UNA DONNA ECCEZIONALE

Alla fine del tormento per consolarmi mi dico

e continuo a ripetermi

che io sono una donna eccezionale

e ancora una volta che io sono una donna eccezionale,

perché eccezionale è la mia esperienza umana:

Ascingha la negra è passata dallo stato primitivo

al top della cosiddetta civiltà

nel breve tempo dei suoi quarant’anni di vita.

Maman Immè,

l’intellettuale superba e la donna spietata,

mi diceva sempre con amore

che io ero una meravigliosa sintesi dell’evoluzione umana,

un compendio di sette millenni di umanità,

perché ho viaggiato in una sola vita

dai riti tribali a internet,

dal culto della grande Scimmia al rito di Satana,

dall’infibulazione al trapianto dell’embrione,

dalla fecondazione selvaggia alla clonazione.

Io ho vissuto troppo e tutto in una sola vita.”



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *