere, del Duce, del Libro e del Moschetto. I libri sussidiari delle scuole elementari avevano proprio l’intento di coniugare lo studio e le armi, la grammatica e la pratica, la forza e la vittoria. Tra padri fanatici e madri necessariamente compiacenti l’Italia andava verso i destini imperiali in Africa. Intanto le colonie estive al mare o in montagna prosperavano sotto l’egida della benemerita “Opera dei balilla e dei figli della lupa”, le organizzazioni per l’assistenza e l’educazione fisica e morale della gioventù. Tutti in divisa ed equamente divisi in maschi e femmine, come nelle scuole. E di bambini ce n’erano tanti e tanti, tutti quelli che sopravvivevano al parto e alle malattie epidemiche. Si calcolava che una donna diventava madre a diciotto anni e di anno in anno procreava con indiscutibile chirurgica precisione per dare i figli alla Patria e per compiere il suo Dovere di femmina e di italiana. Le politiche per l’incremento demografico colmavano la misura e premiavano con qualche lira la Vita che si affermava sulla Morte. Eros e Thanatos erano sempre insieme e sempre in conflitto. E d’estate si andava tutti al mare non per mostrare le chiappe chiare, ma per educarsi ai valori della Famiglia, della Patria e del Dovere. E se tu non facevi parte del coro, se facevi lo sberleffo al Duce, le manganellate e le purghe di olio di ricino erano belle e pronte per farti cambiare idea. Oppure il Regime ti mandava a sue spese in una “colonia penale”, una colonia non estiva ma punitiva, un carcere o un penitenziario a scelta tra queste bellissime isole italiane: Pianosa, Tremiti, Montecristo, Pantelleria, Capraia, Ventotene, Ponza. Favignana.

Che tempi erano quei tempi!

Qualche grillo parlante ieri e oggi immancabilmente dice che sono passati, ma non c’è niente di più falso. Il Fascismo era apparentemente passato perché la sua nefasta Cultura era intatta nell’animo “imprittato” dei sopravvissuti alla barbarie politica e alla furia omicida degli invasori. La Scuola era autoritaria e per niente a misura di bambini, nonostante Maria Montessori e la scuola di Barbiana inventata da un prete di campagna, don Lorenzo Milani. Anche l’Italia repubblicana con finalità democratiche ha portato avanti negli anni cinquanta e sessanta il costume toccasana della “colonia” e del “collegio” laico o religioso, organi micidiali per l’infanzia e per l’economia psichica dei bambini. In famiglia e a turno i genitori seminavano il terrore per ottenere l’ordine con la famigerata frase “se non fai il bravo, ti mando in collegio”. La “colonia” sbarellava l’infanzia già precaria di suo e rafforzava i “fantasmi” già inquieti per natura. Se si era fortunati c’era qualche ente comunale o statale o di categoria che d’estate raccattava i poveri bimbi italiani e li collocava nelle località amene del paese per farli divertire e per nutrirli meglio, per educarli a essere forti e liberi, per essere migliori cittadini e provetti cristiani. I moderni e repubblicani ricoveri erano gestiti da suore e da educatori dello stampo ideologico e culturale postbellico. In tanta benefica disgrazia si esaltavano e si incrementavano i disturbi psicosomatici dell’infanzia e dell’adolescenza, del tipo le conversioni isteriche e le somatizzazioni dell’angoscia, i disturbi dell’appetito, del sonno, della respirazione, della vescica e altro a volontà e al vostro buon cuore. Ogni bambino aveva già il suo organo debole e la sua funzione precaria. Qualche bambino era già malato di tubercolosi o di enuresi, di asma o di anoressia. La lontananza dalla famiglia e dalla casa esasperava l’equilibrio psichico, strizzava la Psiche come un cencio e le scariche delle tensioni facevano il resto portando a compimento l’opera nefasta iniziata dai genitori e consumata dagli educatori.

E la mia famiglia?

I miei fratelli scapparono di notte dalla colonia di montagna e secondo le dinamiche delle favole dei fratelli Grimm alla ricerca della mamma e del papà, angosciati come se fossero stati strappati al grembo e al nido. Furono riacciuffati e adeguatamente puniti, ma non furono espulsi come avrebbero gradito. Le altre mie sorelle si facevano compagnia: di giorno si tenevano per mano e di notte si addormentavano abbracciate.

Ma si era stupidi o si era bambini?

Si era bambini.

Io ero un gran mascalzone e mi ero catapultato direttamente a casa dopo i primi giorni di noia e di insopportabile disciplina. Io non facevo la pipì a letto di notte, ma il bambino che dormiva nel letto a castello sopra di me, purtroppo per lui, era enuretico. E i maestri? Ci picchiavano con le bacchette di bambù nelle nocche delle dita se, per caso, eri normalmente vivace. Ricordo che sono scappato dalla colonia marina direttamente dal gabinetto e dopo essermi letteralmente cagato addosso perché non ero riuscito a liberarmi dai legacci a forma di bretelle che la suora aveva incrociato al mattino per darmi una mano a vestirmi. Riuscii a fare quei pochi chilometri in tanto travaglio, ma il ritorno a casa fu un nuovo dramma perché mio padre non condise la mia decisione e fece ballare la cinghia di cuoio di fronte all’indisciplina. Quella fu la mia prima vittoria sulla sopraffazione. Io soffrivo di broncospasmo dentro l’umido scirocco dell’isola di Ortigia e a causa del naturale “fantasma di abbandono”. La diagnosi della vecchia maga, a cui mia madre si era rivolta per un piatto di ceci, era stata la seguente: “stu picciriddru iavi u scantu” o “questo bambino soffre di spavento”. Una diagnosi in linea con la Psicoanalisi di Freud e con la Medicina psicosomatica di Georg Groddeck o di Franz Alexander. Mia madre, intanto e in attesa di farmaci migliori, mi curava con il benefico balsamo “vicks vaporub” e mi ungeva il petto con tutto il suo amore. Lei sapeva che questa era la cura migliore e che la “colonia” era un inferno per i bambini, ma il suo “sapere” era tenuto in poco conto.

Chiudo il serbatoio dei ricordi e delle riflessioni personali per passare al racconto e al sogno della bambina Pulcino.

Niente di nuovo sotto il sole!

Sono confermate le psicodinamiche di abbandono e i “fantasmi” associati secondo le coordinate dell’angoscia e della somatizzazione: “conversione isterica” e “formazione di sintomo” in attesa della benefica e salutare “razionalizzazione” del rimosso o della “presa di coscienza” del “ritorno del rimosso”, quel rigurgito psichico causato da pensieri incontrollabili o da eventi casuali.

SIMBOLI – ARCHETIPI – FANTASMI – INTERAZIONE ANALITICA

Un sogno ricorrente che facevo da bambina era vedere la mia casa che andava a fuoco.”

Il “sogno ricorrente” attesta la tesi che vuole la Psiche occupata per un periodo di tempo dal materiale emerso e in corso di elaborazione al fine di poter operare un ordinato smaltimento dei “fantasmi” e dei vissuti, al di là della loro qualità. Esempio: la conflittualità traumatica è soltanto un parte di questo contenuto introiettato. La Psiche è intenzionata, è diretta e si dirige verso esperienze possibili di quel tipo e di quella qualità. Il sogno esprime sempre e soltanto il materiale psichico in atto. Il sogno “ricorrente” conferma la “teoria della persistenza” e ha la benefica funzione di smaltire le energie nervose in eccesso, quelle che disturbano l’equilibrio omeostatico e hanno necessariamente bisogno di essere trattate, ripulite ed espulse.

Da bambina” dimostra che l’infanzia e l’adolescenza sono tappe evolutive delicate e intense, proprio perché ricche di novità e di forti emozioni. Pulcino si trova addosso i vissuti e i “fantasmi” delle “posizioni orale, anale e fallico-narcisistica” ed è in procinto di partire per la conflittualità “edipica” con i genitori. Vedi che trambusto e che complicazione abitano nell’animo di una graziosa “putea”?

Vedere” equivale a una salutare forma di “presa di coscienza” compatibile con l’età e con la funzione “Io”. Purtroppo questa consapevolezza è simbolica e non si evolve in una “presa di coscienza”, ma se ci fosse stato lo psicologo a interpretare il sogno della bambina, la consapevolezza da simbolica sarebbe diventata razionale e avrebbe apportato una ventata di aria pura nella stantia atmosfera sub-liminare o subconscia. Spiegare a una bambina che si tratta di una psicodinamica e che significa quel che significa, è semplicemente salutare.

La mia casa” si riduce simbolicamente alla mia struttura psichica evolutiva, alla mia “organizzazione psichica reattiva”, alla “mia casa psichica” con annessi d’arredo e connessi abitativi. La “mia casa” attesta di un buon amor proprio e di un incipiente senso dell’Io. Pulcino ha i piedi per terra, ma non può evitare a se stessa i traumi inferti dal destino infame e dalla superficialità culturale dei suoi genitori.

Andava a fuoco” si traduce in un investimento eccessivo di “libido”, in un eccesso di tensione nervosa direttamente proporzionale al trauma subito e in corso di smaltimento. La Psiche è interessata da un afflusso improvviso di tensioni collegate alle paure e alle angosce che la bambina Pulcino sta vivendo e sperimentando sulla sua pelle. Questo vale per la bambina. Di per se stesso il “fuoco” simboleggia la purificazione estrema dai sensi di colpa e la metamorfosi dei contenuti psichici in gestione tramite i “meccanismi di difesa” atti a commutare i vissuti magari nell’opposto e a deprivarli della loro carica autolesionistica e distruttiva: “isolamento”, “intellettualizzazione”, “annullamento”, “volgersi contro il sé”, “formazione reattiva”, “sessualizzazione”, “sublimazione”, “formazione di sintomo”, “conversione isterica”.

L’angoscia che ne derivava era tanta perché immaginavo che assieme alla casa fossero bruciati anche i miei genitori.”

L’angoscia” è la tensione nervosa che consegue a una paura senza oggetto specifico, deriva dal tedesco antico “angst” che si traduce “mi stringe” e si caratterizza a livello somatico per un nodo alla gola che ostacola il corretto e naturale andamento del respiro: blocca la fisarmonica. Spiego meglio: “l’ansia” è la tensione nervosa necessaria per affrontare un pensiero o un’impresa, la “paura” è la giusta e naturale tensione verso il pensiero e l’impresa, la “fobia” si attesta nello “spostamento” inconsapevole dell’oggetto dell’ansia e della paura in un altro oggetto che lo rievoca, “l’angoscia” è una dolorosa reazione nervosa senza un manifesto oggetto esterno, è un accadimento psichico interno e apparentemente privo di causa. Pulcino reagisce al trauma dell’incendio della sua casa, all’angoscia della mancata consapevolezza della sua intensa rabbia distruttiva, all’impotenza di capire e di reagire, con l’angoscia di cui si è detto. Pulcino sta doppiamente male, per il trauma reale esterno e per la tensione, altrettanto reale, interna: “l’angoscia era tanta”.

Immaginavo” spiega la formazione del “fantasma”, l’allucinazione che condensa il trauma interno ed esterno: “assieme alla casa fossero bruciati anche i miei genitori.” Attenzione! La bambina Pulcino associa il suo tormento psicofisico, l’angoscia, all’autodistruzione, una pulsione sadomasochistica, che coinvolge i suoi “genitori”. Spiego meglio: la bambina scarica la sua aggressività contro se stessa e contro le persone responsabili della sua angoscia, i genitori. Lei si è sentita morire e loro erano stati insensibili, non l’avevano difesa da questo tormento struggente. Sembra che la bambina tema l’abbandono e la solitudine, ma in effetti sta reagendo simbolicamente all’abbandono da parte dei suoi genitori formulando la giusta allucinazione, il “fantasma depressivo di perdita”.

Il sogno si presentava d’estate quando ero in colonia, posto dove non mi piaceva stare e che mi provocava disagio e forte nostalgia di casa.”

Tutto il quadro si compone nelle forme giuste e consequenziali. La bambina Pulcino elaborava questo sogno in una precisa contingenza della sua infanzia e adolescenza, “d’estate quando ero in colonia”. La “colonia”, il soggiorno estivo che si dispensava ai bambini fortunatamente nei tempi andati o per divertimento o per cura ricostituente, incorreva in una dolorosa esperienza di perdita e ridestava il “fantasma” che i bambini avevano elaborato per conto loro e secondo natura nella “posizione psichica orale” e nel primo anno di vita in riguardo all’abbandono della mamma e all’inedia conseguente. E giustamente la bambina Pulcino conferma che era un “posto dove non mi piaceva stare e che mi provocava disagio e forte nostalgia di casa.” Ecco spiegata la “sindrome dell’abbandono” meglio di uno specialista e di un teorico. Essa consiste nel dolore depressivo legato alla perdita dell’agio e del ritorno, nel cambiamento del luogo e nella difficoltà all’adattamento. Questo quadro è apparentemente esterno, ma in effetti è tutto interiore. Non si tratta di un’incapacità dell’intelligenza operativa della bambina Pulcino, la capacità di adattamento nello specifico, ma emerge uno psicodramma struggente e sottile che si consuma in maniera traumatica e addirittura condizionando di brutto la formazione psichica in atto anche in base a quanto Pulcino aveva elaborato nel “fantasma di abbandono” durante il primo anno di vita e negli anni successivi. Mi spiego meglio. Se il bambino e l’adolescente hanno esaltato il nucleo psichico depressivo della perdita perché ci hanno troppo filato sopra, ampliamento del “fantasma”, e perché effettivamente hanno subito delle perdite significative, basta anche la morte di un animale e non necessariamente di un familiare, ecco che allora l’esperienza traumatica della “colonia” diventa veramente pericolosa perché cementa e struttura il nucleo depressivo che può a macchia d’olio allargarsi ed esplodere nel tempo in una sindrome depressiva. Se invece il bambino o l’adolescente non hanno elaborato e infiorettato il solito “fantasma depressivo di perdita”, allora l’esperienza della colonia resta sempre traumatica, ma viene assorbita e risolta come un tratto depressivo e una sensibilità alla perdita restando in un ambito clinico conflittuale, “psiconevrosi depressiva”. E la stessa bambina Pulcino insegna che il “rifiuto del posto”, il “disagio” e la “forte nostalgia di casa” sono conflitti interiori e si traducono nei seguenti tormenti.

Il “rifiuto” non è topico e logistico, del luogo e del posto, ma è la “traslazione” dell’aggressività diretta verso i responsabili adulti di questa infame trovata, gli artefici di tanto intrattabile dolore, i genitori, proprio loro. La bambina si trova di fronte alla costrizione di vivere un’esperienza che non riesce a capire e a giustificare. Si chiede: “ma perché i miei genitori mi mandano via di casa?”, “perché non mi vogliono più bene?”, “ma cosa avrò fatto di male per essere punita in questo modo?” La bambina Pulcino si ritrova dentro vissuti spropositati e deve affrontare emozioni intense rispetto al fatto in se stesso, tutto quel marasma psichico che va dall’odio verso i crudeli genitori al senso di colpa per averli odiati. I genitori dicono a loro volta: “vai a divertirti con gli altri bambini”,”ti fa bene alla salute l’aria del mare o della montagna”, “vedrai che impari questo e impari quello”. La bambina ribatte dentro di lei “ma io sto bene con voi e a casa mia”, ma è costretta dal bieco autoritarismo dei genitori a ubbidire e a soccombere.

Il “disagio” non si attesta nella mancanza dell’agio di cui gode in casa. Anche in questo caso il vissuto non è diretto verso l’esterno, ma verso l’interno e si traduce in un conflitto psichico e in una disarmonia psicofisica perché inevitabilmente le tensioni in eccesso vengono somatizzate e sono di lesione alle funzioni organiche. La prima a essere colpita è la respirazione. Prima di addormentarsi il bambino sente che il respiro non va in fondo, che fa fatica a respirare, che gli manca il fiato e che la fisarmonica non si apre tutta. Il respiro è collegato elettivamente alla figura materna essendo una funzione vitale ed essendo la madre la persona e la figura deputata alla vita. Anche l’enuresi, la pipì notturna, (il mancato controllo della funzionalità della vescica dovuta a un afflusso di tensione nervosa destato dall’emergere in sogno del “fantasma” che apre la valvola di scarico e risolve in parte l’angoscia), è in agguato insieme alla grande vergogna di aver bagnato il lenzuolo. Si ridestano tutti gli “organi deboli” e le funzioni delicate sotto lo stimolo incessante del “fantasma di abbandono”, la versione evoluta del “fantasma di morte in vita”. Di poi, l’eccesso emotivo durante il giorno si può convertire nell’umore o nell’appetito, nella tristezza e nella distorsione della percezione della fame. Il momento più brutto della giornata per il bambino abbandonato in colonia è la sera, quando va a dormire. Prima di prendere sonno affluiscono nella sua mente un mare di ricordi e di dolorose fantasie che aumentano a dismisura il tenore nervoso. Il pianto è il primo “meccanismo di difesa”, ma non tutti i bambini fanno ricorso alle lacrime per scaricare la tensione dell’angoscia di trovarsi soli in un mondo sconosciuto e infido. Ripeto, la mancanza di agio, “disagio”, è tutta interiore, una disarmonia tra le angosce e la realtà, un eccesso di tensione nervosa che disturba l’equilibrio psicosomatico.

La “forte nostalgia di casa” è sempre un’elaborazione interiore del trauma dell’abbandono e delle degne tensioni che si scatenano nel teatro psichico della bambina Pulcino. “Nostalgia” si traduce dal greco “dolore del ritorno” ed è la “sindrome di Ulisse”, almeno così come lo presenta Omero nella sua “Odissea”. Dopo aver peregrinato per volontà punitiva degli dei nel Mediterraneo e per ben dieci anni, Ulisse finalmente può rientrare a Itaca per ritrovare il padre Laerte, il figlio Telemaco e la moglie Penelope. La bambina si trova in colonia, lontano dai suoi genitori e dalla sua casa, e sente forte lo struggimento del ritorno.

Chi poteva garantire la bambina sul ritorno a casa e chi poteva rassicurarla sull’amore dei suoi genitori?

Questo è un punto molto delicato della “sindrome di abbandono”. L’angoscia domina qualsiasi rassicurazione sul ritorno in famiglia e sul ripristino della normalità. Di giorno si manifesta la paura, di notte quest’ultima traligna nell’angoscia perché emergono i “fantasmi” nella fase ipnoide del sonno, prima di addormentarsi e quando si è ancora abbastanza svegli e consapevoli.

Anche quando tornavo a casa, alla fine delle tre settimane, il disagio si ripresentava con crisi di pianto che non riuscivo a trattenere all’ora di pranzo o cena, quando ci si trovava insieme a tavola e che mi provocava ansia perché non capivo cosa mi stava succedendo.”

Il danno psichico non era da poco e aveva i classici strascichi del trauma di abbandono. Ripeto: già il bambino lo elabora da sé e tra sé e sé anche nelle migliori e protettive situazioni familiari, anzi più protetto e sicuro è e si sente e ancor di più e più facilmente pensa alla situazione opposta e scatena le sue fantasie di abbandono e di solitudine e di morte per inedia. Tre settimane di soggiorno in colonia sono micidiali per la sensibilità della bambina e hanno tutte le condizioni per inserirsi tra le pieghe profonde della sua Psiche. Quando il sistema psichico non riesce a contenere l’angoscia e la tensione nervosa, ecco che arriva immancabilmente il disturbo psicosomatico, la “conversione isterica” o la “formazione del sintomo” facendo perno sulla memoria dell’esperienza vissuta. Le crisi di pianto sono classiche ed elementari e sono la migliore scarica della tensione nervosa, la reazione naturale e universale. Se poi avvengono davanti alla tavola imbandita e al simbolo dell’unità familiare, ecco che il pianto si collega logicamente come una “metonimia”, figura retorica, a ricordare che il trauma e le lacrime sono l’eredità di quella mutilazione temporanea degli affetti familiari di cui il bambino ha sofferto. Pulcino, non sapendo a cosa collegare queste lacrime, si meraviglia e si addolora ancora di più sentendosi fuori posto o malata, comunque in crisi. La Psiche camuffa ma non dimentica e ripropone in altre forme il trauma e lo rappresenta con una logica associativa e simbolica nella veglia, come succede nei sogni. Anche i sintomi non avvengono a caso, ma sono rappresentativi della qualità del trauma e dell’angoscia, come ho detto in precedenza. Riguardano la sfera affettiva e gli apparati e le funzioni che simbolicamente sono investite di quel significato: il respiro e lo stomaco in rievocazione dell’amore materno, la vescica in liberazione dell’angoscia che si accumula nel sonno e in sogno. Niente avviene a caso e tutto ha una sua finalità, una sua teleologia.

Questo è quanto potevo dire sull’esperienza umana e onirica della bambina Pulcino.

PSICODINAMICA

Le note oniriche rilevano ed evidenziano in maniera sintetica ed efficace la psicodinamica collettiva e universale della “sindrome di abbandono” e del “fantasma di morte” nella versione “orale”, quello elaborato nella “posizione psichica orale” e intenzionato espressamente alla sfera affettiva. La bambina Pulcino rievoca nei suoi ricordi l’angoscia e il dolore del trauma, nonché la struggente nostalgia di un ritorno in famiglia e il desiderio di ripristinare la sua armonia psicofisica dopo il notevole turbamento. Lo strascico psicosomatico conferma la persistenza nel tempo immediato, nel futuro prossimo e nel futuro remoto, dell’universalità dei sintomi, della condivisa simbologia e del comune Linguaggio del Corpo. Questa tesi è stata elaborata da Franz Alexander nella sua miliare “Medicina psicosomatica” e da Georg Groddeck nel suo originale e prezioso “Il libro dell’Es”.

PUNTO CARDINE

Nel breve sogno di Pulcino il punto cardine dell’interpretazione è “assieme alla casa fossero bruciati anche i miei genitori.” Questa precisazione non contempla il conflitto edipico, ma si riferisce alla prima infanzia e al legame di dipendenza affettiva della bambina dal padre e dalla madre, relazione e intensità equamente distribuite.

ULTERIORI RILIEVI METODOLOGICI

Nel breve sogno di Pulcino sono presenti i “simboli” della “casa”, del fuoco”, della “colonia”.

Si evidenzia l’archetipo “Corpo” nell’essere portatore di angoscia e nel rappresentare la “sindrome dell’abbandono”.

Si manifesta il “fantasma di morte” nella versione “orale”, l’affettività e l’abbandono.

E’ presente l’istanza psichica deputata alla consapevolezza vigilante, l’Io, in “non capivo cosa mi stava succedendo” e in “vedere”, l’istanza pulsionale “Es” in “la mia casa che andava a fuoco.” e in “immaginavo che assieme alla casa fossero bruciati anche i miei genitori.”. L’istanza censurante e limitante “Super-Io” non si manifesta.

Nel breve sogno di Pulcino è rispolverata la “posizione psichica orale”, la dimensione affettiva elaborata e assimilata nel primo anno di vita e portata avanti nel corso dell’evoluzione psicofisica.

I “meccanismi psichici di difesa” usati da Pulcino nel sogno sono la “condensazione” in “casa” e in “fuoco”, lo “spostamento” in “colonia” e in “bruciati”, la “figurabilità” in “vedere la mia casa che andava a fuoco.” e in “assieme alla casa fossero bruciati anche i miei genitori.”. Il sogno di Pulcino mostra in maniera chiara il “meccanismo psichico di difesa” della “conversione isterica” ossia di come l’angoscia si somatizza nel sintomo o in una serie di sintomi: “il disagio si ripresentava con crisi di pianto”.

Il processo psichico di difesa della “regressione” è presente nei termini richiesti dalla funzione onirica. Non è presente l’azione purificatrice e benevola della “sublimazione della libido”.

Il sogno ricorrente di Pulcino evidenzia un tratto “orale” all’interno di una “organizzazione psichica reattiva” a dominanza “orale”. Mi spiego meglio: si tratta di un sogno dell’infanzia a stretto dominio affettivo e non evidenzia la maturazione psichica di Pulcino. Si può affermare che la protagonista adulta è molto sensibile alla vita affettiva e al suo esercizio, tratti ereditati da quel periodo e rafforzati da quella triste esperienza.

Le “figure retoriche” elaborate dalla Fantasia creativa di Pulcino sono la “metafora” o relazione di somiglianza in “fuoco” e in “casa”, la “metonimia” o relazione di senso logico in “colonia”. L’allegoria dell’abbandono si colloca in “ posto dove non mi piaceva stare e che mi provocava disagio e forte nostalgia di casa.”

