CURA UT VALEAS, TIRESIA!

Sabina,

vorrei che tu, Andrea e io

fossimo presi per incantamento

e su di un peschereccio snello e leggero

andare dove piace

e dove porta il vento.

Porto Empedocle è lontano ormai.

La guerra dei fascisti è finita

e la bicicletta Montante è arrugginita.

Tutti sono tornati a casa

e tu sei partito per Roma

senza la valigia di cartone

e con tanti copioni in testa,

con il linguaggio curioso ro picciriddru babbu

e con la lingua del soldatino italiano.

E così sei diventato grande,

o Andrea!

E adesso che niente ti manca

e sei cieco come Tiresia

tu,

tu sogni una piazza,

la tua fottuta gente,

tanta gente a cui racconti i cunti,

i tuoi racconti,

li cunti ri li cunti pi li picciriddri.

Di poi,

passata l’estasi delle parole,

girerai tra i presenti con la coppola in mano

a ritirare l’obolo degli onesti,

la mercé dei giusti,

la ricompensa del poeta,

pane, amore e fantasia.

Oggi, caro mio, i tempi sono biechi,

da vomito e da voltastomaco,

e gli occhi non sono aperti all’altezza del cuore,

ma sono affossati nel cervello del buco del culo.

Vai pure,

se vuoi e quando vuoi,

ma nel congedo cantaci con la rauca voce,

annerita da milioni di marlboro rosse,

e sorseggiando un whisky,

la canzone dell’asinello,

quella che cantava il piccolo Vito Corleone in quarantena,

quella che nonna Pina ti sussurrava per addormentarti

e per acquietare la tua fervida fantasia tra le pieghe del sonno,

nel sogno,

dentro quel paesaggio assolato di Vicata,

tra contadini bruciati nelle stoppie

e immorali vigili urbani all’ombra della frasca.

“Avia nu sciccareddru,

ma tantu sapuritu,

a ‘mia mi l’ammazzaru,

poviru sceccu miu.

Chi beddra vuci avia,

paria nu gran tinuri,

sceccu beddru ri lu mi cori

comu iu t’aia scurdà.

E quannu cantava facia:

iaa, iaa, iaa!

Sceccu beddru ri lu me cori

comu iu t’aià scurdà”

L’asinello muriu,

l’asinello non c’è più,

il bell’asinello del mio cuore,

quello che cantava in Italiano il Siciliano,

il gran sacerdote della Parola vetusta e moderna,

iaa, iaa, iaa,

si è taliato attorno,

ha capito tutto,

ha dato un bacio ai bambini,

ha ringraziato la moglie e le figlie,

ha annusato l’aroma del tabacco preferito

e ha scritto la parola fine al suo ultimo romanzo,

quel capolavoro della sua vita

che immancabilmente la signora di Palermo domani pubblicherà.

Cerca di star bene, Tiresia!

salvatore

Così, tutto procede come sempre.

Uno che va, uno che viene.

Vecchie parole che restano,

nuove affidate ad altri,

qualche orfano che ora si sente solo

e attende fiducioso l’arrivo della santa indifferenza.

E’ finita,

è tempo di navigare soli per miglia e miglia,

nella burla infinita messa in scena dalla notte dei tempi,

in cerca di un senso,

o di se stessi,

o di qualcuno che si spera di ritrovare.

Tutto intorno mare, cielo, sole, vento, un temporale,

i tuoi gelsi e i miei larici

piegati in segno di rispetto al passaggio del cantore.

Ho visto api listate a lutto che ingravidavano fiori.

sabina

IN VIAGGIO CON SABINA

Sabina,

vorrei che tu, Andrea e io

fossimo presi per incantamento

e su di un vascello snello e leggero

andare dove piace

e dove porta il vento.

Quante miglia abbiam percorso

per tornare sempre indietro,

là dove eravamo partiti infanti,

ricchi di suoni

e senza le parole per dire,

linguaggio-dotati e senza lingua,

muniti di un corpo

che anelava sciogliersi in echi,

la lingua del petel,

lo scioglilingua dei putei,

quello con cui Andrea deliziava gli amici a ‘zena,

quello regalato al putel Federico da Rimini,

quello che in pieno naif circola ogni notte nei filò

e nei teneri sogni di inquieti tosetti e di inquietanti tosette.

Pin Penin

valentin
pena bianca
mi quaranta
mi un mi dòi mi trèi mi quatro
mi sinque mi sie mi sète mi òto
buròto
stradèta
comodèa–

Pin Penin
fureghin
perle e filo par inpirar
e pètena par petenar
e po’ codini e nastrini e cordèa–

le xe le comedie e i zoghessi de chèa
che jeri la jera putèa

Pin Pidin
cossa gastu visto?
‘Sta piavoleta nua
‘sto corpesin ‘ste rosette
‘sta viola che te consola
‘sta pele lissa come sèa
‘sti pissigheti de rissi
‘sti oceti che te varda fissi
e che sa dir “te vòi ben”
‘ste suchete ‘sta sfeseta–

le xe belesse da portar a nosse
a nosse composte de chéa
che jeri la jera putéa

Pin Penin
valentin
o mio ben,
te serco inte’l fogo inte’l giasso
te serco e no ghe riesso
te serco e no ghe la fasso,
pan e dedin
polenta e nasin–
chi me fa dormir
chi me fa morir
tuta pa’l me amor
chi me fa tornar
coi baseti che ciùcia
coi brasseti che struca
co la camiseta più bèa–

le xe le voje i caprissi de chèa
che jeri la jera putèa

Pin pidin
valentin
pan e vin
o mio ben,
un giosso, solo un giosso,
te serco inte’l masso
te serco fora dal masso
te serco te serco e indrio sbrisso,
chi xe che me porta’l mio ben
chi me descanta
chi me desgàtia
chi me despìra
pan e pidin
polenta e nasin
polenta e late
da le tetine mate
da le tetine beate–

i xe zoghessi de la piavoleta
le xe le nosse i caprissi de chèa
de chèa
che jeri la jera putèa.

Sabina,

vorrei che tu, Mara e io

fossimo presi per incantamento

e su di un bastimento snello e leggero

andare dove piace

e dove porta il vento.

L’usignolo vola ancora sul cielo assolato

e fa della sua voce un gorgheggio di vita.

La sirena che incantava i marinai di Ulisse

tra Scilla e Cariddi

non c’è più

e non stimola i nostri sensi.

Vorrei che Mara,

ancora snella e leggera,

navigasse per diporto nel nostro mare

tra le terre emerse.

Ah, questa vita!

Più la insegui

e più ti allontana come una matrigna,

più la godi

e più consuma a cento all’ora in autostrada

i beni preziosi della donna

che cantando viveva il suo sogno.

La maga è adesso in cimitero, come nonna Lucia.

Strappata ai nostri occhi,

funere mersit acerbo

e il sapore è di sale,

come lo pane altrui,

per chi ricorda le sue parole

ancora suonare nel cellulare del viandante in attesa di ospizio.

“Vò e arivò,

ora veni lu patri to

e ti porta la siminzina,

la rosamarina, lu basiricò.

U papà à gghiutu a caccia

a sparari a lu ciccì,

lu ciccì s’innabbulò

e u papa nenti puttò,

ma ti potta la siminzina,

la rosamarina, lu basiricò.

Figghiu miu fa la vovò,

figghiu miu fa la vovò.”

Sabina,

vorrei che tu, Salvatore e io

fossimo presi per incantamento

e su di una barca snella e leggera

andare dove piace

e dove porta il vento.

Ah, ancora questa vita!

Più la insegui e più ti respinge.

In quel dopoguerra di morti

e in quel cimitero di vivi

scorre la teatralità di una madre

che invoca il figlio morto ammazzato.

Un bambino di pelle scura è guardingo

e attaccato al lembo del vestito nero della madre

che si trascina tra bianche lapidi di scadente marmo.

“Mamma, mamma,

il panino con la mortadella tagliata con il coltello dove si compra?

E i biscotti Colussi di Perugia?

Mamma, tu compri soltanto le ciprie per te.”

Le parole di un dolore risuonano

in quell’assolato pomeriggio di un venerdì bestiale

sotto forma di lauda

tra nenie e canti,

tra preti e suore,

tra monaci trappisti

che ricordano chi sei

e che fine farai.

Ciatu,

ciatu miu!

Figghiu

figghiu ,

iancu comu nu gigliu.

Figghiu miu,

sulu miu,

figgh’i ta mattri,

figghiu miu

ca mi muriu,

figghiu miu risgraziatu,

figghiu miu

mottu ammazzatu.

Ciatu,

ciatu miu!

Figghiu miu,

ca mi muriu.

Macar’a mmia m’ammazzaru,

figghiu amaru.

Matri assassinata,

matri risgraziata!

Figghiu miu,

figghiu assancatu,

figghiu risgraziato,

assancatu ri la me vita,

figghiu,

pi’mmia è finita.

Sulu miu,

ciatu miu,

ciatu,

ciatu,

mottu ammazzatu,

figghiu sdisanuratu.

Pi’mmia

nun ci po fari nenti,

po me tuluri

nun ci sunu curi,

nun ci sunu primuri.

Sulu vileni

pi li me peni!

caia’ffari senza ri tia?

Figgh’i Maria,

figghiu ra Beddramattri

mi lassasti nura nura.

Quanta primura!

Mi lassasti sula sula,

sula coma nu cani

‘nmenz’a na strata,

com’a na cannalata

ca ietta sancu

ro cori stancu.

Stancu iè lu me cori,

si nun ti po’ amari.

Comu nda nu mari

senza pisci

lu me beni tuttu svanisci,

sinni và o ventu

senza suspiri,

senza lamentu.

Ma iù c’aia ‘ffari?

Rimmillu tu!

M’aia ‘mmazzari?

M’aia ‘mmazzari

cu lu cuteddru,

figghiu miu beddru?

M’aia ‘mmazzari

cu la lupara,

sotti maiara?

M’aia ‘mmazzari

cu lu vilenu

uò sutta nu ttrenu?

Figghiu sdisanuratu,

figghiu mottu ammazzatu!

Tu rommi

e nu’mmi senti,

tu rommi

e nun t’arruspigghi

mancu a li me schigghi,

figghiu addummisciutu,

ristinu miu scunchiurutu!

C’aia ‘ffari?

Rimmillu tu!

M’aia ‘mmazzari?

Tu rommi

e nu ‘mmarrispunni.

Tu nun mi senti

e nu’mmi parri.

“Rommi rommi,

picciriddru,

c’ò papà

à ‘cchiappatu n’ariddru,

rommi rommi,

picciriddru,

aranciu và

iè aranciu veni,

nun ti scantari

ro vabberi,

se ti nesci

sancu ro peri,

scinni scinni,

rommi rommi,

ioca ioca.”

“Uno alla luna,

due al bue,

tre la figlia del re,

quattro ma ‘zzia o tiattru,

cinque è una incrociatura,

sei battiscopa,

setti puppetti,

otto risotto,

nove alle uova,

reci senza nenti,

unnici iurici,

durici iè na camurria,

tririci santa Lucia

ca pamma.”

Santa Luciuzza,

santa Luciuzza beddra

ramm’a vista i ll’occhi

pi’vviriri u figghiu miu

mott’ ammazzatu

comu nu sdibbusciatu.

Santa Luciuzza

facitamilla cantari ancora

a canzuneddra

ca’nnicu’nnicu

u’ddumisceva.

Facitaccilla sentiri

pi’ll’uttima vota

a canzuneddra

o figghiu miu,

ca s’addummisciu

troppu presto.

Facitammillu addummisciri

pi’ll’uttima vota

u figghiu miu,

iè poi ‘cciù rugnu a motti.

Sugnu sicura

ca mi senti

iaccussì

sinni và ‘cchiu tranquillu

senza tuluri,

cu ‘ssa mattri

ca ‘cci canta a canzuneddra

ca’cci piaceva tantu.

Figghiu,

figghiu miu,

ciatu,

ciatu miu,

cosa ruci,

‘ggioia ri lu mi cori,

quanti maiari

aia ‘cchiamari?

Quanti rinari

m’aia ‘mmanciari

pi ‘ppaiari

tutti sti maiari!

Viniti ccà,

maiari,

viniti ‘cca!

Cantammaccilla a canzuneddra

o figghio miu.

Cantamaccilla bona,

cu’ttutt’o cori

iè fotti fotti,

ca nana ‘ssentiri

tutti l’ancili ro parariso.

Iancilu iera

iè ‘mmurriu ammmazzatu

comu nu sdibbusciatu.

Cantammaccilla fotti fotti,

c’a ‘vvinciri

macari a motti.

Po ciatu miu

quanti maiari

aià ‘cchiamari?

Quanti rinari

m’aia manciari

pi ‘ffari cantari

tutti sti maiari?

“San Franciscu i Paula

cunsatimi la taula,

cunsaammilla

cu ‘ppani iè pisci

ca stu figghiu

s’addummisci”.

Fozza maiari,

mittitici cori

ndò ripitiari!

“Quant’è beddru

stu figghiu,

Maria.

Si lu vonu rubbari la ‘ggente,

ma so mattri iè vigilanti,

lu talia

cu’ ll’occhi e la menti.”

Fozza maiari,

mittitici cori

ndò ripitiari.

“Rommi rommi,

fai lu sonnu,

ti lu fai beddru loncu

beddru loncu cuant’a lu mari,

picchì si ‘nnicu

iè ‘tt’ arripusari.”

C’aia ‘ffari senze i tia,

figgh’i Maria.

Beddru,

figghiu beddru

abbola,

abbola coma n’aceddru,

abbola abbola,

abbola vicinu,

abbola luntanu,

abbola senza scantu

‘ndo campusantu

figghiu amaru

abbola abbola

‘ndo cimiciaru.

Sabina,

vorrei che tu, Andrea e io

fossimo presi per incantamento

e su di un peschereccio snello e leggero

andare dove piace

e dove porta il vento.

Porto Empedocle è lontano ormai.

La guerra dei fascisti è finita

e la bicicletta Montante è arrugginita.

Tutti sono tornati a casa

e tu sei partito per Roma

senza la valigia di cartone

e con tanti copioni in testa,

con il linguaggio curioso ro picciriddru babbu

e con la lingua del soldatino italiano.

E così sei diventato grande,

o Andrea!

E adesso che niente ti manca

e sei cieco come Tiresia

tu,

tu sogni una piazza,

la tua fottuta gente,

tanta gente a cui racconti i cunti,

i tuoi racconti,

li cunti ri li cunti pi li picciriddri.

Di poi,

passata l’estasi delle parole,

girerai tra i presenti con la coppola in mano

a ritirare l’obolo degli onesti,

la mercé dei giusti,

la ricompensa del poeta,

pane, amore e fantasia.

Oggi, caro mio, i tempi sono biechi,

da vomito e da voltastomaco,

e gli occhi sono aperti

all’altezza del cuore,

a metà tra il cervello e il buco del culo.

Vai pure,

se vuoi e quando vuoi,

ma nel congedo cantaci con la rauca voce,

annerita da milioni di marlboro rosse,

e sorseggiando un whisky,

la canzone dell’asinello,

quella che cantava il piccolo Vito Corleone in quarantena,

quella che nonna Pina ti sussurrava per addormentarti

e per acquietare la tua fervida fantasia tra le pieghe del sonno,

nel sogno,

dentro quel paesaggio assolato di Vicata,

tra contadini bruciati nelle stoppie

e immorali vigili urbani all’ombra della frasca.

“Avia nu sciccareddru,

ma tantu sapuritu,

a ‘mia mi l’ammazzaru,

poviru sceccu miu.

Chi beddra vuci avia,

paria nu gran tinuri,

sceccu beddru ri lu mi cori

comu iu t’aia scurdà.

E quannu cantava facia:

iaa, iaa, iaa!

Sceccu beddru ri lu me cori

comu iu t’aià scurdà”

Sabina,

vorrei che tu, Raffaele e io

fossimo presi per incantamento

e su di un veliero snello e leggero

andare dove piace

e dove porta il vento.

Napoli è vicina a Castellammare

se la guardi dalla luna,

mio caro Papiluccio.

Il salto è breve

e, se giri per Mergellina,

arrivi direttamente nei Quartieri spagnoli

e magari passi per Forcella.

Tu attore di te stesso,

commediografo del popolo,

libero creatore che cerca il pubblico nel porto,

nel molo dell’Immacolatella,

tra marinai, scaricatori, prostitute, gagà, fini dicitori.

Tu scugnizzo nella quotidiana lotta per il tempo giusto

e per le parole importanti,

tu marionetta che canta le canzoni

di una Napoli addormentata sotto il Vesuvio

aspettando la Guerra grande,

aspettando il Fascio infame,

aspettando la Repubblica dei pochi,

aspettando Pompei.

Tu te la ridi

e fai finta di non capirci niente

in una rumba de scugnizzi

fatta di rumori che diventano suoni,

di suoni che non potranno mai diventare parole.

Sabina,

vorrei che tu, Lorenzo e io

fossimo presi per incantamento

e su di una zattera snella e leggera

andare dove piace

e dove porta il vento.

Gentile studente,

partito a Trento dal paese della Fantasia,

dal paese senza più campanelli,

esulato da nonne incantate

e suonatrici di versi in vernacolo,

a rima baciata e a rima incrociata,

studente gentile,

che le mele hanno visto imperterrito attore di se stesso

tra donne galanti e lune cadenti,

sopravvissuto alle ristrettezze dei tempi,

studente povero di natura,

piuma al vento nel vernacolo di un folle Pirandello

e nelle tele di un Guttuso colorato da mille Muratti,

tu guardiano della fonetica e del suono

tra teatri antichi e gente incivile,

che ci fai tu,

esile come un fuscello,

tra i banchi di scuola e nei salotti inglesi?

Scrivi versi e suoni terzine,

prelevi senza ritegno dalla Grecia antica

per inculare il presente

tra un mito, un dramma satiresco,

una lanx satura,

un piatto ricolmo di primizie dell’orto,

come comandava il menù di Lucilio il grande.

A te che fai della gavetta la morale di un dio,

il giusto comandamento dell’ebreo errante,

a te,

che ai potenti fai papè satan, papè satan aleppe,

sia dolce l’attesa dei tuoi talenti in boccia,

in odore e in attesa di fiore.

Interno della prigione.

Dioniso è in piedi, con le manette ai polsi.

Entrano le Baccanti e lo circondano.

CORO

Ma bene bene bene!

Gli hanno messo le catene.

E ve meravigliate?

È arrivato er cecato,

lui gli ha dato retta.

E che c’ha guadagnato?

‘na bellissima manetta!

Che poi,

si lasciava fare a noi,

accoppavamo er vecchio

e bona notte ar secchio!

No ghe sa far,

par mi xe troppo blando.

È vero,

nun è degno der comando!

BALLATA DEL GABBIO

Ah camerate mie che delusione,

so’bona e cara, mo’ però m’arrabbio,

m’arrabbio e dite mpo’ si ‘un c’ho raggione,

er nostro capo se fa mette ar gabbio.

Xe vera, me parèa che xera un fico,

un capo co le pale, un tipo tosto,

e ‘nvece è sceso a patti cor nemico

e se la fici mettiri in quel posto.

È solo un artro servo der potere,

cantamo tutte assieme un alleluja per Dioniso,

er dio de le galere, santo patrono de la gattabuia!

Nun semu fatti dilla stissa pasta,

faciva u granni capu delle folle,

ma poi si fici amicu di la casta,

grannissimu fitusu e minchia molle.

Me sa che non avrai questo reame

e non darai l’assalto alla gran reggia,

starai ligatu cca comu ‘n salami,

comu ‘n palluni unchiatu di scorreggia!

Inzomma, come un servo der potere!

Cantamo tutte assieme un alleluja per Dioniso,

er dio de le galere, santo patrono de la gattabuia!

Il Coro si porta in proscenio.

Ciao ciao ciao,

se ne trovamo n’artro,

uno più figo, uno più ganzo, uno più scaltro,

non come te, fregnone, cagasotto, pezzo di fesso …

Sabina,

vorrei che tu, Sabina e io

fossimo presi per incantamento

e su di una gondola snella e leggera

andare dove piace

e dove porta il vento.

Vorrei baciare i tuoi capelli d’oro,

le labbra tue e gli occhi tuoi sognanti,

vorrei cantare le tue canzoni strane

in quel dialetto canterino e squillante

tra i tintinnii di argentini suoni

e i fischi ventosi di coriacee montagne.

Vorrei ballar con le movenze antiche di un popolano canto,

vorrei raccontarti la favola bella e leggiadra

del vero immortal che è l’amor,

quella che ieri t’illuse

e che oggi t’illude,

o donna Sabina,

tu che cerchi,

tu che cerchi sempre

e anche tra gli asinelli stufi di dormire sui banchi di scuola,

tu che, annoiata in una domenica noiosa,

ti sei proprio assopita tra Gozzano e Pascoli

nell’ascolto del tempo che va,

tra la madre e il padre

nell’ascolto del tempo che va.

Nunc et semper bibendum est!

Se te te levi prest, ala bonora

neta ben el muset e le zatele

cossì te sei za asiada per nar fora

a zugar ensema ale matele.

No sta far storie se ghe en po’ de vent,

no l’è mai mort nissun per do goze,

dame da ment a mi, scolta sta voze,

no sta badarghe al temp, che el volta via.

Ti zuga, bela popa, ven l’istà.

No te conto bosie, mi son na stria:

te te desmisi che l’è zamai nà.

Contaminazione e miscellanea,

il detto e il ridetto è a cura di Salvatore Vallone

in Carancino di Siracusa e nel mese di Luglio dell’anno 2019

LA BASE DI “ESSERE”

LA PREMESSA

Questo testo è stato elaborato da un ragazzo di undici anni nell’ambito dell’attività scolastica.

IL TESTO

LA BASE DI “ESSERE”

Ditemi … cosa per voi significa “essere”?

Può per voi essere vivere, essere materia, essere umani, avere la morte…

Non voglio rovinare la vostra impressione su “essere”, ma intendo cercare di esprimere i miei e i vostri pensieri riguardo la base di tutto.

Siamo già tutti nati se stiamo leggendo o narrando questo testo, siamo parte dell’immenso universo, dunque.

Alcuni possono dire di nascere appena pensano, poiché, senza il pensiero non c’è differenza tra vivo o morto.

Per poter vivere bisogna sentirsi vivi.

Voler esserci, poter esserci e ciò spiega l’importanza della popolarità.

Se non si è popolari, non si è vivi, ma basta un qualsiasi essere vivente con se stessi per essere vivi.

Inoltre, se si vuole essere più vivi o anche immortali, si può lasciare traccia di se stessi e godersi la vita.

Alcuni altri pensano che pensare sia essere. Che l’uomo sia stato creato per pensare.

E’ anche vero che vivendo, pensando ed essere umani ed essere materia sia “essere”.

Ma l’umanità è troppo terrena per significare l’universo.

Essere fatti con ciò che è l’universo, pensare, vivere invece sono significati di essere con cui l’uomo poter fondersi con l’universo eternamente.

Con questo testo mi oppongo all’ateismo, l’umanità senza religione, che crede di sapere di più, la quale non sa però fondere l’universo con l’uomo.

Quindi per conquistare l’universo bisognerà essere religiosi ed avere un pensiero più esteso, oltre l’umanità.

Che voi, dopo questo testo, siate!

L’ANALISI PSICO-FILOSOFICA

Ditemi … cosa per voi significa “essere”?

NOTE FILOSOFICHE

“Significare l’Essere”, due parole antiche come l’universo e moderne come l’avvento dell’homo sapiens, si traduce in “interpretare i segni dell’Essere”. Si invoca quella Semiologia tanto cara a Umberto Eco, la Scienza dei segni, con tanto di “significante” e di “significato”, di soggetto datore di senso e di soggetto capace di decodificare il testo semplicemente perché possiede il Codice. Ma l’Essere richiamato nella cultura dell’Occidente ha un suo epigono, Parmenide di Elea in Campania, il filosofo della Magna Grecia a cui si attribuisce la seguente sintesi teorica, nonché tautologica: “l’Essere è e non può non Essere, il non Essere non è e non può Essere”. Nella soluzione della questione cosmogonica e nella ricerca del Principio da cui il Tutto Vivente, Natura e Uomo, si origina, Parmenide introdusse la sua teoria Ontologica, Metafisica e Logica in base alla quale l’essenza del Tutto si riduceva all’Essere non inteso, quindi, nella sua visibilità empirica ma nella sua matrice, alla Kant non nel fenomeno ma nel noumeno. La sua enunciazione programmatica ha una valenza logica inequivocabile, “l’Essere è”, infatti, traduce nel predicato quello che è contenuto nel soggetto, ma questa Verità è l’essenza del Tutto Vivente e ha una valenza ontologica immanente. Parmenide esordisce sulla questione filosofica Essere, è il primo filosofo che la analizza, ma tutti i filosofi successivi, greci ed europei fino a Heidegger e Sartre, si sono cimentati sul tema. Anche quando la Filosofia considera il “Non Essere”, ammette “l’Essere”. Platone, Aristotele, Agostino ed Hegel sono stati i filosofi che espressamente si son fatti carico dell’analisi dell’Essere.

TRADUZIONE PSICOLOGICA

“Mi sto chiedendo chi sono io nella sostanza e non soltanto in quel che appaio.”

NOTE PSICOLOGICHE

La richiesta del ragazzo di esprimersi sul significato dell’Essere è da dialogo platonico ed è ricca di implicazioni provocatorie verso gli interlocutori. Questo giovane talento non te le manda a dire le cose e dimostra a livello psicologico di avere un conto in sospeso con l’ambiente e con coloro che lo abitano: “per voi”. Si tratta di una bonaria aggressività e di una sana provocazione che, di certo, non dispongono per una serenità nell’affrontare la vita di ogni giorno e attestano di una vaga aureola di superiorità, un “complesso di superiorità” che sa tanto di difesa dal coinvolgimento, un “Io ipertrofico” che tende a differenziarsi nobilmente dagli altri. Tutto questo ci può stare tranquillamente in un adolescente in vena di affermazione dopo l’elaborazione della “posizione fallico-narcisistica”. Il “per voi” dovrà evolversi in “per noi” nella successiva “posizione psichica genitale” in riconoscimento della rete sociale e delle relazioni anche pericolose che immancabilmente costellano il selciato dell’esistenza.

Procediamo per ammirare le meraviglie del paesaggio e dei dintorni.

Può per voi essere vivere, essere materia, essere umani, avere la morte…”

NOTE FILOSOFICHE

La Vita, la Materia, l’Umanità, la Morte sono Essere nella convinzione comune. Il richiamo a Parmenide e Platone è nella Vita o essenza del Tutto: “essere vivere”. Il richiamo ad Aristotele ed Epicuro è chiaro nella Materia: “essere materia”. Il richiamo a Jaspers e Heidegger è inequivocabile “nell’essere umani”. Il richiamo a Sartre e Camus è oltremodo visibile “nell’avere la morte”. Ricordo che l’Essere ha una valenza Ontologica o discorso sull’essere, Metafisica o al di là della Natura, Logica o categoria di predicabilità, Antropologica o in riguardo all’uomo, Etica o in riguardo ai costumi e ai comportamenti, Religiosa o in riguardo alla soluzione dell’angoscia di morte.

TRADUZIONE PSICOLOGICA

“Sono vivo, ho un corpo, sono un uomo, devo morire.”

NOTE PSICOLOGICHE

Degno di nota è ancora il ricorso agli altri e alla loro opinione, nonché il culto di avere interlocutori e di assumere un ruolo di prestigio misto a nobile tolleranza. L’identità psichica del nostro filosofo in erba procede sempre per differenziazione dagli altri e per alto-locazione difensiva da un coinvolgimento più intenso. Persiste il “fantasma del voi”, nella “parte positiva” gli altri da me e nella “parte negativa” gli altri contro di me. Degli interlocutori il ragazzo non sa fare a meno, ma mantiene un doveroso distacco e un’accentuata provocazione.

Non voglio rovinare la vostra impressione su “essere”, ma intendo cercare di esprimere i miei e i vostri pensieri riguardo la base di tutto.”

NOTE FILOSOFICHE

La preoccupazione verte ironicamente sulla questione antropologica e sul rispetto dei simili, ma si tratta di un’impressione, non di una verità globale e metafisica. L’Essere di cui parla il nostro speculatore è decisamente l’Essere metafisico, l’essenza del Tutto, la Forma o l’Idea di Platone. Siamo in un ambito decisamente ontologico, discorso su ciò che è, e stiamo superando il territorio labile e ballerino della “impressione”, delle sensazioni, dei fenomeni, di ciò che appare, delle false verità legate ai sensi e alle percezioni non fondate sulla “coscienza di sé”. La direzione successiva è la Ragione che si apre alla Metafisica, come è successo a tutti i filosofi, da Cartesio in poi, che sono stati costretti a usare i ponteggi metafisici, a ricorrere a un “deus ex machina” per supportare le loro teorie e addirittura i loro sistemi logici e gnoseologici.

TRADUZIONE PSICOLOGICA

“Sto proprio cercando di capirmi nel profondo e sono alla ricerca della mia essenza.”

NOTE PSICOLOGICHE

L’atteggiamento di benefattore dell’umanità nel delucidare e partecipare le verità fondamentali, “la base di tutto”, denota una notevole e democratica onnipotenza socialmente tollerabile e compatibile con il ruolo del maestro di vita, dell’eroe che porta agli uomini la buona novella che rende l’umanità migliore e bella, del Prometeo degno del dono del fuoco. Il compito è veramente nobile e pretenzioso: “cercare di esprimere i miei e i vostri pensieri riguardo la base di tutto”. Queste sono le note psicologiche e soteriologiche del giovane protagonista, ma il vero viaggio metafisico, dopo le necessità logiche e il dialogo a senso unico con gli immaginari interlocutori, si sta avvicinando.

Siamo già tutti nati se stiamo leggendo o narrando questo testo, siamo parte dell’immenso universo, dunque.”

NOTE FILOSOFICHE

Appare lo stesso “ottimismo” logico di Aristotele e della Cultura greca in base al quale non è necessaria una dimostrazione scientifica dell’esistenza della Realtà dal momento che è visibile e, di conseguenza, innegabile. “Batti la testa contro la colonna del tempio di Athena e poi mi dici se la Realtà esiste o non esiste”: diceva l’uomo greco dell’agorà all’incauto Sofista che voleva anche discutere dell’esistenza di un mondo oggettivo. L’adolescenza ingenua del nostro giovane filosofo ammette la Sensibilità dell’Esistente e trascura quella Logica verso la quale sta marciando con intenti metafisici degni di un mistico e di un seguace di Buddha. “Siamo studenti vivi e vegeti, se stiamo lavorando sotto le direttive dei nostri bravi Professori e della nostra benemerita Scuola”. Non basta questa condivisione di condizione e di funzione, perché “siamo parte dell’immenso universo”. Questa è la verità innegabile e tutta da dimostrare dal momento che non basta la constatazione empirica. I sensi ci ingannano, diceva anche Cartesio nella ricerca di poggiare la sua teoria scientifica sul “cogito ergo sum” e di passo in passo cadde nel “genio maligno” per abbracciare la Divinità che non inganna proprio in virtù della sua bontà implicita. Insomma trionfa un’istanza “panteistica” e fusionale. Tutti siamo parte del “Tutto Vivente”. Quest’istanza primaria e culturale dell’umanità greca è in linea con la semplicità mentale del nostro giovane pensatore. Una religiosità naturale che vuole l’Uomo in fusione con la Natura secondo le linee di una simbiosi madre-figlio. Spinoza è richiamato in questa posizione filosofica, così come la teosofia buddista. La prima esigeva che l’uomo fosse un “modo” degli attributi “Pensiero” ed “Estensione” di Dio, la seconda affermava l’evidente condivisione della “Vita” da parte dell’Uomo e di tutta la Natura.

TRADUZIONE PSICOLOGICA

“Io esisto insieme agli altri e mi sento la parte di un Tutto.”

NOTE PSICOLOGICHE

Di notevole conforto è il doppio ricorso al “siamo” in attestazione di un ripiego momentaneo dal “voi” dei precedenti capoversi e di una proficua e salutare condivisione di sorte e di destino di uomini: “amor fati”. Obbligo rilevare che si tratta di atteggiamenti della formazione umana in un soggetto particolarmente sensibile a se stesso e agli altri. Il nostro adolescente tra un nobile e sacro pensiero individualistico non trascura lo stare insieme nel Collettivo e nel Sodalizio. E’ questa certamente una dialettica psichica profonda che il ragazzo ha vissuto sin dalla prima infanzia intessendo una psicodinamica che oscilla tra se stesso e il corpo, se stesso e la mamma, se stesso e il papà, se stesso e i suoi pensieri, se stesso e gli oggetti, se stesso e gli altri, se stesso e la ricerca di uno “spazio psichico” dove depositare i suoi vissuti prima di condividerli, un “luogo” ideale e concreto su cui stendere i suoi doni prima di consegnarli agli abitanti dello stesso spazio. Il conflitto psichico è delicato e porta a collocazioni che oscillano dalla netta chiusura alla provvida apertura, dalla spartana esclusione all’ateniese affidamento, dal riconoscimento di sé al rifiuto del mondo fino all’inclusione necessaria in uno Spazio di Tutti e in un Luogo di Tutte le Cose visibili.

Alcuni possono dire di nascere appena pensano, poiché, senza il pensiero non c’è differenza tra vivo o morto.”

NOTE FILOSOFICHE

L’affermazione è inquietante nella scarna formulazione e nel ricco contenuto. Il Pensiero è Vita ed è l’artefice della “Coscienza di Sé”, quell’Auto-consapevolezza che Socrate definiva nel suo metodo antropologico “conosci te stesso” e che l’Uomo greco aveva degnamente scritto nel frontone del tempio di Delo a Delfi. La Morte è assenza di Pensiero. La Vita senza Pensiero è Morte. La Vita è Pensiero intenzionato alla “Coscienza di Sé”. Più che sull’oggetto esterno il Pensiero si dirige su se stesso, sceglie se stesso come oggetto privilegiato della sua indagine. In questa introversione si attesta trionfante la Vita. E’ degna di nota, inoltre, la rievocazione della teoria filosofica, di Scuola esistenzialista e firmata da Martin Heidegger, tra “vita autentica” e “vita inautentica” o banale. La distinzione tra i morti in vita, “esistenza banale”, e i vivi in vita, “esistenza autentica”, è calata di peso nelle poche parole messe in croce dal nostro intraprendente ragazzo ed è basata sulla “Coscienza di sé” ottenuta con l’esercizio maieutico del Pensiero. L’angoscia dell’Esistenzialismo ancora non si manifesta, ma s’intravede tra le righe di quanto in maniera apodittica viene affermato.

TRADUZIONE PSICOLOGICA

“Sono consapevole di essere vivo perché penso e per me la morte è assenza di coscienza.”

NOTE PSICOLOGICHE

La predilezione per il soggiorno in se stesso e il ritorno nell’intimo e nel privato è oltremodo da considerare in questa sillogistica combinazione di concetti che concludono nell’affermazione “la consapevolezza del Pensiero è Vita e l’inizio del Vivere”. La “proiezione” difensiva su “alcuni possono dire di nascere” stempera l’angoscia di un diretto coinvolgimento in questa acrobazia filosofica e denota l’importanza accordata agli altri e il bisogno di gestirli attraverso una condivisione di idee e di convinzioni. Ancora bisogna aggiungere che il nostro amico ha proiettato in poche parole la sua esperienza vissuta, “erlebnis”, quella che lo ha visto precocemente razionale e pronto a stemperare le emozioni e le sensazioni. Il meccanismo psichico di difesa dall’angoscia della “razionalizzazione” ha messo in scena la “coscienza di sé” che ha dato il giusto grado alla freddezza della Morte e al calore della Vita. Razionalizzare gli istinti e le pulsioni con la testa di un bambino significa aver privilegiato per necessità difensiva il Logos rispetto a Eros e Thanatos, la Ragione tra l’Amore e l’Odio, tra la Vita e la Morte, tra la fusione e la scissione. Questo precoce e gigantesco Logos è tutto personale e va condiviso con giudizio e a giuste dosi. Gli altri non potrebbero capire quello che io cerco di contenere e circoscrivere.

