CANTO DELL’AMORE PACATO

CANTO DELL’AMORE PACATO

in ricordo di Ilse Weber

Io senza te,

io non riesco a immaginarmi senza te,

ninna nanna, ninna nanna,

riposa bambino, riposa bambina,

numi numi, piccola mia,

numi numi, piccolo mio,

senza te è come morire,

come pensare di aver perso anche me,

gam qam chi elech,

chi atta immadi,

il papà ritornerà quando riappare la luna

e ti porterà un regalo,

ora la terra è silenziosa,

non un rumore nel tuo sonno,

perché io senza te sono una donna inutile,

una donna senza un perché,

io senza di te sono una mamma senza parole,

hemma hemma inahamuni,

gam gam gam chi elech,

calma e dolce è questa quiete,

perché io senza te sono una fiamma

che non scalda e non dà luce,

ninna nanna, ninna nanna,

riposa, riposa, numi numi,

io senza te sono una barca senza mare,

bebebe zalmavet

lo lo lo ira va,

perché io senza te rinnego l’amore,

uccido la vita mentre vivo

e canto il dolore quando soffro,

seivteha unishantezza

hemma hemma inahamuni,

immancabilmente la tristezza viene in cerca di me

e abita con me

e io ho paura di vivere senza te,

ninna nanna,

riposa, riposa,

numi numi,

ora la terra è silenziosa

e anche se andassi nella valle della profonda ombra,

non temerei male alcuno

perché tu sei sempre con me,

perché tu sei il mio appoggio,

il posto più sicuro per me

dove far riposare il mio capo stanco,

numi numi

gam qam chielech,

al tuo cospetto io mi sento tranquilla

e per certo dimorerò nella tua casa

per la lunghezza dei miei giorni,

chi atta immadi,

hemma hemma inahamuni.

Ah, che bei giorni!

I ricordi mi fanno sentire meno sola.

Ho tanta voglia,

tanta voglia di avervi con me,

le mie mani hanno bisogno di voi.

Ma oggi sono triste,

non ha niente da darmi la vita così com’è.

Eppure la vita esiste,

ma io ho paura di vivere senza te.

Gam qam chi elech,

chi atta immadi,

hemma hemma inahamuni.

Il giorno 27 del mese di gennaio, nell’anno 2020,

in Pieve di Soligo,

Salvatore Vallone pose per le mamme e i bambini ebrei e rom

che si avviarono cantando verso le camere a gas dei vili Nazisti

per iniziare il sonno dei Giusti e il sogno degli Innocenti.