GLI SCENARI DI “ONIRIC WOMEN” 2

PSICODINAMICA DELLA PRIMA PARTE

Il sogno di Sabina svolge la psicodinamica della “posizione edipica” con particolare predilezione nei riguardi della figura paterna, usa il meccanismo della “scissione” per non incorrere nell’incubo e nel risveglio immediato e per gestire le angosce legate ai virulenti “fantasmi” del padre e della madre, mostra una buona risoluzione della relazione psichica con il padre attraverso il recupero della componente affettiva e affermativa, tralascia la relazione con la madre e non ne condivide le modalità in cui gestisce se stessa e il suo ruolo. Sabina si serve del meccanismo psichico della “figurabilità” in un contesto speculare rafforzando la presa di coscienza sulla “posizione edipica” e usa la simbologia dello Spazio e del Tempo facendo coincidere la nostalgia con l’appagamento in atto, la consapevolezza del passato con lo stato di coscienza presente. Sabina vive nel suo presente psicofisico, nel suo “breve eterno” e al di sopra dello Spazio e del Tempo convenzionali. Sabina è nella contingenza del suo “SpazioTempo”, là dove la sua energia si irradia con il “grande scoppio” quotidiano degli investimenti operati vivendo. Sabina esibisce orgogliosamente un buon “sapore” di se stessa perché lei “sa di sé”.

TRAMA DEL SOGNO 2 – CONTENUTO MANIFESTO

“Le gemelline vanno nella piscina all’aperto sotto casa. Io sono la loro baby sitter, ma non ho voglia di scendere a guardarle, sono stanca, sono a letto e ho bisogno di dormire.

L’appartamento è lo stesso di prima ed è la riproduzione della zona notte dei miei genitori della casa in cui vivevo da ragazzina, solo che dove c’era il ripostiglio c’è la stanza in cui sto dormendo e dove c’era la stanza dei miei c’è una cucina con delle donne, che si apre su un salone spazioso e luminoso.

Mi alzo e guardo le gemelline dal balcone a ringhiera a destra. Devono fare due iniezioni a testa, ma io non sono molto brava a farle e chiedo a una signora che è in cucina di scendere ed espletare il compito.

Poi vado alla finestra del salone, che dà sulla sinistra della casa, e le vedo mentre attraversano un parco. È diventato autunno, sono allegre, stanno bene, sono bambine.”

OSSERVAZIONI FINALI

Nessuna angoscia al risveglio, solo confusione nel ricordare le immagini del sogno, che diventano più chiare mano a mano che passo dallo stato immediatamente successivo al sonno a quello di piena coscienza.

Caro Maestro, mi dica qualcosa, quando Lei spiega mi sembra che sia facile capire e capire mi placa. Forse è questo il senso della conoscenza, guardare l’abisso senza temerlo.

Sabina

DECODIFICAZIONE E CONTENUTO LATENTE

CONSIDERAZIONI

Le “osservazioni finali” di Sabina confermano alcune verità di “scienza umanistica” che sono state progressivamente acquisite sul sogno e sui suoi dintorni psicofisici. Sabina non sente alcuna angoscia al risveglio, dopo aver tanto rielaborato i suoi “fantasmi” e i suoi vissuti sotto la protezione dei meccanismi del “processo primario”: “il sogno è il guardiano del sonno” ed è reso possibile dalla Fantasia e tutelato dalla funzione simbolica, il famoso “Linguaggio dimenticato” o quasi di Fromm. Sabina accusa soltanto “confusione” nel ricordare le immagini del sogno e questo stato è legato al suo maniacale estro analitico e al suo conclamato gusto del particolare. La “confusione” si attesta nell’inquadramento e nella fusione dei dati, nella vendemmia dei particolari, nel mettere insieme capre e cavoli trovando il nesso logico e il tramite simbolico. Senza alcun intervento vigile e consapevole Sabina dormendo ha dipinto il suo sogno con una serie di scenari e di scenette familiari degne della migliore umana “comedia”, un’opera non certo boccaccesca e tanto meno dantesca, un’opera sicuramente proletaria e senza endecasillabi e senza terzine, senza rima alternata o baciata. Sabina è artista nel suo dormire semplicemente perché i sogni li ha sognati da sveglia e da bambina, in grazie alla fertilità della sua benefica Fantasia e alla virulenza dei suoi succulenti “fantasmi”. Il passaggio progressivo dal sonno alla veglia è descritto da Sabina come il processo che viaggia dall’offuscamento emotivo alla lucidità della coscienza, come il tragitto che va dalla dimensione psicofisica profonda alla dimensione razionale, dalle tenebre alla luce, dall’Es all’Io, dal “principio del piacere” al “principio della realtà”, dalla rappresentazione degli istinti alla concettualizzazione consapevole e funzionale al “sapere di sé”. La luce della Fantasia è calda come i “fantasmi” che costruisce, quelli che popolano la creatività e sostengono l’Io nel suo centro e nei suoi dintorni. La luce della Ragione è fredda, è LED, ma estremamente utile per avvinghiare le mille tentazioni dell’angoscia di morte, il nobile e tremendo basamento del Vivente, umano e non, come voleva e scriveva il nevrotico Arthur Schophenauer nel suo “Mondo come volontà e rappresentazione”. Emerge in Sabina che sogna e trova la sua mirabile epifania la diuturna diversità quantitativa e qualitativa tra la Fantasia e la Ragione, i “processi primari” e i “processi secondari”, tra il sistema neurovegetativo e il sistema nervoso centrale, tra l’emisfero cerebrale destro e l’emisfero sinistro. Si tratta di un’apparente diversità e di un inesistente conflitto semplicemente perché la dinamica evolutiva e circolare, alla Hegel per intenderci, avviene all’interno dell’unità psicosomatica chiamata “Uomo”. Si tratta dei tanti “modi umani” di manifestarsi, si tratta degli “attributi umani” del Pensiero e del Corpo, dell’unita “Psico-Soma”. Quest’ultima è la Verità soggettiva e oggettiva, l’assunto ideale e reale di base, la Sostanza e la Unità imprescindibili da cui naturalmente si deduce e si giustifica, si produce e si comprende tutto l’ineguagliabile e inimitabile “Prodotto Umano Lordo”. Non si tratta dell’apice di una platonica o aristotelica piramide, ma di uno “Psico-Soma” uno e tutto, greco “olon”, che svolge e sviluppa in un processo dinamico circolare ed evolutivo gli “attributi umani” psicofisici e li individualizza e concretizza nei “modi umani” della Psiche e del Corpo, il suddetto “Prodotto Umano Lordo”, il neonato PUL.

Ritornando alle osservazioni finali di Sabina, si deve precisare che il passaggio dallo stato ipnoide dell’ultima fase del sonno REM alla consapevolezza vigilante della veglia segna il ritorno alla Realtà esterna e al suo principio. Si spera e si prega di non dimenticare il bagaglio ripieno di emozioni e il fardello ricolmo delle primizie psicofisiche appena vissute, ma soprattutto di ricordare e razionalizzare le consapevolezze che il sogno tra le pieghe e tra le righe ha regalato.

E allora è “facile capire e il capire placa”.

Questa è l’allegoria della “presa di coscienza” coniata da Sabina. E’ proprio questo il senso della conoscenza e della “coscienza di sé”, quel “sapere” contingente del tuo “breve eterno” che ti permette di “guardare l’abisso senza temerlo”.

Questa è l’allegoria della consapevolezza dell’angoscia depressiva di perdita, la coscienza di quella “morte in vita” che ogni uomo coraggioso può capire e di cui può dire, quell’uomo che sa tradurre l’angoscia del vuoto in un parlare “genitale”, in un benefico e concreto atto d’amore fatto di parole e di discorsi, un sentire l’altro come l’oggetto del proprio benessere e senza respingimenti o imposte da pagare, senza chiudere i porti e senza sentirsi perseguitati.

Andiamo al “dunque onirico” dopo tante nobili “chiacchiere” più o meno pertinenti.

SIMBOLI – ARCHETIPI – FANTASMI – INTERAZIONE ANALITICA

Le gemelline vanno nella piscina all’aperto sotto casa. Io sono la loro baby sitter, ma non ho voglia di scendere a guardarle, sono stanca, sono a letto e ho bisogno di dormire.”

Dopo aver sviluppato la relazione con il padre e la madre, “posizione psichica edipica”, Sabina analizza il sentimento della “rivalità fraterna”, la sua contrastata relazione con le sorelle e i vissuti al riguardo, nonché la sua specifica e irripetibile individualità e diversità da tutto il resto del mondo, “gemelline” comprese e soprattutto. Ricordo che Sabina si è voluta già orgogliosamente differenziare dalle “gemelline” nella prima parte del sogno, proprio quando diceva che “due sono gemelline femmine e uno forse è un maschietto, ma a tratti è una femmina.” Sabina ha attribuito alle sorelle la “parte femminile” e l’ha raddoppiata con gli attributi di “gemelline” e di “femmine” e ha loro negato la “parte maschile”, la componente attiva e fattiva a favore di quella passiva e remissiva, sempre simbolicamente parlando. In sostanza ha mutilato l’androginia psichica delle sorelle, attributo psichico che ha voluto riservare interamente a se stessa. Come dire: “io sono la sorella cazzuta, quella che ha potere e sa affermarsi, quella che entra in competizione con il padre e che mette in discussione la madre, io sono diversa da voi due perché sono “androgina”, coniugo in me con naturalezza la “parte maschile” e la “parte femminile”, mentre voi due siete doppiamente femmine e condensate la remissività e la passività materne”. Magari Sabina ha apprezzato le grazie femminili delle sorelle, ma non ha condiviso la loro accettazione dello “status” familiare e la loro identificazione “patocca” nella figura materna. Insomma, Sabina si è voluta distinguere dalle sorelle e ha voluto fare parrocchia a se stessa e con se stessa. Sabina manifesta un orgoglio virile che assorbe nella sua psiche grazie al conflitto con il padre e al respingimento difensivo della madre.

Sabina è la “baby sitter” delle sorelle, ma è in crisi.

Inizia nella seconda parte del sogno e con la partecipazione diretta e con il coinvolgimento non mediato da alcuna difesa, tipo la “precedente scissione”, l’elaborazione dell’immagine psichica di Sabina, la visione di se stessa in questo quadro familiare. E in questa ardua impresa la descrizione simbolica tocca picchi di alta poesia in prosa. Sabina non vuole coinvolgersi e non vuole condizionare le sorelle, per cui le lascia giocare, le lascia nella loro infanzia tutta al femminile, le lascia nell’ignoranza di sé. Sabina è stanca di dover convincere le sorelle sulla situazione familiare particolare e vuole riflettere su se stessa e sulla sua condizione. Sa che è forte e diversa da loro, ma non vuole prevaricarle con ragionamenti e prese di coscienza che loro, le “gemelline” femmine, non hanno fatto e non possono fare. Sabina pensa a se stessa e ha tanto bisogno di “rimuovere” questo conflitto aspro con la sua famiglia e di lasciar cadere le armi e l’aggressività per raggiungere l’autonomia che consegue al conflitto e la “razionalizzazione” del trauma. Il riposo del guerriero è meritatissimo. La combattente può riposare dopo aver speso tante energie nell’economia e nella dinamica psichiche della sua famiglia. Emerge in sogno una forma di “ataraxia”, assenza di preoccupazioni e di affanni, se volete di angosce, una nota caratteristica della sapienza indiana e greca di qualche millennio fa. Questa è l’allegoria della “ataraxia”, questa è l’allegoria del “nirvana” occidentale e personale secondo il vangelo personale di Sabina: “non ho voglia di scendere a guardarle, sono stanca, sono a letto e ho bisogno di dormire.”

La simbologia conferma e spiega il quadro in questo modo. Le sorelle sono ingenue e innocenti perché sono rimaste ancorate nelle spire materne, giocano e si liberano di eventuali sensi di colpa, quelli che sicuramente Sabina ha accumulato in tanta lotta e in tanto contrasto e che in questo caso proietta sulle “gemelline”. Sabina “sa di sé” ed è più avanti rispetto a loro, per cui può stare a riflettere sulle sue consapevolezze e curare le sue ferite.

“Gemelline” o del sentimento della rivalità fraterna con rafforzamento della parte femminile, “piscina” o luogo della purificazione dei sensi di colpa in riguardo alla figura materna, “all’aperto” o in ambito sociale e senza approfondimento, “sotto casa” o estromettendo il vissuto e il problema, “baby sitter” o superiorità e potere di gestione o una forma di “Super-Io”, “non ho voglia” o assenza di “libido” da investire, “scendere” o rimuovere o dimenticare e non affrontare il problema, “guardarle” o prendere coscienza, “stanca” o psicoastenia da nirvana, “a letto” o ancora psicoastenia da ataraxia, “dormire” o rimuovere.

Voglio approfondire l’interpretazione e dico e ridico che Sabina riflette se stessa nelle sorelle, proietta i suoi vissuti in loro mostrando in sogno le sue paure di quello che poteva diventare, una mammoletta tutta coniugata al femminile qualora avesse rimosso la figura materna e si fosse identificata totalmente in lei, la “piscina all’aperto sotto casa”. Sabina ha scelto di non rimuovere e di prendere coscienza dei suoi infidi “fantasmi” in riguardo alla madre, ha scelto di essere una donna affermativa e di avere il coraggio del suo “Io”. Ha ripulito i sensi di colpa per viversi al meglio e nella maniera autentica. La stanchezza è il prezzo minimo che si paga a tanto travaglio. Il sonno consegue come una blanda dimenticanza dopo aver tanto vissuto: il giusto riposo del guerriero, la greca “ataraxia”, l’indiano “nirvana”.

E’ proprio vero che a volte “repetita iuvant” e specialmente per uscire dalle ambiguità difensive del sogno, ma è altrettanto vero che spesso le “cose che si ripetono” rompono e anche tanto.

Chiedo ai marinai la venia della buonafede.

L’appartamento è lo stesso di prima ed è la riproduzione della zona notte dei miei genitori della casa in cui vivevo da ragazzina,”

Traduco immediatamente per non perdere la forza e la bellezza del “lavoro onirico”. Sabina ritorna indietro nel tempo e rivive le fantasie intime e i desideri indicibili nei riguardi dei genitori, rievoca la sua adolescenza ricca di pulsioni e di intenti, rivive la sua giovanile età con i turbamenti e gli struggimenti della bambina di fronte agli adulti. Sabina usa la “regressione” per dare ragione ai suoi vissuti edipici e per confermare il tempo psicofisico in cui i suoi “fantasmi” si sono manifestati nel teatro della prima parte del sogno. Sabina è al presente con la consapevolezza dei suoi trascorsi, del suo passato insomma. Questa è la conferma del “presente psichico in atto”, della teoria sul tempo come distensione dell’anima di Agostino di Tagaste, del dubbio di Freud sulla dimensione psichica temporale, del “breve eterno” che dura il tempo di una vita: la Psiche è fuori dal Tempo anche se vive nel Tempo e si serve delle categorie del passato e del futuro soltanto e solamente riconducendole al presente, “riattualizzando”. Nella modalità della “riattualizzazione” le esperienze vissute del passato e le aspettative progettuali del futuro trovano la loro congrua e ineludibile epifania.

I simboli sono i seguenti: “appartamento” o casa psichica in versione fredda, “riproduzione” o difesa psichica dal coinvolgimento diretto, “zona notte” o intimità e pulsioni, “miei genitori” o le origini in versione conflittuale, “casa” o “organizzazione psichica reattiva”, “in cui vivevo” o i vissuti, “da ragazzina” o turbolenza psicofisica e adolescenza evolutiva.

solo che dove c’era il ripostiglio c’è la stanza in cui sto dormendo”

Sabina non può più rimuovere perché è adulta e ha preso coscienza della relazione conflittuale con i genitori, non può infilare tutto nel “ripostiglio” e magari in maniera disordinata per confondersi di più. Oggi può solo dormire sulla maturazione psichica portata avanti e non senza trambusto. Dopo la risoluzione della “posizione edipica” Sabina si dispone alla riflessione prima di riformulare il giusto vissuto in riguardo al padre e alla madre, prima di “riconoscere” il padre e la madre come le sue imprescindibili origini, prima di ridurli a simboli e dopo aver tentato di onorarli e di ucciderli. Li aveva “onorati” ed era rimasta schiava, li aveva “uccisi” ed era rimasta sola. Le restava il salvifico monito “Riconosci il padre e la madre”. Ricordo ai marinai che questa psicodinamica edipica la trovate, a metà tra racconto e saggio e a basso costo, nel mio ultimo testo “Io e mia madre”, psicodramma dell’anoressia mentale, pubblicato nel marzo dello scorso anno. Potete leggere sulla destra del blog l’intervista e la recensione. Cliccate la mia immagine in compagnia del gatto Pietro.

Vado ai simboli: “ripostiglio” o rimozione nella dimensione subconscia, “stanza” o parte della struttura psichica in atto e nello specifico la riflessione dell’Io, “sto dormendo” o stato subliminale che favorisce l’assimilazione delle emozioni e dei vissuti collegati.

e dove c’era la stanza dei miei c’è una cucina con delle donne e che si apre su un salone spazioso e luminoso.”

E la dove c’era la stanza dell’intimità dei genitori, quella che ha evocato le fantasie edipiche, c’è la realtà delle figlie cresciute e che si dispongono alla vita sociale con la consapevolezza di essere una famiglia ricca di valori e di intelligenza, ma soprattutto c’è la vita affettiva e l’esercizio del volersi bene. La “cucina” è il simbolo della “libido genitale”, il luogo dove si prepara il cibo, lo spazio dove nel tempo si esercitano gli affetti e i sentimenti dell’amore verso i genitori e i fratelli, quell’amore fraterno che è all’opposto del “sentimento della rivalità fraterna” e che tocca spesso il picco dell’odio con assoluta naturalezza e normalità. Il sentimento dell’odio si sperimenta nella primissima età verso il padre e la madre e verso i fratelli. Freud definì il bambino “perverso polimorfo” mettendo in rilievo soprattutto le pulsioni sessuali e le fantasie sul tema, ma, in effetti e prima di tutto, il bisogno “orale” di accudimento e di sopravvivenza spinge l’esercizio degli affetti a sperimentare il sentimento dell’odio più fottuto. La famiglia nei vissuti di Sabina ha avuto un recupero affettivo. Così come ha recuperato il padre, recupera anche le sorelle: “e vissero tutti felici e contenti”. Di poi, emergono nel quadro onirico le doti sociali e relazionali, il fascino di queste donne, che alla fine è quello di Sabina, di sapersi offrire con disponibilità attraente e con magnetismo erotico, tutti investimenti di libido genitale”.

I simboli sono i seguenti: “stanza dei miei” o la parte edipica, “cucina” o il luogo della “libido genitale” e degli investimenti affettivi maturi, “delle donne” o le sorelle o le gemelline o dell’universo psichico femminile nel versante del potere o “dominae” latino “padrone”, “si apre” o disposizione alla condivisione e alla relazione amorosa, “salone” o la parte sciale e conviviale e relazionale e la disposizione allo scambio della formazione genitale, “spazioso” o educazione allargata e aperta verso il prossimo e seduzione e accoglienza, “luminoso” o dove non manca la ragione e la riflessione e il fascino intellettuale.

Sabina celebra l’orgoglio di stare e saper stare con la gente e tra la gente.

Mi alzo e guardo le gemelline dal balcone a ringhiera a destra. Devono fare due iniezioni a testa, ma io non sono molto brava a farle e chiedo a una signora che è in cucina di scendere ed espletare il compito.”

Dopo l’offerta al maschio o agli altri si passa alla sessualità e Sabina si trova in alto sul suo “Io” consapevole, sul suo scanno di sapienza e di saggezza, mentre le sorelle sono nelle pastoie dell’imitazione della madre e degli eventuali sensi di colpa. Sabina tiene in gran conto il rischio di mischiarsi a loro in un infido e pericoloso ritorno al passato al fine effimero e impossibile di evitare l’evoluzione e il progresso. Le “gemelline” abbisognano di educazione sessuale, devono imparare a far sesso e a stare con i maschi. Sabina non è in grado di fare da “mater et magistra” su questi temi delicati semplicemente perché questo compito spetta alla madre. E, infatti, chiede alla madre, “la signora che è in cucina” o nell’ambito familiare delle relazioni, di aiutare le ragazze ad assimilare il ruolo femminile, la recettività sessuale e l’esercizio erotico. La similarità con la madre “piscina” si consuma e si completa anche nell’insegnamento della sessualità. E Sabina sta a guardare e a non confondersi con le sorelle. Lei è diversa per formazione e per le prese di coscienza che ha operato in famiglia durante la infanzia e l’adolescenza. Le sorelle si sono formate in maniera consona alla madre, mentre lei è la ribelle e si è individuata proprio differenziandosi: unica e irripetibile più che mai. Le sorelle saranno da meno nell’apportare tratti caratteristici e innovativi alla personale “organizzazione psichica reattiva”, la loro struttura evolutiva.

Vediamo i simboli: “mi alzo” o gesto affermativo di ripresa dopo la riflessione e il riposo del guerriero, “guardo” o prendo consapevolezza, “gemelline” la parte femminile di sé che ha portato in evoluzione e in diversificazione dalle sorelle, “balcone” o dall’alto del suo Io , “la ringhiera” o coazione logica dell’Io, “a destra” o della progressione o della lucidità della coscienza sul passato, “iniezioni” o della sessualità genitale ed educazione sessuale, “io non sono molto brava a farle” o io non sono una buona didatta e non voglio sostituirmi alla madre, “una signora” o la madre, “che è in cucina” o che appartiene alla famiglia e all’esercizio degli affetti, di “scendere” o di materializzarsi ed espletare il compito di educarle.

Poi vado alla finestra del salone, che dà sulla sinistra della casa, e le vedo mentre attraversano un parco. È diventato autunno, sono allegre, stanno bene, sono bambine.”

Il “riattraversamento” della relazione con le sorelle e dell’ambito familiare da parte di Sabina rileva l’assenza del padre e la presenza massiccia della madre, quasi in compensazione del fatto che nel precedente scenario onirico Sabina l’aveva occultata e tenuta ai margini del teatro familiare. Adesso Sabina riflette dall’alto della sua formazione e si relaziona con la parte regressiva della sua personalità. Riporta il “già vissuto” al “presente” e rivive un collage di emozioni e di ricordi, regredisce e vede le sorelle che vivono la vita delle relazioni e la loro vita nel “presente di quel tempo passato”. Il “parco” è il simbolo della vita e del vivere. Si obnubila la coscienza di Sabina e la tristezza incombe. La consolazione arriva nella consapevolezza che le gemelline sono senza peccato e senza coscienza, stanno bene così. La loro infanzia è senza tormenti, all’incontrario di quella di Sabina. Si riconferma la differenza dei vissuti e la diversità dei “fantasmi” rispetto alle sorelle. Sabina è razionale e affermativa in grazie al conflitto con il padre e all’identificazione nella sua “parte positiva”, Marlon Brando per intenderci, e le sorelle sono preda della madre, bambine educate al femminile in tutto tondo. Questo è quanto risiede nel sogno di Sabina. E’ tutta farina del suo sacco psichico ed è la sua “verità”, quella che emerge e non si nasconde.

Chissà le gemelline che sogni fanno?