Per poter vivere bisogna sentirsi vivi.”

NOTE FILOSOFICHE

La “Coscienza di sé” è la condizione del Vivere. La Vita può essere presente, ma di Essa nulla si può dire se non è “esperienza vissuta”, “erlebnis”, e per essere tale esige l’auto-consapevolezza. Il “sentirsi vivi” non si attesta nell’esaltazione allucinatoria dei sensi e nella formazione dei “fantasmi”, ma nella necessità di un “Io” che ragioni e a cui tutti i vissuti individuali si riconducano per essere ordinati nella formazione psicologica di ogni persona: “organizzazione psichica reattiva”. La possibilità della Vita è la Coscienza e le sue funzioni razionali, “processi secondari”. Paradossalmente si può vivere senza un “Io” coordinatore dei vissuti e la caoticità entropica è una forma di Vita, ma l’Io è la condizione “sine qua non” l’uomo “autentico” esiste, all’incontrario dell’uomo “banale” che si lascia vivere senza alcuna consapevolezza dei suoi vissuti. I richiami filosofici sono la “res cogitans” di Cartesio, l’Io dell’Idealismo, l’Io della Fenomenologia di Husserl e l’Io di Freud. La frase è talmente sintetica che i contenuti si spargono a larga vena. La sua apoditticità suppone un Sapere filosofico vasto e ampio che il ragazzo non può avere. E allora? Lo spiego nelle note psicologiche.

TRADUZIONE PSICOLOGICA

“Mi sento vivo quando provo emozioni e ne sono consapevole.”

NOTE PSICOLOGICHE

La sicurezza dell’affermazione dispone per una riflessione costante e progressiva su se stesso. L’autore si è macerato in tanto speculare tra sé e in sé sacrificando la gioia di vivere e il disimpegno della sua età a favore di un travaglio filosofico adulto più che adolescenziale. Le conoscenze filosofiche sono la “razionalizzazione” di quelle sensazioni e di quelle emozioni che il giovane talento ha accantonato a favore dei grandi ragionamenti sintetici. Le teorie e le tesi rientrano nella formazione psicologica e nel patrimonio delle idee dell’adolescenza. Del resto, i filosofi hanno immaginato i loro sistemi da bambini e da adulti li hanno trascritti in maniera complicata, quando nella loro Filosofia non hanno traslato i loro traumi irrisolti e la loro follia sublimata. Non c’è bisogno di ricorrere al Buddismo o a Pitagora o a Platone e riprendere in mano la teoria della “trasmigrazione delle anime” per spiegare quello che è successo e che sta succedendo al nostro baldo ragazzo. E’ tutto compreso nella formazione psicologica ed è a gratis. Certo, è anche vero che pochi giovani hanno così potenti i processi di astrazione. Se ogni male non viene per nuocere, è proprio vero che ogni bene viene per giovare.

Voler esserci, poter esserci e ciò spiega l’importanza della popolarità.”

NOTE FILOSOFICHE

“Esserci” è la traduzione del “Dasein” di Heidegger che è collegato alla “esistenza banale”, mentre “l’Essere” o il “Sein” appartiene alla “esistenza autentica” e la connota secondo le linee esistenziali dello “Essere per la Morte”, la disposizione psicofisica all’assurdità del morire e la soluzione all’angoscia del Nulla. La scelta della “esistenza autentica” comporta il superamento della “esistenza banale”, il “Sein” è la scelta, salutare più che evolutiva, del “Dasein”. In quest’ultimo è inclusa la vita sociale e le relazioni di massa che frastornano l’angoscia del Nulla a cui l’uomo è inesorabilmente candidato e destinato. L’uomo inautentico e banale è destinato a frastornarsi con il successo e la popolarità, a riempire le sue bisacce con il fumo della vanità mediale. “Voler esserci”, volere il “Dasein” significa ignorare la possibilità della vera “coscienza di sé”, quella che coordina le esperienze vissute e disegna il quadro del Vivere e della Vita. L’importanza della popolarità comporta il sacrificio dell’Io e l’impossibilità del Vivere e della Vita. L’Io è sacrificato al rumore dei media e alla massificazione dell’informazione. Volere e potere, quest’ultimo inteso come categoria della possibilità da Kierkegaard in poi, sono associati allo “Esserci”, alla “esistenza banale”, e confermano quante energie si investono nel Nulla di una Coscienza mai nata o pienamente abortita. La “popolarità” ha un prezzo umano altissimo, perché, impedendo la benefica “coscienza di sé”, impedisce la maturazione dell’uomo “banale” nell’uomo “autentico”. La “popolarità” è il frutto deleterio di improvvide e inconsulte scelte di Vita che allontanano dalla Verità.

TRADUZIONE PSICOLOGICA

“Voglio affermarmi orgogliosamente e voglio essere conosciuto dalla gente.”

NOTE PSICOLOGICHE

Il giovane filosofo è combattuto dalla dialettica del suo tempo e della sua psicodinamica: Essere e non apparire o Non Essere ed apparire? L’adolescenza ha una valenza psicofisica non indifferente nella scelta precoce di usare la testa e i “processi secondari”, la Ragione per intenderci, e dare poco credito agli ormoni e alle emozioni, ai “processi primari” del tipo la Fantasia e le allucinazioni creative. Di quest’ultimo trambusto psicofisico il nostro amico teme l’irruenza e l’assenza di un “Io” coordinatore e legislatore della Natura umana. Aspira alla popolarità, vuole essere conosciuto e vuole colpire con le idee originali che ha tanto pensato e finalmente partorito in grazie agli stimoli costruttivi di una buona scuola e di competenti maestri. Vuole e non vuole, si concede e si ritira: questa è la psicodinamica istruita.

Se non si è popolari, non si è vivi, ma basta un qualsiasi essere vivente con se stessi per essere vivi.”

NOTE FILOSOFICHE

Il nobile discorso filosofico e le alte speculazioni sull’Essere e sulla Coscienza dell’Io si stanno dirigendo giustamente verso orizzonti sociali e verso tematiche personali: la popolarità e la relazione sociale, la gloria di essere personaggi pubblici e la modestia moderata di avere poche relazioni. Si rileva un conflitto psichico tra le pieghe della Filosofia sociologica di Comte, la “Fisica sociale” della relazione dell’io e del tu. Il falso mito della Vita e dell’Essere nella società e la Verità di una relazione significativa e di buon valore confliggono nell’animo del giovane intraprendente. La convinzione che la giusta e vera esistenza non è quella “banale”, fatta di miti e di riti formali, ma quella “autentica”, basata sulla qualità di una libera ricerca sul senso dell’Essere e del Vivere, emerge nella predilezione per le relazioni ristrette a poche persone significative e maieutiche, quelle figure che aiutano a maturare i veri sensi e gli autentici significati dell’Essere uomini.

TRADUZIONE PSICOLOGICA

“Mi piacerebbe essere riconosciuto dagli altri, ma mi basta avere relazioni fidate e soprattutto un buon rapporto con me stesso.”

NOTE PSICOLOGICHE

Dopo un’apertura verso problematiche filosofiche di ampio spessore metafisico e di grossolana materialità, quale vivere la vita senza consapevolezza perché deprivati di quella “coscienza di sé” che nessun maestro ha insegnato a ricercare, il nostro giovane e inquietante eroe converge verso l’intimo e il privato e svela le sue note caratteristiche e formative, le sue predilezioni psicologiche e i suoi “fantasmi”. Degno di nota è la funzione esercitata da un tema attuale, la popolarità, con un tema psicologico, il narcisismo, nonché la scelta personale del ridimensionamento dei valori dominanti in riguardo al prestigio sociale.

Inoltre, se si vuole essere più vivi o anche immortali, si può lasciare traccia di se stessi e godersi la vita.”

NOTE FILOSOFICHE

L’attrazione verso gli altri e verso le tematiche culturali in atto è forte e contrastata. Adesso il nostro baldo ragazzino sente il richiamo della società e dei suoi miti come la popolarità e il successo, sta valutando la possibilità di vivere una Vita come costume comanda e come società propone secondo i valori edonistici del consumismo psicologico e della massificazione sociale al fine di emergere dall’anonimato. “Godersi la vita” si traduce nell’uso degli strumenti atti al benessere del Corpo e della Mente. “Lasciare traccia di se stessi” equivale all’essere nobili individualisti e maestri benefattori. Quest’ultimo valore non è consono alla “esistenza banale” e si avvicina all’onnipotenza dell’immortalità del messaggio lasciato in eredità ai posteri.

TRADUZIONE PSICOLOGICA

“Ho paura di morire e vorrei vivere in maniera tranquilla e magari fare nella vita delle cose importanti che possano essere ricordate.”

NOTE PSICOLOGICHE

Sopravvivere a se stessi è veramente un “meccanismo di difesa dall’angoscia di morte”, è un “andare sopra la vita” per disporre di sé in maniera irreale e contraria agli eventi naturali. Dall’uso della Ragione l’adolescente filosofo sta passando ai problemi personali, sta evidenziando le angosce di base dopo aver fatto un uso precoce della “razionalizzazione”, meccanismo di difesa principe. Dalla Filosofia, che ha elaborato per lenire le angosce, alla Psicologia, il passo è breve e siamo in territori limitrofi. La psicodinamica usata dal ragazzo è di andata e ritorno, di uscita e di entrata, d’investimento e di introspezione, di relazione con gli altri e di relazione con se stesso. Il processo è proficuo e doloroso.

Alcuni altri pensano che pensare sia essere. Che l’uomo sia stato creato per pensare.”

Come non detto! Il giovane prodigio è tornato alla Filosofia e ha spolverato ben bene gli assunti di base del pensiero di Parmenide e di Hegel: l’identità di Pensiero e di Essere. Spiego: “l’Essere è e non può non essere” è un assioma, una tautologia, un principio logico di identità A è A codificato da Aristotele nel suo “Organon” e si identifica con il Tutto vivente, la Realtà Uomo-Natura. Il Tutto è Essere e l’Essere è Pensiero. “Tutto ciò che è reale è razionale e tutto ciò che è reale è razionale” è il principio che governa e giustifica lo Spirito assoluto di Hegel costituito da Idea, Natura e Spirito. La seconda frase del ragazzo pone il problema se l’uomo è stato creato per pensare e si assume la responsabilità di ammettere la creazione come motore del Tutto: “In principio Dio creò il cielo e la terra” e poi fece “l’uomo a sua immagine e secondo la sua somiglianza”. Accede alla verità primordiale ebraica di un Dio che pensa la realtà, la dice, esempio “sia la luce e la luce fu” e la crea. L’uomo può solo pensare il Tutto creato da Dio per ritrovare l’autore. Dal Panlogismo al Creazionismo biblico il salto non è da poco, ma tutto è consentito a una giovane mente aliena da conoscenze filosofiche e in preda alla risoluzione delle sue angosce esistenziali. Dalla Metafisica dell’Essere e dello Spirito assoluto si è trasbordati nel Genesi biblico.

TRADUZIONE PSICOLOGICA

“Ma la mia sostanza è davvero soltanto il pensiero?”

NOTE PSICOLOGICHE

“Alcuni altri” è la chiara “proiezione” di se stesso e delle sue perplessità: “ma io devo soltanto e assolutamente pensare?”, e ancora “Ma io mi riduco alla mia razionalità?”, e ancora “Il mio essere è il mio pensare?”. Come si nota chiaramente le domande sono “filosoficissime”, tanto speculative che di più non si può neanche se si usa un buon candeggio, ma sono assolutamente “psicologicissime” perché vertono sulla collocazione personale in se stesso prima che nel mondo. Il giovane si sta chiedendo semplicemente “Chi sono io?” e si sta rispondendo in maniera razionale rispetto a un suo coetaneo che avrebbe usato i “processi primari” piuttosto che i “processi secondari”, la Fantasia piuttosto che la Ragione. Si tratta della solita difesa dall’angoscia e del solito uso di ragionamenti e del ridimensionamento dei “fantasmi” e delle emozioni implicite. Mi spiego meglio e mi ripeto: il ragazzo ha operato sin dal primo anno di vita e precocemente con i “meccanismi di difesa secondari” e ha ridotto al minimo l’uso dei “meccanismi di difesa primari”. Ancora meglio: il ragazzo si è difeso dalle cariche energetiche dei suoi “fantasmi”, rappresentazioni primarie degli istinti e delle pulsioni, razionalizzando le sue esperienze e raffreddando la sua realtà interiore. Procediamo con fascino e curiosità in attesa di altri sconvolgenti richiami a teorie filosofiche e ad assunti di base della “organizzazione psichica reattiva”, struttura, della nostra giovane promessa.

E’ anche vero che vivendo, pensando ed essere umani ed essere materia sia “essere”.”

NOTE FILOSOFICHE

Ritornano la tesi e la convinzione che il Vivere e l’esercizio della Vita si assimilino e si equiparino al Pensiero, inteso come attività riflessiva di stampo razionale e come “processo secondario”. Non basta, perché Vivere, investimenti di energia, e Pensare, la Mente, coincidono con la Materia umana, il Corpo. L’essenza dell’Uomo contiene un Corpo che vive e una Mente che pensa. Il nostro filosofo sta facendo i conti con la “Materia” ed è costretto a distinguere sempre più tra Platone e Aristotele, tra l’Essere dell’Idea e l’Essere della Metafisica e della categoria logica. Cartesio con la “res cogitans” e la “res extensa”, Spinoza con il suo panteismo e l’unicità della sostanza Dio, Hegel con il panlogismo e Husserl con il platonismo capovolto sono richiamati nel sincretismo spietato di questa lapidaria frase. Ricordo che l’Essere è la sostanza metafisica e la categoria logica che abbraccia il Corpo e la Mente. Fin qui la Filosofia!

TRADUZIONE PSICOLOGICA

“E’ anche vero che io ho un corpo che vuole vivere e godere e che non sono soltanto pensiero.”

NOTE PSICOLOGICHE

La Psicologia dice chiaramente che il ragazzo sta cercando “sé in sé” senza un maestro. E’ alle prese con la questione amletica del privilegiare il Corpo o la Mente. Alla fine taglia la testa al toro e risolve ricorrendo alla sua unità psicosomatica. Bel colpo! L’intento programmatico esistenziale si attesta nel mantenere in fusione la Mente e il Corpo e il progetto di Vita è degno di essere vissuto insieme agli altri. E’, oltretutto, vero che tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare. L’introspezione è certamente l’abilità metodica su cui il giovane si è elettivamente cimentato ed esercitato nel suo scavo archeologico alla ricerca delle essenze “eidetiche”, mentali, quelle idee platoniche che sa che sono dentro di lui e non certo fuori. Ma sarà poi vero che l’armonia tra il Corpo e la Mente è la Felicità? La ricerca porta il ragazzo a partorire la sua Verità e sarà interessante vedere dove va a parare in questa sua nobile e aristocratica tensione dialettica.

Ma l’umanità è troppo terrena per significare l’universo.”

NOTE FILOSOFICHE

Questa è la frase più inquietante per uno studioso di Filosofia e di Psicologia. Anche la terminologia è degna di stupore e di interesse, una sintesi pregna di concetti da persona che ha tanto riflettuto anche linguisticamente e che sa il fatto suo. La domanda non è veramente peregrina: “un adolescente può assemblare senza difetti logici i concetti di “umanità troppo terrena”, di “significare” e di “universo”?” Ritorna il “significare”, ritorna il caro Umberto Eco e la Semiologia, il discorso sui “segni”, “signa” latino, le insegne delle legioni romane: ridurre tutto “l’universo” a segni, attribuire ai segni “significanti” e “significati”, decodificarli e tradurre l’universo in un insieme di “segni” da parte di un uomo troppo terreno. Misticismo e materialismo trovano una loro composizione nell’atto del “significare”, un’operazione che nobilita e distingue l’eccellenza umana materiale. Empito filosofico panteista decisamente degno di Benedetto Spinoza ed empito teosofico buddista albergano in un uomo “Materia e Mente” collocato in un universo come parte del “Tutto Vivente”. La Filosofia greca presocratica si sposa alla Filosofia post-socratica negli assunti culturali di base dell’uomo fuso nell’universo e dell’uomo capace e forte del suo “significare” in Logica, attribuire “segni”, ridurre in “segni”, decodificare i “segni”. Umberto Eco dall’alto o dal basso del suo “Nulla eterno” sorride ridicendo che la Semiologia siamo noi, è un’umana capacità logica di inquadramento dei dati e che il giovane fenomeno non ha fatto altro che tirare fuori ciò mentalmente ha elaborato.

TRADUZIONE PSICOLOGICA

“Del resto, io sono un ragazzo modesto rispetto a quello che mi circonda e non posso capire e spiegarmi tutto.”

NOTE PSICOLOGICHE

Ma questo baldo e speculativo giovane si sta dirigendo verso la “sublimazione” della Materia e si sta approcciando alla sua parte spirituale inserendosi nel Tutto e trovando in esso il suo significato etereo. Del resto, un adolescente in piena formazione psicofisica vive notevoli trambusti ormonali e sconquassi relazionali ed è chiamato a rispondere alle annose questioni del “chi sono io” e del “dare a Cesare quel che è di Cesare e a Dio quel che è di Dio. Una difesa psicologica dal suo corpo in tempesta è quanto meno doverosa e necessaria. La nobilitazione delle volgari pulsioni è concessa e permessa dalla Filosofia e dal Filosofare. Ritorna il meccanismo psichico di difesa dall’angoscia della “razionalizzazione”, benefico di suo ma non a tutte le età. Se poi si associa il processo psichico di difesa della “sublimazione della libido”, l’evoluzione psicofisica è particolarmente complessa e delicata. Ricapitolando la psicodinamica, si tratta di poderose capacità di astrazione messe in circolazione per un’adeguata difesa dal Corpo e dalle pulsioni, un “Io” chiamato in causa con i suoi meccanismi e processi di difesa per difendersi dalle aggressioni armate dell’istanza “Es”, il serbatoio dinamico degli istinti e delle pulsioni, nonché delle emozioni genuine e incontrollabili.

Essere fatti con ciò che è l’universo, pensare, vivere invece sono significati di essere con cui l’uomo poter fondersi con l’universo eternamente.”

NOTE FILOSOFICHE

Il sorprendente giovane conferma che l’uomo è immerso nell’universo come sua parte e partecipa della stessa sostanza, di poi opera l’atavica distinzione tra “Materia” e “Spirito”, tra il laico Corpo e la nobile Mente. L’uomo è fatto di Materia, ma l’uomo ha qualcosa di più che lo contraddistingue e differenzia dal resto dell’universo, l’uomo ha l’Essere nei due “significati” di Pensare e di Vivere, di Pensiero e di Vita. Dall’universo che contiene il “Tutto Vivente”, uomo compreso, dal “pan-Cosmismo” che esige il “Tutto materia vivente”, il nostro prepotente filosofo passa senza colpo ferire a differenziare l’Uomo nobilitandolo con il Pensiero e la Vita, meglio quella consapevolezza del Vivere che è annessa e si traduce nell’Essere. Cari lettori, capite che le questioni sono già complicate, ma vi avverto che si stanno complicando ancora di più, per cui fate in tempo a rifocillarvi di fosforo per ridestare la vostra intelligenza. Allora, ricapitolando e allargando il discorso, le attività umane nobili sono il Pensiero etereo e l’astratto Vivere; entrambi rientrano nella grande Madre dell’Essere come “significati”, portano i segni e i sensi parziali dell’Essere. Il Dio di Spinoza è il grande Essere da cui derivano gli infiniti “attributi” e da cui conseguono gli infiniti “modi” dell’unica Sostanza Essere, Dio. Pensiero e Materia sono i “modi” che riguardano direttamente l’Uomo. Ma non basta, perché il giovane talento dopo la fusione panteistica riporta tutto nell’individualità e opera la scissione dall’Essere secondo le coordinate greche già conosciute. L’uomo si è staccato dal Tutto Vivente, “Ilozoismo”, e ha commesso il peccato originale della Cultura greca, la “ubris” o ira o violenza. L’autonomia del “conosci te stesso” si paga con il senso di colpa di aver rotto l’unità del “Tutto” e di avere affermato la “Parte”, come Adamo quando disubbidisce all’ingiunzione di Dio. Dal “Tutto” ti stacchi individuandoti e al Tutto ritorni affinché la Morte non sia angoscia e il distacco non sia un perdita depressiva. Il prezzo che si paga all’autonomia psichica e alla “coscienza di sé”, Essere come Pensare e Vivere, si riscatta in quanto è l’unica possibilità che l’Uomo ha per poter ritornare al Tutto Cosmico e per purificare la colpa della necessaria rottura dell’unità e dell’equilibrio del Tutto Vivente.

TRADUZIONE PSICOLOGICA

“Eppure mi piacerebbe essere parte di un tutto e stare bene senza differenziarmi dagli altri.”

NOTE PSICOLOGICHE

Il giovane talento sta parlando di sé in termini filosofici, usa il meccanismo psichico di difesa dall’angoscia della “proiezione” per non prendere coscienza del suo normale bisogno di dipendenza affettiva e psichica. Continua a usare il meccanismo di difesa della “razionalizzazione” traslandolo nella Filosofia, in un concetto sul Cosmo, la Grande Madre, che oscilla tra fusione e distacco, proprio le psicodinamiche che ha vissuto e sta vivendo in questo momento della sua esistenza: autonomia e far legge a me stesso o dipendenza psichica dalla madre e dal padre. Questa è la sua strenua battaglia in linea con i tempi e con le relazioni. Uscito dalla “posizione psichica edipica”, conflittualità con i genitori, si avvia verso la “posizione psichica genitale”, sessualità rivolta all’oggetto del desiderio e senso-sentimento di donazione. Questo passaggio è importante per l’evoluzione psichica. Ma bisogna anche considerare l’esito della “posizione psichica fallico-narcisistica” nella quale il soggetto si compiace di se stesso e delle sue capacità chiudendosi in una dimensione solipsistica. L’autocompiacimento delle proprie doti intellettive e della propria persona è ben visibile nel nostro piccolo genio, così come l’amor proprio. Si profila nel paragrafo il ritorno alla fusione dopo il distacco, il ritorno al padre e alla madre dopo la separazione, ma sono psicodinamiche “in fieri” e che si possono controllare. E’ opportuna una nota sul concetto del “Tempo”. Quest’ultimo viene concepito non lineare ed evolutivo, ma circolare e basato sulla ripetizione degli schemi dinamici e dei contenuti. Il “breve eterno” psichico, la dimensione del presente in atto nell’Io consapevole, spiega questa intuizione del ragazzo: tutto ciò che è presente nella coscienza esiste e di questo si può parlare sempre al presente.

Con questo testo mi oppongo all’ateismo, l’umanità senza religione, che crede di sapere di più, la quale non sa però fondere l’universo con l’uomo.”

NOTE FILOSOFICHE

Pensate, pensate! Un ragazzo di undici anni si oppone all’ateismo con un testo umanistico sintetico che suppone conoscenze e formazione filosofiche di alto livello. Il processo psichico di “sublimazione” dell’angoscia depressiva della perdita funziona bene e viene chiamato in causa. Il grande peccato originale viene fissato “nell’umanità senza religione” che crede di sapere di più del creatore, Scienza, e non sa fondersi con l’universo e non sa vivere in simbiosi, il Panteismo di Spinoza. Spiego: dice il ragazzo intraprendente che l’uomo deve fondersi e non scindersi con l’universo creato da Dio e che la Scienza è anti-ecologica. L‘uomo deve tornare a Dio da cui proviene e la “coscienza di sé” è fondamentale per questo recupero dell’unità del Tutto Vivente. Allora, l’uomo si è scisso da Dio creatore dell’universo e a lui deve ritornare tramite la “coscienza di sé” e non il “Sapere” generale che è arrogante e peccaminoso perché è come un competere con il Creatore. L’uomo crede di sapere più di Dio, ma la Scienza non serve per il ritorno al Padre o alla Madre o al Tutto Vivente e semplicemente perché salvifica e indispensabile è soltanto la “coscienza di sé”. L’Uomo ricerca il suo posto nell’universo e la sua dipendenza da Dio, da un Assoluto, da un Principio. La Religione è da intendere non come un insieme di temi fideistici desunti da varie professioni storiche, ma come un bisogno psicologico di dipendenza e di ricollocazione di un Uomo alla deriva nell’universo. Il giovane talento si schiera contro l’assenza e la negazione di Dio. Non è vero che Dio è morto, al contrario è l’Uomo che senza Dio è Nulla.

TRADUZIONE PSICOLOGICA

“Io non posso vivere da solo. Devo vivere con gli altri e devo avere dei valori importanti, ma soprattutto devo riconoscere quelli che mi stanno attorno sin da quando sono nato.”

NOTE PSICOLOGICHE

Ritorna il processo di difesa dall’angoscia depressiva di perdita della “sublimazione”. Il meccanismo, sempre di difesa, della “razionalizzazione” supporta l’elevazione al cielo e il richiamo verso l’alto. A undici anni tale ricorso e tali usi sono assolutamente normali se usati nelle giuste dosi. La “libido” o energia vitale non è gustata nella sua essenza istintiva e pulsionale, ma viene edulcorata e commutata tramite la Ragione e la speculazione in una ricerca astratta di verità storiche e ataviche. L’Io prevale sull’Es, come si è rilevato in precedenza, le attività di vigilanza e di autocontrollo controllano le pulsioni e offrono un adolescente cresciuto in fretta per difesa e più razionale di un cosiddetto adulto in circolazione nei circuiti televisivi e politici. Riemerge il bisogno di chiusura in un ambito familiare dopo un’apertura al mondo e a coloro che lo abitano. Il giovane è in contrasto con l’introversione e l’estroversione intese come strategie psicologiche ed esistenziali. In questo conflitto l’uso della Ragione non lo aiuta, ma lo allontana dalla giusta collocazione psicologica di un “sé” adolescente. Chi spada ferisce, di spada perisce. Troppa e precoce razionalità non formano il genio, ma un bambino in sofferenza.

Quindi per conquistare l’universo bisognerà essere religiosi ed avere un pensiero più esteso, oltre l’umanità.”

NOTE FILOSOFICHE

La proposta costruttiva e soteriologica è, di conseguenza, quella di tornare alla fusione con Dio creatore tramite la sua creazione, l’Universo, e di avere gli orizzonti allargati e alieni dalle bassezze terrene e materiali, “un pensiero più esteso, oltre l’umanità”. Alzare lo sguardo al Cielo e rifondersi con il Creatore tramite il creato, “l’universo”, in cui l’Uomo è stato a suo tempo inserito a pieno titolo privilegiato. La grecità della “ubris” si fonde nuovamente con il Panteismo e la Religione viene intesa come avere un Pensiero, una Filosofia allargata che specula non scientificamente sulla Realtà vivente, ma globalmente come ricerca della giusta collocazione dell’Uomo, la creatura che si pone come “significante”, che “sa di sé” e delle sue mirabili capacità progressive, del suo ruolo e del suo metodo per risolvere i suoi problemi e le sue angosce. L’Uomo è colui che interpreta i “segni”, decodifica, e dà i “significati” alle Cose della Realtà Vivente proprio perché ha in prima istanza dato a se stesso la Verità di sé, la coscienza del suo Essere. I richiami filosofici abbondano e sono gli stessi che abbiamo incontrato nel corso di questa analisi polivalente, a metà tra la Filosofia e la Psicologia dinamica.

TRADUZIONE PSICOLOGICA

“Per affermarmi chiedo a me stesso di avere tanti ideali e tante relazioni umane significative e non formali.”

NOTE PSICOLOGICHE

Le angosce di un ragazzo di undici anni che si è ben individualizzato, che “sa di sé”, che viaggia verso l’autonomia psicofisica e che deve risolvere le dipendenze psichiche e soprattutto affettive dai genitori e dalla famiglia, queste sono le angosce e i conflitti del nostro spigliato giovane. Tra una benefica “regressione” difensiva al grembo materno e un bisogno di essere privilegiato in un ruolo nobile e impegnativo scorre il recupero da parte del protagonista di una umanità che va oltre l’umano. Cosa vuol dire “oltre l’umanità”? Si richiama la filosofia disorganica di Nietzsche e il testo “Umano, troppo umano” e la speculazione sul Superuomo, andare “oltre l’Uomo” per l’appunto. I concetti di “Super” e di “Oltre” prospettano una dimensione psichica al di là della consapevolezza dell’Io. Freud aveva individuato l’Inconscio come la dimensione psichica ancora inconsapevole e che vuole emergere alla Coscienza con tutto il suo carico energetico, un buon alleato per far nascere tutto quello che si è prospettato in noi e che ancora non ha trovato la sua naturale realizzazione: la creatività e la Fantasia non divergono dalla Scienza tramite e in grazie al Sapere di sé, condizione unica per la risoluzione dei conflitti psico-relazionali. Atteggiamenti psichici e modalità mentali sono stati tradotti in pensieri e in Scienza. Dalla dipendenza all’emancipazione tramite il “sapere di sé” come condizione del “sapere dell’Altro” e della Natura, è questo il tragitto che segue L’Essere tramite il Pensiero. Senza autocoscienza il Pensiero non progredisce e l’uomo non è autentico nel suo vivere e non può reinserirsi nel “Tutto Vivente” da cui ci si era scisso.

Che voi, dopo questo testo, siate!”

NOTE FILOSOFICHE

La conclusione del testo tesse religiosamente l’elogio dell’arroganza e della buona onnipotenza, quella che non si lascia aggredire e combattere per la sua connaturata generosità. Sorprendente e incredibile è il monito del pontefice massimo che ha elargito la buona novella, la metodologia umana ed esistenziale intorno alla Verità e alla sua gestione. La Verità è sempre ammantata di sacro e si nasconde per lasciarsi cogliere soltanto dall’uomo che la cerca e le toglie il Velo di Maya. Fu così al tempo dei Greci e dei grandi sacerdoti, fu così al tempo di Socrate, di Budda e di Cristo, fu così al tempo delle religioni monoteistiche. Con la morte di Dio l’uomo è rimasto solo e attende il prossimo Ente e la sua Verità. Mi piace concludere con la rielaborazione dei temi di Nietzsche.

TRADUZIONE PSICOLOGICA

“Questo è l’augurio che faccio a me stesso dopo la presa di coscienza che mi ha consentito questa riflessione sul significato di Essere. Adesso sono pronto a migliorarmi.”

NOTE PSICOLOGICHE

Il nostro benamato ragazzo benedice quel popolo a cui ha elargito la sua Verità e auspica il ritorno all’Essere tramite il Pensiero. L’auspicio è rivolto a se stesso e il bisogno della “coscienza di sé” è la traduzione del suo cammino di vita e del suo travaglio psichico. Dalla Ragione al ritorno al sacro e al mistero, questo è il processo seguito e foriero di buoni progressi.

Dai, allora, caro e sconosciuto amico mio, metticela tutta e avanti con giudizio e con modestia. La strada intrapresa è quella giusta. Buttati fuori e comprova con gli altri che quello che tu pensi è condivisibile e accettabile. E non dimenticare mai il corpo quando esci con la persona che ti attizza.

Questo è quanto.

DOMANDE & RISPOSTE

L’analisi del testo del giovane portento è stata affidata alla riflessione di un collega con cui condivido la formazione filosofica e psicologica, nonché la passione per gli spaghetti alle cozze e i cannoli alla ricotta della Fattoria Italia in quel di Solarino. Il colloquio è stato proficuo e chiarificatore.

Collega

Ho visto che ti sei dilungato nell’analisi di questo testo. Ti è piaciuto? Ma un ragazzino di undici anni può scrivere queste cose?

Salvatore

Mi è piaciuto un casino e non mi ha sorpreso. Non ho alcun dubbio che si tratta di farina del suo sacco. Il testo non può essere stato manomesso o copiato o ispirato da chissà chi e da chissà cosa. Lo ha scritto in maniera consona alla sua età e formazione. Non può aver copiato perché quello che afferma è logico-consequenziale e dimostra di averlo ben elaborato e capito. Non poteva certo scrivere quello che non sapeva e che non aveva pensato. E poi la titubanza della forma fa capire il travaglio del cimento più grande di lui e alla sua portata non per grazia ricevuta, ma per la tendenza a macerarsi sui grandi problemi e sui grandi sistemi che poi sono i suoi conflitti e i suoi dubbi.

Collega

E allora come lo spieghi questo exploit?

Salvatore

Questo ragazzo ha messo per iscritto le tematiche umane universali e lo ha fatto seguendo linee principali della sua formazione psichica. E’ un giovane prevalentemente introverso che si è costruito dopo tanta riflessione e che ha privilegiato sin da piccolo la sua razionalità e ha trascurato le sue emozioni. Tecnicamente ha preso paura della vita dei “fantasmi” ed è stato educato al cinquanta per cento a ragionare sulle cose e per il resto ha scelto di usare la testa. A livello psicodinamico ha usato “meccanismi psichici di difesa dall’angoscia adulti e secondari”, ma anche i “meccanismi primari” sono presenti. Comunque il ragazzo da piccolissimo, primo anno di vita, ha elaborato pochi “fantasmi” perché per paura li ha voluti subito razionalizzare e capire. Da questa esigenza primaria di soluzione dell’angoscia nasce il filosofo, meglio la tendenza riflettere e a filosofare sui temi essenziali dell’esistenza. Tutto qua! Secondo me ha una buona dose di narcisismo e un culto di sé che lo ha portato a differenziarsi dagli altri e a coltivare se stesso. E questo tratto psichico va considerato perché danneggia il gusto della vita.

Collega

Ma quello che hai tirato fuori di filosofico capisco che risponde a verità e non è strappato con i denti, ma mi pare che ti sei troppo allargato sui temi anche perché il tuo amore per la Filosofia non è mai tramontato. Pensi che chi leggerà la decodificazione potrà condividere quello che hai scritto?

Salvatore

Io lavoro di gusto e per mio gusto, tutto il resto è importante ma non determinante. Mi diverto finalmente a essere libero di trovare connessioni e richiami senza dover rendere conto agli addetti ai lavori. Le implicazioni e le contaminazioni mi esaltano. Io sono un teorico della necessità di riattraversare tutto quello che è stato detto in vario modo anche perché tutto è stato detto e adesso si tratta soltanto di approfondirlo, di rimetterlo insieme e di applicarlo alla scienza per migliorare la realtà degli uomini e della Natura dell’Essere, per dirla con le note del ragazzo.

Collega

Che idea ti sei fatto di questo ragazzo?

Salvatore

Dimmi la tua.

Collega

Sai che non sono bravo a descrivere e a cogliere i dettagli come te, soprattutto a metterli insieme per formare un quadro plausibile.

Salvatore

Minchiate! A te la parola.

Collega

Un bambino introverso si è evoluto in un ragazzo che teme di essere diverso dai suoi coetanei e che tende a isolarsi per la paura di non essere capito. Da piccolo si è risparmiato le angosce legate alle rappresentazioni del suo Io e ha precocemente cominciato a ragionare e a farsi una ragione di tutto. La paura della sua strategia adulta lo ha esaltato ma anche addolorato per la difficoltà a mettersi in contatto mentale ed emotivo con i suoi simili. Il meccanismo di difesa poco usato è lo “splitting”, la scissione delle rappresentazioni mentali primarie o fantasmi, a tutto favore della “razionalizzazione”. Come vedi, ho confermato quello che hai detto.

Salvatore

Per paura ha goduto poco la bontà creativa della sua Fantasia. La parola è stata usata per i grandi concetti e non per le mille stronzate dell’infanzia.

Collega

Ai genitori cosa dici?

Salvatore

Che hanno un figlio eccezionale e geniale e suggerisco, a loro e a tutti quelli che interagiscono, di materializzarlo al massimo, di portarlo con i piedi per terra e di insegnarli alla Feuerbach che “l’uomo è anche e soprattutto ciò che mangia” o qualcosa di simile.

Collega

Stasera a casa tua?

