LA VOLTA CELESTE

Mi viene voglia di vivere,

vivere per sempre,

in eterno,

non vivere così e così,

tanto meno al meglio delle condizioni date,

come dice il mio dottore,

vivere,

vivere bene,

vivere alla grande,

vivere sul pezzo e sul mazzo,

vivere senza malinconia e senza gelosia,

vivere finché c’è gioventù nella vecchiezza.

C’è questa Cosa immantinente,

questo Ca immanente e trascendente che è la Vita,

un alito eterno che attraversa i corpi

e vola verso il cielo stellato,

verso l’ultimo degli ultimi orizzonti infuocati della Gigante rosa

in odore di Nana bianca.

Il nostro corpo è in prestito.

Lo dicono tutte le Chiese.

Lo dicono le pensioni da fame dell’ENPAP.

Ci pensi?

Come racconti tu questa storia,

nessuno al mondo.

Come te non c’è nessuno,

così unico e solo.

La presto volentieri questa carcassa,

o amato cuore in un disio d’amante.

Eppure,

vorrei tanto guardare dentro i tuoi occhi

e chiudere i miei tra le tue braccia.

Grazie per la grazia degli intrecci,

grazie per l’assenza dell’asprezza,

grazie per la terra grassa e morbida,

grazie per le parole che mi fanno pensare

a quanto senso ha un fuoco acceso

e qualcuno accanto che racconta,

mentre ai bordi del perimetro del mondo

i lupi attendono il loro pasto con pazienza.

Grazie.

Io sono quella là,

quella della provincia dell’impero

in un mondo di stelle senza fine:

la volta celeste,

la stella del nord,

la stella del sud.

Il Sole ha ingoiato Mercurio e Venere.

La Terra ha chiesto asilo a un altro sistema.

Speriamo,

speriamo che gli idioti non sparino sui poveri gommoni alla deriva.

Sava

Carancino di Belvedere, 20, 06, 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.