Vediamo i simboli: “Vado” o intenzionalità della coscienza scoperta da Franz Brentano, “finestra o della relazione, “salone” o della socialità e delle relazioni e della condivisione, “sinistra” o regressione e passato, “casa” o organizzazione psichica reattiva, “vedo” o sono consapevole, “attraversano” o vivono, “un parco” o la vita in atto, “autunno” o declino degli investimenti della “libido” e raffreddamento emotivo , “allegre” o innocenti e senza coscienza di sé, “stanno bene” o equilibrio psicofisico, “sono bambine” o sono dipendenti e senza parole.

Questo è quanto dovevo al sogno di Sabina, ma non escludo che, se lo rivedo tra un anno, potrò dire qualcosa di più e di diverso alla luce dell’evoluzione che ha assunto l’arte scientifica dell’umana interpretazione dei sogni nella mia ricerca e nei duecentoventi sogni interpretati e fruibili nel mio “blog”. La ricchezza dei contenuti e l’ampliamento della griglia interpretativa sono evidenti e sperimentabili. Tra verità soggettive e verità oggettive il cammino della conoscenza prosegue esibendo i suoi dati umani anche ai Farisei.

PSICODINAMICA

La seconda parte dell’Odissea familiare di Sabina parte dalla psicodinamica del “sentimento della rivalità fraterna” e prosegue accentuando la diversità dei vissuti verso i genitori e della formazione psichica. Sabina si differenza dalle sorelle soprattutto nell’operazione di identificazione nella madre. Mentre Sabina resta sulle sue e nel conflitto con il padre trova la “parte maschile” della sua “androginia” psichica, le gemelline assorbono per difesa una dipendenza dalla figura materna. Sabina ha sofferto, ma ne è valsa la pena. La “regressione” all’adolescenza insieme alle sorelle produce in Sabina una leggera tristezza sul senso del tempo che passa. Remando all’indietro e dando ossigeno ai tizzoni della fanciullezza vissuta e mai perduta, Sabina rievoca in sintesi un tema letterario tanto gettonato dai migliori poeti e letterati che sono andati “alla ricerca del tempo perduto”.

Vale “Silvia rimembri ancora quel tempo di tua vita mortale, quando beltà splendea negli occhi tuoi ridenti e fuggitivi e tu, lieta e pensosa, il limitare di gioventù salivi…”, ma vale su tutti “Alla ricerca del tempo perduto” di Marcel Proust, sette volumi monumentali intrisi di Letteratura e di Filosofia, di Psicoanalisi e di Antropologia culturale e soprattutto dei tormenti esistenziali dell’uomo Marcel.

E cosa dire di “Lessico famigliare” di Natalia Ginsburg?

Perché non rivedere “Amarcord” di Fellini Federico, un sognatore a occhi aperti che ha proiettato i suoi tanti “fantasmi” sopra una tela cinematografica fissando i canoni della Bellezza surreale?

L’operazione involontaria del sognare di Sabina attinge a piene mani su modalità psichiche squisitamente umane come l’adolescenza e il “già vissuto” che non riesce mai a diventare passato a causa di quella maledetta capacità di esserci e di essere presenti anche nel passato. Sabina contamina il “già vissuto” e il “già detto” assumendo un atteggiamento tutto suo che traduce in immagini i suoi personali resoconti servendosi di parole altrettanto personali.

PUNTI CARDINE

I “punti cardine” dell’interpretazione del sogno di Sabina sono i seguenti: “io sono la loro baby sitter” e “zona notte dei miei genitori della casa in cui vivevo da ragazzina”.

ULTERIORI RILIEVI METODOLOGICI

La sezione di “simboli” si è particolarmente individualizzata. Mentre in passato traducevo il simbolo collettivo e universale, adesso lo individualizzo nel contesto che il sognatore sviluppa, per cui oscilla tra il personale e il collettivo. Mi avvicino sempre più alla dimensione soggettiva senza trascurare la gente che ci circonda e ci condivide.

Il sogno di Sabina sottende i “fantasmi” del padre e della madre nella versione edipica e i “fantasmi” dei fratelli secondo il “sentimento della rivalità”.

Gli “archetipi” del Padre e della Madre si rincorrono senza evidenziarsi nei termini di una totalità universale.

Le istanze Io, Es e Super-Io sono in azione. L’Io vigilante e razionale si manifesta in “mi alzo e guardo” e in “chiedo” e in “vado alla finestra” e in “vedo”. L’istanza “Es” o rappresentazione delle pulsioni si manifesta in “sono stanca, sono a letto e ho bisogno di dormire.” e in “devono fare due iniezioni” e “mentre attraversano il parco”. Nella quasi totalità il sogno elabora materiale psichico particolarmente sensibile e degno di condensare e di rappresentare emozioni e pulsioni. L’istanza “Super-Io”, censoria e limitante, fa capolino in “baby sitter”.

Il sogno di Sabina sviluppa la “posizione psichica edipica” in combutta con l’azione turbolenta di un “sentimento della rivalità fraterna” che cerca sempre l’appagamento e il privilegio affettivo dei genitori.

I “meccanismi” e i “processi” di difesa dall’angoscia presi in carico da Sabina nel suo sogno sono i seguenti:

la “condensazione” in “piscina” e in “zona notte” e in “stanza” e in “ripostiglio” e in “cucina” e in “salone” e in “iniezioni” e in “destra2 e in “sinistra” e in “parco” e in “allegre” e in “bambine” e in “autunno,

lo “spostamento” in “baby sitter” e in “signora”,

la “rimozione” in “ripostiglio” e in “ho bisogno di dormire”,

la “regressione”, in “zona notte dei miei genitori della casa in cui vivevo da ragazzina”,

la “figurabilità” in “L’appartamento è lo stesso di prima ed è la riproduzione della zona notte dei miei genitori della casa in cui vivevo da ragazzina, solo che dove c’era il ripostiglio c’è la stanza in cui sto dormendo e dove c’era la stanza dei miei c’è una cucina con delle donne, che si apre su un salone spazioso e luminoso. Mi alzo e guardo le gemelline dal balcone a ringhiera a destra”.

Il sogno di Sabina coniuga ed evidenzia un tratto “orale” e un tratto “edipico”, l’affettività nella rivalità fraterna e la conflittualità nella scelta di cosa prendere e di cosa lasciare in riguardo alle figure genitoriali. La “organizzazione psichica reattiva” è intenzionata alla “genitalità”, ma è supportata da un forte amor proprio che la colora di un “narcisismo” alla greca o alla latina, un impulso all’autocompiacimento equilibrato dal dettame filosofico epicureo e stoico di Orazio: “est modus in rebus.” Esistono dei limiti al di qua e al di là dei quali non si attesta la rettitudine.

Il sogno di Sabina forma le seguenti figure retoriche:

la “metafora” o relazione di somiglianza in “zona notte” e in “ripostiglio” e in “iniezioni” e in “parco” e in “autunno” e in altro,

la “metonimia” o relazione di senso logico in “destra” e in “sinistra” e in “dormire” e in altro,

la “enfasi” o forza espressiva in “non ho voglia di scendere a guardarle, sono stanca, sono a letto e ho bisogno di dormire.”

Sono presenti le seguenti allegorie: la presa di coscienza in è “facile capire e il capire placa”, la consapevolezza dell’angoscia depressiva di perdita, la coscienza della “morte in vita” in “guardare l’abisso senza temerlo”. L’allegoria della “ataraxia” greca e del “nirvana” occidentale in “non ho voglia di scendere a guardarle, sono stanca, sono a letto e ho bisogno di dormire.”

La “diagnosi” dice del “sentimento della rivalità fraterna” che si interseca con la conflittualità edipica in riguardo privilegiato alla figura materna.

La “prognosi” suggerisce a Sabina di coltivare la sua irripetibile individualità mantenendo al caldo la capacità analitica di sviscerare il “particolare” ma con la preghiera di razionalizzarlo al più presto e senza trascinarlo nel tempo effimero.

Il “rischio psicopatologico” si attesta nell’invasione dei “particolari” e nel loro mancato coordinamento con pregiudizio per la sfera emotiva: ansia diffusa. Resta sempre in agguato la “psiconevrosi edipica” qualora si verifichi un “deficit” contingente di “razionalizzazione” dei turbolenti “fantasmi”.

Il “grado di purezza” del sogno di Sabina è sull’ordine del “buono”. Anche se narrato in maniera logica e consequenziale, la ricchezza dei simboli attesta che il processo di accomodamento e di acconciatura del sogno è minimo.

Il “resto diurno” è confermato nel colloquio riflessivo con la sorella.

La “qualità onirica” è “analitica” con mille rimandi a temi e situazioni ad alto valore estetico e letterario. Esistono nuclei passibili di ulteriori sviluppi narrativi. Ma a questo ci penserà Sabina se ne ha voglia. Voglio dire che i suoi temi sono degni di essere allargati e trattati per iscritto secondo prosa o secondo poesia. Sabina ha una grande capacità di cogliere nelle parole i valori del “significante”.

Il sogno è stato composto a partire dalla seconda fase del sonno REM.

Il “fattore allucinatorio” esalta il senso della “vista” in “guardo le gemelline dal balcone” e in “e le vedo mentre attraversano un parco.”

Il “grado di attendibilità” della decodificazione del sogno di Sabina è “discreto”. Ci sono dei punti di snodo dell’interpretazione che si sono rivelati particolarmente delicati e ambigui. Il “grado di fallacia” è “mediocre”.

DOMANDE & RISPOSTE

Era doveroso che fosse la signora Maria in carne e ossa a leggere l’interpretazione del sogno di Sabina e a portare i suoi commenti e le sue richieste.

Domanda

Più in carne che ossa e da buona veneta con lo spiedo e il cabernet in tavola, ma comunque va bene così: il mio motto è “meglio cento giorni da leone che un giorno da pecora”. Comincio dicendole che ho capito una buona parte dell’interpretazione del sogno di Sabina anche perché lei spesso si ripete. Meglio così! Ho qualche domanda sui riferimenti che lei fa alla filosofia e ad altro, ma prima le chiedo se lunedì sera ha visto sul canale due il film “Ultimo tango a Parigi”.

Risposta

E tu pensi che se la RAI, la famigerata e benemerita “radio audizioni italiana” di antica data, si sforza a dare un film d’autore dopo tanta quotidiana merda di cuochi, di giornalisti, di politici, di opinionisti, di astrologi e di varia umanità, io non vedo il capolavoro di Bernardo Bertolucci in versione restaurata e originale? Ma certo che l’ho rivisto e me lo sono anche rigustato con quarantacinque anni in più sul groppone. Come ha ben detto nell’introduzione il poliedrico Carlo Freccero, uno che ha studiato all’Università e che sa fare molto bene il suo mestiere di scrittore e di critico, si tratta di un film che risale all’anno 1972 e che è stato non solo censurato, ma addirittura, “horribile dictu”, condannato al rogo di tutti i “negativi” presenti nel mercato italiano. I “negativi” erano i fotogrammi delle pellicole in celluloide ed erano molto sensibili al fuoco: vedi la scena in “Nuovo cinema Paradiso” di Giuseppe Tornatore dell’incendio della sala cinematografica. Tra parentesi:(meno male che ne avevano occultato due copie). Non basta: Bernardo Bertolucci fu condannato a qualche anno di galera, pena sospesa con la condizionale, per offesa al “comune senso del pudore”, per oscenità e fu privato dei diritti civili per cinque anni. Correva l’anno 1976. Ancora oggi ci si chiede cos’è il “comune senso del pudore”, come si stabilisce e si fissa il “comune senso del pudore, con quale ipocrisia si colora il “comune senso del pudore. Ma tu pensa come eravamo ridotti sotto la dittatura della “democrazia cristiana” e del “partito socialista” negli anni ‘70 e ‘80. Almeno quei politici erano istruiti e sapevano ben baciare i banchi delle varie chiese romane, gli ultimi uomini discutibili ma a loro modo “etici” prima dell’avvento della “plutocrazia” e della “paranoia”, governo in mano ai mercanti capitalisti di reti televisive e agli avventurieri afflitti da mania di persecuzione, i sedicenti comici sovranisti e gli istrioni populisti. Soltanto nel 1987 c’è stata una nuova sentenza che ha assolto dall’accusa di oscenità “Ultimo tango a Parigi” e lo ha restituito alla visione critica e al gusto maturo degli spettatori adulti, insomma alla consapevolezza intelligente degli italiani. Questo lavoro di Bertolucci non è un film buttato là così per caso o per capriccio o per fare cassetta, come si usa oggi con gli attori di grido che fanno veramente cagare con le “Vacanze di Natale”, le “Vacanze di Capodanno” e con la povera “Befana”. “Ultimo tango a Parigi” non è un film con due tette al vento, la peluria abbondante di un pube femminile e quattro posizioni sessuali da equilibrista contorsionista e tirate fuori dalle mille e passa posizioni del formidabile artistico Kamasutra. “Ultimo tango a Parigi” non è un film erotico, non è un film pornografico ante literam, non è una volgare commedia all’italiana, è semplicemente un film drammatico, un capolavoro tanto studiato e ben calibrato nei minimi particolari visivi, musicali, teorici, culturali e chi più ne ha più ne metta. E’ uno “spaccato” squisitamente antropologico degli anni settanta inquadrato e recitato nella capitale dell’Esistenzialismo e della Psicoanalisi, la mitica e fascinosa Parigi, la città della Rivoluzione, dell’Arte, della Filosofia e della libera espressione umana. La trama, pur tuttavia, era stata concepita nel clima intellettuale della “Roma puttana” di Roberto Rossellini, Michelangelo Antonioni, di Pier Paolo Pasolini, di Alberto Moravia, di Federico Fellini e di tanti altri registi e scrittori in un clima trasgressivo di “Grande Bellezza”. Ricordo che Pasolini di giorno insegnava e scriveva, di notte viveva il suo Eros e il suo Thanatos come i protagonisti dei suoi romanzi e di “Ultimo tango a Parigi”. E nella notte dei quartieri popolari e pulsanti di erotica vitalità trovò la gioia dei sensi e la sua morte violenta come Paul. Correva l’anno 1975, ma questo è un altro discorso.

Domanda

Meno male. Me lo spiega un po’? Io ho visto il film e mi è piaciuto e ho anche capito che quello che vedevo non era quello che significava e che non c’era niente di volgare e di osceno. Mio marito non era d’accordo, ma io l’ho visto con i miei figli grandi. Alla fine mi hanno detto che non erano per niente scandalizzati e che su “yu porn” c’è veramente il disastro più completo per quanto riguarda quelle cose e gli organi sessuali. Vede che non riesco a dire le parole “culi”, “cazzi” e “tette” e “fighe”, vede come sono condizionata dall’educazione ricevuta da bambina in casa e in parrocchia dalle suore e dai preti. Incredibile ma vero!

Risposta

Hai visto? E’ proprio così! Siamo prodotti psichici e culturali condizionati in buona parte. Allora, cominciamo, ma ti do soltanto le coordinate per iniziare prima a gustare il film e poi a capirlo. Ricordati che prima un film si vive e poi si capisce se si vuole, altrimenti può anche finire tutto là, nell’averlo visto, sentito e vissuto.

Bertolucci e Arcalli hanno scritto la trama del film considerando essenzialmente come “cornice” la Filosofia dell’Esistenza e la Psicoanalisi e mettendoci dentro come “contenuto” le storie di vita di un uomo qualsiasi e di una donna qualsiasi, due modelli di modi ineludibili di vivere. Procedo a spiegarti meglio.

Dall’Esistenzialismo Bertolucci e Arcalli hanno preso la concezione pessimistica dell’uomo, il suo andare inesorabilmente verso la morte, la solitudine e le angosce, il senso del Nulla e il suicidio come sua affermazione, il senso della nausea e il dolore dell’inautenticità, la banalità dell’esistenza e la condanna all’anonimato, l’impossibilità di cogliere un senso di autenticità del vivere semplicemente perché non esiste. La Morte è assurda e la Vita è un andare verso la Morte e verso la realizzazione dell’assurdità. Questa è l’evoluzione del pensiero di Kierkegaard, di Schophenauer, di Jaspers e di altri filosofi che è arrivata ad Heidegger e a Sartre, gli ultimi teorici dell’Esistenzialismo e aggiungo fortunatamente, perché non si può vivere da frati trappisti. Anzi, questi ultimi con il loro continuo “fratello ricordati che devi morire” avevano la certezza della resurrezione dell’anima e del ritorno nella casa del Padre, mentre gi esistenzialisti non avevano nessuna speranza, neanche quella del “Nulla eterno” di Ugo Foscolo nel meraviglioso sonetto “Alla sera”.

Dalla Psicoanalisi classica Bertolucci e Arcalli hanno preso la griglia psicoanalitica del primo Freud, quello degli “Studi sull’isteria” e dei “Saggi sulla sessualità infantile” e della “Interpretazione dei sogni”, e i principi del secondo Freud, quello del dopo prima guerra mondiale, quello traumatizzato dalla distruzione del mondo civile che aveva elaborato i nuovi principi psichici dell’uomo, Eros e Thànatos, Vita e Morte, quello che aveva tirato in ballo la pulsione erotica e sessuale in opposizione alla pulsione autodistruttiva in associazione al micidiale meccanismo psichico di difesa della “coazione a ripetere”, della pulsione a rimettere in circolazione vissuti e comportamenti archiviati e mai superati perché mai capiti e razionalizzati. Seguimi senza avere la paura di non capire.

In questo benefico “baillame” filosofico e psicoanalitico Bertolucci e Arcalli, due “studiati” come dite voi veneti che non fate il tifo per la Lega nord, hanno calato anche qualche digressione e approfondimento della Psicoanalisi del francese Lacan, lo psicoanalista che aveva preso di mira l’Inconscio e l’aveva collocato visibilmente nella Parola, “le ca on parle”, la cosa o l’Inconscio parla o si parla. Questo significa che nel film Bertolucci e Arcalli avevano collocato anche una polivalenza della parola e del linguaggio: la parola come silenzio, la parola come rumore, la parola come suono, la parola come pulsione, la parola come emozione e la parola come ragione.

Ma non basta ancora, perché nel film abbiamo due personaggi, Paul e Jeanne, due sconosciuti e due vittime dell’Esistenza e del Nulla che la contraddistingue, un uomo e una donna che hanno storie di vita diverse e un esito finale identico, la morte. L’interesse comune è quello di viversi nell’indeterminato e senza definirsi, di non usare la storia personale e le parole, di viversi di volta in volta nell’attimo e nel frammento e nell’assenza del tempo e della continuità storica, di esaltare Eros e Thànatos del secondo Freud attraverso le fasi dello sviluppo psicosessuale del primo Freud: fase “orale”, “anale”, “fallico-narcisistica” e “genitale” attraverso l’esaltazione della “libido” collegata e collocata negli organi erogeni deputati, la bocca, la mucosa anale, gli organi sessuali in versione individuale con la masturbazione e in versione di coppia con il coito. Non basta, perché tutto questo contenuto viene inquadrato nella cornice “edipica” dei due protagonisti: la loro relazione conflittuale e ambivalente con i genitori. Ti spiego. Paul ha quarantacinque anni e Jeanne ha vent’anni, una coppia edipica decisamente. Lui può essere suo padre e lei può essere sua figlia. Ancora: Paul ha appena perso per suicidio la moglie Rosa, una donna che l’aveva tradito con un altro uomo e con cui aveva un vissuto chiaramente conflittuale e di dipendenza, come si vede e si capisce nella scena in cui lui parla al feretro composto e di straordinaria bellezza nonostante il tanto strazio che la donna si era inferto con il rasoio, simbolo fallico di violenza. Jeanne era innamorata in maniera ambigua del padre colonnello e alla fine uccide Paul con la pistola del padre. La pistola è un simbolo fallico. Insomma, cara Maria, vedi che da tutte le parti viene fuori in questo film tanto di cultura e niente di zozzura. Viene fuori un impasto intellettuale di grande pregio e di buon conio da recitare principalmente in una casa disadorna e tutta da riempire con la libera espressione delle emozioni e degli orgasmi. La “casa” è il simbolo della struttura psichica in atto ed è quasi vuota perché saranno Paul e Jeanne a metterci dentro e di volta in volta le loro suppellettili psicofisiche. Attenzione: ho detto psicofisiche, non corporee e basta, esperienze vissute fino al midollo erotico in esorcismo dell’angoscia di morte.

Domanda

Lei, dottore, mi sta aprendo gli occhi. Continui a spiegarmi, per favore.

Risposta

Procedo più chiaramente possibile. Hai visto che nelle scene cosiddette di sesso c’è la “posizione orale” nel bacio e non nel sesso orale reciproco, nella “posizione anale” c’è la scena del rapporto coadiuvato dal burro, nella “posizione fallico-narcisistica” c’è la scena di Jeanne che si masturba, nella “posizione genitale” ci sono tutte le scene dei rapporti sessuali basati su una libera e paritaria espressione della “libido” individuale, ora attiva e ora passiva. Non ha senso parlare di stupro e di violenza sessuale in questo film, perché i due protagonisti umanamente hanno un comune denominatore, quello di uscire dall’angoscia esistenziale attraverso la sessualità istintiva e pulsionale, uscire da Thanatos attraverso Eros, quello di vivere lo “spirito dionisiaco” di Nietzsche e di omettere le parole anagrafiche e i grandi ragionamenti, di andare al di là del Tempo e della Storia nell’attimo eterno e nell’anonimato indefinito. Il fine è sempre quello di esaltare i valori erotici del corpo, di sconfiggere la noia, di difendersi dalla nausea, di riempire la vacuità, di commutare l’angoscia del Nulla nelle gioie inespresse dei sensi. La sessualità vitalistica è Vita e l’orgasmo è l’antidoto della Morte per inedia. Eros e Thanatos sono dialetticamente intesi nella scimmia umana, Paul e Jeanne, che fa il verso alle evanescenti creature angeliche e che mostra il sesso e il culo come le creature diaboliche che si oppongono al culto banale dell’obbedienza e del conformismo a qualsiasi tipo di divinità. In tanta opera di distruzione del Tempo e della Storia resiste e domina lo Spazio con la geometria e il volume della stanza e dei corpi, la prima pulsante e i secondi intrisi di vitalità orgiastica.

Domanda

Ma perché Jeanne uccide Paul alla fine?