Salvatore

Il proverbio dei contadini siciliani dice in lingua italiana che “quando è ora di mangiare arrivano tutti i miei compari, ma quando è ora di lavorare non arriva neanche un cornuto per aiutarmi”. Ecco, tu sei uno di questi cornuti! Ci vediamo dopo, ma non ti presentare senza una guantiera di cannoli di Girlando.

PSICODINAMICHE SESSUALI FEMMINILI

I disturbi sessuali femminili sono la “caduta della libido”, il “vaginismo”, la “dispareunia”, la “anorgasmia”, la “ninfomania” o “desiderio compulsivo”, la “fobia della sessualità”.

Il quadro clinico è sommario e schematico, come tutte le sintesi chiarificatrici, perché ogni donna immette nel suo sintomo la personale e irripetibile formazione psichica.

Una premessa è necessaria.

Le cause delle disarmonie sessuali possono essere organiche, psicologiche e miste. Bisogna, inoltre, distinguere il disturbo principale da quello secondario o acquisito. Il primo appartiene al soggetto, il secondo è legato alle circostanze e al partner.

L’evoluzione della sessualità femminile passa attraverso le seguenti fasi: il desiderio, l’eccitazione, il potenziale evolutivo della coalizione dei sensi o “plateau”, l’orgasmo e la risoluzione.

Il “desiderio” è la rappresentazione mentale dell’istinto, “fantasma”: la pulsione avvertita dall’Es ed elaborata dall’Io. Ha sede nel corpo, “libido”, e viene esaltata dalla fantasia e dalle libere associazioni: operazioni dell’Io. Contrariamente all’etimologia, il latino “de sideribus” traduce l’italiano “dalle stelle”, il “desiderio” sale dal corpo, in esso risiede e da esso si espande, per cui si può definire la prima consapevolezza della “libido” senza le interferenze censorie e morali, nonché limitanti, del “Super-Io”. La Mente considera le sensazioni del Corpo e si appresta a fornire una risposta tramite la catena dei neuroni e la comunicazione delle sinapsi. Il sistema neurovegetativo o autonomo o involontario è in sintonia con il sistema nervoso centrale o volontario. Da questa essenziale cooperazione il desiderio sessuale acquista una sua precisa identità: la disposizione ad attivare ed evolvere la “libido”.

La “eccitazione” è il risultato dell’interazione “Corpo-Mente”, libido-fantasma: il prosieguo psicofisico del desiderio erotico e sessuale. Si attesta nel Corpo e si manifesta con una serie di modificazioni chimiche e fisiologiche: vaso-congestione e inturgidimento degli organi genitali e delle zone erogene, lubrificazione vaginale, aumento del battito cardiaco e del ritmo respiratorio. La Mente riduce la vigilanza dell’Io e percepisce le stimolazioni sensoriali e gli effetti erotici. Cresce in tal modo la benefica tensione seguendo immagini e fantasie personali e legate a modalità di eccitazione sperimentate nel corso dell’evoluzione della “libido”. Lo stato di eccitazione è in atto e passibile di essere intensificato.

Il “potenziale evolutivo della coalizione dei sensi” o “plateau”consiste in un crescendo psicofisico dell’eccitazione contraddistinto dalla forte carica pulsionale e dalla percezione del senso diffuso del piacere dalle zone genitali a tutto il corpo e soprattutto al cervello. La “Mente” è disposta a vivere i movimenti spontanei e naturali del corpo e a non esercitare alcun controllo sullo stato psicofisico in atto e che tende ad accrescersi e a raggiungere un apice, un corto circuito nervoso definito “orgasmo”. La “Mente” tende a percepire e registrare le variazioni del “Corpo”. Quest’ultimo vive i segnali dell’accrescimento del piacere accentuando le sensazioni e le vibrazioni erotiche con conseguente lubrificazione vaginale, irrorazione sanguigna degli organi genitali e della pelle, inturgidimento dei seni ed erezione dei capezzoli e del clitoride, allargamento e sollevamento dell’utero dalla posizione di riposo sul fondo del bacino, la dilatazione e la colorazione delle piccole labbra, la congestione della zona inferiore della vagina, “piattaforma orgasmica”, l’appiattimento del clitoride. Questo stato del “Corpo-Mente” è propedeutico all’orgasmo ed è passibile di controllo nell’andare e nel venire dall’orgasmo fino alla caduta della sensibilità, anestesia. Il “plateau” è una situazione psicofisica gestibile al fine di vivere e rivivere il picco erotico dell’orgasmo.

L’orgasmo è il picco erotico di cui si diceva in precedenza, è un complesso di sensazioni piacevoli e intense che partendo dalla zona sessuale si estendono a tutto il corpo. L’etimologia greca dice di una miscela di ardore e desiderio. Il “Corpo” esprime una serie di contrazioni ritmiche riflesse che coinvolgono i muscoli intorno alla vagina e al perineo e i tessuti inturgiditi della “piattaforma orgasmica”. Il clitoride è la zona da cui si irradiano le sensazioni che innescano le contrazioni vaginali. La “Mente” esige il massimo del disimpegno dell’Io vigilante e l’affidamento ai movimenti neurofisiologici dell’Es, nonché l’assenza totale della funzione inibitrice del “Super-Io”. La donna è stata chiamata in questa escalation del piacere ad affidarsi al suo Corpo e ai suoi processi involontari per “venire”, metafora popolare che si traduce in “partire e arrivare” o disposizione a una forma di “sapere di sé” tramite l’unità “Corpo-Mente”. Accettazione e fascino del proprio “Corpo” sono le condizioni psicologiche per arrivare e ripetere la miscela di ardore e desiderio, “orgasmo”, l’esaltazione dei sensi e l’affidamento della coscienza, “venire”.

La “risoluzione” si attesta nel progressivo e lento sciogliersi delle tensioni e delle contrazioni vissute durante l’apice orgasmico e provocate dall’eccitazione sessuale durante le fasi precedenti. Il “Corpo” è in uno stato di abbandono psicofisico, quasi di piacevole spossatezza, e vive la progressiva cessazione delle reazioni fisiologiche locali, specificamente sessuali. Il “Corpo”, dopo questo naturale turbamento dell’omeostasi, ritorna nello stato di tensione psicofisica necessario per riprendere le attività della propria vita. La “Mente” si riappropria della vigilanza dell’Io e del “principio di realtà” dopo l’intensa esperienza del “principio del piacere”. L’istanza censoria del “Super-Io” riprende la funzione di limite psicosociale in ottemperanza al “principio del dovere”.

In sintesi si rileva che la “libido” femminile ubbidisce al “principio del piacere” attraverso la fantasia, la stimolazione, la vaso-congestione e la lubrificazione, effetti psicosomatici di “conversione” e procede evolutivamente nei turbamenti e nel ripristino dell’equilibrio psicofisico.

Escluse le cause organiche, quelle psicologiche, che possono procurare e motivare un disturbo psicosomatico della sessualità femminile, sono evidenziate in questo quadro clinico e psicodinamico. Degne di considerazione saranno i seguenti fattori: la variazione dello stato di coscienza, l’organizzazione psichica reattiva, la posizione psichica, i meccanismi di difesa, i processi primari o funzione della fantasia, i processi secondari o funzione razionale, i tipi di conversione psicosomatica.

LA CADUTA DELLA LIBIDO

La “caduta della libido” è il disturbo più diffuso, si attesta nella progressiva riduzione del desiderio sessuale e nella indisposizione al coito e a tutte le pratiche erotiche. Si tratta di un’istanza depressiva che coinvolge espressamente la fase dell’eccitazione con una mancata o parziale risposta a uno stimolo erotico adeguato. La donna possibilmente sente il desiderio sessuale, ma inibisce l’eccitazione. La lubrificazione non avviene o si riduce con il procedere del coito insieme all’inturgidimento e alla vaso-congestione vaginale. Manca il coinvolgimento erotico anche in presenza di eccitazione. Quest’ultima è vissuta in maniera meccanica e non attraente perché viene inibita la percezione del piacere: anestesia isterica.

Le cause della “caduta della libido” si attestano in “traumi reali” che evocano i “fantasmi” collegati alle varie “posizioni psichiche”, nello specifico e in prevalenza quelle “genitale” ed “edipica”: investimento e coinvolgimento affettivo, conflittualità con i genitori. Essendo inibita anche la masturbazione, si conferma una forma di autolesionismo legata alla “posizione anale” e all’esercizio della “libido sadomasochistica”.

Sono, inoltre, chiamati in causa i seguenti “meccanismi” e “processi” psichici di difesa dall’angoscia: il ritiro primitivo, il diniego, il controllo onnipotente, il disinvestimento e il controinvestimento, la formazione di sintomi, la conversione isterica, la traslazione, l’isolamento, l’annullamento, lo spostamento, l’intellettualizzazione, la moralizzazione, il volgersi contro il sé, l’acting out, la sublimazione.

Le istanze psichiche chiamate in causa sono l’Es, l’Io e il Super-Io. Le pulsioni erotiche e sessuali dell’Es non sono ammesse e riconosciute, il controllo e la vigilanza razionale dell’Io sono coinvolte ed esaltate, la censura morale e l’imposizione del limite da parte del Super-Io sono massicciamente presenti e determinanti.

I “processi primari” sono esclusi a vantaggio dei “processi secondari”: le fantasie erotiche e sessuali lasciano il posto ai ragionamenti e alle giustificazioni sulla “caduta della libido”.

La variazione dello stato di coscienza è ferma all’autocontrollo vigilante. La donna non si abbandona alle sensazioni e si tiene ferma alle istanze dell’Io vigilante.

Le cause si attestano in traumi dell’infanzia e dell’adolescenza, sentimento di avversione verso il maschile, pulsione omosessuale, travaglio e parto, menopausa, violenza sessuale, trauma d’organo, fantasie d’incesto, tratto depressivo, conflitto di coppia, avversione e pregiudizio verso la sessualità. La “caduta della libido” e dell’eccitazione ha un significato psicodinamico che va individuato e razionalizzato con una psicoterapia analitica.

Le “organizzazioni psichiche reattive” privilegiate e coinvolte sono la “narcisistica”, la “schizoide”, la “paranoide”, la “masochistica”, la “ossessiva”.

IL VAGINISMO

Il “vaginismo” si attesta nella contrazione involontaria dei muscoli pelvici e vaginali con impedimento alla penetrazione e a qualsiasi manipolazione, tra cui anche gli interventi ginecologici e chirurgici. E’ una difesa automatica dalla violenza immaginata, più che subita. Il “vaginismo” non esclude le pratiche sessuali orali o anali, dal momento che il conflitto è legato a filo doppio con la vagina. Quest’ultima, essendo l’organo sensibile e debole, esclude la masturbazione. Il “vaginismo” può essere permanente o acquisito o situazionale: da sempre, con un partner, in determinate circostanze. Le cause sono prevalentemente legate ai “fantasmi” elaborati nella “posizione anale” e “fallico-narcisistica”. Queste donne sono molto seduttive e tendono a supplire alle loro problematica sessuale, vissuta come inferiorità, con l’azione, meccanismo di difesa primario della “messa in atto”, “acting out”. In tal modo rafforzano il conflitto con l’insuccesso. Nell’adolescenza hanno immaginato il coito come violento, ridestando le fantasie sulla “libido sadomasochistica”, e lo hanno associato a un “fantasma di morte” con la conseguente angoscia che intercorre puntualmente nel momento della penetrazione o della manipolazione della vagina. Queste donne hanno, inoltre, operato una “identificazione” nel padre in alleanza difensiva con il nemico durante la “posizione edipica”. Questo meccanismo di difesa porta alla sindrome di Afrodite, la dea fallica e oltremodo fascinosa che attendeva nel mondo greco antico alla seduzione erotica del maschio. Il “vaginismo” non comporta la “caduta del desiderio” e la “eccitazione”, nonché lo stato evolutivo della coalizione dei sensi. Le donne affette da “vaginismo” vivono l’attrazione erotica verso il maschio e le conseguenti secrezioni vaginali in maniera anche intensa e direttamente proporzionale al loro senso di inferiorità, ma non riescono a concepire la penetrazione, perché scatta la caduta del “plateau” erotico. La masturbazione clitoridea è possibile e, di conseguenza, conoscono la fase della “risoluzione” progressiva con il ritorno alla normalità. Possono avere orgasmi ripetuti con la masturbazione. Le donne affette da “vaginismo” hanno facilità a variare lo stato di coscienza nella vita normale perché hanno una propensione isterica, parlano con il corpo. Soltanto la pratica sessuale le trova vigilanti sul fatto che non avvenga la penetrazione. L’Io vigilante si schiera contro le pulsioni dell’Es e il Super-Io rafforza l’inibizione con i sensi di colpa.

La “organizzazione psichica reattiva” è prevalentemente “orale” e “anale” e manifesta la notevole propensione a parlare con il corpo: isteria di conversione.

I meccanismi psichici di difesa dall’angoscia usati sono prevalentemente la “rimozione”, la “formazione di sintomi”, lo “sdoppiamento dell’imago”, la “sublimazione”, la “regressione”, la “razionalizzazione”, la “legittimazione”, la “assoluzione”, la compartimentalizzazione”, la “moralizzazione”, “l’annullamento”.

Le donne affette da questo disturbo hanno fantasie sessuali che provvedono opportunamente a “razionalizzare” di fronte alla possibilità del coito.

LA DISPAREUNIA

La “dispareunia” è collegata al “vaginismo” e consiste nella dolorosità per contrazione involontaria dei muscoli che la donna avverte nell’area vaginale all’atto della penetrazione e soprattutto durante il rapporto sessuale.

Le cause sono legate a “traumi reali” e ai “fantasmi” elaborati durante la “posizione anale”, “fallico-narcisistica”, “edipica” durante il periodo critico dell’adolescenza. Elenchiamo le cause: rifiuto della madre anaffettiva e dipendenza, educazione religiosa rigida, assenza di educazione sessuale, trauma da gioco erotico durante l’infanzia e l’adolescenza, violenza sessuale, trauma da pedofilia, trauma da visita ginecologica e da intervento chirurgico, somatizzazione d’ostilità repressa verso il maschio e verso il partner, trauma da travaglio e da parto. Pur tuttavia, queste donne non vogliono assolutamente esser da meno delle altre, con cui oltretutto sono in competizione, e si prestano alla penetrazione nonostante l’insorgenza e la persistenza del dolore. In tal modo sono orgogliose di essere ricercate anche se il prezzo da pagare è la sofferenza: “posizione anale” e “libido sadomasochistica”, nonché “posizione fallico-narcisistica” con relativa “libido” auto-gratificante”.

Le donne affette da “dispareunia” vivono il desiderio sessuale e raggiungono uno stato di eccitazione, anche in grazie all’esaltazione della “libido sadomasochistica”, che provvedono a ridurre attraverso la convinzione consapevole della dolorosità e della sofferenza. Il “plateau”, l’evoluzione progressiva dei sensi che porta all’orgasmo, viene bloccato dal dolore in caso di penetrazione e di coito. L’orgasmo non viene raggiunto, così come la risoluzione progressiva dell’eccitazione psicofisica.

La variazione dello stato di coscienza è riservata allo stato iniziale dell’eccitazione sessuale. Di poi subentra la paura della sofferenza e il ripristino dell’autocontrollo. In caso di coito la donna è psicologicamente intenta a sopportare e ridurre possibilmente il dolore attraverso autoinduzione naturale di anestesia.

Le “organizzazioni psichiche reattive” coinvolte nella “dispareunia” sono “orale” e “anale”: forti bisogni affettivi e disposizione al sadomasochismo.

Le “posizioni psichiche” richiamate dalla “dispareunia” sono la “orale”, la “anale” e la “fallico-narcisistica” e la “edipica”. La “posizione “genitale” è subordinata alle altre: affettività, sadomasochismo, orgoglio da percezione d’inferiorità, conflittualità con il padre e la madre.

I meccanismi psichici di difesa dall’angoscia usati sono prevalentemente la “rimozione”, la “formazione di sintomi”, lo “sdoppiamento dell’imago”, la “sublimazione”, la “regressione”, la “razionalizzazione”, la “legittimazione”, la “assoluzione”, la compartimentalizzazione”, la “moralizzazione”, “l’annullamento”.

Le donne affette da questo disturbo hanno fantasie sessuali che provvedono opportunamente a “razionalizzare” di fronte alla possibilità del coito.

IL DESIDERIO COMPULSIVO

La “ninfomania” o “desiderio compulsivo” si attesta in un bisogno irrefrenabile di avere rapporti sessuali funzionali esclusivamente all’eccitazione e all’orgasmo: nessun tipo di “libido genitale” o donativa. Il partner viene vissuto come strumento del proprio piacere. Si può definire la “ninfomania” una forma di dipendenza psicofisica. Il “desiderio compulsivo” comporta il bisogno di frequenti rapporti sessuali e la ricerca ossessiva di fantasie e di orgasmi. Queste donne sono sensibili a stimoli interni ed esterni, autoeccitazione tramite fantasie ed etero-eccitazione tramite manipolazione. La “ninfomania” esorbita dal normale appetito sessuale perché amplifica la “libido” fino alla compulsione, alla perdita dell’autocontrollo e alla necessità dell’appagamento anche tramite ricorso a prostituzione e a rapporti occasionali. La compulsione inappagata traligna e si converte in angoscia depressiva. Gli attributi psichici di queste donne sono il “sadomasochismo” della “posizione anale”, l’esibizionismo della “posizione fallico-narcisistica”, la minimalità della “posizione genitale”, la riduzione dell’autocontrollo con la crisi della istanza razionale “Io” a favore dell’istanza pulsionale “Es”, nonché l’assenza della funzione inibitoria del “Super-Io”. La “ninfomania” comporta un deficit dei normali meccanismi di regolazione degli impulsi sessuali a causa di una errata modulazione collegata al vissuto del corpo e delle relazioni. Il desiderio sessuale compulsivo si origina in gruppi familiari qualità opposte: gruppo rigido e anaffettivo o gruppo immorale e intrusivo. La “ninfomania” si valuta come una forma di dipendenza dall’attività sessuale e speso si forma all’interno di famiglie che hanno pendenze irrisolte con l’alcool, il gioco, il cibo e altro. La radice della ninfomania è depressiva e il fantasma collegato è di “perdita”. La “ninfomania” eccede nel desiderio, nell’eccitazione, mantiene un “plateau” elevato, richiede orgasmi vari e ripetuti, ha una soglia di risoluzione dell’eccitazione alta per cui può rivivere un altro orgasmo con facilità durante lo stesso rapporto.

La “ninfomania” è dotata di una estrema facilità e repentinità a variare lo stato di coscienza. La “organizzazione psichica reattiva” richiamata è “fallico-narcisistica” e si accompagna a una disposizione all’esercizio della “libido sadomasochistica”. La “posizione psichica” esaltata è la “fallico-narcisistica”: autocompiacimento e potere del corpo. La fantasia prevale nettamente sulla ragione. L’autocontrollo è precario. I “meccanismi psichici di difesa” dall’angoscia usati sono la il “ritiro primitivo”, il “diniego”, il “controllo onnipotente”, la “scissione delle imago”, la “rimozione”, la regressione”, “l’isolamento”, “l’annullamento”, “l’acting out”, la “sessualizzazione”. La “ninfomania”, con l’esaltare la “libido fallico-narcisistica” in esorcismo del “fantasma di morte” collegato alla perdita depressiva delle sensazioni del corpo, incorre nella depressione più spietata quando viene frustrata e vanificata per varie ragioni, per cui la compensazione difensiva dell’angoscia è importante e salvifica dalle spire maligne della depressione.

LA FOBIA DELLA SESSUALITA’

La “fobia della sessualità” si attesta in un’avversione immotivata e innaturale nei riguardi dell’attività sessuale di qualsiasi tipo. Si tratta di una difesa dall’angoscia di vivere e di svolgere qualsiasi esperienza riguardante le pulsioni erotiche e sessuali espresse dall’Es. Del resto, trattandosi di fobia, viene operata una “traslazione” difensiva del vero oggetto d’angoscia nella sensibilità del corpo. Il rifiuto della “libido” va dal bacio, “orale”, alla penetrazione, “genitale” e comprende tutta la gamma dell’attività erotica, epiteliale, sadomasochistica, narcisistica con surrogati vari ed eventuali. Il meccanismo principale di difesa dall’angoscia della sessualità è la “negazione”. Queste donne non sono asessuate, tutt’altro, ma entrano in panico nel momento in cui si imbattono in situazioni che possono avere un risvolto erotico e sessuale, situazioni in cui la sensibilità e la sensualità del corpo possono essere protagoniste. Queste ultime fungono da causa scatenante di una crisi psicofisica, timor panico con conversioni isteriche, come se rievocassero traumi subiti e fantasmi elaborati sul tema violenza sessuale. Questa inibizione è rivolta al maschio e si risolve in un’avversione verso qualsiasi uomo che può diventare causa di dolore e non di piacere, può scatenare una crisi isterica d’angoscia e di timor panico. Un ulteriore problema si attesta sul fatto che in prevalenza queste donne sono particolarmente belle e attraenti, la sindrome della modella, e quindi particolarmente ricercate e fatte oggetto di seduzione da parte del maschio. La psicodinamica della donna bella e attraente si spiega con la convinzione erronea e difensiva che il maschio cerca il suo corpo e non la sua mente. Si ritengono poco intelligenti e valutate soltanto per la bellezza di un corpo che fondamentalmente non accettano. Hanno alle spalle famiglie molto rigide a livello morale e affettivo. Nell’infanzia e nell’adolescenza non sono state educate a vivere il corpo e i suoi diritti in maniera naturale e gratificante, ma sono state costrette a reprimere impulsi e desideri. Hanno formato in tal modo un “Super-Io” molto rigido con censure morali sconsiderate e un “Io” oltremodo vigilante per non cadere nelle tentazioni delle pulsioni dell’”Es”. Hanno, di conseguenza, strutturato un nucleo paranoico con la paura di essere oggetto di minaccia e di aggressione. Il desiderio sessuale è stato inibito nell’infanzia da madri improvvide e frustrate con la prescrizione di evitare i maschi in quanto pericolosi.

Nella “fobia della sessualità” sono richiamate a vario modo e a vario titolo tutte le “organizzazioni psichiche reattive” e le “posizioni psichiche” corrispondenti..

La “orale” è chiamata in causa per la sfera affettiva e per l’incapacità ad affidarsi al proprio corpo e a un uomo.

La “anale” è implicata per la pulsione fobica. Ogni fobia comporta una sensibilità alla colpa e la conseguente espiazione richiede l’inibizione dell’esercizio della “libido sadomasochistica”. A tanto trambusto psicofisico consegue la crisi di panico con l’avvento dell’azione devastante del “fantasma di morte” e dell’angoscia collegata.

La “fallico-narcisistica” è nettamente capovolta con il rifiuto del corpo e l’assenza del bisogno di potere e di autocompiacimento. La ragione annulla qualsiasi intervento della fantasia.

La “genitale” è chiamata in causa per il mancato riconoscimento dell’altro e dell’investimento di “libido”, per il non concedere a se stesse e il non concedersi agli altri.

I “meccanismi psichici di difesa” dall’angoscia usati sono la il “ritiro primitivo”, il “diniego”, il “controllo onnipotente”, la “scissione delle imago”, la “rimozione”, la regressione”, “l’isolamento”, “l’annullamento”, “l’acting out”, la “sessualizzazione”.

Essendo l’Io oltremodo vigilante, la variazione dello stato di coscienza è ben controllata sin dal nascere, così come sono ridotte al minimo le fantasie sessuali a favore dell’esercizio spietato della ragione.

La “fobia della sessualità” incorre in maniera privilegiata nella conversione isterica della “libido” con crisi di timor panico. Il corpo e le sue funzioni diventano il teatro della rappresentazione dello psicodramma in atto.

L’ANORGASMIA

La “anorgasmia” si traduce “assenza di orgasmo” e si attesta fisiologicamente nell’inibizione delle vibrazioni intrauterine ed extrauterine dopo un’adeguata eccitazione sessuale. L’anorgasmia si manifesta nella masturbazione e nel coito.

La definizione e la descrizione dell’orgasmo è d’obbligo per una migliore comprensione del disturbo. L’orgasmo si traduce nella massima sensazione del piacere. Questo apice psicofisico si traduce in una serie di intensi spasmi e di contrazione dei muscoli della zona anale e vaginale interna ed esterna. Particolare importanza assume la stimolazione del clitoride e della zona interna corrispondente definita punto “g” dove si concentrano tantissime innervazioni che sintetizzano il piacere in una scarica isterica. Al massimo dell’eccitazione, orgasmo, subentra il progressivo rilassamento psicofisico, mentale e corporeo. Si distinguono due orgasmi: il clitorideo e il vaginale. Nel coito spesso e in maniera ottimale avvengono entrambi con il massimo del piacere attraverso la stimolazione e lo sfregamento delle terminazioni nervose.

Le cause, eziologia, dell’anorgasmia sono molteplici e si attestano nel versante personale dei “fantasmi” e delle relazioni. Tra le prime si rileva immediatamente un “fantasma di morte” nel vivere il rapporto sessuale come una progressiva caduta della vigilanza dell’Io che porta all’incapacità di controllare le reazioni involontarie del corpo. L’orgasmo viene vissuto come uno svenimento e un lasciarsi andare alla mercé dell’altro. Di conseguenza, la donna si ossessiona durante il rapporto sessuale nella auto-osservazione dei movimenti spontanei del suo corpo e si atterrisce nel vivere il progressivo piacere che aumenta in maniera direttamente proporzionale al suo lasciarsi andare. La donna è spettatrice di se stessa fino all’astensione difensiva dal partecipare, meccanismo psichico di difesa dello “evitamento”. Il blocco psicofisico intercorre a metà rapporto e produce la progressiva secchezza vaginale e anestesia delle zone erogene.

La donna non si piace e non si sente normale, non si masturba perché è convinta di non arrivare all’orgasmo, ma è ossessionata da questo traguardo. Coltiva un “fantasma di menomazione d’organo” che poi si allarga a un generale complesso d’inferiorità e d’inadeguatezza.

Un conflitto psichico relazionale è quello “edipico”, il vissuto in riguardo al padre e alla madre. Le donne anorgasmiche hanno pendenze psichiche verso la figura paterna vissuta come fredda e anaffetiva e di conseguenza rifiutata, nonché hanno maturato una disistima nei confronti della madre su cui si sono parzialmente identificate per non incorrere in disturbi psichici gravi. La “posizione psichica edipica” è stata risolta in maniera precaria e porta la donna a ridestare un tratto “fallico”, potere e competizione, contro il maschio, oggetto del suo desiderio sessuale ma pericolo per la sua sopravvivenza. La donna anorgasmica soffre di invidia del pene, seduce come Afrodite, vuole ma si blocca, è competitiva con il maschio e facile alla rassegnazione e al compianto della sua anormalità, ha difficoltà e ambivalenze affettive, sa chiedere in riguardo al sesso ma poi si rifiuta di partecipare. Qualora si dispone al rapporto sessuale, nega a se stessa che in qualche modo può essere andato anche bene, rafforzando la sindrome d’indegnità.

L’aggressività verso il maschio è profonda e porta spesso la donna a essere compiacente alle richieste più o meno perverse per nascondere la sua inferiorità e per dimostrare all’incontrario la sua superiorità rispetto alle altre donne. La donna anorgasmica è narcisistica nella versione autolesionistica ed è carente di amor proprio. La sua attenzione ossessiva e i suoi sforzi d’investimento della “libido” sono diretti a non subire frustrazioni, castrazioni e perdite, a non ridestare il “fantasma depressivo” e i tratti psichici collegati.

La donna anorgasmica ha difficoltà a variare lo stato di coscienza dal momento che la vigilanza è imprescindibile nella sua azione fino a diventare ossessione all’autocontrollo e al controllo della situazione in cui si viene a trovare nella vita di tutti i giorni. Ha difficoltà a lasciarsi andare e a vivere i bisogni del corpo, pur avvertendo le pulsioni erotiche e sessuali specialmente in sul primo insorgere. La lubrificazione vaginale è quasi immediata in quanto la Psiche non ha il tempo di inibirla perché la sua risposta è più lenta rispetto all’immediatezza dell’istinto. Le donne anorgasmiche sono monotone nell’umore e nell’esibizione. Si mostrano spesso agli altri con spavalderia e supponenza per nascondere il loro punto debole.

Le “organizzazioni psichiche reattive” coinvolte in questo disturbo sessuale sono la “edipica” e in subordine la “fallico-narcisistica”, la “orale” e la “anale”.

La “posizione psichica edipica” è dominante nel formarsi e nell’insorgere della anorgasmia. La conflittualità nei riguardi della figura paterna e la conseguente disistima della madre sono la base profonda del disturbo.

I “meccanismi psichici di difesa” dall’angoscia coinvolti nell’anorgasmia sono il “ritiro primitivo”, il “controllo onnipotente”, la “rimozione”, “l’isolamento”, la “razionalizzazione”, la “compartimentalizzazione”, “l’annullamento”, la “legittimazione”, la “assoluzione”, “l’acting out”, la “sessualizzazione”, la “sublimazione”.

L’attività della Fantasia è ridotta rispetto all’esercizio della Ragione. La donna anorgasmica rischia di portare a degenerazione la facoltà razionale fino al limite paranoico: far pensare agli altri ciò che pensa lei.

Le istanze psichiche istruite nella anorgasmia sono “l’Io” e la consapevolezza della vigilanza e del controllo di se stessa e della situazione, il “Super-Io” e la censura moralistica della sessualità con possibilità di deroga finalizzata a nascondere la difficoltà, l’Es e il sistema delle pulsioni bloccato all’insorgere del “fantasma” di perdere il controllo.

Il disturbo dell’anorgasmia si attesta nella conversione isterica delle tensioni accumulate a causa della menomazione e dell’inferiorità.

L’anorgasmia necessita di psicoterapia a orientamento psicoanalitico dal momento che la sua radice è “edipica” e l’indagine verte su livelli psichici profondi e di particolare delicatezza. La prognosi è fausta grazie alla “razionalizzazione del fantasma” che intercorre durante il rapporto sessuale.

CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

I disturbi sessuali femminili non si riducono a queste utili classificazioni. Ogni donna ha una “organizzazione psichica reattiva” che integra e compensa con il minor danno possibile le caratteristiche specifiche della sua vita sessuale.

Di particolare rilievo sono i sensi d’inferiori in riguardo al corpo e di inadeguatezza in riguardo alla capacità di relazionarsi sessualmente, la difficoltà di abbandonarsi e la paura di prendere l’iniziativa, la repressione delle pulsioni e la scarsa consapevolezza dei desideri, la presenza di sensi di colpa inopportuni in riguardo alla sessualità, i disturbi della dimensione del piacere e non specificamente sessuali.

Molto importanti sono anche le problematiche seguenti: le difficoltà sessuali del partner che si riflettono sulla donna e nell’armonia della coppia, i problemi relazionali della coppia che si riflettono sulla vita sessuale di uno o di entrambi i membri.

IO E L’ALTRA

L’IO TRA L’ES E IL SUPER-IO

TRAMA DEL SOGNO – CONTENUTO MANIFESTO

“Mi trovavo in macchina con una ragazza con la quale non parlo più.

Dovevamo raggiungere la stazione dei treni.

Viaggiavamo in auto e le corsie erano molto larghe e tratteggiate di giallo.

Tenevo in mano il navigatore ed ero impaurita da qualcosa.

Lei ha imboccato una zona a traffico limitato sbagliando strada.

Arrivate in stazione l’ho lasciata partire da sola.”

Aggiungo che sogno in dimensioni enormi.

Norma

DECODIFICAZIONE – CONTENUTO LATENTE

CONSIDERAZIONI

Parto dal finale di questo sogno, semplice e arduo allo stesso tempo, per i risvolti metodologici che comporta: perché si sogna in dimensioni enormi?

L’ipertrofia della funzione onirica è direttamente proporzionale alla ipertrofia dell’Io e al bisogno che quest’ultimo ha di difendersi dall’angoscia. Proprio perché ha bisogno di ridimensionare i vissuti, la Psiche esalta in sogno il trauma servendosi del meccanismo di convertirlo nell’opposto, della serie “voglio minimizzarlo e allora lo ingrandisco tramite la “figurabilità”. Da un lato avviene la “proiezione” dell’alto-locazione e dell’ipertrofia dell’Io e dall’altro lato si ingigantisce la “parte psichica” che è in crisi e che vorrebbe essere eliminata o quanto meno ridimensionata. Il sogno di Nora mi permetterà di spiegare meglio una proprietà della Psiche e una qualità dell’irripetibile corredo psichico personale: la “organizzazione reattiva” evolutiva.

Vado al dunque prima di perdermi con la retorica.

Il sogno di Nora esordisce mettendo chiaramente in rilievo il “meccanismo psichico di difesa” dall’angoscia della “scissione dell’Io”: “Mi trovavo in macchina con una ragazza con la quale non parlo più.” Nora si divide in “una se stessa” che accetta e in cui si riconosce e in “un’altra se stessa” che non gradisce e civilmente rifiuta. Il titolo “Io e l’Altra”, attenzione con la A maiuscola, sintetizza chiaramente la delicata psicodinamica della “scissione”. Questa è la lettura profonda del sogno di Nora e ci dice che la nostra “organizzazione psichica evolutiva” reagisce e attinge ai “meccanismi psichici di difesa” dall’angoscia secondo l’urgenza del bisogno e senza distinzioni di qualità o di altro. Nello specifico Nora, usando la “scissione dell’Io” e dividendosi in due Nora, induce una preoccupazione allarmistica dal momento che è stato sempre detto dalla Psichiatria ufficiale di scuola medica e organicistica che la “scissione dell’Io”, è un sintomo pericoloso che porta alla cosiddetta follia ossia a perdere il contatto con la realtà e a elaborare un delirio. La Psicoanalisi, invece, dice che la Psiche si organizza usando naturalmente i “meccanismi e i processi di difesa” dall’angoscia senza discriminazione qualitativa, ma per risolvere il conflitto e attenuare, di conseguenza, le tensioni ripristinando l’equilibrio psicofisico. Questi strumenti di difesa sono tutti funzionali a difenderci dall’angoscia, per cui sono buoni e utili semplicemente perché sono reali e positivi. Appartengono all’umano corredo psicofisico come i testicoli e le ovaie. La Psiche, di conseguenza, è da intendere anche come il precipitato dell’insieme dei “meccanismi e dei processi di difesa” che l’Io usa nel corso della sua evoluzione psicofisica. La scelta di questi strumenti appartiene a ogni persona e avviene in maniera naturale come reazione alle pulsioni sin dall’infanzia e si perfeziona nell’età adulta con la consapevolezza e la complessità. Non tutti usiamo gli stessi meccanismi e gli stessi processi di difesa dall’angoscia. La Psicoanalisi ha fornito il quadro della loro quantità e qualità. Il discorso scientifico resta, pur tuttavia e meno male, aperto.

E passo alla seconda interpretazione del sogno di Nora, quella che vuole l’interazione conflittuale tra le istanze psichiche “Io”, “Es” e “Super-Io” in riguardo alla sessualità e ai vissuti collegati o alle esperienze vissute. Il titolo è il seguente: “L’Io tra l’Es e il Super-Io”. Riepilogo: l’Io è l’istanza consapevole e vigilante legata al “principio di realtà” e all’esercizio della razionalità, l’Es è l’istanza che rappresenta le pulsioni e le inquadra nei “fantasmi” ed è legato al “principio del piacere” e all’esercizio degli istinti, il Super-Io è l’istanza che censura e limita ed è legata al “principio del dovere”. Nel sogno di Nora si coglie lampantemente il conflitto tra le istanze, per cui la decodificazione terrà conto di questi due piani psichici che sono convergenti e si integrano dando completezza al sogno di una donna che in poche righe si trova squadernata non soltanto una sua consistente psicodinamica, il conflitto tra le istanze, ma anche le modalità e le qualità della sua “organizzazione psichica reattiva”.

