PRUDERIE

Tra il Tigri e l’Eufrate,

tra il Manzanarre e il Reno,

colui che sapeva e sapeva parlare,

il Verbo,

disse “Eden”

ed Eden fu.

Con nobile noncuranza,

degna di un dio,

vi pose Adamo e Lilith

a che spargessero il loro seme

nelle pianure di via col vento,

a che domani fosse un altro giorno

e sempre con una serva nera migrante al servizio.

E fu subito sera

e fu che ognuno si sentì solo nel cuore della terra

e fu subito guerra,

con e senza il Corso,

con e senza i matti dei Mattei,

con e senza i senatori a vita

che non muoiono mai.

Dammi la contezza della contentezza della vecchiezza,

gridava Orlando a Rinaldo,

mentre Gano di Magonza ammazzava Guerin,

detto il meschino,

un pezzo di carne intonsa con due occhi di bambolotto

sopra le ciglia finte

e messe su dalla Chiara in quel di Cessalto

sotto l’albero fiorito di giallo della mimosa

che Salvatore le ha regalato in una notte di piena estate

tra batuffoli morbidi e preghiere al vento.

Ma Gano di Magonza era tenuto in piedi dalla lega d’acciaio

e dal patto dei due imperatori,

lui e le rose,

per cui a Firenze e a Milano

di quel securo il fulmine tenea dietro al baleno.

E fu così che la guerra scoppiò da Scilla al Tanai,

nella camera da letto di coniugale virtù,

dall’uno all’altro mar

sulla rotta di Magellano e del virus a corona.

Fu vera gloria?

Ai Mattei va l’ardua sentenza.

Tutti li vogliono,

tutti li cercano,

come i barbieri di qualità,

di qualità,

di qualità.

Ma la miscellanea ancora non basta,

tanta fu l’offesa

che la minestra non fu servita a puntino

dai camerieri degli alberghi a cinque stelle

con il pagliaccio in prima fila e il buffone in curva.

La contaminazione continua

e persiste nelle zone rosse e verdi

di questa terra malfamata

e divorata dagli scandali edilizi

e massonici della borghesia mafiosa.

O Licio, o Licio,

lama sabactani!

Una donna matura a Firenze canta a una donna giovane.

“C’è la luna in mezzo al mare,

figlia mia chi ti devo dare?”

E la medesima incalza alla madama.

“Mamma mia pensaci tu.”

E la suddetta ribatte imperterrita e in vernacolo lombardo.

“Se ti do il barbiere,

lui va e lui viene

e il rasoio in mano tiene,

se c’iacchiappa a fantasia

mi fiddria a figghia mia.”

E il coro dei popolani entra

e battezza con la merda

la schiera degli eletti in Parlamento,

proprio sotto il Campidoglio.

“O mamma,

zumme zumme e baccalà,

o mamma,

zumme zumme e baccalà,

ohi mammà,

ohi mammà,

zumme zumme e baccalà.”

Eppure l’Eden esiste

ed esiste ancora

con le sue immagini imbalsamate dentro il sussidiario colorato

della benemerita scuola elementare.

Un bambino e una bambina hanno conservato nel giardino

il ricordo di un legame fatto per loro,

una figurina di Biancaneve fatta per lei,

una figurina del principe azzurro fatta per lui.

E se a Natale desideri un regalo

per un corpo che cerca ancora guai,

la perfida fatina manderà a iosa le figurine

della premiata ditta Panini,

i fotoromanzi del settimanale Grand Hotel.

In questo mondo imbelle la poesia abita dove vuole,

il tempo delle mele è lontano

e asciutto è il pantano della pruderie.

Se rinasco in altra patria,

ti vengo a cercare con la lanterna di Diogene,

ti riconoscerò dal profumo di rosmarino del tuo pollo arrosto,

ti bacerò con i pizzilli le labbra e i capelli,

ti sussurrerò bonjour avec le charme de Juliette,

ti porterò dove son tornato ad abitare dopo lunga agonia.

Salvatore Vallone

Carancino di Belvedere, 31, 01, 2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.