Risposta

Perché Paul si era innamorato di lei e lo dice con parole convenzionali e con modi diversi rispetto al passato sciupando e vanificando l’intensità del dramma della vita erotica che lui stesso aveva proposto a Jeanne sin dall’inizio della loro originale relazione e che la donna aveva accettato sulla scia del fascino di un padre erotico che si portava dentro e in preda finalmente all’appagamento delle sensazioni che aveva vissuto nell’infanzia e che si era trascinata intatte fino ai suoi vent’anni. Paul non si era proposto come l’uomo “maieutico” che avrebbe consentito a Jeanne il parto della “coscienza di sé”. Paul aveva additato il traguardo di fare risuonare le note vitalistiche che si sprigionano dal corpo e che oscillano inesorabilmente tra Eros e Thanatos, come nel pendolo di Galilei o nel fuso delle Moire. Simbolicamente Jeanne usa il fallo del padre, la pistola, per dire a Paul che lei non ha superato la sua “posizione edipica” e che può uccidere il padre perché cambia le carte in tavola passando dalla sessualità sfrenata a un anonimo e pacato sentimento d’amore di stampo borghese. Mentre Paul riconosce Jeanne come la sua donna ed è pronto ad amarla donandosi secondo i dettami della “libido genitale”, quest’ultima è ancora ferma al palo della tempesta tra Eros e Thanatos, è incapace di evolversi insieme al suo compagno di viaggio da due individui a una coppia. A Jeanne non resta che procedere da sola nelle sue traversie esistenziali alla ricerca di un poderoso calcio in culo per continuare a vivere anche quando in lei niente chiede di continuare ed è pronta per il suicidio. Questo è il prezzo che Jeanne paga al mancato riconoscimento del padre, alla mancata soluzione del conflitto edipico: la morte in vita. Anche lei segue Paul nella tomba dei sensi che non si sono evoluti in sentimenti. Mi ripeto in questo delicato passaggio. Paul, confutando se stesso e convertendosi ai valori borghesi del buon marito e del buon padre di famiglia, ( vedi lo stadio etico di Kierkegaard ), è morto nella mente e nel corpo. Lui ha superato la “posizione edipica”, ha risolto la dipendenza dalla madre quando ha scaricato i suoi struggenti “fantasmi” edipici sul feretro muto di Rosa, la moglie fedifraga e suicida in piena regola con la modalità e la moda esistenzialiste. Paul si è liberato dell’inciampo materno e si è proposto alla sua donna come uomo innamorato sottomettendosi e perdendo il fascino del maschio maledetto. Stava per fare una retromarcia fenomenale verso l’esistenza “banale”, quella fatta di padre, di madre, di figli, di lavoro, di casetta, di “baguette”, di lavatrice e di “citroen”, ma Jeanne non era nella sua lunghezza d’onda. Jeanne era ferma alla sua conformazione fisica e alla sua modalità psichica di vivere la vitalità andando incontro alla Morte con il cuore vuoto più che leggero.

Domanda

Ma Bertolucci cosa ci ha messo di suo nel film?

Risposta

Sono due gli sceneggiatori, ma l’ispirazione è di Bertolucci. Ha detto, infatti, che la trama del film nasce da un sogno che aveva fatto e che si era ripetuto, un sogno universale che consiste semplicemente nell’incontro per strada di una bellissima donna sconosciuta e nel fare l’amore con lei senza sapere la sua identità. Questa è la “posizione edipica” del piccolo Bernardo Bertolucci e da sempre di tutti i bambini del mondo. Questo è il caso di Edipo che senza saperlo sposa la madre Giocasta nella trilogia tragica di Sofocle: Edipo re, Edipo a Colono e Antigone. Spiego il sogno: la “bellissima donna” è la “parte positiva” del “fantasma della madre”, la seduzione erotica che ogni bambino elabora con desiderio e vive con struggimento. La donna è “sconosciuta” per non incorrere nel risveglio e nell’incubo. Non poteva trovarsi di fronte il viso della mamma. La “strada” è il luogo della realtà sociale e della pratica della vita, oltre che un film drammatico del primo Federico Fellini. “Fare l’amore” traduce l’esercizio della “libido genitale”, un coito incestuoso la cui realizzazione incorre ardentemente nel desiderio di ogni bambino nella forma di una calda fusione erotica corpo a corpo e nel coinvolgimento generico degli organi sessuali. In “Ultimo tango a Parigi” la “posizione edipica” è la cornice psichica profonda dei due protagonisti. Bertolucci aveva elaborato la sua e l’aveva proiettata nella trama del film e, di poi, tramite i “negativi in celluloide” nella grande tela cinematografica: “traslazione” e “proiezione” nei due personaggi del film. Per questi ultimi soltanto in questo quadro è possibile il riscatto dal Male di vivere e dalla Morte che impazza e domina. Soltanto attraverso l’esaltazione orgasmica dei sensi e nell’attimo può avvenire un momentaneo riscatto dall’angoscia umana di base. Entrambi ci riescono, ma lui soccombe nel momento in cui si stacca dallo “spirito dionisiaco” per accedere allo “spirito apollineo” per dirla alla Nietzsche, nel momento in cui passa da Eros e Thanatos alla Ragione che tutto comprende, spiega e assolve, per dirla alla Freud. Ricordo che Apollo era il dio della Ragione e dell’Arte. Quest’ultima era stata fissata dalla Grecia classica nella Bellezza composta e razionale: concetto di armonia tra le parti che trovi nelle opere di Fidia.

Domanda

Non riesco a crederci. Quello che mi dice lo capisco e mi si illuminano le scene del film e anche il cervello. Ma quanto ignorante sono e quanto ignoranti erano quelli della censura?

Risposta

Siamo a Roma. La presenza e l’ombra dello stato del Vaticano, e tutto quello che di oscurantista esso sottende e rappresenta, hanno avuto e hanno tanta importanza nel condizionare la nostra cultura su posizioni retrograde e rigide. La fissità indiscutibile degli schemi morali, la misoginia e la sessuofobia di base non hanno favorito la giusta evoluzione degli schemi interpretativi ed esecutivi dell’uomo e della realtà. Anche la funzione di controllo del territorio tramite le chiese e le parrocchie esercitava un orientamento non soltanto per le anime ma soprattutto per i corpi. Gli istituti politici e giuridici erano in linea con la fissità delle norme teologiche e queste ultime spesso erano dettate dagli organi ufficiali e ufficiosi della Stato Vaticano. La Cultura bloccata rendeva impossibile l’evoluzione della Civiltà. Nonostante la rivoluzione culturale del ‘68 e la rivoluzione delle donne, negli anni ‘70 si respirava un’aria viziata dappertutto e non era causata dalla libertà di fumare le “ms” o le “marlboro” dappertutto, ma dai residui fascisti e clericali che si erano ben depositati nelle testoline dei nostri genitori e negli interessi dei nostri politici. Oggi non ci sono più preti e le chiese sono chiuse. I loro patrimoni culturali e artistici vanno in malora come se fossero dei beni privati. E’ un vero peccato, perché quei beni sono di tutta l’umanità. Se il pontefice massimo riducesse d’imperio l’obbligo del celibato ecclesiastico nel sacramento dell’Ordine alla libera scelta del sacerdote, se il Papa allargasse il sacramento del matrimonio anche agli operai della sua vigna con l’esercizio della sessualità almeno genitale, avremmo veramente il boom economico auspicato maldestramente dagli istrioni contemporanei con i decreti sulla dignità del lavoro e avremmo meno pedofili: più preti, più lavoro intanto, meno bambini e adolescenti in pericolo, meno chierici da condannare soltanto moralmente. Le chiese aperte al culto religioso e al gusto storico e artistico degli uomini hanno anche la funzione di controllare il territorio e ridurre la disoccupazione. Nonostante i simboli di morte e le angosce del peccato che si portano dietro, siano benvenute tutte le religioni tolleranti e aperte ai tempi e alle culture. In caso contrario si perpetua quel rigore fideistico e morale che tanti danni causa negli uomini e nelle società, non ultimi la pedofilia e il terrorismo.

Domanda

Lei mi sta dicendo che la Chiesa ha contribuito alla condanna del film di Bernardo Bertolucci. Del resto, le streghe le condannava al rogo.

Risposta

Appunto, hanno “traslato” Bertolucci nel suo film e l’hanno bruciato vivo. La “traslazione” dell’omicidio è evidente. Come dire: “oggi come oggi, purtroppo, non posso ucciderti, ma ancora posso uccidere la tua creatura e posso costringere la tua fantasia perversa e il tuo cervello malato a non funzionare”. Questa è una violenza terribile. Pensa alla frase di Benito Mussolini su Antonio Gramsci quando lo relegò nel carcere a vita: “quella testa non deve più pensare”. Immagina se a Dante Alighieri avessero bruciato la Divina Commedia. Magari gli studenti avrebbero fatto festa, ma quanto terrore incute ancora oggi la condanna dell’opera di un uomo che esplora e cerca di comunicare delle verità difficili ma certamente vere, verità scoperte da altri che hanno subito la stessa sorte. I libri di Freud furono bruciati e il grande vecchio ne soffrì maledettamente. Oltretutto era molto impressionabile e vide in quel gesto nazista la fine del mondo civile e la sua stessa fine. Nonostante tutto e nonostante il tumore alla mascella continuava a fumare i suoi sigari olandesi e, non potendo aprire la bocca, si aiutava con una pinza da biancheria per infilarsi la morte in bocca. Si è detto che i tempi non erano maturi per la visione di “Ultimo tango a Parigi” e che la gente non poteva capire i contenuti filosofici e psicologici. E’ assolutamente falso. La gente è sempre pronta ad ascoltare e a capire le novità. Basta spiegarle nel modo giusto. Io sto spiegando a te la griglia d’interpretazione più importante del film “Ultimo tango a Parigi” e tu capisci e ti si illumina lo sguardo al pensiero che tra immagini erotiche e sessuali si possa nascondere un mondo di scoperte teoriche e pratiche, la filosofia esistenzialista e la teoria della “libido” e della sessualità umana. Ma se il potere ufficiale e ufficioso non permette la divulgazione perché teme di essere screditato e soppiantato, perché ha paura della tua crescita umana e intellettiva e ha bisogno di imporsi e di coartare la tua coscienza, allora ti condanna al carcere e ti condanna al rogo tramite la tua creatura, un film ben fatto e adatto all’evoluzione dei tempi. Da benefattori Bertolucci e Arcalli si sono trovati a espiare un reato esistente nei codici fascisti e inesistente nei codici psichici e filosofici, i codici naturali umani per intenderci. Dire che i tempi non erano maturi lascia l’amaro in bocca e induce la domanda di quando i tempi saranno maturi. Bisogna stare sempre attenti a tutte le novità umane, scientifiche e non. Dopo averle ben capite, si può esercitare lo spirito critico e decidere se aderire o se respingere, ma mai condannare e soprattutto al rogo. Che bruttura! Eppure è successa anche a Bertolucci e ad Arcalli nel “civile” 1976. Ti do qualche data storica per avere un’idea dei tempi: 1970 legge sul divorzio, 1978 legge sull’aborto, 1981 abrogazione del delitto d’onore. Specialmente per l’ultimo siamo veramente in grave e significativo ritardo, non mestruale, ma mentale. Vedi un po’ tu se questa è civiltà! Ma la malattia mentale al potere non finisce qua, tutt’altro! Si è aggravata nel nostro tempo con il dominio democratico degli ebefrenici e dei paranoici, i teorici dell’improvvisazione qualunquistica e i teorici del sentimento dell’odio e non solo razzista, ma quello spostato dai connazionali meridionali al migrante dal naso camuso e nel profugo dal viso olivastro, uomini, donne e bambini a cui viene negato il “diritto naturale” della vita e della conservazione della vita, quel “giusnaturalismo” elaborato nel Seicento da Ugo Grozio e da Alberico Gentile, i “diritti” oggettivati nel possesso di un corpo vivente che si antepongono ai “diritti positivi” di qualsiasi Stato e su cui quest’ultimo deve basare le sue Leggi, quei diritti di base che esigono che dove c’è vita c’é diritto a vivere, al di là del nome e del cognome e della nazionalità, al di là della religione e della cultura, al di là della teosofia di Budda. Tutti i porti sono aperti al naufrago sin da quando Ulisse peregrinava nel “mare nostrum”, il mare che sta tra le terre, per stare lontano dalla pallosa Penelope e per gustare le attenzioni mortali della maga Circe e delle graziose Sirene anche lui oscillando tra Eros e Thanatos come Paul e Jeanne. Anche il mio amico Pietro da buon gatto siracusano di razza rossa capisce questi principi naturali e richiede, se è possibile e con garbo ruffiano, la sua porzione di “kitekat” per non andare a uccidere un perfido topo di campagna. Ma la Follia si è impadronita del potere e degli uomini che direttamente lo rappresentano e lo esercitano, nonché di quelli che direttamente lo sostengono e lo giustificano. Erasmo se la ride a crepapelle nella sua tomba a Rotterdam dall’alto delle sue poche ceneri. Se non ci credi, prova a leggere “Elogio della follia”. “Ve l’avevo detto per ischerzo, ma vedo che siete caduti nella merda fino al collo”: ah, malefico olandese!

Domanda

Cosa mi consiglia di leggere per capire meglio non soltanto un film?

Risposta

E’ tremendo per un uomo non avere gli strumenti linguistici per esprimersi, non possedere i grimaldelli d’interpretazione e di critica del mondo che lo circonda per agire, non avere gli schemi di inquadramento dei dati che affluiscono in maniera copiosa nella sua zucca vuota. Oggi, insieme alla povertà materiale è da considerare la povertà degli strumenti interpretativi ed esecutivi. E così prosperano i ciarlatani e gli imbonitori, quelli che si azzuffano come i polli nel cortile dentro gli schermi televisivi, giornalisti e politici che dicono sempre le stesse cose e che ripetono le stesse litanie da decenni con le stesse facce, filosofi e critici d’arte che mettono a dura prova il loro sistema cardiocircolatorio e la nostra capacità di sopportazione con un turpiloquio gratuito e che fa senso, con una prevaricazione terribile come quella di non far parlare l’altro e di ingiuriarlo. Una grande responsabilità appartiene al sistema scolastico che non fornisce gli strumenti e gli schemi per interpretare la realtà, i dati, le notizie e le informazioni. Le varie e ricorrenti riforme scolastiche hanno deprivato le nuove generazioni della capacità di pensare e di parlare, di criticare e di elaborare, di riattraversare e di riattualizzare. Basta guardare la struttura dei libri di testo. La mia generazione all’incontrario era colma di ideologie e di strumenti per la comprensione dei tempi e delle culture: anche troppo! Platone, Aristotele, Hegel, Marx, Freud e altri minori erano di casa. Si pensava con la testa degli altri, più che con la propria. Ma del resto, anche la testa ha bisogno di crescere per avere la consapevolezza dell’impossibilità di essere autentici e della possibilità di essere autonomi. Inoltre, si comunicava tanto di più e non ci si isolava, si stava insieme e si ballava sopra un mattone in una balera, in una terrazza o nel salotto buono della mamma. Ma questa non era la felicità. Oggi le culture sono continuamente critiche e per niente statiche e soprattutto più evolute, ma il sistema educativo e d’istruzione non è al passo e chissà perché. Oggi è meglio di ieri e sicuramente il domani sarà ancora migliore perché avremo qualche scoperta scientifica da celebrare e da godere. Concludo il lungo pistolotto consigliandoti di prendere il sommario di filosofia di tuo figlio e nel terzo volume troverai Freud, Heidegger, Sartre. Leggili e se non capisci tutto, va bene lo stesso. Capirai in una seconda e terza lettura. Leggi di Alberto Moravia “La noia” e “Gli indifferenti” o altri romanzi che trovi in libreria a basso costo. Vuoi un’equivalente dinamica tra Eros e Thanatos? Leggi “Il Gattopardo” di Giuseppe Tomasi, duca di Palma e principe di Lampedusa. Vedi poi anche il film di Luchino Visconti degli anni sessanta che è stato restaurato da qualche anno. Regalati “Ultimo tango a Parigi” e guardalo con occhi nuovi e con la mente sgombra da pregiudizi morali. Ne gusterai la bellezza e ti sentirai emotivamente coinvolta. Non dico che andrai in orgasmo, ma ti sentirai rimescolata dentro. Ti si allargheranno gli orizzonti di comprensione dei prodotti umani e ti accorgerai che “niente di nuovo sotto il sole” e che “tutto si ripete” e si allarga ad altre sfere della capacità umana di comunicare. Da tempo non resta che la “contaminazione” perché tutto è stato detto e scritto e tutto si può soltanto ridire e riscrivere con approfondimenti in base ai tempi e alle culture. E’ semplicemente impossibile essere originali e autentici. Poi riponi il “dvd” e i libri nella parte visibile della tua libreria.

Domanda

Che cavalcata! Sono stanca.

Risposta

Indubbiamente è venuto fuori da una tua curiosità un “papello” di roba. Torno al sogno di Sabina e propongo, in chiusura e restando sul tema, il video di una semplice e inestimabile poesia di Mariangela Gualtieri, “Ringraziare desidero”, oltretutto da lei recitata, personalmente e in persona, come direbbe il solito ridicolo comico di periferia politicamente promosso. Il tutto è in onore della vena creativa latente di Sabina.

Grazie & Grazie a tutti voi.

GLI SCENARI DI “ONIRIC WOMEN” 1

IL PREAMBOLO DELLA LETTERA

Caro Maestro,

approfitto del suo sprone a sottoporLe i miei sogni e Le chiedo di darmi lumi sul significato dell’ultimo in ordine di tempo.”

***************

Sabina mi dà del “Maestro”, “sua bontade”, mi vive come “Maestro” nell’interpretazione dei sogni, mi ritiene “Maestro” nell’analisi dei poliedrici prodotti psichici della funzione onirica. L’investimento e il riconoscimento sono gratificanti e impegnativi.

Ma perché da sempre abbiamo bisogno di “Maestri”?

Il Buddismo esortava ed esorta a cercare un maestro per addomesticare la nostra millenaria e travagliata “anima” e per meditare sulle verità che portano al ritorno nella Grande Luce, la Madre di tutte le scintille viventi.

Dioniso, semidio della Tracia, figlio di Zeus e di donna Semele, insegnava e insegna ai suoi seguaci l’ardore dell’estasi e la liberazione dei sensi attraverso i riti in suo ricordo e in suo onore: la tragedia e il dramma satiresco.

Pitagora era ed è il depositario delle verità dello Spazio, colui che insegnava e insegna i segreti del “punto-numero”, la Geometria e l’essenza matematica della Realtà. I suoi discepoli lo ammantavano di un mistico e acritico “Ipse dixit”, “lo ha detto lui stesso” e non si discute, e ancora oggi i teoremi parlano in suo favore con il famigerato “come volevasi dimostrare”.

Il metodo antropologico di Socrate induceva e induce a cercare un maestro per l’esercizio della “ironia” e della “maieutica” nella sempiterna ricerca del “conosci te stesso”, quella “coscienza di sé” che è resa possibile dalla destrutturazione delle false verità intorno al “vecchio Io” e nel parto mascolino del “nuovo Io”. Questa psicodinamica era istruita ventitré secoli prima che un certo Sigmund Freud rimescolasse le carte da laborioso ebreo.

Un greco “dalle spalle larghe”, Platone, maestro dell’Accademia, (il boschetto di ulivi sacro ad Athena, la dea della sapienza e delle arti), dopo i vani tentativi di realizzare lo Stato ideale nell’infida colonia di Siracusa, insegnava in Atene e insegna ancora oggi l’arte del buon governo dei Filosofi.

Un uomo umile che amava le donne nella inimitabile Grecità del lontano quarto secolo a.C., Aristotele, era il maestro del Liceo, il bosco consacrato ad Apollo Licio, e insegnava ai suoi discepoli la scienza del formare e del combinar concetti: “A è uguale ad A”, “A non è nonA”, “o è A o è nonA”, il “sillogismo”, principi e metodi che non sono tramontati.

Il buon Epicuro insegnava e insegna a lenire le angosce dell’uomo razionalizzandole con il “tetrafarmaco”, le quattro pillole filosofiche contro la paura della morte e degli dei, contro l’amore della patria e dei desideri innaturali.

Gesù Cristo, luminoso nella sua splendida veste di Figlio del Dio ebraico, era di necessità “Maestro” e insegnava e insegna a tutti gli uomini le verità etiche radicate nei diritti naturali del corpo vivente: un gius-naturalista “ante litteram”, prima di Ugo Grozio e di Alberico Gentile.

La ricerca del Maestro si può fermare nei “Saperi” che questi uomini hanno fondato e rappresentano: la Metafisica, l’Estetica, la Scienza matematica e fisica, la Psicologia, la Politica, la Logica, l’Etica, la Morale.

L’elenco è appena abbozzato. Mi piace ricordare Darwin e i “Padri” di tutti i bambini del mondo che nella pratica del quotidiano vivere insegnano e rassicurano i loro figli.

Tutti i Maestri sono benefattori dell’umanità e trovano il loro prototipo in Prometeo, l’uomo che regalò agli uomini il fuoco secondo la mitologia greca, un eroe elaborato secondo i meccanismi simbolici universali, i “processi primari”.

Maestro è colui che lenisce l’angoscia di morte offrendo in dono ai suoi simili un valido significato di vita.

La parola “maestro” deriva dal latino “magis” e “alter” e si traduce “il di più di un altro”, colui che è più forte di un altro o di tanti altri.

Dopo questo nobile “excursus” mi tiro fuori da tanta compagnia e posso dire a Sabina che qualsiasi conoscenza funzionale ad alleviare l’angoscia di morte, l’essenza dell’umano vivere secondo filosofi e poeti, comporta il riconoscimento “honoris causa” di “magister” nell’autore di una parziale e momentanea verità. Del resto, l’interpretazione del sogno è funzionale al “sapere di sé” e al conseguente benessere psicofisico, ma io gradisco l’etichetta di “scrittore di storie psicologiche”. Aggiungo che la parola “verità” si radica nel greco “a-letheia” e si traduce “senza nascondimento”. La verità si nasconde e il maestro la disocculta e la mostra ai discepoli.

“Avanti con il santo e senza che la processione si ingrumi”, diceva il buon prete durante la festa dell’amato san Sebastiano in quel di Avola.

***************

Prima mi permetto una rapida spiegazione dei miei meccanismi rappresentativi.

I miei sogni si svolgono spesso in scenari inventati o esistenti ma riadattati.”

***************

Hai perfettamente ragione, cara Sabina. I sogni sono sempre realtà psichiche, sia nella forma di rielaborazioni e riadattamenti dell’esistente e sia nella forma di creazione di scenari non elaborati a caso ma significativi. In quest’ultimo caso il meccanismo psichico principe è la “figurabilità”, l’umana capacità di dare immagine al vissuto, di rappresentare il “fantasma”, di allucinare la psicodinamica. Risulta determinante la selezione operata tra le diverse immagini che traducono una rappresentazione psichica e che meglio si prestano alla sua espressione visiva. Inoltre, la “figurabilità” consente di operare “spostamenti” da un concetto astratto a un’immagine concreta.

Freud afferma che nell’attività primaria della “figurabilità” viene richiamato un aspetto arcaico e filogenetico del pensiero e del linguaggio umani.

In origine il pensiero e le parole avevano un significato concreto: essi si traducevano in fatti reali e oggetti sperimentabili. Soltanto in seguito all’evoluzione culturale il pensiero e le parole hanno assunto un significato e un contenuto astratti. Il linguaggio del sogno non conosce le opposizioni logiche dei pensieri e delle parole, così come all’origine il linguaggio designava in un unico oggetto concetti diversi e opposti.

Quindi, è tutto ok, almeno fino a questo punto. Apprezziamo la creatività plastica di Sabina e procediamo con le sue parole.

***************

Ognuno di questi luoghi il più delle volte ha a che fare con il protagonista del mio sogno; ogni persona cardine del mio contesto affettivo ha una sua scenografia, una sorta di rappresentazione pittorica in cui li calo per definirli.”

***************

La funzione onirica distribuisce quotidianamente il pane come il buon poeta di Pablo Neruda e attribuisce a ogni sognatore il giusto corredo emotivo e affettivo da investire nel suo “lavoro” notturno. Il luogo, “topos”, evoca il “fantasma” e il vissuto, Il luogo è il teatro su cui si recitano le psicodinamiche di Sabina, la tela su cui si proiettano le figure pittoriche di Sabina, il materiale psichico incamerato al meglio e allucinato secondo un contesto ordinato che denota una buona autocoscienza, un proficuo “sapere di sé”. Il “topos” si è alleato con il “logos”, la “razionalizzazione”, e abitano in Sabina semplicemente perché vanno a braccetto in questo suo resoconto.