Un ultima considerazione esige che l’evoluzione e la formazione psichiche avvengono anche con il rifiuto di “parti di noi” e di esperienze vissute particolarmente traumatiche e fomentatrici di tensioni. L’estromissione attraverso i meccanismi della “negazione” e della “scissione” deve essere temporaneo perché la Psiche ha il compito e il merito di integrare nella “organizzazione evolutiva” i suddetti vissuti e le suddette esperienze al fine di raggiungere quell’armonia omeostatica tra pulsioni e limiti, tra istinto e ragione secondo le mediazioni dell’Io. Ripeto: il materiale psichico avvolto di vergogna e di colpa va accettato e non rifiutato, al fine di essere migliori nel presente e nel futuro prossimo.

Adesso vi racconto la storia del sogno di Nora. C’era una volta Nora e a un certo punto della sua giovane vita ha vissuto un’esperienza sessuale traumatica che non ha ben razionalizzato. Doveva necessariamente liberarsi di questa angoscia che si portava dentro e allora ha elaborato un’altra Nora a cui ha donato il carico emotivo ed ha attribuito la responsabilità del trauma. Di poi, ha accompagnato alla stazione questa sua liberatoria costruzione psichica per non farla tornare mai più e illudendosi sulla bontà della sua operazione.

Procedere nella decodificazione del sogno di Nora sarà degno di interesse per l’opportunità che offre di vedere in atto meccanismi delicati e per superare i pregiudizi psichiatrici organicistici che non consentivano di concepire la follia come una delle tante forme di normalità o di “organizzazione psichica reattiva” dei propri fantasmi e dei propri irripetibili vissuti. Importante è l’Etica del “non farsi male e non far male”.

SIMBOLI – ARCHETIPI – FANTASMI – INTERAZIONE ANALITICA

Mi trovavo in macchina con una ragazza con la quale non parlo più.”

Nora esordisce con la sua funzione sessuale e si sdoppia mettendo in mostra il suo “alter ego”, quella “se stessa” che non merita il dono del suo affetto e della sua attenzione, quella “se stessa” che non può investire di “libido genitale” e di amorosa cura. Nora non si vive nella sua interezza e unicità, ma si scinde nella donna che gestisce la sua vita sessuale e nella donna che non condivide la gestione della vita sessuale. Norma offre immediatamente una conflittualità psiconevrotica nel vivere la sua sessualità e si pone nelle due modalità. Norma non si piace del tutto nella sua sessualità e nel modo di viverla e gestirla. Degno di nota è l’uso del delicato “meccanismo di difesa” della “scissione dell’Io”. Aggiungo che non si capisce chi delle due Nora guida la macchina. In ogni caso nel conflitto tra le due donne emerge anche un aspro conflitto tra le istanze psichiche dell’intera Nora.

La simbologia dice che “mi trovavo” equivale a essere sul pezzo in trattamento onirico, “in macchina” si traduce nella mia vita sessuale, “una ragazza” si attesta nella “proiezione” nell’altra Nora e nella “scissione dell’Io”, “non parlo più” significa che non amo, non condivido e non riconosco.

Dovevamo raggiungere la stazione dei treni.”

Nora si vuole sbarazzare della “altra se stessa” che decisamente non accetta e rifiuta dal momento che introduce un simbolo depressivo di perdita e un “fantasma di morte” nella “stazione dei treni”. Nora è consapevole di vivere male una sua esperienza sessuale e di volersene liberare. All’uopo difensivo dall’angoscia l’attribuisce alla sua altra “ragazza” ed è decisa a sbarazzarsene al più presto non solo sdoppiandosi, ma anche negando che si tratti di qualcuna e di qualcosa che le appartenga.

La simbologia dice che “dovevamo raggiungere” si traduce “devo ottenere il risultato desiderato e prefisso, “la stazione dei treni” significa la liberazione definitiva per altri meccanismi di difesa come “l’isolamento” o la “rimozione”, il tutto almeno fino a quando Nora non si disporrà verso una benefica “razionalizzazione” del trauma e della responsabilità attribuita alla “altra se stessa”.

Viaggiavamo in auto e le corsie erano molto larghe e tratteggiate di giallo.”

Nora opera un “amarcord”, “io mi ricordo”, e insiste sulla dimensione sessuale rilevando che la sua disposizione è di ampia apertura e ben delineata nel suo obiettivo. Nora non ha conflitti specifici o ristrettezze mentali in riguardo alla sua “posizione psichica genitale” e precisa che tutto va bene e che il suo “Io” gestisce bene le censure del “Super-Io” e le pulsioni dell’Es. Anzi Nora è più propensa all’ordine e al limite, piuttosto che all’esplosività dell’istinto. Questa è la Nora intera e non la Nora scissa di prima. Nel riattraversare la sua formazione sessuale ha operato in sogno una reintegrazione delle due Nora.

I simboli dicono che “viaggiavamo in auto” equivale a “vivevamo la sessualità”, le “corsie” sono percorsi logici e consapevoli come le deliberazioni a cui conseguono le decisioni, “larghe” si traduce in di facile comprensione ed elastiche e di ampia tolleranza, “tratteggiate” conferma la direttività logica e consequenziale, “giallo” è il colore della reattività nervosa e del risentimento, una mezza rabbia.

Tenevo in mano il navigatore ed ero impaurita da qualcosa.”

Ecco la conferma della funzionalità dell’Io, della consapevolezza razionale e della vigilanza realistica!

Nora è attestata sulla sua funzione razionale e sulle disposizioni dell’Io e non vuole in alcun modo affidarsi alle sue emozioni e alle sue pulsioni, specialmente perché non si sente sicura e avverte turbamenti e vacillamenti della dimensione razionale dell’Io. L’autocontrollo è sottoposto a una oscura minaccia e tutto sempre in riguardo alla sessualità, proprio perché le due Nora si trovano in “macchina”.

I simboli dicono che “tenevo in mano” si traduce in possedevo e gestivo, “il navigatore” si traduce nella funzione consapevole e razionale dell’Io, “impaurita” si traduce affetta da emozioni, “da qualcosa” si traduce nell’indefinito di un’emozione e di una pulsione che vuole emergere.

Lei ha imboccato una zona a traffico limitato sbagliando strada.”

E’ la Nora trasgressiva e contestata che guida. Prima il sogno non lo aveva evidenziato in maniera così chiara.

Ed ecco la trasgressione!

L’altra Nora ha vissuto ed esercitato la sua sessualità, libido genitale”, in maniera non idonea alla norma e censurata. Si manifesta in sogno nella sua potenza l’azione limitante e censoria del “Super-Io”. Si ha l’impressione che le due Nora rappresentino l’Es con le sue pulsioni e il “Super-Io” con i suoi divieti morali e i suoi tabù. E l’Io va in sofferenza perché non è il degno attore di questa “scissione” e non è capace di integrare e gestire spinte e contro-spinte.

Ci si chiede veramente a questo punto: “l’Io dove sta e chi lo gestisce?”

I simboli dicono che “ha imboccato” dà il senso della costrizione e della scelta, “zona a traffico limitato” significa ambito sessuale illecito e inibito, “sbagliando strada” ossia derogando dalla norma ufficiale e conclamata.

Arrivate in stazione l’ho lasciata partire da sola.”

Il divorzio è avvenuto. La “Nora Super-Io” si è liberata della “Nora Es” e l’ha relegata nella perdita depressiva, l’ha rinnegata e non ha voluto e potuto riconoscerla come una parte costitutiva della sua “organizzazione psichica reattiva” durante l’evoluzione della sua formazione umana e psicologica. Il “Super-Io” si è sbarazzato dell’Es, il sistema delle censure morali ha sconfitto il sistema delle pulsioni e nello specifico quelle sessuali.

Si pone la domanda di prima: l’Io che fine ha fatto?

E’ stato divorato dal senso del limite e del dovere perché non ha saputo comandare a casa sua e dare equilibrio all’economia delle pulsioni e dei divieti. Nora evidenzia in sogno un conflitto tremendo tra le istanze del desiderio e del limite, ma soprattutto evidenzia una pericolosa crisi della funzione moderatrice e mediatrice della preziosa istanza “Io”.

I simboli dicono che “arrivate” traduce la soluzione del dissidio, “stazione” significa distacco e perdita, “lasciata” conferma della drastica perdita, “partire da sola” equivale a scissione conclamata e a psiconevrosi depressiva.

La decodificazione del delicato sogno di Nora si può concludere con queste ultime note.

PSICODINAMICA

Il sogno di Nora sviluppa la psicodinamica del conflitto tra l’istanza censoria e limitante “Super-Io” e l’istanza pulsionale “Es” con danno della funzione mediatrice “Io”. Tanto trambusto si attesta sulla funzione psicofisica sessuale e tira in ballo anche il “meccanismo psichico di difesa” della “scissione dell’Io” per alleviare la carica d’angoscia e il senso di colpa associato al senso del pudore e al sentimento della vergogna. Il sogno di Nora conferma le tesi della Psicoanalisi in base alle quali la “normalità” psichica non esiste e la cosiddetta “follia” non è altro che una specifica “organizzazione psichica reattiva”. Tale contestazione ribadisce che non esistono “meccanismi e processi di difesa” patologici e normali, ma che esistono “meccanismi e processi psichici di difesa” intesi come modalità di percepire e di organizzare i vissuti individuali: punto e basta! La “organizzazione psichica reattiva” o struttura psichica evolutiva è il “precipitato” calibrato ed equipollente dell’uso dei “meccanismi e dei processi di difesa” gestiti dall’Io.

PUNTI CARDINE

Il punto di snodo interpretativo del sogno di Nora è “Tenevo in mano il navigatore ed ero impaurita da qualcosa”, nonché “Lei ha imboccato una zona a traffico limitato sbagliando strada.”

ULTERIORI RILIEVI METODOLOGICI

Dei “simboli” si è già ampiamente detto cammin facendo, per cui vi rimando ai vari capoversi.

Il sogno di Nora rievoca un tema caro allo “Archetipo” della “Sessualità”, femminile nello specifico, nonché il senso di colpa che spesso l’avvolge e la impregna.

Il “fantasma della sessualità” si scinde nella parte “buona” e positiva che viene incarnata da Nora e in quella “cattiva” e negativa che viene attribuita all’altra ragazza: “Lei ha imboccato una zona a traffico limitato sbagliando strada.”

Il sogno di Nora mette in risalto le tre istanze psichiche “Es”, “Io” e “Super-Io” al punto che poteva intitolarsi “L’Io tra l’Es e il Super-Io”. Il prodotto onirico di Nora si può anche stimare l’allegoria della loro psicodinamica.

L’Es pulsionale o rappresentazione dell’istinto si vede chiaramente in “in macchina con una ragazza con la quale non parlo più.” e in “ero impaurita da qualcosa.” e in “Arrivate in stazione l’ho lasciata partire da sola.”

L’Io vigilante e razionale si mostra in “mi trovavo” e in “Tenevo in mano il navigatore”.

L’istanza censoria e limitante “Super-Io” è presente in “ero impaurita da qualcosa. Lei ha imboccato una zona a traffico limitato sbagliando strada.”

Il sogno di Nora richiama le “posizioni psichiche orale e genitale” in “Mi trovavo in macchina con una ragazza con la quale non parlo più.” e in “Viaggiavamo in auto e le corsie erano molto larghe e tratteggiate di giallo.” e in “Arrivate in stazione l’ho lasciata partire da sola.” Sono presenti le dimensioni affettive e sessuali.

I “meccanismi psichici” di difesa presenti e in azione sono la “condensazione” in “non parlo più” e in “stazione dei treni” e in “corsie” e in “navigatore” e in “strada”,

lo “spostamento” in “macchina” e in “dovevamo raggiungere” e in “viaggiavamo in auto” e in “tratteggiate di giallo” e in “tenevo in mano” e in “sbagliando strada” e in “zona a traffico limitato”,

la “proiezione” in “con una ragazza”,

la “scissione dell’Io” in “una ragazza con la quale non parlo più”,

la “figurabilità” in “Lei ha imboccato una zona a traffico limitato sbagliando strada. Arrivate in stazione l’ho lasciata partire da sola.”, la “rimozione” in “ero impaurita da qualcosa.”.

Il “processo psichico” di difesa della “regressione” è presente nei termini inscritti nella funzione onirica.

La “sublimazione” e la “compensazione” risultano non pervenute.

Il sogno di Nora presenta un tratto “orale” all’interno di una “organizzazione psichica reattiva genitale”: affettività e sessualità. Nora non accetta e non riconosce la esperienza traumatica sessuale e la proietta scindendosi.

Le “figure retoriche” formate da Nora nel suo sognare sono la “metafora” o relazione di somiglianza in “stazione dei treni” e in “navigatore” e in “strada”, la “metonimia” o nesso logico in “non parlo più” e in “macchina” e in “corsie” e “tratteggiate di giallo” e in “zona a traffico limitato” e in “partire da sola”.

“Allegoria dell’Io” è “Tenevo in mano il navigatore” e del “Super-Io” è “ha imboccato una zona a traffico limitato sbagliando strada.”

Allegoria della depressione è “Arrivate in stazione l’ho lasciata partire da sola.”

La “diagnosi” dice di un conflitto tra le istanze psichiche “Es” e “Super-Io” e della difficoltà di mediazione dell’Io, nonché dell’uso del meccanismo di difesa della “scissione dell’Io” in risoluzione temporanea di una psicodinamica sessuale.

La “prognosi” impone a Nora di “razionalizzare” il conflitto sessuale e di comporre il dissidio tra le istanze psichiche dando all’Io il ruolo dovuto senza cadere negli eccessi delle pulsioni e dei divieti, sempre in riguardo alla vita sessuale. Inoltre, Nora è chiamata alla consapevolezza nell’uso del meccanismo di “scissione dell’Io” al fine di risolverlo al più presto e di ripristinare l’equilibrio psicofisico turbato. L’interezza e l’unità sono valori psichici da curare e da seguire.

Il “rischio psicopatologico” si attesta nell’uso eccessivo di “meccanismi di difesa primari” e primitivi che si usano da bambini, nonché nella drastica risoluzione dei conflitti senza servirsi della “razionalizzazione” per dare forza all’Io. Nora rischia di interpretare la realtà in maniera distorta non accettando le sue “parti psichiche” conflittuali e proiettandole a destra e a manca.

Il “grado di purezza onirica” è nell’ordine del “buono”. Nora non ha potuto camuffare la trama del sogno perché si snodava secondo un significato logico consequenziale.

La “causa scatenante” del sogno di Nora si attesta in una riflessione sul passato o nell’incontro con una persona significativa.

La “qualità onirica” è il “dinamismo” delle azioni: “dovevamo raggiungere”, “viaggiavamo”, “ha imboccato”. “arrivate”.

Il sogno di Nora si è svolto nella terza fase del sonno REM alla luce della sua qualità narrativa e della sua pacatezza.

Il “fattore allucinatorio” si attesta nell’esaltazione del senso globale del “movimento” in “mi trovavo” e in “dovevamo raggiungere” e in “viaggiavamo” e in “ha imboccato” e in “arrivate”.

Il “grado di attendibilità” del sogno di Nora è “buono”, per cui il grado di fallacia è “scarso”.

DOMANDE & RISPOSTE

L’interpretazione del sogno di Nora è stata letta da un collega. Questo è il nostro dialogo sui temi contenuti.

Collega

Ho capito che Nora si è scissa in due Nora, una positiva e una negativa, che la buona non comunicava e non voleva avere niente a che fare con la cattiva, che voleva liberarsene tramite un treno che effettuasse il viaggio definitivo di perdita. Il fattaccio e la causa di questa decisione da parte della Nora buona risiede in una questione sessuale, possibilmente in un trauma che ha colpito la protagonista e che non è riuscita a razionalizzare e a integrare nella sua struttura psichica. Nora non può proprio accettare questa sua parte psichica che si era macchiata di colpa e di reato e allora l’abbandona al suo luttuoso destino. Nora si libera di una parte storica che le appartiene e che non riesce proprio ad accettare. Questo è un breve sunto. Ha usato il meccanismo della “scissione dell’Io” e sta vivendo una aspro conflitto interiore tra le sue istanze. In particolare è divorata dalla censura del Super-Io e dalle pulsioni dell’Es e in questo scontro l’Io non funziona come dovrebbe. Ho capito e sintetizzato bene?

Salvatore

Quasi perfetto. In che cosa consista questo conflitto sessuale, il sogno non lo dice, ma conferma che la questione verte sulla sessualità. Le pulsioni sessuali sono inibite dal senso morale per educazione e formazione o per esperienza traumatica? Il fatto è talmente delicato che Nora si difende dall’angoscia usando il meccanismo primario della “scissione dell’Io” e si libera della sua parte critica e trasgressiva. Se escludiamo il trauma, includiamo il lampante conflitto tra le istanze psichiche e la poca gestione dell’Io in questo equilibrio precario. Se ammettiamo il trauma e il conflitto tra le istanze, dobbiamo ammettere che prima viene il trauma e poi il conflitto e che il disagio culmina nella criticità della scissione.

Collega

Certo, ma questa è una questione sottile e di lana caprina. Meglio soffermarci sui “meccanismi di difesa” dell’Io. Nora usa un meccanismo primario che è normale ma che fa impressione in ambito psichiatrico perché si suole identificare la “scissione dell’Io” con la follia ossia con la perdita del contatto con la realtà e con la formazione di un delirio. E invece non c’è niente di più avventato e fasullo. Il bambino, che usa i “meccanismi di difesa primari” e si sdoppia giocando, non è ritenuto un folle o un demente, è tollerato perché è un bambino e perché la Fantasia gli permette di uscire fuori di testa e di realtà con le sue immaginazioni.

Salvatore

Allora tutti i “meccanismi e i processi psichici di difesa” sono positivi nel senso che sono dei dati di fatto, degli strumenti e dei modi di vivere e valutare la realtà interiore. Non sono né buoni e né cattivi, ma sono funzionali a mantenere il nostro equilibrio psicofisico quando rischia di vacillare dietro a turbamenti della Mente e del Corpo legati a fattori interiori e personali o a fattori esterni e sociali. Se fungono per l’equilibrio psicofisico, “omeostasi”, tutti i “meccanismi e i processi psichici di difesa” sono nel giusto e sono degni di essere usati senza incorrere in censure e in valutazioni morali e sociali che esulano dalla Psicoanalisi, soprattutto dalla psicodinamica e dalla psico-economica o gestione delle energie.

Collega

Intervengo io e dico che questi “meccanismi e processi di difesa” costituiscono gran parte della Psiche e che l’Io è funzione determinante per l’uso e per la scelta dei suddetti. Quindi, se Nora ha un “Io” taglieggiato dal “Super-Io” e dall’Es, questo è il suo vero problema. E se ha usato il meccanismo della “scissione dell’Io”, si è soltanto difesa in quel momento della sua vita e nel sogno per ottenere l’equilibrio turbato. Avrà tempo per usare altri meccanismi utili e rapidi come la “razionalizzazione”. Ho detto quello che dovevo dire e l’ho detto assieme a te in buona sintonia.

Salvatore

Proprio vero. Si vede che siamo stati allievi del buon Carletto Ravasini in quel di Cremona e in quei formidabili anni ottanta, tempo in cui la Psicologia e la Psicoterapia cominciava a muoversi nella penisola e nelle isole. Si vede anche che abbiamo ben studiato e ponderato i contenuti innovatori del suo libro “La follia contestata”. Il grande Antonio Gramsci, il cervello che il violento Mussolini voleva che non pensasse, aveva suggerito alla Psicoanalisi di curare il paziente e non la malattia, intendendo che è l’uomo che va in sofferenza e che si deve aiutare, al di là delle etichette che gli si possono perfidamente affibbiare in base al suo modo originale di apparire. Freud aveva scritto che il Tempo avrebbe confermato quante allucinazioni o quante verità conteneva la sua complessa e poliedrica dottrina, meglio, il suo “sistema”. E alla Psicoanalisi si appellarono gli antipsichiatri europei capeggiati dall’inglese Laing per ammodernare le idee e le istituzioni. In Italia anche Franco Basaglia e il suo gruppo intesero la malattia mentale non più su base organica alla Krapelin, ma su base psichica, economica e dinamica, nonché relazionale e sociale, alla Sigmund Freud insomma. Partendo da questa ottica psicoanalitica, si arrivò alla chiusura dei manicomi e alla messa in discussione dei trattamenti clinici e farmacologici anche in Italia, si cominciò a concepire il vecchio malato mentale come un essere umano in difficoltà e in sofferenza, si cominciò a stimare la “follia” come una modalità psichica dell’uomo di manifestarsi in una contingenza storica della propria vita, uno stato transitorio di turbamento psicofisico. La sofferenza psichica comincia a essere trattata e razionalizzata con le psicoterapie individuali e di gruppo e non con la reclusione e con l’abbrutimento meccanico e farmacologico delle sfortunate persone che incorrevano sotto le grinfie dei carnefici di turno. I letti di contenzione, i volgari e disumani mal-trattamenti, la pratica sistematica della “terapia” elettro-convulsivante o il famigerato elettroshock, i farmaci micidiali neurolettici propinati “a tinchitè” (dialetto siculo che si traduce “alla cazzo di cane”), la Chimica di ogni tipo che deprivava dell’umanità e… altro, altro di peggio e altro di pessimo, insomma, questo sistema sadico di lager e di violenze, voluto dalla Legge e dalla Cultura post-fascista, venne in gran parte ridimensionato dalla Legge 180. Siamo nel 1978 ed è merito di Franco Basaglia e dei suoi colleghi aver portato avanti la visione psicoanalitica intorno alla follia e il suo giusto trattamento clinico. I manicomi furono chiusi, ma la Legge non fu applicata nella sua totalità, un costume classicamente italiano che dura ancora oggi. Nonostante tutto, la legge 180 è un fiore all’occhiello di civiltà e di cultura innovativa, così come il professor Basaglia resta un “uomo di grande umanità”, un uomo coraggioso che coniugava la Grammatica con la Pratica. Il mio ricordo e il mio elogio va a Lui e agli Allievi e Amici che hanno realizzato i suoi progetti e hanno soprattutto combattuto la pratica mortale dell’elettroshock fino alla sua condanna. La T.E.C. era un’esecuzione medica basata soltanto sull’esaltazione del sadismo degli operatori e non certo su conoscenze scientifiche serie. Il ricordo va a tutti i cosiddetti malati mentali che hanno popolato i lager manicomiali e sono morti di ictus o di infarto dopo pochi anni dall’aver subito la famigerata terapia elettroconvulsiva. Memorabile e necessaria la visione del film “Qualcuno volò sul nido del cuculo” e degna di nota è l’interpretazione incredibile di un espressivo Jack Nicholson.

Collega

Adesso tocca a me parlare e voglio definire temi che tu hai toccato nell’interpretazione del sogno di Nora e, in particolare, il sentimento del pudore e della vergogna, il concetto di follia, di normalità e di “alter ego”. L’affiorare di una pulsione, “Es”, e la lieve censura del “Super-Io” mettono in crisi l’istanza “Io” e in base alla quantità e alla qualità della pulsione e della censura scattano visibilmente le reazioni alla violazione dell’intimità. Il “pudore” è una forma d’amor proprio in riguardo al corpo e all’affettività, così come la “vergogna” chiama in causa il senso di colpa ed è la prima reazione individuale alla violazione etica o morale in attesa dell’espiazione del reato imposta dalle leggi e dalla regole sociali. La “follia” si attesta nella sofferenza psichica legata alla perdita reversibile dell’uso del “principio di realtà” e alla formazione di una realtà illusoria e compensativa ma socialmente non ammissibile. La “normalità” si attesta nella formulazione di una visione di se stesso e del mondo socialmente compatibile e condivisa. Si può essere originali restando sempre in un ambito di comprensione sociale e senza esser causa di danno individuale o collettivo. “L’alter ego” si attesta in un altro se stesso a seguito di uno “sdoppiamento dell’Io” dovuto al “meccanismo di scissione” in difesa dall’angoscia di un vissuto traumatico ingestibile e inaccettabile dalla coscienza e sempre dell’Io. Ribadisco che il criterio di tolleranza dell’originalità psichica si basa eticamente sul non essere di danno a se stesso e agli altri. Si può essere folli ma senza farsi male e senza fare del male.

Salvatore

Quasi quasi abbiamo allargato e chiarito gran parte dei temi e dei concetti che conteneva il ricco sogno di Nora. Non resta che scegliere quale prodotto culturale associare a coronamento di questa bella scampagnata. La scelta è d’obbligo: “Bocca di rosa” del mai compianto abbastanza Fabrizio De Andrè, un poeta popolare strappato alla nostra gioia dal tabagismo infame. Nora si scinde dalla sua “Bocca di rosa”, così come il “Super-Io” sociale espelle la generosa e benemerita donna che faceva l’amore per passione. Ricordiamo che “Bocca di rosa” viene accompagnata alla “stazione” in processione e con la Vergine in prima fila e anche dal prete e da tutto il paese, eccezion fatta per le donne invidiose di tanta prosperità e disinibizione. E non dimentichiamo che alla stazione successiva c’era molta più gente di quando partiva. Significherà qualcosa.

Grazie e alla prossima!

Ricordo ai marinai che nel frontespizio di “sogni interpretati” del blog trovate i miei lavori, quelli che purtroppo non sono in circolazione per la fuga del distributore, un individuo senza scrupoli che è letteralmente sparito. Intanto gustate la lettura della “Stanza rosa” in due parti e di “Benetton dieci e lode” sulla pubblicità innovativa di Oliviero Toscani negli anni ottanta. Ricordo che il blog contiene ormai 230 sogni. Potete prendere confidenza con il sogno e il sognare, nonché trovare qualcosa di personale inserendo nella casella in alto a destra con la voce “cerca” i simboli presenti nei vostri sogni. In tal modo potete intanto soddisfare la vostra curiosità, di poi, se volete appagarla in pieno e in maniera diretta, potete spedire i vostri sogni. Quanto prima troverete in prima pagina la decodificazione del vostro prezioso prodotto psichico.

Buona navigazione e sempre con il vento in poppa e la prua a sinistra!

L’INCENDIO NEL PRATO

Fuoco, Marca, Incendio Nella Foresta

TRAMA DEL SOGNO – CONTENUTO MANIFESTO

“Ho sognato di trovarmi nel mio ufficio; le scrivanie avevano le ruote e una mia amica (che nella realtà non lavora con me) aveva spostato la sua scrivania nel posto solitamente occupato da me.

Protesto e la sposto in malo modo riprendendo così la mia postazione.

Arriva la mia Capo Ufficio che mi chiede se ho qualcosa per profumare l’ambiente; le do un sacchetto di origano che prendo da uno scaffale con molte spezie (in ufficio?!).

Ci troviamo improvvisamente all’aperto e questa mia amica, dovendo accendere dei bastoncini di incenso che tenevo io in mano, usa un accendino che però spruzza del materiale infiammabile ovunque, nei miei capelli, in un albero e nell’erba.

Questo liquido provoca un vasto incendio nel prato.

Guardo questa situazione da lontano con disapprovazione, ma intervengo con dei recipienti d’acqua per spegnere l’incendio.”

Liliana

DECODIFICAZIONE – CONTENUTO LATENTE

CONSIDERAZIONI

La competizione al femminile si recita universalmente nella “posizione fallico-narcisistica” quando la bambina si ammira e recita: “specchio bello, specchio rotondo, chi è la più bella del mondo?” E l’infingardo e ruffiano oggetto di apparente vanità risponde immancabilmente che la più bella del mondo è un’altra bambina e, guarda caso, la rivale, l’amica che è stata investita di un sentimento d’invidia, la femminuccia che ha le caratteristiche fisiche che la bambina vorrebbe per sé, la “scapricciatella” in cui lei vede tutto quello che avrebbe desiderato sempre per sé, la Lazzarella con i libri sottobraccio e la camicetta a fiori blu che va a scuola con i capelli pettinati a coda di cavallo come la mitica Alessandra Panaro. Nella formazione “fallico-narcisistica” la bambina tende al massimo e non si accontenta di essere Cenerentola, la gregaria o la sorellastra. La bambina esige il ruolo della principessa in piena imitazione e tolleranza della regina. Questa psicodinamica avviene prima di accorgersi di essere innamorata del re e di struggersi per il tosto ostacolo materno: “posizione psichica edipica”. Intanto la rabbia si consuma tra la rivalità per i fratelli e le sorelle e la competizione con le amichette e le compagne di scuola. E se questa bambina è figlia unica, il prodotto non cambia, anzi si aggrava per il fatto che è priva del rodaggio nel gestire i delicati sentimenti della rivalità e dell’invidia. E questo trambusto non ha mai fine. E’ vero che crescendo questa bambina si acquieta, ma non dimentica lo struggimento del sentirsi inferiore in qualcosa e rispetto a qualcuna. Occupazione di spazio intimo e privato: questo è un atavico reato contemplato dal Codice psichico profondo. A tutti gli effetti la Legge contempla la giusta pena per le colpevoli nel paragrafo del “sentimento della rivalità” e nel comma delle relazioni con le amiche. Inutile sottolineare che si tratta dell’evoluzione, della “traslazione” e dello “spostamento” del “sentimento della rivalità fraterna” in difesa dall’angoscia depressiva della perdita del primato affettivo in famiglia. E poi, guai a cadere nel dimenticatoio psichico dei genitori! Tutto parte sempre dalla primissima infanzia e al di là della presenza di fratelli e sorelle, di cugini e affini, di cani e gatti.

Ma tutto questo non basta e si pone da sé la domanda: “e dopo, nella “posizione psichica genitale”, come si evolve questo benefico e malefico sentimento della rivalità fraterna?

La domanda non è peregrina e tanto meno impura. La competizione si evolve nella realizzazione personale del sapersi disporre all’altro e nell’esperienza traumatica della gravidanza e del parto. Sublimando, si può dire che il conflitto relazionale si evolve nel dare la vita o nell’avere un figlio. Anche se la radice dell’evoluzione biologica possiede una sua crudezza psicofisica, come è recitato da tanti copioni sacri e profani sin dai primordi umani, dal pitecantropo all’homo sapiens, la futura madre estende la rivalità e la competizione anche alla sfera delicata dell’esperienza della fecondazione e della maternità. Il narcisismo deve essere superato insieme alla convinzione inutile che non esiste una persona superiore, una persona che “super stat” e che è più in là, più avanti, come si suol dire nel gergo giovanile. E allora basta che una donna diventi madre e gli allettamenti dell’evoluzione diventano struggenti e la competizione al femminile aumenta. La litania si trasforma in “specchio bello, specchio rotondo, dimmi, chi è la mamma più brava del mondo?” O, se preferite, in “specchio bello, specchio delle mie brame, chi è la più fertile del reame? Il sentimento della “rivalità fraterna” si è evoluto nel sentimento della “rivalità genitale”. Nonostante il ricorso ai tanti meccanismi psichici di difesa dall’angoscia, ogni donna arriva a fare i conti con la sua “natura” femminile, quello che vuole nascere in lei e che ancora non è un figlio, ma semplicemente una “sensazione”, una “percezione” e un “fantasma” che attendono di comporsi in una “rappresentazione” compatibile e razionalmente composta. Tutto questo consegue all’esame improbo della deliberazione e della decisione di adire alla maternità. La “sensazione”, latino “sentio” e italiano “sento”, si attesta negli esiti e nei risultati dell’esercizio dei sensi. La “percezione” si lega al latino “per capio”, afferro attraverso e per mezzo, prendo dai dati sensoriali, vendemmio le sensazioni e maturo una rudimentale auto-consapevolezza, una primaria “coscienza di sé”. La “percezione genitale” viene elaborata durante l’evoluzione che porta la bambina a identificarsi al femminile e ad acquisire un’identità psicofisica congrua. Il quadro è sostenuto dalle sensazioni in riguardo alla biologia e dintorni. Il “fantasma della maternità” si snoda nella “parte positiva” della “genitalità” ossia nel donare la vita a un figlio e nella “parte negativa” ossia nell’angoscia di morte nel donare la vita a un figlio. La risoluzione del “fantasma” inquisito porta naturalmente alla “rappresentazione” della maternità, alla consapevolezza razionale della realtà potenziale di donare la vita a un figlio. Ho usato il verbo “donare” per significare la caratteristica di fondo della “libido genitale” e della “posizione psichica” omonima. In maniera ottimale ogni donna attraversa queste tappe formative che traggono alimento dal corpo e vengono elaborate dalla mente al fine di proporre a se stessa la possibilità della fecondazione, della gravidanza, del travaglio, del parto, della maternità. La Filogenesi, Amore della Specie”, contiene e definisce la Psicologia femminile in riguardo alla Legge di Natura, Giusnaturalismo, del diritto alla Vita e alla Conservazione della Vita, in grazie alla procreazione.

Tornando al sogno di Liliana, in tutto questo teorico peregrinare il “sentimento della rivalità” ha un suo posto preciso e specifico che si attesta nel vedere nell’altra, la donna che è diventata madre, un passo avanti, un primato, una superiorità, una completezza, la realizzazione di una pulsione e di un desiderio.

Procedere nell’interpretazione del sogno sarà di pubblico interesse.

Ah, dimenticavo!

Il titolo “Incendio nel prato” attesta, qualora ce ne fosse bisogno, della sensazione e del sentimento della rabbia, quella che trovate nelle faccine del vostro cellulare e che occupa il palcoscenico della realtà psichica in atto.

DECODIFICAZIONE – CONTENUTO LATENTE

SIMBOLI – ARCHETIPI – FANTASMI – INTERAZIONE ANALITICA

Ho sognato di trovarmi nel mio ufficio; le scrivanie avevano le ruote e una mia amica aveva spostato la sua scrivania nel posto solitamente occupato da me.”

Liliana è una donna ligia al dovere e soprattutto fattiva e operosa. Ama se stessa e le cose che fa, soprattutto il suo lavoro e la sua rete di relazioni. Abita nel foro e nella città e si interessa di quello che succede nella società. Coniuga tranquillamente “otium et negotium”, la vita culturale e la vita professionale, è una persona dotata di tanto amor proprio, una brava ragazzina evoluta in una degna donna. Non rasenta il narcisismo, ma attenzione a non romperle le palle perché s’incazza e allora può diventare una iena. Attenzione a questa donna che ha fatto di sé e del suo vivere oggetti sacri di investimento che le danno senso e significato. Liliana è Liliana e sa di esserlo. La malcapitata di turno è una “amica” che si è azzardata di invadere i suoi spazi psichici, più che professionali, e si è permessa di entrare nel suo intimo e nel suo privato interferendo in malo modo e con il tatto di un gorilla. Una “rivalità professionale” ha ridestato il marasma psicofisico antico della “rivalità fraterna” con i sentimenti di rabbia e di ostilità che avevano contraddistinto l’infanzia e l’adolescenza. La partita antica si giocava sul tappeto verde dell’affettività e la partita attuale si gioca sul tappeto sempre verde dell’affettività. Liliana fonde il vecchio con il nuovo e si lascia prendere dalle mine vaganti della vita sociale per sconvolgersi un po’, ma quel che basta per agitarsi inutilmente e per il fatto che ha confuso le capre con i cavoli.

Vediamo i simboli cosa consigliamo, come le stelle degli astrologi e le previsioni del tempo dei meteorologi. “Trovarmi nel mio ufficio” si traduce in mi attesto nella mia vita sociale e relazionale, “le “scrivanie avevano le ruote” attesta la duttilità psichica di Liliana anche in ambito lavorativo, “una mia amica” è la “traslazione” di una parte psichica di me o del “fantasma” in riguardo al sentimento della rivalità fraterna nella “parte negativa”, “aveva spostato la sua scrivania” ossia io elaboravo le mie suddette cose al riguardo, “nel posto solitamente occupato da me” conferma che si tratta di una questione personale e di una diatriba maturata con se stessa nel corso della sua formazione psichica.

Protesto e la sposto in malo modo riprendendo così la mia postazione.”

Liliana è proprio ai ferri corti con se stessa, decisamente non si piace, non le piace una sua modalità di viversi e di relazionarsi, coglie fotogrammi e fissa una sequenza che la vede come protagonista e come oggetto del contendere. Liliana vuole migliorarsi e si mette in discussione partendo dal lavoro e dagli annessi e connessi relazionali. Il sogno ancora non dice di cosa si tratta e non è puntuale nell’affrontare la bega personale. Si sa che il sogno non te le manda a dire le cose e che non le dice subito e chiaramente. Il sogno è come una prima donna del teatro, si fa attendere prima di entrare in palcoscenico. Liliana non si piace e vuole cambiare, ma resiste a questa modificazione difendendosi in maniera decisa e per niente duttile. L’ostinazione è la virtù dei deboli, ma Liliana sta cercando qualcosa di sé.