La “diagnosi” dice di angoscia d’abbandono somatizzata in maniera elettiva e non a caso o alla carlona, ma in organi significativi come gli occhi.

La “prognosi” impone a Pulcino di considerare sempre la sua sensibilità alla perdita affettiva e di rincuorarla con l’esternazione della sua carica “orale”: giovialità e partecipazione emotiva.

Il “rischio psicopatologico” si attesta in un “ritorno del rimosso” e nella somatizzazione d’angoscia in un sintomo elettivo degli affetti come lo stomaco e il respiro: “conversione isterica” o “formazione di sintomo”.

Il “grado di purezza onirica” si può stimare “buono” dal momento che il sogno è ricorrente e verte su esperienze vissute. Non esistono contaminazioni e accrescimenti da parte dei “processi secondari” al risveglio perché la trama è semplice e lineare.

Il “resto diurno” del “resto notturno”, la causa scatenante del sogno di Pulcino è sempre l’associazione al trauma vissuto nella piena consapevolezza e reiterato, vissuto più volte. Magari nel pomeriggio Pulcino ha pensato ai suoi genitori o ha vista una bambina e di notte il sogno era pronto a manifestarsi.

La “qualità onirica” è la “semplicità” e l’umanità del tema.

Il sogno di Pulcino può vedere la luce nella seconda fase del sonno REM e nel passaggio alla fase nonREM. Questo non è un sogno da quasi risveglio perché ha un simbolismo forte ed efficace.

Il “fattore allucinatorio” si mostra nel senso della “vista” in “vedere la mia casa che andava a fuoco.”

Il “grado di attendibilità” dell’interpretazione del sogno ricorrente di Pulcino è “massimo” alla luce dell’evidenza supportata dalla protagonista. Il “grado di fallacia” è minino”.

DOMANDE & RISPOSTE

A grande richiesta è tornata la signora Maria, veneta a denominazione di origine controllata ma non fanatica da “Liga” o da “Repubblica serenissima di san Marco”, con la sua terza media e con l’esperienza collaudata di mamma, una donna massiccia e pratica che legge tanto e che ama essere informata, una donna tosta che non te le manda a dire.

Domanda

Proprio vero e comincio subito. La volta scorsa mi ha spiegato “Ultimo tango a Parigi”, questa volta mi deve spiegare “l’alienazione parentale”. Mi deve dire che cos’è e cosa ne pensa. Ne hanno parlato in televisione a “Presa diretta” insieme a un progetto di legge sull’affidamento dei figli.

Risposta

“Presa diretta” è un ottimo programma di inchiesta giornalistica. Riccardo Iacona e i suoi collaboratori sono professionalmente capaci e socialmente impegnati, all’incontrario di tanti giornalisti polemici e saccenti, fanatici e prevaricatori che occupano tanto spazio dentro il video di questo o di quell’editore. Provo a rispondere alla tua domanda, ma vado a salti. Il progetto di legge in discussione presso la commissione parlamentare prende il nome dal senatore leghista che lo ha proposto, l’avvocato Stefano Pillon, e tende a rivedere l’affidamento dei figli con particolare attenzione alla figura paterna, all’assegno mensile e con la convinzione di fondo che la madre sia privilegiata dalla Legge a livello economico e a livello affettivo e psicologico. Infatti, questa proposta di legge tende a eliminare nell’affidamento condiviso la quota finanziaria che il padre è tenuto a versare alla madre per il mantenimento dei figli e propone tempi uguali per il soggiorno e l’educazione. Per questi scopi la proposta Pillon fa riferimento alla “sindrome di alienazione parentale o genitoriale”, PAS, elaborata nel 1985 dal medico americano Gardner, da lui definita come una sindrome psichiatrica. Questa neonata malattia non è stata accettata dagli organismi internazionali sulla pubblica Salute e, nello specifico, sulla Salute mentale. Purtroppo, questa sindrome in tanti casi è stata fatta propria da qualche giudice americano e non. L’ideatore dell’alienazione parentale sostiene che uno dei genitori viene estromesso dalla famiglia dopo la rottura della coppia e viene distolto dall’esercizio psicologico ed educativo dei figli. Nello specifico storico e senza tanti fronzoli la madre, nel novantanove per cento dei casi, scredita costantemente la figura paterna al punto di suggestionare il figlio o la figlia nel rifiuto del padre fino a indurli a non frequentarlo più. Questo diabolico condizionamento materno consente di formulare la tesi che nelle separazioni c’è un genitore “alienante” e un genitore “alienato”. Gardner formula anche una griglia con precisi criteri per l’individuazione e la diagnosi della “sindrome di alienazione parentale”. Insisto nello spiegare che se un figlio di separati rifiuta uno dei genitori e non vuole più andare da lui per vivere nei giorni prescritti dalla Legge e dal giudice, c’è una madre o un padre “alienante” e una madre e un padre “alienato”. Quest’opera di alienazione avviene tramite messaggi costanti di discredito e suggestioni di rifiuto. Tanta roba viene inoculata ad arte dai genitori facendo perno sull’attaccamento affettivo e sulla dipendenza psichica del figlio o della figlia. Questi ultimi non vogliono vedere e frequentare il padre perché sono stati oggetto di smaccato plagio e di subdolo indottrinamento. In ogni caso non hanno scelto di loro arbitrio e volontà. Tutto questo casino psicodinamico è una ideologia che va concretamente contro la madre e la donna. E’ lei l’artefice del misfatto. Chiaro? Ma non finisce qui. Bisogna ricordare sempre che le conquiste fatte dalla donna in riguardo ai diritti civili oggi stanno subendo un duro attacco da parte di gruppi fondamentalisti cattolici medioevali e da parte della Lega che è al governo con tutto il suo scarno bagaglio di cultura storica e di idee portanti, con le sue fobie casalinghe e le sue paranoie piccolo-borgesi.

Domanda

Sì, ma lei, lei dottor Vallone, cosa dice a proposito?

Risposta

La terminologia “alienazione parentale” è confusa e il significato è ambiguo. Riguarda, infatti, i figli come soggetto e oggetto di alienazione, un genitore come oggetto alienato e l’altro genitore come soggetto alienante. La questione psichica è tremenda e complessa, specialmente se a essere l’artefice di tanto diabolico misfatto è la madre. I figli sono affetti da questa terrificante sindrome e sono oggetto in quanto sono stati condizionati da un genitore, l’alienante, e sono soggetto in quanto rifiutano l’altro genitore, l’alienato. Preciso che in Psicopatologia il termine “alienazione” richiama il “meccanismo psichico di difesa” della “scissione dell’Io”, il cui uso dispone a una sindrome pesante di perdita di contatto con la realtà e a quella che si definisce in gergo la “follia”. Il quadro dell’alienazione parentale è esagerato nei termini e nella realtà. Io ritengo che queste posizioni pseudo psichiatriche e giuridiche, progetto di legge Pillon compreso, hanno in primo luogo una base culturale di manifesta, più che occulta, “misoginia”, odio contro le donne. La donna madre viene discriminata e vilipesa nel suo essere stimata la causa attiva di una difficile e complicatissima questione, l’accettazione da parte dei figli della figura paterna. Non soltanto, ma la madre viene sminuita nel ruolo e nelle funzioni psicofisiche pregresse e in atto. La madre ha accudito i figli anche andando a lavorare e adesso viene accusata di approfittare della Legge per derubare in ogni senso l’ex marito e il padre dei suoi figli, riducendolo al lastrico e in certi casi all’accattonaggio, per l’obbligo di versare la quota mensile stabilita dal giudice all’atto della sentenza di separazione. E allora il padre dal profondo del suo amore verso i figli chiede di non versare più il becco di un quattrino e di avere lo stesso trattamento logistico dell’ex moglie: il figlio starà tre giorni con il padre e tre giorni con la madre e la domenica sarà distribuita equamente. Ogni genitore manterrà economicamente il figlio senza dover dare all’altro alcunché, dividendo soltanto le spese straordinarie. Se questo non viene accettato dalla madre, che si è ampiamente sacrificata nel crescere il figlio e se quest’ultimo rifiuta di andare dal padre, allora si tratta di “alienazione parentale”: la madre ha fatto il lavaggio al cervello al figlio e lo ha messo contro il padre. Fino a questo punto mi sono talmente ripetuto che è tutto necessariamente chiaro. Continuo. Parliamo anche dello psicodramma del sentimento dell’odio degli adulti genitori separati che coinvolge i figli. Le loro beghe psicofisiche irrisolte sono traslate sui figli con la diagnosi che questi ultimi sono stati manipolati e alienati. Della Psicologia del figlio, bambino o adolescente, di cosa effettivamente vive il diretto interessato nessuno dice niente e nessuno si pone il problema, se non in termini generici e falsamente protettivi. I due genitori persistono come famiglia anche da separati grazie al figlio e persistono alla grande nell’esercizio del sentimento dell’odio. Il loro psicodramma non è finito e viene ancora esteso al figlio. Quest’ultimo era stato già colpito dentro e fuori dalla dialettica e dalla separazione dei genitori, ma non è bastato, perché adesso deve odiare il padre ed è stimato incapace di intendere e di volere e malato di alienazione. Poveri figli!

Domanda

Allora? Mi dica dei figli, visto che prima ha difeso la madre e dopo ha condannato entrambi i genitori.

Risposta

La Psicologia dell’infanzia è complessa e non so da dove partire. Comunque ci provo a dire qualcosa d’incompleto. Intanto i figli coinvolti sono quelli che vanno dai due ai dodici anni. Gli adolescenti e i giovani sono toccati in parte dalla separazione dei genitori, sono più autonomi e strutturati a livello psicologico per cui non si prestano facilmente a operazioni di manipolazione e di plagio. Premessa vuole che i figli hanno bisogno del padre e della madre, ma se la coppia genitoriale si rompe, la famiglia resta anche se in spazi diversi. La logistica non elimina i circuiti affettivi e formativi. I bambini accettano la separazione dei genitori con minore difficoltà rispetto a quello che pensano i genitori stessi, i benpensanti e i moralisti. La comunicazione non avviene a caso e all’improvviso, ma dopo una dialettica litigiosa della coppia genitoriale, oltretutto molto dannosa per i bambini. “Ogni male non viene per nuocere”, recita in preghiera il bambino insieme a un “amen”. Il bambino è preso e impegnato dalla sua evoluzione psicofisica e dalle sue dinamiche relazionali, per cui affronta la separazione dei genitori come un miglioramento della sua condizione e non come una perdita. La “sindrome e l’angoscia dell’abbandono” non scattano se non in pochissimi casi. I bambini, le femmine in particolare, hanno una buona capacità di razionalizzare e di adattarsi, hanno una buona intelligenza operativa sin dai quattro anni, sono particolarmente giudiziose. L’evento storico della separazione dei genitori non si traduce in un dramma interiore semplicemente perché i genitori sono vivi e vegeti e la famiglia è intera e salva. Il bambino concepisce che si è rotta la coppia e i giochini della mamma e del papà, ma non si è rotta la famiglia ed è convinto che adesso ha degli agi in più, adesso ha due case e due persone da manipolare con i suoi argomenti e con le sue strategie. Paradossalmente sono i figli che operano la “alienazione genitoriale” nel senso che intuiscono che possono godere meglio le figure dei genitori e usarle a proprio uso e consumo facendo perno sui loro fasulli sensi di colpa. Adesso la bambina in piena “posizione edipica” ha il papà tutto per lei e ha eliminato la conflittualità con la mamma che le procurava un inutile stress. Adesso il bambino edipico ha la mamma tutta per sé e senza l’ostacolo del padre rompiscatole. I figli si adattano alla nuova situazione psicofisica e logistica meglio di quanto i genitori e gli adulti pensano. Per loro ci sono tutte le opportunità di ben “alienare” il padre o la madre a loro vantaggio. Attenzione a non oltrepassare la misura della decenza, altrimenti dopo sono guai seri.

Domanda
Lei sta dicendo delle cose sconcertanti, sta ribaltando la frittata, sta dicendo che sono i figli ad approfittare della separazione per vivere meglio e di più i genitori. Ma è sicuro?

Risposta

Non è il genitore che aliena l’altro genitore, ma è il figlio che ha tutta la convenienza di vivere liberamente e senza vincoli sia la madre e sia il padre. E i genitori, in preda ai sensi di colpa di aver rotto il giocattolo della famiglia, li amano di più rispetto a prima, mentre i figli trovano davanti a loro una prateria dove scorrazzare con le mille richieste e le mille voglie che immancabilmente elaborano. Ma i genitori persistono nella perfida dialettica di coppia che li ha portati alla soluzione effimera della separazione e traslano vicendevolmente la loro aggressività adducendo che il bambino o l’adolescente ha subito l’alienazione parentale e che è malato di questo strano e neonato morbo, quando invece il figlio non è mai stato così bene in vita sua come da quando i genitori hanno smesso di rompere le scatole con i loro teatrini domenicali e non. Ripeto. Alla luce delle “posizioni psichiche” affettive o “orali”, aggressive o “anali”, autocompiacimento e potere o “fallico-narcisistiche”, conflittuali o “edipiche”, il bambino riceve meno danno di quello che si pensa, si adatta alla nuova situazione psicofisica e relazionale, vive la rottura della coppia e non della famiglia, sente di avere più potere contrattuale con entrambi i genitori. Cosa resta in questo bailamme? Restano pari pari i conflitti di coppia, il risentimento e l’odio. E qui cominciano i guai seri. Dopo la separazione si cerca la rivincita in base al senso di sconfitta umana che ogni membro della coppia ha vissuto. L’alienazione parentale è un’ulteriore aggressione dell’uno verso l’altro coinvolgendo i figli che sono, di certo, più intelligenti e capaci dei genitori. Maria, se mi dici che ti basta e posso fermarmi qui, mi fai un grande piacere.

Domanda

Assolutamente no. Mi dica qualcos’altro.

Risposta

Vado avanti, ma ci penserò due volte prima di richiamarti. L’alienazione parentale non ha motivo di essere e di esistere. L’alienazione è un concetto filosofico, economico, sociologico, psichiatrico, psicologico, giuridico: Feuerbach e Marx, scuola di Francoforte e Marcuse, Kraepelin e altri, Freud e Max Weber, Basaglia e l’Antipsichiatria. L’alienazione psichiatrica significa che una persona è fuori di se stessa, è mentalmente inferma, non applica il “principio di realtà” e ha perso il contatto con la realtà, è di danno a se stessa e agli altri, e chi più ne ha, più ne metta. Ma cosa c’entra una madre, un padre e un figlio, una famiglia, in tanta disgrazia di parole, di scienze e di ordinamenti giuridici? Ripeto: una madre o un padre possono lavorare psicologicamente un figlio in maniera che non riconosca uno dei genitori? E’ semplicemente impossibile alle condizioni di normalità date e supposte, ripeto, alle condizioni date e supposte di andamento psico-esistenziale normale. Ma è possibile la “proiezione” dell’odio, oltre che sul partner, anche sul figlio ritenendolo un emerito ebete o imbecille. Ma il figlio è più intelligente di quanto gli adulti di ogni professione pensano.

Domanda

Passo al sogno di Pulcino. Quando leggo quello che scrive a volte mi emoziono perché lei le cose le fa sentire sulla pelle e nello stomaco, come se accarezzasse e scavasse dentro nello stesso tempo. Ma voleva fare l’archeologo da piccolo?

Risposta

Mi compiaccio di questo tuo trasporto. Pensa quanto sono potenti le parole e i discorsi. Non sei andata molto lontano dalla realtà dei fatti. Io sono nato a Siracusa, una città bellissima che pessimi amministratori, in sequela dagli anni cinquanta, hanno resa quella che è oggi, una città sporca, inquinata, disordinata e fatiscente, una città non vivibile. Negli anni cinquanta le sue bellezze naturali sono state svendute per un pugno di dollari alle industrie chimiche e petrolifere italiane e americane. Pensa che hanno impiantato nel meraviglioso litorale i macchinari dismessi nel Texas e fino al duemila hanno permesso ai petrolieri russi di costruire una pericolosissima raffineria a ridosso della città. Tutto per un pugno di miseri salari e per morire di tumore vario e variopinto a tutte le età. Ma non basta. Il ministro dell’ambiente è stato per tanti anni una donna di Siracusa, ma l’inquinamento e la “munnizza” hanno continuato a dominare e a prosperare insieme all’incuria e all’indolenza. Dicevo che sono nato e abitavo in Ortigia, lo scoglio o l’isoletta su cui era stato costruito il centro storico e ho vissuto quotidianamente tra rovine di templi greci su cui si era insediata la cultura romana, cristiana, araba, normanna, angioina, spagnola, savoiarda italica, un crogiolo di tratti culturali e di dominatori da cui il popolo di Ortigia non si è mai liberato in onore alla sua storica indolenza e accidia: vedi il Gattopardo. Mio padre era profugo dalla Libia ed era impiegato presso la Sovrintendenza alle antichità, il Museo per intenderci. Mi ha imposto di frequentare il Liceo classico, mentre io avrei preferito imparare il mestiere di macellaio dai miei zii o in ultima istanza sarei diventato anche prete pur di sfuggire al suo autoritarismo. Quindi l’Archeologia mi ha seguito ogni giorno e, quando mi affacciavo dal balcone, vedevo i resti del tempio di Apollo e, se andavo in cattedrale, mi trovavo dentro un tempio greco, un “peripteros” per la precisione dedicato ad Athena. Vengo alla tua domanda. L’interpretazione dei sogni è come uno scavo archeologico secondo Freud, perché si riportano alla luce non i resti, ma i vissuti din base della nostra formazione psichica. Poi, se io li descrivo bene, è merito di una buona sensibilità e di tanto esercizio. Comunque, l’allegoria dello scavo archeologico in riguardo al sogno è appropriatissima.

Domanda

Se mi spiega una volta per tutte che cos’è il “fantasma di morte”, giuro che non glielo chiederò più. Del resto fra poco partirà e allora non ci si vedrà.

Risposta

Il “fantasma di morte” si colora in base alla “posizione psichica” che si vive e che si sta elaborando. Nella “posizione orale” ha i colori dell’abbandono e della dipendenza affettiva e l’angoscia è di solitudine: primo anno di vita. Nella “posizione anale” l’angoscia è di frammentazione e il colore è dell’aggressività sadomasochistica all’interno della ricerca dell’autonomia: dal secondo al terzo anno di vita. Questa è una situazione molto delicata e pericolosa per il futuro e bisogna superarla bene perché si sperimenta e s’incamera la possibilità della violenza. Nella “posizione fallico-narcisistica” l’angoscia è di mutilazione e ha i colori dell’auto-gratificazione e dell’esaltazione, nonché dell’isolamento: quattro e cinque anni. Nella “posizione edipica” l’angoscia è di “castrazione” e i colori sono quelli della colpa e dell’espiazione: dal quinto al dodicesimo anno di vita. Nella “posizione genitale” l’angoscia è di perdita depressiva dell’oggetto d’investimento e d’amore con caduta nell’indeterminato psichico. Il colore è quello del riconoscimento dell’altro e si avanti dalla pubertà a vita natural durante. In questa posizione si matura il sentimento d’amore e di cura dell’altro e, se si forma una coppia, bisogna ricordarsi sempre che la “libido genitale” si esercita e si rimpinza sempre, non è una ricchezza che si consuma e finisce e specialmente se ci sono figli. Riflettete gente, riflettete!

Domanda

Quella della bambina era angoscia di perdita dell’affetto dei suoi genitori ed era causata dal fatto che l’avevano mandata in colonia. Invece di divertirsi ha rischiato di ammalarsi di depressione. Ma non le sembra esagerato?

Risposta

Assolutamente no. Hai un’altra spiegazione? La bambina Pulcino ha detto che piangeva senza sapere perché e che dopo lo ha collegato all’angoscia che provava nella colonia al pensiero della sua famiglia e della sua casa. La somatizzazione è stata il pianto e le è andata bene, perché poteva essere più pesante qualora avesse avuto delle lacune psichiche di altro tipo.

Domanda

Mi spieghi questa che non l’ho capita.

Risposta

Metti il caso che le altre “posizioni psichiche” fossero state vissute malamente e ci fossero stati altri traumi, allora la situazione psicofisica della colonia avrebbe scatenato un marasma più intenso.

Domanda

Lei è molto suscettibile e permaloso. Non le si può dire niente che subito si inalbera. O le dico quello che penso o altrimenti andiamo a prendere il cappuccino e la treccia all’uvetta da Ceschin.

Risposta

Ti chiedo scusa. Comunque dopo andiamo in pasticceria, ci mancherebbe altro. Dopo tutta questa scarpinata è il minimo che possa succedere tra me e te.

Domanda

Lei ha parlato di Medicina psicosomatica. Ne so qualcosa anch’io con i problemi che ho sulla pelle e che passano soltanto con il cortisone e soltanto per un giorno. Me la spiega.

Risposta

La pelle è il teatro preferito dai “fantasmi” e della angosce per esibirsi. La psiche trova la pelle a portata di mano e pronta alla necessità di parlare con i sintomi. Ti spiego. Quanto subiamo un trauma o viviamo un’esperienza dolorosa, non potendoci stare dietro con la riflessione, usiamo il “meccanismo psichico di difesa” della “rimozione” e ce ne dimentichiamo. L’energia nervosa che non abbiamo espresso e consumato e che era legata a quel fatto, viene ingoiata e, quando il sistema non ce la fa più a tenerla giù, si somatizza e si scarica su qualche organo e su qualche funzione. Questa scarica non avviene a caso, ma viene colpito l’organo debole o quello che ha una significato simbolico con la qualità del vissuto o del trauma. Tecnicamente: il “ritorno del rimosso” porta alla “formazione di sintomi”. Si passa da un fattore psicologico a un fattore corporeo. Tecnicamente: quando la tensione nervosa è forte, deve in qualche modo scaricarsi e allora abbiamo una “conversione isterica”. E’ tutta salute perché ti consente di continuare a vivere.

Domanda

Bene, ho capito. Ma quanti sono questi disturbi?

Risposta

Bisogna essere cauti nella diagnosi di disturbo psicosomatico, perché spesso concorrono altri fattori in via di scoperta, come i disturbi alimentari e altro, e può essere la punta dell’iceberg di una malattia seria. Del resto, a cosa serve sapere se è psicosomatico? Se passa con il trattamento psicoterapeutico ed è un disturbo che viene dopo tanto stress, vuol dire che era d’origine psichica. Importante che si conoscano le cause e si sappia gestire con il cervello e con la presa di coscienza. Comunque non è soltanto la “razionalizzazione” a risolvere un disturbo psicosomatico, possono essere utilissimi anche gli altri “meccanismi di difesa”. E aggiungo che le cosiddette malattie organiche hanno sempre un concorso psicologico.

Domanda

Lei sta complicando le carte. Si guarisce in tanti modi da un disturbo psicosomatico?

Risposta

Certo, dipende da quali meccanismi di difesa usi. Se usi la “sublimazione” e la tua aggressività la scarichi nello sport o nel volontariato e ti assolvi al meglio, le tensioni decrescono e non riescono a ferire l’organo bersaglio. Il disturbo decresce, ma l’organo resta sempre debole. Altri “meccanismi” ti daranno intanto una remissione del sintomo, ma il problema si evolve e non si risolve del tutto.

Domanda

Mi spiega l’organo debole?

Risposta

L’organo e la funzione che nel corso dell’evoluzione psicofisica sono stati interessati da traumi e hanno risentito di malattie si definiscono per comodità “organo debole” o “organo bersaglio”. Bisogna anche considerare la cultura della famiglia per quanto riguarda la malattia, cultura nel senso degli schemi di interpretazione in vigore nella realtà familiare. Se in casa la mamma ha sempre mal di testa e il papà accusa bronchite a nastro, anche il bambino sarà sensibile a questi disturbi anche se è perfettamente sano. L’organo debole è individuale, ma è anche familiare. Spesso i bambini per non andare a scuola accusano una serie di disturbi che non hanno ma che ben conoscono in famiglia. Per un vantaggio secondario si danno malati e non godono dei vantaggi primari di essere in buona salute. Succede spesso che l’organo debole familiare diventi organo debole individuale non per ereditarietà, ma per trasmissione culturale. Si è sensibili a certi tipi di malattie e non si conoscono altri tipi di disturbi. Si può anche stabilire in una famiglia la scala delle sensibilità d’organo o di funzione. Ripeto, la suggestione e l’immedesimazione, così come il vantaggio secondario, hanno importanza nell’economia psico-culturale del gruppo familiare. In sintesi e dopo questa tiritera ti dico che l’organo debole può essere malato ma può essere sano.

