IL COMPUTER ANTIQUATO & GLI ANIMALI MAI VISTI

Monkeys play computer.

IL COMPUTER ANTIQUATO

&

GLI ANIMALI MAI VISTI

TRAMA DEL SOGNO – CONTENUTO MANIFESTO

Sogno di essere in ufficio, ma la “scrivania” in realtà è un tavolone che accoglie nei due lati almeno 6-8 persone.
Tutte le postazioni, e non solo quelle del tavolone, sono prive di computer e la cosa mi stupisce non poco.
Vedo che il computer è sotto il tavolo, lo metto nella mia postazione, ma è un computer antiquato con pochissime funzioni e inadatto a finire il lavoro che devo fare.
Cerco negli altri uffici che sono dislocati in una grande costruzione con particolari di bel design inusuale per un luogo dove si girano scartoffie!
Girando per questi spazi incontro un collega al quale nella realtà non rivolgo la parola da più di 16 anni; lui mi segue, io scappo, corro, lui mi rincorre ridendo e io faccio di tutto per sfuggirgli, ma fatico a distaccarlo…. nella corsa mi trovo in uno spazio aperto tra piante e rocce e quel luogo è pieno di animali che nel mio territorio non esistono: scimmie di cui una più grande di un uomo e tutta nera…. lucertole mai viste…”

Questo sogno è firmato Ansiosa.

DECODIFICAZIONE E CONTENUTO LATENTE

CONSIDERAZIONI

La modernità entra nei nostri sogni anche sotto forma di “computer” e si inserisce degnamente nei nostri contesti psichici in atto.

Passa il Tempo e la Scienza avanza dominando, nel bene e nel male, la nostra vita e il nostro ambiente, ma le valenze simboliche permangono. Il “computer”, per l’appunto, ultimo gioiello della scienza elettronica, resta il simbolo dell’intelligenza operativa dell’Io, del “sistema nervoso centrale” e volontario, della funzione razionale. Così come gli “animali”, le “scimmie” e le “lucertole mai viste” continuano a rappresentare simbolicamente le pulsioni del “sistema neurovegetativo” o involontario, nello specifico i primi condensano gli istinti, le seconde le pulsioni, le terze la sessualità maschile.

Ansiosa è “ansiosa” in sogno perché il suo “computer” non funziona, ma era guasto già prima della sua invenzione perché simbolicamente lo possedeva nel suo “sistema nervoso centrale”, così come gli “animali” risiedevano nel suo “sistema neurovegetativo” e non erano “mai visti” perché ancora non aveva piena consapevolezza per agirli.

Inoltre, il sogno di Ansiosa consente una riflessione metodologica sull’importanza simbolica della “parola”, “incontro un collega al quale nella realtà non rivolgo la parola da più di 16 anni”, e sul suo legame essenziale con l’Inconscio, secondo le teorie psicoanalitiche di Jacques Lacan.

Ancora, il sogno di Ansiosa tesse le lodi della “presa di coscienza” in superamento delle “resistenze” psichiche che impediscono per loro funzione difensiva la consapevolezza del materiale psichico rimosso e forniscono una falsa immagine di sé. Il sogno di Ansiosa si può titolare anche “Al di là delle resistenze… una parte vera di me stessa”.

SIMBOLI – ARCHETIPI – FANTASMI – INTERAZIONE ANALITICA

Sogno di essere in ufficio, ma la “scrivania” in realtà è un tavolone che accoglie nei due lati almeno 6-8 persone.”

Ansiosa si trova in ufficio, ma vola verso la casa e la società. La “scrivania” attesta simbolicamente del lavoro, ma il “tavolone” rievoca la compagnia della famiglia o dell’osteria, gente allegra e affetti conviviali. Ansiosa rielabora la sua attualità psichica e presenta due dimensioni della socializzazione, i colleghi d’ufficio e i compagni del disimpegno.

Tutte le postazioni, e non solo quelle del tavolone, sono prive di computer e la cosa mi stupisce non poco.”