Vediamo i simboli cosa consigliamo, come le stelle degli astrologi e le previsioni del tempo dei meteorologi. “Protesto” equivale a reagisco in mia difesa e in mio favore, “la sposto in malo modo” traduce non mi piaccio e mi detesto quando faccio così o quando mi succede questo, “riprendendo così la mia postazione” ossia riconfermando la mia resistenza al cambiamento e alla presa di coscienza del materiale che è affiorato dal profondo grazie alla mia povera collega che, come si può notare, c’entra come i cavoli a merenda.

Arriva la mia Capo Ufficio che mi chiede se ho qualcosa per profumare l’ambiente; le do un sacchetto di origano che prendo da uno scaffale con molte spezie (in ufficio?!).”

Allora, ricapitolare è urgente perché il sogno si sta meravigliosamente complicando con i suoi simboli e con la progressione combinatoria di istanze psichiche e di fantasmi. Dunque, dall’istanza profonda e pulsionale “Es” è affiorata la “parte negativa” del “fantasma della rivalità fraterna” quel sentimento di cattiveria difensiva che non si vuole mai riconoscere. E, per l’appunto, l’istanza psichica vigilante e razionale “Io” si difende non riconoscendo la pulsione e attribuendola a un’amica, “spostamento e traslazione”. Il conflitto tra “Es” e “Io” è oltremodo vivace quanto inutile. Liliana non sa portare a consapevolezza il conflitto con se stessa e tra se stessa. Ma non basta, perché in nome della legge psichica della “entropia”, in base alla quale a confusione subentra ulteriore confusione, Liliana introduce nel suo teatrino l’istanza censoria e limitante “Super-Io” e, a questo punto, non so se mi sono spiegato abbastanza e bene. Il senso del dovere chiede a Liliana di fare buon viso a cattivo gioco e di parare il colpo attraverso il camuffamento nel viso e nelle azioni delle cose che non vanno nelle modalità e nelle dinamiche relazionali, nel suo sistema psico-sociale e nello specifico nelle scelte elettive relazionali della sua vita sentimentale, tra le persone e con le persone sulle quali Liliana ha investito la sua “libido genitale”. L’ufficio si è trasformato nella cucina di casa e nell’armadietto firmato che contiene decorosamente ed elegantemente le gemme dell’oriente che Marco Polo a suo tempo ci aveva regalato, le spezie, le “molte spezie”. Liliana non mostra grande entusiasmo nel parare il colpo ubbidendo come Garibaldi al senso del dovere, “Super-Io”, ma bisogna fare di necessità virtù e allora si dispone in maniera compatibile al ridestarsi del sentimento della rivalità fraterna e del conflitto relazionale con persone significative e a lei vicine. Altro che l’anonima collega d’ufficio, Liliana sta esercitando tutta la sua pazienza nel comporre un dissidio personale e relazionale. Mi spiego meglio: qualcosa non gira bene in famiglia e lei non è contenta di se stessa e del suo comportamento. Intanto persiste nella dote dei forti, ma la pazienza non è il suo forte e Liliana non è per niente una suora.

Ho già detto che questo sogno non si presta a una interpretazione semplice e spedita, vista anche l’apparente e assurda linearità del tipo “le spezie in ufficio?!”. Si sono profilati due simboli classicamente femminili e intimi: il “sacchetto” d’origano e lo “scaffale con molte spezie”. La simbologia dell’utero e dell’apparato genitale sono ben serviti sotto forma di metafore e metonimie.

Ricapitolare è più che mai necessario specialmente a questo punto: Liliana è in conflitto con se stessa e in riguardo alla sua potenzialità materna e ha spostato la sua psicodinamica nella rivalità verso la collega che possibilmente è in gravidanza o ha realizzato la sua maternità. Necessita un conforto a questa interpretazione profonda e disperare non è mai consigliabile a chi naviga in alto mare.

Vediamo i simboli cosa consigliamo, come le stelle degli astrologi e le previsioni del tempo dei meteorologi. “Arriva la mia Capo ufficio” si traduce arriva il mio “Super-Io” con la sua morale i suoi limiti, “se ho qualcosa per profumare l’ambiente” ossia se ho qualche meccanismo di difesa per lenire questo conflitto e questo disagio, “le do un sacchetto d’origano” simboleggia un utero fecondato, “da uno scaffale con molte spezie” riconferma l’apparato genitale e il ventre disposti all’ingravidamento.

Ci troviamo improvvisamente all’aperto e questa mia amica, dovendo accendere dei bastoncini di incenso che tenevo io in mano, usa un accendino che però spruzza del materiale infiammabile ovunque, nei miei capelli, in un albero e nell’erba.”

Liliana ritorna lucida nel suo presente psichico e ritrova quella “parte di sé” sotto le sembianze della “mia amica”, quella parte competitiva che vede nell’altra la capacità di accendere la passione nelle idee e nel modo di pensare, nella personalità e nella volitività affermativa della “organizzazione psichica reattiva”, nella realtà esistenziale in atto e nel presente psichico. Liliana riserva a se stessa la capacità di tenere in mano un potere relativo e voluttuario, oltretutto destituito della forza della “libido” e della volitività decisionale. Liliana vive la sua “amica” decisamente più capace e affermativa, ricca di energie e di investimenti, capace di gestire progetti e di prendere decisioni. Liliana offre a se tessa la sua immagine ideale, l’Io ideale. L’ha proiettata e intravista nell’amica e nella realtà quotidiana e su questi temi ha imbastito il suo sogno.

Vediamo i simboli cosa consigliamo, come le stelle degli astrologi e le previsioni del tempo dei meteorologi. “All’aperto” attesta di una realtà chiara ed evidente, “questa mia amica” è la traslazione della parte affermativa e desiderabile di se stessa, “accendere” si traduce induzione di vitale energia e di libido, “bastoncini di incenso” rappresentano la “sublimazione” di un incerto potere sessuale, “un accendino” è l’innesco del potere e lo strumento della potenziale carica vitale, “spruzza” equivale all’eiaculazione, “materiale infiammabile” condensa la forza vitale e l’energia degli investimenti, “ovunque” o genericità difensiva, “nei miei capelli” ossia nelle mie idee, “in un albero” o nella struttura dell’Io cosciente, “nell’erba” ossia nella realtà psichica ed esistenziale in atto.

Questo liquido provoca un vasto incendio nel prato.”

Il materiale infiammabile di prima è il “liquido” di adesso. Si delinea meglio l’eiaculato dell’eiaculazione, si precisa il contesto del desiderio di fecondazione e di gravidanza, si mostra l’irrefrenabile desiderio di avere un figlio. La vita di tutti i giorni si attizza all’idea e al progetto di fare famiglia e di realizzare l’essere femminile con la “libido genitale”. L’entusiasmo è tanto e altrettanta è la passione. Liliana si attizza nel corpo e nella mente.

Vediamo i simboli cosa consigliamo, come le stelle degli astrologi e le previsioni del tempo dei meteorologi. Il “liquido” rappresenta lo sperma, “provoca” rappresenta l’eccitazione reattiva, “vasto incendio” rappresenta una buona scarica di libido genitale, “nel prato” rappresenta la realtà psichica ed esistenziale in atto, come dicevo in precedenza.

Guardo questa situazione da lontano con disapprovazione, ma intervengo con dei recipienti d’acqua per spegnere l’incendio.”

Allontanarsi dalla scena del crimine è un meccanismo di difesa che serve a stemperare il crescendo dell’angoscia e la comprensione del significato del sogno, il sentore emotivo del conflitto in atto nel sogno. Liliana razionalizza con il giusto distacco e il suo “Super-Io” censura e condanna l’accaduto. Liliana non si condivide e non si assolve, tutt’altro, si colpisce e si danneggia, non è contenta di sé e del suo comportamento in riguardo al sentimento di rivalità e alla maternità. Liliana non si piace in questa versione aggressiva e sofferente e provvede a ricomporre la sua emotività scossa e il suo conflitto con l’acqua che è un simbolo femminile. Ha compensato la sua maternità mancata con il suo essere femminile senza addurre il senso della mutilazione della maternità. Liliana ha ben razionalizzato, anche attraverso il sentimento d’invidia e la rivalità verso le altre donne, la sua realtà psichica in atto di donna senza figli.

Vediamo i simboli cosa consigliamo, come le stelle degli astrologi e le previsioni del tempo dei meteorologi. “Guardo” è la funzione razionale dell’Io ossia prendo consapevolezza, “questa situazione da lontano” ossia mi raffreddo emotivamente grazie alla razionalizzazione, “con disapprovazione” ossia condanno me stessa tramite il mio “Super-Io” o non mi sono piaciuta e mi censuro, “intervengo” è funzione vigilante dell’Io e principio di realtà, “recipienti d’acqua” o “sublimazione” e “traslazione” della maternità, “spegnere l’incendio” o per sedare il conflitto in riguardo alla maternità.

Questo è quanto dovuto al sogno di Liliana.

PSICODINAMICA

Il sogno di Liliana sviluppa la psicodinamica del “sentimento della rivalità” al femminile e lo lega alla maternità mancata. Liliana è in competizione con quella “parte psichica” di se stessa che ha sacrificato e ha operato censura della “libido genitale” e della possibilità di dare la vita a un figlio. Nelle pieghe oniriche si intravede un sentimento di rabbia verso se stessa per la non adeguata affermazione dei suoi diritti di donna e sentimenti di madre. Il sogno parte dall’infanzia e arriva alla giovinezza cavalcando la tigre della formazione psichica ricevuta e la tirannia assolutoria del “Super-Io”. Questo processo è sostenuto dall’assenso di un “Io” non certo accomodante e liberale. Il sogno si evolve dalla “rivalità professionale” alla “rivalità fraterna” e sfocia nella “rivalità genitale”.

PUNTI CARDINE

Il sogno di Liliana si lascia chiaramente cogliere nel suo “significato latente” in “questa mia amica, dovendo accendere dei bastoncini di incenso che tenevo io in mano, usa un accendino che però spruzza del materiale infiammabile ovunque, nei miei capelli, in un albero e nell’erba.”

ULTERIORI RILIEVI METODOLOGICI

Dei “simboli” si è ampiamente detto e con la giusta ironia sulla possibile fallacia delle interpretazioni e delle previsioni.

Il sogno di Liliana rievoca l’archetipo della Madre e della maternità nello specifico.

Il “fantasma” conclamato riguarda la maternità nella versione conflittuale, nonché il “sentimento della rivalità”.

L’istanza psichica della vigilanza razionale “Io” è viva e vegeta in “protesto” e in “sposto” e in “guardo” e in “intervengo”.

L’istanza psichica della rappresentazione dell’istinto “Es” si manifesta in “accendino” e in “liquido” e in “incendio” e in altro.

L’istanza psichica della censura morale e del limite si manifesta in “Capo ufficio” e in “con disapprovazione”.

Il sogno di Liliana svolge la “posizione psichica genitale”: “sacchetto origano” e in “scaffale spezie”.

Liliana usa in sogno i seguenti meccanismi e processi psichici di difesa: la “condensazione” in “ufficio” e in “sacchetto” e in “scaffale e in “capelli” e in “prato”, lo “spostamento” in “amica”, la “figurabilità” in “vasto incendio”.

Qualcosa sul processo psichico di difesa della “sublimazione” appare in “accendere dei bastoncini d’incenso”. La “regressione” è presente nei termini consentiti dalla funzione onirica.

Il sogno di Liliana evidenzia un tratto “competitivo” all’interno di una “organizzazione psichica reattiva genitale”.

Per quanto riguarda le “figure retoriche” c’è da rilevare la “metafora” in “prato” e in “incendio”, la “metonimia” in materiale infiammabile”.

“Questo liquido provoca un vasto incendio nel prato.” è allegoria della rabbia legata alla rivalità e alla frustrazione del desiderio di maternità.

La “diagnosi” dice del sentimento della rivalità tra donne in merito alla realizzazione della maternità.

La “prognosi” impone la “razionalizzazione” dei “fantasmi” in circolazione e lo stemperamento delle angosce collegate alla mancata maternità.

Il “rischio psicopatologico” si attesta in una “psiconevrosi depressiva” prodotta dall’incrudelirsi del senso di perdita.

Il “grado di purezza onirica” è “buono” alla luce dell’equa combinazione della narrazione con i simboli.

La “causa scatenante” del sogno di Liliana si attesta in una riflessione sulla maternità mancata.

La “qualità onirica” è “dinamica” alla luce delle azioni e reazioni presenti, nonché dei forti contrasti emotivi.

Il sogno di Liliana si è svolto nella seconda fase del sonno REM e tale affermazione si giustifica con la forte reattività ed emotività presenti.

Il “fattore allucinatorio” si attesta nell’esaltazione del senso del tatto in “prendo” e della vista in “guardo questa situazione”. La dinamica del movimento è ben giostrata nelle varie sequenze delle scene oniriche.

Il “grado di attendibilità” dell’interpretazione del sogno di Liliana è “buono” alla luce della giusto combinazione interattiva dei simboli, per cui il “grado di fallacia” è “minimo”.

DOMANDE & RISPOSTE

L’interpretazione del sogno di Liliana è stata sottoposta all’attenzione di Stefano, uno studente di Filosofia presso l’Università di Catania, nonché un mio stimatissimo consanguineo. Questa è la nostra conversazione.

Stefano

Io sono alle prime armi e non posso controbattere nulla per quanto riguarda la simbologia, ma sulla Psicologia della sensazione e sulla Filosofia della percezione penso di avere studiato abbastanza. Me la puoi spiegare meglio?

Salvatore

Aristotele operò la rivoluzione culturale di ricondurre all’Io consapevole la regia del Tutto e fu il responsabile dell’uccisione della Natura vivente, “Ilozoismo”, al fine di formulare un Sapere scientifico che attingesse le cause della Realtà. Platone aveva diseredato l’uomo greco dal possesso di quella Verità che aveva relegato nel mondo oltre il cielo, iperuranio. Aristotele restituisce all’uomo greco mutilato la consapevolezza di essere artefice delle proprie conoscenze e soprattutto di essere capace di formulare una conoscenza oggettiva. Nel processo conoscitivo mise la “sensazione” alla base e la definì una forma indifferenziata di soggetto e oggetto. In questo proficuo impatto dell’Io con il non Io l’uomo è inebriato dionisiacamente dall’estasi del sapere e del gustare: “sapio” latino. La “percezione” si attestava nell’emergere della “coscienza di sé” e nel distacco dall’oggetto: Io sono Io e l’oggetto è l’altro da me, ma Io sono capace di ordinare le mie sensazioni secondo le categorie logiche. L’uomo con le sue varie e continue percezioni afferma se stesso come attore delle sue sensazioni e come diverso dagli oggetti da cui sono state scatenate. Il “fantasma” è presente in Aristotele proprio come una forma di conoscenza primaria in cui l’Io e l’oggetto sono ancora fusi e in attesa della vendemmia razionale o scientifica. Anzi si può tranquillamente affermare che la Fantasia è la consapevolezza umana di ordinare le sensazioni secondo conoscenze individuali e condivisibili. La “sensazione” è l’azione neurovegetativa, mentre la “percezione” è la prima “coscienza di sé” come attore di sensazioni collegate a un mondo di oggetti e di altri.

Stefano

Platone aliena l’uomo greco deprivandolo della sua autonomia e della sua verità, mentre Aristotele lo mette in piedi e lo pianta sulla Realtà. Giusto professore?

Salvatore

Grazie per l’epiteto e aggiungo che anche Marx metaforicamente rimise l’uomo in piedi dopo che Hegel l’aveva capovolto poggiandolo sulla testa: Idealismo contro Materialismo antropologico e storico. Mi piacciono le allegorie perché chiamano in causa la “figurabilità”, un meccanismo importante del “processo primario” che spiega un alto concetto del sistema di Logica filosofica messo in piedi dal gran sacerdote di Stoccarda. Al di là delle metafore e delle allegorie bisogna dire che nell’antichità greca dominava nella cultura di base lo schema “ilozoistico”: teoria del Tutto vivente, Uomo compreso. La Natura era ritenuta vivente e l’uomo era una parte del Tutto. Anassagora e le sue “omeomerie”, Democrito e i suoi atomi, particelle qualitative minime le prime e particelle quantitative minime le seconde, dettero l’assalto all’armonia ecologica “uomo-natura” per portare in alto l’uomo riducendo la Natura a oggetto della Logica e della Scienza. Il Tutto vivente fu scisso e la Natura fu uccisa e ridotta a una macchina complessa e immutabile da smontare e da conoscere sempre da parte di quel Soggetto emergente e distruttore chiamato “Uomo”. Cominciarono i Sofisti e Socrate, sofista anomalo ma pur sempre divulgatore della consapevolezza, a portare l’Uomo greco nell’agorà del primato scientifico con l’esaltazione della funzione razionale e dei “processi secondari” a tutto discapito dei “processi primari” e della portentosa umana Fantasia. Uccidere la Natura era la condizione per l’avvento della Scienza e Aristotele fu l’artefice di tanto scempio dell’Uomo greco e degli uomini che vivevano dove il sole cade, l’Occidente per l’appunto e quell’Occidente di cui siamo beneficamente impastati ancora oggi.

Stefano

E Socrate quale ruolo giocò in questo grande Olocausto?

Salvatore

Mi piace il termine che hai usato, Olocausto, perché dà il senso del Tutto vivente che brucia a conferma che il Grande scoppio è ciclico e diversificato, viaggia dagli atomi alle cellule, dalla Astrofisica alla Biologia, dalla Chimica alla Endocrinologia, dallo Elettromagnetismo all’Evoluzionismo.

Stefano

E dei buchi neri cosa mi dici? Quale metafora trovi?

Salvatore

La centrifuga di Socrate si attesta nel proporre la “coscienza di sé” come base di tutte le ulteriori conoscenze: ecologia della Ragione e della Mente. Un uomo che non sa di sé, “conosci te stesso”, non può privarsi delle superstizioni e non può partorire un bel niente: ironia e maieutica. Rientra in te stesso per fissare la base del Sapere dell’Altro e per collocare le conoscenze su un plateau umano universale e necessario. La Scienza è Logica, Etica e Politica e si esercita nella polis, la città stato e la democrazia diretta.

Stefano

Ah, la democrazia diretta via internet, quella scoperta da Grillo e da Casaleggio oppure la democrazia plutocratica di Berlusconi?

Salvatore

Ma vaffanculo! Sei un buffone e un impostore. “Per me tutto finisce qui”, come scrisse la tua sorellina congedando l’amore edipico verso il padre e appena innamorata di un bel tipetto della sua portata.

Stefano

Non m’inviti più?

Salvatore

Vade retro Satana! Tu mischi il sacro al profano come un moderno truffatore “compro oro”. A mai più!

Stefano

Ti ho fatto proprio incazzare e sono contento. Di nani, di buffoni, di giornalisti e di politici con te non si può proprio parlare, almeno fino a Craxi. Lì la Storia d’Italia si è fermata. Caro zio, sei proprio vecchio.

Salvatore

Ho conosciuto tempi peggiori, ma che un siciliano votasse per la Lega, ah, questo dovevo ancora viverlo. Sono molto contento di annoverarti tra i miei nobili nipoti per l’opportunità di crescita che mi hai dato.

LA MATERNITA’ IMPERVIA

TRAMA DEL SOGNO – CONTENUTO MANIFESTO

“Buongiorno dottor Vallone,

vorrei illustrargli il mio sogno perché mi ha colpito molto e non riesco a trovare una spiegazione.

Ho sognato, per ben due volte in questo periodo, di essere malata e di sembrare una zombie.

Dentro i miei occhi erano presenti dei vermi verdi che si muovevano.

La sensazione che ho avuto è stata di paura e subito dopo ho visto che li sputavo dalla bocca ed erano bianchi.

Sempre nello stesso sogno mi sono ritrovata in una parte di casa mia che funge da ripostiglio e doppio bagno e nel cui interno è presente una cassettiera ormai vecchia e rotta e di proprietà di mia nonna.

In questo contesto ho sognato il mio ex che riparava questo mobile con tutto il vestiario e altri oggetti per terra e di averci litigato.

Vorrei sapere cosa significano questi sogni veramente strani.

Cordiali saluti da Federica.”

INTERPRETAZIONE DEL SOGNO – CONTENUTO LATENTE

CONSIDERAZIONI

Quanto importante è per una donna diventare madre ?

Quale trauma psichico comporta la sterilità ?

Quale e quanta sofferenza si annida negli interventi chirurgici che mutilano la “genitalità” femminile ?

Mi fermo a queste ricorrenti questioni per non drammatizzare ulteriormente le psicodinamiche collegate.

Prima domanda: realizzare la maternità si traduce in esercitare la “libido genitale” e vivere “la posizione psichica genitale” insieme a un uomo investito di attrazione sessuale e di sentimento d’amore, il famoso o famigerato “altro”. Per una donna diventare madre comporta il portare avanti l’evoluzione del suo “psicosoma” con la concretezza vivente e l’oggetto visibile della sua natura femminile.

Seconda domanda: la sterilità comporta l’esercizio del meccanismo psichico di difesa dall’angoscia della “razionalizzazione della perdita”. Quando la donna ha la consapevolezza dell’impossibilità di avere figli, si dispone all’accettazione della realtà e a trovare soluzioni idonee alla sua formazione psichica e culturale. Questa donna non è figlia di un dio minore se non sarà madre naturale o se sarà madre adottiva o se si gusterà la vita istruendo i “meccanismi di difesa” utili alla sua situazione psico-esistenziale.

Terza domanda: al trauma organico si associa un delicato e pericoloso trauma psichico. La donna si convince della realtà in atto in breve tempo, ma ha bisogno di ben calibrare dentro di lei cosa le sta succedendo semplicemente perché reagirà alla perdita traumatica reale in base alla sua “organizzazione psichica reattiva”, in base alla sua formazione e in base a come ha messo a posto le varie “posizioni” evolutive. Questo discorso è degno di chiarimento e mi riservo di riprenderlo nella sezione “domande & risposte”.

Ho preferito il titolo “la maternità impervia” per indicare che la gravidanza e il parto sono momenti belli e conflittuali nel cammino della vita di una donna, al di là delle complicazioni reali e traumatiche in cui può incorrere. Una donna cosiddetta “normale” parte con il bagaglio dei “fantasmi” in riguardo alla deflorazione, alla sessualità, alla fecondazione, alla gravidanza, al travaglio e al parto. Possono bastare per non annoiarsi e per avere una vita spericolata.

SIMBOLI – ARCHETIPI – FANTASMI – INTERAZIONE ANALITICA

Vorrei sapere cosa significano questi sogni veramente strani.”

I sogni non sono mai strani o estranei. I sogni sono nostri e siamo noi, meglio, una parte psichica di noi, quella emergente nel momento storico ed esistenziale che stiamo vivendo. Non solo ci riguardano alla grande, ma ci coinvolgono anche perché li elaboriamo con quella funzione poetica-creativa che si ascrive ai “processi primari”, la nostra Fantasia per intenderci.

Ed ecco che Federica definisce “strana” quella “parte psichica di sé” o quella “se stessa” che si è manifestata nel teatro onirico e ha recitato il sogno, quasi come se non le appartenesse, quasi come se non volesse accettarla e volesse liberarsene. Invece, il sogno è terapeutico, è la nostra naturale auto-terapia e per realizzarla basterebbe ricordare il “Linguaggio dei simboli”, il nostro primo Linguaggio e la nostra prima Logica. Leggi, tanto per gradire, il “Linguaggio dimenticato” di Fromm.

Inoltre, il sogno ha il potere di compattare la nostra struttura psichica evolutiva, propriamente “organizzazione psichica reattiva”, integrando vissuti estromessi e parti non riconosciute o addirittura rifiutate.

Federica vuole proprio sapere cosa significano questi sogni strani per capire cosa si sta muovendo in lei e cosa spontaneamente e naturalmente ha riesumato dormendo. La curiosità di sapere è la difesa per ridimensionare l’effettivo bisogno di “sapere di sé”. Se poi questa difesa si aggrava, si definisce “resistenza” e si traduce nell’indisposizione a prendere coscienza del materiale psichico rimosso perché emotivamente ingestibile dall’economia nervosa del sistema psichico. Per qualsiasi finalità Federica chiede di sapere, io ubbidisco come Garibaldi e la ringrazio di avermi fatto partecipe di qualcosa d’importante che intimamente la riguarda.

Ho sognato, per ben due volte in questo periodo, di essere malata e di sembrare una zombie.”

Va da sé che Federica non sta bene e non attraversa un bel “periodo” della sua vita. Il simbolo della “malattia” dice che si tratta di una disarmonia tra “parti psichiche” che non sono state ben razionalizzate e integrate nella sua “organizzazione psichica reattiva” o struttura evolutiva. Questa mancata operazione rende ragione delle turbolenze di un conflitto non risolto o di un trauma non adeguatamente assimilato.

Ma quale conflitto?

Quale trauma?

Un “fantasma di morte” è condensato nello “zombie”, un morto vivente, un “fantasma depressivo di perdita” e di carenza di vitalità, una psicoastenia o una “psiconevrosi attuale”, come Freud definiva i disturbi che non hanno una causa remota e rimossa. In ogni caso Federica sente la morte dentro. Non resta che procedere con cautela e cercare la coerenza consequenziale.

Dentro i miei occhi erano presenti dei vermi verdi che si muovevano.”

Nell’immediato decodifichiamo il simbolo dei “vermi”: spermatozoi. Si tratta del seme maschile con la massima evidenza e certezza. Federica ha il conto sospeso con l’universo maschile e il liquido seminale: un trauma o un’elaborazione psichica sul tema della fecondazione.

Ma perché lo sperma si trovava negli occhi?

Gli “occhi” sono il simbolo della vigilanza logica e della lucidità razionale, del “principio di realtà” e dell’istanza psichica “Io”. Federica ha ben chiaro in mente un progetto di gravidanza. Il colore “verde” attesta della vitalità e della realtà in atto: “che si muovevano”. Il sogno di Federica riesuma il desiderio e il tentativo di restare incinta.

La sensazione che ho avuto è stata di paura e subito dopo ho visto che li sputavo dalla bocca ed erano bianchi.”

Federica rifiuta la gravidanza, si libera degli spermatozoi per la paura di restare incinta: “sputavo”. La “bocca” condensa il simbolo dell’organo sessuale femminile e nello specifico le grandi labbra. Il colore “bianco” attesta simbolicamente di una neutralità e di una insignificanza: il seme ormai è inerte e inanimato. “Ho visto” si traduce in ero consapevole. Federica ha piena coscienza di non essere gravida e rappresenta la perdita progressiva dalla vagina degli spermatozoi dopo l’eiaculazione. La testa vuole, ma il corpo rifiuta. Federica è molto contrastata sulla sua maternità.

Sempre nello stesso sogno mi sono ritrovata in una parte di casa mia che funge da ripostiglio e doppio bagno e nel cui interno è presente una cassettiera ormai vecchia e rotta e di proprietà di mia nonna.”

Un altro spezzone di sogno dice che Federica sta rievocando del materiale psichico intimo e rimosso e che riguarda il suo essere femminile. Quest’ultimo è vissuto male perché è vecchio e rotto come la “cassettiera” della nonna. Ritorna la scarsa considerazione, quasi il disprezzo, che Federica ha per il suo corpo di donna. La “casa” rappresenta simbolicamente la struttura psichica in evoluzione. Il “ripostiglio” condensa, sempre simbolicamente, il meccanismo di difesa della “rimozione”, il luogo dove per difesa dall’angoscia releghiamo i vissuti ingestibili dalla coscienza. Il “bagno” attesta che il materiale psichico in questione riguarda l’intimo e il privato, il delicato e il personale, l’erotismo e la sessualità. La “cassettiera” è il simbolo dell’universo psicofisico femminile in quanto condensa la recettività sessuale della donna e la comprensione del grembo materno. “Vecchia e rotta” vanno da sé che contengono la disistima e il disprezzo della sessualità e della femminilità: sterilità e disfunzione. La “proprietà della nonna” è il richiamo di Federica alla persona in cui si è identificata nel momento in cui ha superato la conflittualità con i genitori, ”posizione edipica”, e ha acquisito l’identità femminile. Ripeto: nello stesso sogno Federica dimostra di non voler la gravidanza e di avere un cattivo rapporto con il suo corpo e con la sua sessualità nello specifico. E’ possibile che questo trambusto drammatico sia legato a qualche trauma fisico e chirurgico, ma il sogno non lo dice fino a questo momento.

In questo contesto ho sognato il mio ex che riparava questo mobile con tutto il vestiario e altri oggetti per terra e di averci litigato.”

Ancora un altro sipario: l’ex partner sessuale, che poteva essere risolutore per una gravidanza qualora l’apparato sessuale e genitale fosse stato sano e non da riparare, è motivo di conflitto e di incompatibilità. Ritorna la possibilità di una ricerca di gravidanza dopo aver subito un intervento traumatico. Federica ha una “cassettiera” rotta che non si può riparare. L’aspetto truce di questo quadro che Federica propone in sogno è rappresentato da “tutto il vestiario e gli altri oggetti per terra”. Dà il senso della perdita dei modi di essere donna e di parti fisiche dell’apparato genitale. Un vero dramma per una donna è proprio la sterilità indotta da una malattia o da una insanabile disfunzione. Forse il suo “ex” a suo tempo non aveva voluto un figlio da Federica e l’aveva indotta a interrompere la gravidanza. In ogni caso si tratta di un vero e proprio trauma del Corpo in primo luogo e, di poi, naturalmente della Mente.

Questo è quanto dovuto al sogno di Federica.

PSICODINAMICA

Il sogno di Federica svolge in maniera lineare la psicodinamica della frustrazione dell’istinto materno a causa di un importante trauma psicofisico. La simbologia mette insieme uno psicodramma che si appaga della compostezza emotiva a causa di una necessaria “razionalizzazione” dei vissuti e degli eventi. Questi ultimi possono riguardare l’ambito chirurgico, mentre i vissuti si adeguano a una realtà di sterilità. Federica può aver subito l’asportazione dell’utero o delle ovaie e ha dovuto razionalizzare la perdita del corredo genitale.

PUNTI CHIAVE

I sogni di Federica girano attorno ai seguenti cardini: “Dentro i miei occhi erano presenti dei vermi verdi che si muovevano…li sputavo dalla bocca ed erano bianchi”: il primo sogno. “Una cassettiera ormai vecchia e rotta” spiega inequivocabilmente il secondo sogno.

ULTERIORI RILIEVI METODOLOGICI

I simboli presenti nel sogno di Federica sono la “malattia” o disarmonia tra parti psichiche, lo “zombie” o fantasma di perdita della vitalità, i “vermi” o gli spermatozoi, gli “occhi” o Io vigilante e principio di realtà, “verde” o vitalità in atto e realtà gratificante, “si muovevano” o intenzionalità psichica, “sputavo” o rifiuto, “bocca” o grandi labbra e parte esterna dell’organo sessuale femminile, “bianco” o caduta della vitalità in questo caso, “vecchio” o caduta della vitalità, “rotta” o disfunzione psicofisica, “cassettiera” o grembo e genitalità femminile, “casa” o organizzazione psichica reattiva in atto, “ripostiglio” o il Subconscio e difesa della rimozione, “bagno” o intimo e privato, “nonna” o crisi identificativa, “vestiario” o generici modi di apparire, “oggetti” o parti psicofisiche alienate, “ex” o attualizzazione del rimosso, “terra” o principio femminile.

Il sogno di Federica è ricco di simboli che ben interagiscono nel confermare una crisi della maternità e della funzione genitale.

L’archetipo evocato è la “Madre” e il Principio femminile con tutto il corredo mitico e mitologico di cui è stato nei millenni dotato nel bene, maternità, e nel male, seduzione.

Il “fantasma depressivo di perdita” è presente nell’esordio del sogno in “di essere malata e di sembrare uno zombie”, nonché in “li sputavo dalla bocca”. Ricordo che si tratta di una variante del “fantasma di morte” e per la precisione della “posizione genitale”: frustrazione dell’istinto materno per crisi della vitalità e della capacità.

Il sogno di Federica mostra in azione l’istanza vigilante e razionale “Io” in “ho visto”, mentre l’istanza pulsionale “Es” è dominante e si vede chiaramente in “Dentro i miei occhi erano presenti dei vermi verdi che si muovevano.” e in “li sputavo dalla bocca ed erano bianchi.” e in “una parte di casa mia che funge da ripostiglio e doppio bagno” e in “una cassettiera ormai vecchia e rotta e di proprietà di mia nonna”. L’istanza morale e censoria del “Super-Io” non figura. Il prodotto psichico di Federica si può definire “sogno dell’Es”.

Il sogno di Federica svolge le tematiche della “posizione psichica genitale” in “erano presenti dei vermi verdi che si muovevano.” e in “li sputavo dalla bocca ed erano bianchi.” e in “una cassettiera ormai vecchia e rotta e di proprietà di mia nonna.” Tracce della “posizione psichica orale” si intravedono in “di essere malata e di sembrare una zombie.” proprio per il senso di solitudine e di mancanza di affetti.

Sono usati i seguenti “meccanismi psichici di difesa”: la “condensazione” in “zombie” e in “vermi” e in “occhi” e in “bocca” e in altro, lo “spostamento” in “vecchia” e in “ripostiglio” e in “bagno” e in “una cassettiera ormai vecchia e rotta”, la “rimozione” in “ripostiglio”, la “figurabilità” o rappresentazione per immagine in “zombie” e in “vermi verdi che si muovevano” e in “li sputavo dalla bocca ed erano bianchi.” e in “una cassettiera ormai vecchia e rotta”. La “drammatizzazione” si coglie in “Dentro i miei occhi erano presenti dei vermi verdi che si muovevano.”

La “regressione” è presente nei termini dovuti alla funzione onirica o all’atto del sognare, mentre della “sublimazione della libido” non si trova traccia. La “compensazione” non trova posto nel sogno di Federica.

La “organizzazione psichica reattiva” evidenziata è “genitale”. Federica vive un drammatico conflitto sulla possibilità di diventare madre.

Le “figure retoriche” formate da Federica nel sogno sono la “metafora” o relazione di somiglianza in “”zombie” e in “vermi” e in “occhi” e in “labbra” e in “cassettiera”, la “metonimia” o relazione logica in “sputavo” e in “vecchia” e in “nonna” e in “ripostiglio”, la “enfasi” o forza espressiva in “Dentro i miei occhi erano presenti dei vermi verdi che si muovevano.”. La trama del sogno è compilata da Federica in maniera prosaica e fortemente realistica.

Si riscontra la “allegoria della psicoastenia” in “di essere malata e di sembrare una zombie.”, la “allegoria dello sperma” in “vermi verdi che si muovevano.”, la “allegoria dell’aborto” in “li sputavo dalla bocca ed erano bianchi.”.

La “diagnosi” dice di una frustrazione della “libido genitale” legata a una sterilità congenita o acquisita: trauma chirurgico.

La “prognosi” impone a Federica di “razionalizzare” la sua reale condizione di donna che non può avere figli e di valutare in maniera seria la possibilità di adozione. In ogni caso il processo della “sublimazione della libido genitale” è molto utile e proficuo nel far sentire Federica generosa come una madre.

Il “rischio psicopatologico” si attesta nella mancata “razionalizzazione” dello stato psicofisico in atto e nella ricerca spasmodica di realizzare a tutti i costi l’istinto materno. La conseguenza porta a rasentare lo “stato limite”, proprio perché si chiama in causa la pulsione di onnipotenza che è una cattivissima compagna di viaggio nella vita. Voglio significare che Federica rischia di elaborare una forma di delirio compensativo qualora rifiuta la realtà.

Il “grado di purezza onirico” è stimato nell’ordine del “buono” perché concilia l’aspetto surreale con la narrazione e l’accomodamento della comunicazione.