Domanda

Ma la colonia fa così tanto male? E il servizio militare faceva bene o male?

Risposta

Maria, tu sei tanto curiosa e poni domande che meritano un’ampia discussione, ma io mi limito alla sintesi. Il bambino non può essere mandato in colonia senza subire un danno psicologico, un trauma e senza rafforzare un disturbo che magari ha già in famiglia. E’ un’esperienza da non far vivere ai bambini. Dai dieci anni in poi si può favorire l’autonomia e il distacco dalla famiglia per un periodo breve. Anche in questo caso il piano e il progetto devono essere ponderati. Non si può mandare un ragazzino da solo a Londra per tre settimane affidandolo alla hostess di un college. La Psiche viene forzata e il danno si presenta in seguito. Meglio non conoscere la lingua inglese, piuttosto che portarsi dietro fobie e crisi di panico.

Domanda

Ma lei è troppo protettivo.

Risposta

Sicuramente, ma questo mi risulta dal lavoro clinico. Meglio rimandare certe esperienze di distacco e di separazione all’età giovanile. Per quanto riguarda il servizio militare il distacco avveniva all’età di diciotto-venti anni, un periodo della vita in cui si gradisce fare da sé. In Italia il servizio militare coincideva con il primo viaggio fuori regione ed era una opportunità di crescita umana, più che militare.

Domanda

Lei ha fatto il servizio militare?

Risposta
Perbacco e ho girato l’Italia per colpa del “sessantotto” e della contestazione giovanile. Io avevo una laurea in filosofia ed ero ritenuto un rivoluzionario marxista-leninista-maoista già prima di aprir bocca e anche per il fatto che ero barbuto.

Domanda

Tanta carne sul fuoco, come sempre.

Risposta

Eh già.

La canzone adatta al tema della lontananza dagli affetti è una poesia di Paolo Conte, “Azzurro”, degnamente interpretata dall’autore.

GLI SCENARI DI “ONIRIC WOMEN” 2

PSICODINAMICA DELLA PRIMA PARTE

Il sogno di Sabina svolge la psicodinamica della “posizione edipica” con particolare predilezione nei riguardi della figura paterna, usa il meccanismo della “scissione” per non incorrere nell’incubo e nel risveglio immediato e per gestire le angosce legate ai virulenti “fantasmi” del padre e della madre, mostra una buona risoluzione della relazione psichica con il padre attraverso il recupero della componente affettiva e affermativa, tralascia la relazione con la madre e non ne condivide le modalità in cui gestisce se stessa e il suo ruolo. Sabina si serve del meccanismo psichico della “figurabilità” in un contesto speculare rafforzando la presa di coscienza sulla “posizione edipica” e usa la simbologia dello Spazio e del Tempo facendo coincidere la nostalgia con l’appagamento in atto, la consapevolezza del passato con lo stato di coscienza presente. Sabina vive nel suo presente psicofisico, nel suo “breve eterno” e al di sopra dello Spazio e del Tempo convenzionali. Sabina è nella contingenza del suo “SpazioTempo”, là dove la sua energia si irradia con il “grande scoppio” quotidiano degli investimenti operati vivendo. Sabina esibisce orgogliosamente un buon “sapore” di se stessa perché lei “sa di sé”.

TRAMA DEL SOGNO 2 – CONTENUTO MANIFESTO

“Le gemelline vanno nella piscina all’aperto sotto casa. Io sono la loro baby sitter, ma non ho voglia di scendere a guardarle, sono stanca, sono a letto e ho bisogno di dormire.

L’appartamento è lo stesso di prima ed è la riproduzione della zona notte dei miei genitori della casa in cui vivevo da ragazzina, solo che dove c’era il ripostiglio c’è la stanza in cui sto dormendo e dove c’era la stanza dei miei c’è una cucina con delle donne, che si apre su un salone spazioso e luminoso.

Mi alzo e guardo le gemelline dal balcone a ringhiera a destra. Devono fare due iniezioni a testa, ma io non sono molto brava a farle e chiedo a una signora che è in cucina di scendere ed espletare il compito.

Poi vado alla finestra del salone, che dà sulla sinistra della casa, e le vedo mentre attraversano un parco. È diventato autunno, sono allegre, stanno bene, sono bambine.”

OSSERVAZIONI FINALI

Nessuna angoscia al risveglio, solo confusione nel ricordare le immagini del sogno, che diventano più chiare mano a mano che passo dallo stato immediatamente successivo al sonno a quello di piena coscienza.

Caro Maestro, mi dica qualcosa, quando Lei spiega mi sembra che sia facile capire e capire mi placa. Forse è questo il senso della conoscenza, guardare l’abisso senza temerlo.

Sabina

DECODIFICAZIONE E CONTENUTO LATENTE

CONSIDERAZIONI

Le “osservazioni finali” di Sabina confermano alcune verità di “scienza umanistica” che sono state progressivamente acquisite sul sogno e sui suoi dintorni psicofisici. Sabina non sente alcuna angoscia al risveglio, dopo aver tanto rielaborato i suoi “fantasmi” e i suoi vissuti sotto la protezione dei meccanismi del “processo primario”: “il sogno è il guardiano del sonno” ed è reso possibile dalla Fantasia e tutelato dalla funzione simbolica, il famoso “Linguaggio dimenticato” o quasi di Fromm. Sabina accusa soltanto “confusione” nel ricordare le immagini del sogno e questo stato è legato al suo maniacale estro analitico e al suo conclamato gusto del particolare. La “confusione” si attesta nell’inquadramento e nella fusione dei dati, nella vendemmia dei particolari, nel mettere insieme capre e cavoli trovando il nesso logico e il tramite simbolico. Senza alcun intervento vigile e consapevole Sabina dormendo ha dipinto il suo sogno con una serie di scenari e di scenette familiari degne della migliore umana “comedia”, un’opera non certo boccaccesca e tanto meno dantesca, un’opera sicuramente proletaria e senza endecasillabi e senza terzine, senza rima alternata o baciata. Sabina è artista nel suo dormire semplicemente perché i sogni li ha sognati da sveglia e da bambina, in grazie alla fertilità della sua benefica Fantasia e alla virulenza dei suoi succulenti “fantasmi”. Il passaggio progressivo dal sonno alla veglia è descritto da Sabina come il processo che viaggia dall’offuscamento emotivo alla lucidità della coscienza, come il tragitto che va dalla dimensione psicofisica profonda alla dimensione razionale, dalle tenebre alla luce, dall’Es all’Io, dal “principio del piacere” al “principio della realtà”, dalla rappresentazione degli istinti alla concettualizzazione consapevole e funzionale al “sapere di sé”. La luce della Fantasia è calda come i “fantasmi” che costruisce, quelli che popolano la creatività e sostengono l’Io nel suo centro e nei suoi dintorni. La luce della Ragione è fredda, è LED, ma estremamente utile per avvinghiare le mille tentazioni dell’angoscia di morte, il nobile e tremendo basamento del Vivente, umano e non, come voleva e scriveva il nevrotico Arthur Schophenauer nel suo “Mondo come volontà e rappresentazione”. Emerge in Sabina che sogna e trova la sua mirabile epifania la diuturna diversità quantitativa e qualitativa tra la Fantasia e la Ragione, i “processi primari” e i “processi secondari”, tra il sistema neurovegetativo e il sistema nervoso centrale, tra l’emisfero cerebrale destro e l’emisfero sinistro. Si tratta di un’apparente diversità e di un inesistente conflitto semplicemente perché la dinamica evolutiva e circolare, alla Hegel per intenderci, avviene all’interno dell’unità psicosomatica chiamata “Uomo”. Si tratta dei tanti “modi umani” di manifestarsi, si tratta degli “attributi umani” del Pensiero e del Corpo, dell’unita “Psico-Soma”. Quest’ultima è la Verità soggettiva e oggettiva, l’assunto ideale e reale di base, la Sostanza e la Unità imprescindibili da cui naturalmente si deduce e si giustifica, si produce e si comprende tutto l’ineguagliabile e inimitabile “Prodotto Umano Lordo”. Non si tratta dell’apice di una platonica o aristotelica piramide, ma di uno “Psico-Soma” uno e tutto, greco “olon”, che svolge e sviluppa in un processo dinamico circolare ed evolutivo gli “attributi umani” psicofisici e li individualizza e concretizza nei “modi umani” della Psiche e del Corpo, il suddetto “Prodotto Umano Lordo”, il neonato PUL.

Ritornando alle osservazioni finali di Sabina, si deve precisare che il passaggio dallo stato ipnoide dell’ultima fase del sonno REM alla consapevolezza vigilante della veglia segna il ritorno alla Realtà esterna e al suo principio. Si spera e si prega di non dimenticare il bagaglio ripieno di emozioni e il fardello ricolmo delle primizie psicofisiche appena vissute, ma soprattutto di ricordare e razionalizzare le consapevolezze che il sogno tra le pieghe e tra le righe ha regalato.

E allora è “facile capire e il capire placa”.

Questa è l’allegoria della “presa di coscienza” coniata da Sabina. E’ proprio questo il senso della conoscenza e della “coscienza di sé”, quel “sapere” contingente del tuo “breve eterno” che ti permette di “guardare l’abisso senza temerlo”.

Questa è l’allegoria della consapevolezza dell’angoscia depressiva di perdita, la coscienza di quella “morte in vita” che ogni uomo coraggioso può capire e di cui può dire, quell’uomo che sa tradurre l’angoscia del vuoto in un parlare “genitale”, in un benefico e concreto atto d’amore fatto di parole e di discorsi, un sentire l’altro come l’oggetto del proprio benessere e senza respingimenti o imposte da pagare, senza chiudere i porti e senza sentirsi perseguitati.

Andiamo al “dunque onirico” dopo tante nobili “chiacchiere” più o meno pertinenti.

SIMBOLI – ARCHETIPI – FANTASMI – INTERAZIONE ANALITICA

Le gemelline vanno nella piscina all’aperto sotto casa. Io sono la loro baby sitter, ma non ho voglia di scendere a guardarle, sono stanca, sono a letto e ho bisogno di dormire.”

Dopo aver sviluppato la relazione con il padre e la madre, “posizione psichica edipica”, Sabina analizza il sentimento della “rivalità fraterna”, la sua contrastata relazione con le sorelle e i vissuti al riguardo, nonché la sua specifica e irripetibile individualità e diversità da tutto il resto del mondo, “gemelline” comprese e soprattutto. Ricordo che Sabina si è voluta già orgogliosamente differenziare dalle “gemelline” nella prima parte del sogno, proprio quando diceva che “due sono gemelline femmine e uno forse è un maschietto, ma a tratti è una femmina.” Sabina ha attribuito alle sorelle la “parte femminile” e l’ha raddoppiata con gli attributi di “gemelline” e di “femmine” e ha loro negato la “parte maschile”, la componente attiva e fattiva a favore di quella passiva e remissiva, sempre simbolicamente parlando. In sostanza ha mutilato l’androginia psichica delle sorelle, attributo psichico che ha voluto riservare interamente a se stessa. Come dire: “io sono la sorella cazzuta, quella che ha potere e sa affermarsi, quella che entra in competizione con il padre e che mette in discussione la madre, io sono diversa da voi due perché sono “androgina”, coniugo in me con naturalezza la “parte maschile” e la “parte femminile”, mentre voi due siete doppiamente femmine e condensate la remissività e la passività materne”. Magari Sabina ha apprezzato le grazie femminili delle sorelle, ma non ha condiviso la loro accettazione dello “status” familiare e la loro identificazione “patocca” nella figura materna. Insomma, Sabina si è voluta distinguere dalle sorelle e ha voluto fare parrocchia a se stessa e con se stessa. Sabina manifesta un orgoglio virile che assorbe nella sua psiche grazie al conflitto con il padre e al respingimento difensivo della madre.

Sabina è la “baby sitter” delle sorelle, ma è in crisi.

Inizia nella seconda parte del sogno e con la partecipazione diretta e con il coinvolgimento non mediato da alcuna difesa, tipo la “precedente scissione”, l’elaborazione dell’immagine psichica di Sabina, la visione di se stessa in questo quadro familiare. E in questa ardua impresa la descrizione simbolica tocca picchi di alta poesia in prosa. Sabina non vuole coinvolgersi e non vuole condizionare le sorelle, per cui le lascia giocare, le lascia nella loro infanzia tutta al femminile, le lascia nell’ignoranza di sé. Sabina è stanca di dover convincere le sorelle sulla situazione familiare particolare e vuole riflettere su se stessa e sulla sua condizione. Sa che è forte e diversa da loro, ma non vuole prevaricarle con ragionamenti e prese di coscienza che loro, le “gemelline” femmine, non hanno fatto e non possono fare. Sabina pensa a se stessa e ha tanto bisogno di “rimuovere” questo conflitto aspro con la sua famiglia e di lasciar cadere le armi e l’aggressività per raggiungere l’autonomia che consegue al conflitto e la “razionalizzazione” del trauma. Il riposo del guerriero è meritatissimo. La combattente può riposare dopo aver speso tante energie nell’economia e nella dinamica psichiche della sua famiglia. Emerge in sogno una forma di “ataraxia”, assenza di preoccupazioni e di affanni, se volete di angosce, una nota caratteristica della sapienza indiana e greca di qualche millennio fa. Questa è l’allegoria della “ataraxia”, questa è l’allegoria del “nirvana” occidentale e personale secondo il vangelo personale di Sabina: “non ho voglia di scendere a guardarle, sono stanca, sono a letto e ho bisogno di dormire.”

La simbologia conferma e spiega il quadro in questo modo. Le sorelle sono ingenue e innocenti perché sono rimaste ancorate nelle spire materne, giocano e si liberano di eventuali sensi di colpa, quelli che sicuramente Sabina ha accumulato in tanta lotta e in tanto contrasto e che in questo caso proietta sulle “gemelline”. Sabina “sa di sé” ed è più avanti rispetto a loro, per cui può stare a riflettere sulle sue consapevolezze e curare le sue ferite.

“Gemelline” o del sentimento della rivalità fraterna con rafforzamento della parte femminile, “piscina” o luogo della purificazione dei sensi di colpa in riguardo alla figura materna, “all’aperto” o in ambito sociale e senza approfondimento, “sotto casa” o estromettendo il vissuto e il problema, “baby sitter” o superiorità e potere di gestione o una forma di “Super-Io”, “non ho voglia” o assenza di “libido” da investire, “scendere” o rimuovere o dimenticare e non affrontare il problema, “guardarle” o prendere coscienza, “stanca” o psicoastenia da nirvana, “a letto” o ancora psicoastenia da ataraxia, “dormire” o rimuovere.

Voglio approfondire l’interpretazione e dico e ridico che Sabina riflette se stessa nelle sorelle, proietta i suoi vissuti in loro mostrando in sogno le sue paure di quello che poteva diventare, una mammoletta tutta coniugata al femminile qualora avesse rimosso la figura materna e si fosse identificata totalmente in lei, la “piscina all’aperto sotto casa”. Sabina ha scelto di non rimuovere e di prendere coscienza dei suoi infidi “fantasmi” in riguardo alla madre, ha scelto di essere una donna affermativa e di avere il coraggio del suo “Io”. Ha ripulito i sensi di colpa per viversi al meglio e nella maniera autentica. La stanchezza è il prezzo minimo che si paga a tanto travaglio. Il sonno consegue come una blanda dimenticanza dopo aver tanto vissuto: il giusto riposo del guerriero, la greca “ataraxia”, l’indiano “nirvana”.

E’ proprio vero che a volte “repetita iuvant” e specialmente per uscire dalle ambiguità difensive del sogno, ma è altrettanto vero che spesso le “cose che si ripetono” rompono e anche tanto.

Chiedo ai marinai la venia della buonafede.

L’appartamento è lo stesso di prima ed è la riproduzione della zona notte dei miei genitori della casa in cui vivevo da ragazzina,”

Traduco immediatamente per non perdere la forza e la bellezza del “lavoro onirico”. Sabina ritorna indietro nel tempo e rivive le fantasie intime e i desideri indicibili nei riguardi dei genitori, rievoca la sua adolescenza ricca di pulsioni e di intenti, rivive la sua giovanile età con i turbamenti e gli struggimenti della bambina di fronte agli adulti. Sabina usa la “regressione” per dare ragione ai suoi vissuti edipici e per confermare il tempo psicofisico in cui i suoi “fantasmi” si sono manifestati nel teatro della prima parte del sogno. Sabina è al presente con la consapevolezza dei suoi trascorsi, del suo passato insomma. Questa è la conferma del “presente psichico in atto”, della teoria sul tempo come distensione dell’anima di Agostino di Tagaste, del dubbio di Freud sulla dimensione psichica temporale, del “breve eterno” che dura il tempo di una vita: la Psiche è fuori dal Tempo anche se vive nel Tempo e si serve delle categorie del passato e del futuro soltanto e solamente riconducendole al presente, “riattualizzando”. Nella modalità della “riattualizzazione” le esperienze vissute del passato e le aspettative progettuali del futuro trovano la loro congrua e ineludibile epifania.

I simboli sono i seguenti: “appartamento” o casa psichica in versione fredda, “riproduzione” o difesa psichica dal coinvolgimento diretto, “zona notte” o intimità e pulsioni, “miei genitori” o le origini in versione conflittuale, “casa” o “organizzazione psichica reattiva”, “in cui vivevo” o i vissuti, “da ragazzina” o turbolenza psicofisica e adolescenza evolutiva.

solo che dove c’era il ripostiglio c’è la stanza in cui sto dormendo”

Sabina non può più rimuovere perché è adulta e ha preso coscienza della relazione conflittuale con i genitori, non può infilare tutto nel “ripostiglio” e magari in maniera disordinata per confondersi di più. Oggi può solo dormire sulla maturazione psichica portata avanti e non senza trambusto. Dopo la risoluzione della “posizione edipica” Sabina si dispone alla riflessione prima di riformulare il giusto vissuto in riguardo al padre e alla madre, prima di “riconoscere” il padre e la madre come le sue imprescindibili origini, prima di ridurli a simboli e dopo aver tentato di onorarli e di ucciderli. Li aveva “onorati” ed era rimasta schiava, li aveva “uccisi” ed era rimasta sola. Le restava il salvifico monito “Riconosci il padre e la madre”. Ricordo ai marinai che questa psicodinamica edipica la trovate, a metà tra racconto e saggio e a basso costo, nel mio ultimo testo “Io e mia madre”, psicodramma dell’anoressia mentale, pubblicato nel marzo dello scorso anno. Potete leggere sulla destra del blog l’intervista e la recensione. Cliccate la mia immagine in compagnia del gatto Pietro.

Vado ai simboli: “ripostiglio” o rimozione nella dimensione subconscia, “stanza” o parte della struttura psichica in atto e nello specifico la riflessione dell’Io, “sto dormendo” o stato subliminale che favorisce l’assimilazione delle emozioni e dei vissuti collegati.

e dove c’era la stanza dei miei c’è una cucina con delle donne e che si apre su un salone spazioso e luminoso.”

E la dove c’era la stanza dell’intimità dei genitori, quella che ha evocato le fantasie edipiche, c’è la realtà delle figlie cresciute e che si dispongono alla vita sociale con la consapevolezza di essere una famiglia ricca di valori e di intelligenza, ma soprattutto c’è la vita affettiva e l’esercizio del volersi bene. La “cucina” è il simbolo della “libido genitale”, il luogo dove si prepara il cibo, lo spazio dove nel tempo si esercitano gli affetti e i sentimenti dell’amore verso i genitori e i fratelli, quell’amore fraterno che è all’opposto del “sentimento della rivalità fraterna” e che tocca spesso il picco dell’odio con assoluta naturalezza e normalità. Il sentimento dell’odio si sperimenta nella primissima età verso il padre e la madre e verso i fratelli. Freud definì il bambino “perverso polimorfo” mettendo in rilievo soprattutto le pulsioni sessuali e le fantasie sul tema, ma, in effetti e prima di tutto, il bisogno “orale” di accudimento e di sopravvivenza spinge l’esercizio degli affetti a sperimentare il sentimento dell’odio più fottuto. La famiglia nei vissuti di Sabina ha avuto un recupero affettivo. Così come ha recuperato il padre, recupera anche le sorelle: “e vissero tutti felici e contenti”. Di poi, emergono nel quadro onirico le doti sociali e relazionali, il fascino di queste donne, che alla fine è quello di Sabina, di sapersi offrire con disponibilità attraente e con magnetismo erotico, tutti investimenti di libido genitale”.

I simboli sono i seguenti: “stanza dei miei” o la parte edipica, “cucina” o il luogo della “libido genitale” e degli investimenti affettivi maturi, “delle donne” o le sorelle o le gemelline o dell’universo psichico femminile nel versante del potere o “dominae” latino “padrone”, “si apre” o disposizione alla condivisione e alla relazione amorosa, “salone” o la parte sciale e conviviale e relazionale e la disposizione allo scambio della formazione genitale, “spazioso” o educazione allargata e aperta verso il prossimo e seduzione e accoglienza, “luminoso” o dove non manca la ragione e la riflessione e il fascino intellettuale.

Sabina celebra l’orgoglio di stare e saper stare con la gente e tra la gente.

Mi alzo e guardo le gemelline dal balcone a ringhiera a destra. Devono fare due iniezioni a testa, ma io non sono molto brava a farle e chiedo a una signora che è in cucina di scendere ed espletare il compito.”

Dopo l’offerta al maschio o agli altri si passa alla sessualità e Sabina si trova in alto sul suo “Io” consapevole, sul suo scanno di sapienza e di saggezza, mentre le sorelle sono nelle pastoie dell’imitazione della madre e degli eventuali sensi di colpa. Sabina tiene in gran conto il rischio di mischiarsi a loro in un infido e pericoloso ritorno al passato al fine effimero e impossibile di evitare l’evoluzione e il progresso. Le “gemelline” abbisognano di educazione sessuale, devono imparare a far sesso e a stare con i maschi. Sabina non è in grado di fare da “mater et magistra” su questi temi delicati semplicemente perché questo compito spetta alla madre. E, infatti, chiede alla madre, “la signora che è in cucina” o nell’ambito familiare delle relazioni, di aiutare le ragazze ad assimilare il ruolo femminile, la recettività sessuale e l’esercizio erotico. La similarità con la madre “piscina” si consuma e si completa anche nell’insegnamento della sessualità. E Sabina sta a guardare e a non confondersi con le sorelle. Lei è diversa per formazione e per le prese di coscienza che ha operato in famiglia durante la infanzia e l’adolescenza. Le sorelle si sono formate in maniera consona alla madre, mentre lei è la ribelle e si è individuata proprio differenziandosi: unica e irripetibile più che mai. Le sorelle saranno da meno nell’apportare tratti caratteristici e innovativi alla personale “organizzazione psichica reattiva”, la loro struttura evolutiva.

Vediamo i simboli: “mi alzo” o gesto affermativo di ripresa dopo la riflessione e il riposo del guerriero, “guardo” o prendo consapevolezza, “gemelline” la parte femminile di sé che ha portato in evoluzione e in diversificazione dalle sorelle, “balcone” o dall’alto del suo Io , “la ringhiera” o coazione logica dell’Io, “a destra” o della progressione o della lucidità della coscienza sul passato, “iniezioni” o della sessualità genitale ed educazione sessuale, “io non sono molto brava a farle” o io non sono una buona didatta e non voglio sostituirmi alla madre, “una signora” o la madre, “che è in cucina” o che appartiene alla famiglia e all’esercizio degli affetti, di “scendere” o di materializzarsi ed espletare il compito di educarle.

Poi vado alla finestra del salone, che dà sulla sinistra della casa, e le vedo mentre attraversano un parco. È diventato autunno, sono allegre, stanno bene, sono bambine.”