L’assenza del “computer” attesta simbolicamente del desiderio di abbassare la soglia della vigilanza e di lasciarsi andare alle emozioni, operazione che per Ansiosa è problematica dal momento che si “stupisce non poco”. Lo “stupore” condensa la variazione dello stato di coscienza in linea con il desiderio e la realtà. Abbasso la ragione e viva l’emozione!

Vedo che il computer è sotto il tavolo, lo metto nella mia postazione, ma è un computer antiquato con pochissime funzioni e inadatto a finire il lavoro che devo fare.”

Ansiosa è cosciente che l’attività razionale è declassata e il livello della vigilanza della coscienza è ridotto nella sua normale soglia, “Vedo che il computer è sotto il tavolo”, ma Ansiosa è testarda nel voler controllare se stessa e il mondo che la circonda, “lo metto nella mia postazione”. Senza ragione si sente mutilata e, pertanto, ripristina il suo equilibrio psicofisico rimettendo la ragione nel suo posto, per poi prendere coscienza che le sue modalità logiche non sono in linea con se stessa e con i tempi: un computer antiquato con pochissime funzioni”. Oltretutto, nelle relazioni sociali le categorie mentali e le abilità relazionali, nonché l’adattamento legato all’intelligenza operativa, sono deficitarie.

Cerco negli altri uffici che sono dislocati in una grande costruzione con particolari di bel design inusuale per un luogo dove si girano scartoffie!”

Come si concilia la modernità e il nuovo con l’antico e il vecchio?

E’ questo il dilemma di Ansiosa. Il sogno attesta di una consapevolezza nel vivere il conflitto tra il suo nuovo evolutivo, adattato alla emergenze sociali e relazionali, e la sicurezza protettiva della tradizione e dell’antico. Ansiosa sa essere del mondo a cui appartiene, “uffici che sono dislocati in una grande costruzione con particolari di bel design inusuale”, ma nota la contraddizione tra il suo presente e il suo bisogno di passato “dove si girano scartoffie!” Ansiosa è “ansiosa” nel suo fingersi moderna e sofisticata, in linea con i tempi e le sofisticherie del caso. Ansiosa vive con gli altri, ma non vive come sente di essere dentro.

Girando per questi spazi incontro un collega al quale nella realtà non rivolgo la parola da più di 16 anni;”

Ansiosa è la viandante di se stessa e della sua conflittualità tra senso e ragione, tra emozione e vigilanza della ragione. Visita i suoi “spazi” relazionale e ricorda un “collega” in passato apparentemente asettico e indifferente, un uomo e un maschio diventati simboli da cui Ansiosa si difende da tempo. La “parola” rappresenta simbolicamente la vita e l’energia della “libido” prima di commutarsi nella realtà di un investimento e di un affetto. Ansiosa per paura non investiva sui maschi ed era una donna formale e controllata. La “regressione” onirica consente la rivisitazione del passato per migliorare al presente la presa di coscienza su se stessa, la “coscienza di sé”.

lui mi segue, io scappo, corro, lui mi rincorre ridendo e io faccio di tutto per sfuggirgli, ma fatico a distaccarlo….”

Quante acrobazie per difendersi dall’attrazione libidica verso il maschio e da

un uomo non certo indifferente nell’interiorità della protagonista!

Quanta psicodinamica per un “lui” da parte di un “io faccio di tutto per…”!

Ansiosa le prova tutte per difendersi in maniera ambivalente, si fa seguire per scappare, corre per farsi rincorrere. Tutto questo trambusto “ridendo”, inscenando una schermaglia seduttiva in attesa del coito, istruendo un’eccitante seduzione in attesa dell’abbandono al maschio e all’orgasmo. La sequenza dei verbi evidenzia la simbologia della psicodinamica della seduzione e e del trasporto dei sensi. Meno male che Ansiosa fa “fatica a distaccarlo” e a negare le sue emozioni profonde di ordine psicofisico.

nella corsa mi trovo in uno spazio aperto tra piante e rocce e quel luogo è pieno di animali che nel mio territorio non esistono:”

Ecco che si evidenzia la difesa dagli istinti e dalla sessualità!