La “causa scatenante” del sogno si attesta nella riflessione pomeridiana sulla maternità e sullo stato psicofisico. Magari la visione di un bambino che gioca nel parco può aver suscitato il sogno con tutta la sua intensità emotiva.

La “qualità onirica” è decisamente “surreale” per l’originalità della composizione e del “lavoro” onirico.

Il sogno di Federica può essere stato effettuato durante la seconda fase del sonno REM e in superamento verso il nonREM. L’intensità emotiva giustifica tale collocazione.

Il “fattore allucinatorio” si colloca nell’esaltazione del senso della “vista” in “ho visto che li sputavo dalla bocca ed erano bianchi”.

Il “grado di attendibilità” dell’interpretazione del sogno di Federica è “buona” a causa della chiarezza dei simboli e della loro interazione. Il “grado di fallacia” è “minimo”.

DOMANDE & RISPOSTE

L’interpretazione del sogno di Federica è stata sottosta all’attenzione e alla sensibilità di una donna che ha voluto restare anonima.

Domanda

La leggo da tempo e per comodità mi son fatta uno schema semplice sulle “posizioni psichiche” che sono importanti per capire il sogno. Vorrei che lei mi dicesse se è giusto l’inquadramento che ho fatto. “Posizione orale” – dipendo dunque sono, “posizione anale” – posso dunque sono, “posizione fallico-narcisistica” – mi piaccio dunque sono, “posizione edipica” – combatto dunque sono, “posizione genitale” – riconosco dunque sono. Mi sono rifatta al “cogito ergo sum” di Cartesio perché, come lei sa, io insegno filosofia. Mi dica se va bene. Per capire le sue interpretazioni dei sogni bisogna aver chiari in testa alcuni punti chiave che ricorrono immancabilmente in ogni articolo.

Risposta

Perbacco se va bene, va benissimo al punto che ti chiedo se posso usare questo schema nei prossimi lavori. Hai sintetizzato benissimo le caratteristiche psichiche dell’evoluzione psicofisica: la dipendenza e la vita affettiva, la ricerca del potere e dell’autonomia, l’autocompiacimento e l’individualismo, la conflittualità con i genitori e l’identificazione al maschile o al femminile, il riconoscimento dei genitori e la disposizione verso l’altro. L’essere psichico si attesta nel divenire psichico, nell’elaborazione evolutiva di questi tratti specifici e nella loro compresenza e simultaneità. Eraclito e Parmenide si incontrano nell’osteria di Freud. Dopo i dodici anni i vissuti di base sono stati organizzati e nel prosieguo della vita si allargheranno e si approfondiranno secondo questi paradigmi che tu hai ben sintetizzato. In questo modo si forma la personalità e il carattere, meglio la “organizzazione psichica reattiva” o struttura psichica evolutiva. I “fantasmi” sono la base dinamica di questa opera di costruzione e di integrazione operata dall’Io cosciente e razionale di ogni persona e al di là di qualsiasi razza e cultura. La Psiche e il Corpo sono il fondamento naturale dell’uguaglianza tra gli uomini, ma attenta a dirlo ai cafoni e agli ignoranti.

Domanda

Dalla lettura del sogno sorgono tante domande. Federica può aver subito un intervento chirurgico che l’ha resa sterile o era sterile di suo o era sterile per motivi psicologici. Cosa mi dice?

Risposta

Proprio vero. In questa ricerca della verità oggettiva ci si appella a cosa dice il sogno con la sua capacità di traslare la realtà e la verità nel registro dei simboli. Il sogno dice sempre una parte della verità oggettiva, perché dà per scontato tutto il resto. Mi spiego: Federica sa che non potrà avere figli e allora sviluppa in sogno il suo dolore per l’impossibilità di diventare madre. Oppure, Federica ha la paura inconsulta del travaglio e del parto, per cui rifiuta lo sperma e la fecondazione. Che sia una sterilità organica o una menomazione chirurgica, il sogno non lo dice nei termini plausibili di un’affermazione. Il sogno di Federica sviluppa un capitolo del suo romanzo di donna e di potenziale madre. La Psiche contiene tutto il quadro, ma privilegia in sogno la parte emergente in base allo stimolo avuto. Esempio: nel pomeriggio si è recata in ospedale per visitare qualcuno e si è ricordata per un attimo del suo trauma chirurgico oppure ha visto un bambino in carrozzina e ha ripescato la sua voglia di essere madre. Per quanto riguarda la “sterilità psicogena” non sono convinto che la Psiche possa annullare la biologia della fecondazione. Può contrastarla, ma non può impedirla. Madre Natura e Padre Ghiandola non si lasciano abbindolare da qualsiasi drastica azione psichica di annullamento o di inibizione. Si è detto sul tema che la donna secerneva in vagina, a causa della tensione nervosa legata alla paura della gravidanza, sostanze acide spermicide o ritardanti l’incontro del seme con l’uovo. Quando c’è la giovinezza e la bontà degli ormoni, la Natura procede in pompa magna sul carro del vincitore. La Filogenesi vince sull’estinzione della Specie. L’Evoluzione si basa anche sulla fertilità delle varie Specie, per cui si evolvono facilmente le Specie prolifiche e si estinguono le Specie non prolifiche e che abbisognano di molto tempo per la gestazione. In sostanza, topi e conigli non mancheranno mai sulla faccia della Terra.

Domanda

Tutto quello che lei dice è interessante, ma, tornando al sogno di Federica, è possibile che il suo “ex” fosse sterile e che lei lo ha mollato perché non poteva fecondarla, visto che lo sperma era prima verde e poi bianco. Il sogno ci dice di considerare anche questo.

Risposta

Escludo che l’uomo fosse sterile. Il problema psicofisico è di Federica. E’ lei che si accorge di non portare avanti la gravidanza e di non accogliere il seme nella maniera dovuta. E’ lei che opera la metamorfosi dello spermatozoo da vitale-verde a morto-bianco. Se fosse stato sterile il maschio, non ci sarebbe stato motivo di tanto dramma semplicemente perché lei era fertile e avrebbe potuto sempre fare un figlio con un altro uomo o con la fecondazione del suo uovo con lo spermatozoo di un altro uomo: “fecondazione assistita eterologa”. Stiamo sconfinando dal sogno di Federica ai tempi moderni e ai vantaggi offerti dalla Scienza medica alle problematiche femminili sulle possibilità di avere un figlio. E’ un argomento molto sentito dalle donne europee, alla luce del fatto che si fanno pochi figli e dopo i quarantanni e alla luce dell’incremento della sterilità maschile. Quest’ultima è dovuta a vari fattori e tra questi prevale la tossicità dell’alimentazione. I pesticidi usati in agricoltura aggrediscono i testicoli danneggiando e riducendo la produzione di sperma: oligospermia e necrospermia. Nel tempo andato durante la visita medica per il servizio militare era possibile diagnosticare il varicocele e ridurre le cause di sterilità. Oggi il maschio non è messo tanto bene a causa dell’aria che respira e di quello che mangia.

Domanda

Quindi era un problema di Federica. E allora, il passaggio dagli occhi alla bocca nel sogno vuol dire che lei guarda i vermi verdi, prende coscienza che lo sperma è buono, e poi si accorge che le esce bianco dalla bocca, ossia che le esce morto dalla vagina.

Risposta

Perfetto. Oltre che filosofa sei anche una buona interprete dei simboli.

Domanda

Ho ripetuto quello che ha detto lei, ma comunque la ringrazio per il complimento. Cosa si può dire alle donne che hanno subito interventi chirurgici drastici che le hanno rese sterili?

Risposta

E’ una questione talmente delicata che si può affrontare partendo dall’organizzazione delle strutture sanitarie. Bisogna introdurre nel reparto di Ginecologia e di Ostetricia la figura dello psicoterapeuta. Questa innovazione è essenziale, oltre che civile, ma in Italia siamo lontani anni luce da questa sensibilità e quindi non consideriamo la necessità di tale e tanta presenza che darebbe qualità all’esperienza della maternità e sarebbe di rispetto per le donne. Non soltanto, ma si eviterebbero con la presenza fissa e continua dello psicoterapeuta nel reparto, i rischi di subire traumi durante il travaglio e diminuirebbero le pericolose depressioni “post partum” e tutto quello che viene diagnosticato con sindrome “puerperale”, come se il procreare fosse uno stato prossimo alla malattia psichiatrica. Per quanto riguarda gli interventi chirurgici ginecologici, bisogna pensare che la perdita della funzione genitale fa perno sul “fantasma di morte” nelle versioni “negative” di “perdita” depressiva o di “frammentazione” o di “mutilazione” o di “castrazione” e si manifesta attraverso le crisi d’angoscia e la conversione della tensione nell’elaborazione di fobie e di paranoie. La donna regredisce alle “posizioni psichiche” sensibili in cui è possibile fissarsi per elaborare l’angoscia di perdita secondo le pulsioni dominanti in quella fase evolutiva. E qui mi potrei fermare perché si apre un lungo discorso clinico.

Domanda

No, continui. Fa bene a noi donne sentire queste cose e si spera che faccia bene anche agli uomini che amano le donne, almeno quelli che sono rimasti in circolazione.

Risposta

Giusto, capisco il tuo pessimismo, ma lo trovo esagerato. Esemplifico e sintetizzo. Il “fantasma di morte” si distingue in base alla “posizione psichica” che la donna rivive e che ha a suo tempo elaborato. Vediamo le varianti cliniche e le psicodinamiche.

Il trauma chirurgico in lesione dell’apparato genitale quando si innesta e attecchisce nella “posizione orale” risuona con le note dell’abbandono e della dipendenza affettiva. L’angoscia è di “solitudine” e la donna ha tanto bisogno di essere amata, consolata, rassicurata e di dipendere affettivamente: psiconevrosi depressiva transitoria e risolvibile in breve tempo attraverso una buona “razionalizzazione” della perdita.

Se il trauma chirurgico si fissa nella “posizione anale”, l’angoscia è di “frammentazione” e scatena l’aggressività contro gli altri e contro se stessa, pulsioni sadomasochistiche pericolose per la donna e per la convivenza. Questa è la situazione psichica più delicata e pericolosa per l’equilibrio psicofisico semplicemente perché la donna nella ricerca della sua autonomia proietta la sua angoscia nelle persone del suo ambiente nel tentativo di liberarsene. La “sindrome paranoica” è richiamata e interessa il sistema relazionale. Nelle relazioni con le persone si manifesta persecuzione e nelle relazioni con le cose si stabilisce fobia. Questo stato psichico deve essere risolto perché contempla la possibilità della violenza, per cui si rende necessaria la psicoterapia.

Se il trauma chirurgico si fissa nella “posizione fallico-narcisistica”, l’angoscia è di “mutilazione” e la reazione oscilla tra l’esaltazione e l’isolamento. La donna vive una forte offesa al proprio corpo e in via traslata all’amor proprio e al suo valore, per cui tende a rimuovere l’angoscia o a sublimarla. Se la “rimozione” non funziona, la donna vive e realizza una pulsione all’isolamento e all’introversione. Se la “sublimazione” non esaurisce e non compensa le cariche nervose, la donna esperisce altri “meccanismi psichici di difesa” utili a ricompattare l’Io nei termini di un’auto-gratificazione intensa.

Se il trauma chirurgico si fissa nella “posizione edipica”, l’angoscia è di “castrazione” e la donna vive la perdita e l’offesa come una punizione istruendo sensi di colpa che tendono all’espiazione attraverso la “conversione isterica” e la “formazione di sintomi”: “psiconevrosi isterica”.

Se il trauma chirurgico si fissa nella “posizione genitale”, l’angoscia è di perdita depressiva con una caduta nell’indeterminato psichico. La donna tende a riprendersi con la “razionalizzazione” del trauma e a reagire con il riconoscimento dell’esperienza vissuta. Si prende amorosa cura di sé e del suo destino: “amor fati”. Matura il sentimento d’amore e di cura di sé e dell’altro. Condivide le sue angosce in coppia e in famiglia. La psiconevrosi depressiva si risolve in breve tempo.

Questa sintesi si conclude e dimostra quanto sia necessaria e proficua la Psicoterapia nei reparti, non soltanto di Ginecologia e Ostetricia, di qualsiasi ospedale. Umanamente ci saranno meno persone da curare con sintomi strani che la Medicina organica non capisce e non contempla. In certi settori e specialmente in quello psicologico siamo all’età del bronzo.

Domanda

L’adozione è una soluzione importante?

Risposta

L’adozione è una degna compensazione dell’istinto materno e permette la traslazione dell’investimento “genitale” in un essere umano. In maniera ottimale il bambino adottato nel primo anno di vita è meno problematico rispetto al ragazzino di dieci anni che è già ben strutturato a livello psicologico. E’ anche umano che le coppie abbiano una preferenza e un desiderio quando si accingono all’adozione. Spesso chiedono agli psicologi notizie al riguardo. Alcune donne prediligono un neonato e altre non avanzano distinzioni. E’ importante che la coppia sappia che la formazione psichica avviene nei primi anni di vita, in maniera che possa stabilire il grado di impegno educativo e la qualità formativa che l’adozione comporta. E’ senz’altro più problematico il bambino che viaggia dai cinque ai dodici anni, rispetto al bambino di un anno che si forma in quel contesto familiare e con quei genitori e senza avere la consapevolezza della vecchia e della nuova situazione. Il primo avrà la pulsione di cercare i genitori naturali e di ritornare con loro. Il secondo non si pone minimamente il problema.

Domanda

Ma bisogna dire al bambino che è stato adottato?

Risposta

I genitori sono per il bambino piccolo le figure che lo nutrono e lo proteggono con le mille cure chiamate amore. Quando cresce non è necessario dire la verità sulla sua origine, anzi è dannoso per l’economia psicologica. Qualora intercorressero circostanze impreviste o si rendesse necessario per fattori somatici, si deve comunicare la verità. Questa è una questione spinosa che va affrontata caso per caso. In generale vale la regola dell’omissione della notizia, omissione non bugia. Al trambusto critico evolutivo è preferibile non associare un tema così delicato ed esistenziale.

Domanda

Consiglia l’adozione?

Risposta

E’ una decisione altamente nobile ed è una scelta di estrema naturalezza. Si può adottare anche in presenza di figli propri e di cani e gatti. Il sentimento d’amore è psicologicamente la migliore cura agli affanni dell’esistenza.

Domanda

Grazie.

Risposta

Prego e alla prossima.

Vi lascio una storia decisamente “pop” e degna di essere visitata a occhi aperti e con la giusta ironia.

IL TESTAMENTO DI DONNA FRANCA

DA BIGOLINO

Mi trovo in alto mare con un marito ingrato e un compleanno crudele,

con una palestra polverosa e una farmacia acidula,

con una supposta arrotondata e una leccornia consolatrice.

Oggi mi sono fatta di Valium e di Nutella

e ho scritto il mio testamento di malata di aids,

una malata senza speranza e speranzosa nello stesso tempo.

“Malamente lascio tutti voi,

ma vi lascio bene e in famiglia

e questo è per me motivo di consolazione in tanta disgrazia.

I figli li terrai tu, come abbiamo deciso a suo tempo”.

Tu!

Tu sei stato il mio uomo,

ingrato,

ma sei stato il mio uomo

e sai che ti rivedo sempre volentieri

e sai benissimo che ti coltivo con amore dentro di me

come la mia ipocondria

e, siccome non ho altro da pensare,

penso a te come il mio unico e vero male.

Per il resto niente di nuovo sotto le nuvole del mio cielo.

Tutto avverrà necessariamente

com’è stato scritto nel libro mastro della mia vita.

Io lascerò il mio tempo allo spazio e il mio spazio al tempo,

sarò pura energia dotata di pensiero pensante in atto

e vivrò finalmente conosciuta a me stessa tra dimensioni ignote e luminose.

Io passerò nel momento a me destinato

e sarò puro spirito tra puri angeli senza ali.

Ma quante colpe devo espiare ancora in questa vita prima di evolvermi?

Quanto deve soffrire questo mio pesante involucro?

Ormai sento soltanto la sua oppressione,

sento dentro di me serafiche campane

che inutilmente battono a martello

perché io non riesco ancora a morire.

Tutto mi consola e mi atterrisce allo stesso tempo.

Ho anche paura della pubblicità in tv

e mi angoscia ricordare il tuo aspro martello

che batte insolente nel dolce collo del mio rustico anfratto.

Il mio amore per te, del resto, è stato anche questo,

sciorinare liquidi da mucose allettanti

indossando una camicia da notte presa in prestito da mia madre.

Ma questo era il mio corpo vivo.

Il mio corpo defunto sarà feticcio ed esorcismo del male a futura memoria.

Amarcord.

Io mi ricordo di tutto e mi ricorderò di te.

Tu ricordi e mi ricordi ancora?

Se per caso mi hai dimenticato in un anonimo hotel

tra le pieghe di un lenzuolo clandestino,

ricordati di me che son la Franca,

nata a Bigolino in provincia di Treviso

e morta chissà dove e chissà quando.

Sai,

io sono ancora libera,

una donna libera dentro nonostante la serie dei pensieri funesti,

fantasmi da tragedia greca che mi perseguitano

come un vizio dolce e assurdo allo stesso tempo.

Perché non ti fermi ancora un po’ con me?

Perché non ristai?

O forse hai paura di vedere una donna che muore

o come muore una donna?

Ogni poro della sua pelle si otturerà

e diventerà un grano di sesamo.

Il suo corpo si trasformerà in un croccante lebbroso

da leccare e mordere nella notte dell’epifania

davanti alla buberata della vecchia strega.

Tardivo e vano, ormai, è il nostro chiacchierare da lontano,

una minestra di cicerchia per poveri vecchi,

una strana senescenza e una precoce vecchiaia,

una truffa all’INPS.

Eppure,

se tu fossi qui e se tu volessi,

un bacio sotto il portone te lo darei volentieri

anche se so che non sarebbe da fine del mondo e neanche la fine del mondo.

Un bacio si può anche dare e ricevere.

Sai perché non ti direi di no?

Semplicemente perché dal movimento biologico avrei la possibilità

di constatare quanti ormoni ancora restano in circolazione nel mio povero corpo,

un ineffabile e macabro test di vita e di morte.

O forse hai ancora paura di vedere una donna che muore

o come muore una donna?

Ogni poro della sua pelle si otturerà

e diventerà un grano di sesamo.

Il suo corpo si trasformerà in un croccante lebbroso

da leccare e mordere nella notte dell’epifania

davanti alla buberata della vecchia strega.

Vorrei per me leggerezza e promiscuità

in questo insostenibile e imminente distacco,

in questo giocare a scacchi dentro un’interminabile partita

con i cavalli in tilt perenne e senza palle,

con i pedoni stacanovisti e tutori della verginità della regina,

ossequiosi del fallo del re,

con le torri immobili che guardano la partita dall’alto dei loro merli.

Ma vaffanculo!

Scusa lo sfogo e assolvi la mia rabbia.

Te lo chiedo per favore.

La verità è che tu non mi hai mai pensato

e quindi non puoi e non potrai ricordarmi.

La verità è che tu non mi hai mai desiderato

e quindi non puoi e non potrai gradirmi.

Come fai a ricordare e a gradire ciò che non hai pensato e desiderato?

A me non resta che ringraziarti

ed esserti riconoscente per tutto quello che non abbiamo fatto

e non abbiamo vissuto insieme.

Sei contento?

O forse hai ancora paura di vedere una donna che muore

o come muore una donna?

Ogni poro della sua pelle si otturerà

e diventerà un grano di sesamo.

Il suo corpo si trasformerà in un croccante lebbroso

da leccare e mordere nella notte dell’epifania

davanti alla buberata della vecchia strega.

Perdonami, ti prego, abbi pietà di me!

Prenditi la mia disponibilità

e non far perno sui miei sensi di colpa,

perché questo tu lo sai ben fare

e soprattutto lo hai saputo ben fare.

Non scassinarmi l’anima!

Indiscutibilmente sei stato un maestro

nello scuotermi dalle fragili radici

e nel farmi ballare le morbide tette sotto il maglio.

Un maestro!

E che maestro!

Eppure dicevi di amarmi.

E quante volte lo dicevi.

Lo dicevi

e lo ridicevi in tutte le lingue che conoscevi.

Il sentimento d’amore, mio caro, non è un semplice “Franca ti amo”,

un altro “Franca ti amo”

e un altro ancora più semplice “Franca ti amo”.

Il sentimento d’amore non è uno scambio di enigmatici sguardi

o una meravigliosa sintonia sessuale.

Il sentimento d’amore non è un bancomat da condividere

o un mutuo inestinguibile presso la banca delle Prealpi.

Il sentimento d’amore è un esercizio del corpo e della mente,

un training quotidiano che culmina nella scelta mattutina,

tu di me e io di te.

Il sentimento d’amore è una cosa seria

e altro non so dire perché altro non è.

Sappilo, emerito pirata!

Tu, invece, chi sei stato?

Tu, invece, chi sei ancora oggi?

Un praticante di occasioni mancate e spesso azzeccate.

Sei triste adesso?

O forse hai ancora paura di vedere una donna che muore

o come muore una donna?

Ogni poro della sua pelle si otturerà

e diventerà un grano di sesamo.

Il suo corpo si trasformerà in un croccante lebbroso

da leccare e mordere nella notte dell’epifania

davanti alla buberata della vecchia strega.

Non farci caso,

non sono gelosa,

sono soltanto imbarazzata,

tanto imbarazzata per le mie assurdità.

Sto per lasciare il mio corpo

e penso al tempo delle mie mele

quando uscivamo insieme andando in culo al mondo

a cavallo della tua Lambretta

e con un pacchetto di Marlboro nella tasca dei jeans.

E io me la tiravo

dicendoti che il mio cuore era uno zingaro

che cercava tutto quello che non era normale,

tutto quello che era fuori moda,

tutto quello che era fuori uso,

tutto quello che era fuori corso.

Amavo il diverso

e proprio per questo avevo scelto te.

E io cantavo, cantavo,

cantavo a squarciagola per farmi sentire da te,

cantavo “che colpa ne ho,

se il cuore è uno zingaro e va,

catene non ha,

il cuore è uno zingaro e va,

finché troverà la cosa più bella che c’è,

raccoglierà le stelle su di sé e si fermerà, chissà.”

Un girovago,

un viandante,

un Ulisse era il mio cuore.

E così mi sono fermata da te.

Ci sei?

Ci stai?

O forse hai ancora paura di vedere una donna che muore

o come muore una donna?

Ogni poro della sua pelle si otturerà

e diventerà un grano di sesamo,

Il suo corpo si trasformerà in un croccante lebbroso

da leccare e mordere nella notte dell’epifania

davanti alla buberata della vecchia strega.

Essere zingari era un male comune

che necessariamente diventava un mezzo gaudio.

Eravamo figli dei fiori,

vestiti di orride camicie e di jeans a zampa d’elefante.

Cantavamo che “il denaro e il potere sono trappole mortali

che per tanto, tanto tempo han funzionato”.

Eravamo anarchici nel midollo,

noi due senza chiesa, senza stato e senza banche.

E allora?

Gaudeamus igitur amore mio!

Amiamoci allora!

Perché dovremmo lasciarci?

Perché dovremmo separarci?

“Finché morte non vi separi”.

Ricordi, amore mio?

Così avrebbe detto un vecchio prete in una vecchia chiesa.

Bastava vestirci in modo appropriato,

io da meringa e tu da pinguino

e presentarci davanti al tribunale di un dio ebreo.

“Finché morte non vi separi”.

Ti sei dimenticato e non mi rispondi, brutto zozzone!

Anche se non mi rispondi,

so che sei nascosto dietro l’armadio

e che mi stai spiando

mentre faccio scoppiettare i pop-corn sul coperchio della padella,

so che ti stai eccitando

mentre giro il ragù con sotto la traversa un bel niente.

Tu dimentichi con facilità, vecchio volpone!

Ma io lo faccio apposta

e voglio farti sentire una merda.

Ricordi noi due nel mese di ottobre 2002 in giro per Monaco di Baviera

quando impazzava la festa della birra?

Si beveva molto malto, vero?

La sbornia finiva immancabilmente e meno male in lunghe interminabili pisciate.

Quanti cessi mobili in giro per Monaco!

E tu che avevi paura di svuotare non solo la vescica ma anche il cervello.

Immagina la tua sottile intuizione e la tua sopraffina intelligenza

finite dentro un cesso chimico della Gunther strasse!

E così in quelle sere ci siamo trovati insieme alle due del mattino,

io e te,

tu ed io,

tu che eri il mio doppio masturbante,

il compagno di goliardiche nottate,

il mio inestimabile re di denari,

il mio potente cavallo di cuori,

il mio servizievole fante di picche,

lo stronzo di sempre, insomma.

Ti basta tutto questo?

O forse hai ancora paura di vedere una donna che muore

o come muore una donna?

Ogni poro della sua pelle si otturerà

e diventerà un grano di sesamo.

Il suo corpo si trasformerà in un croccante lebbroso

da leccare e mordere nella notte dell’epifania

davanti alla buberata della vecchia strega.

Ma tu non avevi solo me, brutto figlio di puttana!

Tu avevi Tizia, Caia e Sempronia,

che non sono i nomi di oneste donne romane,

ma semplicemente i nomi generici di troie che ben conosco

e che non voglio chiamare per nome e cognome.

Tu sei stato un perverso traditore,

tu mi hai umiliato con la tua apparente bontà,

con la tua falsità,

con la tua ipocrisia,

con la tua freddezza,

con il tuo mezzo sorriso di merda,

con la tua storia di prete spretato.

Eppure, tu eri tutto per me.

Mi facevi pensare,

mi facevi credere,

mi facevi dire.

Mi insegnavi,

mi proponevi,

mi consolavi,

mi assistevi,

mi profumavi,

mi pulivi il pesce.

Tu eri tutto per me,

la banca,

il supermercato,

la Iuventus,

la mischia.

Tu eri tutto per me

e io dipendevo completamente da te.

Quand’ero infuocata dalla gelosia,

quando tiravo fuori la mia donna delusa,

tu mi dicevi che avevi soltanto e semplicemente qualche amicizia femminile,

donne in odore di santità e non in colpa di puttana.

Io mi lasciavo convincere per convenienza,

ma non ti ho mai visto come assistente sociale o come il coglione di turno.

Mi hai ucciso da viva

e io ti maledirò finché sarò in questa vita.

Dopo, da morta e dall’alto dei cieli,

vedrò finalmente tutte le tue malefatte,

le guarderò anche alla moviola come una partita di calcio

e alla fine ti perdonerò ancora una volta

e ti sarò provvidente,

veglierò su di te,

sarò il tuo angelo custode,

ti illuminerò,

ti custodirò con la mia pietà celeste.

Non sei contento?

O forse hai ancora paura di vedere una donna che muore

o come muore una donna?

Ogni poro della sua pelle si otturerà

e diventerà un grano di sesamo.

Il suo corpo si trasformerà in un croccante lebbroso

da leccare e mordere nella notte dell’epifania

davanti alla buberata della vecchia strega.

Parlavamo con la bocca lingue diverse,

tu la tua,

io la mia.

Avevamo nel corpo linguaggi diversi,

tu il tuo,

io il mio.

Questa era la nostra verità.

Ma ci capivamo meravigliosamente

quando bisognava vivere un giorno da leone

e scartare i cento anni da pecora.

E allora cosa si fa?

Perforiamo i nemici con una divisa da SS tra una svastica e l’altra

o ci coinvolgiamo in un giovane suicidio nel pieno di un concerto rock?

Quale follia mi proponi adesso?

La prova generale del mio funerale?

Vuoi allenare i tuoi occhi a sgorgare lacrime in abbondanza

come lo sciacquone del tuo water?

Potrei suggerirti anche la giusta postura del vedovo.

Ti raccomando la cassa di semplice pino

e il fuoco per consumare l’ultimo insulto inferto dalla vita al mio corpo.

Macabra, vero?

O forse hai ancora paura di vedere una donna che muore

o come muore una donna?

Ogni poro della sua pelle si otturerà

e diventerà un grano di sesamo.

Il suo corpo si trasformerà in un croccante lebbroso

da leccare e mordere nella notte dell’epifania

davanti alla buberata della vecchia strega.

Oggi è una bella giornata,

luminosa come il colore giallo.

Il sole è penetrante nel cielo

e la luna è andata dormire da qualche parte.

Mi aspetto grandi cose da quest’oggi.

Mi aspetto una giornata cazzuta.

Toc, toc!

Chi bussa alla mia porta?

E’ il tuo alter ego.

Benvenuto nella mia casa, mio caro doppio.

Hai qualcosa da dire tu che parli sempre,

tu che parli strano,

tu che parli schizofrenico?

Tu parli sempre.

Dio quanto parli!

Non ti fermi mai.

Ma chi ti capisce?

La tua quinta essenza è la logorrea.

Ma tu parli soltanto e non dici niente.

Tu hai la libido soltanto in bocca,

secerni parole

e parole

e parole

e ancora parole con senso

e parole con non senso.

Tu mi ubriachi di parole.

E allora?

Facciamo un brindisi ancora per star male

e un altro brindisi per star peggio.

Io sono così fragile che piango per niente,

sono traumatizzata da un nulla che ciclicamente ritorna e mi distrugge,

un nulla che si annuncia dicendo che lui c’è,

c’è come il dio degli Ebrei,

c’è come il dio dei Cristiani,

c’è come il dio dell’Islam.

Su beviamoci sopra,

anneghiamo nell’alcool le nostre incongruenze

o le nostre stronzate di merda.

Da bevuti si chiacchiera meglio.

Meglio morire ubriachi piuttosto che disperati.

Così diceva mio nonno,

un alcolista non certo anonimo e non certo infelice disadattato.

Lui era tosto,

lui era un sopravvissuto,

lui si curava con il vino,

con la grappa e con la corrente elettrica.

Era un ragazzo del ’99 e aveva combattuto sul Piave.

Che sfiga di generazione!

Una classe di morti di fame e di ignoranti,

oltretutto condannati a morire in una guerra che non avevano chiesto,

che non li riguardava,

che non sapevano cos’era,

una guerra voluta da altri per loro,

i potenti e gli assenti di sempre.

Mio nonno curava la sua angoscia con la bottiglia

e con i 120 volt che aveva in stalla nella presa della corrente.

Infilava le dita e si faceva l’elettrochoc.

Altro che scienziati tedeschi o americani!

Lui era stato un pioniere,

aveva capito se stesso e aveva trovato la sua cura.

Spero di trovarlo quanto prima.

Ma noi adesso facciamo festa e beviamo come ai bei tempi.

Su beviamo fino allo stordimento,

non fermiamoci mai,

noi siamo le vecchie spugne del mar dei Carabi e dei Sargassi,

spugne intrise di autodistruzione,

di pulsioni di morte tutte da esorcizzare.

Esorcizziamo, dunque, mio caro

e così esorcizzando non sentiremo l’angoscia della morte

e così non moriremo mai.

Sei fatto abbastanza?

Sei ubriaco al punto giusto?

Stai bene?

O forse hai ancora paura di vedere una donna che muore

o come muore una donna?

Ogni poro della sua pelle si otturerà

e diventerà un grano di sesamo.

Il suo corpo si trasformerà in un croccante lebbroso

da leccare e mordere nella notte dell’epifania

davanti alla buberata della vecchia strega.

Mi trovi ancora carina o mi vedi laida?

Io mi sento consunta ormai dall’immunodeficienza.

Ho pensato sempre di conoscermi abbastanza,

ma adesso che arriva la fine,

sento di essere sconosciuta a me stessa.

Io mi sono divertita anche a essere un puro qualcosa e a far qualcosa.

Sai?

Io posso morire serena

e avrò tanto da ricordare

e tanto da raccontare a tutti quelli che incontrerò dopo il mio trapasso

o meglio dopo il mio passaggio

o meglio ancora dopo il mio nulla che è sempre un qualcosa.

Contento?

O forse hai ancora paura di veder una donna che muore

o come muore una donna?

Ogni poro della sua pelle si otturerà

e diventerà un grano di sesamo.

Il suo corpo si trasformerà in un croccante lebbroso

da leccare e mordere nella notte dell’epifania

davanti alla buberata della vecchia strega.

Elaborata da Salvatore Vallone in Pieve di Soligo e nel mese di Maggio dell’anno 1994

IN VINO VERITAS

Vino Rosso, Vino, Bottiglia, Rosso

VENERDI’ SANTO

È lento o veloce il tempo?

Che forma ha?

È rotondo?

Quadrato?

È il cilindro con all’interno un coniglio

o l’attesa del ladrone alla mia destra?

Non esiste,

ma intanto dilata l’orizzonte

di questa spianata priva di lancette.

Anelo a un orologio

come uno schiavo che invoca un ordine da eseguire,

credo di essere attratta dal bisogno di un calcio nel culo,

una colpa da trasferire,

un carnefice che dia un senso a questo pomeriggio.

Mi guardava come avrebbe guardato un quadro o un cane.

Questo quando mi amava.

Adesso mi guarda come fossi una certezza

e so che,

quando scomparirò,

non noterà la mia assenza.

Alla fine ci si abitua alla permanenza,

diventa evanescente come un santo.

Vivo o morto è a tua disposizione,

a disposizione delle tue necessità morali.

È sempre una questione di tempo,

anche quando non esiste.

Non si ferma,

si muove come vuole,

rughe,

questo bel culo che cade,

creme,

speranze da disilludere,

ridere,

ridere di questa banalità,

il pensiero viaggia più veloce

ma almeno rallenta a comando,

mentre questo corpo esige la sua immanenza.

Sono le tre del pomeriggio

ed è necessaria una morte

per decretare l’immortalità.

Io sono il mio tempio,

il mio corpo è il mio tempio,

il tempio è stato distrutto,

prima o poi sarò a Gerusalemme.

Mi metteranno in croce?

Penso di sì,

questo è il messaggio del Figlio dell’Uomo.

Messo in croce Lui,

messi in croce tutti noi.

Non lamentarsi,

difendere il bastione con onore.

Sarà bello il mio vestito?

Sarà bianco?

Avrò meritato la ribalta?

Io non credo che ci sarà gente,

non paga più nessuno

per assistere al supplizio di un fiore reciso.

Sabina, aprile, 2019

PASQUA

Fiorisci bel fiore,

fiorisci amore mio,

che a morir d’amore c’è tempo,

lo sai.

Chissà quanti anni hai.

Forse tredicimila e cinquanta tre,

forse trentamila e quattro.

Chissà quante vite hai.

Forse cinquecento e due,

forse settemila e sette.

Ti ho dato i numeri,

ma tu non sognare di rinascere,

non rinascere,

ancora ti servi viva.

E la tristezza di un padre voluto e cercato

riservala sempre a te stessa,

non darla al miglior offerente

nel mercato delle colombe e delle uova

il sabato mattina nella piazza del Duomo,

così a Trento,

così a Siracusa,

così là dove e in ogni dove ci sarà un Duomo.

Sfiorisci bel fiore.

sfiorisci amore mio,

che a morir d’amore c’è tempo,

lo sai.

Sul davanzale esposta è la tua sagoma

tra vasi oblunghi di fiori di fragola,

tra filari infiniti di mele melinde.

Le litanie ripetono i cori della primavera

e nell’asilo delle bambine e dei bambini,

abbandonati anche dalle suore,

nelle ore della canicola

si esorcizza l’angoscia della malora

in quel dopoguerra mai tramontato.

E i bambini e le bambine cantano e non piangono.

“Mela melina,

dolce e carina,

rossa e rotonda,

mela gioconda,

come ti mordo

nel mio ricordo.”

Intanto il tempo scorre tra le umide legnaie

e, se ti muovi,

scarica eros il tuo corpo aspro

di adolescente cresciuta in fretta

e non diventata donna.

Come farai a essere la prima della classe?

Va bene lo stesso,

ma non essere sola,

non sentirti sola,

ti prego

e parlami con gli occhi,

quelle fiaccole celesti

che brillano quando canti

“Mele meline,

dolci e carine,

rosse e rotonde,

mele gioconde,

come vi mordo

nel mio ricordo.”