Il “riattraversamento” della relazione con le sorelle e dell’ambito familiare da parte di Sabina rileva l’assenza del padre e la presenza massiccia della madre, quasi in compensazione del fatto che nel precedente scenario onirico Sabina l’aveva occultata e tenuta ai margini del teatro familiare. Adesso Sabina riflette dall’alto della sua formazione e si relaziona con la parte regressiva della sua personalità. Riporta il “già vissuto” al “presente” e rivive un collage di emozioni e di ricordi, regredisce e vede le sorelle che vivono la vita delle relazioni e la loro vita nel “presente di quel tempo passato”. Il “parco” è il simbolo della vita e del vivere. Si obnubila la coscienza di Sabina e la tristezza incombe. La consolazione arriva nella consapevolezza che le gemelline sono senza peccato e senza coscienza, stanno bene così. La loro infanzia è senza tormenti, all’incontrario di quella di Sabina. Si riconferma la differenza dei vissuti e la diversità dei “fantasmi” rispetto alle sorelle. Sabina è razionale e affermativa in grazie al conflitto con il padre e all’identificazione nella sua “parte positiva”, Marlon Brando per intenderci, e le sorelle sono preda della madre, bambine educate al femminile in tutto tondo. Questo è quanto risiede nel sogno di Sabina. E’ tutta farina del suo sacco psichico ed è la sua “verità”, quella che emerge e non si nasconde.

Chissà le gemelline che sogni fanno?

Vediamo i simboli: “Vado” o intenzionalità della coscienza scoperta da Franz Brentano, “finestra o della relazione, “salone” o della socialità e delle relazioni e della condivisione, “sinistra” o regressione e passato, “casa” o organizzazione psichica reattiva, “vedo” o sono consapevole, “attraversano” o vivono, “un parco” o la vita in atto, “autunno” o declino degli investimenti della “libido” e raffreddamento emotivo , “allegre” o innocenti e senza coscienza di sé, “stanno bene” o equilibrio psicofisico, “sono bambine” o sono dipendenti e senza parole.

Questo è quanto dovevo al sogno di Sabina, ma non escludo che, se lo rivedo tra un anno, potrò dire qualcosa di più e di diverso alla luce dell’evoluzione che ha assunto l’arte scientifica dell’umana interpretazione dei sogni nella mia ricerca e nei duecentoventi sogni interpretati e fruibili nel mio “blog”. La ricchezza dei contenuti e l’ampliamento della griglia interpretativa sono evidenti e sperimentabili. Tra verità soggettive e verità oggettive il cammino della conoscenza prosegue esibendo i suoi dati umani anche ai Farisei.

PSICODINAMICA

La seconda parte dell’Odissea familiare di Sabina parte dalla psicodinamica del “sentimento della rivalità fraterna” e prosegue accentuando la diversità dei vissuti verso i genitori e della formazione psichica. Sabina si differenza dalle sorelle soprattutto nell’operazione di identificazione nella madre. Mentre Sabina resta sulle sue e nel conflitto con il padre trova la “parte maschile” della sua “androginia” psichica, le gemelline assorbono per difesa una dipendenza dalla figura materna. Sabina ha sofferto, ma ne è valsa la pena. La “regressione” all’adolescenza insieme alle sorelle produce in Sabina una leggera tristezza sul senso del tempo che passa. Remando all’indietro e dando ossigeno ai tizzoni della fanciullezza vissuta e mai perduta, Sabina rievoca in sintesi un tema letterario tanto gettonato dai migliori poeti e letterati che sono andati “alla ricerca del tempo perduto”.

Vale “Silvia rimembri ancora quel tempo di tua vita mortale, quando beltà splendea negli occhi tuoi ridenti e fuggitivi e tu, lieta e pensosa, il limitare di gioventù salivi…”, ma vale su tutti “Alla ricerca del tempo perduto” di Marcel Proust, sette volumi monumentali intrisi di Letteratura e di Filosofia, di Psicoanalisi e di Antropologia culturale e soprattutto dei tormenti esistenziali dell’uomo Marcel.

E cosa dire di “Lessico famigliare” di Natalia Ginsburg?

Perché non rivedere “Amarcord” di Fellini Federico, un sognatore a occhi aperti che ha proiettato i suoi tanti “fantasmi” sopra una tela cinematografica fissando i canoni della Bellezza surreale?

L’operazione involontaria del sognare di Sabina attinge a piene mani su modalità psichiche squisitamente umane come l’adolescenza e il “già vissuto” che non riesce mai a diventare passato a causa di quella maledetta capacità di esserci e di essere presenti anche nel passato. Sabina contamina il “già vissuto” e il “già detto” assumendo un atteggiamento tutto suo che traduce in immagini i suoi personali resoconti servendosi di parole altrettanto personali.

PUNTI CARDINE

I “punti cardine” dell’interpretazione del sogno di Sabina sono i seguenti: “io sono la loro baby sitter” e “zona notte dei miei genitori della casa in cui vivevo da ragazzina”.

ULTERIORI RILIEVI METODOLOGICI

La sezione di “simboli” si è particolarmente individualizzata. Mentre in passato traducevo il simbolo collettivo e universale, adesso lo individualizzo nel contesto che il sognatore sviluppa, per cui oscilla tra il personale e il collettivo. Mi avvicino sempre più alla dimensione soggettiva senza trascurare la gente che ci circonda e ci condivide.

Il sogno di Sabina sottende i “fantasmi” del padre e della madre nella versione edipica e i “fantasmi” dei fratelli secondo il “sentimento della rivalità”.

Gli “archetipi” del Padre e della Madre si rincorrono senza evidenziarsi nei termini di una totalità universale.

Le istanze Io, Es e Super-Io sono in azione. L’Io vigilante e razionale si manifesta in “mi alzo e guardo” e in “chiedo” e in “vado alla finestra” e in “vedo”. L’istanza “Es” o rappresentazione delle pulsioni si manifesta in “sono stanca, sono a letto e ho bisogno di dormire.” e in “devono fare due iniezioni” e “mentre attraversano il parco”. Nella quasi totalità il sogno elabora materiale psichico particolarmente sensibile e degno di condensare e di rappresentare emozioni e pulsioni. L’istanza “Super-Io”, censoria e limitante, fa capolino in “baby sitter”.

Il sogno di Sabina sviluppa la “posizione psichica edipica” in combutta con l’azione turbolenta di un “sentimento della rivalità fraterna” che cerca sempre l’appagamento e il privilegio affettivo dei genitori.

I “meccanismi” e i “processi” di difesa dall’angoscia presi in carico da Sabina nel suo sogno sono i seguenti:

la “condensazione” in “piscina” e in “zona notte” e in “stanza” e in “ripostiglio” e in “cucina” e in “salone” e in “iniezioni” e in “destra2 e in “sinistra” e in “parco” e in “allegre” e in “bambine” e in “autunno,

lo “spostamento” in “baby sitter” e in “signora”,

la “rimozione” in “ripostiglio” e in “ho bisogno di dormire”,

la “regressione”, in “zona notte dei miei genitori della casa in cui vivevo da ragazzina”,

la “figurabilità” in “L’appartamento è lo stesso di prima ed è la riproduzione della zona notte dei miei genitori della casa in cui vivevo da ragazzina, solo che dove c’era il ripostiglio c’è la stanza in cui sto dormendo e dove c’era la stanza dei miei c’è una cucina con delle donne, che si apre su un salone spazioso e luminoso. Mi alzo e guardo le gemelline dal balcone a ringhiera a destra”.

Il sogno di Sabina coniuga ed evidenzia un tratto “orale” e un tratto “edipico”, l’affettività nella rivalità fraterna e la conflittualità nella scelta di cosa prendere e di cosa lasciare in riguardo alle figure genitoriali. La “organizzazione psichica reattiva” è intenzionata alla “genitalità”, ma è supportata da un forte amor proprio che la colora di un “narcisismo” alla greca o alla latina, un impulso all’autocompiacimento equilibrato dal dettame filosofico epicureo e stoico di Orazio: “est modus in rebus.” Esistono dei limiti al di qua e al di là dei quali non si attesta la rettitudine.

Il sogno di Sabina forma le seguenti figure retoriche:

la “metafora” o relazione di somiglianza in “zona notte” e in “ripostiglio” e in “iniezioni” e in “parco” e in “autunno” e in altro,

la “metonimia” o relazione di senso logico in “destra” e in “sinistra” e in “dormire” e in altro,

la “enfasi” o forza espressiva in “non ho voglia di scendere a guardarle, sono stanca, sono a letto e ho bisogno di dormire.”

Sono presenti le seguenti allegorie: la presa di coscienza in è “facile capire e il capire placa”, la consapevolezza dell’angoscia depressiva di perdita, la coscienza della “morte in vita” in “guardare l’abisso senza temerlo”. L’allegoria della “ataraxia” greca e del “nirvana” occidentale in “non ho voglia di scendere a guardarle, sono stanca, sono a letto e ho bisogno di dormire.”

La “diagnosi” dice del “sentimento della rivalità fraterna” che si interseca con la conflittualità edipica in riguardo privilegiato alla figura materna.

La “prognosi” suggerisce a Sabina di coltivare la sua irripetibile individualità mantenendo al caldo la capacità analitica di sviscerare il “particolare” ma con la preghiera di razionalizzarlo al più presto e senza trascinarlo nel tempo effimero.

Il “rischio psicopatologico” si attesta nell’invasione dei “particolari” e nel loro mancato coordinamento con pregiudizio per la sfera emotiva: ansia diffusa. Resta sempre in agguato la “psiconevrosi edipica” qualora si verifichi un “deficit” contingente di “razionalizzazione” dei turbolenti “fantasmi”.

Il “grado di purezza” del sogno di Sabina è sull’ordine del “buono”. Anche se narrato in maniera logica e consequenziale, la ricchezza dei simboli attesta che il processo di accomodamento e di acconciatura del sogno è minimo.

Il “resto diurno” è confermato nel colloquio riflessivo con la sorella.

La “qualità onirica” è “analitica” con mille rimandi a temi e situazioni ad alto valore estetico e letterario. Esistono nuclei passibili di ulteriori sviluppi narrativi. Ma a questo ci penserà Sabina se ne ha voglia. Voglio dire che i suoi temi sono degni di essere allargati e trattati per iscritto secondo prosa o secondo poesia. Sabina ha una grande capacità di cogliere nelle parole i valori del “significante”.

Il sogno è stato composto a partire dalla seconda fase del sonno REM.

Il “fattore allucinatorio” esalta il senso della “vista” in “guardo le gemelline dal balcone” e in “e le vedo mentre attraversano un parco.”

Il “grado di attendibilità” della decodificazione del sogno di Sabina è “discreto”. Ci sono dei punti di snodo dell’interpretazione che si sono rivelati particolarmente delicati e ambigui. Il “grado di fallacia” è “mediocre”.

DOMANDE & RISPOSTE

Era doveroso che fosse la signora Maria in carne e ossa a leggere l’interpretazione del sogno di Sabina e a portare i suoi commenti e le sue richieste.

Domanda

Più in carne che ossa e da buona veneta con lo spiedo e il cabernet in tavola, ma comunque va bene così: il mio motto è “meglio cento giorni da leone che un giorno da pecora”. Comincio dicendole che ho capito una buona parte dell’interpretazione del sogno di Sabina anche perché lei spesso si ripete. Meglio così! Ho qualche domanda sui riferimenti che lei fa alla filosofia e ad altro, ma prima le chiedo se lunedì sera ha visto sul canale due il film “Ultimo tango a Parigi”.

Risposta

E tu pensi che se la RAI, la famigerata e benemerita “radio audizioni italiana” di antica data, si sforza a dare un film d’autore dopo tanta quotidiana merda di cuochi, di giornalisti, di politici, di opinionisti, di astrologi e di varia umanità, io non vedo il capolavoro di Bernardo Bertolucci in versione restaurata e originale? Ma certo che l’ho rivisto e me lo sono anche rigustato con quarantacinque anni in più sul groppone. Come ha ben detto nell’introduzione il poliedrico Carlo Freccero, uno che ha studiato all’Università e che sa fare molto bene il suo mestiere di scrittore e di critico, si tratta di un film che risale all’anno 1972 e che è stato non solo censurato, ma addirittura, “horribile dictu”, condannato al rogo di tutti i “negativi” presenti nel mercato italiano. I “negativi” erano i fotogrammi delle pellicole in celluloide ed erano molto sensibili al fuoco: vedi la scena in “Nuovo cinema Paradiso” di Giuseppe Tornatore dell’incendio della sala cinematografica. Tra parentesi:(meno male che ne avevano occultato due copie). Non basta: Bernardo Bertolucci fu condannato a qualche anno di galera, pena sospesa con la condizionale, per offesa al “comune senso del pudore”, per oscenità e fu privato dei diritti civili per cinque anni. Correva l’anno 1976. Ancora oggi ci si chiede cos’è il “comune senso del pudore”, come si stabilisce e si fissa il “comune senso del pudore, con quale ipocrisia si colora il “comune senso del pudore. Ma tu pensa come eravamo ridotti sotto la dittatura della “democrazia cristiana” e del “partito socialista” negli anni ‘70 e ‘80. Almeno quei politici erano istruiti e sapevano ben baciare i banchi delle varie chiese romane, gli ultimi uomini discutibili ma a loro modo “etici” prima dell’avvento della “plutocrazia” e della “paranoia”, governo in mano ai mercanti capitalisti di reti televisive e agli avventurieri afflitti da mania di persecuzione, i sedicenti comici sovranisti e gli istrioni populisti. Soltanto nel 1987 c’è stata una nuova sentenza che ha assolto dall’accusa di oscenità “Ultimo tango a Parigi” e lo ha restituito alla visione critica e al gusto maturo degli spettatori adulti, insomma alla consapevolezza intelligente degli italiani. Questo lavoro di Bertolucci non è un film buttato là così per caso o per capriccio o per fare cassetta, come si usa oggi con gli attori di grido che fanno veramente cagare con le “Vacanze di Natale”, le “Vacanze di Capodanno” e con la povera “Befana”. “Ultimo tango a Parigi” non è un film con due tette al vento, la peluria abbondante di un pube femminile e quattro posizioni sessuali da equilibrista contorsionista e tirate fuori dalle mille e passa posizioni del formidabile artistico Kamasutra. “Ultimo tango a Parigi” non è un film erotico, non è un film pornografico ante literam, non è una volgare commedia all’italiana, è semplicemente un film drammatico, un capolavoro tanto studiato e ben calibrato nei minimi particolari visivi, musicali, teorici, culturali e chi più ne ha più ne metta. E’ uno “spaccato” squisitamente antropologico degli anni settanta inquadrato e recitato nella capitale dell’Esistenzialismo e della Psicoanalisi, la mitica e fascinosa Parigi, la città della Rivoluzione, dell’Arte, della Filosofia e della libera espressione umana. La trama, pur tuttavia, era stata concepita nel clima intellettuale della “Roma puttana” di Roberto Rossellini, Michelangelo Antonioni, di Pier Paolo Pasolini, di Alberto Moravia, di Federico Fellini e di tanti altri registi e scrittori in un clima trasgressivo di “Grande Bellezza”. Ricordo che Pasolini di giorno insegnava e scriveva, di notte viveva il suo Eros e il suo Thanatos come i protagonisti dei suoi romanzi e di “Ultimo tango a Parigi”. E nella notte dei quartieri popolari e pulsanti di erotica vitalità trovò la gioia dei sensi e la sua morte violenta come Paul. Correva l’anno 1975, ma questo è un altro discorso.

Domanda

Meno male. Me lo spiega un po’? Io ho visto il film e mi è piaciuto e ho anche capito che quello che vedevo non era quello che significava e che non c’era niente di volgare e di osceno. Mio marito non era d’accordo, ma io l’ho visto con i miei figli grandi. Alla fine mi hanno detto che non erano per niente scandalizzati e che su “yu porn” c’è veramente il disastro più completo per quanto riguarda quelle cose e gli organi sessuali. Vede che non riesco a dire le parole “culi”, “cazzi” e “tette” e “fighe”, vede come sono condizionata dall’educazione ricevuta da bambina in casa e in parrocchia dalle suore e dai preti. Incredibile ma vero!

Risposta

Hai visto? E’ proprio così! Siamo prodotti psichici e culturali condizionati in buona parte. Allora, cominciamo, ma ti do soltanto le coordinate per iniziare prima a gustare il film e poi a capirlo. Ricordati che prima un film si vive e poi si capisce se si vuole, altrimenti può anche finire tutto là, nell’averlo visto, sentito e vissuto.

Bertolucci e Arcalli hanno scritto la trama del film considerando essenzialmente come “cornice” la Filosofia dell’Esistenza e la Psicoanalisi e mettendoci dentro come “contenuto” le storie di vita di un uomo qualsiasi e di una donna qualsiasi, due modelli di modi ineludibili di vivere. Procedo a spiegarti meglio.

Dall’Esistenzialismo Bertolucci e Arcalli hanno preso la concezione pessimistica dell’uomo, il suo andare inesorabilmente verso la morte, la solitudine e le angosce, il senso del Nulla e il suicidio come sua affermazione, il senso della nausea e il dolore dell’inautenticità, la banalità dell’esistenza e la condanna all’anonimato, l’impossibilità di cogliere un senso di autenticità del vivere semplicemente perché non esiste. La Morte è assurda e la Vita è un andare verso la Morte e verso la realizzazione dell’assurdità. Questa è l’evoluzione del pensiero di Kierkegaard, di Schophenauer, di Jaspers e di altri filosofi che è arrivata ad Heidegger e a Sartre, gli ultimi teorici dell’Esistenzialismo e aggiungo fortunatamente, perché non si può vivere da frati trappisti. Anzi, questi ultimi con il loro continuo “fratello ricordati che devi morire” avevano la certezza della resurrezione dell’anima e del ritorno nella casa del Padre, mentre gi esistenzialisti non avevano nessuna speranza, neanche quella del “Nulla eterno” di Ugo Foscolo nel meraviglioso sonetto “Alla sera”.

Dalla Psicoanalisi classica Bertolucci e Arcalli hanno preso la griglia psicoanalitica del primo Freud, quello degli “Studi sull’isteria” e dei “Saggi sulla sessualità infantile” e della “Interpretazione dei sogni”, e i principi del secondo Freud, quello del dopo prima guerra mondiale, quello traumatizzato dalla distruzione del mondo civile che aveva elaborato i nuovi principi psichici dell’uomo, Eros e Thànatos, Vita e Morte, quello che aveva tirato in ballo la pulsione erotica e sessuale in opposizione alla pulsione autodistruttiva in associazione al micidiale meccanismo psichico di difesa della “coazione a ripetere”, della pulsione a rimettere in circolazione vissuti e comportamenti archiviati e mai superati perché mai capiti e razionalizzati. Seguimi senza avere la paura di non capire.

In questo benefico “baillame” filosofico e psicoanalitico Bertolucci e Arcalli, due “studiati” come dite voi veneti che non fate il tifo per la Lega nord, hanno calato anche qualche digressione e approfondimento della Psicoanalisi del francese Lacan, lo psicoanalista che aveva preso di mira l’Inconscio e l’aveva collocato visibilmente nella Parola, “le ca on parle”, la cosa o l’Inconscio parla o si parla. Questo significa che nel film Bertolucci e Arcalli avevano collocato anche una polivalenza della parola e del linguaggio: la parola come silenzio, la parola come rumore, la parola come suono, la parola come pulsione, la parola come emozione e la parola come ragione.

Ma non basta ancora, perché nel film abbiamo due personaggi, Paul e Jeanne, due sconosciuti e due vittime dell’Esistenza e del Nulla che la contraddistingue, un uomo e una donna che hanno storie di vita diverse e un esito finale identico, la morte. L’interesse comune è quello di viversi nell’indeterminato e senza definirsi, di non usare la storia personale e le parole, di viversi di volta in volta nell’attimo e nel frammento e nell’assenza del tempo e della continuità storica, di esaltare Eros e Thànatos del secondo Freud attraverso le fasi dello sviluppo psicosessuale del primo Freud: fase “orale”, “anale”, “fallico-narcisistica” e “genitale” attraverso l’esaltazione della “libido” collegata e collocata negli organi erogeni deputati, la bocca, la mucosa anale, gli organi sessuali in versione individuale con la masturbazione e in versione di coppia con il coito. Non basta, perché tutto questo contenuto viene inquadrato nella cornice “edipica” dei due protagonisti: la loro relazione conflittuale e ambivalente con i genitori. Ti spiego. Paul ha quarantacinque anni e Jeanne ha vent’anni, una coppia edipica decisamente. Lui può essere suo padre e lei può essere sua figlia. Ancora: Paul ha appena perso per suicidio la moglie Rosa, una donna che l’aveva tradito con un altro uomo e con cui aveva un vissuto chiaramente conflittuale e di dipendenza, come si vede e si capisce nella scena in cui lui parla al feretro composto e di straordinaria bellezza nonostante il tanto strazio che la donna si era inferto con il rasoio, simbolo fallico di violenza. Jeanne era innamorata in maniera ambigua del padre colonnello e alla fine uccide Paul con la pistola del padre. La pistola è un simbolo fallico. Insomma, cara Maria, vedi che da tutte le parti viene fuori in questo film tanto di cultura e niente di zozzura. Viene fuori un impasto intellettuale di grande pregio e di buon conio da recitare principalmente in una casa disadorna e tutta da riempire con la libera espressione delle emozioni e degli orgasmi. La “casa” è il simbolo della struttura psichica in atto ed è quasi vuota perché saranno Paul e Jeanne a metterci dentro e di volta in volta le loro suppellettili psicofisiche. Attenzione: ho detto psicofisiche, non corporee e basta, esperienze vissute fino al midollo erotico in esorcismo dell’angoscia di morte.

Domanda

Lei, dottore, mi sta aprendo gli occhi. Continui a spiegarmi, per favore.

Risposta

Procedo più chiaramente possibile. Hai visto che nelle scene cosiddette di sesso c’è la “posizione orale” nel bacio e non nel sesso orale reciproco, nella “posizione anale” c’è la scena del rapporto coadiuvato dal burro, nella “posizione fallico-narcisistica” c’è la scena di Jeanne che si masturba, nella “posizione genitale” ci sono tutte le scene dei rapporti sessuali basati su una libera e paritaria espressione della “libido” individuale, ora attiva e ora passiva. Non ha senso parlare di stupro e di violenza sessuale in questo film, perché i due protagonisti umanamente hanno un comune denominatore, quello di uscire dall’angoscia esistenziale attraverso la sessualità istintiva e pulsionale, uscire da Thanatos attraverso Eros, quello di vivere lo “spirito dionisiaco” di Nietzsche e di omettere le parole anagrafiche e i grandi ragionamenti, di andare al di là del Tempo e della Storia nell’attimo eterno e nell’anonimato indefinito. Il fine è sempre quello di esaltare i valori erotici del corpo, di sconfiggere la noia, di difendersi dalla nausea, di riempire la vacuità, di commutare l’angoscia del Nulla nelle gioie inespresse dei sensi. La sessualità vitalistica è Vita e l’orgasmo è l’antidoto della Morte per inedia. Eros e Thanatos sono dialetticamente intesi nella scimmia umana, Paul e Jeanne, che fa il verso alle evanescenti creature angeliche e che mostra il sesso e il culo come le creature diaboliche che si oppongono al culto banale dell’obbedienza e del conformismo a qualsiasi tipo di divinità. In tanta opera di distruzione del Tempo e della Storia resiste e domina lo Spazio con la geometria e il volume della stanza e dei corpi, la prima pulsante e i secondi intrisi di vitalità orgiastica.

Domanda

Ma perché Jeanne uccide Paul alla fine?