Ansiosa è in contatto con il suo corpo e la sua mente e non può negare a se stessa di essere una donna che ha sensibilità erotica e a cui piacciono gli uomini. Lo “spazio aperto” rappresenta la caduta delle “resistenze”, le naturali difese a prendere coscienza della disposizione all’altro e all’altro da sé, alle novità apportate dagli stranieri e dai diversi, quelli che sembrano tali, ma che in effetti sono sconosciuti in casa propria, quegli “animali”, quelle pulsioni erotiche e sessuali che nella sua adolescenza erano “tabù”, i “verboten” dell’ambiente familiare e culturale. Il simbolo “animale” rappresenta il vivente nei livelli neurovegetativi. Ansiosa s’imbatte nel suo mondo istintivo e pulsionale, regredisce beneficamente alla sua formazione adolescenziale quando sentiva il corpo e i suoi diritti, ma ci ragionava sopra e dominava gli istinti e le passioni giovanili reprimendo la realtà psicofisica in atto: la difesa e l’illusione si condensa in nel mio territorio non esistono”.

scimmie di cui una più grande di un uomo e tutta nera…. lucertole mai viste…”

Ecco i “maschi” degenerati in “scimmie”, l’antenato meno nobile e scandaloso dell’uomo, simbolicamente la parte naturale neurovegetativa!

La scimmia “tutta nera” evoca angosce infantili e richiama paure profonde legate alle favole sull’uomo nero, un minaccioso condensato di terrore e un’infausta invenzione degli adulti contro i bambini. Le “lucertole” sono chiari simboli fallici a testimonianza della pudicizia innaturale ed eccessiva di Ansiosa nei confronti dell’organo sessuale maschile, bestioline mai viste” ma a suo tempo desiderate, dal momento che appartengono alla realtà di tutti i giorni e di tutte le storie di sesso e d’amore.

Questo è quanto dovuto ad Ansiosa.

PSICODINAMICA

La “psicodinamica” del sogno di Ansiosa si attesta nel conflitto tra la funzione razionale dell’Io e la funzione pulsionale dell’Es, nello specifico la sessualità.

ISTANZE E POSIZIONI PSICHICHE

Sono presenti le “istanze” “Io” ed “Es”. Non compare il “Super-Io”.

La “posizione” psichica richiamata è la “genitale”.

MECCANISMI E PROCESSI PSICHICI DI DIFESA

I “meccanismi” psichici di difesa presenti sono la “condensazione” in “computer”, lo “spostamento” in “lucertola”, la “drammatizzazione” in “segue, scappo, corro”.

Il “processo” psichico della “regressione” riguarda lo svolgimento del sogno.

ORGANIZZAZIONE PSICHICA REATTIVA

La “organizzazione psichica reattiva” evidenzia un valido tratto isterico.

FIGURE RETORICHE

La “figure retoriche” in atto nel sogno di Ansiosa sono la “metafora” in “lucertola”, la “metonimia” in “scrivania”, la “enfasi” in “segue, scappo, corro”.

DIAGNOSI

La “diagnosi” impone di rilevare il conflitto nevrotico tra la funzione vigilante dell’Io e le pulsioni sessuali dell’Es.

PROGNOSI

La “prognosi” esorta Ansiosa a prendere coscienza dei diritti del suo corpo e dei diritti della sua mente. Nello specifico, il momento dell’abbandono erotico e sessuale non deve subire interferenze da parte dei tabù e delle prescrizioni morali.

RISCHIO PSICOPATOLOGICO

Il “rischio psicopatologico” si attesta nella conversione somatica delle pulsioni sessuali frustrate: psiconevrosi istero-fobica.

GRADO DI PUREZZA ONIRICA

In base a quanto affermato nella decodificazione e in base al contenuto dei “simboli” e dei “fantasmi”, il grado di “purezza onirica” del sogno di Ansiosa è “3” secondo la scala che vuole “1” il massimo dell’ibridismo, “processo secondario>processo primario”, e “5” il massimo della purezza, “processo primario>processo secondario”.

RESTO DIURNO

Il sogno di Ansiosa è stato scatenato da una riflessione o da un ricordo.