Una domanda nasce malevola e si pone spontanea: siamo sicuri che queste riflessioni non sono resistenze razionali e tentativi di addomesticare il sogno?

Sabina deve aver fatto un buon cammino psicoanalitico per poter affermare quanto comunica, Mostra una buona confidenza con le sue libere associazioni e con il meccanismo della “condensazione”. Definisco quest’ultimo per venire in aiuto a Sabina. La “condensazione” è una modalità del funzionamento dei processi onirici in base alla quale un’unica rappresentazione costituisce l’intersecazione di catene associative formate da altre rappresentazioni; su questa unica rappresentazione vengono investite e conglobate le energie psichiche relative a ciascuna rappresentazione. Un’unica rappresentazione, quindi, condensa tutte le altre rappresentazioni per via associativa.

Il mio compito è di chiarire il quadro anche complicando gli elementi della questione. Sarà Sabina a tirare le somme. Procedere è interessante e motivo d’orgoglio.

***************

Mi è difficile essere più essenziale nella narrazione dei miei sogni, perché la quantità di particolari presente nei luoghi in cui si svolgono cattura la mia attenzione mentre mi ci trovo, quindi al risveglio è tutto (o quasi) impresso nell’immediata memoria.

Le dovevo questa premessa.”

***************

L’analisi è una capacità intellettiva che si forma nel tempo con l’esercizio e con il concorso difensivo dei “fantasmi” personali. L’analiticità contiene e coniuga un bisogno di sicurezza e un gusto di chiarezza mentale. Ogni pregio ha il suo risvolto che non è necessariamente un difetto. In questo caso è una sensibilità intellettiva che denota una ricchezza dei dati e una propensione al gusto del particolare. Chi ha tanto fantasticato, ha tanto temuto e ha tanta capacità di analisi. Il sogno, quindi, propone un tratto della carta d’identità psichica di Sabina. Il “luogo” è il teatro o lo schermo in cui socialmente agiamo e traduciamo i pensieri e i progetti, i “fantasmi” e i desideri. Il “topos” è il “tramite” che consente la “proiezione” difensiva dei nostri vissuti. Dal mio “dizionario psicoanalitico dei simboli” desumo alla voce “luogo”: istanze psichiche Io, Es, Super-Io, prerogativa strutturale e vissuto in atto. Alla voce “analisi” risulta un tratto ossessivo e una ricerca difensiva dei nessi logici e dei particolari, nonché una resistenza alla consapevolezza del materiale psichico rimosso. “Luogo” e “analisi”, essendo presenti nella funzione onirica, sono tratti psichici caratteristici di Sabina, note che la individuano e ne fanno una persona irripetibile. La “memoria immediata” al risveglio attesta che il sogno è stato elaborato nelle fasi finali del sonno REM, quando, specialmente al mattino, il sogno è vivo e lucido.

RESTO DIURNO – CAUSA SCATENANTE

E ora il sogno, che ho riportato sul cellulare appena sveglia. L’unico resto diurno a cui posso riferirmi è una chiacchierata fatta ieri pomeriggio con mia sorella su quanto avesse avuto una sua importanza formativa positiva l’aver vissuto l’infanzia in anni in cui la povertà era comune a molti, nella nostra Italia degli anni ’60, e di quanto in fondo i bambini sappiano gioire del gioco e non del giocattolo.”

***************

Come non condividerti?

Io potrei parlarti degli anni ‘50 e ti illuminerei sulla fame dell’immediato dopoguerra e sui giochi di strada tra monelli, su quanto era gustoso il formaggino “Fanfulla” o quello bicolore della “Ferrero”, su quanto sapeva di buono il sapone Palmolive o Lux sulla pelle di mia madre, sugli orfanelli e sulle vedove dei pescatori saltati in aria a causa di un siluro impigliato nelle loro reti,…insomma io ti potrei rafforzare la convinzione del buon tempo andato e dei bambini gioiosi di agire insieme agli altri giocando a nascondino, a bandiera, ad acchiappa acchiappa, a mosca cieca, al pallone con la palla bianca e puzzolente di gomma.

La “causa scatenante” è aggiudicata e la nostalgia è ben sistemata.

Inizia il sogno.

TRAMA DEL SOGNO E DECODIFICAZIONE

Io spettatrice. Questo fa sì che la visione sia speculare: ciò che io vedo alla mia sinistra, nella scena del sogno è a destra.”

******************

Sabina mette in atto il meccanismo psichico di difesa della “scissione”, si stacca emotivamente dalla trama del sogno per continuare a dormire e guarda le scene come in uno specchio ossia convertite nello Spazio. Il movimento nello Spazio richiama simbolicamente il Tempo: quello che è collocato nel suo futuro appare nel suo passato e quello che appare nel suo passato è collocato nel suo futuro, quello che desidera è condensato nelle esperienze vissute, quello che è “da vivere” è sistemato nel “già vissuto”. Sabina mette in atto i “meccanismi e i processi psichici di difesa” che descriverò in seguito.

I simboli dicono che la “spettatrice” desidera acquisire una migliore consapevolezza e accrescere il “sapere di sé”, prendere coscienza del suo passato senza coinvolgersi in maniera diretta e convertendo la dimensione temporale e collocando spazialmente il “già vissuto” nel “da vivere” e il “da vivere” nel “già vissuto”: “visione speculare”. La coscienza del suo passato in sogno è il suo presente. Sabina è paga della sua autocoscienza. La “sinistra” è simbolo del passato e della “regressione”, mentre la “destra” è simbolo del presente e dell’evoluzione. Il movimento “da sinistra a destra” è simbolo del progresso, il movimento “da destra a sinistra” è simbolo del processo difensivo della “regressione”: questa è in parte la simbologia dinamica della spazio. Sabina fa coincidere la nostalgia con l’appagamento in atto, la consapevolezza del passato con lo stato di coscienza presente.

Il prosieguo darà i lumi necessari.

****************

È giorno. Condominio a sinistra, pareti esterne bianche. Accesso all’appartamento attraverso un balcone esterno con ringhiera che dà sul piazzale. Piano alto, forse terzo o quarto.”

***************

Sabina è consapevole del suo passato in famiglia e dell’offerta della sua innocenza agli occhi della gente. Oscilla tra il sociale e la difesa del personale e, a tal uopo, si serve del “processo psichico di difesa” dall’angoscia della “sublimazione della libido”. Sabina è in bilico tra l’esibizione nella società e la giusta difesa della sua intimità, ma propende tanto verso gli altri.

I simboli: “giorno” o consapevolezza, “condominio” o società, “sinistra” o passato, “pareti esterne” o difese dagli altri, “bianche” o innocenza, “accesso all’appartamento” o disponibilità, “balcone esterno” o offerta sociale di sé, “ringhiera” o difesa dagli altri, “piazzale” o relazioni sociali, “piano alto” o “sublimazione della libido”.

Più chiaro di così!

***************

Nell’appartamento abita una coppia di coniugi con tre bambini: due sono gemelline femmine e uno forse è un maschietto, ma a tratti è una femmina.”

***************

Ecco la classica famiglia italiana del “boom” economico negli anni sessanta! Ecco il gruppo familiare di Sabina “mutatis mutandis”, dopo aver cambiato le cose che devono essere cambiate!

Sapete lei chi è?

E’ il “maschietto che a tratti è una femmina”: “androginia psichica”. Sabina esordisce ponendo in ballo la sua collocazione all’interno della famiglia tra il “sentimento della rivalità fraterna”, le sorelle “gemelline”, e la sua latente e larvata conflittualità con i genitori, la sua “posizione edipica”. Prevedo che ne vedremo delle belle.

I simboli: “appartamento” o luogo psichico, “abita” o possesso, “coppia di coniugi” o rafforzamento dei genitori, “tre bambini” o figliolanza e fratellanza, “gemelline femmine” o rafforzamento del tratto femminile, “maschietto a tratti femmina” o androginia psichica. Ricordo che l’androginia psichica vale per tutti come la legge che esige a livello psichico la compresenza e l’azione di tratti psichici simbolicamente attribuiti all’universo maschile e di tratti psichici simbolicamente attribuiti all’universo femminile.

***************

La mamma è in casa da sola con i bambini. Ha un aspetto disordinato, agisce senza impegno, frettolosamente. Il volto tradisce l’ansia, la noia.”

***************

Sabina mostra il suo vissuto in riguardo alla famiglia: una madre sacrificata e lasciata sola con i figli. Una scena “già vista” e “già vissuta” nella realtà e che in sogno si presenta come attuale. La desolazione familiare è tutta in questo quadretto: “la mamma è in casa da sola con i bambini”. Ma non basta. Sabina affonda in sogno il colpo nella sua visione della madre: una donna disordinata, meccanica, ansiosa e annoiata. Si capisce il motivo per cui Sabina si è scissa tra spettatrice e attrice protagonista della scena familiare. Questo capoverso è fortemente descrittivo e la simbologia non serve. La scena ricorda i romanzi del Naturalismo francese dell’Ottocento, ha tanto di Emile Zola.

***************

Arriva il padre, giovane, aggressivo. Bello, braccia muscolose, sembra Marlon Brando in “Un tram che si chiama desiderio” (nota aggiunta da me mentre scrivo il sogno appena sveglia, perché così mi appare nell’immediatezza del ricordo).”

***************

La scena si completa e la psicodinamica, sempre più edipica, si complica. Il padre è vissuto da Sabina nella versione opposta della madre: un vero maschio e un vero uomo, un uomo affermativo e realizzato, volitivo e forte, la classica figura maschile che occupa i desideri proibiti e leciti di tutte le donne desiderose di protezione e di appagamento. La bellezza si coniuga con la giovinezza e l’aggressività muscolare.

Quant’è bella questa immagine del papà che la bambina Sabina ha introiettato a suo tempo!

E’ un classico dell’innamoramento e dell’attrazione edipica.

***************

Non capisco, sembra che abbia ammazzato una delle bambine. Trambusto. Lui è il cattivo. Ma poi vedo tutti e tre i bambini, sono con lui, nessuno è morto. È un padre amorevole, nessuno l’ha capito e io che osservo sono felice che adesso lo vedano tutti.”

***************

La compostezza estetica e sentimentale della scena e dell’allegoria è turbata all’improvviso da un’allucinazione tragica, il padre assassino. In un capoverso Sabina illustra il meccanismo dello “splitting”, scissione, del “fantasma del padre”, il padre edipico, quello “buono” da cui si è sentita amata e quello “cattivo” da cui si è sentita respinta in un conflitto ricco di emozioni, struggimenti e tormenti, come nei migliori innamoramenti dei migliori film proiettati nei cinema di periferia. Sabina si è ricreduta sulla figura paterna e sulla sua funzione, non aveva saputo sistemare il padre dentro di lei e non aveva capito quanti investimenti aveva operato su quest’uomo del “tram desiderio”, su questo contrastato Marlon Brando dei giorni del dopoguerra che non aveva nulla da invidiare all’omonimo americano. La famiglia si è ricomposta nei vissuti di Sabina e il “fantasma” si è acquietato nella sua funzione vitale di adescare la creatività e di consentirle le migliori immagini: “figurabilità”.

Vi illustro i simboli.

“Non capisco” o obnubilamento della coscienza, “abbia ammazzato” o esercizio della “libido anale sadomasochistica”, “una delle bambine” o Sabina l’androgina, “trambusto” o forte carica emotiva in atto, “lui” o distacco, “il cattivo” o “parte negativa” del “fantasma del padre”, “vedo” o sono consapevole, “tutti e tre i bambini sono con lui” o rassicurazione tramite la “parte positiva” del “fantasma del padre”, “nessuno è morto” o nessuna perdita affettiva, “padre amorevole” come volevasi dimostrare o rafforzamento della “parte positiva” del “fantasma del padre”, “nessuno l’ha capito” o prima non avevo preso coscienza del fantasma paterno, “io che osservo” o scindendomi ho raffreddato i vissuti e sono andata indietro alla mia infanzia e adolescenza e ho recuperato la mia “posizione edipica” che è rimasta sempre viva in me e nella dimensione temporale presente pur appartenendo al passato. I conti tornano. Ancora: “io sono felice” o ho un buon demone dentro ossia “eudaimonia” greca legata alla presa di coscienza e alla condivisione del bene comune che aumenta la gioia. “Che lo vedano tutti” significa che Sabina si pone come la figlia che aiuta le sorelle a recuperare la figura paterna e l’immagine distorta che si erano formate. Manca la madre, ma ci sono buone speranze di un suo recupero e di una sua riapparizione nella scena familiare.

Bellissimo questo pezzo, degno del migliore Verismo italiano!

Brava Sabina!

***************

Non ricordo più la madre, è scomparsa dal sogno.”

****************

Mancava la madre, mancava l’altra protagonista della “posizione edipica” di Sabina, ed eccola!

Eccola nell’assenza e nella “rimozione” del “non ricordo”, una amnesia funzionale alla rielaborazione della contrastata figura paterna, un uomo sballottato, come i vasi di don Abbondio nel carro, tra il sentimento dell’amore e il sentimento dell’odio. La madre è stata rimossa dalla bambina quando era particolarmente affascinata dall’enigmatico padre e interessata a vivere i tragitti ormonali del suo giovane corpo, la “libido”. La madre “è scomparsa”, è stata esclusa anche dal sogno, così come il marito l’aveva esclusa dalla vita affettiva e sociale, relegandola nella dimensione coniugale del tipo Cenerentola. Sabina non mostra una visione positiva della madre e della figura femminile in generale semplicemente perché non si è voluta identificare in una donna sacrificata e ristretta a mansioni culturalmente obsolete. Sabina ha lottato per essere all’incontrario di sua madre e anche in questa operazione ha usato la sua tendenza onirica a ribaltare nell’opposto le psicodinamiche oniriche. “Scomparsa” si traduce in una carica aggressiva che elimina, “non ricordo” significa “rimozione”. Per completare l’opera spiego il meccanismo di difesa principe delle scoperte freudiane o meglio del lavoro di Freud, dal momento che la “rimozione” era stata scoperta già dai filosofi e nello specifico dal grande Anassimandro, da Cartesio e da Leibniz, nonché dagli Idealisti e nello specifico Schelling. Ma questa è tutta un’altra storia. Vado a delucidare. La “rimozione” è un meccanismo psichico di difesa che espleta la funzione attiva di bandire e di espellere dalla coscienza idee e impulsi inaccettabili da quest’ultima. Per tale necessità li relega nella dimensione profonda.

Procedo in pompa magna.

***************

Resta il padre a prendersi cura dei figli e a dare disposizioni sul loro accudimento dopo che lui sarà morto.”

***************

Sabina ha riconosciuto il padre dopo tante traversie emotive e conclude secondo i canoni popolari della sceneggiata napoletana: il padre dispone la cura dei figli dopo la sua morte.

Ma cosa vuol dire questo canovaccio alla Mario Merola?

La “posizione edipica”, l’aspra conflittualità di Sabina con il padre e la madre, è stata risolta con la presa di coscienza che la figura paterna è stata ben razionalizzata e liquidata come il simbolo della sua origine. Sabina ha riconosciuto il padre come l’altro da sé, come la figura sacra con tanto di carisma e di mistero, come il suo “significante” e non come il suo “significato”, come il “dux” romano portatore delle sue insegne militari, come il maestro che le ha indicato la direzione, come il “segno” semiotico del grande Umberto Eco di cui tanto si sente la mancanza in questi tempi tristi e grami. Sabina ha recuperato affettivamente il padre, “resta il padre a prendersi cura dei figli”, e allarga ai fratelli la sua conquista non per pudore ma per difesa, per spalmare la sua “angoscia di castrazione”, la sua “psiconevrosi edipica”. Sabina ricorre alla morte del padre, “quando lui sarà morto”, costruendolo come un eroe tragico di Eschilo, un uomo mortale che dispone l’accudimento dei figli affinché le sue colpe non ricadano sul suo seme. Tutto questo trambusto serve a Sabina per dire in poche parole che ha iniziato ad amare il padre come il suo simbolo. E nell’elaborazione del simbolo individuale, “suo padre”, quest’ultimo si eleva ala rango universale di “archetipo”, il “Padre”.

La simbologia dice che “resta” o “redde rationem” o resa dei conti, il “padre” o l’origine e il mistero, “prendersi cura” o risolvere l’affanno e lenire l’angoscia, “figli” o dipendenza, “dare disposizioni” o potere del dispensare “genitale” e autorevolezza del “Super-Io”, “accudimento” o affettività e protezione materne, “morto” o razionalizzazione del padre e riconoscimento.

Allacciate le cinture di sicurezza perché il sogno di Sabina ancora viaggia, sulle ali del successo ottenuto, con la sistemazione dell’ingombrante figura paterna e della sacrificata figura materna. Sabina ha trovato pane per i suoi denti nell’identificazione al femminile nella madre e nell’assimilazione della “parte positiva” del “fantasma del padre”: il padre buono e affettuoso che si prende cura della sua bambina e la rassicura nella navigazione tra le infide scogliere di Scilla e Cariddi.

***************

Fine della scena: anche il padre è scomparso e io da spettatrice passo ad essere protagonista del sogno. Termina così anche la mia visione speculare. Ora i riferimenti spaziali sono corretti.”

***************

Sabina si era scissa senza alcun pericolo psichiatrico perché il “meccanismo psichico di difesa” della “scissione” è stato usato in sogno e non nella veglia. Del resto, si sa che la funzione onirica usa anche “processi” e meccanismi” psichici delicati. Abbandonate le difese, Sabina può sognare secondo i criteri della sua correttezza, quelli che ritiene condivisi con gli altri.

Questa è la prima parte del sogno. Il prosieguo è rimandato alla prossima pubblicazione.

PSICODINAMICA

Il sogno di Sabina svolge la psicodinamica della “posizione edipica” con particolare predilezione nei riguardi della figura paterna, usa il meccanismo della “scissione” per non incorrere nell’incubo e nel risveglio immediato e per gestire le angosce legate ai virulenti “fantasmi” del padre e della madre, mostra una buona risoluzione della relazione psichica con il padre attraverso il recupero della componente affettiva e affermativa, tralascia la relazione con la madre e non ne condivide il ruolo. Sabina si serve del meccanismo psichico della “figurabilità” in un contesto speculare rafforzando la presa di coscienza sulla “posizione edipica” e usa la simbologia dello Spazio e del Tempo facendo coincidere la nostalgia con l’appagamento in atto, la consapevolezza del passato con lo stato di coscienza presente.

ULTERIORI RILIEVI METODOLOGICI

Dei “simboli” si è analiticamente detto.

Gli “archetipi” richiamati sono il “Padre” e la “Madre”.

I “fantasmi” presenti sono quelli del “padre” e della “madre”, il primo nelle due “parti”, positiva e negativa, e il secondo soltanto nella “parte negativa”. Ve li mostro:“La mamma è in casa da sola con i bambini. Ha un aspetto disordinato, agisce senza impegno, frettolosamente. Il volto tradisce l’ansia, la noia.” e ancora “Arriva il padre, giovane, aggressivo. Bello, braccia muscolose, sembra Marlon Brando in “Un tram che si chiama desiderio” e ancora “Non capisco, sembra che abbia ammazzato una delle bambine. Trambusto. Lui è il cattivo. Ma poi vedo tutti e tre i bambini, sono con lui, nessuno è morto. È un padre amorevole, nessuno l’ha capito e io che osservo sono felice che adesso lo vedano tutti.”

Ho riportato i brani per mostrare chiaramente sul campo il “fantasma” e le sue “parti”.

Il sogno di Sabina contiene l’azione dell’istanza “Io” o consapevolezza vigilante e razionale in “Io spettatrice. Questo fa sì che la visione sia speculare: ciò che io vedo alla mia sinistra, nella scena del sogno è a destra.” Si vede chiaramente il meccanismo di difesa della “razionalizzazione”, quella benefica che produce la consapevolezza del rimosso e ripulisce la “coscienza di sé”: quello che è nel mio passato è nel mio presente anche se mi difendo con la “scissione” dell’attrice e della spettatrice. Lacan aveva elaborato lo stadio dello “specchio” per indicare che il bambino acquista un rudimentale senso dell’Io nel momento in cui riconosce se stesso nel riflesso dello specchio. Sabina istruisce la stessa impalcatura e opera con la visione speculare a tutto vantaggio del suo “Io”. Notate ancora un intervento attivo dell’Io in “nessuno l’ha capito e io che osservo sono felice che adesso lo vedano tutti.”

L’istanza pulsionale “Es”, rappresentazione dell’istinto, si manifesta in “Non capisco, sembra che abbia ammazzato una delle bambine. Trambusto. Lui è il cattivo. Ma poi vedo tutti e tre i bambini, sono con lui, nessuno è morto. È un padre amorevole,”.

Il “Super-Io”, limite e senso del dovere, nonché censura morale, agisce visibilmente in “Resta il padre a prendersi cura dei figli e a dare disposizioni sul loro accudimento dopo che lui sarà morto.”

Il sogno di Sabina elabora a iosa la “posizione psichica edipica”, la conflittualità con il padre e in parte con la madre.

Sabina usa in sogno i seguenti “meccanismi e processi psichici di difesa” dall’angoscia e dal risveglio:

la “scissione dell’Io” in “Io spettatrice.”, la “rimozione” in “Non ricordo più la madre, è scomparsa dal sogno.”,

la “condensazione” in “sinistra” e in “destra” e in altro,

lo “spostamento” in “uno forse è un maschietto, ma a tratti è una femmina.” e in altro,

lo “splitting” o “scissione delle imago” in “Non capisco, sembra che abbia ammazzato una delle bambine. Trambusto. Lui è il cattivo. Ma poi vedo tutti e tre i bambini, sono con lui, nessuno è morto. È un padre amorevole, nessuno l’ha capito e io che osservo sono felice che adesso lo vedano tutti.”,

la “sublimazione” in “Piano alto, forse terzo o quarto.”,

la “figurabilità” in “È giorno. Condominio a sinistra, pareti esterne bianche. Accesso all’appartamento attraverso un balcone esterno con ringhiera che dà sul piazzale. Piano alto, forse terzo o quarto.” e in “Io spettatrice. Questo fa sì che la visione sia speculare: ciò che io vedo alla mia sinistra, nella scena del sogno è a destra.”,

la “regressione” nei termini previsti dalla funzione onirica e nella simbologia spaziale del movimento che da destra va verso sinistra.

Il sogno di Sabina mette in mostra un tratto psichico nettamente “edipico” all’interno di una “organizzazione psichica reattiva” di stampo “fallico-narcisistica”e intenzionata alla “genitalità”, autocompiacimento e amor proprio in direzione all’investimento di “libido” nell’altro.

Il sogno di Sabina forma le seguenti “figure retoriche”:

la “metafora” o relazione di somiglianza in “È giorno. Condominio a sinistra, pareti esterne bianche.” e in altro,

la “metonimia” o relazione di senso logico in “nessuno è morto” e in altro,

la “iperbole” o esagerazione espressiva, in “Non capisco, sembra che abbia ammazzato una delle bambine.”,

la “enfasi” o forza espressiva in “Trambusto. Lui è il cattivo”,

la “allegoria” o combinazione simbolica dinamica in “Arriva il padre, giovane, aggressivo. Bello, braccia muscolose, sembra Marlon Brando in “Un tram che si chiama desiderio”.