Risposta

Perché Paul si era innamorato di lei e lo dice con parole convenzionali e con modi diversi rispetto al passato sciupando e vanificando l’intensità del dramma della vita erotica che lui stesso aveva proposto a Jeanne sin dall’inizio della loro originale relazione e che la donna aveva accettato sulla scia del fascino di un padre erotico che si portava dentro e in preda finalmente all’appagamento delle sensazioni che aveva vissuto nell’infanzia e che si era trascinata intatte fino ai suoi vent’anni. Paul non si era proposto come l’uomo “maieutico” che avrebbe consentito a Jeanne il parto della “coscienza di sé”. Paul aveva additato il traguardo di fare risuonare le note vitalistiche che si sprigionano dal corpo e che oscillano inesorabilmente tra Eros e Thanatos, come nel pendolo di Galilei o nel fuso delle Moire. Simbolicamente Jeanne usa il fallo del padre, la pistola, per dire a Paul che lei non ha superato la sua “posizione edipica” e che può uccidere il padre perché cambia le carte in tavola passando dalla sessualità sfrenata a un anonimo e pacato sentimento d’amore di stampo borghese. Mentre Paul riconosce Jeanne come la sua donna ed è pronto ad amarla donandosi secondo i dettami della “libido genitale”, quest’ultima è ancora ferma al palo della tempesta tra Eros e Thanatos, è incapace di evolversi insieme al suo compagno di viaggio da due individui a una coppia. A Jeanne non resta che procedere da sola nelle sue traversie esistenziali alla ricerca di un poderoso calcio in culo per continuare a vivere anche quando in lei niente chiede di continuare ed è pronta per il suicidio. Questo è il prezzo che Jeanne paga al mancato riconoscimento del padre, alla mancata soluzione del conflitto edipico: la morte in vita. Anche lei segue Paul nella tomba dei sensi che non si sono evoluti in sentimenti. Mi ripeto in questo delicato passaggio. Paul, confutando se stesso e convertendosi ai valori borghesi del buon marito e del buon padre di famiglia, ( vedi lo stadio etico di Kierkegaard ), è morto nella mente e nel corpo. Lui ha superato la “posizione edipica”, ha risolto la dipendenza dalla madre quando ha scaricato i suoi struggenti “fantasmi” edipici sul feretro muto di Rosa, la moglie fedifraga e suicida in piena regola con la modalità e la moda esistenzialiste. Paul si è liberato dell’inciampo materno e si è proposto alla sua donna come uomo innamorato sottomettendosi e perdendo il fascino del maschio maledetto. Stava per fare una retromarcia fenomenale verso l’esistenza “banale”, quella fatta di padre, di madre, di figli, di lavoro, di casetta, di “baguette”, di lavatrice e di “citroen”, ma Jeanne non era nella sua lunghezza d’onda. Jeanne era ferma alla sua conformazione fisica e alla sua modalità psichica di vivere la vitalità andando incontro alla Morte con il cuore vuoto più che leggero.

Domanda

Ma Bertolucci cosa ci ha messo di suo nel film?

Risposta

Sono due gli sceneggiatori, ma l’ispirazione è di Bertolucci. Ha detto, infatti, che la trama del film nasce da un sogno che aveva fatto e che si era ripetuto, un sogno universale che consiste semplicemente nell’incontro per strada di una bellissima donna sconosciuta e nel fare l’amore con lei senza sapere la sua identità. Questa è la “posizione edipica” del piccolo Bernardo Bertolucci e da sempre di tutti i bambini del mondo. Questo è il caso di Edipo che senza saperlo sposa la madre Giocasta nella trilogia tragica di Sofocle: Edipo re, Edipo a Colono e Antigone. Spiego il sogno: la “bellissima donna” è la “parte positiva” del “fantasma della madre”, la seduzione erotica che ogni bambino elabora con desiderio e vive con struggimento. La donna è “sconosciuta” per non incorrere nel risveglio e nell’incubo. Non poteva trovarsi di fronte il viso della mamma. La “strada” è il luogo della realtà sociale e della pratica della vita, oltre che un film drammatico del primo Federico Fellini. “Fare l’amore” traduce l’esercizio della “libido genitale”, un coito incestuoso la cui realizzazione incorre ardentemente nel desiderio di ogni bambino nella forma di una calda fusione erotica corpo a corpo e nel coinvolgimento generico degli organi sessuali. In “Ultimo tango a Parigi” la “posizione edipica” è la cornice psichica profonda dei due protagonisti. Bertolucci aveva elaborato la sua e l’aveva proiettata nella trama del film e, di poi, tramite i “negativi in celluloide” nella grande tela cinematografica: “traslazione” e “proiezione” nei due personaggi del film. Per questi ultimi soltanto in questo quadro è possibile il riscatto dal Male di vivere e dalla Morte che impazza e domina. Soltanto attraverso l’esaltazione orgasmica dei sensi e nell’attimo può avvenire un momentaneo riscatto dall’angoscia umana di base. Entrambi ci riescono, ma lui soccombe nel momento in cui si stacca dallo “spirito dionisiaco” per accedere allo “spirito apollineo” per dirla alla Nietzsche, nel momento in cui passa da Eros e Thanatos alla Ragione che tutto comprende, spiega e assolve, per dirla alla Freud. Ricordo che Apollo era il dio della Ragione e dell’Arte. Quest’ultima era stata fissata dalla Grecia classica nella Bellezza composta e razionale: concetto di armonia tra le parti che trovi nelle opere di Fidia.

Domanda

Non riesco a crederci. Quello che mi dice lo capisco e mi si illuminano le scene del film e anche il cervello. Ma quanto ignorante sono e quanto ignoranti erano quelli della censura?

Risposta

Siamo a Roma. La presenza e l’ombra dello stato del Vaticano, e tutto quello che di oscurantista esso sottende e rappresenta, hanno avuto e hanno tanta importanza nel condizionare la nostra cultura su posizioni retrograde e rigide. La fissità indiscutibile degli schemi morali, la misoginia e la sessuofobia di base non hanno favorito la giusta evoluzione degli schemi interpretativi ed esecutivi dell’uomo e della realtà. Anche la funzione di controllo del territorio tramite le chiese e le parrocchie esercitava un orientamento non soltanto per le anime ma soprattutto per i corpi. Gli istituti politici e giuridici erano in linea con la fissità delle norme teologiche e queste ultime spesso erano dettate dagli organi ufficiali e ufficiosi della Stato Vaticano. La Cultura bloccata rendeva impossibile l’evoluzione della Civiltà. Nonostante la rivoluzione culturale del ‘68 e la rivoluzione delle donne, negli anni ‘70 si respirava un’aria viziata dappertutto e non era causata dalla libertà di fumare le “ms” o le “marlboro” dappertutto, ma dai residui fascisti e clericali che si erano ben depositati nelle testoline dei nostri genitori e negli interessi dei nostri politici. Oggi non ci sono più preti e le chiese sono chiuse. I loro patrimoni culturali e artistici vanno in malora come se fossero dei beni privati. E’ un vero peccato, perché quei beni sono di tutta l’umanità. Se il pontefice massimo riducesse d’imperio l’obbligo del celibato ecclesiastico nel sacramento dell’Ordine alla libera scelta del sacerdote, se il Papa allargasse il sacramento del matrimonio anche agli operai della sua vigna con l’esercizio della sessualità almeno genitale, avremmo veramente il boom economico auspicato maldestramente dagli istrioni contemporanei con i decreti sulla dignità del lavoro e avremmo meno pedofili: più preti, più lavoro intanto, meno bambini e adolescenti in pericolo, meno chierici da condannare soltanto moralmente. Le chiese aperte al culto religioso e al gusto storico e artistico degli uomini hanno anche la funzione di controllare il territorio e ridurre la disoccupazione. Nonostante i simboli di morte e le angosce del peccato che si portano dietro, siano benvenute tutte le religioni tolleranti e aperte ai tempi e alle culture. In caso contrario si perpetua quel rigore fideistico e morale che tanti danni causa negli uomini e nelle società, non ultimi la pedofilia e il terrorismo.

Domanda

Lei mi sta dicendo che la Chiesa ha contribuito alla condanna del film di Bernardo Bertolucci. Del resto, le streghe le condannava al rogo.

Risposta

Appunto, hanno “traslato” Bertolucci nel suo film e l’hanno bruciato vivo. La “traslazione” dell’omicidio è evidente. Come dire: “oggi come oggi, purtroppo, non posso ucciderti, ma ancora posso uccidere la tua creatura e posso costringere la tua fantasia perversa e il tuo cervello malato a non funzionare”. Questa è una violenza terribile. Pensa alla frase di Benito Mussolini su Antonio Gramsci quando lo relegò nel carcere a vita: “quella testa non deve più pensare”. Immagina se a Dante Alighieri avessero bruciato la Divina Commedia. Magari gli studenti avrebbero fatto festa, ma quanto terrore incute ancora oggi la condanna dell’opera di un uomo che esplora e cerca di comunicare delle verità difficili ma certamente vere, verità scoperte da altri che hanno subito la stessa sorte. I libri di Freud furono bruciati e il grande vecchio ne soffrì maledettamente. Oltretutto era molto impressionabile e vide in quel gesto nazista la fine del mondo civile e la sua stessa fine. Nonostante tutto e nonostante il tumore alla mascella continuava a fumare i suoi sigari olandesi e, non potendo aprire la bocca, si aiutava con una pinza da biancheria per infilarsi la morte in bocca. Si è detto che i tempi non erano maturi per la visione di “Ultimo tango a Parigi” e che la gente non poteva capire i contenuti filosofici e psicologici. E’ assolutamente falso. La gente è sempre pronta ad ascoltare e a capire le novità. Basta spiegarle nel modo giusto. Io sto spiegando a te la griglia d’interpretazione più importante del film “Ultimo tango a Parigi” e tu capisci e ti si illumina lo sguardo al pensiero che tra immagini erotiche e sessuali si possa nascondere un mondo di scoperte teoriche e pratiche, la filosofia esistenzialista e la teoria della “libido” e della sessualità umana. Ma se il potere ufficiale e ufficioso non permette la divulgazione perché teme di essere screditato e soppiantato, perché ha paura della tua crescita umana e intellettiva e ha bisogno di imporsi e di coartare la tua coscienza, allora ti condanna al carcere e ti condanna al rogo tramite la tua creatura, un film ben fatto e adatto all’evoluzione dei tempi. Da benefattori Bertolucci e Arcalli si sono trovati a espiare un reato esistente nei codici fascisti e inesistente nei codici psichici e filosofici, i codici naturali umani per intenderci. Dire che i tempi non erano maturi lascia l’amaro in bocca e induce la domanda di quando i tempi saranno maturi. Bisogna stare sempre attenti a tutte le novità umane, scientifiche e non. Dopo averle ben capite, si può esercitare lo spirito critico e decidere se aderire o se respingere, ma mai condannare e soprattutto al rogo. Che bruttura! Eppure è successa anche a Bertolucci e ad Arcalli nel “civile” 1976. Ti do qualche data storica per avere un’idea dei tempi: 1970 legge sul divorzio, 1978 legge sull’aborto, 1981 abrogazione del delitto d’onore. Specialmente per l’ultimo siamo veramente in grave e significativo ritardo, non mestruale, ma mentale. Vedi un po’ tu se questa è civiltà! Ma la malattia mentale al potere non finisce qua, tutt’altro! Si è aggravata nel nostro tempo con il dominio democratico degli ebefrenici e dei paranoici, i teorici dell’improvvisazione qualunquistica e i teorici del sentimento dell’odio e non solo razzista, ma quello spostato dai connazionali meridionali al migrante dal naso camuso e nel profugo dal viso olivastro, uomini, donne e bambini a cui viene negato il “diritto naturale” della vita e della conservazione della vita, quel “giusnaturalismo” elaborato nel Seicento da Ugo Grozio e da Alberico Gentile, i “diritti” oggettivati nel possesso di un corpo vivente che si antepongono ai “diritti positivi” di qualsiasi Stato e su cui quest’ultimo deve basare le sue Leggi, quei diritti di base che esigono che dove c’è vita c’é diritto a vivere, al di là del nome e del cognome e della nazionalità, al di là della religione e della cultura, al di là della teosofia di Budda. Tutti i porti sono aperti al naufrago sin da quando Ulisse peregrinava nel “mare nostrum”, il mare che sta tra le terre, per stare lontano dalla pallosa Penelope e per gustare le attenzioni mortali della maga Circe e delle graziose Sirene anche lui oscillando tra Eros e Thanatos come Paul e Jeanne. Anche il mio amico Pietro da buon gatto siracusano di razza rossa capisce questi principi naturali e richiede, se è possibile e con garbo ruffiano, la sua porzione di “kitekat” per non andare a uccidere un perfido topo di campagna. Ma la Follia si è impadronita del potere e degli uomini che direttamente lo rappresentano e lo esercitano, nonché di quelli che direttamente lo sostengono e lo giustificano. Erasmo se la ride a crepapelle nella sua tomba a Rotterdam dall’alto delle sue poche ceneri. Se non ci credi, prova a leggere “Elogio della follia”. “Ve l’avevo detto per ischerzo, ma vedo che siete caduti nella merda fino al collo”: ah, malefico olandese!

Domanda

Cosa mi consiglia di leggere per capire meglio non soltanto un film?

Risposta

E’ tremendo per un uomo non avere gli strumenti linguistici per esprimersi, non possedere i grimaldelli d’interpretazione e di critica del mondo che lo circonda per agire, non avere gli schemi di inquadramento dei dati che affluiscono in maniera copiosa nella sua zucca vuota. Oggi, insieme alla povertà materiale è da considerare la povertà degli strumenti interpretativi ed esecutivi. E così prosperano i ciarlatani e gli imbonitori, quelli che si azzuffano come i polli nel cortile dentro gli schermi televisivi, giornalisti e politici che dicono sempre le stesse cose e che ripetono le stesse litanie da decenni con le stesse facce, filosofi e critici d’arte che mettono a dura prova il loro sistema cardiocircolatorio e la nostra capacità di sopportazione con un turpiloquio gratuito e che fa senso, con una prevaricazione terribile come quella di non far parlare l’altro e di ingiuriarlo. Una grande responsabilità appartiene al sistema scolastico che non fornisce gli strumenti e gli schemi per interpretare la realtà, i dati, le notizie e le informazioni. Le varie e ricorrenti riforme scolastiche hanno deprivato le nuove generazioni della capacità di pensare e di parlare, di criticare e di elaborare, di riattraversare e di riattualizzare. Basta guardare la struttura dei libri di testo. La mia generazione all’incontrario era colma di ideologie e di strumenti per la comprensione dei tempi e delle culture: anche troppo! Platone, Aristotele, Hegel, Marx, Freud e altri minori erano di casa. Si pensava con la testa degli altri, più che con la propria. Ma del resto, anche la testa ha bisogno di crescere per avere la consapevolezza dell’impossibilità di essere autentici e della possibilità di essere autonomi. Inoltre, si comunicava tanto di più e non ci si isolava, si stava insieme e si ballava sopra un mattone in una balera, in una terrazza o nel salotto buono della mamma. Ma questa non era la felicità. Oggi le culture sono continuamente critiche e per niente statiche e soprattutto più evolute, ma il sistema educativo e d’istruzione non è al passo e chissà perché. Oggi è meglio di ieri e sicuramente il domani sarà ancora migliore perché avremo qualche scoperta scientifica da celebrare e da godere. Concludo il lungo pistolotto consigliandoti di prendere il sommario di filosofia di tuo figlio e nel terzo volume troverai Freud, Heidegger, Sartre. Leggili e se non capisci tutto, va bene lo stesso. Capirai in una seconda e terza lettura. Leggi di Alberto Moravia “La noia” e “Gli indifferenti” o altri romanzi che trovi in libreria a basso costo. Vuoi un’equivalente dinamica tra Eros e Thanatos? Leggi “Il Gattopardo” di Giuseppe Tomasi, duca di Palma e principe di Lampedusa. Vedi poi anche il film di Luchino Visconti degli anni sessanta che è stato restaurato da qualche anno. Regalati “Ultimo tango a Parigi” e guardalo con occhi nuovi e con la mente sgombra da pregiudizi morali. Ne gusterai la bellezza e ti sentirai emotivamente coinvolta. Non dico che andrai in orgasmo, ma ti sentirai rimescolata dentro. Ti si allargheranno gli orizzonti di comprensione dei prodotti umani e ti accorgerai che “niente di nuovo sotto il sole” e che “tutto si ripete” e si allarga ad altre sfere della capacità umana di comunicare. Da tempo non resta che la “contaminazione” perché tutto è stato detto e scritto e tutto si può soltanto ridire e riscrivere con approfondimenti in base ai tempi e alle culture. E’ semplicemente impossibile essere originali e autentici. Poi riponi il “dvd” e i libri nella parte visibile della tua libreria.

Domanda

Che cavalcata! Sono stanca.

Risposta

Indubbiamente è venuto fuori da una tua curiosità un “papello” di roba. Torno al sogno di Sabina e propongo, in chiusura e restando sul tema, il video di una semplice e inestimabile poesia di Mariangela Gualtieri, “Ringraziare desidero”, oltretutto da lei recitata, personalmente e in persona, come direbbe il solito ridicolo comico di periferia politicamente promosso. Il tutto è in onore della vena creativa latente di Sabina.

Grazie & Grazie a tutti voi.

SCRIVE MAMMA LIMPIDA…

boy-183306__180

“Caro Salvatore,

Geg ha sette anni e da settembre frequenta la prima elementare: compagni nuovi, tutti i giorni fino alle sedici e il sabato a casa. E’ sempre andato volentieri a scuola senza manifestare malesseri di alcun tipo. Si è integrato bene, le maestre sono contente di lui, è buono e bravo, è sempre gentile con gli altri bambini.”

Analizzo questa lettera di mamma Limpida passo dopo passo, vista l’universalità dei temi trattati e l’utilità per le quotidiane relazioni “padri-madri- figli”. Innanzitutto dico e affermo: averne di bambini, meglio ragazzini, come Geg!  E’ quasi perfetto nella sua normalità specifica e nell’esordio descrittivo della sua mamma. Soprattutto “è sempre andato volentieri a scuola senza manifestare malesseri di alcun tipo.” E’ un primogenito di buona razza e sa ben inserirsi nel gruppo; del resto, ha dovuto adattarsi sin dalla tenera età al fratellino e la famiglia non gli ha risparmiato giustamente le relazioni sociali. Bene, anzi benissimo! I bambini devono vivere in mezzo alla gente e non isolati in una gabbia d’oro o in una casa tecnologica: servono il popolo e la dimora. Geg non somatizza disagi psichici profondi, né tanto meno disturbi di poco spessore: questo è importantissimo! Ripeto: se un bambino regredisce e somatizza, è da considerare in maniera adeguata perché non sta bene e non sta crescendo bene, sta accusando una disarmonia evolutiva negli investimenti della sua energia vitale, tecnicamente detta “libido”, e sta formando il carattere in maniera fortemente conflittuale. In questo caso e soltanto in questo caso è doveroso preoccuparsi “clinicamente” della salute psichica dei figli. Per il resto bisogna sempre lasciarli liberi di vivere i loro giusti conflitti e di formare il loro necessario carattere. Quest’ultimo si forma e non si eredita. Di psicologico non ereditiamo alcunché! Quindi, affermazioni del tipo “mio figlio mi somiglia nel carattere o somiglia a …” sono del tutto generiche e soggettive, non hanno alcun riscontro scientifico perché la “psiche” non è inscritta nel DNA. Procediamo: “le maestre sono contente di lui”. Sulle nobili e mai adeguatamente valutate figure delle maestre bisogna dire che per i bambini rappresentano il prolungamento sociale della figura materna e della figura paterna, in quanto essi proiettano su di loro i tratti psichici che hanno già conosciuto e sperimentato nei genitori. E’ anche vero che, a volte, le maestre esagerano nelle valutazioni psicologiche dei bambini, ma non dimentichiamo che la scuola primaria italiana è altamente qualificata ed è sicuramente la migliore almeno in Europa. Concludendo questa prima parte, è giusto affermare che Geg “è buono e bravo, è sempre gentile con gli altri bambini.” La parola va ancora a mamma Limpida.

“Per me è stata duretta abituarmi ad aiutarlo a fare i compiti per casa durante il fine settimana, perché richiede tanta pazienza e tanto tempo e riconosco che a volte sono nervosa e poco carina con lui. Poi con calma recupero e sono più paziente e meno pressante. L’ho lasciato abbastanza libero di gestirsi nel limite del possibile e soprattutto non l’ho minacciato e tanto meno terrorizzato.

Sia lode alla mamma! Limpida è consapevole di non essere nata madre e di non essere stata educata a tale arduo compito. Ha soltanto sperimentato in primo luogo la sua mamma e si è fatta un’idea della figura materna in base al “criterio del meglio” e abbandonando in parte il “criterio della Nutella”. Limpida ha vendemmiato dalla sua esperienza di figlia le “parti migliori” di sua madre, le ha assimilate e le mette in atto con i suoi figli. Le “parti negative”, quelle che non ha gradito e condiviso, le ha lasciate alla sua augusta genitrice e alla sua cultura. Il “criterio della Nutella” si attesta nell’ereditarietà della crema da spalmare senza alcun cambiamento degli ingredienti e soltanto nel cambiamento delle generazioni: “la nonna la dava alla mamma, la mamma la dava a me e io la darò ai miei figli”. La libera e proficua evoluzione del costume genitoriale si attesta nel conservare il “meglio educativo” e nel sostituire il “peggio educativo” con il proprio “meglio”. Limpida ha ripreso a fare i compiti dalla parte opposta del suo essere stata scolara e senza essere maestra, ma essendo tanto di più e di più complicato, l’essere “mater et magistra”. Notevole la consapevolezza dei suoi limiti e la disponibilità a imparare per amore dei figli. E poi vogliamo trascurare l’educazione all’autonomia “nei limiti del possibile”? Ma, il capolavoro educativo di Limpida è costituito dall’assenza di minacce e tanto meno di terrore, di ricatti e di manovre colpevolizzanti. E’ importantissimo per il futuro equilibrio del bambino non indurre sensi di colpa. Già di suo il bambino non si esime dal colpevolizzarsi per le scelte d’investimento della sua “libido” durante il periodo critico della formazione del suo carattere, se poi ci mettiamo anche la mamma che gli grida “tu sei cattivo e mi farai morire”, il pasticciaccio è benfatto e quasi completo. Fin qui mamma Limpida è ineccepibile e ammirevole per la consapevolezza del suo ruolo nel presente e soprattutto nel futuro prossimo. Non ci resta che procedere nella speranza d’incontrare qualche problema e qualche conflitto in Geg. Scrive ancora mamma Limpida.

“Tutto è andato bene fino a due settimane fa. Geg è venuto a casa con una nota della maestra perché aveva dato un pugno a un bambino, che tra l’altro è un suo amichetto. Gli ho parlato senza fargli pesare troppo la cosa. Lunedì aveva verifica d’inglese e si è messo a copiare e la maestra si è accorta. Aveva anche una poesia da imparare e non l’ha studiata. Io non lo sapevo, ma l’ho scoperto stamattina da un’altra mamma, altrimenti non avrei saputo niente. Per il resto Geg ha buoni voti, anche se per lui non è mai il momento giusto per fare i compiti. Fino a questo punto il capitolo scuola.”

Geg mi piace tanto, ma veramente tanto. A sette anni comincia a realizzare la sua aggressività con un pugno di bambino dato a un altro bambino, oltretutto amichetto a conferma che l’aggressività non guarda in faccia nessuno e tanto meno i familiari e gli affini. Geg avrebbe voluto dare questo pugno al fratellino impiccione che gli ha tolto il primato affettivo in famiglia o al padre che gli è di ostacolo nella relazione e gestione della madre. L’aggressività nel bambino non deve raggiungere i livelli di guardia, limiti che si possono fissare nella pulsione sadica fine a se stessa. Ossia, se ci si accorge che il bambino ha un gusto della violenza fisica, allora s’interviene e si corregge. Ad esempio, se un bambino scortica una lucertola, ebbene sì, preoccupiamoci! Ma chi non ha dato un pugno a un compagno di scuola, specialmente se provocato? Mamma Limpida parla con Geg e non induce sensi di colpa. Ottimo! Ancora. Copiare una verifica è un capolavoro. Geg si sta addestrando alla vita futura e alla giusta difesa di sé, come ha imparato a casa anche a causa del fratellino. Bisogna favorire nel bambino l’intelligenza operativa, la “truffa sociale”, perché questa è la vera intelligenza, quella che serve nell’esercizio del vivere, e non quella astratta e teorica. Propongo un premio a Geg  perché ha copiato e alla mamma e alla maestra perché non l‘hanno colpevolizzato. Il bambino è “di sinistra”, tendenzialmente in ebollizione e rivoluzionario, e spesso gli adulti si sono dimenticati il loro essere stati bambini e sono diventati moralisti e bacchettoni. Geg è assolutamente normale nel suo essere se stesso e sta crescendo bene. Arriviamo alle poesie da imparare a memoria, quelle che fanno odiare a vita la letteratura. Geg non l’ha imparata e non l’ha detto alla mamma. Limpida deve imparare a rispettare la “privacy” del figlio. Ogni bambino deve avere un mondo di cose per sé e può anche non condividerle. I genitori devono avere la giusta discrezione e il doveroso rispetto e non devono fomentare sensi di colpa per l’esclusione della mamma o del papà. Bisogna sempre favorire l‘emancipazione anche perché in questo momento della sua vita Geg è alle prese con altri conflitti ben più importanti, quelli legati alla formazione del carattere e nello specifico il complesso di Edipo e il “sentimento della rivalità fraterna”. Geg è promosso a pieni voti, fino a questo punto, dal sottoscritto, che è stato anche insegnante per quarant’anni, soprattutto perché non vive di scuola e sa districarsi da solo nelle vicissitudini personali e relazionali. Procediamo sempre nella ricerca di un conflitto evidente e consistente nella psiche di Geg e sempre secondo la versione di mamma Limpida.