QUALITA’ ONIRICA

La “qualità onirica” è autoreferenziale.

RIFLESSIONI METODOLOGICHE

Come anticipato nelle “Considerazioni”, il sogno di Ansiosa permette un giusto approfondimento sulla “Parola”, un gioco di parole sulle parole, sui valori del “significato” e del “significante”.

L’Inconscio parla.

L’Inconscio è strutturato come un Linguaggio.”

Jacques Lacan

INTRODUZIONE DI PAROLE

In principio era il Verbo.

Non sia il “Tutto”purché “Parola” sia!

Insieme

e giustificati soltanto dal nostro Dire,

tu dici,

io dico,

egli dice parole,

tante parole,

nient’altro che parole,

forse per convincere il cuore,

forse per convincere il cuore con la ragione.

No!

Il cuore no!

Cosa dice il cuore?

Niente!

Il cuore tace,

tace e riposa su un letto di rosa.

Tutta la colpa è di Gorgia l’impostore.

Il merito scientifico è di Chomsky.

Wittgenstein specula sulle parole.

Zanzotto scrive poesie di parole.

Lacan è incomprensibile con le sue parole.

E tu?

Tu voluttuosamente esageri con nuvole soffici

e con turbini uncinati di parole.

Non capisco.

Non capisco!

Cosa c’è da capire?

Vuoi capire?

C’è soltanto da sentire.

Hai sentito la musica delle parole?

Hai sentito la musica nelle parole?

Bene,

adesso può bastare

e allora… arrivederci.

Ci vediamo domani alla stessa ora nello stesso posto.

Un “aufidersen” italiano risuona in stereofonia:

a-u-f-i-d-e-r-s-e-n.

L’eco risuona lontano nelle verdi vallate altoatesine

in mezzo a pingui mucche color lillà:

a-u-f-i-d-e-r-s-e-n n n n n n n n n n n.

Mi hai sentito?

Sì.

Se hai anche capito,

tutto va bene,

okay,

ma nel caso contrario sono solo affari tuoi.

Rien ne va plus.”

Il vero Linguaggio è stato dimenticato.

Ohhh…, poveri noi!

Ahimè!

Il vero Linguaggio è stato dimenticato.

Quale Linguaggio?

Quello di oggi o quello di ieri?

Ho sentito sulla pelle un Linguaggio dimenticato.

Orsù,

coraggio,

domani ci sarà un altro Linguaggio da inventare e da non dimenticare.

Domani finalmente sentiremo un nuovo Logos nel nuovo Linguaggio.

E’ come se per “alba pratalia”

tu tracciassi un’intera pagina di aste

I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I

e declamassi un’elegia per un solo trattino

o per un’intera famiglia di trattini

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – .

Sai,

è come se io sapessi dare di me e intorno a me

nuovi sensi e arcani significati a tutti gli altri.

La suora in asilo battezza i segni per i bambini,

individua i suoni e chiama le cose dicendo parole,

suggellando parole in scritture.

Il professore di latino in cattedra recita hic, haec, hoc e is, ea, id

dicendo parole e scavando sensi nelle parole.

E io,

io infante,

io bambino senza parole,

io mi perdo per “alba pratalia”

e traccio tante aste

I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I I

e tanti trattini

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

e per l’avido Paperon de Paperoni

traccio un dollaro

$,

alcuni dollari

$ $ $ $ $ ,

non solo cinque,

5,

ma tanti altri $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $,

tantissimi $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $ $

e per gli italiani nostalgici della lira,

traccio una lira,

£,

alcune lire

£ £ £ £ £ £,

non solo sei,

6,

ma tante altre £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £,

tantissime £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £ £.

A ognuno il suo $ e la sua £,

a ognuno le sue parole,

ma soltanto quelle che merita.

E adesso che tutto è sistemato e ogni cosa è al suo posto,

dopo aver scritto per “ alba pratalia”,

i bambini,

tutti i bambini,

proprio tutti,

vanno subito a letto e senza cena.

Pieve di Soligo, mese di Gennaio dell’anno 1997

Salvatore Vallone

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.