La “diagnosi” dice di una risoluzione della “posizione psichica edipica” tramite la “razionalizzazione del rimosso” e l’esito del miglioramento della “coscienza di sé”.

La “prognosi” impone a Sabina di porre tanta attenzione nel mantenimento di una consapevolezza lucida della sua formazione psichica e dei suoi “fantasmi edipici”. Soprattutto quello materno abbisogna di essere ulteriormente elaborato nella “parte positiva”.

Il “rischio psicopatologico” si attesta nel mancato funzionamento del meccanismo della “razionalizzazione” e nell’offuscamento della limpidità della coscienza: psiconevrosi edipica, ansioso-depressiva e fobico-ossessiva.

Il “grado di purezza” del sogno di Sabina è “discreto” al di là della discorsività narrativa con cui viene offerto. Sabina è molto creativa in sogno e compone quasi un romanzo o un dramma in esaltazione della sua vena creativa. Sabina si gusta il sogno e lo elabora come il romanzo di una parte della vita da scrivere nel migliore dei modi. Sabina, quando sogna, compone i quadretti estetici in ottemperanza alla sua vena creativa e alle sue fantasie dell’infanzia. Sabina si è tanto pensata narcisisticamente a suo tempo per compensare l’avarizia affettiva della realtà familiare.

La “qualità onirica” è decisamente “estetica” e “analitica”: culto della bellezza in un quadro informato di particolari gustosi.

Il sogno di Sabina si è svolto dalla seconda fase REM del sonno a causa della carica emotiva di medio spessore.

Il “fattore allucinatorio” si esalta nel senso della “vista” e soprattutto in “Io spettatrice. Questo fa sì che la visione sia speculare: ciò che io vedo alla mia sinistra, nella scena del sogno è a destra.” e in“Fine della scena: anche il padre è scomparso e io da spettatrice passo ad essere protagonista del sogno. Termina così anche la mia visione speculare. Ora i riferimenti spaziali sono corretti.”

Il “grado di attendibilità” dell’interpretazione del sogno di Sabina è “buono” alla luce dell’evidenza della psicodinamica “edipica” e della chiarezza collaudata dei simboli. Il “grado di fallacia” è, di conseguenza, “minimo”.

DOMANDE & RISPOSTE

L’interpretazione del sogno di Sabina è stata letta e analizzata dalla signora Maria, donna di popolo e madre di tre maschi, nonché orgogliosamente fornita di una valida terza media.

Domanda

Questo sogno l’ho capito meglio degli altri perché mi ci sono ritrovata e specialmente nella relazione con il padre, ma anche la madre non mi è indifferente perché la mia era poco considerata, viveva in una famiglia patriarcale e contadina, lavorava in casa e fuori casa e doveva tacere.

Risposta

Quello che dici conferma che il padre e la madre sono figure importanti per tutti. La nostra formazione psichica è impensabile senza la loro presenza e la loro funzione perché sono figure imprescindibili. Anche gli orfanelli trovano il loro papà e la loro mamma nelle persone che li accudiscono e li circondano. Mi dispiace per tua madre, ma penso che sia stata tanto brava e duttile perché si è ben adattata al contesto familiare del Veneto prima patriarcale e poi borghese.

Domanda

Mi spieghi che non ho capito bene. Anzi, le dico io quello che mia madre mi ha sempre raccontato con un certo dolore ma senza piangere. La famiglia dei nonni era allargata e patriarcale. Tutti i membri lavoravano la terra del conte di Collalto nella pianura di Susegana. Vivevano in trenta dentro una casa colonica umida e scaldata dal “larin”. La casa era contrassegnata dalle insegne del conte, striscia rossa parallela in un fondo giallo. Erano servi della gleba marchiati per essere riconosciuti dal padrone. In quella famiglia comandava il vecchio più abile nell’organizzazione del lavoro, mentre la donna più anziana, la “vecia”, amministrava i pochi soldi. I bambini erano trattati come bestioline ed erano legati all’albero con il guinzaglio quando le madri andavano a lavorare nei campi. C’era una gran confusione di maschi e di femmine e di notte vigeva una gran confusione sessuale. C’erano i matti e i disabili in questo contesto familiare, et cetera, et cetera, et cetera. Questa era la famiglia contadina sfruttata dai nobili fancazzisti e parassiti. Dopo, con la riforma agraria della Repubblica italiana, ogni membro è andato per i fatti suoi con la sua famiglia e ha iniziato a emanciparsi e a lavorare i campi che aveva ereditato o comprato. Lavorava anche in fabbrica e ha creato con la fatica e il sudore il miracolo economico del “nord est”. Le risulta tutto questo?

Risposta

Tua madre era duttile a livello psicologico nell’adattarsi a simili tremende situazioni e intelligente nel capirle e nel metterci riparo per sopravvivere nel migliore dei modi.

Domanda

Ho dimenticato di dirle che la sera c’era il “filò” e si riunivano nella stalla per stare al caldo e per divertirsi insieme agli altri. Logicamente puzzavano di merda. Poi i figli e i fratelli hanno litigato e si sono divisi. Così dalla miseria sono passati a stare meglio lavorando tantissimo e guadagnando tanto di più. Mia madre ha lavorato sempre e ha avuto poche soddisfazioni, però mio padre le voleva bene e non le ha fatto mancare niente. Secondo me i tempi erano fatti in questo modo. C’era tanta ignoranza.

Risposta

La cultura è sempre in evoluzione e la maniera in cui intendiamo noi stessi e gli altri va sempre migliorando.

Domanda

Questo lo dice lei. A me sembra che le cose e le persone vanno sempre peggio. Comunque, mi può spiegare meglio questa signora Sabina e la famiglia in cui è cresciuta?

Risposta

Il sogno dice che Sabina è cresciuta in una famiglia dove il padre era dominante e poco presente e, se era presente, era poco affettuoso. La bambina ha sofferto tanto di questa freddezza paterna e si è curata da sola compensandosi con il volersi bene e cercando di farsene una ragione. Facendo così ha aumentato il suo amor proprio e ha tanto fantasticato, per cui da adulta si è trovata con una buona capacità di pensare e di esprimere le tante idee e le tante esperienze. Resta una donna affermativa che non è andata molto lontano dal “fantasma del padre” e che si è identificata più nel padre che nella madre. E’ una donna di potere e non una femminuccia qualsiasi: una donna fallica e narcisistica nella giusta dose e senza essere prevaricatrice, una donna che sa il fatto suo e che non te le manda adire, anzi te le viene a contare.

Domanda

Quando parla così, le darei un bacio. Ho capito e non solo ho capito, ma lei ha detto la stessa cosa che avevo pensato io.

Risposta

Due teste sono meglio di una e quattro occhi sono meglio di due.

Domanda

Ma il sogno non è finito?

Risposta

Il sogno continua, ma era troppo lungo e troppo prezioso per bruciarlo in una sola puntata, per cui ho preferito spezzarlo in due senza mutilarlo.

Domanda

Ma quanto tempo ci mette per analizzare un sogno?

Risposta

Dieci ore, qualche minuto più o meno.

Domanda

Ma siamo sicuri che è tutto gratis?

Risposta

Sicurissimo e tu lo sai bene.

Domanda

Certo che lo so. Mi sembra così strano.

Risposta

Ho scritto e ho sempre detto che io restituisco in termini di conoscenze scientifiche o pseudoscientifiche quello che ho imparato dalle persone che ho aiutato a superare le difficoltà della loro vita in un preciso momento e semplicemente dando loro un metodo per inquadrarsi meglio e per ridurre le tensioni nervose, insomma per essere padroni a casa loro.

Domanda

Allora quello che lei scrive non è sempre scientifico?

Risposta

Il discorso si fa intrigante, ma io te lo faccio lo stesso. Il concetto di Scienza è complesso e variegato. Ogni tempo e ogni cultura elabora e afferma il suo concetto di Scienza. Aristotele diceva nel quarto secolo avanti Cristo che la Scienza è conoscenza delle cause. Se noi conosciamo di qualsiasi parte della realtà o di qualsiasi attività umana quattro cause, allora abbiamo la conoscenza scientifica. Le quattro cause erano e sono queste: la “causa formale” che risponde alla domanda “che cosa è questo”, la “causa materiale” che risponde alla domanda “di che cosa è fatto questo”, la “causa efficiente” che risponde alla domanda “da chi è fatto questo”, la “causa finale” che risponde la domanda “per quale scopo è fatto questo”. La Scienza doveva obbedire alla Logica, ai suoi principi e ai suoi procedimenti, e doveva formularsi secondo un discorso comprensibile e giustificato nelle sue affermazioni e nelle sue conclusioni. I “principi logici” era i seguenti: “identità” (A è A) in base al quale ogni concetto è uguale a se stesso, “non contraddizione” (A non è nonA)in base al quale ogni concetto non è uguale al suo opposto, “terzo escluso” (o è A o è nonA) in base al quale ogni concetto non è uguale al suo opposto. Il procedimento logico della Scienza era ed è il sillogismo, il mettere insieme concetti diversi in maniera compatibile e per aumentare le conoscenze. Questo concetto di Scienza si definisce “determinismo” ossia è così e non si discute perché la Logica non è opinione individuale ed è universale, valida per tutti gli uomini al di là delle culture a cui appartengono. Mi fermo, ma la prossima volta ti spiegherò il concetto di scienza di Cartesio, poi di Galilei, poi di Bacone, poi dei filosofi moderni e contemporanei.

Domanda

Ho capito e non ho capito. Lei segue Aristotele?

Risposta

Sì, sono determinista, ma ci sono altri tipi di scienza. Ma comunque io resto uno scrittore e uno psicologo che elabora il sognare e i sogni secondo una griglia fatta di tanti pezzi di tante teorie di altri: un eclettico o un sincretista. Mettila come ti pare meglio.

Domanda

Quando parla difficile lo ammazzerei. Insomma lei non è originale per niente, ma è uno che ha preso di qua e di là e ha messo su un’impalcatura per fare quello che fa, spiegare come si sogna e i sogni.

Risposta

Hai visto che hai capito benissimo. Perché ti sottovaluti?

Domanda

Avrei voluto tanto andare a scuola, ma non c’erano i soldi e poi io ero una femmina e non serviva perché mi sarei sposata, come dicevano in quel tempo le persone ignoranti e specialmente le mie nonne. Ma i miei figli studiano e due sono scritti all’Università di Padova, il grande in Legge e il secondo in Medicina, e sono tanto bravi. Il più piccolo vuole fare il contadino nei campi del padre, ma io gli ho già detto che senza laurea in Agronomia o in Enologia non va da nessuna parte. Ai miei figli ho sempre insegnato che la mangiatoia sta in alto e che per mangiare bisogna far fatica e allungare il collo.

Risposta

Tu sei una grande donna.

Domanda

Si ricordi che mi deve spiegare quelle cose sulla Scienza.

Risposta

Ogni promessa è un debito.

Per il sogno analitico e narrativo di Sabina propongo una storia di creativa amministrazione, non certo di ordinaria follia.

CARO SEBASTIANO

Caro Sebastiano,

c’è qualcosa che non va,

ma non in casa,

né fuori casa,

c’è qualcosa non va dentro di me

e non sono i pensieri o l’agitazione,

ma è qualcosa d’impalpabile,

qualcosa che non ha parole.

L’ineffabile!

Ecco, l’ineffabile, proprio l’ineffabile!

Tu sai cos’è l’ineffabile?

L’ineffabile è ciò che non si può dire

perché è stato detto.

Ma da chi è stato detto?

Chi ha detto l’ineffabile se non si poteva dire?

E come l’ha detto?

Con abito firmato o semplici jeans?

Sai, Sebastiano, queste non sono questioni da poco,

ma ne va di mezzo la mia dignità di malata mentale.

Almeno questa lasciatemela, vi prego,

voi che mi avete tolto anche i fiammiferi di legno,

quelli puzzolenti di zolfo,

gli zolfanelli per l’appunto.

Ma forse Sebastiano,

sai,

c’è che non c’è proprio niente che non va.

Va tutto bene.

Sto bene

e non è il Serenase che mi fa star bene

visto che lo prendo soltanto da tre giorni.

Non è il Clopixol che mi fa star bene

visto che l’iniezione l’ho fatta stamattina.

C’è quel qualcosa che non va che mi fa star bene.

Hai capito?

Mi sento senza corpo

perché il mio corpo non mi appartiene più

e non perché l’ho dato a qualcuno,

ma perché agisce per conto suo,

insomma va per i cazzi suoi.

Il mio corpo birichino è finalmente autonomo

e non mi fa paura.

A volte ha ansia,

a volte è tranquillo,

tre minuti dopo si agita,

all’improvviso vuole la Nutella

o vuole essere toccato.

E il mio Io?

Il mio Io è perplesso,

confuso,

sereno,

pacifico,

di merda.

Come vedi,

caro Sebastiano,

è tutto un casino

e niente è affidabile.

Ma sai cos’è?

C’è qualcosa che non va,

ma non c’è proprio niente che non va

e io non so più come sto.

Forse sto prendendo in giro tutti,

me compresa.

Ma come si fa a smettere?

In questo momento non c’è più nessuno attorno a me,

non c’è più nessuno vicino a me,

non ho un punto di riferimento,

non ho un viso da guardare,

ma ho un qualcosa di confuso,

un viso confuso con gli occhi di tutti,

un assembramento di occhi.

Ho ansia,

ma basta che ci penso un attimo e passa.

Chi stiamo prendendo in giro?

Recitiamo allora!

Oh, ciao, come va?

Non c’è male, grazie.

Si va sempre avanti e voi, invece, come state?

Beh, così così,

cosa volete,

sono gli acciacchi del tempo,

un giorno si ama,

un giorno si odia,

un giorno si cazzeggia,

un giorno ci si incazza.

In fondo siamo vivi.

Siamo vivi ogni giorno di giorno in giorno.

Così, Sebastiano, può andare?

Eppure c’è qualcosa che non va

anche se non c’è niente che non va.

Adesso comincia il dramma.

Caro Pinocchio,

il grillo te l’aveva detto

che a fare i monellacci si finisce in prigione o in ospedale,

ma tu non l’hai ascoltato,

tu l’hai ammazzato.

Ma non è stato Pinocchio.

E’ stata Luana che ha giocato con il grillo

e che l’ha ammazzato.

Ma non è stata Luana.

E’ stata Mara che ha giocato con il grillo

e che l’ha ammazzato.

Ma non è stata Mara.

E’ stato Vincenzo che ha giocato con il grillo

e che l’ha ammazzato.

Ma non è stato Vincenzo.

E’ stata Mafalda che ha giocato con il grillo

e che l’ha ammazzato.

Ma non è stata Mafalda.

Allora chi è stato?

Perbacco, voglio sapere chi è stato!

Intanto pensiamo al povero grillo.

Corri grillo,

corri lontano,

gioca,

salta

e tendi una mano,

sorridi alla gente che ti passa davanti,

nasconditi a Luana che vuol farsi avanti.

E’ Luana che ha giocato con il grillo

e che l’ha ammazzato.

Luana ha le sbarre,

Luana è nelle sbarre,

Luana ha le sbarre nella mente e nel cuore.

Luana ha le sbarre dove il sangue scorre lento.

E’ Luana che ha giocato con il grillo

e che l’ha ammazzato.

Povera Luana!

Tu grillo nascondi Luana,

falla dormire.

Tu grillo gioca,

tu salta,

tu non devi morire.

Chi grida?

E’ Luana che ha gridato,

ma neanche il vento l’ha ascoltata.

Nascondi Luana,

falla dormire,

tu grillo gioca,

tu salta,

tu non devi morire.

Ma queste sono tutte soltanto parole.

Il grillo è morto e non farà più cri, cri, cri.

Povero grillo e povera Luana!

Caro Sebastiano,

pensi ancora

che non c’è proprio niente che non va?

Salvatore Vallone

in Pieve di Soligo (TV) e nel mese di Marzo dell’anno 1996

LE BARE DI VETRO

TRAMA DEL SOGNO – CONTENUTO MANIFESTO

“Premetto che poco tempo fa ho visitato il cimitero di Lisbona e sono rimasta molto colpita dalle bare a vista nelle cappelle con porte di vetro trasparente.

Stanotte ho sognato di essere davanti alle bare mia, di mia madre e di mio padre.

La mia e quella di mia madre erano nel ripiano alto della cappella, erano bare di vetro trasparente e vedevo solo i miei piedi con scarpe scure ed avevo un vestito lungo bianco a balze.

A guardare questa scena c’era a fianco a me mia madre alla quale esprimo il mio disappunto sul fatto che le bare siano di vetro; non mi va proprio che il mio corpo possa essere visto!

Sotto è steso mio padre, ma non è dentro una bara. Noto dei suoi movimenti quasi impercettibili e lo faccio notare a mia madre la quale cerca di convincermi che è morto, ma mio padre fa un movimento visibilissimo e allora lo chiamo a gran voce “Papà! Papà! Svegliati!”.

Lui apre gli occhi e si alza, inconsapevole di essere stato creduto morto.”

Lisbona

DECODIFICAZIONE – CONTENUTO LATENTE

CONSIDERAZIONI

Ho scelto come titolo “Le bare di vetro” per confermare la vena macabra del sogno e lo stupore che la stessa Lisbona ha sottolineato anche come possibile causa scatenante: “poco tempo fa ho visitato il cimitero di Lisbona e sono rimasta molto colpita dalle bare a vista nelle cappelle con porte di vetro trasparente.” Questo titolo è adatto a un buon film “horror”, quelli del migliore Dario Argento, e conferma la plasticità creativa dell’umana funzione onirica, il meccanismo della “figurabilità”, in base al quale a ogni idea si addice la giusta immagine. Noi, uomini viventi, siamo capaci di “impressionarci” fotograficamente con le nostre esperienze e con le nostre riflessioni. Non basta, perché riusciamo anche a tradurle in fantasie e in allucinazioni con assoluta naturalezza e spontaneità, senza aver deliberato da svegli alcunché di preciso al riguardo e senza sapere di avere dentro il regista giusto per girare il nostro film e lo sceneggiatore abile a dare le parole adatte al capitolo del nostro romanzo.

Federico Fellini aveva ragione, ma questo è un altro discorso.

Se il cammino psicoanalitico è arduo e si può definire “le parole per dirlo”, il sogno è più complesso semplicemente perché elabora da solo e senza il concorso diretto della nostra volontà “le immagini simboliche per dirlo”.

Il titolo del sogno di Lisbona poteva essere anche questo: “Papà, papà svegliami!”, riprendendo e modificando secondo dettami psicoanalitici la parte finale del sogno, il punto in cui Lisbona, in preda al giusto “raptus” e a un buon demone, dice “lo chiamo a gran voce “Papà! Papà! Svegliati!”, proiettando sul padre la sua intuizione e la sua conquista psichica: il “sapere di sé” e il “far da sé”, l’autonomia del pensiero e dell’azione, la buona novella di ogni bambino e adolescente.

Mi preme sottolineare che Lisbona ha vissuto il padre come “liberatore” delle sue energie psicofisiche più genuine dopo il ristagno difensivo nella protezione materna e dopo l’identificazione nella figura della madre, una psicodinamica della prima adolescenza e di quando il “corpo” è in distonia con la “mente” a causa dell’immediato risveglio degli ormoni e degli orologi biologici, il cosiddetto sviluppo “genitale” durante la turbolenta pubertà.

Questo vissuto del padre “libertador” da parte di Lisbona è una tappa universale e si estende a tutte le bambine in odore di donna. Ma la madre non è da meno in questo dolce psicodramma andato a buon fine e gustoso come le ciambelle della nonna cucinate nel forno a legna. La madre di Lisbona è di ostacolo, sempre nei vissuti della figlia, alla libera espansione delle energie psicofisiche che “odorano di futuro”, “adolescenza”. La madre di Lisbona è di blocco, sempre nei vissuti della figlia, all’avvento della “libido genitale”, quella che consegue alla “libido fallico-narcisistica”, all’isolamento compiaciuto e alla masturbazione psicofisica.

Nella “Politica” familiare il “Padre” è colui che apprezza e consente, propone e autorizza, apre e definisce, libera e condiziona, limita e impone. Il “Padre” è il simbolo dell’istanza psichica “Super-Io” e intorno alla sua figura si condensano la “Morale” e la “Legge”. Ma attenzione, perché di troppo “Padre” si resta schiavi.

Quello di Lisbona è il sogno di una figlia che è legata al padre a filo doppio; il primo è quello “edipico”, l’innamoramento della bambina, il secondo è quello conflittuale con la madre che, dopo essere stata la sua alleata e la sua maestra, viene vissuta come prevaricatrice nei riguardi del padre.

Un’esperienza significativa è quella di Lisbona che va a Lisbona, visita il cimitero, viene colpita dalla novità delle ultime dimore portoghesi e adatta il suo vissuto, a metà tra il trauma e la curiosità culturale, al simbolismo e all’allegoria della sua relazione pregressa e in atto con i genitori.

Operazione acrobatica brillante!

Le premesse sono promettenti e il seguito ancora di più, per cui non resta che metterci in cammino per seguire passo dopo passo il regalo psichico che Lisbona si è fatto.

SIMBOLI – ARCHETIPI – FANTASMI – INTERAZIONE ANALITICA

…ho sognato di essere davanti alle bare mia, di mia madre e di mio padre.”

L’esordio non poteva essere più inquietante. Lisbona fa di tutta l’erba un fascio e democraticamente si aggredisce e aggredisce i suoi genitori, si vede e li vede inanimati dopo aver operato la “scissione” difensiva per non incorrere nell’angoscia, nell’incubo e nel risveglio. Lisbona è “davanti alle bare”, le osserva stando con i piedi ben piantati a terra e con gli occhi ben vigili di fronte a tanta elegante desolazione. Abbiamo due Lisbone che non denotano alcuna pericolosa sindrome psichiatrica, bensì la solita difesa della funzione onirica per ottenere l’autorizzazione a procedere. Lisbona attesta del suo forte legame con i genitori nel bene e nel male e si vede in sogno unita a loro anche nella morte. Appare evidente che non si tratta di morte fisica, ma di qualcosa di altro che si andrà ad appurare cammin facendo.

La “bara” è il simbolo femminile del grembo che opprime la vitalità e rende inanimato il suo contenuto, la “parte negativa” del “fantasma della madre”, quella mortifera che opprime e uccide, una “tanatocrazia” classica dell’archetipo Madre, la Signora che ha il potere della Vita e della Morte. La famiglia è unita e accomunata nella oppressione della vitalità e nella mancata nascita di “parti psichiche” che potevano vedere la luce. Rileviamo la presenza immediata in sogno della triade edipica, il triangolo “figlia-madre-padre”. Lisbona sta decisamente navigando durante il sonno nella “posizione psichica edipica”. Non ci sono dubbi in proposito. Si trova “davanti alle bare” ed è pronta all’analisi della psicodinamica del “fantasma d’inanimazione”, il “non nato di sé”, tutte le pulsioni e i bisogni che non hanno visto la luce o a cui non ha dato realtà.

La mia e quella di mia madre erano nel ripiano alto della cappella, erano bare di vetro trasparente e vedevo solo i miei piedi con scarpe scure ed avevo un vestito lungo bianco a balze.”