“Verso fine anno ha iniziato a essere insofferente in casa. Si annoia e non sa cosa fare, si stanca facilmente delle cose che fa. Il suo maggior desiderio è quello di andare dal nonno e stare a lavorare nei campi con lui. Il padre è un po’ geloso di questa cosa, perché la vive forse come se non volesse stare con lui.”

Finalmente si profila un problema, un problema serio: la “noia”. Cari genitori, quando vostro figlio vi dice che si annoia, cominciate a preoccuparvi e non sottovalutate quello che vi sta dicendo, perché è l’accusa di un disagio e la precisa richiesta di aiuto. La parola “noia” deriva dal greco “nous” che significa “mente”. Consegue che “noia” è la degenerazione di una delle funzioni della “mente” e nello specifico della dimensione del “desiderio”. Un bambino che accusa la “noia”, non solo non ha desideri, ma soprattutto non desidera. Geg sta vivendo il conflitto edipico con i genitori e il conflitto affettivo con il fratello. Ben venga la scelta di andare dal nonno, avendo capito l’importanza psichica del nonno e della nonna e il bisogno di Geg di spostare l’angoscia edipica dal padre, vissuto come un nemico cattivo che punisce, al nonno, il padre buono che rassicura e insegna soprattutto l’amore verso la natura. Bisogna favorire la terapia che Geg ha scelto per sé: viversi con il nonno amando, giocando e imparando. La formazione del carattere sta avvenendo e la figura del nonno consente possibilità d’identificazione in una figura maschile che coltiva passioni e ha tanto da dire e tanto da dare. Il padre non ha nessun motivo di essere geloso, anzi deve favorire e non proibire la terapia scelta dal figlio e deve intervenire proponendosi come padre allettante e non contro il nonno. Ecco cosa dice Geg alla nonna a  conferma del problema edipico e della rivalità fraterna.

“Geg ha raccontato alla nonna che il padre fa preferenze verso Gig. La cosa è un po’ vera. Gig ha un altro carattere e non si lamenta mai. Il padre ama i suoi bambini e loro vengono prima di tutto, però nei confronti di Geg è più severo, lo rimprovera e vorrebbe che fosse più docile. Ma Geg non lo è! Geg cerca tanto la complicità del padre, lo istiga, lo fa arrabbiare e poi va a farsi coccolare, però quando il padre gli propone di stare insieme lui, preferisce andare dal nonno.”

Gig ha un carattere diverso semplicemente perché i vissuti sullo stesso oggetto non possono essere identici: due caratteri identici non esistono neanche nei gemelli monozigotici. Anche Gig si sta formando e ha i suoi conflitti con il padre, con la madre, con il fratello e anche con il gatto di casa, ma al momento non si evidenziano in maniera teatrale perché Gig li elabora e li contiene usando meccanismi di difesa diversi rispetto al fratello Geg. Il padre è bravo, ma è severo con il figlio che in questo momento è in aperto conflitto con lui. All’incontrario deve essere suadente con Geg, il quale a sua volta non può essere docile con il padre perché la competizione è l’unica arma che in questo momento della sua vita la sua psiche concepisce. Il padre non deve punire e tanto meno colpevolizzare il figlio. La provocazione di Geg nei confronti del padre ha la finalità di constatare il legame affettivo di quest’ultimo nei suoi confronti. Meno male che c’è il sostituto del padre, il nonno venerando. Si vede chiaramente la psicodinamica edipica di Geg. Padre e figlio vivono la stessa psicodinamica in maniera diversa, uno come rifiuto da parte del figlio e l’altro come cattiveria del padre nei suoi confronti.

“Il padre lo punisce a volte vietandogli di andare dal nonno. Gli ho detto che secondo me è sbagliato e non ottiene niente, anzi peggiora la situazione. Dovrà essere Geg a decidere la domenica di star con noi e non con il nonno.
Ho parlato con Geg e ha detto che io non faccio preferenze, ma il papà sì.
Non pensavo fosse così difficile il ruolo dei genitori. Mi devo impegnare a essere più paziente, ma a volte la sera mi snerva perché non vuole fare niente di quello che gli dico. Come faccio? Non posso lasciargli fare quello che vuole! Grazie di tutto, intanto e aspetto i tuoi buoni consigli. Cordialità da mamma Limpida”

Sbagliatissimo e dannosissimo impedire al figlio l’esercizio degli affetti per motivi di gelosia da parte del padre. All’incontrario bisogna favorire la vita affettiva per dare a Geg la sicurezza dei suoi investimenti di “libido”, se vogliamo evitare che da adulto sia bloccato nell’espressione dei suoi sentimenti e nell’offerta erotica del suo corpo. Le preferenze sono il tema della rivalità fraterna. Geg sta dicendo che suo fratello è più amato di lui da parte del padre e che deve identificarsi nel padre, ma viene respinto e Geg provoca e, invece di un alleato amico e complice, si trova un padre che lo punisce confermando il senso di colpa di Geg e istigando in lui la conseguente espiazione. Certo che non bisogna consentire ai figli di fare quello che vogliono e i figli stessi non chiedono questo e non sarebbero capaci di chiedere e di fare questo. Bisogna ascoltarli, individuare il problema e agire sul conflitto nella maniera migliore. In questo caso il padre deve fare alleanza con il figlio due volte, una per il complesso di Edipo e l’altra per la rivalità fraterna, dimostrando a Geg che ha esagerato, che tutti stiamo bene in famiglia al posto giusto e facendo vedere i vantaggi dell’esser tanti e solidali. L’ostinazione di Geg conferma che il padre, non ha assunto la strategia giusta, perché è entrato in conflitto con il figlio e non l’ha capito. Ma la lettera di mamma Limpida non è finita.

 

“P.S. Mi sono dimenticata di dirti del peso. Geg ha sempre fame, mangerebbe sempre, anche per noia secondo me. Gig mangia poco e devo stare attenta a stimolarlo perché altrimenti non ha appetito. Geg è la mia fotocopia caratterialmente, forse per questo riesco a capirlo meglio del padre.

Anche con il peso non vorrei stressarlo troppo. Il padre, a volte, l’offende e gli dice che a dieci anni peserà più di un quintale. Aiutooooo!”

 

Se Geg ha sempre fame, sta chiedendo qualcosa di altro attraverso il cibo, una dose psichica maggiore di mamma e papà, un’attenuazione della conflittualità familiare, una comprensione a modo di avvolgimento psichico e di abbraccio fisico. Per il momento non ha gli strumenti psichici per fare da sé, quindi, cari genitori muovetevi con l’ascolto, con l’accudimento, con il nonno e fate in modo che possa tanto desiderare. Come si fa per farlo tanto desiderare? Non assillatelo con problemi banali e perbenistici, lasciatelo libero di scegliere il suo divertimento, lasciatelo fantasticare, lasciate che sorgano i bisogni legati al suo progressivo conoscersi e non siate impiccioni; soprattutto! Cosa vi chiede vostro figlio per stare e per crescere bene? Vi chiede di comunicare attraverso i sensi e di esaltarli: guardami, ascoltami, baciami, toccami, abbracciami, accarezzami. Il mio testo “Ma cosa sognano i bambini” sarà un ausilio psicopedagogico ogni qualvolta dialogherete con vostro figlio sul tema “cosa hai sognato stanotte”?

LO STRUGGIMENTO DELLA RIVALITA’ FRATERNA

foggy-545838__180

“Nelida sogna che è notte, gli interni della casa sono bui o con una luce fioca. Fa parte di un clan che con ogni arma lotta contro un altro clan. E’ un clan familiare, il capo è il padre e Nelida esegue gli ordini.  

Sa che ci sono stati degli assassinii.

Poi si trova in una stanza buia, in un casolare abbandonato con una ragazzina magrolina e bionda, moribonda sul pavimento sporco di sangue che guardandola negli occhi tra gli spasimi la implora di ucciderla. Nelida deve darle il colpo di grazia, ma proprio non ce la fa e allora prova a rassicurarla o la tratta freddamente.

Nelida fa avanti e indietro da quel casolare a quello dove sta suo padre con gli altri del clan. Sta preparando la cena per tanti invitati, tra cui gente dell’altro clan. Sono tutti là a fare chiasso e a bere vino aspettando la cena.

Nelida corre nella notte e controlla mentalmente lo spazio accorciandolo per  fare più in fretta e ogni volta che arriva davanti alla bambina non riesce a ucciderla e ogni volta che va da suo padre, lui le ripete l’ordine.

Infine torna dalla bambina e lei non c’è più, c’è una tipa che ha visto nell’altro casolare e questa prova a ucciderla, ma Nelida è più veloce e con un colpo la lascia tramortita al suolo.”

Ma che bella famiglia, ma che bella società!

Il sogno può elaborare qualunque psicodinamica e quello di Nelida offre un quadro ottimale del “sentimento della rivalità fraterna” e dello struggimento a esso collegato. Il “resto notturno” di Nelida usa la simbologia cruenta in maniera idonea per attestare dei conflitti con i fratelli, oltre che con i genitori.  Nella parte finale del quadro, infatti, si presenta la “posizione edipica”, la conflittualità con la madre, così come in tutto il sogno è presente la maschia figura del padre e la soccombenza suggestiva di Nelida ai suoi ordini. Il conflitto tra fratelli ricorre frequente nei miti, nelle leggende e nei racconti popolari. Uno per tutti: la trilogia tragica del ciclo di Edipo, scritta da Sofocle, e in particolare “Antigone” e la sorella Ismene e i fratelli Eteocle e Polinice. E Romolo e Remo dove li mettiamo? E perché non ricordare Caino e Abele? Non sfigura in questa psicodinamica la sorella di Nelida.

Certamente in questo sogno non si può ricorrere al concetto di Rousseau in riguardo al bambino “buono allo stato di natura” e neanche al concetto di Freud di “perverso polimorfo”, sempre in riguardo al bambino. La concezione presente nel sogno di Nelida è semplicemente realistica: un fratello o una sorella “rompono” equilibri psichici e giustificano l’aggressività conseguente  nel tormento struggente di conflitti senza fine.

Via con la decodificazione!

La “notte”, il “buio”, la “luce fioca” attestano lo stato crepuscolare della coscienza, i vissuti e i fantasmi che affiorano dalla dimensione psichica profonda, dalle “rimozioni” che Nelida ha operato in difesa dall’angoscia legata alla sua collocazione familiare di primogenita. Infatti Nelida appartiene a un “clan”, il suo “clan” composto dal padre, dalla madre e dalla sorella, un “clan” che vive insieme ad altri “clan” in una società gaudente e ricca di conflitti. Il simbolo del “clan” accentua in maniera sanguigna la relazione tribale tra i vari componenti: la famiglia “natura” più che la famiglia “cultura”, la famiglia “libido” più che la famiglia “valore”. Nelida riconosce la figura carismatica del padre e la sua dipendenza all’autorevole personaggio, attestando che in quanto a risoluzione del complesso di Edipo siamo ancora in fase di liquidazione. Nelida è eccessivamente affascinata da questa losca figura di assassino e totalmente dipendente da lui nel male, l’uomo che le dà  l’ordine di ammazzare sua sorella, nonché sua figlia, e che glielo ripete sempre. Nelida proietta nel padre la sua pulsione fratricida dettata dal naturale, quanto normale, “sentimento della rivalità fraterna”.

“Sa che ci sono stati degli assassinii.”

Dal generico Nelida passa al puntuale, al suo diretto coinvolgimento in questa psicodinamica che rischia di tralignare in un tragico psicodramma: “la  ragazzina magrolina e bionda, moribonda sul pavimento sporco di sangue che guardandola negli occhi tra gli spasimi la implora di ucciderla.” Potenza del sogno che riesce a trasfigurare un sentimento di profonda ostilità nella concretezza di un atto! Nelida si trova in un contesto logistico idoneo: “in una stanza buia e in un casolare abbandonato”, la sua aggressività mortifera e la “parte negativa” del fantasma fraterno. Degna di nota è la descrizione tenera della sorella, magrolina e bionda, come lo “spostamento” in lei del desiderio implorante di essere uccisa. In caso contrario Nelida si sarebbe svegliata e il sogno si sarebbe interrotto per manifesta coincidenza del “contenuto latente” con il “contenuto manifesto”. Ulteriore nota degna è l’ambivalenza affettiva verso la sorella: “prova a rassicurarla o la tratta freddamente” perché a ucciderla proprio non ce la fa. Ricapitolando: Nelida sposta sul padre la sua pulsione omicida nei confronti della sorella e all’uopo si sottomette alla figura paterna, dimostrando nei suoi confronti una mancata emancipazione e un’autonomia psichica in “fieri”.

Comunque è Nelida che “deve darle il colpo di grazia”.

Nelida è in piena isteria, “fa avanti e indietro”, è combattuta tra il desiderio e il privilegio di figlia unica, oltretutto preferita dal padre, in quel clan e la pulsione di sbarazzarsi in qualche modo della scomoda presenza di una sorella, oltretutto insanguinata e moribonda. L’intensità del conflitto affettivo è attestata dal suo andirivieni tra la casa ricca di cibo, simbolo degli affetti, e la casa, simbolo di morte, della sorella. “Erano tutti là a fare chiasso e a bere vino aspettando la cena.” La variazione dello stato di coscienza si attesta in questa situazione di grande ambivalenza affettiva nel “bere vino”. Nelida è in piena crisi ed esperisce un rimedio meraviglioso traendo dalla sua infanzia la “magia” come soluzione al suo drammatico momento.

“Nelida corre nella notte e controlla mentalmente lo spazio accorciandolo per  fare più in fretta”: trattasi di risolvere l’angoscia attraverso un procedimento magico di accelerazione del tempo e di riduzione dello spazio, un processo che il sogno offre come normalmente naturale e di cui la funzione onirica è maestra. La velocità di esecuzione è direttamente proporzionale alla carica d’angoscia che il sogno di Nelida sta acquistando. La “censura” onirica funziona bene e il sonno può continuare anche se disturbato. La psiche di Nelida sperimenta l’onnipotenza sotto le frustate psichiche della rivalità fraterna. Nelida deve uccidere la sorella facendo la volontà del padre, ma non è capace di un così atroce delitto. “Ogni volta che arriva davanti alla bambina, non riesce a ucciderla e ogni volta che va da suo padre, lui le ripete l’ordine.” Nelida ha spostato nel padre la sua aggressività mortifera verso la sorella e può continuare a dormire ponendosi come arbitro e mediatrice della situazione. E’ possibile cotanto travaglio e cotanto conflitto di fronte alla gelosia e alla competizione affettiva? Certamente che sì! Il sogno è confermato dalle psicoterapie psicoanalitiche che si operano su questi casi di “fratelli coltelli”. Necessita, a questo punto, un “deus ex machina” per risolvere il dilemma mortifero e il dramma affettivo tra un padre che vuole che la figlia uccida la sorella bambina e la figlia che non sa uccidere la sorella bambina eseguendo gli ordini del padre. Altro che Sofocle, altro che Eschilo, altro che Euripide! Questa tragediografa si chiama Nelida e compone i suoi drammi naturalmente sognando e naturalmente evolvendo i suoi fantasmi. Il dio ricercato in questo caso, quello che serve per risolvere la tragedia, è la madre di Nelida, “una tipa” tirata in ballo nel suo sogno in difesa della sorella-figlia e dalla cui violenza mortifera si difende prendendosi la giusta, ma non atroce, rivincita. Nelida si rifà sulla madre estendendo la sua aggressività edipica verso di lei.

“Infine torna dalla bambina e lei non c’è più, c’è una tipa che aveva visto nell’altro casolare e che prova a ucciderla, ma Nelida è più veloce e con un colpo la lascia tramortita al suolo.”

La “legge del taglione” esige che “chi di spada ferisce, di spada perisce”, chi vuole uccidere, deve essere ucciso, ma Nelida conclude il suo sogno nel modo migliore possibile e nel modo più proficuo a livello psicologico, componendo lo struggimento della rivalità fraterna nel giusto sentimento, meglio risentimento

La prognosi impone a Nelida di razionalizzare il fantasma accettando la sorella, ma soprattutto di risolvere i suoi conflitti con i genitori, con un padre alleato e complice e con una madre nettamente ostile. Il tempo e il ciclo di Edipo per Nelida è già trascorso. Adesso può soltanto osservarlo nella cavea del teatro greco di Siracusa quando capita la rappresentazione della trilogia di Sofocle.

Il rischio psicopatologico si attesta in una psiconevrosi edipica: “isterica” con somatizzazioni legate all’aggressività non scaricata che si ritorce contro o “fobico-ossessiva” con crisi di panico legate al bisogno di espiare i sensi di colpa.

Riflessioni metodologiche: ma cos’è il “deus ex machina”? Nella tragedia greca antica, dal quinto secolo ante Cristum natum, appariva alla fine della rappresentazione da un’impalcatura alle spalle degli spettatori, latinamente “machina”, un dio per porre fine al conflitto drammatico che gli uomini avevano esposto in versi nella cavea del teatro. Era un dio, perché soltanto un dio poteva assolvere la colpa, “ubris”, e impedire l’ereditarietà della colpa stessa. Cos’era la “ubris”? Il peccato originale dei Greci: l’ira e il turbamento dell’equilibrio costituito dagli dei, lo sconvolgimento dell’armonia sociopolitica che comportava la pena di morte, come nel caso di Socrate. I Greci proiettavano i loro valori culturali nell’Olimpo intelligente per favorirne l’introiezione e l’assimilazione. Un esempio di ereditarietà della colpa è il seguente: Agamennone, l’artefice principale della distruzione della città di Troia, viene ucciso dalla moglie Clitemnestra in complicità con il suo amante Egisto, il figlio Oreste uccide la madre e l’amante, le Erinni perseguitano Oreste, un dio lo assolve nella tragedia che conclude la trilogia di Eschilo. Il tempo segnava l’anno 458 ante Cristum natum.

IL TERREMOTO E LA SOLITUDINE

cracks-1287495__180

“Silvia sogna di dormire rannicchiata sul fianco sinistro.

Si sveglia nel sonno per una fortissima scossa di terremoto ondulatorio che dura a lungo.

Silvia non si muove perché è terrorizzata.

Focalizza che può crollare il tetto o aprirsi il pavimento.

Ha paura di alzarsi e pensa che, se non reagisce, può restare sotto le macerie.

Poi la scossa termina e Silvia si alza velocemente e pensa che è ancora in tempo per scappare. Cerca i telefonini, due sul comodino alla destra e quello del marito sul cuscino alla sinistra, ma non li trova.”

Il sogno di Silvia è intensamente poetico, un breve “canovaccio” da sviluppare in teatro da parte di un attore esperto: i tratti dominanti di una struttura psichica e le note caratteristiche di un’esistenza sofferta. Bisogna  rilevare la poderosa capacità di sintesi e di elaborazione creativa del sogno anche in riguardo ai temi più drammatici. Ricordo, a tal proposito, che spesso prima sogniamo e poi agiamo, prima immaginiamo e dopo operiamo nella concreta realtà. Sviluppiamo il sogno di Silvia per avvalorare soprattutto la valenza estetica e la carica di bellezza del suo sogno.

“Silvia sogna di dormire rannicchiata sul fianco sinistro.”

Silvia vuole obnubilare la coscienza, vuole “dormire“ e non vuole vigilare, ama lo stato crepuscolare, ha bisogno di disimpegnarsi dalle mille e altre mille attività della sua quotidianità, vuole temporaneamente “rimuovere” le sue ansie e le sue angosce: questo è il simbolo del “dormire”. Quest’ultimo non tratta di un sonno maligno, tipo il sonno eterno e un fantasma di morte, bensì di una ricostituzione benefica del sistema nervoso e di un rafforzamento della struttura psichica. La postura è fetale. Silvia è nostalgica del grembo materno, ha tanto bisogno di protezione e di accudimento, è contratta nella difesa di sé e dei suoi vissuti dalle minacce del mondo esterno: questo significa simbolicamente l’essere “rannicchiata”. Silvia è rivolta verso il passato, propende alla nostalgia, indulge alle emozioni e ai ricordi, regredisce di buon grado alla rassicurazione delle esperienze vissute, piuttosto che guardare in faccia il futuro e vivere il nuovo che si profila e avanza: questo è il significato del “fianco sinistro”, un rafforzamento dell’essere “rannicchiata”.

“Si sveglia nel sonno per una fortissima scossa di terremoto ondulatorio che dura a lungo.”

La “scossa di terremoto” arriva “fortissima” e improvvisa a turbare la dolce e apparente quiete psichica, la benefica e ambigua stasi regressiva di Silvia: un trauma “ondulatorio”, una violenza sottile che riguarda gli affetti importanti e le relazioni significative. Silvia “si sveglia nel sonno”, è riportata alla coscienza del presente psichico in atto, un presente “che dura” da lungo tempo e dal cui coinvolgimento non può disimpegnarsi. Silvia è costretta alla vigilanza, a pensare ai suoi conflitti e a rimuginare sui suoi traumi, quelli affettivi nel caso specifico. Il moto ondulatorio del terremoto psichico di Silvia evoca gli affetti della culla e il rilassamento legato all’esercizio della “libido”. Sull’ambivalenza simbolica del “terremoto” dirò in seguito nelle “riflessioni metodologiche”.

“Silvia non si muove perché è terrorizzata.”

Ecco il trauma dell’inanimazione! Silvia è bloccata dall’angoscia abbandonica. Silvia è inerte di fronte alla perdita affettiva. Silvia ha nostalgia della rassicurante premura materna. Silvia è sola, esiste, è gettata nel mondo, è regredita al grembo materno e le manca la madre e le sue carezze vitalizzanti per il suo corpo bambino: la madre, in versione maschile o femminile, poco importa. La figura simbolica è evocata, per cui basterebbe anche un padre presente e affettuoso con le funzioni psichiche materne. Silvia è cresciuta sola e da sola.

“Focalizza che può crollare il tetto o aprirsi il pavimento.”

Si profila una prima reazione e si tratta di una reazione mentale, un’idea. Ancora la paralisi isterica della “conversione d’angoscia” è operante. Il sogno di Silvia è quasi incubo, ma Silvia continua a dormire perché le figure legate alla sua angoscia sono adeguatamente camuffate dalla censura onirica. Certo che non è un bel dormire, ma la riflessione di Silvia verte su simboli importanti: il “tetto” o il “sopra”, il “pavimento” o il “basso”, il “crollare” o “l’aprirsi”. Si tratta di un movimento che va dall’alto verso il basso, quel “crollare” che attesta processi depressivi di perdita all’interno della struttura psichica di Silvia. Il “tetto” rappresenta simbolicamente la parte mentale, le idee della nostra “casa psichica”, le riflessioni profonde e i vissuti sublimati all’interno della nostra “formazione reattiva” o carattere. Il “tetto” attesta di una giusta difesa del nostro libero pensare. Nel mio “dizionario dei simboli onirici” trovo scritto alla voce tetto: “difesa ideologica e tendenza alla sublimazione della libido, paura di plagio e istanza psichica dell’Io”. Il “pavimento” condensa la concretezza materiale e il legame alla madre, il pragmatismo e il principio di realtà dell’”Io”. Il “pavimento” che si apre in una voragine attesta di un processo depressivo di perdita degli affetti materni e di un conflitto sempre della sfera affettiva. Non dimentichiamo che il “basso” è il luogo simbolico della colpa e della pena da espiare.

“Ha paura di alzarsi e pensa che, se non reagisce, può restare sotto le macerie.”

Il conflitto tra la passività e l’attività, tra il fare e il giacere, tra l’agire e il subire si profila in maniera drammatica ed è il nucleo profondo della sua dialettica profonda. Silvia oscilla tra la depressione e la reazione. Depressione non significa “morire in vita”, perché è associato al simbolo di “alzarsi” che attesta  un’azione vitale e pragmatica e una sofferta volitività: il tormento del giacere e del muoversi. Le “macerie” rappresentano ciò che resta degli “investimenti della libido” operati nel corso del vivere, un profondo pessimismo sul proprio valore e sul proprio operato. “Alzarsi” è la terapia giusta per “sublimare” l’angoscia in un vago benessere psicofisico.