Quando cammini,

sei tra maschio e femmina,

tra uno sculettare

e un incedere imperioso di vanagloria.

Regali ancora i tuoi seni al destino infame?

Non correre troppo,

altrimenti si vede quella malafemmina

che della seduzione ha fatto un’arma dolce e micidiale,

come la sirena Lighea,

la figlia di Calliope e di un delfino.

I tuoi occhi sono haschisc

o, se vuoi, due tazzulelle e cafè,

ch’i tant l’adda girà

e tant l’adda girà,

ch’o roce d’inta tazza

coppa a bbocca m’adda ‘rivà.

I poeti, mia cara, muoiono sempre il giorno dopo

e poi rinascono come i ramarri.

Tu,

per quello che ti compete,

leggimi un po’ ogni sera

per tenermi ancora in vita.

Il poeta non sarà oscurato dalla censura

o dalle sue stesse rimozioni.

Che l’ascolto sia fragile

e il dimenticare sempre lieve.

Hai vissuto soltanto pochi giorni di sole.

Assolvi la tua debolezza

e dolce ti sia ancora e sempre il ricordare,

così come volevi quando eri l’Orazio di allora,

così come volevi quando eri la Saffo di ieri.

Riposa bel fiore,

riposa amore mio,

che a morir d’amore c’è tempo,

lo sai.

Salvatore, aprile, 2019

I RITARDI DI MARISTELLA

Lavori In Corso, Sicurezza Lavoro

TARMA DEL SOGNO – CONTENUTO MANIFESTO

“Mi trovo in una festa tra amici e c’è tanta gente.

A un certo punto sento che devo andare via.

Salgo in macchina e vado per una strada in discesa. Dopo una doppia curva vedo il cartello dei lavori in corso.

Rallento perché stavo andando forte.

Ci sono degli operai con un escavatore e a questo punto la strada frana e l’operaio ci cade dentro.

Mi sono girata con la macchina e mentre salivo vedo dei camion che vengono giù a forte velocità e con i fari segnalo il pericolo.

Non sono preoccupata per i pericoli. Il mio pensiero fisso è che sono in ritardo e che devo fare qualcosa.

Mi sono svegliata con questa sensazione.”

Questo sogno appartiene al corredo psicofisico notturno di Maristella.

DECODIFICAZIONE – CONTENUTO LATENTE

CONSIDERAZIONI

“Mi sento vulnerabile nell’orgasmo perché potrei fare o subire delle cose che non vanno bene.”

Ricorrente è questa versione nella Psicologia femminile e nei vissuti relativi alla formazione e alla pratica della vita sessuale. La donna fatica a lasciarsi andare alle funzioni naturali del suo “sistema neurovegetativo” e ad affidarsi al suo corpo, nonché e giustamente al suo uomo, per la paura, non soltanto della gravidanza nei rapporti a rischio, ma soprattutto di perdere la vigilanza e l’autocontrollo, le funzioni privilegiate dell’istanza psichica “Io”. E allora la donna timorosa richiama in servizio il “sistema nervoso centrale” destituendo d’autorità e di diritto i valori pulsionali dell’istanza psichica “Es”, degnamente definibile rappresentazione mentale dell’istinto nelle forme di “percezione” e di “fantasma”. L’Es viene burlato dall’Io o l’Io si burla dell’Es. Il conflitto è più che evidente e drammatico, è la classica “psiconevrosi isterica” e l’altrettanto classica “conversione psicosomatica”. Un sacrosanto benefico orgasmo è tralignato in un sintomo delicato da tenere in grande considerazione per il danno che arreca all’equilibrio psicofisico e al gusto del proprio corpo.

E il “Super-Io”?

Il “Super-Io” non sta a guardare come le stelle dello scozzese Kronin, tutt’altro!

L’istanza censoria e morale si inserisce con i suoi limiti e i suoi divieti in questo conflitto, cercando con abile maestria di non farsi riconoscere. Ma, a tutti gli effetti, il sistema educativo fa capolino con le sue repressioni e i suoi tabù, quelli di mamma e papà che hanno dimenticato a loro volta i danni subiti nell’infanzia dai genitori, e quelli della società che non ha di certo smarrito la sessuofobia tra le pieghe di un lenzuolo in un motel di periferia. E così la storia continua tra grandi inventori del nulla eterno e originali banditori di fumo.

Convergendo sul sogno di Maristella, è opportuno rilevare che l’universo psicofisico femminile è privilegiato in riguardo all’orgasmo per la complessità variegata che coinvolge tutto il corpo. La metafora dei “cerchi nell’acqua” può rappresentare cosa succede alla donna nel trionfo progressivo dei sensi e nel culmine dell’appagamento della “libido narcisistica”, masturbazione, e soprattutto “genitale”, coito. Il moto concentrico parte dal clitoride e dalla vagina per irradiarsi alle estremità del corpo a macchia d’olio e questi impulsi neurovegetativi sono talmente sottili e delicati che possono essere ridotti o addirittura bloccati dall’emergere di una paura o di un trauma. L’inibizione dell’orgasmo è un disturbo della sessualità e produce una caduta del gusto del proprio corpo e del proprio vivere.

Ma cos’è l’anorgasmia?

La “anorgasmia” si traduce “assenza di orgasmo” e si attesta fisiologicamente nell’inibizione delle vibrazioni intrauterine ed extrauterine dopo un’adeguata eccitazione sessuale. L’anorgasmia si manifesta nella masturbazione e nel coito.

La definizione e la descrizione dell’orgasmo è d’obbligo per una migliore comprensione del disturbo. L’orgasmo si traduce nella massima sensazione del piacere. Questo apice psicofisico si traduce in una serie di intensi spasmi e di contrazione dei muscoli della zona anale e vaginale interna ed esterna. Particolare importanza assume la stimolazione del clitoride e della zona interna corrispondente e definita punto “g” dove si concentrano tantissime innervazioni che sintetizzano il piacere in una scarica isterica. Al massimo dell’eccitazione, orgasmo, subentra il progressivo rilassamento psicofisico, mentale e corporeo. Si distinguono due orgasmi: il clitorideo e il vaginale. Nel coito spesso e in maniera ottimale avvengono entrambi con il massimo del piacere attraverso la stimolazione e lo sfregamento delle terminazioni nervose.

Le cause, eziologia, dell’anorgasmia sono molteplici e si attestano nel versante personale dei “fantasmi” e delle relazioni. Tra le prime si rileva immediatamente un “fantasma di morte” nel vivere il rapporto sessuale come una progressiva caduta della vigilanza dell’Io che porta all’incapacità di controllare le reazioni involontarie del corpo. L’orgasmo viene vissuto come uno svenimento e un lasciarsi andare alla mercé dell’altro. Di conseguenza, la donna si ossessiona durante il rapporto sessuale nella auto-osservazione dei movimenti spontanei del suo corpo e si atterrisce nel vivere il progressivo piacere che aumenta in maniera direttamente proporzionale al suo lasciarsi andare. La donna è spettatrice di se stessa fino all’astensione difensiva dal partecipare, meccanismo psichico di difesa dello “evitamento”. Il blocco psicofisico intercorre a metà rapporto e produce la progressiva secchezza vaginale e l’anestesia delle zone erogene.

La donna non si piace e non si sente normale, non si masturba perché è convinta di non arrivare all’orgasmo, ma è ossessionata da questo traguardo. Coltiva un “fantasma di menomazione d’organo” che poi si allarga a un generale complesso d’inferiorità e d’inadeguatezza.

Un conflitto psichico relazionale è quello “edipico”, il vissuto in riguardo al padre e alla madre. Le donne anorgasmiche hanno pendenze psichiche verso la figura paterna, vissuta come fredda e anaffetiva e di conseguenza rifiutata, nonché hanno maturato una disistima nei confronti della madre su cui si sono parzialmente identificate per non incorrere in disturbi psichici gravi. La “posizione psichica edipica” è stata risolta in maniera precaria e porta la donna a ridestare un tratto “fallico”, potere e competizione, contro il maschio, oggetto del suo desiderio sessuale ma pericolo per la sua sopravvivenza. La donna anorgasmica soffre di invidia del pene, seduce come Afrodite, vuole ma si blocca, è competitiva con il maschio e facile alla rassegnazione e al compianto della sua anormalità, ha difficoltà e ambivalenze affettive, sa chiedere in riguardo al sesso ma poi si rifiuta di partecipare. Qualora si dispone al rapporto sessuale, nega a se stessa che in qualche modo può essere andato anche bene, rafforzando la sindrome d’indegnità.

L’aggressività verso il maschio è profonda e porta spesso la donna a essere compiacente alle richieste più o meno perverse per nascondere la sua inferiorità e per dimostrare all’incontrario la sua superiorità rispetto alle altre donne. La donna anorgasmica è narcisistica nella versione autolesionistica ed è carente di amor proprio. La sua attenzione ossessiva e i suoi sforzi d’investimento della “libido” sono diretti a non subire frustrazioni, castrazioni e perdite, a non ridestare il “fantasma depressivo” e i tratti psichici collegati.

La donna anorgasmica ha difficoltà a variare lo stato di coscienza dal momento che la vigilanza è imprescindibile nella sua azione fino a diventare ossessione all’autocontrollo e al controllo della situazione in cui si viene a trovare nella vita di tutti i giorni. Ha difficoltà a lasciarsi andare e a vivere i bisogni del corpo, pur avvertendo le pulsioni erotiche e sessuali specialmente in sul primo insorgere. La lubrificazione vaginale è quasi immediata in quanto la Psiche non ha il tempo di inibirla perché la sua risposta è più lenta rispetto all’immediatezza dell’istinto. Le donne anorgasmiche sono monotone nell’umore e nell’esibizione. Si mostrano spesso agli altri con spavalderia e supponenza per nascondere il loro punto debole.

Le “organizzazioni psichiche reattive” coinvolte in questo disturbo sessuale sono la “edipica” e in subordine la “fallico-narcisistica”, la “orale” e la “anale”.

La “posizione psichica edipica” è dominante nel formarsi e nell’insorgere della anorgasmia. La conflittualità nei riguardi della figura paterna e la conseguente disistima della madre sono la base profonda del disturbo.

I “meccanismi psichici di difesa” dall’angoscia coinvolti nell’anorgasmia sono il “ritiro primitivo”, il “controllo onnipotente”, la “rimozione”, “l’isolamento”, la “razionalizzazione”, la “compartimentalizzazione”, “l’annullamento”, la “legittimazione”, la “assoluzione”, “l’acting out”, la “sessualizzazione”, la “sublimazione”.

L’attività della Fantasia è ridotta rispetto all’esercizio della Ragione. La donna anorgasmica rischia di portare a degenerazione la facoltà razionale fino al limite paranoico: far pensare agli altri ciò che pensa lei.

Le istanze psichiche istruite nella anorgasmia sono “l’Io” e la consapevolezza della vigilanza e del controllo di se stessa e della situazione, il “Super-Io” e la censura moralistica della sessualità con possibilità di deroga finalizzata a nascondere la difficoltà, l’Es e il sistema delle pulsioni bloccato all’insorgere del “fantasma” di perdere il controllo.

Il disturbo dell’anorgasmia si attesta nella conversione isterica delle tensioni accumulate a causa della menomazione e dell’inferiorità.

L’anorgasmia necessita di psicoterapia a orientamento psicoanalitico dal momento che la sua radice è “edipica” e l’indagine verte su livelli psichici profondi e di particolare delicatezza. La prognosi è fausta grazie alla “razionalizzazione del fantasma” che intercorre durante il rapporto sessuale.

Questo quadro teorico non esiste allo stato puro e coinvolge soltanto in parte la protagonista del sogno. Maristella ancora non ha trovato la sua giusta dimensione erotica e sessuale e soprattutto l’uomo giusto a cui affidarsi.

SIMBOLI – ARCHETIPI – FANTASMI – INTERAZIONE ANALITICA

Mi trovo in una festa tra amici e c’è tanta gente.”

Maristella è una donna che socializza bene e volentieri, una donna che non si lascia mancare la voglia di far festa, una donna che non si tira indietro se il coinvolgimento è appetitoso. La “tanta gente” è salutare per una Maristella che cerca e trova la sua identità psichica proprio confrontandosi e che si individua e si distingue mischiandosi e confondendosi con gli altri. Maristella è una donna che induce al corteggiamento e si lascia corteggiare, una donna che sa pasturare per favorire una buona pesca.

I simboli dicono che “mi trovo” attesta la consistenza psichica in atto, la “festa” condensa la coalizione dei sensi e la tendenza al gusto della vita, gli “amici” sono l’oggetto dell’investimento di “libido”, “tanta gente” dice di una massa da cui emerge l’individualità di Maristella.

A un certo punto sento che devo andare via.”

Maristella ama la sua vita intima e privata in maniera direttamente proporzionale alla tendenza al coinvolgimento con la gente. Maristella ha la pulsione di appartarsi e di ritrovarsi nella sua singolarità, desidera lasciarsi andare alla vita dei sensi senza l’esercizio della vigilanza e della razionalità: “devo andare via”. Si presenta in sogno il bisogno di vivere i sensi e di sentire il corpo. Dopo l’autocontrollo necessario per stare con gli altri, subentra la pulsione della guerriera. La dinamica psicofisica di andata e ritorno con un solo biglietto è la seguente: andare via con la testa, vivere il corpo e rientrare nel corpo con la testa. Il viaggio è alla grande e merita la giusta mercede.

I simboli sono chiari nel dire che “sento” equivale alle pulsioni neurovegetative, “devo” manifesta la coazione pulsionale, “andare via” si traduce in lasciarsi andare.

Salgo in macchina e vado per una strada in discesa.”

Come si diceva, Maristella è alle prese con le sue voglie e i suoi bisogni di donna giovane e pimpante che alla foga erotica somma spontaneamente la spinta ormonale fondendole in un tutt’uno da “come Natura comanda”. E’ giunto il momento di lasciarsi andare e di raggiungere l’orgasmo in questo contatto privilegiato con il suo corpo. Possibilmente Maristella sta sognando le sensazioni che vive in progressione durante la masturbazione: “posizione fallico narcisistica”. Almeno per il momento è sola e non è apparso un compagno al suo fianco. Sintetizzando: Maristella ama stare con la gente e ama anche stare con se stessa e sentire il suo corpo che si abbandona all’orgasmo.

La simbologia conferma che “salgo in macchina” significa vivo la mia sessualità e mi masturbo, “vado per una strada” significa seguo un rito e una modalità psicofisica, “in discesa” significa” mi lascio andare al piacere dei sensi.

Dopo una doppia curva vedo il cartello dei lavori in corso.”

Ma qualcosa all’improvviso non funziona a dovere o come da copione. Un ostacolo si frappone nella discesa erotica e induce una riflessione. L’Es andava alla grande con l’appagamento della pulsione sessuale, quando all’improvviso è arrivato l’Io a richiedere una certa vigilanza e il momento magico, che portava alla vibrazione orgasmica del corpo, si è interrotto bloccando tutto il processo psicofisico in atto. Maristella è incorsa in un blocco psichico che ha leso il movimento fisico.

Ma di quale impedimento si tratta?

E’ arrivato il “Super-Io” con le sue censure morali a bloccare le pulsioni dell’Es o è intervenuto l’Io a rallentare e a moderare questo lasciarsi andare di una Maristella “tutta corpo”?

La “doppia curva” dispone per un ostacolo e un blocco che inducono a un consapevole controllo, “vedo” si traduce per l’appunto in sono consapevole, “il cartello” sintetizza la modalità razionale in azione o lo schema psicofisico sopravvenuto, i “lavori in corso” condensano mirabilmente le remore e gli impedimenti che impediscono al corpo di proseguire nell’andamento orgasmico.

Rallento perché stavo andando forte.”

Maristella ha preso paura della sua buona salute psicofisica e reagisce con un disturbo, blocca l’orgasmo per paura di svenire o di perdere il controllo del corpo e soprattutto l’autocontrollo, la capacità di gestire il corpo con il “sistema nervoso centrale” e di ridurre al minimo vitale l’azione benefica del “sistema neurovegetativo”, quello che dispone per le vibrazioni intrauterine e per gli spasmi muscolari, l’orgasmo per l’appunto.

Potenza della Psiche!

Maristella è riuscita a procurarsi un disturbo sessuale e a candidarsi all’anorgasmia semplicemente per l’angoscia di abbandonarsi al moto vitale dei sensi e di lasciare libero sfogo alla sua componente “dionisiaca”. Maristella è brava a prodursi un’inibizione sessuale, un disturbo psicosomatico proprio bloccando la sua “libido” e sottoponendola al controllo della Mente, inibendo le pulsioni dell’Es attraverso l’Io e possibilmente sotto la sollecitazione del Super-Io. E’ come se Maristella dicesse a se stessa a metà coito: “mi sento vulnerabile quando vivo l’orgasmo perché potrei fare o subire delle cose che non vanno bene”.

“Così parlò Maristella” sotto l’urgenza della “coscienza di sé” di giustificare il blocco delle benefiche energie intime e private. Chi è causa del suo mal pianga se stesso.

I simboli dicono chiaramente che “rallento” significa blocco tutto con l’intervento dell’Io, “stavo andando forte” si traduce in mi stavo normalmente disponendo all’orgasmo.

Ci sono degli operai con un escavatore e a questo punto la strada frana e l’operaio ci cade dentro.”

Si supponeva una masturbazione in corso, ma invece si tratta di un vero e proprio rapporto sessuale tra un maschio e una femmina, un classico coito con penetrazione, abbandono ed eiaculazione. Questo capoverso è la puntuale e originale allegoria del coito. Quindi, Maristella non era immersa in un piacere solipsistico e in un gradevole narcisismo, ma era impegnata con un uomo e soprattutto a controllare che non eiaculasse in vagina per non correre il rischio di una gravidanza indesiderata e inopportuna.

La simbologia conferma che “gli operai” sono le arti erotiche del suo uomo, “con un escavatore” equivale alla funzione della penetrazione sessuale maschile, “a questo punto la strada frana” si traduce in si lascia andare al piacere dei sensi riducendo la vigilanza, “l’operaio ci cade dentro” ossia eiacula in vagina.

Mi sono girata con la macchina e mentre salivo vedo dei camion che vengono giù a forte velocità e con i fari segnalo il pericolo.”

Traduco dal vivo: mi sono girata per impedire l’eiaculazione del mio uomo in vagina. La forte eccitazione gli avrebbe impedito il controllo e io ho reagito al rischio angosciante della gravidanza con la riacquistata consapevolezza.

Quante volta la donna interrompe il coito per impedire l’eiaculazione in vagina!

“Coitus interruptus” si definisce, latinamente e per l’appunto, l’atto maschile o femminile del tirar o buttar fuori il membro dalla vagina prima dello spasmo eiaculatorio.

Traduco il capoverso in maniera papale papale: “mi sono girata con la macchina” si traduce in “ho cambiato posizione sessuale”, “mentre salivo” si traduce in mentre attenuavo l’eccitazione e riprendevo consapevolezza, “vedo dei camion” ossia mi accorgo che l’eccitazione del mio uomo è intensa, “che vengono giù a forte velocità” equivale all’irrefrenabilità dell’orgasmo del mio uomo, “con i fari” ossia con la consapevolezza razionale, “segnalo il pericolo” si traduce in capisco e comunico il rischio di una possibile gravidanza indesiderata.

Non sono preoccupata per i pericoli. Il mio pensiero fisso è che sono in ritardo e che devo fare qualcosa.”

Maristella si corregge e precisa la sua astensione dalla partecipazione alla fase finale del coito. Non è preoccupata per il rischio di restare incinta, ma è preoccupata dall’ossessione di attendere le mestruazioni per avere la conferma che il rapporto sessuale è andato a buon fine almeno per quanto riguarda la possibilità di gravidanza. Mettila come vuoi, ma la verità è sempre la stessa. Maristella teme la gravidanza e l’impossibilità di poter fare qualcosa in questa logorante attesa. Il pensiero va anche al di là e le domande non sono amletiche: se sono incinta, cosa faccio? Mi tengo il figlio o interrompo la gravidanza? Maristella ha problematiche sessuali riguardanti la sua funzione psicofisica o ha conflitti morali che le impediscono di abbandonarsi all’orgasmo e di andare contro natura inibendo la sua vitalità sessuale?

Traduco il capoverso e la simbologia. Maristella non è preoccupata per il rischio di gravidanza che comporta un rapporto, ma per l’ansia generata dall’attesa della mestruazione e dall’impotenza collegata al naturale evento biologico. Il “sistema neurovegetativo” non si può comandare a piacimento. Non posso dire al cuore “fermati” per farlo cessare di battere. Non posso dire alle ovaie “atrofizzatevi” per non avere più il ciclo lunare. Maristella è ossessionata dalla sua impotenza a gestire la sua biologia femminile, almeno in riguardo alla maternità. E allora Maristella ha paura di diventare madre perché non si sente pronta e perché ha qualche conto psicologico sospeso con la madre? Il sogno non lo dice. Il sogno non dice se si tratta di fattori morali, “Super-Io”, o se intercorrono controlli in eccesso dell’Io e vigilanze spietate anche quando decisamente sono controproducenti.

“Preoccupata” traduce l’affanno consapevole, “pericoli” tratta di ansie ed eccitazioni, “pensiero fisso” coniuga l’ossessione e la disposizione nevrotica a rinvangare le supposte e pretese colpe, “sono in ritardo” o esigenza surreale di autocontrollo biologico e mancata accettazione dei propri limiti, “devo far qualcosa” o rifiuto dell’impotenza e controllo infantile e magico dell’onnipotenza.

Si può, in conclusione, rilevare e affermare che Maristella opera una “traslazione” dell’orgasmo nelle angosce di gravidanza e nell’impossibilità di condizionare i viaggi biologici del suo corpo.

Si tratta di una sconfitta dell’Io sulle funzioni pulsionali dell’Es?

O forse ogni istanza deve stare al suo posto e senza invasioni maldestre e dannose?

Niente di eccezionale. E’ il “cammin di nostra vita” che si manifesta nella psicologia di una giovane donna che cerca di integrare “parti psichiche” di se stessa ancora vaganti, come gli animali nei cartelli stradali lungo le strade di montagna.

Questo è quanto dovuto all’eroico sogno di Maristella.

PSICODINAMICA

Il sogno di Maristella svolge l’interessante e diffusa psicodinamica dell’inibizione dell’orgasmo per l’angoscia dell’ossessione legata all’attesa della mestruazione e della conferma della mancata gravidanza. Maristella si lascia andare nei rapporti sessuali a rischio, ma non si fida giustamente del partner, per cui assume un atteggiamento di salvaguardia della sua persona e si astiene dal partecipare alla fase orgasmica conclusiva per controllare che non avvenga l’indesiderabile eiaculazione. Non intercorrono fattori morali in questa inibizione, ma soltanto angosce legate al mancato autocontrollo e alla mancata autonomia delle sue azioni. Maristella non vuole dipendere dal suo uomo durante il coito. Non si evincono traumi al riguardo, ma una tendenza a rimuginare ossessivamente in attesa dell’evento: psiconevrosi.

PUNTI CARDINE

Il sogno di Maristella si lascia interpretare con facilità grazie al seguente capoverso: “Mi sono girata con la macchina e mentre salivo vedo dei camion che vengono giù a forte velocità e con i fari segnalo il pericolo.”

ULTERIORI RILIEVI METODOLOGICI

Dei “simboli” si è ampiamente detto e argomentato.

Il sogno di Maristella richiama “l’archetipo” della Sessualità.

Il “fantasma” riguarda “la maternità” nella parte relativa alle fantasie sulla mestruazione che Maristella ha elaborato da bambina.

Nel sogno di Maristella agiscono le istanze “Io” ed “Es. La vigilanza della prima si esprime in “vedo dei camion che vengono giù a forte velocità e con i fari segnalo il pericolo.”, mentre le pulsioni dell’Es sono individuate in “A un certo punto sento che devo andare via.” e nei successivi capoversi. L’istanza censoria e morale del “Super-Io” ammicca in “devo andare via”, ma questo intervento è di poco rilievo.

La “posizione psichica genitale” domina il sogno di Maristella con la fenomenologia simbolica della vitalità sessuale. Non si presentano bisogni affettivi, aggressività spasmodiche, autocompiacimenti narcisistici, conflittualità inutili. Il quadro è composto e incentrato sulla sessualità.

I “meccanismi psichici di difesa” attivi nel sogno di Maristella sono i seguenti: la “condensazione”, lo “spostamento”, la “drammatizzazione”, la figurabilità”. Non si sono evidenziati i processi di difesa della “sublimazione” e della “compensazione”. La “regressione” è presente nei limiti consentiti dalla funzione onirica.

Il sogno di Maristella offre inequivocabilmente un tratto “sessuale” e dispone per una “organizzazione psichica genitale”: “Salgo in macchina e vado per una strada in discesa.”

Le “figure retoriche” formate da Maristella nel sogno sono le seguenti: la “metafora” o relazione di somiglianza in “festa” e in “macchina” e in “discesa” e in altro, la “metonimia” o relazione di senso logico in “salgo” e in “vado per una strada” e in “lavori in corso” e in altro, la “enfasi” o forza espressiva in “camion che vengono giù a forte velocità e con i fari segnalo il pericolo.”

La “allegoria” del coito è presente in “Ci sono degli operai con un escavatore e a questo punto la strada frana e l’operaio ci cade dentro.” Quella della masturbazione si evidenzia in “Salgo in macchina e vado per una strada in discesa.”

La “diagnosi” dice di una consapevole induzione di anorgasmia a causa della paura di una gravidanza indesiderata e del timore di ossessionarsi nell’attesa della mestruazione.

La “prognosi” impone a Maristella di ben calibrare la sua tendenza a ossessionarsi e a remare contro i processi biologici naturali. Inoltre, l’assunzione di un contraccettivo è risolutivo per lenire gli effetti ossessivi e rassicurare l’economia psichica, nonché il danno procurato alla funzione sessuale con l’inibizione dell’orgasmo.

Il “rischio psicopatologico” dice dell’acuirsi della psiconevrosi ossessiva e del rischio anorgasmia da inibizione della funzione sessuale.

Il “grado di purezza onirica” è “buono”. Tale giudizio si giustifica con la forte simbologia presente nel sogno.

La “causa scatenante” del sogni di Maristella può essere l’attesa della mestruazione o un rapporto a rischio.

La “qualità onirica” è decisamente basta sul movimento e sulla simbologia. Maristella è padrona del suo linguaggio onirico e lo espone con assoluta naturalezza.

Il sogno può ascriversi alla seconda fase del sonno REM alla luce del trambusto composto e della memoria accurata, una fase di agitazione che ha permesso di ricordare.

Il “fattore allucinatorio” si incentra nel movimento: “salgo”, “vado”, “rallento”, “andando forte”, “ci cade dentro”, “girata”, “salivo”, “vengono giù”.

Il “grado di attendibilità” dell’interpretazione del sogno di Maristella è “alto” proprio per la chiara interazione dei simboli. Il “grado di fallacia” è di conseguenza “minimo”.

DOMANDE & RISPOSTE

La decodificazione del sogno di Maristella è stata letta da una donna che ha voluto mantenere l’anonimato e ha posto le seguenti domande.

Domanda

Maristella vive bene o male il suo corpo?

Risposta

Maristella non vive bene il suo corpo perché non riesce ad affidarsi alla fisicità autonoma e alle funzioni del “sistema neurovegetativo”, ghiandole “in primis”. In particolare non si sente adeguata alle attività sessuali per il bisogno difensivo di non lasciarsi andare alle sensazioni e di controllare i movimenti naturali e spontanei del suo corpo. Maristella va controcorrente. Se ben rifletti, il suo sogno è impostato sul movimento. La psicodinamica è tutta in moto secondo un continuo “vado”, “salgo”, “scendo”, “cado” e avanti ancora con la “cenestesi”, sensibilità globale, dell’irrequietezza motoria. Il sogno di Maristella è “isterico” nella sua fenomenologia spaziale e tutto questo ambaradan è funzionale all’angoscia indotta dall’impossibilità di controllare l’incontrollabile. La destra e la sinistra, il sopra e il sotto interagiscono nel confermare la ricerca di Maristella di muoversi per non arrecare e per non subire alcunché di brutto e di cattivo, come se dovesse perdere i sensi e di conseguenza la responsabilità delle sue azioni. C’è una istanza morale minima in questa idea, ma è presente soprattutto una angoscia del “corpo birichino”, quello che fa le cose a tua insaputa e che non si lascia controllare. La crescita è in questo quadro. L’evoluzione biologica è in questo quadro. E allora è mancata a Maristella bambina una figura che la rassicurasse sulla dimensione biologica della crescita, quella che va dall’infanzia all’adolescenza nella lunga scorribanda di fondamentali tappe psicofisiche. E’ mancata la figura materna, la “mater magistra”, la madre alleata e la complice amica dei sedici anni. La madre di Maristella non è stata gratificante e non ha rassicurato la figlia nei processi di crescita. Non le ha mai detto “che bella che sei” o che signorinella che stai diventando. Non le ha mai insegnato a portare bene il culo e a esibire con orgoglio il seno. Pur restando fondamentalmente madre, non esula da questa figura e da questo ruolo la confidenza e la suadenza, la tenerezza e l’insegnamento, il garbo e la civetteria. Ripeto, l’età che scorre dalla “posizione fallico-narcisistica” alla “posizione edipica”, dai cinque ai dieci anni per intenderci, è un periodo fondamentale per l’evoluzione psicofisica a causa dell’accelerazione che la biologia impone al corpo. La psiche della bambina e dell’adolescente non fa in tempo ad assimilare i cambiamenti somatici. L’adolescente si trova addosso un corpo procace di donna. Maristella non ha avuto una madre adeguata a questo compito.

Domanda

E il padre?

Risposta

L’apprezzamento del padre nella crescita delle figlie deve essere costante e ben calibrato perché si inserisce nel travaglio della conflittualità “edipica”. L’adolescente gradisce un padre presente ma non ammiccante e oltremodo seduttivo, semplicemente perché il padre rappresenta la sicurezza e il potere, nonché il modello di maschio da afferrare al volo o da evitare come la peste. Il padre ha una funzione simbolicamente maschile e si innesta nel rafforzamento della “coscienza di sé” e del sistema delle relazioni. Il padre rappresenta il “principio di realtà” e l’insieme dei limiti e delle censure, istanza “Super-Io”. “Simile simili cognoscitur”, il simile è conosciuto e si associa al simile. Se la figlia deve identificarsi al femminile nella madre, ha bisogno di quest’ultima per la sua identità. Il padre è un buon alleato e compagno di viaggio nelle spedizioni seduttive e nella conoscenza della psicologia maschile.

Domanda

Allora esiste una psicologia maschile e una psicologia femminile?

Risposta

Esiste una “androginia psichica”, un insieme di tratti simbolicamente maschili e femminili, che si forma e si evolve coniugando i vissuti relativi al padre e alla madre e al proprio sesso. Teoricamente si parla e si discute sul maschile e sul femminile e prerogative associate. Nella pratica questo discorso è molto pericoloso perché rischia di diventare discriminante di ciò che compete al maschile e al femminile. Specialmente in Politica l’introduzione del concetto di “cose da maschi” e “cose da femmine” deve essere assolutamente evitato perché altamente reazionario.

Domanda

E allora cos’è rivoluzionario?

Risposta

Niente è rivoluzionario. L’Evoluzione è alla base dei fatti storici e degli eventi in attesa. Le grandi rivoluzioni nascono dalla realtà dei fatti e non dalle elucubrazioni farneticanti di un folle. E’ la Storia umana che produce gli eventi e le possibilità evolutive. Nella storia della Psicologia la Psicoanalisi freudiana ha tradotto in atto realtà compatibili con la comprensione e con i fatti e ha evoluto gli eventi in conoscenze e operazioni possibili attraverso il passaggio dall’ideologia alla prassi comune e quotidiana. Lo studio e l’approfondimento dell’isteria ha portato alla luce storica la Psicoanalisi. Le cosiddette rivoluzioni non nascono dal nulla, ma da una lettura dei fatti storici e dalla soluzione delle questioni attinenti.

Domanda

Marx, Darwin, Freud come li spieghi?

Risposta

Marx aveva sul tappeto gli esiti economici e sociali della Rivoluzione industriale. Darwin aveva visto con i suoi occhi le Specie animali nel viaggio naturalistico con il Beagle. Freud si era trovato di fronte alla vetusta fenomenologia isterica ed era tempo di dare una risposta scientifica a questi inquietanti sintomi. Le teorie che non si manifestano concretamente nella Storia restano castelli di idee o poemi. Forse i poeti sono anche anticipatori delle verità scientifiche, ma fondamentalmente restano operatori e funzionari del Linguaggio primario e delle varie forme in cui si può ridurre. In effetti non creano alcunché, ma elaborano modi di dire e di riflettere, le infinite combinazioni dei “processi primari” e della Fantasia, giocano con i “fantasmi” e comunicano verità compatibili con il tempo storico e culturale.

Domanda

Tornando all’interpretazione del sogno di Maristella, mi dici chi deve spiegare alla bambina la mestruazione che inevitabilmente verrà?

Risposta

A questo compito naturale sono deputati in progressione il padre e la madre all’interno di un’educazione sessuale adeguata e serena. Di poi anche il sistema educativo sociale deve adempiere un ruolo importante. La cultura sessuofobica e clericale non aiuta in questi compiti importanti per la formazione della persona e della società. La madre è idonea al compito, ma il padre è efficace. In ogni caso i genitori devono essere molto attenti a capire e seguire i bisogni della figlia e non le loro esigenze e velleità. Sarà quest’ultima a dettare i tempi e gli interventi delle figure genitoriali. Spesso il pudore e la vergogna sono cattivi compagni di viaggio per i genitori, ma l’educazione ai diritti del corpo va fatta in prima istanza da loro. Dipende sempre da cosa chiede di sapere la figlia e dall’abilità dei genitori di dispensare le pillole di conoscenza secondo naturalezza. Anche in questi casi l’ironia e la simpatia non guastano, ma attenzione a non sparare “minchiate” sulla sessualità perché vostra figlia potrebbe lasciarvi morire nell’ignoranza e non fidarsi più di voi.

Domanda

Il dramma dell’adolescente è che si trova un corpo di donna in una testa di bambina, come hai detto in precedenza. Ti ringrazio per l’opportunità che mi hai dato e per avermi scelta.

Risposta

Grazie a te per la concretezza e la linearità. Ci sarà ancora occasione di colloquio e di confronto. Tante belle cose a te e a chi ti vuol bene.

Per concludere mi serve un pezzo a metà tra l’ironico e il drammatico per testimoniare che finché c’è vita, c’è da ridere e da piangere, ma sempre con il giusto distacco da tutti e da nessuno, da tutto e da niente: ataraxia.

Alla prossima e occhio alle demenze televisive, quelle che informano il modo di usare i nostri “processi secondari”, la ragione. Tenete sempre in cantina una certa dose di spirito critico per accompagnare le vostre cene e astenetevi dalle solite tiritere serali che propinano gli imprenditori dei media e i loro degni compari. Prima viene la formazione e dopo l’informazione. Meglio il morbo di Alzheimer, che il morbo del commendatore e degli imbecilli al soldo di Tizio, Caio, Sempronio e anche Bortolo. Almeno il primo è psicologicamente naturale.

IL CORPO BIRICHINO

Il corpo è il teatro della psiche.

E’ il luogo pulsante dove l’inconsapevole autore, che è in te, e l’inesperto attore, che tu sei, rappresentano tra fascino e mistero le commedie, le tragedie, le farse e i drammi del personale quotidiano vivere.

Ognuno ha la sua storia con cento facce nella memoria.

Un tanto di tutto e un tanto di niente sono le storie della gente, una serie di vissuti costellata da tanto splendore e da tanto dolore; nel tempo esse diventano ritornelli che solo tu puoi cantare e sai ricantare, finché sei vivo, a tutti quelli che non ti hanno ascoltato, che ancora oggi non ti ascoltano e che purtroppo non ti ascolteranno mai.