Se l’esordio era repentino e impressionante, il prosieguo non è da meno. Lisbona si colloca in questo luogo d’inanimazione insieme alla madre nei luoghi alti della “sublimazione” e della superiorità, l’alto-locazione psichica, il “complesso di superiorità” che è sempre un problema e semplicemente perché è una difesa dalla “angoscia d’inferiorità”. Lisbona si è identificata nella madre e prende le sue parti per necessità psicofisica. In mezzo a tante difese, più o meno consapevoli, Lisbona ha piena consapevolezza del suo potere di donna e della sua ieratica figura, del suo marcato tratto narcisistico in occultamento di tutto quello che sarebbe dovuto conseguire ed esserci, la “genitalità”, la disposizione a vivere concretamente le relazioni sociali e l’investimento di “libido” sugli altri. E, invece, Lisbona insieme alla madre fa buona e bella mostra di sé e si appaga di questa surreale esibizione.

Ma quante cose si son perse e quante se ne perderanno queste due donne! Sono entrambe “morte” agli altri, paghe del loro potere di donne asettiche pure e caste, tutto fallo e niente arrosto, tutte belle e inanimate.

La parola va ai simboli.

Il “ripiano alto della cappella” è il luogo del “processo psichico di difesa” della “sublimazione della libido”, la difesa dall’angoscia del “non nato di sé”. Le “bare di vetro trasparente” attestano simbolicamente della consapevolezza difensiva che qualcosa dentro è inanimato o non è nato e aspirava a nascere. “Vedevo” conferma la presa di coscienza, mentre “i miei piedi con scarpe scure” rappresentano simbolicamente il potere fallico e il potere recettivo femminile, l’allegoria dell’androginia psichica, del “maschio-femmina” che Lisbona si porta dentro dall’assimilazione della madre: una forma accentuata di “identificazione”, una forma di “introiezione” della madre a scopo esorcistico dell’angoscia dell’indeterminato. “Avevo un vestito lungo bianco a balze”, un vestito ieratico, un abito sacro, un paramento della sacerdotessa di Demetra, un vestito classico delle signorinelle appena uscite dall’infanzia nelle famiglia della buona borghesia. Trattandosi di un abito indossato dentro la bara di vetro, l’opzione è decisamente per la sacralità dell’angoscia di non essersi espressa e di non esprimersi nelle proprie potenzialità, il senso di avere represso e incarcerato la parte migliore di sé che voleva nascere e che Lisbona non ha avuto il coraggio di lasciar uscire alla luce del sole. La sofferenza è maggiore perché la consapevolezza è limpida, “di vetro trasparente”.

Il riepilogo impone di dire che Lisbona sta attraversando in sogno la sua adolescenza, il periodo in cui si era identificata totalmente nella madre per difesa dall’angoscia dell’indeterminato ed era ricorsa al processo di difesa della “sublimazione della libido” per evitare le relazioni e il coinvolgimento. La sua “libido fallico-narcisistica” era servita per supportare la sua difesa e per evitare di evolversi nella “posizione psichica genitale” e nell’investimento della omonima “libido”. La giovanissima Lisbona è pienamente consapevole di tanto sacrificio e di tanto disagio, ma non riesce a fare altrimenti e a lasciarsi andare in abiti femminili adulti tra l’ammirazione tentatrice della gente. L’adolescente persiste e ruba tempo alla donna.

A guardare questa scena c’era a fianco a me mia madre alla quale esprimo il mio disappunto sul fatto che le bare siano di vetro; non mi va proprio che il mio corpo possa essere visto!”

Ed ecco il “busillis” della questione!

Ecco il conflitto di Lisbona!

Ecco l’angoscia dell’adolescente e procace donnina che deve aprirsi alle danze sociali con abiti femminili adulti!

Questa è l’allegoria del drammatico e bellissimo passaggio dall’infanzia all’adolescenza, dall’essere fisicamente indeterminata all’essere donna con annessi e connessi psicofisici ben evidenti. E’ il momento bellissimo in cui l’epifania femminile avviene e la giovane donna si mostra nel tempio.

Ma come ha vissuto questo trambusto psicofisico la bambina di prima?

Lisbona lo sa, ne è consapevole e opera un ritiro dagli investimenti della crescita e del nuovo traguardo. Lisbona vive male la sua evoluzione psicofisica e si rappresenta in sogno “dentro una bara di vetro” a esibire la sua “androginia”, il potere di donna fallica che ha esercitato nell’isolamento. E più si isola e più Lisbona si difende nel sentirsi bella. Il narcisismo aumenta in maniera direttamente proporzionale al ritiro dalla realtà e alla chiusura nella “tomba di vetro”.

Quante cose potevano nascere e quante esperienze si potevano vivere!

Se chiedete alle donne, in gran percentuale diranno di avere tanto sofferto questo passaggio dall’infanzia informe all’adolescenza formata, dal corpo senza forme al corpo con le forme.

Analizzo le simbologie.

L’alleanza con la madre è manifesta come la contrastata “identificazione” per alleviare il dolore della presa di coscienza dell’inanimato e del non vissuto e del “non nato”: “a guardare questa scena c’era a fianco a me mia madre”. “Esprimo” si traduce in sono consapevole e do parola al mio conflitto e al mio dramma di non aver saputo far agire la mia donna nella scena del mondo sociale tra le tavole del teatro comune. Il “disappunto sul fatto che le bare siano di vetro” esprime ancora il dolore della consapevolezza, il contrasto e il conflitto interiore sulla trasparenza razionale del mio stato innaturale di inanimazione e di blocco psicofisico, anche se ben supportato dal narcisismo dell’isolamento e dalla beatitudine della bellezza solipsistica e non condivisa. “Non mi va proprio che il mio corpo possa essere visto”.

Cosa vi avevo preannunciato?

Il problema dell’adolescente procace e cresciuta è l’essere vista dagli altri, il non riconoscersi per difesa dagli altri e per difesa da se stessa in primo luogo, dagli altri che appetiscono e da se stessa che ancora non è educata alle novità del suo corpo. Sono i suoi occhi e gli occhi degli altri a essere messi in ballo e in discussione. Lisbona signorina non ha confidenza con il suo corpo degnamente evoluto e non vuole essere guardata dalla gente.

Sotto è steso mio padre, ma non è dentro una bara.”

Ecco che nella scena onirica irrompe il padre con la giusta autorità e il giusto cipiglio che deve avere nei vissuti della figlia bambina. Il padre è disteso nel mondo della materia, nella realtà della concretezza: questa è la simbologia del “sotto”. Oltretutto il padre non è imprigionato nelle sue energie vitali, “non è dentro una bara”, appartiene alla famiglia ma non partecipa ai “fantasmi di inanimazione” della famiglia. Il padre è una figura positiva per la figlia che, dopo essersi identificata nella madre, si è sentita bloccata nel ruolo di donna che condivideva con la madre, una figura vissuta come rigida e bigotta nell’espletamento e nel disbrigo del corredo psicofisico femminile. Il padre, all’incontrario, è “maieutico” perché aiuta la figlia bambina a partorire la donna con travaglio spedito e lineare.

I simboli dicono che “steso” evoca un “fantasma di morte” e di distacco dalla realtà. Ma la sua diversità positiva si attesta nel fatto che è “sotto”, un simbolo filosofico del “pessimismo esistenziale” di un uomo che partecipa allo stesso destino delle sue donne, ma un uomo concretamente vivo e impegnato. “Mio padre” è il simbolo delle origini, delle radici e della trasmissione psicofisica, la figura da cui si eredita anche la colpa di essere nati nel peccato. “Non è dentro una bara” equivale a “non è come noi donne che ci sentiamo oppresse da un fardello d’isolamento e inanimate da un cumulo di tratti contenuti in un corpo da occultare e da non vivere bene”. Questa non è la cultura e la morale familiare, ma è la difesa psichica che Lisbona ha addebitato in sogno alla madre: meccanismo psichico dello “spostamento”.

Noto dei suoi movimenti quasi impercettibili e lo faccio notare a mia madre la quale cerca di convincermi che è morto;”

La figlia ha trovato nel padre la sua Pasqua di resurrezione e la sua migliore epifania: due piccioni con una fava.

Bel colpo!

Il padre è elemento positivo, si muove, è vivo ed è alleato della figlia, un maestro che le insegna a muoversi nel mondo e ad agire in esso. L’oppressione materna è stata ridotta e superata. L’identificazione nella madre, operata durante l’infanzia e l’adolescenza, è stata ridimensionata da Lisbona grazie al padre e al ricorso alla sua figura dinamica e alla sua diversità. Lisbona ha trovato nel padre quello che le mancava per iniziare a muoversi nello spazio e nel tempo, ha reperito la forza che le serviva per lasciare l’infida palude materna. In un contesto familiare disciplinato, bloccato nella cultura ufficiale e incapsulato nella formalità del comportamento, in un ambito sociale vissuto come contrario alla sua vitalità espressiva, l’adolescente Lisbona trova nel padre la possibilità di passare dal “narcisismo” al “genitale”, dall’isolamento compiaciuto all’offerta della sua persona, dall’investimento della “libido” non più in se stessa ma nell’altro, il tanto temuto oggetto esterno. Il giudizio nei riguardi della madre bloccante è severo. E’ proprio lei che mi ha suggerito che il papà non è da condividere come modello e da seguire come maestro, che mi ha quasi convinto che anche lui è inerte, passivo e inanimato. E’ proprio lei che mi ha ingiunto di non lasciarmi suggestionare da lui e dalla sua pretesa di essere nel giusto. Questa madre prevaricatrice, questa donna che inganna la figlia e vuole perpetuare i suoi maligni “fantasmi”, questa seguace dell’immutabilità della Nutella, sta tutta dentro i vissuti di Lisbona e si colloca con naturalezza dentro la storia e la cultura della famiglia. Quante madri hanno trasmesso alle figlie il senso di rassegnazione al ruolo e di immutabilità del destino femminile, un tragico insegnamento dettato da un fatalismo arabo e da una sadica compensazione della loro sofferenza: “mal comune è mezzo gaudio”. Queste donne non hanno fatto alleanza contro il nemico, ma hanno fatto alleanza con il nemico.

Benedette l’evoluzione storica e la rivoluzione culturale!

Benedette le “chat” che in tempo reale collegano il polo nord al polo sud!

Vediamo i simboli cosa dicono e cosa significano.

“Noto” è funzione dell’Io razionale e benefica presa di coscienza. “Movimenti quasi impercettibili” si traducono nella constatazione della figlia che il padre è punto inequivocabile di riferimento per la sua formazione sociale e punto essenziale di partenza per il suo distacco progressivo dalla figura materna in cui si è pienamente identificata. Lisbona sa che con giudizio e con discrezione deve cercare la sua strada e la sua dimensione psicofisica proprio alleandosi con il padre. “Lo faccio notare a mia madre” significa che Lisbona dialoga con se stessa e prende coscienza di essere troppo vincolata alla madre e di aver bisogno della figura maschile del padre per accostarsi alle altre figure maschili del mondo. E’ solo questo il modo di superare i suoi pudori e le sue vergogne di adolescente che ha da esibire un corpo maturo al punto giusto. “Cerca di convincermi che è morto “ equivale a una concezione negativa della madre, la “parte negativa” del “fantasma materno”, la donna prevaricatrice immaginata dalla figlia quando pensava secondo il meccanismo della “scissione” o “splitting”. Lisbona, in effetti, è sempre la ragazzina che si difende per l’ultima volta dalla madre, meglio da se stessa, dicendosi che non è cosa buona e proficua far ristagnare la vitalità e che, allora, bisogna superare le ultime resistenze alla presa di coscienza e convincersi che il padre è la figura a cui appellarsi per uscire dalle carceri e per non lasciare mai più imputridire le buone energie.

ma mio padre fa un movimento visibilissimo e allora lo chiamo a gran voce “Papà! Papà! Svegliati!”.

Ecco la conferma del quadro nella sua psicodinamica. Lisbona resuscita il padre e lo fa diventare il perno della sua rinascita. Questo è il travaglio di Lisbona. E’ lei l’autrice e la protagonista del sogno, il padre serve per consentirle di esprimere il suo vissuto al riguardo: come lei si è vissuta, si vive e risolve la questione relazionale. Il padre è il “deus ex machina” della tragedia greca, serve per risolvere definitivamente la questione tra gli uomini e il conflitto con gli dei. Per rinascere, la figlia adolescente scopre il padre come colui che l’aiuta a distaccarsi dal grembo materno e a superare le oscurità femminili per prendere luce e manifestarsi al mondo. Gli “altri” adesso sono le nuove allucinazioni del desiderio che prendono forma e diventano chiarezze. Lisbona ha avuto bisogno del padre per relazionarsi con il corpo adulto e con la mente adolescente e in via di evoluzione e di recupero della lentezza di assimilazione delle novità. Tutta colpa e tutto merito dei “meccanismi e dei processi psichici di difesa” dall’angoscia, se i tempi psicologici sono tanto più lunghi di quelli fisiologici.

I simboli dicono che “movimento visibilissimo” significa ho capito, ho preso coscienza che senza mio padre non vado da nessuna parte e che lo devo scoprire e portare con me per avanzare nella vita con l’amore del mio corpo da offrire agli altri e con il giusto amor proprio. Questo progresso è possibile dopo aver commutato il narcisismo in donazione e dopo essere uscita dall’isolamento accettando i rischi che comporta il vivere in società. Ecco che il padre da limite si evolve in colui che dà la forza, l’energia, il coraggio. Un po’ di padre fa bene sempre alle figlie adolescenti dopo aver congedato il complesso di Edipo. Un po’ di padre condisce bene la minestra come il sale marino. E’ questa la maniera migliore di viverlo e di viversi per fare il salto dal nido familiare alla società con tutto il corpo e tutta la mente e con tutti gli annessi e connessi.

I simboli dicono che “Papà! Papà! Svegliati!” è la “proiezione” pari pari del suo monito: “Lisbona! Lisbona” Svegliati!”, prendi coscienza della situazione in cui ti trovi. Ci vuole un padre da recuperare abbandonando le difese inutili e il ristagno delle energie. Dopo la madre ci vuole la forza del padre per vivere in maniera degna e apprezzabile: “in nome del padre, dopo quello della madre e della figlia”. Il triangolo edipico si è magicamente aperto e Pitagora inorridisce seduto sulle sue ceneri al pensiero di non aver previsto le malefatte di Edipo. “Movimento visibilissimo” equivale alla consapevolezza che il “principio di realtà” dinamico è basato sul padre e che esige azione pragmatica e attiva, utile e dilettevole. “lo chiamo a gran voce” è la parola simbolo di vita, gli do la vita dentro di me e lo investo di energia “genitale”, gli voglio bene intanto e dopo mi disporrò a chi verrà.

Lui apre gli occhi e si alza, inconsapevole di essere stato creduto morto.”

Questa frase è l’allegoria del “meccanismo psichico di difesa” dall’angoscia della “proiezione”. Lisbona attribuisce al padre la presa di coscienza della sua inanimazione e della sua inconsapevolezza di essere sbagliata per quanto riguarda il corpo la mente e le relazioni, gli investimenti di “libido”, il passaggio dal narcisismo alla genitalità, dall’isolamento all’offerta e al dono di sé agli altri. Lisbona ha scoperto, grazie alla “introiezione” operata della figura paterna, di avere corso il rischio di restare evoluta a metà, di ristagnare nella “posizione fallico-narcisistica” e isolata dagli altri, ma adesso che “sa di sé”, si può alzare e andare in giro tra la gente a dispensare il meglio di sé come una buona befana nel senso letterale della parola: “epifania” si traduce “mi mostro”. L’augurio è che quello di Lisbona sia sempre un bel vedere. Lisbona è pronta a esibire le parti migliori di sé. “Alzati e cammina”, come Lazzaro, si addice alla nostra resuscitata protagonista del sogno. Il miracolo è stato possibile grazie al padre, anzi grazie al ricorso al padre. Quando la madre la bloccava e la costringeva nelle ristrettezze solipsistiche, Lisbona adolescente ha scoperto la funzione del padre, quella di aiutare ad aprire gli occhi sul mondo, di indurre ad agire con forza e sicurezza, di dare le regole e i limiti del gioco sociale, di interagire nelle tortuose dinamiche relazionali: funzione dell’istanza psichica “Super-Io”. Se la Madre rappresenta simbolicamente la casa e gli affetti familiari, l’istanza psichica pulsionale “Es”, il Padre rappresenta l’azione fuori dalla casa. L’allegoria ricorrente nella creatività infantile è la seguente: il buon padre è il cacciatore che ogni sera torna a casa e porta il cibo ai suoi figli.

Vediamo i simboli.

“Lui apre gli occhi” equivale a “Lisbona prende coscienza” perché gli occhi rappresentano simbolicamente la visione logica e razionale e l’apertura agli altri, gli occhi rafforzano l’operazione di consapevolezza razionale, il “sapere di sé”. “Si alza” si traduce in si desta dall’inanimato e inizia ad agire, a prendere forza. E’ un termine sessuale maschile che sottintende l’erezione del pene, il simbolo del potere e dell’investimento di “libido”, la fierezza e l’azione. “Inconsapevole di essere stato creduto morto” dice chiaramente che Lisbona adolescente non sapeva di sé e della vitalità che aveva e poteva esprimere. Il risveglio è avvenuto attraverso il padre e abbandonando la madre che l’addormentava e che rappresentava per lei la chiusura al mondo in cambio della protezione, il carcere familiare e l’impossibilità di volare.

Questo è quanto potevo dire e ripetere sul sogno di Lisbona. Ne è valsa decisamente la pena.

PSICODINAMICA

Il sogno di Lisbona svolge la psicodinamica della figlia che va dalla madre per la “identificazione” e passa dal padre per l’azione in superamento del “fantasma di inanimazione” adolescenziale che porta a vivere male il corpo e ad aver paura di essere guardata con malizia. Tutto il travaglio edipico sul padre e sulla madre viene vissuto in maniera psicologica e non sfacciata, senza grandi accuse e senza furbesche inquisizioni. La funzione educatrice dei genitori è inserita nell’evoluzione psicofisica di Lisbona e viene risolta concretamente nella pronta esibizione al mondo e agli uomini del proprio corpo vitale e ricco di tesori. Questo sogno non è la solita rappresentazione della “posizione edipica” o di qualche sua variante, ma mostra la parte utile del padre e della madre in versione estetica. Senza acrimonia e senza polemica il sogno raggiunge la sfera di bellezza che lo rende universale e ben accetto alla pubblica coscienza e opinione. Inoltre, il sogno di Lisbona attesta che le esagerazioni sessuali sulla universale “posizione edipica” sono da abbandonare totalmente a favore di un consistente recupero della dimensione affettiva ed educativa.

PUNTI CARDINE

L’interpretazione del sogno di Lisbona si incentra e poggia sulle seguenti interazioni simboliche: “erano bare di vetro trasparente e vedevo solo i miei piedi con scarpe scure ed avevo un vestito lungo bianco a balze.” e “c’era a fianco a me mia madre” e “non mi va proprio che il mio corpo possa essere visto!” e “lo chiamo a gran voce “Papà! Papà! Svegliati!”.”

ULTERIORI RILIEVI METODOLOGICI

Dei “simboli” si è ampiamente detto e ripetuto nel corso dell’interpretazione del sogno.

Il sogno di Lisbona richiama l’archetipo “Madre” in “bara” e “Padre” in “Lui apre gli occhi e si alza.

I “fantasmi” evocati da Lisbona in sogno riguardano la “madre” nella “parte negativa” della “inanimazione”.

E’ degnamente presente l’istanza “Es”, rappresentazione delle pulsioni, in “essere davanti alle bare mia, di mia madre e di mio padre.” e in “erano bare di vetro trasparente e vedevo solo i miei piedi con scarpe scure ed avevo un vestito lungo bianco a balze.” e in “lo chiamo a gran voce “Papà! Papà! Svegliati!”.

Altrettanto degna nella sua presenza è l’istanza “Io”, vigilanza e realtà” in “esprimo il mio disappunto” e in “non mi va proprio” e in “noto” e in “le faccio notare”.

L’istanza “Super-Io”, limite e censura, è manifesta in “Sotto è steso mio padre, ma non è dentro una bara.” e in “mio padre fa un movimento visibilissimo”.

Il sogno di Lisbona rielabora a piene mani la “posizione psichica edipica”: conflittualità con i genitori. “essere davanti alle bare mia, di mia madre e di mio padre.” e in “a fianco a me mia madre alla quale esprimo il mio disappunto” e in “lo faccio notare a mia madre la quale cerca di convincermi che è morto” e in ““Papà! Papà! Svegliati!”. La “posizione fallico-narcisistica” si manifesta in “vedevo solo i miei piedi con scarpe scure ed avevo un vestito lungo bianco a balze.” e in “non mi va proprio che il mio corpo possa essere visto!”

Il sogno di Lisbona si serve dei seguenti “meccanismi e processi psichici di difesa”:

la “condensazione” in “bara” e in “vetro trasparente” e in “piedi” e in “scarpe” e in “vestito” e in “sotto” e in “svegliati” e in “occhi”,

lo “spostamento” e la “proiezione” in “c’era a fianco a me mia madre alla quale esprimo il mio disappunto” e in “lo faccio notare a mia madre la quale cerca di convincermi che è morto;” e in “Lui apre gli occhi e si alza, inconsapevole di essere stato creduto morto.” e in “lo chiamo a gran voce “Papà! Papà! Svegliati!”.,

la “figurabilità” in “erano bare di vetro trasparente e vedevo solo i miei piedi con scarpe scure ed avevo un vestito lungo bianco a balze.”,

la “identificazione” in “A guardare questa scena c’era a fianco a me mia madre”,

la “sublimazione” in “nel ripiano alto della cappella”,

la “regressione” è presente nei termini necessari alla funzione onirica.

Il sogno di Lisbona evidenzia un tratto decisamente “edipico” intenzionato verso una “organizzazione psichica genitale” e in superamento evolutivo delle pulsioni difensive narcisistiche.

Le “figure retoriche” elaborate da Lisbona nel suo sogno sono le seguenti:

la “metafora” o relazione di somiglianza in “bara” e in “vetro trasparente” e in “vestito” e in “occhi”,

la “metonimia” o relazione di senso in “piedi” e in “scarpe” e in “sotto” e in “steso” e in “svegliati” e in “si alza”,

la “sineddoche” o parte per il tutto e viceversa in “vedevo solo i miei piedi con scarpe scure ed avevo un vestito lungo bianco a balze.”,

la “enfasi” o forza espressiva in ““Papà! Papà! Svegliati!”,

la “allegoria” o rappresentazione traslata della androginia psichica in “vedevo solo i miei piedi con scarpe scure” e dell’innocenza infantile in “un vestito lungo bianco a balze.” e della inanimazione psichica in “bare di vetro trasparente” e in “inconsapevole di essere stato creduto morto.”, della presa di coscienza in “Lui apre gli occhi e si alza”.

Il sogno di Lisbona è ricco di simboli e di interazioni simboliche o allegorie. Questa caratteristica rivela sensibilità estetica e culto per il bello.

La “diagnosi” dice che Lisbona ha vissuto un conflitto durante l’evoluzione psicofisica dall’infanzia all’adolescenza e, nello specifico, nella risoluzione della figura materna e nell’assimilazione delle modificazioni corporee. Si sottolinea la funzione maieutica del padre.