“Poi la scossa termina e Silvia si alza velocemente e si dice che è in tempo per scappare.”

La crisi depressiva è passata e si prospetta la “fuga nella guarigione”. Silvia  reagisce al suo terremoto ondulatorio scappando, non affronta il conflitto in maniera consapevole e costruttiva, opera una temporanea quanto benefica fuga nella risoluzione del sintomo. Pur tuttavia, si dice che è in tempo. Silvia  sa di come si svolgono queste sue psicodinamiche e trova nella remissione del sintomo un temporaneo sollievo.

“Cerca i telefonini, due sul comodino alla destra e uno sulla sinistra sul cuscino del marito, ma non li trova.”

Silvia si muove alla ricerca dei suoi alleati psichici ed esistenziali, delle sue relazioni significative: “i telefonini”. Ma le relazioni sono conflittuali perché Silvia non trova i collegamenti con le persone importanti come il marito, una relazione intima che si trova “sulla sinistra sul cuscino” ossia appartiene al passato, mentre le altre relazioni del presente ”due sul comodino alla destra, sono contrastate perché Silvia non li trova. Silvia è destinata alla solitudine dopo il terremoto. Uscendo fuor di metafora, il sogno di Silvia attesta di un tratto depressivo esaltato e di un conflitto relazionale in atto che non portano a nessuna soluzione e consolazione. E’ più importante il fatto che non trova i telefonini rispetto alla “scossa di terremoto ondulatorio”.

La prognosi impone a Silvia di rivedere le sue modalità relazionali e le sue esigenze a carico degli altri. Bisognerà ridimensionare le aspettative e approcciarsi in maniera tollerante senza incorrere in sovraccarichi emotivi e nel rigore di attese difficili. Silvia deve acquisire maggiore sicurezza e non deve sentire il bisogno di mettere alla prova coloro a cui è legata nella ricerca di una conferma affettiva.

Il rischio psicopatologico si attesta nell’isolamento legato all’esaltazione del tratto depressivo e alla sofferenza affettiva: una nevrosi fobico- ossessiva con crisi di panico.

Riflessioni metodologiche: la simbologia del “terremoto” ha una specifica ambivalenza nel suo oscillare tra la vita e la morte, tra gli affetti e i distacchi. Nel suo versante positivo il terremoto comporta una ristrutturazione psichica decisa  e una riformulazione mentale affermativa, una forte capacità di evoluzione e una carica volitiva di spessore. Nel suo versante negativo il terremoto richiama un “fantasma di morte”, la perdita depressiva in vita e la corrispondente caduta degli investimenti della “libido”, un’incapacità a reagire agli eventi più drammatici della vita. Il sogno conferma questa ambivalenza simbolica, ma offre nello stesso tempo altro materiale per capire la giusta decodificazione. Nel sogno di Silvia hanno più rilevanza i telefonini introvabili rispetto alla scossa di terremoto e al suo benefico significato ondulatorio-affettivo.

IL CONFLITTO EDIPICO AL MASCHILE

sassi-825793__180

Sam sogna un uomo che non conosce e che sta litigando con un altro uomo più giovane.

A un certo punto il primo uomo uccide l’altro colpendolo alla testa con un sasso per prendergli qualcosa di materiale.

Ma non sa perché litigano e che cosa devono ottenere.”

 

Il sogno di Sam è universale nella forma e nel contenuto, un quasi “archetipo” onirico, condensa il conflitto “padre- figlio” nella chiara cornice edipica e nella classica versione, conferma il modo di operare della Psiche con i vissuti  universali del Padre e della Madre. Questo sogno, descritto in questi termini, esula dalle culture e dalle razze e fa ricorso a simbologie naturali come la testa, il sasso, l’uomo sconosciuto, il litigio cruento, la vittoria dell’uomo adulto, l’ignoranza della causa del contendere e del profitto. Gli adolescenti di tutti i colori sognano gli stessi colori. La “multirazzialità” attesta di una psicologia comune e questa condivisione è bellissima, quasi meravigliosa, perché al cambiare dei paralleli e dei meridiani gli uomini esibiscono   un’essenza psicofisica comune.

Andiamo a decodificare il sogno di Sam.

“Sam sogna un uomo che non conosce e che sta litigando con un altro uomo più giovane.”

Un uomo più  grande e soprattutto “che non conosce” è chiaramente il padre o una figura similare. Sam non ricorre a una simbologia eccentrica e sofisticata, ma si limita alla versione più semplice e lineare, la versione naturale, “un uomo”. Sam non elabora simboli equivalenti come il “toro” o il “re” o il “cavallo”. Sam sogna la figura paterna nella sua concretezza vivente e manifesta una struttura psichica propensa alla chiarezza e alla semplicità: un “Io” e un “principio di realtà” dominanti. Sam in sogno non è un sofisticato intellettuale e tanto meno un eccentrico poeta, perché ha una linearità di elaborazione e di riflessione. Eppure nel suo sogno è presente la difesa per continuare a dormire: “un uomo che non conosce”. Non scatta l’incubo e il conseguente risveglio, perché il “contenuto latente” non è coinciso con il “contenuto manifesto”. Il sogno è truce nella sua semplicità, ma opportunamente coperto con un benefico “non conosce. Meraviglia del “processo primario” e della “condensazione”!

Proseguendo con l’interpretazione del sogno si evidenzia il conflitto del figlio con il padre: “litiga con un altro uomo più giovane”. La competizione inizia con un litigio che è il giusto segnale di un rapporto dialettico in un ambito di diversità e di riconoscimento dell’altro. Sam si sente uomo giovane e vive il padre alla pari. Questo esordio della “posizione edipica” dispone verso una conflittualità assolutamente normale e verso una risoluzione in atto, se non addirittura già risolta, per cui Sam sta soltanto rievocando nel suo sogno il rapporto dialettico con il padre.

Ma procediamo con calma e riflessione.

“A un certo punto il primo uomo uccide l’altro colpendolo con un sasso in testa  per prendergli qualcosa di materiale.”

Ecco che il conflitto si complica e viene agito fino alle estreme conseguenze: la “castrazione” completa e nella forma classica. Il padre spacca la testa al figlio con un sasso. Meglio: il figlio si fa spaccare la testa con un sasso dal padre. La “testa” è il simbolo delle funzioni nobili del cervello, il “processo secondario”. La “testa” trasla il senso del primato dell’Io” sull’Es e sul Super-Io,  sugli istinti e sulle pulsioni, sui limiti e sulle censure. La “testa” condensa il ruolo maschile del capo: il padre. Il “sasso” condensa il “fantasma dell’inanimazione” psichica e la freddezza affettiva, la crisi degli investimenti della “libido” e la caduta dei sentimenti. La dialettica violenta tra padre e figlio si scatena “per prendergli qualcosa di materiale”. Il padre esige “qualcosa di materiale” dall’uccisione onirica del figlio: Sam proietta sul padre la sua richiesta materiale degli affetti e delle premure della madre, qualcosa di concretamente vissuto e di reale. La “madre” è l’oggetto del truce contendere.

La “castrazione” è servita con un sasso in testa ed è possibile in un ambito di violenza anaffettiva: la vittima è proprio colui che fa il sogno, il figlio, e il vincitore è colui che subisce il sogno, il padre. La conclusione violenta del dramma edipico sembra attestare di una mancata risoluzione del rapporto con il padre da parte del povero Sam. Invece si tratta del classico epilogo simbolico, sia pur nella versione tragica, della risoluzione del conflitto psichico

padre-figlio e non certo di un nudo e crudo omicidio.

Sam “non sa perché litigano e che cosa devono ottenere.”

In effetti non compare l’autonomia dal padre, ma si vede soltanto la competizione funesta. Del resto, Sam godrà della sua conquista nel tempo futuro. Il sogno ha camuffato in termini semplici e naturali il “complesso di Edipo” nella versione maschile. Sam ha superato la prova e l’ha sognata a conferma dell’avvenuta emancipazione e della conquistata autonomia. Adesso non gli resta che attendere e vivere gli effetti benefici.

La prognosi impone a Sam di portare avanti il processo di emancipazione psichica dalla figura paterna e di spostare le sue mire espansionistiche dalla madre alle sue coetanee, superando dannosi blocchi e inutili competizioni e coltivando la sua concretezza realistica.

Il rischio psicopatologico si attesta nella “regressione” e nella “fissazione” a tappe già vissute negli investimenti della “libido”, difese eventualmente causate da un trauma nell’esercizio della sua autonomia psichica con improvvide cadute nella dipendenza dalle figure genitoriali.

Riflessioni metodologiche: i sogni truci nel “contenuto manifesto”, diventano meno truci nel racconto del giorno dopo e non sono truci nel “contenuto latente” e per questo non ci svegliano. Quindi, i sogni brutti non sempre sono brutti e si possono portare avanti perché trattano magari dello  sviluppo di un problema risolto. Per quanto riguarda il sogno di Sam, volevo introdurre qualche nozione sul sentimento della “rivalità fraterna”. Di fronte alla nascita di un fratellino o di una sorellina il primogenito è costretto a riformularsi psicologicamente. Ha perso il ruolo di protagonista e attore unico nel teatro della famiglia e adesso si trova a riadattarsi al nuovo contesto e a instruire le strategie giuste per sopravvivere . Inizia il “sentimento della rivalità fraterna” e in aiuto al malcapitato subentrano i “meccanismi di difesa dell’Io” per sistemare l’aggressività legata alle inevitabili frustrazioni. I “meccanismi di difesa” sono lo “spostamento”, la “rimozione”, la “formazione reattiva”, il “rivolgimento delle pulsioni” contro il Sé, la “regressione”, la “identificazione con il rivale”, l’”isolamento”, la “relazione a distanza”, il “ripiegamento narcisistico”, le “difese mediante fantasie”. Consideriamoli concretamente con esemplificazioni. Lo “spostamento” si attesta nello scaricare l’aggressività su un altro bambino o su un oggetto associato al fratello. La “rimozione” si attesta nel diventare mite e buono e nel reprimere l’aggressività che può esplodere quando meno ci si aspetta. La “formazione reattiva” si attesta nella conversione degli istinti nell’opposto: il bambino troppo bravo e troppo serio per la sua età. L’aggressività viene inibita da una censura molto forte e si attesta nelle inibizioni che lo rendono docile, scrupoloso, remissivo, triste e silenzioso. Il “rivolgimento delle pulsioni” contro il Sé si attesta nell’infliggersi ciò che avrebbero voluto fare ai fratelli rivali. Sono i bambini melanconici, d’umore depresso, sensibili alla colpa, che non si sanno difendere, che si svalutano, che si sentono incapaci, brutti, stupidi e inferiori. La “regressione” si attesta nel tornare indietro e nel fissarsi psicologicamente  a tappe già superate dell’evoluzione degli investimenti della “libido” per l’angoscia di un conflitto ingestibile dall’”Io” del bambino. Si rievoca e si riproduce il desiderio di essere accudito come un neonato. Ecco che il bambino ritorna a fare la pipì a letto, a mangiare pappine, a balbettare, a voler dormire nel lettone con i genitori e altra sintomatologia regressiva. La “identificazione con il rivale” si attesta nell’imitazione del fratello per essere grande se il fratello è minore o per essere piccolo se il fratello è maggiore. Se si tratta di fratello e sorella può avvenire l’identificazione con l’altro sesso. L’”isolamento” rende possibile all’aggressività di non essere esternata proprio evitando il contatto con i corpi. Il fratello si isola entro un cerchio in cui il suo rivale non ha accesso e dove le sue pulsioni aggressive non possono toccarlo. Il “ripiegamento narcisistico” si attesta nella convinzione del bambino di non essere amato dai genitori, per cui, non essendo capace di risolvere il conflitto, si ripiega su se stesso e sospende le relazioni con i suoi familiari. Le “difese mediante fantasie” consistono nell’elaborazione da parte del bambino di un mondo tutto suo, sognando “a occhi aperti” una realtà gratificante per continuare a mantenere relazioni di poco spessore con l’ambito familiare. Il sogno dei bambini è pieno di sentimenti di rivalità fraterna e anche in questo caso il sogno funge da “diagnosi” e da “prognosi” e indica il “rischio psicopatologico” per orientare i genitori verso la tutela dei figli con un comportamento adeguato al fine di evitare reazioni eccessive e degenerazioni. E’ chiaro che il “sentimento della rivalità fraterna” incide moltissimo nella formazione del carattere. E allora è meglio avere soltanto un figlio? No, perché il figlio unico ha i suoi problemi e poi nulla gli vieta d’immaginare un fratello o di spostarlo su altre figure similari. E’ determinante la presenza umana e la sensibilità clinica dei genitori. All’uopo è auspicabile leggere “Ma cosa sognano i bambini?”.

TRA MADRE E PADRE

boating-1251431__180

“Michele sogna di essere in canoa nel Gran Canyon.

Dopo si trova in albergo a fare le valige per tornare a casa.

Cammina lungo la piscina e viene morso alla caviglia da un cobra.

Il padre lo porta in ospedale dove viene curato.”

 

Michele riattraversa in poche e precise battute oniriche la sua “posizione edipica”, la sua relazione con il padre e con la madre: potenza di sintesi chiarificatrice del sogno! Questo riepilogo, di solito, avviene nel periodo contrastato dell’adolescenza, quando la liquidazione psichica delle figure genitoriali è ancora in fase evolutiva e il traguardo dell’autonomia è ricco di contrasti.

Andiamo a cambiare il codice al sogno di Michele: dal “contenuto manifesto” al “contenuto latente”.

La “canoa” rappresenta l’universo femminile rafforzata anche dall’acqua del fiume Colorado nell’Arizona settentrionale in cui Michele si trova. Ecco come il sogno serve la figura materna tra una canoa e l’acqua di un fiume! L’acqua rievoca il liquido amniotico del grembo materno in cui si forma la vita. L’acqua è il principio del “Tutto” secondo il primo filosofo, Talete.

La scena onirica si sposta “in albergo a fare le valige”: la valigia è un grembo materno, un simbolo ontogenetico di recettività femminile, l’archetipo “Madre”, finalizzata alla “filogenesi”, amore della Specie.

Michele deve fare le valige per “tornare a casa”, riappropriarsi della propria struttura psichica e della propria autonomia. La “casa” è il simbolo dell’organizzazione caratteriale, della “formazione reattiva” altrimenti definita carattere. La tensione di Michele è intenzionata alla conquista della propria indipendenza psichica.

I simboli materni non si fermano qui perché subentra “la piscina” lungo la quale Michele cammina.Nel riattraversare la figura materna Michele incontra il padre e ne sperimenta il rigore: la “castrazione” edipica è servita nel morso del cobra alla caviglia. Michele si imbatte nella furia paterna per aver tanto osato nei confronti della madre e automaticamente espia la colpa del suo desiderio di possesso: questo è il vero significato della “castrazione”. Il “cobra” è chiaramente un simbolo fallico e riguarda la sfera sessuale del padre e del figlio, l’identificazione al maschile nel padre e l’identità maschile del figlio. Il serpente condensa anche la colpa e il sapere di sé, la colpa e l’autonomia psichica. Il serpente tentò l’ingenua Eva nel giardino di Eden promettendogli proprio la fine della dipendenza e la consapevolezza di sé.

Perché il cobra morde Michele alla “caviglia”? Perché la caviglia è il simbolo del progresso evolutivo e questo tratto psichico è rappresentato dall’organo debole di Michele in questo momento della sua vita. Si pensi a Omero e all’Iliade, si pensi ad Achille, l’eroe vulnerabile soltanto nel tallone, la parte del corpo rimasta fuori dall’immersione nelle acque della palude Stige, invulnerabilità voluta dalla madre Tetide. Correva il secolo ottavo “ante Cristum natum” e i Greci allucinavano la loro “fantasia collettiva” elaborando miti o “sogni a occhi aperti”. Ritornando alla caviglia di Michele, è opportuno precisare che tutti abbiamo almeno un organo debole, quello che abbiamo vissuto in maniera sofferta e contrastata o per malattia o per “scissione”, la “parte negativa” del corrispondente fantasma.

Convergiamo sul sogno di Michele. “Il padre lo porta in ospedale dove viene curato.” Ecco puntuale l’epilogo giusto: il padre, che prima era stato condensato parzialmente nel “cobra”, adesso esce allo scoperto e soccorre il figlio. Diciamo meglio: il figlio si fa soccorrere dal padre stringendo alleanza con il nemico di prima e procedendo, nonostante la caviglia avvelenata dal cobra, verso la liquidazione della posizione edipica identificandosi nelle parti migliori della figura paterna e acquisendo l’identità maschile. L’adolescenza di Michele è in attesa di riconoscere il padre e la madre, il giusto epilogo del travaglio edipico.

La prognosi impone a Michele di proseguire il suo cammino verso l’autonomia psichica e di ridurre le turbolenze psicofisiche evolutive, classiche dell’adolescenza, semplicemente accettandole con il fascino del nuovo che avanza.

Il rischio psicopatologico si attesta nel blocco clinico dell’emancipazione edipica e nelle conseguenti psiconevrosi con somatizzazioni e nell’insicurezza ingiustificata assunta come compagna del viaggio esistenziale.

Riflessioni metodologiche:il sogno di Michele e la presenza del “cobra” induce a parlare della liceità e della bontà dell’esposizione della nudità dei genitori ai figli. Freud raccontò, in latino per uno strano pudore, la visione traumatica della madre nuda: “vidi matrem nudam”. In nome di un forzato senso della modernità sin dagli anni settanta i nuovi genitori hanno esteso, sulla scia della contestazione giovanile del ’68 e delle opere sociologiche di Marcuse e della scuola di Francoforte, la liberalizzazione sessuale anche in ambito familiare e in giusta opposizione al bieco moralismo culturale e religioso del recente passato. Era anche il tempo del progresso economico e dell’emancipazione femminile. L’innovazione dell’istituto familiare è proceduta in maniera oscillante, tra eccessi e carenze, tra nuovi schemi e antiche  nostalgie. La famiglia borghese soppiantava la famiglia patriarcale, ma portava i suoi pregi e i suoi difetti, come avviene in tutte le umane cose. Tra i punti labili si colgono alcune forzature nell’ambito psicologico. Se l’emancipazione sessuale e la questione femminile sono da sposare in blocco insieme all’educazione sessuale, l’esibizione del corpo in maniera gratuita ha procurato più guasti che vantaggi, dal momento che non è stato ben individuato se la nudità dei genitori fosse un problema dei genitori o un’esigenza psichica evolutiva dei figli. Specialmente durante il tormentato periodo edipico, la nudità dei genitori accentua i tormenti del desiderio psichico e fisico di possesso e favorisce l’incidenza del “fantasma di castrazione”. La bambina vive la sua diversità rispetto al maschietto e quest’ultimo vive la sua inferiorità rispetto al padre. Le implicazioni psichiche profonde sono tante e notevoli e non si riducono a quelle più semplici che ho in precedenza elencato, ma la prognosi vuole che la nudità dei genitori sia esibita con giudizio e con le giuste cautele e senza compiacimenti, in attesa che il senso del pudore e l’amor proprio si insinuino nei figli adolescenti. Domanda: quanto è bisogno dei figli vedere i genitori nudi? Quanto è bisogno dei genitori mostrarsi nudi? Spesso i bambini chiedono alla mamma di mostrare la sua intimità agendo direttamente le loro pulsioni edipiche. L’adolescente si chiede perché la sessualità non è materia di educazione familiare. Al fine di evitare conflitti nevrotici e ritardi nella risoluzione edipica, è auspicabile per i genitori riacquistare il giusto pudore maturato nell’adolescenza; il tutto anche al fine di evitare la presenza velenosa del “cobra” nel corredo dei fantasmi dei loro figli. In conclusione, consiglio la lettura del testo di Herbert Marcuse “Eros e civiltà”, un insegnamento ancora attuale e tanto utile.

EMPATIA E SIMPATIA “ANCH’IO SONO MADRE”

woman-1006100__180

“Miky sogna la proprietaria del suo bar, seduta sui gradini fuori che piangeva perché era stanca e perché non aveva tempo per sé.

Miky prova molto dolore nel vedere la sua sofferenza e piange con lei.

I gradini erano tre.”

“Miky sogna di parlare con la madre di una ragazza che conosce e che è vissuta con lei e di cui conosceva i problemi.

La madre è gentile con lei e le dà ragione.

Miky, allora, si chiede perché fino a quando la figlia era con lei, la odiava e, ora che si è rotto tutto, ragiona cordialmente. Si sveglia in lacrime.”

 

I sogni sono anche semplici descrizioni di quel che si vive e di quel che è successo nel giorno precedente e si sviluppano non necessariamente con colossali simbologie e non si raccontano con enfasi retorica. Quest’ultima caratteristica appartiene al sistema difensivo della persona che sogna e non al sogno. Quest’ultimo è di per se stesso complicato nei suoi meccanismi e nelle sue difese, ma spartano nel contenuto perché la gran parte non viene ricordata e quindi viene irrimediabilmente perduta. Ma perché il sogno a volte viene composto come una piccola “divina commedia” o come una breve  “odissea”? Si mettono in atto da svegli le difese dall’angoscia di essere dominati dal sogno durante il sonno e il bisogno di dominare il sogno: un problema di eccessiva vigilanza finalizzata a tenere sotto controllo il proprio materiale psichico traumatico che urge dal profondo e che vuole vedere la luce. La “logorrea” nel sistemare un sogno attesta di una struttura psichica particolarmente angosciata che si cura da sé con il tanto parlare senza chiedersi se l’altro lo segue o è interessato al suo dire.

Il sogno di Miky è il classico esempio di semplicità nella forma e di linearità nel contenuto, ha la sua bella psicodinamica madre-figlia e i suoi giusti meccanismi di difesa. Il sogno di Miky è profondo nel tema evocato e si può sintetizzare in questo modo: “empatia e simpatia”, “sono madre anch’io”, “identità al femminile completata e riconoscimento della madre portato a buon fine”.

Non è decisamente poco e allora avanti con la decodificazione!

Miky condensa nella proprietaria del bar la figura materna e la sua condizione di madre, collocandosi nello stesso tempo come figlia e come madre. Tratta il classico tema della madre stanca e addolorata perché si sente sacrificata  per il benessere dei figli e della famiglia, oltretutto senza essere riconosciuta nel suo ingrato e umile ruolo: il classico tema della donna che ha abdicato al suo benessere e al suo successo per i figli.

Chi non ricorda le lamentele della mamma e le litanie intese a colpevolizzare i figli? “Dopo tutto quello che fatto per te, tu mi ripaghi in questo modo” recita una diffusa lagna dell’augusta genitrice non riconosciuta e non abbastanza amata. Ma c’è di più! Spesso ricorre alla formula della sua frustrazione “tu mi farai morire”, una formula tremenda che lascia strascichi profondi nel tratto paranoico e depressivo dei figli. Le mamme tendono a colpevolizzare i figli e specialmente le figlie, perché con il maschio hanno un vissuto diverso e spesso stabiliscono una relazione edipica all’incontrario.

“Miky prova molto dolore nel vedere la sua sofferenza e piange con lei.”

Il processo d’identificazione nella madre e d’identità al femminile, insieme alla soluzione della pendenza edipica, in Miky  è definito e compiuto. Guarda caso, i gradini erano tre: io, lui e lei. Il numero “tre” condensa la posizione edipica e la famiglia. La simbologia del “pianto” è catartica e rafforza il ruolo acquisito: le lacrime sono parole liquide che liberano il “non nato di sé” ossia quello che si sente dentro e non trova espressione. La prima realtà del “non nato di sé” è l’emozione, di poi la lacrima che si tradurrà in parola. Il “dolore per il “non nato di sé” attesta il meccanismo psichico della “empatia” e della “simpatia, vissuti complessi fatti di senso e sentimento che si possono definire processi.