In questo modo nessuno potrà ricordare il tuo nobile messaggio, il tuo gioioso ritmo, il tuo accorato appello, il tuo cadenzato ritornello.

Di giorno in giorno i copioni si accumulano sulla tua scrivania e non sempre sono originali, a volte si colorano e si stingono, si impennano e si abbattono, si ripuliscono e si impolverano, spesso si ripetono e continuano a ripresentarsi sul palcoscenico per la paura di essere esclusi dal palinsesto ufficiale della tua stagione teatrale.

Alcuni copioni sono talmente tuoi e talmente scritti sulla tua pelle da diventare ossessioni e tu sei costretto a ripeterli continuamente per la paura di dimenticarli.

A volte è bastato un semplice canovaccio, una bozza tutta tua, per recitare a braccio o a soggetto in una strana serata e a una platea quasi vuota una parte della tua preziosa e infinita storia.

Le tue migliori prestazioni sono state sempre riservate a pochi incauti spettatori, a qualche tossico in cerca di sballo, a qualche voglioso culattone.

E poi, per non farti dimenticare, sei ancora costretto a recitare la tua storia in versione classica e in versione giullaresca oppure da buon attore di strada devi improvvisare la tua identità presso il tragico trivio in cui Edipo uccise e continua a uccidere il padre Laio per una questione di precedenza sulla madre Giocasta.

E il corpo ?

Il corpo non sta a guardare il cielo come le stelle nella loro regione di perenne certezza, lontane dai torsoli e dal sangue; il corpo è il teatro in cui rappresenti in maniera oscura il tuo bene e il tuo male, il tuo paradiso e il tuo inferno, il tuo nirvana e il tuo raptus.

Quando le ripetizioni diventano ossessioni e la rappresentazione non basta a soddisfare il tuo attore, ecco che il corpo comincia a recitare per aiutarlo a esprimersi e partecipa commosso alla geniale sceneggiatura dell’autore e alle buone trovate del giullare.

E allora il corpo gioisce, soffre, si contorce, si esalta, fa salti, fa capriole, in una sola parola si esprime.

Il corpo birichino si esprime sempre e mai a caso, si esprime in perfetta sintonia con l’attore e con l’autore e secondo il suo linguaggio: il linguaggio del corpo birichino.

E allora la farsa e il dramma, la commedia e la tragedia sono più sofferte e più difficili da recitare; il linguaggio diventa simbolico e il tema del corpo birichino perde il suo spessore individuale e si dilata alla famiglia umana.

Io ho imparato necessariamente a conoscere il linguaggio del mio corpo birichino e a interpretare con dolore i miei principali psicodrammi: il prurito, l’asma, la bulimia, l’anoressia, il panico, la stitichezza, il vomito, il sudore, la diarrea, la frigidità.

Quanta fortuna ho accumulato in terra di Francia grazie ai miei baldi paladini !

Quanti castelli possiedo sulla Loira e sul Rodano grazie ai miei fedeli feudatari !

Grazie a tutti !

Fortuna che sono sempre in tanti.

Non finirò mai di ringraziare tutti in maniera adeguata, non finirò mai di essere comunque riconoscente nei confronti di chi, nel bene e nel male, mi ha sempre dato e mi ha sempre negato qualcosa.

I miei sofferti talenti li avevo affidati a un pessimo impresario che senza ritegno li aveva investiti in disgrazie e sperperati senza gioia.

Salvatore Vallone

LE RELAZIONI DIFFICILI

Uomo, Donna, Faccia, Vista, Osservare

TRAMA DEL SOGNO – CONTENUTO MANIFESTO

“Mi trovavo a casa del mio ex a prendere mio figlio.

A un certo punto il mio ex ha cominciato a dare in escandescenze perché voleva che gli lasciassi le sigarette.

Io non volevo dargliele, ma lui aveva già preparato un pugno da darmi all’altezza del cuore o della bocca dello stomaco.

Non so come sono riuscita ad andare via da quella casa, ma senza mio figlio.

Sono corsa a casa mia che è lontano da casa sua e cercavo la mia macchina che non riuscivo a trovare.

Gli altri mi dicevano “ma è lì, non la vedi?”, ma io talmente ero terrorizzata che non riuscivo a vederla.

Così sono salita a casa e mi sono chiusa in una stanzetta dove ho chiamato una mia amica che non riuscivo a sentire bene.

Vorrei precisare che sto da poco con una persona e che siamo molto presi, (ma io non lo chiamavo forse perché so che sta attraversando un periodo difficile)

Comunque, quando esco dalla stanza, trovo il mio ex e mio figlio seduti nelle scale.

Entro in casa (non ho scale a casa) e sto finendo di parlare al telefono, quando lui si alza e vuole vedere se parlo davvero con la mia amica o con il mio attuale compagno…

C’è una specie di colluttazione perché io non voglio dargli il telefono e lui cerca con la forza di togliermelo.

A quel punto mi sono svegliata.”

Questo è il sogno di Anna.

DECODIFICAZIONE E CONTENUTO LATENTE

CONSIDERAZIONI

Il sogno di Anna apre un’ampia pagina sulla “Psicologia della coppia” e in particolare sulle difficoltà che un uomo e una donna o due persone dello stesso sesso incontrano nel momento in cui sono chiamate a collimare nelle pulsioni e nei bisogni, nelle fantasie e nei desideri, nelle deliberazioni e nelle decisioni. In questo nodo esistenziale e psichico ogni membro della coppia porta le sue esperienze vissute e la sua formazione, la sua “organizzazione psichica reattiva ed evolutiva” fermata in quel momento storico della relazione. A questo punto la coppia è chiamata a evolversi nel binario in cui l’individuale e il comune non devono scindersi, ma devono marciare di pari passo.

Mi spiego: l’uomo e la donna portano avanti la loro psicologia individuale e maturano le possibilità di amalgama e di coinvolgimento senza alcun sacrificio della loro singolarità. Voglio significare che la coppia è fondamentalmente esercizio d’investimento di “libido” secondo le direttive della qualità “genitale”, donativa e godereccia verso sé e verso l’altro per l’appunto. La coppia comporta nel suo esercizio l’evoluzione completa della “organizzazione psichica reattiva” e la giusta consapevolezza dello “status” psichico e relazionale dei suoi membri. Questo quadro e quanto affermato rappresentano l’optimum teorico, ma si sa che la realtà è beffarda e imperfetta.

E meno male!

E allora?

Ricompattiamo e convergiamo verso la compatibilità di coppia. Tutte le coppie sono compatibili nel momento in cui ogni membro ha portato avanti la sua evoluzione fino alla “posizione psichica genitale”, ha completato il percorso formativo che viaggia dalla “oralità” alla “analità”, dalla “fallicità narcisistica” allo “edipico”, dall’affettività all’aggressività, dal protagonismo alla conflittualità, magari accentuando in questo cammino i tratti caratteristici di una “posizione”, ma la formazione deve essere completata e non deve avere sospesi o addirittura vuoti, iati o salti acrobatici. L’uniformità del processo evolutivo consente l’individualizzazione e la comunione, ma non equivale a una massificazione perché il privato si coniuga con il sociale e la ricchezza dei contributi è tanta. Ribadisco che i contenuti da immettere nelle varie “posizioni” sono personali e irripetibili: universalità di funzione e diversità di vissuti. Una coppia può avere delle prevalenze e delle affinità, delle identità e delle diversità formative, ma deve essere approdata beneficamente alla “posizione genitale”. In questo caso l’esercizio dell’investimento di “libido genitale” è proficuo e offre alla coppia maggiori garanzie di durata e di qualità esistenziale.

Ripeto: la coppia è investimento ed esercizio di “libido genitale” ed esige che le altre “posizioni psichiche evolutive” siano state portate a buon fine. La coppia, allora, acquisterà la caratteristica in base al prevalere contingente delle caratteristiche insite e connesse nelle diverse “posizioni psichiche evolutive”. Saprà essere “orale” o affettiva, “anale” o aggressiva, “fallico-narcisistica” o compiaciuta, “edipica” o conflittuale, ma il teatro in cui si recitano e agiscono di volta in volta dinamicamente questi attributi deve essere quello “genitale”. La disposizione a investire l’altro della propria “libido” è il basamento della coppia e ne garantisce una buona inossidabilità. Di certo, la coppia comincia a morire nel momento in cui cessa l’esercizio e si estingue quando subentra la più spietata indifferenza.

Mi ripeto e chiarisco.

La “coppia genitale” può essere a prevalenza “orale” quando l’affettività è il comune denominatore e ispira l’investimento, a prevalenza “anale” quando l’aggressività si manifesta nei pensieri e nei modi, a prevalenza “fallico-narcisistica” quando l’orgoglio sostiene l’esibizione sociale, a prevalenza “edipica” quando la conflittualità caratterizza la dialettica. Ogni coppia ha una sua epifania, la sua manifestazione sociale e gli altri possono cogliere quello che il sodalizio umano esprime come tratto caratteristico di volta in volta, di stagione in stagione, di tempo in tempo. La coppia non è mai rigida e monotona nelle sue manifestazioni semplicemente perché i contributi psichici reciproci si combinano e si alternano nel corso dell’esercizio umano e del sodalizio amoroso. La coppia non vive dell’eredità di un grande Amore e del vero Amore, non è oggetto d’insidia del folle dio bendato, il mitico Cupido. La coppia non ha un’etica capitalistica per cui deve consumare e investire le ricchezze ereditate. La coppia ha un’etica proletaria, lavora per vivere di giorno in giorno, di ora in ora, d’istante in istante. La coppia si alza al mattino e si sceglie e si conferma che ancora per oggi sarà oggetto d’investimento di “libido”. Questa coppia arriva alle nozze di diamante e oltre, semplicemente perché è un insieme psicofisico evolutivo che continuamente si origina e rinasce come l’araba fenice. Nel concreto, ogni donna e ogni uomo o ogni uomo e ogni uomo o ogni donna e ogni donna al mattino, svegliandosi e trovandosi in un contesto amoroso, sceglie la sua altra o il suo altro, il suo lui o la sua lei, e sceglie di prendersi cura per la giornata che si appropinqua del suo lui o del suo lei, sente l’umano bisogno di investire e di condividere, di esprimersi e di significare, di essere portatore di un segnale e di un’insegna, di essere “significante” per sé e “significato” per l’altro. In sostanza la “genitalità” condensa la necessità bio-psichica umana di trovare un senso e di dare un significato al proprio quotidiano vivere. A questo punto i filosofi e gli psicoanalisti del “Pessimismo” obietteranno che si tratta di una difesa dall’angoscia di morte, ma questo discorso si può rimandare al mittente almeno per oggi.

Il sermone può bastare, per cui passo senza alcun indugio all’analisi puntuale del sogno di Anna, ma ricordo che la lettura della “Arte di amare” di Fromm è da preferire ai tanti “capolavori” in circolazione sul mercato attuale.

SIMBOLI – ARCHETIPI – FANTASMI – INTERAZIONE ANALITICA

Mi trovavo a casa del mio ex a prendere mio figlio.”

Anna esordisce con la situazione psicologica in atto: il “mio ex” e “mio figlio”, offre immediatamente la condivisione di una famiglia che ancora esiste nonostante l’ex. Anna ha dentro di sé lo schema familiare come proprio fondamento psichico e come personale punto critico. La coppia e la famiglia non sono andate a buon fine nella sua vita, ma sono ancora in atto. Nessuno e niente potranno sconfessare o eludere che Anna è stata moglie ed è madre.

I simboli dicono che la “casa” rappresenta la struttura psichica evolutiva di Anna in riferimento privilegiato alle relazioni significative e importanti, il “mio ex” condensa il “già vissuto” affettivo, “mio figlio” racchiude la “libido genitale” o la “posizione psichica genitale”.

Un rilievo merita il bisogno di possesso affettivo di Anna che si mostra nei due “mio”, “mio ex” e “mio figlio”. Si evince un buon segno e un giusto tratto di amor proprio.

A un certo punto il mio ex ha cominciato a dare in escandescenze perché voleva che gli lasciassi le sigarette.”

Emergono immediatamente problematiche affettive nella “libido orale” che si scarica e si consuma nelle famigerate “sigarette”. Anna mostra la sua “posizione psichica orale”, la sua dimensione affettiva, ma anche le modalità di relazione e di scambio degli affetti all’interno della coppia. Qualche conflitto è presente, se si dà credito alle reazioni dell’ex, le “escandescenze” che si traducono in un venir fuori del fuoco interiore fatto di rabbia e ira, di un moto d’impeto che sa di frustrazioni vissute e di compensazione aggressiva. Anna e il suo ex non si sono più amati e hanno smesso d’investire sane energie nella loro relazione, non hanno operato i giusti “investimenti di libido orale e genitale”. La prima consente all’affettività di defluire in base ai vissuti legati all’infanzia e la seconda permette di investire sull’altro secondo le modalità di una generosa dispensa. La crisi della coppia è avvenuta per una distonia affettiva che ha portato a una caduta degli investimenti.

I simboli dicono che le “escandescenze” condensano la psicodinamica frustrazione e aggressività, le “sigarette” condensano “libido orale” ossia bisogni affettivi da carenze pregresse.

Le “sigarette” sono la “traslazione” degli affetti e compensano le carenze subite sin dal primo anno di vita. Di poi, assumono significati sempre attinenti alle frustrazioni infantili e aggiungono una pulsione autodistruttiva, sadomasochismo della “posizione anale”.

Io non volevo dargliele, ma lui aveva già preparato un pugno da darmi all’altezza del cuore o della bocca dello stomaco.”

Il sogno prosegue imperterrito sul tema affettivo e Anna precisa di aver tentato un rifiuto dello scambio affettivo al prezzo della minaccia di violenza agli organi, guarda caso, che rappresentano simbolicamente la vita affettiva, la “bocca dello stomaco”, e la vita amorosa, la zona “all’altezza del cuore”. Anna sta ripercorrendo in sogno e chiarendo a se stessa i motivi che hanno portato la coppia alla rottura: caduta degli investimenti affettivi e conseguente cumulo di minacce. Anna si è trovata in coppia con un uomo che presentava carenze affettive pregresse di notevole spessore e ha dovuto colmare lacune, di cui non era responsabile, fino all’esaurimento delle sue scorte.

Ma chi amava Anna?

Come faceva questa donna a ricaricare le batterie per poi generosamente dispensarsi al suo uomo?

La crisi di coppia è oltremodo evidente ed è dovuta alle esigenze affettive in eccesso che l’uomo ha traslato nella persona sbagliata, la donna, per l’appagamento.

I simboli dicono che “dargliele” è una caduta della libido genitale, “aveva preparato” dispone per i bisogni congeniti e per gli schemi ripetitivi, “pugno” è la scarica aggressiva in reazione alla frustrazione, “altezza del cuore” è la zona del sentimento vitale dell’amore e del prendersi cura dell’altro, la “bocca dello stomaco” è la vita e la vitalità affettiva.

Non so come sono riuscita ad andare via da quella casa, ma senza mio figlio.”

Anna si libera del marito, ma non può fare altrettanto del figlio. Quest’ultimo viene distolto alla coppia e resta il figlio della madre. La famiglia è infranta, ma il bambino è il testimone vivente, dentro e fuori di Anna, che la famiglia c’è stata e che la “libido genitale” è stata investita e concretamente realizzata al di là dell’esito finale di rottura. Non si celebra un “fantasma di perdita”, ma si rievoca una difficile e tormentata modalità di separazione collegata all’immaturità affettiva dell’ex. Paradossalmente Anna afferma di essere andata via da quella casa senza il figlio per significare che il figlio se l’è portato via da quella famiglia, l’ha distolto da quel contesto.

I simboli dicono che “quella casa” è la famiglia, “andare via” è una rottura d’armonia, “senza mio figlio” è tutela da amore materno.

Sono corsa a casa mia che è lontano da casa sua e cercavo la mia macchina che non riuscivo a trovare.”

Le psicologie si dividono e riacquistano la loro identità originaria. Anna e il suo ex si sono separati dopo un pesante periodo di crisi relazionale: le “case” psichiche individuali non erano compatibili per la formazione di una coppia e per una vita insieme. La separazione è un trauma che esige un prezzo per pagare il fallimento e lascia immancabilmente un senso di colpa che esige un’espiazione.

Ma cosa ha lasciato questa impossibilità a convivere, a comunicare,

a condividere e a scambiare “libido orale e genitale”?

Lo stress accumulato da Anna si è somatizzato nell’apparato sessuale e adesso fa fatica a ritrovarsi a livello di vita intima e di vitalità sessuale. Il danno psichico subito da Anna verte sulla funzione neurovegetativa della sessualità. Anna non riesce a ritrovarsi come donna e come femmina.

I simboli dicono che “sono corsa” è un meccanismo psichico di difesa dall’angoscia, “a casa mia” tratta della sua organizzazione psichica, “lontano da casa sua” equivale alla salutare necessità del distacco, “cercavo la mia macchina” si traduce riprendevo la mia vita sessuale, “che non riuscivo a trovare” ossia accusavo delle difficoltà nella mia vita intima.

Gli altri mi dicevano “ma è lì, non la vedi?”, ma io talmente ero terrorizzata che non riuscivo a vederla.”

Eppure l’esibizione sociale di Anna era impeccabile dopo la crisi di coppia e dopo la separazione. La gente apprezzava ancora le bellezze femminili che immancabilmente esibiva. Anna era combattuta tra il riprendere una vita sociale senza accusare colpi e l’angoscia di qualcosa che si è rotto e che non funziona come prima: la perdita di una parte importante come la “libido genitale” e i suoi benefici investimenti. Anna ha paura di restare sola e di non incontrare un uomo degno di lei che la possa capire e accudire. Magari teme che tutti gli uomini siano infantili come il suo ex e che hanno bisogno di una mamma più che di una donna. Le problematiche e i timori insorgono senza fine e senza tregua in una persona che ha vissuto il trauma e la delusione di un fallimento matrimoniale e di uno smantellamento della propria famiglia. Anna non ha più la consapevolezza delle sue virtù e delle sue abilità anche se alla gente esibisce il meglio di sé falsificandosi in maniera egregia.

I simboli indicano in “gli altri” il riscontro sociale di Anna, “dicevano” si traduce in mi rinforzavo, “è lì” ossia occupo spazio e ho possesso, “non la vedi” si traduce in non ne ho consapevolezza, “terrorizzata” ossia dell’angoscia finalizzata al non coinvolgimento affettivo e sessuale, “non riuscivo a vederla” ossia non avevo consapevolezza.

Anna si difende dall’angoscia di ripiombare in futuro in una relazione priva di affetti e con un uomo immaturo.

Così sono salita a casa e mi sono chiusa in una stanzetta dove ho chiamato una mia amica che non riuscivo a sentire bene.”

Anna ripiega su se stessa e riflette sulla situazione psichica in atto senza riuscire ad avere una buona consapevolezza di quello che a livello affettivo e sessuale si è messo in moto in lei come segno e memoria di tanto strazio vissuto con il marito e con il padre di suo figlio. Nella sua introspezione Anna tenta di “sublimare la sua libido”, ma non ritrova la completezza di donna e di madre, perché la prima ha dovuto cedere qualcosa d’importante come la funzionalità della sua vita sessuale. Il trauma vissuto con il suo ex è ancora in circolazione e in azione.

I simboli ingiungono che la “mia amica” è la parte confidente di sé a cui affidarsi, “non riuscivo a sentire bene” equivale a una difficoltà di consapevolezza, “sono salita a casa” ossia tento la “sublimazione della mia libido”, “mi sono chiusa in una stanzetta” si traduce introspezione o mi guardo dentro.

Comunque, quando esco dalla stanza, trovo il mio ex e mio figlio seduti nelle scale.”

Quando Anna è costretta dalla vita a vivere insieme agli altri la sua realtà di ex moglie e di madre, dopo l’introspezione e l’avvolgimento in sé, quando Anna deve socializzare trova la sua realtà psichica ed esistenziale. Il processo psichico di “sublimazione” delle figure dell’ex e del figlio non è servito granché, visto che Anna è una giovane donna che ha da fare i conti con la sua carica erotica e sessuale, la vitalità della sua “libido” e l’impellenza degli investimenti nel cammin della sua vita. Girala come vuoi, Anna si riscopre madre e moglie.

I simboli dicono che “esco dalla stanza” significa socializzo e mi relaziono, “mio ex” ossia il fallimento e la vanificazione dell’investimento genitale, “mio figlio” ossia la realizzazione della mia libido genitale, “seduti nelle scale” ossia che sono stati fatti oggetto di sublimazione e di purificazione.

Entro in casa (non ho scale a casa) e sto finendo di parlare al telefono, quando lui si alza e vuole vedere se parlo davvero con la mia amica o con il mio attuale compagno…”

Anna non ha le scale nella logistica della sua casa reale, ma ha le scale nella logistica dei suoi “processi psichici di difesa” dall’angoscia, altrettanto reali. Nel relazionarsi con la gente ritorna il motivo per cui la relazione di coppia è andata in malora. Il suo ex era geloso e possessivo, oltre che bisognoso di tanta madre e di tanto affetto. La deficienza “orale” dell’uomo di Anna si associa in un mix tremendo e pericoloso con il sentimento della gelosia, con lo struggimento legato alla conflittualità edipica con il padre, sempre dell’uomo di Anna. La coppia si è rotta per l’immaturità affettiva e per la gelosia dell’uomo di Anna, per il bisogno di possesso di un uomo che non è riuscito a emanciparsi dalle grinfie della madre. L’ex la voleva tutta per lui. Questo è il significato del capoverso e la causa determinante della rottura della coppia. Questo uomo debole “si alza” e vuole vedere”, fa il forte e il despota senza avere una minima consapevolezza dei suoi bisogni primari di affidamento e di affetto.

C’è una specie di colluttazione perché io non voglio dargli il telefono e lui cerca con la forza di togliermelo.”

Chissà quante volte un uomo geloso ha provocato la lite per le relazioni della moglie o della madre di suo figlio!

Chissà quante volte una donna è stata picchiata dal suo ex in piena crisi di identità psichica e in carenza d’affetto!

La “colluttazione” è la degenerazione della fusione affettiva. Invece di ben collimare, i corpi derogano dal giusto e naturale incastro. La crisi di coppia si formula e si configura nelle difficoltà critiche della relazione e delle relazioni. Del resto, un uomo geloso non consente grandi aperture e notevoli disposizioni agli altri e al mondo esterno. La forza e la violenza psicofisiche completano l’opera di una storia che è iniziata con l’amore e si è conclusa con la rottura di un’armonia imperfetta. Per fortuna resta un figlio a ricordare ad Anna e al suo ex chi erano, chi sono e chi saranno nonostante tutto.

Questa è la storia umana e psicologica del sogno di Anna.

PSICODINAMICA

Il sogno di Anna sviluppa la psicodinamica delle cause che hanno portato alla separazione della coppia e alla rottura dell’unità familiare. La protagonista adduce in prima istanza le difficoltà affettive e relazionali dell’uomo a cui si è accompagnata e mostra di non aver saputo e potuto dare appagamento e soluzione alle suddette carenze. Il sentimento della gelosia e il bisogno di possesso sono i protagonisti di uno psicodramma diffuso e fortunatamente andato a buon fine. Resta per Anna la somatizzazione dell’angoscia, accumulata nel corso della relazione di coppia e della vita in famiglia, che si è riverberata sulla funzione neurovegetativa della sessualità.

PUNTI CARDINE

L’interpretazione del sogno di Anna si basa su “A un certo punto il mio ex ha cominciato a dare in escandescenze perché voleva che gli lasciassi le sigarette.” e su “Sono corsa a casa mia che è lontano da casa sua e cercavo la mia macchina che non riuscivo a trovare.”

ULTERIORI RILIEVI METODOLOGICI

Dei “simboli” si è ampiamente detto cammin facendo.

Non si evidenziano “archetipi” in maniera diretta.

I “fantasmi” sono composti e non si manifestano con eclatanza.

Sono presenti le istanze psichiche dell’Io vigilante e razionale e dell’Es pulsionale e rappresentazione mentale dell’istinto.

Il sogno di Anna manifesta la “posizione orale” e la “posizione genitale”: “mio figlio” e “le sigarette”.

Sono usati da Anna nel sogno i seguenti “meccanismi e processi psichici di difesa”: la “condensazione”, lo “spostamento”, la “figurabilità”, la “simbolizzazione” e la “sublimazione”.

Il sogno di Anna presenta un tratto “orale” all’interno di una “organizzazione psichica reattiva genitale”: affettività e relazione.

Le “figure retoriche” elaborate da Anna nel sogno sono la “metafora” e la “metonimia”: “casa” e in altro, “non riuscivo a vederla” e “non riuscivo a trovare” e in altro. L’allegoria della violenza è formata in “lui aveva già preparato un pugno da darmi all’altezza del cuore o della bocca dello stomaco.”

La “diagnosi” dice di una crisi della dialettica di coppia a causa dell’immaturità affettiva e della caduta degli investimenti di “libido” con la somatizzazione del conflitto nella funzione sessuale.

La “prognosi” impone ad Anna di ben valutare i suoi bisogni e i suoi investimenti affettivi, nonché di razionalizzare la sua formazione affettiva e di ben integrarla nella dimensione “genitale” di donna e di madre.

Il “rischio psicopatologico” si attesta nel persistere della psiconevrosi isterica con lesione della funzione sessuale: conversione.

Il “grado di purezza onirica” è discreto in quanto il sogno è molto vicino alla realtà di un racconto.

La causa scatenante del sogno di Anna può essere stata un incontro o una discussione con l’ex.

La “qualità onirica” è narrativa.

Il sogno può essere stato fatto nella terza fase del sonno REM.

Il “grado di attendibilità” dell’interpretazione del sogno di Anna è decisamente buono alla luce della linearità simbolica. Il “grado di fallacia” è basso.

Il “fattore allucinatorio” si attesta nell’esaltazione del movimento, dei sensi della vista e dell’udito.

DOMANDE & RISPOSTE

L’interpretazione del sogno di Anna è stato letto da Maria Concetta, una donna che di mestiere fa l’avvocato, una professionista ricercata dalle donne che hanno bisogno di tutela legale e di amicizia, oltre che di comprensione psicologica. Il colloquio si è sciorinato in maniera varia e pacata.

Maria Concetta

Mi puoi spiegare ancora il rapporto di coppia?

Salvatore

Ogni persona ha una dialettica interna ed esterna, una modalità di relazionare i propri vissuti e di relazionarsi con gli altri. Ogni uomo e ogni donna, prima di vivere in coppia, hanno un patrimonio psichico formativo e in evoluzione. Lo stato di coppia e l’esercizio di coppia esaltano le caratteristiche individuali. Queste ultime si combinano e colorano la coppia. Tu vedi una coppia e la definisci simpatica o affermativa, sentimentale o ambigua o in mille altri modi, proiettando su questa coppia un tuo vissuto nella forma di un giudizio. In effetti tu hai visto un fenomeno della coppia, una modalità di essere e di manifestarsi, di combinarsi e di interagire, una forma dialettica e dinamica che è il frutto della prevalenza di un tratto psichico dell’uno sull’altro o di una armonica distribuzione. E’ importantissimo l’interscambio in questo prevalere del tratto psichico di un membro della coppia, l’alternarsi dei ruoli e dei modi, il riconoscimento dei compiti e delle abilità, la conoscenza individuale che travalica nella consapevolezza dell’agire in coppia. E’ come se nell’esercizio di coppia ora l’uno e ora l’altro assumessero il comando delle operazioni senza alcuna lesione dell’altro ma addirittura con un’adesione alla psicodinamica in atto, con una consapevolezza delle regole del gioco che stanno giocando. Questa interazione si chiama anche complicità di coppia e sintonia psicofisica. A ognuno il suo spazio e il suo copione e si recita a soggetto in maniera naturale e spontanea senza alcun sacrificio dell’uno o dell’altro. Paradossalmente la coppia migliore possibile è paritaria nei diritti e nei doveri, simmetria, ma non è sempre paritaria nelle sue manifestazioni perché ammette la complementarità: teoria del “sotto” e del “sopra”. Mi spiego. Il potere si esercita in base alla competenza e al ruolo. Ci sono situazioni in cui la donna ha una sua specifica collocazione e abilità. Ci sono situazioni in cui il maschio ha un suo ruolo definito e un compito elettivo. Tutto questo al di là della solita teoria che ci sono “cose da uomini e cose da donna”. Rimbalzandosi il potere nelle varie psicodinamiche della giornata e della vita in comune, la relazione di coppia è ricca e democratica, assente di prevaricazioni e di violenze, veramente interattiva. Lo “star sotto” e lo “star sopra” sono simboli che denotano una realtà varia e variegata in cui la coppia si viene a trovare e alla quale deve reagire al meglio e nel pieno rispetto dell’altro.

Maria Concetta

Quello che dici vale anche quando si deve decidere in quale trattoria andare a mangiare il pesce?

Salvatore

La tua provocatoria domanda è attinente e opportuna. Soprattutto quando si deve scegliere quale pesce mangiare e come farlo cucinare. Dalle piccole alle grandi scelte, tipo il rispetto e l’accudimento, la coppia deve sapere prendere e lasciare, affidarsi e abbandonarsi, reagire e inalberarsi, assorbire ed espellere, insomma deve agire al massimo della consapevolezza possibile.

Maria Concetta

Per quanto riguarda la scelta dell’osteria io preferisco che sia il mio “lui” a muoversi e a mettermi di fronte al fatto compiuto. E’ successo spesso con il fidanzato precedente di passare la serata a discutere dove andare e cosa fare. Uno strazio!

Salvatore

Confermi che la coppia è “simmetrica” nella base dei diritti e dei doveri, ma è anche “complementare” senza scandalo e senza inganno. Se poi la coppia si evolve nella famiglia, le relazioni diventano più complesse e delicate. Nella dialettica di coppia è ovvio che la condivisione solidale è sempre da preferire all’opposizione netta e cruda. Potere e dipendenza non equivalgono nella buona coppia a violenza e sottomissione. La coppia che sa distribuirsi nei ruoli e nei compiti è un buon sodalizio. Lo star sotto lo star sopra è realizzato democraticamente. Questa è la metafora sessuale che portò Lilith a “sfanculare” Adamo. Lei voleva star sopra nel coito e Adamo non gradiva, per cui chiese al responsabile creatore di cambiargli donna e moglie, di fargli una creatura dipendente che si lasciasse fare e lo lasciasse fare e che soprattutto riconoscesse il suo potere. E secondo il vangelo culturale maschile fu naturalmente accontentato. Eva era pronta a essere partorita dalle sue costole, a essere carne della sua carne.

Maria Concetta

Adesso ho pienamente capito. Non si può star sopra in due, ma si può star di fianco, sessualmente e culturalmente intendo.

Salvatore

Potenza delle metafore e dei miti! Quante difficoltà di comprensione risolvono alla razionalità dell’umano consorzio!

Maria Concetta

E del disturbo sessuale di Anna cosa mi dici? Può dipendere anche dal trauma del travaglio e del parto?

Salvatore

Hai detto bene, trauma è la parola giusta, un’angoscia che logora la funzione sessuale e riduce la “libido”. Nel rapporto di coppia il segnale di assenza d’investimento è la caduta provvisoria o definitiva della vita e dell’attività sessuali. Queste ultime sono le prime a essere colpite e sono segnali di profonda crisi personale e relazionale, ma sono anche le prime a risolversi e a ripristinarsi dopo aver razionalizzato il trauma e la eventuale separazione. Il corpo non mente sui disagi e li manifesta senza alcun pudore. Tecnicamente succede che la tesione nervosa in eccesso non può essere gestita dal sistema psicofisico e necessariamente e salvificamente si somatizza e lede la funzione interessata. Bisogna riconoscere che l’essere umano è fatto bene ed è fatto per continuare a vivere al meglio nelle condizioni psicofisiche date. Il travaglio e il parto hanno una forte componente traumatica, ma nel sogno di Anna questo dato non si evince.

Maria Concetta

E delle sigarette cosa mi dici? Non soltanto quelle metaforiche, ma soprattutto quelle reali, quelle del monopolio di stato, quelle che si comprano nelle tabaccherie insieme ai “gratta e vinci”, quelle che portano alla rovina e alla morte. Mi fai anche la distinzione tra tabagismo e vizio del fumo?

Salvatore

Il tabagismo è la dipendenza psicofisica dal fumo del tabacco. Il vizio del fumo è una forma ovattata del tabagismo. Si pensa che il “tabagista” fumi continuamente per malattia e il “vizioso” scandisca nel tempo il suo gusto nell’assunzione di nicotina. Non è così. Entrambi accusano una dipendenza psicofisica dal tabacco. Ripeto, dipendenza ossia il bisogno coatto di incorporare per bocca una sostanza tossica che funziona per rito e per funzione, per pulsione e per bisogno. Il tabagista ha sicuramente una “posizione psichica orale” ben marcata e possibilmente ha maturato una “organizzazione psichica a prevalenza orale”. Nell’assunzione di nicotina il tabagista risolve la sua angoscia di morte proprio sfidando la Morte o facendo alleanza con il nemico. Da un lato si cura da solo propinandosi una auto-terapia dell’angoscia depressiva di perdita e di abbandono, da un altro lato si ammazza a piccole dosi quotidiane sfidando se stesso o meglio la sua angoscia di morte e la sua pulsione di morte. Una “tanatofobia”, angoscia depressiva di perdita e di di morte, si risolve drammaticamente in una “tanatocrazia”, la pulsione di morte al potere o il Thanatos freudiano, non si risolve con una doverosa “tanatologia”, presa di coscienza e “razionalizzazione” dell’angoscia depressiva di perdita e di di morte. Mi spiego ancora e meglio. Il tabagista porta la morte al potere e la sfida continuamente per affermare se stesso di fronte alla sua fobia della morte, all’angoscia profonda di solitudine. Il tabagista è ai ferri corti con la vita perché non sa gestire quest’ultima con la “tanatologia”, il discorso sulla morte ossia la consapevolezza della necessita di morire e, ripeto, la “razionalizzazione” della sua angoscia di morte. Il tabagista usa il meccanismo psichico di difesa dell’alleanza con il nemico, quello che usa il lupo maschio con il capo branco dopo la dura lotta per il primato, e si allea con il tabacco per lenire la sua angoscia sfidando con la sua onnipotenza infantile se stesso come uomo e come malato. Ricordo che il “controllo onnipotente” è un meccanismo primario di difesa dall’angoscia usato dal bambino attraverso la sua capacità magica di elaborare la realtà più nefasta. L’altro meccanismo psichico di difesa è lo “spostamento” con la formazione del feticcio nell’oggetto sigaro, sigaretta, nicotina, tutte le sostanze che producono variazione dello stato coscienza e riducono senza risolverla l’angoscia di morte che la persona sente pulsare da dentro e non sa riconoscere nella causa.

Maria Concetta

In coppia cosa ci deve essere?

Salvatore

Gli ingredienti giusti sono l’empatia e la simpatia, ma non deve mancare la ragione e la dialettica, la retorica e l’eristica, la discussione e la convinzione, l’ironia e la complicità.

Maria Concetta

Anna ha carenze affettive?

Salvatore

Anna ha portato in coppia la sua formazione e la sua “organizzazione psichica reattiva” che ha maturato un figlio e, di conseguenza, è approdata alla “genitalità”. Anna è più evoluta del suo ex a livello affettivo, ma è stata coinvolta da lui nella fascia “orale” e ha rispolverato la sua posizione psichica omonima, i suoi bisogni affettivi per l’appunto, perdendo in parte il bandolo della matassa.

Maria Concetta

Quale canzone scegli per Anna?

Salvatore

Siamo in Sicilia e non poteva mancare la “Sintonia imperfetta” dell’originale Carmen Consoli, una canzone che mescola un vecchio testo al nuovo, la modalità d’amare e di stare in coppia della prima generazione del Novecento e l’attuale: “l’amore al tempo dei miei nonni era sognante”. Ma ti assicuro che è da preferire l’amore di oggi con tutti i suoi aspri conflitti rispetto all’amore di ieri con tutte le nobili prevaricazioni del marito sulla moglie.

Alla prossima e sempre attenti ai “selfie” con gli psicopatici!