La “prognosi” impone a Lisbona di tenere sempre in considerazione questa tendenza alla dipendenza da figure femminili ritenute altolocate, ingiunge di approcciarsi alla figura maschile in maniera paritaria ritenendo superata la relazione “maieutica” con il padre.

Il “rischio psicopatologico” si attesta nella “regressione” difensiva con il ripristino della “posizione fallico-narcisistica” e nell’isolamento orgoglioso e superbo: “psiconevrosi ansioso-depressiva”. La folla e la gente sono il test di benessere psicofisico da propinarsi quotidianamente appena fuori casa e dopo il sonno e il sogno.

Il “grado di purezza onirico” è “buono”. Pur essendo formulato in maniera logica consequenziale, il sogno di Lisbona è ricco di simboli e di allegorie come si è rilevato in precedenza.

La causa scatenante del sogno, “resto diurno” del “resto notturno”, si attesta nel ricordo del viaggio a Lisbona, come ha ben precisato la stessa Lisbona.

La “qualità onirica” è decisamente “surreale”, a metà tra la parapsicologia e la vena “horror”. Fai un viaggio e tra i souvenir ti porti a casa le fotografie impresse nella mente e nel corpo, idee e sensazioni.

Il sogno di Lisbona presenta una lucidità e una compostezza che lo collocano come possibile dalla seconda fase del sonno REM.

Il “fattore allucinatorio” si attesta nell’esaltazione dei seguenti sensi:

la “vista” in “vedevo” e in “guardava questa scena” e in “noto” e in “lo faccio notare”,

l’ “udito” in “lo chiamo a gran voce: “Papà! Papà! Svegliati!”

Il “grado di attendibilità” dell’interpretazione del sogno di Lisbona è “buono” semplicemente perché l’abbondanza dei simboli si è integrata nell’interazione logicamente corretta. La traduzione si è connessa alla psicodinamica senza pieghe e forzature. Il “grado di fallacia” è “minimo”.

DOMANDE & RISPOSTE

L’interpretazione del sogni di Lisbona è stata sottoposta all’attenzione di una donna che ha voluto mantenere l’anonimato e che ha posto le seguenti domande.

Domanda

Come dev’essere una famiglia per fare bene ai figli?

Risposta

La famiglia è la cellula della società e deve essere “aperta” e “dinamica” come l’insieme sociale che andrà a costituire. Di conseguenza, la famiglia non deve essere monolitica e repressiva, statica e bloccata, deve incarnare il principio dell’evoluzione ed essere al passo con il progresso dei tempi storici e culturali. I figli sono la parte indifesa da tutelare e da sostenere nella loro irripetibile individualità psichica. Nell’ambito familiare i figli reagiscono agli stimoli interni ed esterni, formano i fantasmi, vivono le esperienze e organizzano i vissuti. L’infanzia è tutta da vivere all’interno di una famiglia rassicurante e aperta che fa scorrere linfa vitale, “libido”, e “insegna” nel senso latino di “indicare la direzione”.

Domanda

Da quali errori ci si deve guardare nell’educazione dei figli? Nella risposta sia meno complicato, altrimenti non capisco.

Risposta

Giusto! Mi dico sempre di essere semplice e che non mi trovo in un palloso congresso di strizzacervelli, ma in mezzo alla brava gente che popola il mercato rionale di Ortigia, il luogo dove ho trascorso la mia infanzia. Gli errori tremendi da evitare in assoluto da parte dei genitori e che ho rilevato spesso nella mia pratica clinica sono i seguenti:

il “possessivismo”, vivere i figli come un bene personale e non riconoscerli come individui e persone uniche e irripetibili a livello psichico,

la “colpevolizzazione”, indurre sensi di colpa in reazione a quello che fanno o che non fanno, ai loro pensieri e alle loro azioni,

la “manipolazione”, servirsi dei figli per ottenere un risultato e usarli a proprio uso e consumo,

la “prevaricazione”, impedire con la forza e la minaccia la libera espressione psicofisica del bambino,

la “dipendenza”, strutturare una serie di limiti, di paure e di colpe che costringono il figlio ad aver paura di espandersi e di agire liberamente.

Aggiungo che, non rendendo autonomo un figlio, gli si fa del male, tanto male perché lo si lascia bambino per il resto della sua vita.

Adesso ti elenco quello che i bambini non vogliono dai loro genitori:

le bugie, perché perdono la fiducia e non sanno a chi affidarsi,

l’abbandono, perché l’angoscia li opprime,

la lite tra genitori, perché non sanno quale parte prendere,

la derisione, perché si sentono quasi nulla,

le minacce dell’uomo nero o del barbazucon, perché non sanno difendersi,

l’esclusione, perché si sentono tremendamente soli,

la freddezza affettiva, perché amano le coccole prima dei dolciumi,

le punizioni, perché fanno male al cuoricino,

il silenzio della mamma, perché si sentono impazzire dalla risposta che non viene per una punizione di merda,

essere lanciati in alto ed essere ripresi al volo dal papà, perché non si divertono e ridono per l’angoscia che stanno incamerando e per il trauma che maturerà in fobia.

I bambini voglio mangiare a tavola con la famiglia al completo perché si sentono parte di un gruppo coalizzato e forte.

Potrei continuare, ho un quaderno pieno di queste torture, ma mi fermo.

Domanda

Mi fa un esempio del male maggiore?

Risposta

La “colpevolizzazione” è sottile e tremenda, oltre che dannosissima per l’economia psichica del bambino. Spesso le mamme usano la seguente espressione per punire l’eccessiva vivacità del figlio: “tu mi farai morire”. Non commento e non aggiungo altro perché mi si accappona la pelle al ricordo di tutte le volte che in psicoterapia ho affrontato questi drammi sotto la veste di pericolosi disturbi.

Domanda

Scusi se insisto, mi spieghi meglio?

Risposta

Il bambino si fa i suoi sensi di colpa sottili e incisivi, se poi si aggiunge la madre a confermare la sua capacità maligna di procurare la morte della persona che ama e da cui in certo modo dipende, il dramma è completo. Il bambino cresce e da adulto e alla prima occasione gli si scatena il “fantasma” di essere la causa della morte delle persone care. E se poi viene a mancare la madre, la tragedia è totale e si trascina per tutta la vita. La psiconevrosi fobico-ossessiva può tralignare in disturbi “borderline”, se va bene. E tutto questo per quattro parole improvvide che ti ripeto in dialetto veneto” “ti me farai morir”.

Domanda

E se dico scemo a mio figlio?

Risposta

E’ una violenza sottile che nel tempo paga e paga tanto caro.

Domanda

E se gli do una sberla?

Risposta

E’ una violenza bella e buona, da codice penale e con l’aggravante che è avvenuto da parte di un genitore.

Domanda

Lei sta esagerando.

Risposta

Non sto esagerando. I traumi apparentemente minori sono i peggiori. Bisogna calcolare la sensibilità del bambino di fronte ai messaggi dell’ambiente, quindi è meglio essere amorevoli e non cattivi, autorevoli e non autoritari, realisti e non carnefici. Quelli della mia generazione ricordano molto bene la cinghia di cuoio del papà dopo le accuse della nonna o dopo un’innocente e creativa “infantil cazzata”. Quelle cinghiate sono stimmate, veri segni sulla carne che restano nella psiche a vita. E i maestri? Dove li mettiamo i maestri che con la bacchetta di bambù ti colpivano le nocche ed erano tutelati dai genitori e dalla legge? Io avrei gradito un padre cazzuto piuttosto che un padre ligio e prono al dovere e al riconoscimento dell’autorità più bieca che va contro il suo sangue. E i preti, quelli con le tonache nere svolazzanti, dove li mettiamo? E le suore, le vergini che si chiamavano madri senza aver avuto un figlio, dove le mettiamo? Facevano meno paura i comunisti, quelli che secondo i democristiani mangiavano i bambini. Quante storie! Potrei scrivere un romanzo alla Camilleri o una breve enciclopedia delle stronzate di merda, ma mi fermo per non incazzarmi. Non fa bene al cuore e alle arterie.

Domanda

La punizione non ci vuole allora, ma come si fa a educarli questi figli? Non possono fare quello che vogliono, bisogna metterci un limite.

Risposta

La spiegazione e il dialogo sono più importanti di qualsiasi punizione. E l’ironia e il paradosso non guastano mai in queste circostanze. Il genitore creativo che non fa quello che il bambino si aspetta è un poeta e merita il premio Nobel per la Felicità.

Domanda

Ma come avviene la formazione del carattere nel bambino? C’entra l’eredita in qualche modo?

Risposta

Il neonato non eredita niente a livello psichico, è una “tabula rasa” che si dispone a vivere, a registrare e a organizzare le varie esperienze, quelle che provengono dal suo interno e quelle che provengono dal suo esterno. Mentre a livello biologico il neonato ha ereditato un corredo genetico dai genitori, a livello psicologico si viene a trovare in un corpo e in una famiglia da vivere e da interpretare in prima persona e nel tempo successivo con l’ausilio dei genitori. La formazione psichica avviene progressivamente per libero vissuto del bambino e per insegnamento del padre e della madre e delle figure socialmente preposte, nonché per incidenza educativa di quella che chiamiamo, genericamente ma significativamente, “la Vita”. Questo processo evolutivo consente e giustifica l’irripetibilità psichica anche dei gemelli monozigotici, quelli simili nelle fattezze ma non nel cosiddetto carattere, meglio nella “organizzazione psichica reattiva”. La formazione viene prima dell’educazione. Quest’ultima deriva dal latino “ex ducere”, “tirare fuori da”, e presuppone la formazione psichica. Il bambino, parzialmente formato, è sollecitato dai genitori e dagli educatori a manifestare le sue tendenze e le sue inclinazioni. Questo è il vero significato di educazione e l’autentico processo dell’educare. Mi fermo, altrimenti non andiamo all’infinito e non finiamo più questo articolo. Mi scuso con te e con i marinai per le poderose sintesi. Sicuramente servono a stimolare ulteriori approfondimenti.

Domanda

Quando mi devo preoccupare per la salute psicologica dei miei figli piccoli?

Risposta

Ti devi preoccupare e devi correre ai ripari quando il bambino accusa dei disturbi psicosomatici, perché vuol dire che le tensioni nervose superano il livello di guardia, “omeostasi”, e allora il sistema psicofisico si mette in azione per smaltire l’eccesso che non riesce a risolvere per vie naturali. Questo è l’indiscutibile segnale che il bambino sta soffrendo. E allora ha bisogno di essere curato dallo psicologo.

Domanda

Quali sono questi disturbi?

Risposta

Preoccupati se tuo figlio di tre anni fa la pipì di notte senza svegliarsi, “enuresi”, se balbetta, se non mangia adeguatamente, se vomita, se non respira bene, asma psicogena, se strizza gli occhi o manifesta altre forme di “tic” nevosi, se dice di avere mal di testa, se è stitico o diarroico e se ha altre forme di somatizzazioni d’angoscia. Accertato che il bambino è sano a livello organico tramite il pediatra, è certo che sta scaricando l’angoscia tramite le funzioni corporee. E questi apparati non vengono scelti a caso, ma secondo un significato simbolico elaborato e acquisito delle varie funzioni. Il bambino ha intuito che la bocca e lo stomaco sono gli organi degli affetti, il respiro riguarda la figura materna e il continuare a vivere, la cacca la sua aggressività e così via. Il bambino costruisce simboli personali in base ai suoi vissuti formativi e usa simboli collettivi in base all’educazione.

Domanda

Non sapevo queste cose. Grazie per avermele dette. Comunque, devo dire che il sogno di Eleonora mi ricorda la favola de “La bella addormentata nel bosco”. Eleonora aspetta il padre che la sveglia dal sonno in cui era piombata. Il padre è come il principe azzurro per le giovani donne, è una figura importante per la loro vita sentimentale e sessuale. Anche per me lo è stato. Da bambina lo temevo e dopo l’ho riscoperto e mi ha aiutato tanto a diventare donna. Ero orgogliosa di uscire con lui a spasso anche perché per me era tanto bello e maschio. Mi sto convincendo che quando lei parla di Edipo non va molto lontano da quello che io ricordo di aver vissuto nei confronti di mio padre e di mia madre. Mi meraviglio che non faccio fatica ad ammetterlo. Anzi mi piace sapere che i miei genitori erano tanto importanti per me.

Risposta

Proprio vero. Come non condividerti.

Domanda

Il rapporto con il padre ha poco di sessuale da quello che ho letto.

Risposta

Il “pansessualismo” freudiano è da superare se non è già superato. La “posizione edipica” è tanto di più e abbraccia molte manifestazioni della scena psichica dei figli. In passato si è tanto esagerato con la riduzione della Psicoanalisi alla teoria della sessualità. La “libido” è energia che consente l’evoluzione e non il motore esclusivo o il trapezio delle nostre acrobazie sessuali.

Domanda

Mi sembra di aver capito che le donne anziane e alcune madri sono cattive e si ripagano con le figlie e con le nipoti.

Risposta

La senilità accresce la cattiveria e quest’ultima è segno di vecchiaia e di angoscia di morte. Di fronte alle giovani donne alcune madri e alcune nonne vivono il sentimento dell’invidia della gioventù e della fertilità. Non basta, perché tendono a proporre la ripetizione degli errori che non hanno saputo correggere in loro stesse ed evitare nel loro comportamento. Le donne vecchie tendono a perpetuare lo status sociale e culturale della donna. All’uopo istillano una forma di rassegnazione nelle figlie e nelle nipoti. Se una donna è stata vittima del proprio uomo, dirà alla figlia di sopportare e di ripetere la sua storia di sottomissione con la famosa frase “gli uomini sono fatti così, ti tocca stare buona e portare pazienza”. Teoria della Nutella e della sua immutabilità: “la nonna la dava alla mamma e la mamma la dà alla figlia e la figlia la darà alla figlia e cosi via “in secula seculorum, amen”. Sarà anche per questo motivo che le maestranze della “Ferrero” continuano a usare l’olio di palma nella preparazione del gustoso impasto di cacao e nocciole.

Domanda

Concludo io senza alcuna presunzione. Allora, posso dire che padri freddi, indifferenti e assenti sono dannosi per i figli. I genitori sono importanti per la loro corretta crescita fisica e psichica e per le future storie d’amore e di sesso. L’adolescenza è un periodo di turbamento, ma serve per diventare forti e superare le difficoltà della vita.

Ok!

Voglio anche scegliere la canzone: “La vita” cantata dai giovani siciliani del Volo o da Shirley Bassey. Veda lei, ma faccia come ho detto io. Scelgo questa canzone per dire alle adolescenti che davanti a loro si prepara una vita bella e che non abbiano paura di goderla.

Risposta

Obbedisco meglio di Garibaldi e allego entrambe le canzoni per non far torto a nessuno. Preciso che il Volo ha al suo interno due siciliani e un abruzzese.

Alla prossima.

L’UOMO IN CHAT

TRAMA DEL SOGNO – CONTENUTO MANIFESTO

“Ho sognato di aver conosciuto un uomo in chat e di avere instaurato una relazione virtuale.

Dopo un po’ di tempo, visto che trovava scuse per non vederci, decido di andare a trovarlo a Milano, dove abita con la mamma, una ricca imprenditrice, la quale appena arrivo mi offre un lavoro.

Scopro che l’uomo conosciuto in chat è allettato perché è paralizzato dalla vita in giù, ma sono tanto felice perché sento che mi vuole davvero bene.

La gioia è tanta e mi sveglio.”

Questo è il sogno di Eleonora.

DECODIFICAZIONE – CONTENUTO LATENTE

CONSIDERAZIONI

I “social” inducono a relazionarci e a tradurre in atto l’umano bisogno dell’altro.

Che bella cosa e che buon servizio!

Aristotele se la ride dal basso delle sue ultime ceneri e ammicca con il suo “zoon politikon”: “vi avevo detto da tempo che l’uomo è un vivente che si relaziona e fa delle scelte”. “Politikon” contiene tutto il senso della vita sociale dei Greci all’interno della città stato, la “polis” per l’appunto, e tutto il travaglio del difficile esercizio della “democrazia diretta”. Del resto, il grande filosofo aveva ratificato nella sua opera “Politica” quello che in Atene era già storicamente avvenuto sin dai tempi del rompiscatole e scansafatiche Socrate, nonché dei presuntuosi e spocchiosi Sofisti.

Oggi i suoi assunti di base sull’essenza umana e le sue acute analisi filosofiche sulla formazione e sulla struttura dello Stato sono di grande attualità e interesse, ma le società umane si sono dilatate a dismisura insieme agli strumenti di comunicazione. Gli Stati si sono alternati nella scena storica secondo gli schemi culturali dominanti e gli uomini hanno ancora la necessità biologica di nascere da una madre e di morire da soli, oltre la possibilità di collegarsi in tempo reale con la morosa che abita in Australia e di far sesso in video. Nel frammezzo di tanta fortuna si colloca l’avventura della vita collettiva, una dialettica sociale fatta di incontri e di scontri, di vizi e di virtù, di desideri e di scoperte, di magia e di scienza. Ancora, nel frammezzo di tanta fortuna si colloca anche l’avventura della “libido” e l’evoluzione di quello slancio vitale, energia, che persiste e incalza. Un uomo da solo è un’astrazione buona per l’Algebra, è la negazione della sua essenza biologica o metafisica. Un uomo da solo non esiste e non può esistere. Anche se isolato e chiuso in una campana di vetro, questo mirabile vivente si relazionerebbe con il suo corpo e con i suoi prodotti psichici, inventerebbe i simboli, costruirebbe un mondo densamente popolato dai suoi fantasmi e sarebbe sempre in buona compagnia con le sue poesie.

Aristotele aveva e ha ragione, punto e basta!

Oggi noi dobbiamo accontentarci dei nostri filosofi e giornalisti sempre in “tv” di qua e di là e dei nostri politici, giovinastri buontemponi e frutto improvvido della comicità più sciocca o dei matrimoni tra nani e donne-cannone. Oggi noi siamo il risultato sociale e politico degli sberleffi degli eredi di due comici, per cui possiamo anche gridare che ci manca tanto un Platone o un onorevole Andreotti. Bando alle lamentele dal momento che “chi è causa del suo mal pianga se stesso” e, allora, diciamo che oggi ci si può soltanto consolare gridando a squarciagola che “io non sono questo o non sono quello” e che gradirei i porti aperti alle onde del mare e alle ondate di quegli uomini mezzi impauriti, di quelle donne quasi sempre violentate e incinte, di quei bambini dagli occhioni lucenti di lacrime, uomini, donne e bambini bisognosi intanto di essere salvati e dopo anche di una lucente coperta termica e di una porzione di pasta al forno siciliana. Ma la paranoia oggi è al potere e la rossa vergogna è sul volto della gente sana e per bene. Qualcuno ha deciso che i porti devono restare chiusi e “più non dimandare”, brutta bestia sovversiva.

E’ tempo di convergere sul sogno.

Eleonora parla di un uomo conosciuto in “chat”, di una relazione virtuale che aspira a tradursi in relazione “carne e ossa”. Anche la virtualità è una realtà, la realtà di una possibilità, così come la concretezza materiale è la realtà comunemente più accreditata nelle nostre teste e non soltanto nel vocabolario. Eleonora ha una relazione virtuale e sente il bisogno di fisicità, vuole passare dall’astratto al concreto, dall’immaginario al reale, dall’etereo allo stato solido. Quella di Eleonora è l’umana esigenza di una donna che si relaziona con un uomo e che vuole un contatto del suo tipo, una relazione fatta di polvere e di sangue, di idee e di valori, di sensi e di sentimenti, di emozione e di ragione, di desideri e di passioni, di fusioni e di conflitti. Insomma, Eleonora è una donna normalissima che in sogno svolge le sue umane esigenze e le sue specifiche inclinazioni, i suoi tratti psichici e i suoi valori sociali. Nella prima parte sviluppa l’universale bisogno dell’altro e la comune trama delle umane relazioni, nella seconda parte introduce le sue peculiarità psichiche elaborate nell’evoluzione degli investimenti della sua “libido”. A questo punto ci aspetteremmo dal sogno di Eleonora la storia d’amore che inizia al freddo e finisce al caldo, si origina dallo strumento elettronico e approda nel vasto corredo dei sensi e dei sentimenti.

Ma ecco il colpo di scena!

Eleonora denuncia la sua inclinazione alla “sublimazione della libido”, la sua tendenza alla relazione mistica, la sua predilezione alla spiritualità. Svirilizza il suo uomo e si mette al suo servizio sentendosi amata nel vero senso e nel vero modo. E tutto questo psicodramma avviene sotto l’egida della “posizione edipica” e sotto l’ombra della figura paterna inserita in una cornice affettiva di buona qualità. Quella di Eleonora è una reale modalità d’amare, un reale passaggio dal virtuale all’ideale, è la sua modalità e quella di tante altre donne che si sono bloccate e impantanate negli allettamenti mitici e mitologici dell’infido Edipo, l’uomo dai “piedi gonfi”.

Seguirla nel suo sogno sarà non soltanto un vero piacere, ma anche un buon insegnamento per i lettori di buona volontà e che, come me, gradiscono a tavola i valori intramontabili dell’accoglienza e della condivisione, quell’olio extravergine d’oliva che pizzica il palato e che sa tanto di cardo mariano.

Si dia inizio alle danze dei simboli e all’esibizione dei fantasmi.

SIMBOLI – ARCHETIPI – FANTASMI – INTERAZIONE ANALITICA

Ho sognato di aver conosciuto un uomo in chat e di avere instaurato una relazione virtuale.”

Eleonora va in “chat” e frequenta i “social”, i siti dove si conosce gente di tutti i tipi e ci si relaziona con l’intento e la speranza che “da cosa possa nascere qualcosa” e qualcosa di qualsiasi tipo. I siti sono vari e variopinti, vanno dall’amicizia platonica al sesso sfrenato, dalla sublimazione religiosa alla materialità più bieca. Nei siti estremi vanno e s’incontrano uomini e donne che hanno qualche pendenza psichica in atto. E regolarmente avviene che ci si imbatte nella conoscenza virtuale di persone sconosciute che si manifestano nella veste più brillante e seduttiva. Tutto bene quel che finisce bene e con tanti auguri per la prossima volta.

Il sogno di Eleonora è partito da una normale pratica di viaggiare in “internet” e ha assolto il suo bisogno di tanto navigare: conoscere una persona e stabilire una relazione virtuale. Questi sono i bisogni attuali della protagonista del sogno.

Ma perché questa santa donna va in “chat” e non al supermercato sotto casa a conoscere il macellaio che ogni giorno le fa l’occhiolino e che puzza di carne?

Ma perché Eleonora si pasce di “cazzeggiare” con il computer ore e ore e si accontenta di pascolare su un infido “social” nella ricerca sotterranea di trovare l’amore maledetto ma eterno?

Il “social” è un cumulo di anfetamine non prescritte da alcun medico, è un antidepressivo in circuiti sottili e abilmente stagnati, è lo strumento gratuito dell’eccitazione continua, è un orgasmo blando e prolungato che si gusta come un caffè espresso all’aeroporto di Catania, è il luogo degli incontri più ambigui e delle sorprese più oscene. Certamente il “social” non è il convento delle suore di sant’Orsola e non ricalca gli insegnamenti del papà o della mamma. Eleonora ha bisogno di tutto questo eccitante “ambaradan” in questo periodo sbilenco della sua vita.