E’ opportuno soffermarci su questi fenomeni psichici perché ci riguardano quotidianamente. La “empatia” significa letteralmente “dentro l’emozione o il sentimento”o meglio “dentro il senso e il sentimento”. Trattasi della capacità d’immedesimarsi in un’altra persona fino a coglierne, più che i pensieri, gli stati d’animo, i movimenti del senso e del sentimento. Si tratta di un processo d’immedesimazione e di “proiezione” in cui si conserva la coscienza della propria identità. Freud tratta l’”empatia” come una forma psichica che dall’identificazione giunge all’immedesimazione passando per l’imitazione, un meccanismo mediante il quale è possibile partecipare le sensazioni, i sentimenti e le emozioni, il “pathos” di un’altra vita psichica. Fin qui l’empatia!

La “simpatia” si traduce letteralmente “un sentimento e un senso vissuti insieme”, “una sensazione vissuta insieme”, “una partecipazione a uno stato affettivo” che denota un’affinità tra persone e una  comunicazione nel “sentire” sensazioni e sentimenti. In filosofia gli Stoici, (Grecia e quarto secolo “ante Cristum natum”) avevano bellamente esteso questo circuito psichico a tutte le parti dell’universo, un’attrazione magnetica che governava la realtà vivente, uomini compresi. Questo riferimento serve a capire come e quanto la sapienza di oggi è antica.

Tornando al sogno, possiamo affermare che Miky si è immedesimata nella madre perché si è identificata in lei, completando il tormentato viaggio edipico e rafforzando la sua identità femminile. Di poi, la maternità ha portato Miky alla parità dell’esperienza e del vissuto, anche se la madre deve restare una figura carismatica nel bene e nel male e non una semplice figura. Eppure Miky è vissuta con lei e ne ha conosciuto i disagi e le sofferenze, oltre che i pregi e le virtù, ma non l’ha mai colta in questa dimensione umanamente solidale: “Miky sogna di parlare con la madre di una ragazza che conosce e che è vissuta con lei e di cui conosceva i problemi.”

Nel secondo sogno esprime il suo conflitto con la madre legato alla sua visione della madre sofferente nell’accudire i figli e alla sua incapacità di poterla aiutare. La maternità si capisce con la maternità a tre livelli:  fisiologico, psichico e culturale. Il livello fisiologico si attesta nel travaglio, nel parto e nella fatica dello svezzamento e dell’educazione. Il livello psichico si attesta nello sforzo di capire e di alleviare e nella gioia di capire e di alleviare. Il livello culturale si attesta nel ruolo che alla madre viene riservato dalla società in cui vive.

Tornando al sogno di Miky si vede come il rapporto conflittuale con la madre si evolve nel rapporto di “empatia” e “simpatia”: anche Miky piange liberando il passato conflittuale. Le lacrime sono acqua che pulisce i sensi di colpa e libera nuovo benessere.

“La madre è gentile con lei e le dà ragione. Miky, allora, si chiede perché fino a quando la figlia era con lei, la odiava e, ora che si è rotto tutto, ragiona cordialmente. Si sveglia in lacrime.”

“La odiava” conferma un sentimento edipico universale o meglio costante in tutti quelli che hanno bisogno di vivere un padre e una madre: le radici.

“Ora che si è rotto tutto” offre il senso traumatico del distacco, il passaggio dalla dipendenza all’autonomia.  Che termini forti e veri, ragazzi!

La prognosi impone a Miky di allargare la “empatia” e la “simpatia” nei confronti della madre e di prendersi cura di lei quando il tempo sarà severo.

Il rischio psicopatologico si attesta nel senso di colpa in riguardo ai sentimenti negativi verso la figura materna con struggimento per la mancata comprensione di quel tempo in cui era figlia adolescente. Il logorio ossessivo consegue e contribuisce a far cadere la qualità della vita: una psiconevrosi.

Riflessioni metodologiche: la questione che si pone con il sogno di Miky è  come si deve giostrare una mamma nell’accudire se stessa e i figli. La prima condizione è non vivere i figli come limiti ma come variazioni evolutive. In questo modo si riduce la carica aggressiva già implicita nella gravidanza e nel parto. I figli variano la qualità della libertà. Di poi, la mamma non deve assolutamente smarrire l’amor proprio e l’autostima. Deve considerare adeguatamente la sua evoluzione psicofisica nella maternità e farne un fiore all’occhiello della sua natura femminile. La mamma non deve proiettare sui figli i propri vissuti in riguardo ai suoi genitori. Dei suoi vissuti deve mettere in atto quelli positivi e accantonare quelli negativi. La frustrazione materna nasconde altri disagi e quindi è opportuno rivolgersi alla loro soluzione.

Una buona mamma ha tempo per sé e per il servizio amoroso dei figli specialmente se è affiancata da un uomo degno di lei.

 

BETTINA … TRA MAMMA E PAPA’

asphalt-315756__180
“Bettina sogna di trovarsi in macchina con suo padre, sua figlia e suo nipote, ma non li vede in viso. E’ seduta dietro, al volante c’è suo padre. La strada è lunghissima ed è un susseguirsi di dossi che a volte le impediscono di vedere la strada. Bettina segue con gli occhi la strada quando sale e quando scende.

Percorrono un bel po’ di strada, ma Bettina non sa dove stanno  andando.

A un certo punto si trova in una stanza con sua madre e guardano alla “tv”  quel percorso come fosse un “videogame”. Non vedono la macchina del  padre, ma soltanto ciò che accade davanti.

A questo punto la strada comincia a cedere e si formano dei buchi sull’asfalto. Bettina vede un uomo caduto dentro un buco, ma senza auto; un soccorritore lo aiuta e nel frattempo urla a sua madre che non riesce a capire se la macchina dietro a quell’uomo caduta nel buco è quella del padre :”ma non hai capito che la macchina che sta arrivando in quel posto è quella di papà con G. e M. a bordo?!!!!’

Bettina è agitata e si porta le mani alla bocca. E’ sconvolta, ma non ricorda quale espressione avesse sua madre.

A un certo punto si forma una voragine sulla strada. Prima di vedere chi fosse caduto dentro, ha preso il viso di sua madre e l’ha girato perché non voleva che vedesse la scena. Un istante dopo, girandosi a sinistra con il volto, guarda la “tv” e l’inquadratura fa vedere chi è caduto dentro. Bettina vede soltanto il volto di sua madre, praticamente già inghiottita dall’asfalto, con un po’ di rosso in viso e sembra impassibile mentre viene ricoperta dall’asfalto molto velocemente. Bettina urla mentre continua a tenere il viso della madre voltato verso la sua destra. Nel frattempo i soccorritori con le mani cercano di togliere a piena forza e velocemente l’asfalto che ormai l’ha interamente coperta. Bettina a questo punto si sveglia.”

Bettina visita in sogno la madre e il padre o meglio le sue “introiezioni” delle figure genitoriali, i fantasmi in riguardo alla mamma e al papà, i tratti psichici con cui ha incastonato i genitori dentro di lei.

Il sogno esordisce con tre generazioni dentro la “macchina”, il sistema procreativo: padre, Bettina, figlia e nipote. Indiscutibilmente si esibisce un  culto religioso della famiglia, un valore psichico e sociale veramente nobile.  Pur tuttavia Bettina “è seduta dietro” e“non li vede in viso”: Bettina non si è sentita particolarmente importante e valutata nella sua famiglia e non ha avuto piena consapevolezza della realtà psichica in atto man mano che la viveva: Bettina sa che c’è, ma non è particolarmente coinvolta. Riconosce il padre come figura importante della famiglia, “al volante”. La sua vita in famiglia è stata varia con alti e bassi psichici, con coinvolgimenti più o meno coscienti, con umori diversi e con una visione mentale non sempre lucida: “Bettina segue con gli occhi la strada quando sale e quando scende”,

“un susseguirsi di dossi che a volte le impediscono di vedere la strada”.

L’infanzia e l’adolescenza trascorrono insieme al padre che guida la famiglia, ma non dà quella sicurezza e quella chiarezza di cui Bettina ha bisogno:

“percorrono un bel po’ di strada, ma Bettina non sa dove stanno  andando.”

Bettina mostra un’introiezione ambivalente della figura paterna: riconosce il padre come guida, ma non lo ritiene autorevole e rassicurante.

Cambia la scena del sogno e Bettina visita la madre o meglio il modo in cui ha vissuto la madre e l’ha messa dentro: “si trova in una stanza con sua madre”.  La “televisione” e il “videogame” rappresentano una mediazione della tensione nervosa legata alla modalità psichica con cui ha vissuto la madre, così come il “non vedere la macchina del padre” rappresenta una difesa dal sentirsi coinvolta emotivamente nella dinamica familiare e anche  un mancato riconoscimento della funzione paterna rispetto alla figura della madre. Il sogno è particolarmente angosciante e la censura opera i giusti accorgimenti per far continuare a dormire Bettina.

A questo punto l’angoscia in riguardo alla figura paterna si manifesta nella sua interezza. Bettina teme che il padre possa cadere dentro la crepa aperta sull’asfalto della strada e che ci vadano dentro anche la figlia e il nipote. Si profila in Bettina tutta l’angoscia di perdita in riguardo al suo ruolo di figlia e in riguardo al suo ruolo di madre.

I “buchi nell’asfalto” della strada rappresentano i rischi nel cammino della vita, i momenti di crisi e di conflitto vissuti nell’ambito familiare nel corso della sua evoluzione psichica. Bettina rievoca nel sogno la conflittualità con cui ha vissuto i genitori e accusa l’angoscia della perdita del padre, oltre che della figlia.

Ci sono dei soccorritori, figure gratificanti e provvide, ma Bettina teme il peggio e invoca la madre ignara del pericolo incombente. Bettina è cresciuta con l’angoscia della perdita affettiva del padre e non ha trovato nella madre la consolazione che cercava e di cui aveva bisogno:” ma non hai capito che la macchina che sta arrivando”, “non ricorda quale espressione avesse sua madre”.

La simbologia di “cadere” in “una voragine” rievoca un fantasma di perdita affettiva e quindi il sogno di Bettina è dentro questa dimensione depressiva: angoscia legata alla possibile perdita del padre.

Ma, in effetti, la scena successiva dimostra che la madre è coinvolta nella proiezione aggressiva di Bettina: “Bettina vede soltanto il volto di sua madre, praticamente già inghiottita dall’asfalto, con un po’ di rosso in viso e sembra impassibile mentre viene ricoperta dall’asfalto molto velocemente.” Bettina manifesta tutta la sua aggressività nei confronti della madre seppellendola nell’asfalto. A nulla valgono i soccorsi, le giustificazioni per assolvere la figura materna nel suo ingrato e complicato ruolo, alla fine prevale l’aggressività: “velocemente l’asfalto che ormai l’ha interamente coperta.”

Il sogno di Bettina attesta i vissuti nei riguardi dei suoi genitori. Verso il padre vive l’angoscia di perdita, verso la madre vive l’aggressività. Questi sono i fantasmi dominanti del sogno di Bettina offerti in una cornice discorsiva con la presenza di alcuni simboli dominanti.

La prognosi impone a Bettina di mettere a posto le figure dei genitori dentro di lei e di portare a soluzione la posizione edipica riconoscendo i ruoli imposti dall’economia psichica della coppia e della famiglia. Se la madre è stata vissuta in maniera autoritaria e prepotente è anche perché il padre ha delegato e ha lasciato vuoto lo spazio che necessariamente la madre doveva beneficamente occupare nell’accudire i figli. Il solito discorso dei sociologi: dove c’è un vuoto di potere, qualcuno lo deve occupare. E’ necessario che Bettina si identifichi nelle parti migliori della madre per avere una sicurezza in se stessa e nella sua figura di madre. Il padre lo può anche lasciare nella tenerezza protettiva con cui lo ha avvolto. Ribadisco: curi la sua identità psichica, identificandosi nel meglio della madre.

Il rischio psicopatologico si attesta in un conflitto d’identità nel suo essere  figlia e nel suo essere madre, una psiconevrosi isterica con somatizzazioni qualora la tensione nervosa accumulata non viene scaricata per i giusti  canali. Sono, inoltre, possibili difficoltà affettive e relazionali per eccesso di autonomia o di dipendenza. Una via di mezzo è auspicabile.

Riflessioni metodologiche: il mio metodo di decodificare i sogni. Alla luce del buon gradimento avuto dal mio “blog” in segno di ringraziamento spiego come opero sin dal momento in cui ricevo un sogno. Lo leggo e lo lascio ristagnare una notte nella memoria. Di solito intuisco di notte la profondità e i significati nascosti e le psicodinamiche sottili. Di poi vomito sulla tastiera la prima vendemmia dei dati ricorrendo alla memoria della mia pratica clinica. Lascio decantare quello che ho volgarmente depositato. Dopo due giorni passo alla pulizia dei dati buttati giù in modo isterico e li elaboro in maniera accurata controllando la correttezza dei simboli con il mio personale “dizionario dei simboli onirici” che conta quasi trentamila voci. Alla fine del quarto giorno passo alla limatura estetica dell’eloquio e alla duttilità del dire le peggiori verità. In tutto questo trambusto mi sento mentalmente vivo e affettivamente appagato. Prossimamente pubblicherò la mia teoria sul sogno, un discorso più tecnico e meno discorsivo delle interpretazioni, ma la spiegherò in maniera democratica ossia accessibile anche agli appassionati e ai cosiddetti non addetti ai lavori. Intanto grazie a tutti quelli, meglio quelle, che hanno dimostrato interesse e partecipazione.

 

LE TRE SCIMMIETTE E LO SCIMPANZE’

chimpanzee-898756__180 (1)

“Betty sogna di trovarsi in collina su una strada sterrata che non vede. Ci sono molte persone che non conosce e che non vede. La colpisce il fatto che sia una bellissima e splendente giornata primaverile, l’erba è di un verde brillante riflessa dal sole e c’è qua e là qualche tarassaco giallo. C’è chi passeggia e chi è seduto lungo la strada. Betty non sa se sta camminando o è ferma, ma è in pace e serena.

C’è qualcuno che Betty non vede e non sente, ma sa che ha detto che ci si doveva spostare dalla strada per l’arrivo di un uomo. Così tutti quanti sorridenti e gioiosi si apprestano a sedersi lungo la parte destra della strada e sono tutti molto vicini.

Una bella signora sorridente e riccia che non conosce, la invita a prendere posto vicino a lei tra l’erba verde, abbastanza alta e sotto un filare di viti. Betty si siede, guarda di fronte a lei e da in fondo alla collina, ma non molto distante, sta salendo verso di loro uno scimpanzé eretto sulle due zampe posteriori e cammina come un uomo. Betty ha un primo piano del suo muso.

Inizialmente Betty pensa che deve aver paura e scappare, invece decide di non averne, di tranquillizzarsi, di aspettare osservandolo mentre avanza per capire se è buono o cattivo. A questo punto si sveglia.”

Il problema che il sogno di Betty offre immediatamente è il seguente: “non vede”, “non conosce”, “non so”. Le tre scimmiette di Betty sono il “non vedere”, il “non conoscere”, il “non sapere”. Chi meglio del siciliano sottoscritto poteva analizzare la sindrome mafiosa delle tre scimmiette? Parto subito con l’analisi delle simbologie al positivo e poi le volgerò al negativo.

Il “vedere” condensa la razionalità e l’esercizio logico-consequenziale, il principio di realtà e lo spirito critico, il collegamento tra interno ed esterno, la consapevolezza e le funzioni dell’Io. Il “vedere” è collegato strettamente al “sapere”.

Il “conoscere” condensa il processo di acquisizione e di sistemazione delle esperienze in un sistema organizzato di cui usufruire nel quotidiano vivere e soprattutto nel quotidiano relazionarsi. Il “conoscere” è collegato strettamente alla “cultura” intesa come apprendimento di schemi che permettono di capire la realtà e di agire in essa.

Il “sapere” condensa il gusto di sé, la soddisfazione di avere il sapore di se stessi e del patrimonio psichico acquisito, esprime la concretezza fisiologica del senso e del gusto, la consapevolezza dell’autostima e dell’amor proprio. Il “sapere” è collegato al “vedere” e al “conoscere” perché non esiste conoscenza che non si traduca correttamente nel gusto e nel senso di sé, piacevoli o dolorosi che siano.

Fin qui le interpretazioni al positivo. Convertiamole al negativo per il caso di Betty.

Betty non vive la consapevolezza di sé, non usa le sue conoscenze, non gusta se stessa. “Io non so se sto camminando o sono ferma, ma sono in pace e serena.” Eppure, la sua vita scorre in una realtà personale e sociale gratificante se guardiamo la coreografia in cui Betty è inserita e in cui la psicodinamica si svolge: “una bellissima e splendente giornata primaverile, l’erba è di un verde brillante riflessa dal sole e c’è qua e là qualche tarassaco giallo. C’è chi passeggia e chi è seduto lungo la strada.”

Betty ha detto all’inizio “di trovarsi in collina su una strada sterrata che non vede”.

La sua realtà psichica in atto è particolarmente difficile, ma è compensata da una forte sensibilità estetica, “tarassaco giallo”, e da una vita sociale gratificante,”chi passeggia e chi è seduto”.  Aggiunge anche: “Io non so se sto camminando o sono ferma, ma sono in pace e serena.” Betty si lascia vivere dalla vita e con una sapienza orientale preferisce la “atarassia”, assenza di affanni, all’ambizione e all’arroganza della consapevolezza di sé. Anche in questo caso non sa, non ha sapore di sé.

Le difese dal coinvolgimento emotivo e affettivo continuano a presentarsi ed ecco che il sogno si dirige verso il disvelamento della verità, quello che c’è sotto il velo difensivo dell’apparenza.

“C’è qualcuno che Betty non vede e non sente, ma sa che ha detto”: continua a non vedere e a non sentire, a sentirsi vivere e a non vivere, ma sa che  qualcuno ha detto. Chi è questo qualcuno? Si tratta di una persona direttiva e affidabile, una figura carismatica e importante nell’evoluzione psichica di Betty, una figura genitoriale. E tutti ubbidiscono volentieri: i figli che seguono i consigli della mamma o del papà. Sta per arrivare un uomo e “così tutti quanti sorridenti e gioiosi si apprestano a sedersi lungo la parte destra della strada e sono tutti molto vicini.” La parte destra della strada attesta di un qualcosa di razionale e progettuale, qualcosa di organizzato e comprensibile che s’innesta nel futuro, una presa di coscienza da fare perché quasi necessaria: “sorridenti e gioiosi”. La solidarietà non manca nell’essere “tutti molto vicini”: un quadro familiare.

Si tratta di una famiglia, la famiglia di Betty che aspetta un uomo che dovrebbe essere il padre.

Procediamo nel chiarimento dell’arcano.

“Una bella signora sorridente e riccia che non conosco” rappresenta l’alleato affettivo che consente il prosieguo del sogno e del sonno, ma anche una figura femminile gradevole e ideale, una figura solare e rassicurante per una Betty crepuscolare che non conosce, non sente e non sa: un surrogato della figura materna.

A questo punto tutti sono pronti a vedere l’uomo del mistero: “uno scimpanzé eretto sulle due zampe posteriori e cammina come un uomo”. Razionalmente è una delusione, emotivamente è un colpo gobbo, uno scherzo da prete, un inganno del potere. Si aspettava un piccolo dio e compare una scimmia.

Quest’ultima è la vergogna dell’uomo, “qualcosa che fa ridere oppure suscita un doloroso senso di vergogna”, secondo Nietzsche. La scimmia è l’antenato biologico dell’uomo, secondo le teorie evoluzionistiche di Darwin e, per la precisione, un “gradino inferiore rispetto all’uomo”. Simbolicamente la “scimmia” rappresenta il sistema neurovegetativo, la parte animale e istintiva, la pulsione e la caduta della ragione: un uomo inferiore, un uomo inteso come istinto e pulsione o come “forza lavoro”. Betty “ha un primo piano del suo muso”: muso, non viso, a testimoniare la valenza animale dell’olfatto e del gusto che Betty giustamente dà allo scimpanzé.

La scimmia, essendo ai limiti della parte razionale e della coscienza, sembra essere come Betty che “non sa”, “non conosce”, “non vede”, che si lascia vivere, ma può essere anche la figura paterna vissuta dalla bambina e in seguito offerta dalla madre come la figura di un uomo che lavora e che non è  valutato a livello psicoaffettivo. Della serie: “bambini fate i bravi, adesso arriva il papà che è stanco perché ha lavorato tanto” e non invece  “battiam battiam le mani che arriva il vostro caro papà”. Il sogno risolve decisamente il dubbio: non si tratta della parte neurovegetativa di Betty, ma della figura paterna semplicemente perché Betty dice” per capire se era buono o cattivo”. Betty inconsapevolmente usa il meccanismo di difesa dall’angoscia classico dei bambini, lo “splitting”, la scissione del “fantasma del padre” in buono e cattivo  che consegue al “fantasma della madre” elaborato e scisso sin dai primi mesi di vita in parte buona e parte cattiva. Il sogno rievoca la primissima infanzia, quando Betty si approcciava al padre e si apprestava a sentirlo come presenza affettiva e protettiva. E’ sorprendente e meraviglioso come nel nostro “profondo” tutto si conserva e il sogno lo tira fuori a modo suo e al momento opportuno dietro lo stimolo giusto.

Il sogno di Betty rievoca una bambina che si affida alla figura materna e che si accosta al padre con cautela vivendolo in primo luogo come una figura neurovegetativa e non affettiva, istintiva e non razionale, colui che con il suo lavoro ci dà da mangiare. La bimba non ha avuto confidenza con il padre e si è costretta a tenerlo ai margini della sua affettività legandosi in silenzio e temendolo sempre in silenzio, una bambina che non si è saputa districare tra una madre ingombrante e direttiva e un padre minimizzato e ridotto al suo essere vivente. E’ consequenziale che questa situazione psichica e relazionale ha impedito a Betty la corretta evoluzione della posizione edipica. Lascia ben sperare in una riappropriazione progressiva dell’alienato e in una ripresa psichica di Betty il “doveva aver paura” e il “decide di non averla”, la volitività del fare e la volontà di affermazione, al di là delle titubanze e delle attese.

La prognosi impone a Betty di recuperare la sua autoconsapevolezza e la sua sicurezza riconoscendo le figure genitoriali, non soltanto come si sono manifestate, ma anche come le emergenze di allora le hanno offerte. Betty si è evoluta con la figura incompleta del padre e con la figura “XXL” della madre. Lo spazio occupato dalla madre è indotto anche da circostanze storiche e culturali che hanno contraddistinto la famiglia borghese al suo primo formarsi. Di poi, quando anche la madre è andata al servizio del sistema produttivo emancipandosi, la famiglia ha conosciuto problematiche di grande spessore e conflitti di sottile qualità.

Il rischio psicopatologico si attesta nel persistere della disistima e  nell’evitare il coinvolgimento affettivo. Inoltre il rischio comporta la caduta della qualità della vita e delle relazioni affettive secondo una deleteria filosofia della modestia e dell’accontentarsi. E’ da dire che conseguirebbe un’infausta sindrome depressiva.

Riflessioni metodologiche: ancora a proposito della teoria sul sogno si può definire quest’ultimo “resto notturno”. In base a quanto ho affermato   nell’interpretazione del sogno di Gregorio, titolato “il travaglio della rinascita”, e nello specifico sul dato di fatto che i sogni al risveglio passano dal parrucchiere per essere acconciati e sul dato di fatto che è quasi impossibile avere il prodotto onirico nella sua integrità e purezza, aggiungo che il sogno si può definire “resto notturno”. In base a questa riflessione si possono anche  analizzare le fantasticherie e le fantasie da svegli elaborate. Freud aveva attribuito la causa del sogno ai “resti diurni”, agli stimoli del giorno precedente non adeguatamente indagati che agganciano materiale psichico rimosso ed elaborano di notte il sogno. Alla luce di quanto risulta su quello che ricordiamo nelle fasi R.E.M. del sonno, quando il sogno si elabora e prende consistenza perché nelle fasi NON R.E.M. non si sogna perché è labile la  memoria, si può definire il sogno “resto notturno” con due finalità importanti. La prima consente di analizzare i prodotti psichici elaborati nella veglia come le fantasticherie e le fantasie e le opere artistiche e culturali come la pubblicità e come altre espressioni del polivalente animale vivente chiamato uomo. La seconda consente d’interpretare i sintomi delle problematiche psichiche come le psiconevrosi e le psicosi e le fenomenologie dei disturbi psicosomatici e di tutto quell’altro che rientra nella fenomenologia dello strano animale chiamato uomo e che lo contraddistingue dalla scimmia, per restare in tema con il sogno di Betty. In sintesi: il sogno è un resto notturno e si possono decodificare i prodotti psichici e culturali.