I simboli dicono che “un uomo” è la predilezione elettiva di Eleonora e il corredo psicofisico dell’universo maschile, la “chat” condensa la relazione difensiva e l’investimento antidepressivo, la “relazione virtuale” è quello che si diceva prima, una difesa dal coinvolgimento diretto e una maniera di eccitazione solipsistica.

Ribadisco: Eleonora è una donna sola, meglio che si sente sola, e che ha il problema di investire in maniera diretta la sua “libido”, per cui si difende dall’angoscia di solitudine ricorrendo alla virtualità e alla vitalità dell’immaginazione, si eccita con la Fantasia, si allucina con i suoi desideri più reconditi e più umani. Questi processi psico-neuro-fisiologici si snodano dentro i circuiti sottili e i fasci luminosi di un simpatico computer.

Riflettiamo gente, riflettiamo!

Dopo un po’ di tempo, visto che trovava scuse per non vederci, decido di andare a trovarlo a Milano, dove abita con la mamma, una ricca imprenditrice, la quale appena arrivo mi offre un lavoro.”

Eleonora è una donna timida che supera le sue difficoltà relazionali convertendosi in una donna decisa e pratica, determinata e pragmatica, una donna che non accampa scuse e che aspira a realizzarsi con i suoi investimenti energetici e seduttivi: aspira per l’appunto. Eleonora prende coscienza sognando di essere una donna fragile e di aspirare a superare le sue difficoltà buttandosi nell’ergoterapia, nella cura del fare e dell’agire. Per tale scopo si immagina e si colloca come la mamma di quest’uomo non cresciuto abbastanza o cresciuto male e con qualche pendenza edipica. Per superare le sue difficoltà relazionali Eleonora ricorre alle sue arti psicofisiche materne, non si offre come donna che seduce e conquista, ma come una buona madre che si prende cura del figlio adulto e in questa pratica trova la sua realizzazione e i suoi tesori.

Vediamo i simboli e i “meccanismi psichici di difesa”.

La “proiezione” è evidente nell’attribuire all’uomo “le scuse per non vederci” e nel trasferirsi nella “mamma, una ricca imprenditrice”, così come è manifesta la “identificazione” in questa figura che “appena arrivo mi offre un lavoro”. Simbolicamente le “scuse per non vederci” si traducono nelle difese a prendere coscienza della paura del ruolo da assumere nei riguardi di un uomo possibilmente da amare. “Decido di” rappresenta il meccanismo di difesa della “messa in atto”, inglese “acting out”, e si traduce dal latino “tagliare” tra le tante deliberazioni e valutazioni. “Andare a trovarlo a Milano” fa il paio con “mi muovo e aggredisco” sperando di non destare timore nel povero malcapitato e oggetto di tanta irruenza.

Eleonora costruisce in sogno il suo modello di uomo, un individuo passivo e remissivo nei riguardi delle donne, un uomo immaturo che ancora ha bisogno della madre e che nella donna cerca la figura e la valenza materne. Almeno così Eleonora gradisce il suo uomo e certamente per sentirsi a suo agio. In primo luogo agisce e dopo si presenta come una figura materna. “Abitare” è simbolo di identificazione e di possesso, il passo successivo alla “introiezione” dell’oggetto buono o ritenuto tale.

Ma la verità psichica qual’è?

Eleonora si è immedesimata e identificata a suo tempo nella madre al fine di conquistare il padre: “posizione psichica edipica”. Eleonora, sempre a suo tempo, si è talmente innamorata del padre che da adulta ancora ricerca una figura similare su cui esercitare il suo potere di donna come ha fatto sua madre, una figura assimilata e ben strutturata. Si respira l’anelito della figlia di fare come la mamma per avere le cure e le premure del papà. Il “meccanismo di difesa” della “alleanza con il nemico” è evidente in “appena arrivo mi offre subito un lavoro”, trovo un investimento di “libido” da fare. “Milano” sembra una città progrediente, ma è regressiva perché Eleonora torna indietro alla sua infanzia e alla sua tormentata storia d’amore con il padre, un’avventura elaborata senza urtare la sensibilità materna e servendosi degli strumenti seduttivi di figlia. La “chat” è elettronica nel progredire e anche nel portare indietro Eleonora a quando elaborava i suoi “fantasmi” in riguardo al padre e alla madre, al periodo della sua vita infantile quando formava la sua “organizzazione psichica reattiva” proprio reagendo alle pulsioni interiori e alle stimolazioni dell’ambiente.

Proseguire, per avere la conferma di questo trambusto, è d’obbligo.

Scopro che l’uomo conosciuto in chat è allettato perché è paralizzato dalla vita in giù, ma sono tanto felice perché sento che mi vuole davvero bene.”

Eleonora svirilizza “l’uomo conosciuto in chat” con la paralisi “dalla vita in giù”. Ha risolto un grosso problema, la sessualità, esternando una forte carica aggressiva verso il maschio, una pulsione sadomasochistica classica della “posizione psichica anale” e recuperata dalla sua formazione. Ma Eleonora è “tanto felice” perché, se quest’uomo non può far sesso, vuol dire che la ama “davvero”, che il suo sentimento è puro. Eleonora ha bisogno di separare il vile metallo della sessualità dall’oro colato del sentimento d’amore.

Ma perché questa drastica e assurda scissione tra il corpo e gli affetti?

Perché quest’uomo “allettato” è il padre, la figura paterna ringiovanita al tempo di Eleonora bambina. Si dichiara in maniera conclamata la “posizione psichica edipica”, la conflittualità piuttosto intensa che Eleonora ha vissuto nella sua infanzia e adolescenza nei riguardi dei suoi genitori. La bambina cercava il padre e ne era attratta. Nessuno la rassicurava sulla purezza naturale di questo trasporto ed Eleonora si è portata dietro questo bisogno affettivo e lo ha anteposto a qualsiasi altra movenza del corpo. Questo sentimento d’amore è da privilegiare in assoluto e soprattutto rispetto alla sfera carnale. Eleonora è cresciuta con queste convinzioni e se le porta dietro nel sogno a indicare il travaglio dell’amore puro e scevro da allettamenti sensuali e sessuali: “ma sono tanto felice perché sento che mi vuole davvero bene”.

Vediamo i simboli e i “meccanismi di difesa” dall’angoscia edipica dell’incesto.

“Scopro” ossia prendo coscienza del conflitto edipico e dell’angoscia dell’incesto. “L’uomo conosciuto in chat” è la traslazione della figura paterna in versione giovanile. “Allettato” condensa un “fantasma depressivo di inanimazione” ed equivale a bisognoso di cure. “Paralizzato dalla vita in giù” si traduce nella “impotentia coeundi”, una chiara “proiezione” di aggressività “anale” in difesa dall’angoscia dell’incesto o delle pulsioni erotiche che la bambina avvertiva e che doveva negare. Con questi assunti di base e con queste modalità si è formata la Filosofia dell’amore di Eleonora: l’amore vero è puro, una forma sublimata e mistica degli investimenti di “libido”, un rifiuto difensivo della materialità del corpo a favore della spiritualità dei sentimenti. “Sono tanto felice” si traduce in sono pervasa da un buon demone, da uno spirito vitale consono alle mie esigenze psicologiche profonde e spirituali. “Sento” o gusto. Eleonora diffida delle sensazioni del suo corpo, ma non può fare a meno di esprimersi con le movenze del corpo. Il processo della “sublimazione della libido” fa i suoi miracoli nel deprivare di materia il senso e nell’innalzarlo ai vertici del misticismo sotto forma di sentimento.

Si conclude con questo benessere psicofisico il viaggio onirico di Eleonora intorno alla sua relazione meravigliosa e sublimata con il padre e intorno alle sue esigenze di amare un uomo in maniera pura e asessuata. E’ chiaro che sono tutte difese psichiche dal coinvolgimento erotico e sessuale di Eleonora, difese edipiche che la giovane adolescente non è riuscita a superare e che la donna si è portato dietro nell’esercizio mistico della sua sessualità e nella ricerca di un uomo a metà, un oggetto d’amore puro ed egoisticamente elaborato al fine di non vivere l’angoscia dell’incesto e di non commutarla in trasporto orgasmico dei sensi.

La gioia è tanta e mi sveglio.”

Svegliarsi per “la gioia”, piuttosto che per l’ansia o tanto meno per l’angoscia, è veramente auspicabile per tutti. La gioia di Eleonora si spiega con l’appagamento affettivo e con la presa di coscienza che le sue esigenze sentimentali sono di grosso spessore e sono state assolte. “Gaudium” è a metà tra il mistico e il sentimentale, ha pochissimo, quasi niente, di carnale, a conferma che Eleonora ha impostato il suo sogno sul registro difensivo della “sublimazione della libido”. Contenta lei, contenti tutti.

Questo è quanto dovevo al sogno di Eleonora.

PSICODINAMICA

Il sogno di Eleonora svolge la psicodinamica “edipica” in riferimento privilegiato alla figura paterna e senza trascurare la madre come figura “a latere” in cui identificarsi. Manifesta, inoltre, la modalità di amare e il privilegio esclusivo del sentimento rispetto al senso. Usa il processo psichico di difesa della “sublimazione della libido” perché persiste nell’economia psichica profonda di Eleonora il “fantasma del padre” e l’angoscia dell’incesto.

ULTERIORI RILIEVI METODOLOGICI

Dei “simboli” si è ampiamente detto cammin facendo. Sottolineo quelli portanti: “chat” ossia difesa dalla relazione e dal coinvolgimento erotico e sessuale e “traslazione” nella virtualità, “allettato” e “paralizzato” ossia “proiezione” di aggressività “anale” di qualità sadomasochistica, “uomo” ossia padre in versione giovanile, “mamma” ossia figura materna e identificazione”.

Il sogno di Eleonora rievoca “l’archetipo” del Padre e lo rivede secondo i filtri della “sublimazione” dell’angoscia dell’incesto.

I “fantasmi” presenti nel sogno di Eleonora sono quelli del “padre”, della “madre” e della “sessualità” in versione edipica.

Nel sogno di Eleonora agiscono le istanze psichiche “Io”, vigilanza e ragione, in “visto” e in “decido” e in “scopro” e in “sono”, “Es”, istinto e pulsione, in “dove abita con la mamma” e in “allettato” e in “paralizzato dalla vita in giù”, “Super-Io”, censura e limite, in “una relazione virtuale” e in “trovava scuse per non vederci”.

Le “posizioni psichiche” richiamate da Eleonora in sogno sono la “anale” in “allettato” e in “paralizzato dalla vita in giù”, la “edipica” in “uomo conosciuto in chat” e in “abitava con la mamma” e in “allettato perché è paralizzato dalla vita in giù”.

Il sogno di Eleonora si serve dei seguenti “meccanismi psichici di difesa”: la “condensazione” in “chat” e in “allettato” e in “paralizzato”, la “proiezione” in “visto che trovava scuse per non vederci”, lo “spostamento” in “abita con la mamma, una imprenditrice”, l’ acting out o “messa in atto” in “decido di andare a Milano”, la “identificazione” in “una imprenditrice”. Il processo psichico di difesa “regressione” è presente nei termini necessari alla funzione onirica e anche in “Milano”, mentre la “sublimazione” si vede in “sono tanto felice perché sento che mi vuole davvero bene.” e in “La gioia è tanta”.

Il sogno di Eleonora evidenzia un consistente tratto psichico “edipico” all’interno di una “organizzazione psichica reattiva” decisamente “orale”. Il tutto significa che Eleonora è una donna che ha tanto bisogno di affetto e di essere amata e che ricerca ancora questo appagamento psicofisico che ha desiderato da parte del padre nella sua infanzia. Eleonora è l’incarnazione del motto latino “omnia munda mundis”, “tutto è puro per i puri”.

Le “figure retoriche” elaborate da Eleonora nel suo sogno sono la “metafora” o relazione di somiglianza in “uomo” e in “mamma” e in “imprenditrice”, la “metonimia” o relazione logica in “allettato” e in “paralizzato”. Il sogno è discorsivo e prosaico, non raggiunge picchi poetici anche se è tanto bello per la tematica e arduo per la purezza della risoluzione: prima l’amore e poi il sesso.

La “diagnosi” dice che Eleonora è affetta da “psiconevrosi edipica” per parziale risoluzione della relazione psicofisica, affettiva in primo luogo, con il padre, per cui trasporta questa sua esigenza di essere amata nell’uomo su cui investe la sua “libido genitale”.

La “prognosi” impone a Eleonora di portare a degna e matura risoluzione la “posizione psichica edipica” al fine di non sovraccaricare il partner di un bisogno maturato altrove e a suo tempo. E’ importante godere del corpo e non soltanto della sfera affettiva. Del resto, il corpo ha un suo misticismo in quanto rivelazione del pensiero e del progetto del creatore. Giovanni dice nel suo Evangelo “e il Verbo si fece carne e abitò tra noi”. Il Buddismo vede nel Corpo l’essenza mistica per eccellenza, il “nascondimento” del principio divino che è nella Natura.

Il ”rischio psicopatologico” si attesta nelle difficoltà relazionali a causa della drasticità con cui viene avvolta la componente affettiva. La “psiconevrosi d’angoscia” è pronta a insorgere nella frustrazione del bisogno psichico e della vitalità sessuale, una forma di “castrazione” volontaria per difesa dal coinvolgimento e dall’investimento di “libido”.

Il “grado di purezza onirico” è “buono” nonostante l’apparente vena narrativa della protagonista del sogno. La simbologia di “allettato” e di “paralizzato” dà senso al “contenuto manifesto” ed è la chiave interpretativa del sogno di Eleonora.

La “causa scatenante” si attesta nella frustrazione di un bisogno affettivo o nel ricordo del padre.

La “qualità onirica” è il collegamento alla modernità e il riferimento alle relazioni virtuali. Il simbolo della “chat” è vecchissimo come il cucco: la difesa dalle relazioni umane dirette e la commutazione nella versione fantasiosa e nella pulsione desiderante.

Il sogno si è possibilmente svolto nella terza fase del sonno REM alla luce della moderata e composta tensione nervosa che lo contraddistingue e della decisa “messa in atto” della protagonista che oscilla tra la bambina timorosa e la donna affermativa.

Il “fattore allucinatorio” si attesta nell’esaltazione dell’affettività: “sono tanto felice perché sento che mi vuole davvero bene. La gioia è tanta…” Questa è una “allegoria” del sentimento dell’amore puro, asessuato per la precisione.

Il “grado di attendibilità” della decodificazione del sogno di Eleonora è “ottima” a causa della simbologia edipica oltremodo diffusa. Il “grado di fallacia” è basso.

DOMANDE & RISPOSTE

L’interpretazione del sogno di Eleonora è stata letta da una signora che si è voluta definire in questo modo: “di mestiere pulisco le scale e sono madre di tre maschi”. Alle fine mi ha posto le seguenti domande in maniera decisa e perentoria.

Domanda

Cos’è la chat?

Risposta

E’ la chiacchiera o la conversazione per via telematica con persone e in tempo reale. Ci sono dei siti in cui la gente si incontra e intavola lunghe discussioni al fine di conoscersi e di condividere. Ci sono anche siti in cui la conoscenza è finalizzata in maniera specifica: scambio di informazioni o di prestazioni o di altro. In prevalenza i siti “social” assolvono il bisogno umano di relazionarsi e di superare le difficoltà all’approccio attraverso la virtualità, la potenzialità o la possibilità di conoscere tanta gente senza che la persona sia immessa direttamente e di brutto nella relazione con l’altro.

Domanda

E’ una cosa buona che il progresso ci ha regalato.

Risposta

Decisamente sì. Come in tutte le azioni e le cose umane esiste un giusto mezzo a cui ci si deve attenere al fine di evitare le possibili degenerazioni. La “chat” richiede coraggio e responsabilità in chi la pratica e in chi naviga in “internet” alla ricerca di emozioni e di sentimenti.

Domanda

Eleonora andava in “chat” per cercare un uomo da amare perché aveva problemi a trovarlo normalmente uscendo di casa o sul luogo di lavoro?

Risposta

Giustissimo! Eleonora si relazionava con persone sconosciute perché magari non trovava l’uomo giusto e aveva la possibilità di avere un vasto campionario nei “social” specializzati nel far conoscere la gente e nel favorire gli incontri reali oltrepassando il virtuale. La possibilità di un approccio è diventata realtà di fatto. Quasi tutti coloro che frequentano i “social” e “chattano” hanno la finalità di conoscere di persona la gente con cui hanno tanto parlato e discusso. La “chat” è un valido strumento sociale se ben usato e calibrato con la piena consapevolezza dei pregi e dei difetti, dei vantaggi e dei rischi. Se si possono accorciare le distanze tra gli uomini, ben vengano la “chat”, i “social” e i “siti” specialistici. Bisogna partire sempre dalla consapevolezza di cosa ho bisogno e dello strumento che sto usando.

Domanda

Ma dottore ci sono anche siti per gli incontri sessuali?

Risposta

Affermativo! Ci sono siti in cui la relazione proposta è decisamente ed esclusivamente sessuale e con tutte le varianti del caso. La chiarezza è importante per l’offerta e la consapevolezza è determinante per il fruitore, per colui o colei che usano questo servizio. Bisogna abbandonare i moralismi bacchettoni e prendere atto della realtà in cui viviamo che sicuramente è la migliore possibile rispetto al passato.

Domanda

Ma chi frequenta questi siti forti che tipo è e che problemi ha?

Risposta

Non sempre ha problemi, spesso ha un gusto specifico sulla vita sessuale. Sono soprattutto uomini e donne che hanno superato i quarantanni e cercano emozioni spedite e incontri disinibiti, che vogliono vivere una sessualità libera e giustamente sfrenata. Le persone sessualmente inibite non si mettono in quest’impresa imprevedibile ed eccitante. Il rischio di incontrare il cosiddetto maniaco sessuale è da calcolare ed è frequente se per maniaco intendiamo una persona a cui piace far sesso in maniera compulsiva. Se invece intendiamo un pericoloso killer, il rischio è molto ridotto perché le sindromi psichiatriche gravi hanno altri teatri e altre motivazioni e non si accontentano di un esercizio spedito e libero della vita sessuale.

Domanda

Lei non ci vede problemi?

Risposta

La mia verità esige che questi fenomeni ci sono sempre stati e che oggi sono alla luce del sole. L’uomo è un animale poligamo e non monogamo, per cui avere accesso all’oggetto del desiderio sessuale senza tante contorsioni e acrobazie è indizio di civiltà e di tutela della persona. Aggiungo che è sempre necessaria la consapevolezza e che lo spirito critico non deve far difetto. La prudenza condisce il piatto offerto dall’altro nel dire e nel fare.

Domanda

Lei sarebbe favorevole alle case chiuse?

Risposta

Perché le hanno chiuse? E quando?

Domanda

Tornando al sogno, Eleonora aveva problemi se andava in chat?

Risposta

Questa è una bella domanda concreta, visto che abbiamo il documento del sogno che ci aiuta e ci sostiene. Dall’interpretazione viene fuori che qualche problema di approccio all’altro sesso Eleonora se lo porta dietro dall’adolescenza, quando avrebbe dovuto risolvere la dipendenza dal padre e non è stata capace di staccarsi da tanta figura. Ha dovuto posporre la vita sessuale alla vita affettiva. Queste manovre del prima e del poi sono assurde e difensive. Il senso si coniuga con il sentimento, così come il sesso si sposa con il riconoscimento dell’altro. Viaggiano in simultanea l’affetto e il desiderio, il trasporto emotivo e l’eccitazione, l’appetito e la seduzione.

Domanda

Ma esiste una morale di “internet”? Qualcuno ci ha pensato?

Risposta

Certo, ci hanno pensato i filosofi e i sociologi in prima botta. Di poi si sono aggregati gli psicologi.

Domanda

E cosa hanno detto?

Risposta

Hanno detto che la “comunicazione elettronica” necessita di una “Etica” e semplicemente perché la sfera dell’informazione pone problemi nuovi come la tutela della “privacy” e la difesa dalla violenza informatica, questioni a cui bisogna far fronte. Hanno proposto queste regole e queste norme morali per una buona conversazione sul Web.

L’informazione è un bene collettivo, non si deve usare per arrecare danno agli altri e bisogna evitare la crudeltà informatica.

L’informazione è un’occasione di crescita per tutti e la comunicazione presuppone il rispetto della dignità umana, per cui non si devono usare gli altri come mezzo, ma sempre come fine.

La comunicazione deve tendere allo scambio reale di qualcosa e non deve essere adoperata per fini inconfessabili e occulti.

Bisogna seguire le regole della “buona educazione della conversazione” e cioè usare un linguaggio chiaro e comprensibile che si adatti al contesto e ai destinatari.

Bisogna cooperare alla buona riuscita della comunicazione cercando di mettersi anche dal punto di vista dell’altro.

Bisogna conformare il contributo a quanto è richiesto dal contesto dello scambio linguistico.

Bisogna evitare le prolissità per non far perdere tempo agli altri.

Bisogna esprimere in modo essenziale tutte le cose importanti.

Bisogna evitare l’oscurità nell’espressione.

Bisogna tendere a una comunicazione ordinata.

Bisogna essere sinceri e giudicare i partner della discussione come esseri dotati degli stessi diritti.

Domanda

Lei cosa pensa?

Risposta

Sono d’accordissimo, ma bisognerebbe allargare il quadro ed essere più precisi e incisivi in certi settori, come la difesa dei bambini e degli adolescenti. Gli adulti se la cavano da soli perché hanno, almeno dovrebbero avere, le armi critiche per difendersi dalla irruzioni barbariche. Del resto, è importante e proficuo produrre idee e scambiare informazioni con l’obiettivo di potenziare l’Intelligenza collettiva, il Sapere condiviso e le Relazioni umane. Nel mio blog io cerco di adeguarmi a questi principi e non sempre ci riesco, specialmente sono precario nella prolissità e nel far perdere tempo alla gente che mi legge.

Domanda

Non è vero, ma va bene. Cercherò di capire e ci rifletterò meglio. Intanto grazie. La canzone quale sarà?

Risposta

Grazie a te. Approfitto per precisare che la canzone “leggera”, che io scelgo quasi sempre alla fine dell’interpretazione del sogno, conferma la diffusione dei temi psichici e sociali e i diversi livelli in cui il tema si può trattare: il “registro onirico” e il “registro musicale” nel nostro caso. Sono vissuti di tutti e non soltanto di Eleonora. Nella scelta della canzone ci metto anche una dose di ironia, quella che non fa mai male. Il metodo è anche quello logico e psicoanalitico di associare liberamente qualcosa che è stato detto. La “contaminazione” è usata negli ultimi tempi anche nella musica leggera e gli autori contemporanei sono veramente persone istruite e creative che riescono a mettere insieme il nuovo e il vecchio in maniera originale. In specie i “rapper” sono i nuovi poeti e la “rapperistica” o il genere “rap” è un settore della Poesia contemporanea. E’ vero che hanno una diffusione privilegiata, spesso martellante, nel mondo contemporaneo, ma come non riconoscere la vena compositiva, l’uso creativo del linguaggio e dei temi, l’impegno sociale e culturale?

Adesso ascoltate con disimpegno ironico la canzone degli anni sessanta di Memo Remigi “Innamorarsi a Milano”. Eleonora sarà contenta nel sapere che prima di lei altra gente è passata per queste forche caudine.

Vi ringrazio e ringraziate sempre tutti quelli che vi vogliono bene.

Alla prossima!